Podcast di storia

O' Brien III DD-415 - Storia

O' Brien III DD-415 - Storia


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

O'Brien III
(DD-415: dp. 1.960; 1. 347'10", b. 36'1"; dr. 11'5", s. 35 k. cpl. 192; a. 5 5", 4 .50 eal. , 8 21" tt.; cl. Sims)

Il terzo O'Brien (DD-415) è stato impostato a Boston Navy Yard, Boston, Mass., 31 maggio 1938; lanciato il 20 ottobre 1939 sponsorizzato dalla signorina Josephine O'Brien Campbell, pronipote di Gideon O'Brien, e commissionato il 2 marzo 1940, il tenente Comdr. Carl F. Espe, al comando. Poiché la nave è stata costruita nel bacino di carenaggio con Walke, Landedale e Madison, le cerimonie di inaugurazione sono state combinate.

Per tutto il 1940 e il 1941 la nave operò lungo la costa orientale. Dopo il bacino di carenaggio e le riparazioni nell'autunno del 1941, la nave lasciò Norfolk il 15 gennaio 1942 con Idaho e Mustin e salpò per il Pacifico. In transito nel Canale di Panama il 20, il trio arrivò a San Francisco il 31 gennaio 1942.

O'Brien salpò con un convoglio per il Pacifico occidentale il 4 febbraio, ma fu costretta a tornare quando una collisione con il cacciatorpediniere Cass danneggiò il suo lato sinistro. Dopo le riparazioni a Mare Island, la nave salpò il 20 febbraio via San Diego, fino a Pearl Harbor. Lì il comandante della divisione 4 del cacciatorpediniere ha spostato la sua bandiera su O'Brien il 5 marzo.

Dopo aver operato da Pearl Harbor e aver pattugliato le French Frigate Shoals, la nave fece scalo a Midway nell'ultima parte di marzo, cercando di evacuare il personale civile. I due tornarono a Pearl il 3 aprile 1942. Dopo l'aumento e il miglioramento delle sue batterie antiaeree, la nave imbarcò passeggeri per la Naval Air Station di Palmyra e salpò il 18 aprile con Flusser e Muplord. L'OD si unì quindi ai convogli da San Diego e San Francisco scortandoli a Samoa, arrivando a Pago Pago, il 28 aprile.

O'Brien è stato trattenuto a Pago Pago per il lavoro di scorta locale. Il 26 maggio ha sostenuto l'occupazione dell'isola di Wallis, precedentemente rilevata dai francesi liberi e si è unita a Procgon il 19 giugno per il viaggio di ritorno a Pearl Harbor.

Operando fuori da Pearl Harbor, la nave svolgeva compiti di scorta e fungeva da pattuglia e guardia aerea. Ha preso il via il 17 agosto 1942 con la TF 17 per rinforzare la South Pacific Force, controllando la petroliera Guadalupe. Mentre un eseortingaeonvoy di trasporti in rotta verso Guadaleanal, le TF congiunte 17 e 18 furono attaccate dai sottomarini giapponesi I-16 e I-19 il 15 settembre 1942. Wasp fu affondata; North Carolina e O'Brien sono stati danneggiati da attacchi di siluri.

Alle 14:52 di quel pomeriggio O'Brien vide del fumo proveniente da Wasp. Come membro dello schermo ASW di Hornet ha fatto una svolta di emergenza a destra. Verso il 1454, mentre accelerava e oscillava a destra, le sue vedette individuarono un siluro due punti davanti al raggio di babordo a 1000 iarde di distanza. Questo siluro mancò poco la poppa, ma mentre l'attenzione era concentrata su di esso un altro "pesce" colpì la prua di sinistra.

L'esplosione ha causato pochi danni locali, ma ha creato gravi stress strutturali attraverso la nave. In grado di procedere con le proprie forze, il cacciatorpediniere il 16 settembre raggiunse Espiritu Santo, dove Curtiss effettuò riparazioni temporanee. O'Brien salpò il 21 per Noumea, Nuova Caledonia, per ulteriori riparazioni da Argonne prima di procedere il 10 ottobre a San Francisco.

Ha fatto Suva il 13 e ha navigato ancora una volta il 16. Il tasso di perdite continuò ad aumentare e il 18 fu necessario per O'Brien procedere all'ancoraggio più vicino. Il peso della murata fu gettato a mare e furono fatti i preparativi per l'abbandono della nave, ma si pensava ancora che la nave potesse essere portata intatta a Pago Pago, tuttavia alle 06:00 del 19 ottobre il fondo si aprì improvvisamente notevolmente e iniziarono le parti di prua e successive dello scafo per lavorare in autonomia. Alle 06:30 tutti gli uomini, tranne un equipaggio di salvataggio, sono caduti di lato; e mezz'ora dopo la nave fu abbandonata del tutto. Poco prima delle 08:00 è affondata, dopo aver percorso quasi 3000 miglia da quando è stata silurata. Tutto l'equipaggio è stato salvato.

DD 415 ha guadagnato 1 stella di battaglia durante la seconda guerra mondiale.


STATI UNITI v. O'BRIEN

[ Nota in calce * ] Insieme al n. 233, O'Brien c. Stati Uniti, anche su certiorari allo stesso tribunale.

O'Brien ha bruciato il suo certificato di registrazione del servizio selettivo davanti a una folla considerevole per influenzare gli altri ad adottare le sue convinzioni contro la guerra. È stato incriminato, processato e condannato per aver violato il 50 U.S.C. App. 462 (b), una parte dell'Universal Military Training and Service Act, la cui suddivisione (3) si applica a qualsiasi persona "che falsi, alteri, distrugga consapevolmente, mutili consapevolmente o modifichi in qualsiasi modo tale certificato. . .," le parole qui in corsivo sono state aggiunte da un emendamento nel 1965. La Corte Distrettuale ha respinto l'argomento di O'Brien secondo cui l'emendamento era incostituzionale perché era stato adottato per ridurre la libertà di parola e non aveva alcuno scopo legislativo legittimo. La Corte d'Appello ha ritenuto l'emendamento del 1965 incostituzionale ai sensi del primo emendamento come individuazione per il trattamento speciale delle persone impegnate in proteste, sulla base del fatto che la condotta ai sensi dell'emendamento del 1965 era già punibile poiché un regolamento del sistema di servizi selettivi richiedeva ai dichiaranti di conservare i loro certificati di registrazione in il loro "possesso personale in ogni momento", 32 CFR 1617.1, e la violazione intenzionale delle norme promulgate ai sensi della legge è stata resa criminale da 50 USC App. 462 (b) (6). La corte, tuttavia, ha confermato la condanna di O'Brien ai sensi del 462 (b) (6), che a suo avviso ha reso la violazione del regolamento di non possesso un reato minore incluso del crimine definito dall'emendamento del 1965. Tenuto:

    1. L'emendamento del 1965 al 50 U.S.C. App. 462 (b) (3) è costituzionale come applicato in questo caso. Pag. 375, 376-382.

