Podcast di storia

Sala delle Colonne, Mitla

Sala delle Colonne, Mitla


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


File: Mitla, Gruppo delle Colonne, Palazzo delle Colonne (20064199284).jpg

Mitla è un importante sito archeologico della cultura zapoteca e il secondo sito archeologico più importante nello stato di Oaxaca in Messico. Il sito si trova nell'estremità superiore della valle di Tlacolula. Mentre Monte Albán era più importante come centro politico, Mitla era il principale centro religioso. Mitla è unico tra i siti mesoamericani per i suoi elaborati e intricati mosaici traforati e disegni geometrici che coprono tombe, pannelli, fregi e persino intere pareti. Questi mosaici sono realizzati con piccoli pezzi di pietra finemente tagliati e levigati che sono stati montati insieme senza l'uso di malta. Nessun altro sito in Messico ha questo.

Il nome Mitla deriva dal nome Nahuatl Mictlán, che era il luogo dei morti o degli inferi. Il suo nome zapoteco è Lyobaa, che significa "luogo di riposo". Il nome Mictlán fu ispanicizzato in Mitla dagli spagnoli.

Mitla è uno dei tanti siti archeologici ben conservati della Valle di Oaxaca, colonizzata dagli Zapotechi che nel corso dei secoli hanno sviluppato una società gerarchica governata da re e nobili. Mentre la valle era relativamente isolata, gli Zapotechi ebbero contatti con altri popoli mesoamericani. Quando arrivarono gli spagnoli, lo stato zapoteco aveva una popolazione di oltre 500.000 abitanti, sofisticate tecniche di costruzione, un sistema di scrittura, due sistemi di calendari e un'agricoltura che includeva la coltivazione di mais, fagioli, zucca e peperoncino, utilizzando l'irrigazione e terrazze in le montagne per coltivare cibo per una popolazione prevalentemente urbana.

Mitla stessa fu abitata almeno dal periodo classico (100-650 d.C.) e forse già dal 900 a.C. Nasce come borgo fortificato ai margini della vallata, divenendo in seguito il principale centro religioso della zona. I Mixtechi presero il controllo dell'area intorno al 1000 d.C., anche se l'area rimase popolata dagli Zapotechi. La città raggiunse la sua altezza e le sue dimensioni maggiori tra il 750 e il 1521, con influenze sia zapoteche che mixteche nella sua architettura durante quel periodo. Mitla è uno dei siti precolombiani che rappresentano la credenza mesoamericana che la morte fosse la parte più consequenziale della vita dopo la nascita. È stato costruito come una porta tra il mondo dei vivi e il mondo dei morti. Il sommo sacerdote, chiamato l'Uija-tào, risiedeva a Mitla. I nobili sepolti a Mitla erano destinati a diventare "persone delle nuvole" che avrebbero intercedeto per conto della popolazione sottostante.

Invece di essere un gruppo di piramidi su una collina, come a Monte Albán, Mitla è un gruppo di costruzioni costruite sul fondovalle, e manca delle ampie e lontane vedute del Monte Alban. L'architettura è più orientata al comfort dei residenti che alla magnificenza. La costruzione di Mitla come centro cerimoniale iniziò nell'850 e la città era ancora in fase di espansione quando arrivarono gli spagnoli e la distrussero. Il gruppo di edifici più antico è stato datato tra il 450 e il 700 d.C. e mostra caratteristiche architettoniche simili a quelle trovate nel precedente Monte Alban. Mitla è uno dei pochi siti che hanno avuto origine nel periodo classico. Il sito rappresenta l'architettura più sviluppata degli Zapotechi ed è il prodotto del sincretismo delle caratteristiche del design Mixtec e Zapotec che raggiunse il suo apice nel 1200.

Oggi il sito archeologico è costituito da cinque gruppi di edifici con una recinzione di piante di cactus che ne circondano gran parte. I cinque gruppi di costruzioni sono chiamati Gruppo Sud, Gruppo Adobe, Gruppo Arroyo, Gruppo Colonne o Palazzo e Gruppo Chiesa o Gruppo Nord. Tutti gli edifici dei gruppi sono allineati con le direzioni cardinali. Il Gruppo Sud e il Gruppo Adobe sono stati classificati come centri cerimoniali con piazze centrali circondate da strutture a tumulo. Il Sud, le Colonne e i Gruppi ecclesiali sono stati classificati come palazzi con stanze che circondano cortili quadrati. I due gruppi meglio conservati sono il gruppo delle colonne e il gruppo della chiesa, entrambi all'estremità nord del sito, ed entrambi sono costituiti da cortili rettangolari circondati da edifici rettangolari a un piano con stanze lunghe e strette.

