Inoltre

Braxton Bragg

Braxton Bragg

Braxton Bragg era un comandante senior dell'esercito confederato durante la guerra civile americana. Bragg divenne un comandante molto controverso e furono fatti tentativi per rimuoverlo dai suoi comandi. Molti hanno trovato Bragg irascibile, scortese e incapace di dare consigli. I sostenitori di Bragg hanno discusso dall'altra parte - che se sembrava essere simile ai suoi subordinati era a causa della loro incompetenza. Ad ogni modo, Braxton Bragg doveva rimanere un controverso comandante dell'esercito per la durata della guerra civile americana.

Bragg è nato il 22 marzoND 1817 nella Carolina del Nord. Suo padre, Thomas, sarebbe diventato il procuratore generale confederato una volta che Jefferson Davis avesse annunciato la secessione del Sud dall'Unione. L'infanzia di Bragg fu intrisa delle tradizioni del Sud e, come molti del suo passato, si unì alla West Point Military Academy dove si laureò nel 1837. Bragg si unì all'artiglieria americana.

Bragg ha combattuto con distinzione durante numerose campagne, principalmente nella guerra contro il Messico. Nel 1847, Bragg era un tenente colonnello con la reputazione di ufficiale che richiedeva una disciplina totale dai suoi uomini. Chiaramente alcuni sotto il suo comando credevano che questa disciplina fosse troppo eccessiva in quanto si afferma che i suoi uomini hanno cercato di uccidere Bragg in due occasioni, incluso un tentativo di farlo esplodere con un proiettile esplosivo sotto il suo letto. Il suo ufficiale comandante una volta si lamentò con Bragg di aver litigato con tutti gli ufficiali che aveva incontrato nell'esercito. Può darsi che Bragg accettasse che la sua popolarità non era ciò che gli sarebbe piaciuto e questo avrebbe potuto giustificare le sue dimissioni dall'esercito americano nel gennaio 1856. Bragg rilevò una piantagione di zucchero in Louisiana, dove prestò servizio anche nella milizia statale.

Quando scoppiò la guerra civile americana, Bragg fu nominato colonnello brigadiere nell'esercito confederato. A settembre era un grande generale e il mese seguente divenne comandante dell'esercito di Pensacola. I suoi uomini subirono lo stesso addestramento che Bragg aveva usato sui suoi uomini nei vent'anni in cui aveva prestato servizio nell'esercito degli Stati Uniti, con la disciplina al centro di tutto.

I suoi uomini combatterono nella battaglia di Shiloh e nell'aprile 1862, Bragg fu promosso a pieno titolo. Durante l'intera guerra civile americana, solo sette uomini dovevano ricoprire questo grado nell'esercito confederato. Gli fu dato il comando dell'esercito del Mississippi e nel giugno 1862 fu nominato comandante dell'esercito del Tennessee.

Bragg ha riscontrato un grande successo nella sua campagna nel Kentucky. Centrò il suo esercito su Chattanooga e assicurò che un governatore confederato fosse nominato governatore dello stato. Gli uomini di Bragg catturarono oltre 4.000 truppe dell'Unione a Munfordville e sconfissero un esercito dell'Unione a Perryville l'8 ottobreesimo 1862. Il governo confederato di Richmond fu felice del suo successo e invitò Bragg a costruirlo. Bragg accettò di farlo e poi ritirò i suoi uomini. Ciò causò grande costernazione nella capitale confederata, ma Bragg aveva le sue ragioni per farlo. In vari altri teatri della guerra, le forze confederate non stavano andando così bene, incluso il fallimento di Robert E Lee nel Maryland. Credeva che un'ulteriore penetrazione nel Kentucky avrebbe tenuto i suoi uomini ancora più lontani da eventi importanti e che il suo esercito sarebbe stato ulteriormente isolato. Pertanto, ha spostato l'esercito del Tennessee più vicino "all'azione" in modo che i suoi uomini altamente addestrati potessero fungere da supporto ad altri eserciti confederati, se necessario.