    (a) L'emendamento del 1965 chiaramente non riduce la libertà di parola sul suo volto. P.375.

    (b) Quando gli elementi "discorso" e "non parlato" sono combinati nello stesso corso di condotta, un interesse governativo sufficientemente importante nella regolamentazione dell'elemento non vocale può giustificare limitazioni incidentali alle libertà del Primo Emendamento. Pag. 376.

    (c) Un regolamento governativo è sufficientemente giustificato se rientra nei poteri costituzionali del governo e promuove [391 US 367, 368] un interesse governativo importante o sostanziale non correlato alla soppressione della libertà di espressione, e se la restrizione incidentale sulla presunta prima La libertà di emendamento non è maggiore di quanto sia essenziale per tale interesse. L'emendamento del 1965 soddisfa tutti questi requisiti. Pag. 377.

    (d) L'emendamento del 1965 rientrava nel potere "ampio e travolgente" del Congresso di formare e sostenere gli eserciti e di rendere tutte le leggi necessarie a tal fine. Pag. 377.

    (e) Il certificato di registrazione ha scopi aggiuntivi alla notifica iniziale, e. g., dimostra che l'individuo descritto si è registrato per la bozza facilita la comunicazione tra i dichiaranti e le commissioni locali e fornisce un promemoria che il registrante deve notificare al proprio consiglio locale i cambiamenti di indirizzo o stato. Lo schema normativo che coinvolge i certificati include divieti chiaramente validi contro l'alterazione, la contraffazione o un simile uso ingannevole. Pag. 378-380.

    (f) La preesistenza del regolamento di non possesso non nega il chiaro interesse del Congresso a fornire vie legali alternative di azione penale per assicurare il proprio interesse a prevenire la distruzione dei certificati del servizio selettivo. Pag. 380.

    (g) Gli interessi governativi protetti dall'emendamento del 1965 e dal regolamento di non possesso, sebbene si sovrappongano, non sono identici. Pag. 380-381.

    (h) L'emendamento del 1965 è una disposizione ristretta e precisa che protegge specificamente l'interesse sostanziale del governo in un sistema efficiente e facilmente amministrabile per la formazione degli eserciti. Pag. 381-382.

    (i) O'Brien è stato condannato solo per la volontaria frustrazione di tale interesse governativo. L'impatto non comunicativo della sua condotta per la quale è stato condannato rende il suo caso facilmente distinguibile da Stromberg v. California, 283 U.S. 359 (1931). Pag. 382.

    2. L'emendamento del 1965 è costituzionale come emanato. Pag. 382-385.

    (a) Lo scopo del Congresso nell'emanare la legge non offre alcuna base per dichiarare invalido uno statuto altrimenti costituzionale. McCray v. Stati Uniti, 195 Stati Uniti 27 (1904). Pag. 383-384.

    (b) Grosjean v. American Press Co., 297 U.S. 233 (1936) e Gomillion v. Lightfoot, 364 U.S. 339 (1960), distinti. Pag. 384-385.

376 F.2d 538, sentenza annullata e sentenza del Tribunale distrettuale ripristinata. [391 Stati Uniti 367, 369]

Il procuratore generale Griswold ha sostenuto la causa per gli Stati Uniti. Con lui sul brief c'erano l'assistente del procuratore generale Vinson, Francis X. Beytagh, Jr., Beatrice Rosenberg e Jerome M. Feit.

Marvin M. Karpatkin ha discusso la causa del convenuto nel n. 232 e del firmatario nel n. 233. Con lui nel verbale c'erano Howard S. Whiteside, Melvin L. Wulf e Rhoda H. Karpatkin.

SIG. IL CHIEF JUSTICE WARREN ha espresso il parere della Corte.

La mattina del 31 marzo 1966, David Paul O'Brien e tre compagni bruciarono i loro certificati di registrazione del servizio selettivo sui gradini del tribunale di South Boston. Una folla considerevole, tra cui diversi agenti del Federal Bureau of Investigation, ha assistito all'evento. 1 Immediatamente dopo l'incendio, i membri della folla hanno iniziato ad attaccare O'Brien ei suoi compagni. Un agente dell'FBI ha portato O'Brien al sicuro all'interno del tribunale. Dopo essere stato informato del suo diritto all'assistenza legale e al silenzio, O'Brien ha dichiarato agli agenti dell'FBI di aver bruciato il suo certificato di registrazione a causa delle sue convinzioni, sapendo che stava violando la legge federale. Ha prodotto i resti carbonizzati del certificato, che, con il suo consenso, sono stati fotografati.

Per questo atto, O'Brien è stato incriminato, processato, condannato e condannato dalla Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto del Massachusetts. 2 Non contestò il fatto [391 U.S. 367, 370] di aver bruciato il certificato. Ha dichiarato in discussione alla giuria che ha bruciato pubblicamente il certificato per influenzare gli altri ad adottare le sue convinzioni contro la guerra, come ha detto, "in modo che altre persone rivalutassero le loro posizioni con il Servizio Selettivo, con le forze armate, e rivalutassero il loro posto nel cultura di oggi, per considerare, si spera, la mia posizione."

L'accusa su cui è stato processato accusava di aver "volontariamente e consapevolmente mutilato, distrutto e cambiato bruciando". . . [il suo] certificato di registrazione (modulo del sistema di servizio selettivo n. 2) in violazione del titolo 50, allegato, codice degli Stati Uniti, sezione 462 (b)." La sezione 462 (b) fa parte dell'Universal Military Training and Service Act of 1948. La sezione 462 (b) (3), una delle sei suddivisioni numerate di 462 (b), è stata modificata dal Congresso nel 1965, 79 Stat. 586 (aggiungendo le parole in corsivo di seguito), così che al momento in cui O'Brien ha bruciato il suo certificato un reato è stato commesso da qualsiasi persona,

    "chi falsifica, altera, distrugge consapevolmente, mutila consapevolmente o in qualsiasi modo modifica tale certificato. . . ." (corsivo fornito.)

