Podcast di storia

C'era una nazione/stato che ne ha conquistate altre per raccogliere le forze e combattere contro un nemico ancora più grande?

C'era una nazione/stato che ne ha conquistate altre per raccogliere le forze e combattere contro un nemico ancora più grande?


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Sto scrivendo una storia di fantasia e fondamentalmente questo è il caso di uno dei regni lì: conquistare altri per diventare più potenti e combattere un'altra nazione. Sto facendo questa domanda per ottenere alcune prove storiche se potrebbe funzionare.

Cercherò di spiegare brevemente le circostanze:

C'è un gruppo di 6 piccoli regni (in un ambiente medievale in stile europeo) che condividono gran parte della loro cultura, poiché in passato erano un unico paese. Nella mia storia, una potente nazione straniera (chiamiamola P) sta diventando troppo pericolosa e ha il potenziale per battere tutti questi regni in una guerra (e andare anche oltre).

Il sovrano di uno di questi regni, che è una donna, pensa che l'unico modo per avere una possibilità contro P sia usare le forze di tutti e 6 i regni insieme. Dal momento che conosce tutti gli altri governanti e sa che probabilmente non funzioneranno efficacemente come gruppo o accetteranno di essere guidati da una donna, la sua decisione è di conquistare tutti i vicini e diventare il governatore centrale di tutti loro.

Naturalmente, fare la guerra a tutti questi paesi richiederebbe molte risorse, tempo e comporterebbe molte perdite umane. Tuttavia, preferisce giocare il più intelligente possibile, probabilmente facendo uso della forza prima contro i regni più deboli e poi del patriottismo (citando la nazione più grande che erano una volta) e dell'intimidazione per ottenere il sostegno degli altri. Quando possibile, eviterà le battaglie, poiché l'idea è di avere più soldati alla fine.

Presumo anche che attualmente P sia "impegnato" con altri conflitti e quindi la donna avrà del "tempo extra" per concludere questo piano di unificazione della nazione.

Quindi, la mia domanda è: c'erano situazioni simili nella Storia reale (anche se non c'erano nel Medioevo)?


Ci sono molti casi, sentiti libero di aggiungerne altri:

  • Napoleone conquistò il nord dell'Italia e vi reclutò forze per altre guerre. Più tardi, dopo aver sconfitto l'Austria e la Prussia, Napoleone invase la Russia. L'invasione della Russia non fu solo con le forze francesi, entrambi i fianchi della sua avanzata furono coperti da forze prussiane e austriache (nord e sud).
  • Come dice @Steven Burnap. Gengis Khan è un altro buon esempio. Ha unificato le tribù mongole con la guerra e con loro ha invaso altri paesi. In seguito, anche gli ingegneri cinesi furono inclusi nei suoi eserciti che combattevano in Europa.
  • Nella seconda guerra mondiale, l'Unione Sovietica utilizzò gli eserciti rumeni, finiti, polacchi e bulgari come alleati alla fine della guerra contro la Germania, anche se prima erano nemici (o quasi nemici).
  • Conquista spagnola del nuovo mondo. Le forze spagnole erano piuttosto piccole, in realtà si allearono con altre tribù per sconfiggere grandi imperi, questi stati o tribù si unirono ai conquistadores spagnoli per convenienza o per sconfitta. L'impero azteco non è caduto in mano a piccoli avventurieri spagnoli.

Per me l'esempio classico è Edoardo I d'Inghilterra (alias "Edward Longshanks").

Conquistò il Galles e, una volta pacificato, unì le forze inglesi e gallesi contro gli scozzesi guadagnandosi così l'epiteto di "Martello degli scozzesi".


E il Giappone nel periodo della seconda guerra mondiale? Riunire isole a sud come Singapore. Quindi hanno acquisito prigionieri di guerra che sono diventati schiavi, ottenendo risorse come la gomma. Tutto per competere con un nemico più grande, gli Stati Uniti.


La Germania nazista conquista tutta l'Europa e usa truppe francesi, norvegesi, danesi, olandesi, belghe, ceche, austriache, ecc. e persino jugoslave


Troppi da contare. Oltre a quelli in altre risposte:

  • La Repubblica di Roma - conquistò l'Italia e sotto Mario affrancarono i legionari italiani dopo vent'anni di servizio.

  • Filippo di Macedonia unì le città-stato della Grecia; suo figlio Alessandro conquistò l'impero persiano con un esercito unificato di macedoni e greci.

  • Alfred King of Wessex unì i piccoli regni sassoni d'Inghilterra in una versione nascente di quello stato per respingere gli invasori danesi.

  • Bismark, Cancelliere della Germania, usò la minaccia dell'egemonia austriaca e francese per unificare i piccoli stati della Germania nel Secondo Reich sotto il Kaiser Guglielmo I.

  • Tecumseh e suo fratello, il profeta, tentò di unificare le tribù della Valle dell'Ohio e del bacino dei Grandi Laghi come alleate degli inglesi contro gli Stati Uniti.

  • Toro Seduto tentò di unificare le tribù delle pianure contro gli Stati Uniti, anche se fallì.

  • La Commancheria potrebbe essere un altro esempio della storia degli Stati Uniti del XIX secolo.

  • La (ri)unificazione del Sacro Romano Impero da parte del Barbarossa dopo una lunga guerra civile prima dell'adesione alla Terza Crociata contro Saladino.

  • Carlo Martello combatté una lunga guerra civile per unificare i Franchi, giusto in tempo per sconfiggere i Mori nella battaglia di Tours.

  • La Confederazione Irochese conquistò tutto ciò che si trova a sud dei Grandi Laghi, dall'Illinois all'Upper New York State e al Maryland, oltre a SW Ontario, come parte della loro guerra contro i francesi.

  • L'occupazione hitleriana della Renania, anschluss con l'Austria e l'assorbimento dei Sudeti prima della seconda guerra mondiale. Queste regioni, a differenza di quelle conquistate in seguito nell'Europa occidentale, centrale e orientale, parteciparono con entusiasmo alla Wehrmacht e alle SS durante la seconda guerra mondiale.

Alcuni potrebbero obiettare che alcune delle suddette sono state realizzate senza che il sangue sia stato versato in battaglia - eppure i grandi teorici militari hanno sempre riconosciuto che la più grande vittoria è esattamente quella - una vinta in modo così decisivo in anticipo che il nemico soccombe senza battaglia:

La vittoria più grande è quella che non richiede battaglia.
Sole Tzu - L'arte della guerra

La guerra è la continuazione della politica con altri mezzi.
Carl von Clausewitz - in guerra


Per fare un esempio specifico della storia romana, la Guerra Sociale (91-88 aC), che univa l'Italia come entità politica (in contrapposizione a un mosaico di alleati e colonie), fu immediatamente seguita dalla guerra contro Mitridate VI in Asia.


Guarda il video: Cera una volta la Russia - I prigionieri del Don (Potrebbe 2022).