L'Armata del Tennessee combatté nella Battaglia del fiume Stones. Dopo aver quasi sconfitto l'esercito dell'Unione, Bragg scelse di nuovo di ritirare i suoi uomini piuttosto che spingere per la vittoria. Dopo questa battaglia, Bragg ha scoperto che coloro che lo avevano precedentemente sostenuto, ora si sono rivoltati contro di lui - al governo, nell'esercito e nei media confederati. Jefferson Davis pensò di rimuovere Brag dalla sua posizione, ma scoprì che i suoi uomini erano di buon umore e che il morale dell'Esercito del Tennessee era alto. Davis decise che questo era molto più importante per la causa confederata e che poteva essere irrevocabilmente danneggiato se avesse licenziato Bragg dall'esercito del Tennessee.

Tuttavia, il sostegno del leader confederato non rimandò i detrattori di Bragg. Mantennero una campagna contro di lui sul campo di battaglia dove non riuscirono a eseguire i suoi ordini. Uno dei suoi principali avversari era Leonidas Polk, un generale subordinato dell'Armata del Tennessee. Polk si rifiutò di eseguire gli ordini di Bragg durante una campagna per proteggere la Georgia quando si rifiutò di attaccare una forza federale nonostante fosse più numerosa. Polk sosteneva di aver bisogno di più uomini per rendere efficace qualsiasi attacco. Quando furono inviati più uomini per sostenere Polk, l'esercito del Tennessee combatté l'esercito del generale William Rosecran nella battaglia di Chickamauga. Fu la più grande vittoria confederata nel teatro di guerra occidentale e portò alla ritirata dell'esercito di Rosecran. Il rifiuto di Polk di eseguire gli ordini iniziali di Bragg giocò ironicamente nelle mani di Bragg che ricevette grandi elogi a Richmond per questa vittoria. Ha anche permesso a Bragg di rimuovere dal loro comando coloro che credeva avessero cercato di minarlo: Polk era in cima alla sua lista. Tuttavia, i detrattori di Bragg non erano finiti. Hanno presentato una petizione a Davis per quanto riguarda il suo comando e hanno chiesto la sua rimozione dall'esercito del Tennessee. Hanno usato come arma principale l'incapacità di Bragg di dare seguito al suo successo a Chickamauga e hanno sostenuto che Bragg aveva effettivamente lasciato "fuori dai guai" Rosecran. La situazione era considerata così potenzialmente dannosa, che Jefferson Davis lasciò Richmond per recarsi a Chattanooga per valutare cosa stava succedendo. Bragg si offrì di dimettersi ma Davis si rifiutò di accettarlo e si rivolse invece alla critica di Bragg.

Il successivo coinvolgimento militare di Bragg fu nella battaglia di Chattanooga nel novembre 1863. Qui, la forza confederata sfuggì alla distruzione totale e il crollo della forza confederata intorno a Chattanooga incoraggiò il generale William Sherman nella sua campagna di Atlanta e il suo viaggio attraverso la Georgia. Dopo il crollo dell'esercito confederato attorno a Chattanooga, Bragg si dimise e Davis lo accettò.

In quelli che dovevano essere gli ultimi mesi della guerra civile americana, Bragg era ufficiosamente consigliere militare del governo di Jefferson Davis. Aiutò a difendere la Carolina del Sud e del Nord, ma nel gennaio 1865 fu chiaro che il Sud aveva perso la guerra civile americana, anche se la guerra sarebbe continuata per altri tre mesi. Bragg accompagnò Davis quando fuggì da Richmond.

Dopo la guerra civile americana, Bragg lavorò per l'acquedotto di New Orleans e in seguito divenne ingegnere capo per l'Alabama. Successivamente, si trasferì in Texas, dove era un ispettore della ferrovia.

Braxton Bragg è morto il 27 settembreesimo 1876

Post correlati

  • Battaglia di Chickamauga

    La battaglia di Chickamauga fu combattuta tra il 19 settembre e il 20 settembre 1863. Chickamauga fu una grande vittoria per l'esercito del generale confederato Braxton ...

  • Guerra civile americana, dicembre 1863

    Gli eserciti su entrambi i lati della guerra civile americana furono effettivamente arrestati dal tempo. L'impatto sui soldati in ...

Guarda il video: Everything You Know About Braxton Bragg Is Wrong (Settembre 2020).