Nella corte distrettuale, O'Brien ha sostenuto che l'emendamento del 1965 che vietava la distruzione o la mutilazione consapevole dei certificati era incostituzionale perché era stato emanato per abbreviare la libertà di parola e perché non aveva alcuno scopo legislativo legittimo. 3 La Corte Distrettuale ha respinto queste argomentazioni, ritenendo che lo statuto a prima vista non riducesse i diritti del Primo Emendamento, che la corte non fosse competente a indagare sui motivi del Congresso nell'emanare l'Emendamento del 1965 e che il [391 US 367, 371 ] L'emendamento era un esercizio ragionevole del potere del Congresso di sollevare eserciti.

In appello, la Corte d'Appello del Primo Circuito ha dichiarato incostituzionale l'emendamento del 1965 in quanto legge che riduce la libertà di parola. 4 Al momento dell'emanazione dell'emendamento, un regolamento del Sistema dei servizi selettivi richiedeva ai dichiaranti di mantenere i loro certificati di registrazione in loro "possesso personale in ogni momento". 32 CFR 1617.1 (1962). 5 Le violazioni intenzionali delle norme promulgate ai sensi dell'Universal Military Training and Service Act sono state considerate criminali dalla legge. 50 Stati Uniti App. 462 (b) (6). La Corte d'Appello, pertanto, era del parere che la condotta punibile ai sensi dell'emendamento del 1965 fosse già punibile ai sensi del regolamento di non possesso e, di conseguenza, che l'emendamento non avesse più alcuno scopo valido, che alla luce della normativa precedente, l'emendamento doveva essere "diretto al pubblico in quanto distinto dalla distruzione privata". Su questa base, la corte ha concluso che l'emendamento del 1965 era in contrasto con il primo emendamento individuando le persone impegnate in proteste per un trattamento speciale. La corte ha stabilito, tuttavia, che la condanna di O'Brien dovrebbe essere confermata ai sensi della disposizione di legge, 50 U.S.C. App. 462 (b) (6), che a suo avviso ha fatto della violazione del regolamento di non possesso un reato, perché ha considerato tale violazione come un reato minore incluso del reato definito dall'emendamento del 1965. 6 [391 Stati Uniti 367, 372]

Il governo ha presentato un'istanza di certiorari nel n. 232, sostenendo che la Corte d'appello ha errato nel ritenere incostituzionale la legge e che la sua decisione è in contrasto con le decisioni delle Corti d'appello per il secondo 7 e l'ottavo circuito 8 che confermano l'emendamento del 1965 contro identiche costituzioni sfide. O'Brien ha presentato istanza incrociata per certiorari nel n. 233, sostenendo che la Corte d'Appello ha errato nel sostenere la sua condanna sulla base di un reato di cui non è stato né accusato né processato. Abbiamo accolto la petizione del governo per risolvere il conflitto nei circuiti e abbiamo anche accolto la petizione incrociata di O'Brien. Riteniamo che l'emendamento del 1965 sia costituzionale sia come promulgato che come applicato. Pertanto annulliamo la sentenza della Corte d'Appello e ripristiniamo la sentenza e la sentenza della Corte distrettuale senza giungere alla questione sollevata da O'Brien nel n. 233.

Sia i certificati di registrazione che di classificazione sono piccole carte bianche, di circa 2 per 3 pollici. Il certificato di registrazione specifica il nome del dichiarante, la data di registrazione e il numero e l'indirizzo dell'ente locale presso il quale è registrato. Su di esso sono inoltre incise la data e il luogo di nascita del dichiarante, la sua residenza al momento della registrazione, la sua descrizione fisica, la sua firma e il suo numero di servizio selettivo. Il numero stesso del Servizio Selettivo indica il suo Stato di iscrizione, il suo Ente locale, il suo anno di nascita e la sua posizione cronologica nel registro di classificazione dell'Ente locale. 18

Il certificato di classificazione mostra il nome del registrante, il numero del servizio selettivo, la firma e la classificazione di idoneità. Specifica se è stato così classificato dal suo consiglio locale, da una commissione di ricorso o dal presidente. [391 U.S. 367, 374] contiene l'indirizzo del suo consiglio locale e la data di spedizione del certificato.

Sia i certificati di registrazione che di classificazione riportano avvisi che il dichiarante deve notificare per iscritto al proprio consiglio locale ogni cambiamento di indirizzo, condizione fisica e stato professionale, civile, familiare, di dipendenza e militare e di qualsiasi altro fatto che potrebbe modificare la sua classificazione . Entrambi contengono anche un avviso che il numero del servizio selettivo del registrante dovrebbe apparire su tutte le comunicazioni al suo consiglio locale.

Il Congresso dimostrò la sua preoccupazione che i certificati emessi dal Selective Service System potessero essere oggetto di abuso ben prima dell'emendamento del 1965 qui contestato. La legge del 1948, 62 Stat. 604, esso stesso vietava molti abusi diversi che riguardavano la "carta di circolazione, . . . o qualsiasi altro certificato rilasciato ai sensi o prescritto dalle disposizioni del presente titolo, o da norme o regolamenti promulgate ai sensi dello stesso. . . ." 62 Stat. 622. Ai sensi del punto 12 (b) (1)-(5) della legge del 1948, era illegale (1) trasferire un certificato per aiutare una persona a fare una falsa identificazione (2) per possedere un certificato non debitamente rilasciato con l'intento di utilizzarlo per una falsa identificazione (3) per falsificare, alterare, "quotare in qualsiasi modo" modificare un certificato o qualsiasi annotazione validamente inscritta su di esso (4) per fotografare o fare un'imitazione di un certificato allo scopo di falsa identificazione e (5) per possedere un certificato contraffatto o alterato. 62 Stat. 622. Inoltre, come accennato in precedenza, i regolamenti del Sistema dei servizi selettivi obbligavano i dichiaranti a conservare in ogni momento sia i loro certificati di registrazione che quelli di classificazione in loro possesso personale. 32 CFR 1617.1 (1962) (Certificati di registrazione) 19 32 CFR 1623,5 [391 U.S. 367, 375] (1962) (Certificati di classificazione). 20 E 12 (b) (6) della Legge, 62 Stat. 622, ha costituito reato la violazione consapevole di qualsiasi disposizione della legge o di norme e regolamenti promulgate in virtù di essa.

