Podcast di storia

Le strade pubbliche romane furono costruite da aziende private?

Le strade pubbliche romane furono costruite da aziende private?


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Secondo un ingegnere civile (video in spagnolo), la via Appia è stata costruita in concessione. Cioè, è stato costruito da una "società" privata, pagata dallo stato.

Sfortunatamente, Wikipedia non è chiaro su chi abbia costruito la via Appia. Indica solo chi l'ha "commissionato".

Più in generale, per quanto riguarda pubblico strade romane:

Il finanziamento della costruzione di strade era una responsabilità del governo romano. La manutenzione, tuttavia, era generalmente lasciata alla provincia. I funzionari incaricati della raccolta fondi erano i curatores viarum. Avevano diversi metodi a loro disposizione. Si potrebbe chiedere a privati ​​cittadini interessati alla strada di contribuire alla sua riparazione. Gli alti funzionari potrebbero distribuire la generosità da utilizzare per le strade. I censori, che erano responsabili della morale pubblica e dei lavori pubblici, dovevano finanziare le riparazioni suâ pecuniâ (con i propri soldi). Al di là di questi mezzi, erano richieste le tasse.

E:

Le strade romane prendevano il nome dal censore che ne aveva ordinato la costruzione o la ricostruzione.

Tutto questo però non dice chi costruito le strade.

Qualche esperto in materia?


Se la domanda è "i funzionari del governo romano hanno pagato individui, proprietari di schiavi e gruppi di lavoratori per costruire progetti di costruzione invece di utilizzare la manodopera diretta del governo?", la risposta è sì, come ogni altra opera di edilizia pubblica durante la repubblica romana, il principato e l'impero.

Se la domanda è "ha fatto qualcosa del genere Claudius & Sons Roadbuilding Inc. esisteva a quel tempo che veniva pagato per elaborare, organizzare ed eseguire questi progetti in nome del governo, con fondi governativi?", la risposta è no.

Se la domanda è "Un riccone si è pagato di tasca propria il primo tram della via Appia e il suo confinante acquedotto?" la risposta è sì, la via prende il nome da lui stesso, Appius Claudius. Tuttavia, non era una concessione né un lavoro ordinato dal governo, il senato non ebbe nemmeno il tempo di discutere se fosse necessario quando pose le prime pietre.

Lo pagava con i soldi concessi alla sua carica politica, il Censura, e denaro non propriamente di proprietà privata, ma era ancora suo da usare durante il suo "termineAncora più importante, nessuno gli ha impedito di farlo, la sua spesa iniziale per questo progetto gli ha dato il cognome "il cieco", non perché lo fosse, ma perché ha iniziato a investire su di esso senza sapere se Neapolis sarebbe diventata una colonia romana o meno alla fine.

Fonte: Gli scopi politici di Appio Claudio Cieco e Wikipedia.


Le strade romane erano in gran parte costruite dai militari, almeno le strade a lunga distanza tra regioni e città. Le legioni avevano squadre di lavoro e ingegneri civili a loro assegnati per tali lavori, così come per la costruzione di fortificazioni e tutto ciò di cui la legione avrebbe avuto bisogno (macchine d'assedio, chiatte, lo chiami, lo costruivano tutti secondo necessità dove necessario).

Nelle città probabilmente sarebbero i governi locali e i cittadini a pavimentare le strade secondo necessità e come potrebbero permetterselo.

(Fonte)


Guarda il video: Le strade romane (Potrebbe 2022).