Il Gruppo delle Colonne ha due ingressi verso l'esterno rivolti a sud. La sala d'ingresso contiene immense colonne che sostengono il tetto. La parete nord ha una piccola apertura di fronte al patio, presumibilmente per entrare nell'aldilà. L'edificio principale è chiamato il Palazzo o la Grande Sala delle Colonne. Misura 36,6 per 6,4 me ha sei colonne di pietra vulcanica che un tempo sostenevano il tetto. Dopo aver attraversato un piccolo corridoio, si accede al cortile, che è finemente decorato con mosaici traforati e disegni geometrici. Gli edifici nord e est del gruppo hanno tombe elaborate dove furono sepolti sommi sacerdoti e sovrani zapotechi. Di fronte alle scale dell'edificio nord si trova una tomba a forma di croce con un'anticamera. Il soffitto ha grandi travi in ​​pietra e le pareti sono decorate con tavolette e trafori in pietra. L'edificio orientale è caratterizzato da una colonna monolitica in pietra che sorregge il tetto.


Il primo edificio in questa posizione fu costruito nei primi anni del 1770 e originariamente apparteneva al governatore generale di Mosca Vasily Dolgorukov-Krymsky. Nel 1784 fu acquistato dall'Assemblea della nobiltà di Mosca (Благородное собрание) per servire come sede del ballo per la nobiltà russa.

Sala dei pilastri Modifica

Tra il 1784 e il 1787 l'edificio originale fu ridisegnato e ricostruito dall'architetto russo Matvey Kazakov. In particolare, Kazakov ha aggiunto il monumentale Sala dei Pilastri (Колонный зал) al posto del cortile interno dell'edificio. [2] La sala prende il nome da 28 colonne corinzie interne, tutte in legno con finitura in finto marmo bianco.

Nel 1860 la Russian Musical Society iniziò una tradizione di concerti sinfonici nella Pillar Hall. Il loro organizzatore e direttore era Nikolai Rubinstein.

Oggi l'aspetto dell'edificio è ancora molto vicino all'originale di Kazakov, nonostante i numerosi rimaneggiamenti esterni (l'ultimo dei quali è stato realizzato nel 1903-1908).

Altre sale Modifica

Oltre alla Sala dei Pilastri, l'edificio ospita diversi altri grandi ambienti come il Sala d'Ottobre, Sala n. 1 (il Sala Rotonda), Sala n. 2 (il Sala del banchetto), e numerose lobby. [1]

Dopo la Rivoluzione d'Ottobre l'edificio fu assegnato al Consiglio dei sindacati di Mosca, da cui il nome attuale. [1]

Durante i decenni sovietici è servito principalmente come luogo per importanti eventi statali, ovvero ospita i congressi e le conferenze del Partito Comunista e le cerimonie di premiazione governative, e anche come piattaforma di concerti per spettacoli di musica classica e popolare, compresi quelli di Emil Gilels, Gennady Rozhdestvensky, Klavdiya Shulzhenko e Lev Leshchenko.

Il suo significato politico si estendeva ai servizi funebri di stato per alti funzionari e leader. Vladimir Lenin, Joseph Stalin, Leonid Brezhnev, Konstantin Chernenko, Yuri Andropov e Mikhail Suslov avevano tutti una menzogna nella Sala delle Colonne prima della loro sepoltura nella necropoli del muro del Cremlino sulla Piazza Rossa. [2]

La Casa dei sindacati fu anche teatro dei famigerati processi di Mosca del 1931 (processo menscevico), 1936, 1937 e 1938. [3]


La Grande Sala delle Colonne nel gruppo Colonne

Il tuo account Easy-access (EZA) consente agli utenti della tua organizzazione di scaricare contenuti per i seguenti usi:

  • test
  • Campioni
  • Compositi
  • layout
  • Tagli grezzi
  • Modifiche preliminari

Sostituisce la licenza composita online standard per immagini fisse e video sul sito Web di Getty Images. L'account EZA non è una licenza. Per finalizzare il tuo progetto con il materiale scaricato dal tuo account EZA, devi ottenere una licenza. Senza una licenza, non possono essere fatti ulteriori usi, come ad esempio:

  • presentazioni di focus group
  • presentazioni esterne
  • materiali finali distribuiti all'interno della tua organizzazione
  • qualsiasi materiale distribuito al di fuori della tua organizzazione
  • qualsiasi materiale distribuito al pubblico (come pubblicità, marketing)

Poiché le raccolte vengono continuamente aggiornate, Getty Images non può garantire che un particolare articolo sarà disponibile fino al momento della concessione della licenza. Esamina attentamente le eventuali restrizioni che accompagnano il Materiale concesso in licenza sul sito Web di Getty Images e contatta il tuo rappresentante Getty Images in caso di domande su di esse. Il tuo account EZA rimarrà attivo per un anno. Il tuo rappresentante Getty Images discuterà con te un rinnovo.

Facendo clic sul pulsante Download, accetti la responsabilità dell'utilizzo di contenuti non rilasciati (incluso l'ottenimento di eventuali autorizzazioni necessarie per il tuo utilizzo) e accetti di rispettare eventuali restrizioni.


Municipio di Acushnet

In una colonna precedente, abbiamo visitato il memoriale dell'11 settembre situato accanto al municipio di Acushnet. (È stato allora che abbiamo pensato all'idea di fare un tour del municipio per una futura colonna.) Acushnet fu fondata per la prima volta nel 1659 come parte di Dartmouth, ma divenne una città propria nel 1860.

Presumibilmente la maggioranza della popolazione si trova lungo la linea di New Bedford nell'angolo sud-ovest della città, vicino al municipio. C'è una vecchia mitragliatrice A BAT-51 presente sul prato davanti come parte di un monumento ai veterani.

Non per far esplodere nessuno, ma ho faticato a scoprire la storia specifica di questo municipio. Ho fatto diverse chiamate alla Commissione Storica e al Museo della Lunga Pianura.

Ho scoperto che il municipio è stato costruito nel 1914. C'è una casa di riunione, al 1341 di Main Street, che in origine era una Quaker Meeting House costruita nel 1759, ed è la più antica chiesa nel sud-est del Massachusetts. La commissione storica si trasferì nello spazio nel 1985.

Abbiamo esplorato un po' la zona prima di dirigerci verso il municipio successivo.


Persepoli, Sala delle 100 Colonne

Persepoli (Antico persiano Pârsa, moderno Takht-e Jamshid): nome greco di una delle capitali dell'antico impero achemenide, fondata dal re Dario il Grande (r.522-486 a.C.). C'erano diversi siti satellite, Naqš-e Rustam e Takht-e Rustam.

Sala delle Cento Colonne

Secondo l'iscrizione nota come A1Pb, la costruzione della Sala delle Cento Colonne a Persepoli (mappa 8) fu iniziata dal re achemenide Serse (r.486-465) l'edificio fu terminato da suo figlio e successore Artaserse I Makrocheir (r.465-424). Questa sala del trono era il secondo edificio più grande di Persepoli, misurando 68,50 x 68,50 metri.

In un momento imprecisato la sua funzione fu cambiata e divenne un magazzino, probabilmente perché il Tesoro era diventato troppo piccolo per contenere tutti i tesori che erano stati accumulati a Persepoli. Tuttavia, potrebbe essere stata prevista una nuova funzione, perché Artaserse III Ochus stava costruendo una nuova strada e una nuova porta per il palazzo, suggerendo che la Sala delle Cento Colonne potesse essere utilizzata per le udienze.

L'ingresso era a nord, dove un portico era decorato da due grandi tori. Gli stessi ingressi - due su ciascuno dei quattro lati dell'edificio quadrato - erano decorati con i consueti motivi: scene di pubblico, scene di trono e "guerrieri reali" che combattono contro animali selvatici.