Con l'emendamento del 1965, il Congresso aggiunse al 12 (b) (3) dell'Atto del 1948 la disposizione in questione, sottoponendo a responsabilità penale non solo colui che "forgia, altera o in qualsiasi modo cambia", ma anche colui che "distrugge consapevolmente, [ o] mutila consapevolmente" un certificato. Notiamo fin dall'inizio che l'emendamento del 1965 chiaramente non riduce la libertà di parola sul suo aspetto, e non capiamo che O'Brien sostenga il contrario. L'emendamento 12 (b) (3) nel suo aspetto riguarda la condotta che non ha alcun collegamento con la parola. Vieta la distruzione consapevole dei certificati emessi dal Sistema dei Servizi Selettivi, e non c'è nulla di necessariamente espressivo in tale condotta. L'emendamento non distingue tra distruzione pubblica e privata e non punisce solo la distruzione intrapresa allo scopo di esprimere opinioni. Confronta Stromberg v. California, 283 U.S. 359 (1931). 21 Una legge che vieta la distruzione dei certificati del servizio selettivo non riduce la libertà di parola più di quanto una legge sui veicoli a motore che proibisca la distruzione delle patenti di guida, o una legge fiscale che vieti la distruzione di libri e registri. [391 Stati Uniti 367, 376]

O'Brien tuttavia sostiene che l'emendamento del 1965 è incostituzionale nella sua applicazione nei suoi confronti, ed è incostituzionale come promulgato perché quello che chiama lo "scopo" del Congresso era "sopprimere la libertà di parola". Consideriamo questi argomenti separatamente.

Non possiamo accettare l'idea che una varietà di comportamenti apparentemente illimitata possa essere etichettata come "discorso" ogni volta che la persona che si comporta in tale comportamento intende esprimere in tal modo un'idea. Tuttavia, anche supponendo che l'asserito elemento comunicativo nel comportamento di O'Brien sia sufficiente per far entrare in gioco il Primo Emendamento, non ne consegue necessariamente che la distruzione di un certificato di registrazione sia un'attività costituzionalmente tutelata. Questa Corte ha ritenuto che quando gli elementi "discorso" e "non parlato" sono combinati nella stessa condotta, un interesse governativo sufficientemente importante nella regolamentazione dell'elemento non vocale può giustificare limitazioni incidentali alle libertà del Primo Emendamento.Per caratterizzare la qualità dell'interesse governativo che deve apparire, la Corte ha impiegato una varietà di termini descrittivi: convincente 22 sostanziale 23 subordinato 24 [391 U.S. 367, 377] fondamentale 25 cogente 26 forte. 27 Qualunque sia l'imprecisione inerente a questi termini, riteniamo chiaro che un regolamento governativo è sufficientemente giustificato se rientra nel potere costituzionale del governo se promuove un interesse governativo importante o sostanziale se l'interesse governativo non è correlato alla soppressione della libertà di espressione e se la restrizione incidentale alle presunte libertà del Primo Emendamento non è maggiore di quanto sia essenziale per il perseguimento di tale interesse. Troviamo che l'emendamento del 1965 al 12 (b) (3) dell'Universal Military Training and Service Act soddisfa tutti questi requisiti, e di conseguenza che O'Brien può essere condannato costituzionalmente per averlo violato.

Il potere costituzionale del Congresso di formare e sostenere gli eserciti e di emanare tutte le leggi necessarie e appropriate a tal fine è ampio e travolgente. Lichter c. Stati Uniti, 334 U.S. 742, 755 -758 (1948) Selective Draft Law Cases, 245 U.S. 366 (1918) si veda anche Ex parte Quirin, 317 U.S. 1, 25-26 (1942). Il potere del Congresso di classificare e arruolare la manodopera per il servizio militare è "indiscutibile". Lichter v. Stati Uniti, supra, 756 Selective Draft Law Cases, supra. Ai sensi di questo potere, il Congresso può istituire un sistema di registrazione per le persone responsabili della formazione e del servizio e può richiedere a tali persone, entro limiti ragionevoli, di cooperare nel sistema di registrazione. Il rilascio di certificati indicanti l'iscrizione e la classificazione di idoneità delle persone fisiche costituisce un legittimo e sostanziale ausilio amministrativo al funzionamento di tale sistema. E la legislazione [391 U.S. 367, 378] per assicurare la continua disponibilità dei certificati emessi serve uno scopo legittimo e sostanziale nell'amministrazione del sistema.

L'argomentazione contraria di O'Brien è necessariamente basata sulla sua caratterizzazione irrealistica dei certificati del servizio selettivo. Sostanzialmente adotta la posizione che tali certificati sono tanti pezzi di carta progettati per notificare ai dichiaranti la loro registrazione o classificazione, da conservare o gettare nel cestino secondo la convenienza o il gusto del dichiarante. Una volta che il dichiarante ha ricevuto la notifica, secondo questo punto di vista, non c'è motivo per lui di conservare i certificati. O'Brien osserva che la maggior parte delle informazioni su un certificato di registrazione non ha alcuno scopo di notifica, al dichiarante non occorre che gli vengano comunicati il ​​suo indirizzo e le sue caratteristiche fisiche. Siamo d'accordo che il certificato di registrazione contiene molte informazioni di cui il registrante non ha bisogno di notifica. Tale circostanza, tuttavia, non porta alla conclusione che il certificato non abbia alcuno scopo, ma che, come il certificato di classificazione, abbia uno scopo aggiuntivo rispetto alla notifica iniziale. Molti di questi scopi sarebbero vanificati dalla distruzione o dalla mutilazione dei certificati. Tra questi ci sono:

1. Il certificato di registrazione serve come prova che la persona in esso descritta si è iscritta alla bozza. Il certificato di classificazione mostra la classificazione di idoneità di un individuo nominato ma non descritto. Mostrare volontariamente i due certificati è un modo facile e indolore per un giovane di dissipare la domanda se potrebbe essere delinquente nei suoi obblighi di servizio selettivo. Corrispondentemente, la disponibilità dei certificati per tale esibizione solleva il Sistema del Servizio Selettivo dall'onere amministrativo che avrebbe altrimenti nella verifica della registrazione e classificazione di tutti i sospetti delinquenti. Inoltre, poiché entrambi i certificati hanno la natura di "ricevute" che attestano che il dichiarante [391 US 367, 379] ha fatto ciò che la legge richiede, è nell'interesse della giusta ed efficiente amministrazione del sistema che siano continuamente disponibili, in l'evento, ad esempio, di una confusione nel file del registrante. Inoltre, in un momento di crisi nazionale, la ragionevole disponibilità a ciascun registrante delle due piccole carte assicura un mezzo rapido e semplice per determinare la sua idoneità per l'induzione immediata, non importa quanto distante nella nostra società mobile possa essere dal suo consiglio locale.

2. Le informazioni fornite sui certificati facilitano la comunicazione tra i dichiaranti e gli enti locali, semplificando il sistema e a vantaggio di tutti gli interessati. Per cominciare, ogni certificato porta l'indirizzo del consiglio locale del registrante, un elemento che difficilmente verrà memorizzato. Inoltre, ogni scheda reca il numero del servizio selettivo del registrante e un registrante che ha il suo numero prontamente disponibile in modo che possa comunicarlo al suo consiglio locale quando fornisce o richiede informazioni può rendere più semplice il compito del consiglio di individuare il suo file. Infine, la richiesta di un dichiarante, in particolare tramite un ente locale diverso dal proprio, in merito al suo stato di idoneità è spesso oggetto di una risposta semplicemente sulla base del suo certificato di classificazione mentre, se il certificato non fosse ragionevolmente disponibile e il dichiarante fosse incerto sulla sua classificazione, il compito di rispondere alle sue domande sarebbe stato notevolmente complicato.

3. Entrambi i certificati ricordano continuamente che il dichiarante deve notificare al proprio consiglio locale qualsiasi cambiamento di indirizzo e altri cambiamenti specificati nel suo stato. Il buon funzionamento del sistema richiede che gli enti locali siano continuamente consapevoli dello stato e della posizione dei registranti e la distruzione dei certificati priva il sistema di un dispositivo di avviso potenzialmente utile.

4. Lo schema normativo che coinvolge i certificati del Servizio Selettivo include divieti chiaramente validi contro l'alterazione, la contraffazione o l'uso improprio ingannevole dei certificati. [391 U.S. 367, 380] La distruzione o la mutilazione dei certificati aumenta ovviamente la difficoltà di individuare e rintracciare abusi come questi. Inoltre, un certificato mutilato potrebbe essere esso stesso utilizzato per scopi ingannevoli.

Le numerose funzioni svolte dai certificati del Servizio Selettivo stabiliscono senza dubbio che il Congresso ha un interesse legittimo e sostanziale nell'impedire la loro distruzione sfrenata e sfrenata e nell'assicurare la loro continua disponibilità punendo le persone che li distruggono o mutilano consapevolmente e intenzionalmente. E non siamo persuasi che la preesistenza dei regolamenti di non possesso neghi in alcun modo questo interesse.

In assenza di una questione sulla punizione multipla, non è mai stato suggerito che ci sia qualcosa di improprio nel fornire vie legali alternative del Congresso per assicurare l'effettiva protezione di uno stesso interesse. Confronta le opinioni di maggioranza e dissenzienti in Gore v. United States, 357 U.S. 386 (1958). 28 Qui, la via d'azione preesistente non era nemmeno legale. I regolamenti possono essere modificati o revocati di volta in volta a discrezione dell'amministrazione. Certamente il Congresso può modificare o integrare un regolamento.

Ugualmente importante, un confronto dei regolamenti con l'emendamento del 1965 indica che proteggono interessi governativi sovrapposti ma non identici e che raggiungono classi di trasgressori alquanto diverse. 29 Gravamen del reato definito dalla legge è la deliberata indisponibilità di certificati per i vari scopi cui possono servire. Se i dichiaranti conservano i loro certificati in loro possesso personale [391 US 367, 381] in ogni momento, come richiesto dai regolamenti, non è di particolare interesse ai sensi dell'emendamento del 1965, a condizione che non mutilino o distruggano i certificati in modo da renderli non disponibili. Sebbene, come notiamo di seguito, non ci occupiamo qui delle regole di non possesso, non è inopportuno osservare che gli elementi essenziali del non possesso non sono identici a quelli della mutilazione o della distruzione. Infine, l'emendamento del 1965, come 12 (b) che ha emendato, riguarda gli abusi che coinvolgono i certificati di servizio selettivo emessi, non solo i certificati del dichiarante. La distruzione o la mutilazione consapevole dei certificati di qualcun altro violerebbe quindi lo statuto ma non le regole di non possesso.

Riteniamo evidente che la continua disponibilità a ciascun registrante dei suoi certificati di servizio selettivo favorisca sostanzialmente il corretto e corretto funzionamento del sistema che il Congresso ha istituito per radunare gli eserciti. Riteniamo anche evidente che la Nazione abbia un interesse vitale nell'avere un sistema per radunare eserciti che funzioni con la massima efficienza e sia in grado di rispondere facilmente e rapidamente a circostanze in continua evoluzione. Per questi motivi, il Governo ha un interesse sostanziale nell'assicurare la continua disponibilità dei certificati di Servizio Selettivo emessi.

È altrettanto chiaro che l'emendamento del 1965 protegge specificamente questo sostanziale interesse governativo. Non percepiamo alcun mezzo alternativo che assicuri in modo più preciso e ristretto la continua disponibilità di certificati di servizio selettivo emessi rispetto a una legge che ne vieti la mutilazione o la distruzione intenzionale. Confronta Sherbert v. Verner, 374 U.S. 398, 407 -408 (1963), e i casi ivi citati. L'emendamento del 1965 vieta tale condotta e non fa altro. In altre parole, sia l'interesse del governo che il funzionamento dell'emendamento del 1965 sono limitati all'aspetto non comunicativo [391 U.S. 367, 382] della condotta di O'Brien. L'interesse del governo e la portata dell'emendamento del 1965 si limitano a prevenire danni al funzionamento regolare ed efficiente del sistema di servizi selettivi. Quando O'Brien ha deliberatamente reso non disponibile il suo certificato di registrazione, ha deliberatamente frustrato questo interesse governativo. Per questo impatto non comunicativo della sua condotta, e per nient'altro, fu condannato.