La Sala delle Cento Colonne ha esattamente le stesse dimensioni dell'Odeon di Pericle ad Atene. La probabile spiegazione è che la Sala abbia sostituito il padiglione reale, una grande tenda, che fu dopo la battaglia di Platea (479 a.C.) sequestrata dagli Ateniesi, che la usarono come auditorio. Alla fine, il padiglione fu sostituito in entrambi i luoghi da una struttura più permanente in pietra.

Persepolis, Sala delle 100 colonne, Porta nordoccidentale, Bull

Persepolis, Sala delle 100 colonne, Porta nordoccidentale, Bull

Persepoli, Sala delle 100 Colonne, Capitello toro

Persepoli, Sala delle 100 Colonne, "Guerriero Reale"

Persepoli, Sala delle 100 Colonne, Porta Sud-Ovest

Persepolis, Sala delle 100 colonne, Porta sud-ovest, Rilievo di un pubblico


Colonna

I nostri redattori esamineranno ciò che hai inviato e determineranno se rivedere l'articolo.

colonna, in architettura, un elemento verticale, solitamente un fusto arrotondato con capitello e base, che nella maggior parte dei casi funge da sostegno. Una colonna può anche essere non strutturale, utilizzata per scopi decorativi o come monumento indipendente.

Nel campo della progettazione architettonica una colonna viene utilizzata sia per la decorazione che per il supporto. L'architettura classica greca e romana faceva uso di cinque ordini principali (o stili) di colonne, scolpite da blocchi singoli o create da pile di massicci blocchi di pietra. Nell'antico Egitto e nel Medio Oriente le colonne, generalmente di grandi dimensioni e circolari, venivano utilizzate con grande effetto per decorare e sostenere strutture massicce, soprattutto in assenza di archi. Nell'architettura orientale, le colonne tendono ad essere di forma semplice ma riccamente decorate. Gli artigiani dell'epoca gotica e romanica, usavano le basi e i capitelli delle colonne portanti in pietra come spazi per intricati intagli. I disegni barocchi presentavano spesso colonne di marmo sinuosamente scolpite. Le colonne moderne tendono ad essere realizzate in ferro, acciaio o cemento e sono progettate semplicemente.

Le colonne possono essere di forma rettangolare, circolare o poligonale, possono essere rastremate verso l'alto o avere un diametro uniforme. Una colonna impegnata, attaccata o incastonata è quella che è costruita in un muro e sporge solo parzialmente da esso questo tipo di colonna è venuto a servire uno scopo decorativo piuttosto che strutturale nel pilastro romano. Un cluster o una colonna composta è un gruppo di colonne collegate tra loro per formare una singola unità. Una colonna rostrale è un pilastro decorato con la prua di una nave, o rostro, che funge da monumento navale.


Storia della radio WSB: Informazioni

WSB Radio, la prima stazione radiofonica a trasmettere nella città di Atlanta, "nasce" il 15 marzo 1922, quando va in onda per la prima volta con una potenza di 100 watt. La stazione era originariamente di proprietà di The Atlanta Journal e trasmetteva da uno studio improvvisato al quinto piano dell'edificio The Journal in Forsyth Street nel centro di Atlanta. Nel 1925 la stazione si trasferì in un alloggio più spazioso all'ultimo piano del Biltmore Hotel, dove rimase per i successivi trent'anni. Sia The Journal che WSB sono stati acquistati dal governatore James M. Cox dell'Ohio nel 1939 WSB è ancora una proprietà di Cox Broadcasting Corporation, che è stata costituita quando le operazioni di Cox sono state riorganizzate nel 1964. Dalla fine del 1955 fino al 1998, gli uffici e gli studi di WSB Radio (e WSB TV) si trovavano a White Columns in Peachtree Street. Nel giugno 1998, WSB Radio si trasferì in una nuova struttura all'incrocio tra Beverly Road e Peachtree Street, portando con sé quattro colonne di White Columns e collocando le colonne storiche nel giardino posteriore dei nuovi edifici.

Acclamata come la "Voce del Sud", WSB Radio è stata un pioniere innovativo della radio. Con le sue numerose pratiche rivoluzionarie, dall'essere la prima stazione radio a utilizzare uno slogan alla trasmissione di una traduzione spagnola dei programmi "Voice of America" ​​a Cuba durante la crisi missilistica cubana, WSB è sempre rimasta all'avanguardia e, cosa più importante, rilevante. La sua presenza continua a farsi sentire nella città di Atlanta, in tutta la nazione e in tutto il mondo. In questa guida imparerai la lunga storia di WSB Radio e incontrerai le persone che l'hanno resa grande. Questa guida documenta la storia di WSB Radio dal 1922 ad oggi.