La causa at bar è quindi diversa da quella in cui il presunto interesse governativo a regolamentare la condotta sorge in qualche misura perché la comunicazione che si presume parte integrante della condotta è essa stessa ritenuta dannosa. In Stromberg v. California, 283 US 359 (1931), ad esempio, questa Corte ha annullato una frase statutaria che puniva le persone che esprimevano la loro "opposizione al governo organizzato" esponendo "bandiera, distintivo, striscione o dispositivo". mirava a sopprimere la comunicazione, non poteva essere sostenuta come una regolamentazione della condotta non comunicativa. Si veda anche, NLRB v. Fruit & Vegetable Packers Union, 377 U.S. 58, 79 (1964) (parere concordante).

In conclusione, troviamo che, a causa dell'interesse sostanziale del governo nell'assicurare la continua disponibilità di certificati di servizio selettivo emessi, poiché l'emendamento 462 (b) è un mezzo adeguatamente ristretto per proteggere questo interesse e condanna solo l'impatto non comunicativo indipendente della condotta alla sua portata , e poiché l'impatto non comunicativo dell'atto di bruciare il certificato di registrazione di O'Brien ha frustrato l'interesse del governo, è stato dimostrato un interesse governativo sufficiente a giustificare la condanna di O'Brien.

È un noto principio di diritto costituzionale che questa Corte non annullerà una legge altrimenti costituzionale sulla base di un presunto motivo legislativo illecito. Come ha affermato tempo fa la Corte:

    "Le decisioni di questa corte fin dall'inizio non forniscono alcun supporto al presupposto che la magistratura possa limitare l'esercizio del potere legittimo sulla base del presupposto che uno scopo o un motivo illecito abbia causato l'esercizio del potere." McCray v. Stati Uniti, 195 Stati Uniti 27, 56 (1904).

Questo principio fondamentale di giudizio costituzionale è stato riaffermato e i molti casi sono stati raccolti dal sig. Justice Brandeis per la Corte in Arizona v. California, 283 U.S. 423, 455 (1931).

Le indagini sui motivi o sugli scopi del Congresso sono una questione rischiosa. Quando la questione è semplicemente l'interpretazione della legislazione, la Corte si avvarrà delle dichiarazioni dei legislatori come guida in merito allo scopo del legislatore, 30 perché il vantaggio di un sano processo decisionale in [391 US 367, 384] questa circostanza è ritenuta sufficiente rischiare la possibilità di fraintendere lo scopo del Congresso. È tutt'altra cosa quando ci viene chiesto di annullare uno statuto che, secondo criteri ben definiti, è costituzionale in apparenza, sulla base di quanto detto in proposito da meno di una manciata di membri del Congresso. Ciò che motiva un legislatore a fare un discorso su uno statuto non è necessariamente ciò che motiva decine di altri a metterlo in atto, e la posta in gioco è sufficientemente alta da permetterci di evitare congetture. Rifiutiamo l'annullamento essenzialmente per il motivo che è una legislazione imprudente che il Congresso aveva l'indubbio potere di emanare e che potrebbe essere riproposta nella sua forma esatta se lo stesso o un altro legislatore facesse un discorso "più saggio" al riguardo.

La posizione di O'Brien, e in una certa misura quella della corte sottostante, si basa su un malinteso di Grosjean v. American Press Co., 297 U.S. 233 (1936), e Gomillion v. Lightfoot, 364 U.S. 339 (1960). Questi casi non stanno per la proposizione che il motivo legislativo è una base adeguata per dichiarare una legge incostituzionale, ma che l'inevitabile effetto di una legge sul suo aspetto può renderla incostituzionale. Così, nella sentenza Grosjean, la Corte, avendo concluso che il diritto delle pubblicazioni a essere esenti da determinati tipi di tasse era una libertà di stampa tutelata dal Primo Emendamento, ha bocciato una legge che a prima vista non faceva altro che imporre [391 US 367, 385] proprio una tale tassa. Analogamente, in Gomillion, la Corte ha accolto una censura la quale, se vera, ha stabilito che l'"effetto inevitabile", 364 US, 341 , della ridefinizione dei confini comunali era quello di privare i ricorrenti del diritto di voto per nessun altro motivo se non quello erano negri. In questi casi, lo scopo della legislazione era irrilevante, perché l'effetto inevitabile - "l'ambito e l'operazione necessari", McCray v. United States, 195 U.S. 27, 59 (1904) - riduceva i diritti costituzionali. La norma impugnata nel caso di specie non ha tale inevitabile effetto incostituzionale, poiché la distruzione dei certificati del Servizio Selettivo non è in alcun modo inevitabilmente o necessariamente espressiva. Di conseguenza, lo statuto stesso è costituzionale.

Riteniamo che non sia sbagliato, di passaggio, commentare l'argomentazione legislativa di O'Brien. C'è stato un piccolo dibattito su questa legislazione in entrambe le Camere. Solo il senatore Thurmond ha commentato le sue caratteristiche sostanziali al Senato. 111 Cong. Ric. 19746, 20433. Dopo la sua breve dichiarazione, e senza ulteriori commenti sostanziali, il disegno di legge, S.R. 10306, passò al Senato. 111 Cong. Ric. 20434. Nel dibattito alla Camera solo due membri del Congresso si sono rivolti all'emendamento: i membri del Congresso Rivers e Bray. 111 Cong. Ric. 19871, 19872. Il disegno di legge è stato approvato dopo le loro dichiarazioni senza alcun ulteriore dibattito con un voto di 393 a 1. È principalmente sulla base delle dichiarazioni di questi tre membri del Congresso che O'Brien fa la sua argomentazione sul "scopo" del Congresso. Notiamo che se dovessimo esaminare la finalità legislativa nel caso di specie, saremmo obbligati a prendere in considerazione non solo queste dichiarazioni, ma anche le più autorevoli relazioni delle Commissioni delle Forze Armate del Senato e della Camera. Le parti di tali relazioni che spiegano lo scopo dell'Emendamento sono riprodotte integralmente nell'Appendice. Sebbene entrambi i rapporti esprimano una chiara preoccupazione per la distruzione "ribelle" [391 US 367, 386] delle cosiddette "carte da bozza" e per l'incoraggiamento "aperto" ad altri a distruggere le loro carte, entrambi i rapporti indicano anche che questa preoccupazione derivava dall'apprensione che la distruzione sfrenata di le carte ostacolerebbero il buon funzionamento del sistema di servizi selettivi.

SIG. JUSTICE MARSHALL non ha preso parte all'esame o alla decisione di questi casi.

    APPENDICE AL PARERE DELLA CORTE.

    PORZIONI DELLE RELAZIONI DELLE COMITATI SUI SERVIZI ARMATI DEL SENATO E DELLA CAMERA CHE ILLUSTRANO L'EMENDAMENTO DEL 1965.

La "Spiegazione del disegno di legge" nella relazione del Senato è la seguente:

    "La sezione 12 (b) (3) dell'Universal Military Training and Service Act del 1951, come modificata, prevede, tra le altre cose, che una persona che falsifica, altera o cambia [391 US 367, 387] una bozza di certificato di registrazione è soggetto a una multa non superiore a $ 10.000 o alla reclusione non superiore a 5 anni, o entrambi. Non vi è alcun divieto esplicito in questa sezione contro la distruzione o la mutilazione consapevole di tali carte.

    "Il comitato ha preso atto della provocatoria distruzione e mutilazione delle carte di leva da parte di dissidenti che disapprovano la politica nazionale. Se consentito di continuare incontrollato, questa condotta contumace rappresenta una potenziale minaccia all'esercizio del potere di sollevare e sostenere gli eserciti.

    "Perché una persona sia soggetta a multa o reclusione, la distruzione o la mutilazione della carta di credito deve essere fatta "consapevolmente". Questa qualifica ha lo scopo di proteggere le persone che perdono o mutilano accidentalmente le carte draft." S. Rep. No. 589, 89th Cong., 1st Sess. (1965).

E il Rapporto della Camera spiegava:

    "La sezione 12 (b) (3) dell'Universal Military Training and Service Act del 1951, come modificata, prevede che una persona che falsifica, altera o in qualsiasi modo cambia la sua scheda di registrazione della leva, o qualsiasi annotazione debitamente e validamente inscritta su di essa, sarà soggetto a una multa di $ 10.000 o alla reclusione non superiore a 5 anni. H. R. 10306 modificherebbe questa disposizione per renderla applicabile anche a coloro che consapevolmente distruggono o mutilano consapevolmente una bozza di carta di registrazione.

    "Il Comitato della Camera sui Servizi Armati è pienamente consapevole e condivide la profonda preoccupazione espressa in tutta la Nazione per le crescenti incidenze in cui individui e grandi gruppi di individui sfidano apertamente e incoraggiano gli altri a sfidare l'autorità del loro governo distruggendo o mutilando le loro carte draft.

    "Mentre le attuali disposizioni del codice penale relative alla distruzione di proprietà del governo [391 US 367, 388] possono apparire abbastanza ampie da coprire tutti gli atti che hanno a che fare con il maltrattamento delle carte di leva in possesso di individui, il comitato ritiene che nell'attuale situazione critica del paese, gli atti di distruzione o mutilazione di queste carte sono reati che rappresentano una minaccia così grave per la sicurezza della Nazione che non dovrebbe essere lasciato alcun dubbio sull'intenzione del Congresso che tale sfrenata e irresponsabile atti dovrebbero essere puniti.

    "A tal fine, HR 10306 precisa che la mutilazione o la distruzione consapevolmente di una carta da leva costituisce una violazione dell'Universal Military Training and Service Act ed è punibile ai sensi della stessa e che una persona che lo fa distruggere o mutilare una carta da leva sarà soggetta a una multa non superiore a $ 10.000 o reclusione non superiore a 5 anni." HR Rep.

Note a piè di pagina

[ Nota 2] È stato condannato ai sensi del Youth Corrections Act, 18 U.S.C. 5010 (b), alla custodia del procuratore generale per un periodo massimo di sei anni per la vigilanza e il trattamento.

[Nota 3] La questione della costituzionalità dell'emendamento del 1965 è stata sollevata dal legale che rappresenta O'Brien in una mozione istruttoria per respingere l'atto d'accusa. Al processo e alla sentenza, O'Brien ha scelto di rappresentarsi. Nel suo ricorso in Cassazione era rappresentato da un difensore.

[ Nota 4 ] O'Brien c. Stati Uniti, 376 F.2d 538 (C.A. 1st Cir. 1967).

[Nota 5] La parte del 32 CFR relativa al caso in esame è stata rivista a partire dal 1 gennaio 1967. Le citazioni in questa opinione si riferiscono all'edizione del 1962 che era in vigore quando O'Brien commise il crimine e quando il Congresso promulgò il 1965 Emendamento.

[Nota 6] La Corte d'Appello ha comunque rinviato il caso alla Corte Distrettuale per annullare la sentenza e risentire O'Brien. Secondo la Corte [391 U.S. 367, 372], il giudice distrettuale avrebbe potuto considerare la violazione dell'emendamento del 1965 come una circostanza aggravante nell'imporre la sentenza. La Corte d'Appello ha successivamente negato la petizione di O'Brien per un'udienza, in cui ha sostenuto che non era stato accusato, processato o condannato per non possesso, e che il non possesso non era un reato di mutilazione o distruzione meno incluso. O'Brien c. Stati Uniti, 376 F.2d 538, 542 (C.A. 1st Cir. 1967).

[ Nota 7 ] United States v. Miller, 367 F.2d 72 (C. A. 2d Cir. 1966), cert. negato, 386 US 911 (1967).

[Nota 8] Smith c. Stati Uniti, 368 F.2d 529 (C.A. 8th Cir. 1966).