Mike Kavanagh, era un conduttore di notizie e un talk show al WSB. Kavanagh ha ideato e mantenuto il sito web originale della storia della WSB, svolgendo gran parte delle sue ricerche qui alla Georgia State University. Era un membro fondatore del consiglio di amministrazione della Georgia Radio Hall of Fame e prima della sua morte nel 2008, ha chiesto che il sito web fosse trasferito all'organizzazione per la manutenzione. All'inizio del 2012, la Georgia Radio Hall of Fame ha affidato il sito Web e il suo contenuto storico alle collezioni speciali e agli archivi della Georgia State University per la conservazione, la continuità e l'accesso.


Colonne del Campidoglio Nazionale

Uno dei punti di riferimento più notevoli e insoliti di Washington sono le colonne del Campidoglio nazionale. La maestosa permanenza delle colonne corinzie e l'accurata collocazione su un poggio naturale nel Prato Ellisse fa sembrare che siano lì da molto tempo.

Queste colonne furono originariamente collocate nel Portico orientale del Campidoglio nel 1828. Estratte dall'arenaria vicino ad Aquia Creek in Virginia, furono trasportate a Washington nei primi giorni del nostro paese prima che la familiare cupola del Campidoglio fosse completata. Il loro tempo al Campidoglio doveva essere limitato, tuttavia, a causa di una svista. La cupola del Campidoglio, completata nel 1864, appariva come se non fosse adeguatamente sorretta dalle colonne, perché la cupola in ferro che alla fine fu realizzata era notevolmente più grande di quella che il progettista aveva immaginato. Un'aggiunta al lato est del Campidoglio fu proposta per eliminare questa inquietante illusione, ma non fu costruita fino al 1958. Passò più tempo prima che le colonne arrivassero alla loro ultima dimora presso l'Arboreto Nazionale.

Non è stato fino agli anni '80 che la benefattrice di Arboretum Ethel Garrett ha intrapreso la causa di stabilire una casa permanente per loro. Il paesaggista Russell Page, un caro amico di Garrett, visitò l'Arboretum nel settembre del 1984, solo pochi mesi prima della sua morte. Trovò il sito perfetto per loro sul lato est dell'Ellisse, dove la grandezza delle colonne sarebbe stata in scala con gli oltre 20 acri di prato aperto.


Problemi con l'acustica

La stanza, tuttavia, aveva un famigerato difetto. La forma funzionava bene per proiettare il suono quando veniva emanato dal punto in cui sarebbe stato collocato un palco in un anfiteatro, ma nella Camera le voci risuonavano ed echeggiavano da tutte le parti della Camera mentre i membri seduti in tutta la stanza si rivolgevano alla Camera. Ogni rumore risuonava e le conversazioni che si svolgevano attraverso la stanza potevano essere ascoltate con allarmante chiarezza, ostacolando l'ordinato svolgimento degli affari. I tendaggi appesi nel colonnato arricchivano l'arredo, ma non risolvevano i problemi sonori. I banchi furono temporaneamente riorganizzati, spostando la tribuna dell'Oratore all'estremità arrotondata della stanza, ma senza successo. Questo, insieme alla necessità di spazio aggiuntivo, contribuì a motivare la costruzione di una nuova Camera nella ristrutturazione della Capitale del 1857. Aggiunte successive, tra cui un pavimento in marmo (1864-1865) e un soffitto ignifugo (1901), eliminarono la maggior parte degli echi, ma gli effetti acustici più strani possono ancora essere dimostrati oggi.


Guarda il video: Sala delle Colonne ottagonali via Ghibellina Firenze DALLA CINA ALLITALIA (Potrebbe 2022).


Commenti:

  1. Bradey

    È un peccato per me, che non posso aiutarti. Ma è sicuro che troverai la decisione corretta. Non disperate.

  2. Macalister

    Quali sono le parole corrette... Frase super, geniale



Scrivi un messaggio