Tecnica di chiusura della fessura virtuale: storia, approccio e applicazioni

Viene presentata una panoramica della tecnica di chiusura della fessura virtuale. L'approccio utilizzato viene discusso, la storia riassunta e vengono fornite informazioni sulle sue applicazioni. Si danno equazioni per elementi finiti quadrilateri bidimensionali con funzioni di forma lineare e quadratica. Vengono fornite anche formule per l'applicazione della tecnica in combinazione con elementi solidi tridimensionali ed elementi piastra/guscio. Vengono discusse le modifiche necessarie per l'uso del metodo con l'analisi degli elementi finiti geometricamente non lineare e le correzioni richieste per gli elementi all'apice della fessura con lunghezze e larghezze diverse. Vengono brevemente citati i problemi associati a cricche o delaminazioni che si propagano tra materiali diversi, nonché una strategia per minimizzare questi problemi. A causa di un crescente interesse nell'utilizzo di un approccio basato sulla meccanica della frattura per valutare la tolleranza al danno delle strutture composite nella fase di progettazione e durante la certificazione, i problemi ingegneristici selezionati come esempi e dati come riferimenti si concentrano sull'applicazione della tecnica a componenti realizzati con materiali compositi.


O' Brien III DD-415 - Storia

Orologio la mia presentazione al GGI2016 Dublino - ottobre 2016.
Clicca qui

Questo sito è ospitato da JustHost - consigliato. Clicca sul link sottostante per saperne di più.

Divulgazione:- Siamo un sito Web che ha bisogno di un compenso per funzionare come qualsiasi altro sito Web su Internet. Potremmo ricevere considerazione per le nostre raccomandazioni.

"Siamo semplicemente gli attuali custodi dei geni dei nostri antenati."

Questo sito si vede meglio con Microsoft Internet Explorer versione 6 e al di sopra. Si consiglia di eseguire l'aggiornamento alla versione 7 o 8. Fare clic qui per aggiornare il browser: - Microsoft Internet Explorer 8

Fáilte!

Alcuni utilizzano questa tecnica per indagare sulle connessioni con altri che portano lo stesso cognome e in questo modo entrano in contatto per la prima volta con cugini di quarto, quinto e sesto cugino. Se questo è il tuo obiettivo, Consiglio vivamente di aderire al progetto del cognome poiché gli amministratori si concentrano sul raggruppamento come risultati e sulla ricerca di connessioni recenti.

Altri sono interessati alle antiche origini del loro grappolo e questo sito web esamina le origini e l'età del cluster R1b chiamato "Tipo irlandese III", ritenuto essere quello del sept Dál gCais che viveva nella zona dell'Irlanda chiamata Thomond.

Se tu Mi sono imbattuto per caso in questo sito web, penso di essere "Irlandese di tipo III" e non mi hai mai contattato prima, potrei aver provato a contattarti. Si prega di andare alla pagina dei membri persi. Se il tuo nome appare lì, contattami.

Per quelli che sono nuovi alla Genealogia Genetica, come viene chiamato l'uso del DNA nella genealogia, e credono che troveranno questa discussione un po' scoraggiante, suggerisco che potrebbe valere la pena spendere un po' di tempo con alcune letture di base: -

La risposta è nei tuoi geni? - Debbie Kennett - una breve introduzione al test del DNA

Wiki ISOGG - Un Wiki completo con tutto quello che c'è da sapere sulla Genealogia Genetica.

Blair DNA 101 - Una serie di tre pagine, DNA101, DNA102, DNA103 per spiegare il DNA in "Layman's Terms".

Temi

Introduzione

R1b è l'aplogruppo più comune nell'Europa occidentale con un'incidenza particolarmente elevata in Spagna, Portogallo, Francia occidentale e Irlanda. L'aplotipo modale, (o aplotipo più comune), per questo R1b dell'Europa occidentale è chiamato aplotipo modale atlantico, (AMH). Per ulteriori informazioni su AMH, vedere la pagina dei collegamenti.

Perché del gran numero di maschi che rientrano in questo aplogruppo, sono stati fatti sforzi per trovare cluster che mostrano differenze nella Short Tandem Repeat, (STR) , dei loro alleli dall'AMH cercando variazioni simili negli aplotipi.

A quale aplogruppo appartengo?

Tuo la società di test probabilmente ha già suggerito l'ampio aplogruppo a cui appartieni e, se stai leggendo questa pagina, probabilmente sai già di far parte della popolazione R1b. Se non sei sicuro del tuo aplogruppo, prova il programma Haplogroup Predictor di Jim Cullen. R1b-IrishIII è una delle possibili previsioni del programma di Jim e se i tuoi indicatori prevedono questo sotto-clade a più del 95%, allora sei con tutta probabilità irlandese di tipo III.

Definizione di aplogruppi - test SNP

Mentre isolare gruppi di aplotipi che hanno variazioni alleliche simili dà una ragionevole probabilità dell'aplogruppo, un polimorfismo a singolo nucleotide o una mutazione (SNP) li differenzia formalmente, ed è solo dopo il test SNP che puoi essere sicuro di essere un membro di quell'aplogruppo . Per saperne di più sugli SNP vedere:- SNPMedia o Genetics 101 - Cosa sono gli SNP?

R1b1a2 - R-M269 'Ammasso'

Il cluster irlandese di tipo III

In Nell'aprile 2006, il ricercatore Dr Ken Nordtvedt, ha identificato un altro piccolo gruppo in cui l'area geografica ancestrale sembrava essere prevalentemente irlandese, ma l'aplogruppo era abbastanza diverso da quello irlandese e meridionale. Poiché la terza STR ha definito il raggruppamento irlandese, gli è stato dato il nome "Tipo irlandese III" e i suoi segni distintivi in ​​cui differisce da AMH sono:

Alcuni la variazione da questi valori può verificarsi e si verifica, ma due che hanno quasi sempre i valori modali sono DYS459 = 8,9 e DYS463 = 25.

test di DYS463 fa parte del test del marcatore DNA-Heritage and Relative Genetics 43 e dell'ormai defunto test del marcatore STR Ancestry 30 ed è disponibile da FTDNA nel test del marcatore STR esteso 111. In passato si raccomandava di testare questo marcatore per confermare l'appartenenza al cluster irlandese di tipo III. Tuttavia, il test dell'SNP L226 è ora economico ed è prontamente disponibile come test di conferma superiore. Le ricerche sono state condotte nel Ysearch (un database pubblico ora defunto) e in altri database STR, e ora sono stati trovati 1.390 aplotipi che si riferiscono a questo raggruppamento 1.293 all'interno di una distanza genetica, GD, di 8 al modale su 37 marcatori, insieme a un ulteriori 98 ´Outlier´ (quelli che fanno parte del cluster ma sono a una certa distanza dal modale). Questo foglio di calcolo mostra tutti i 983 aplotipi irlandesi di tipo III attualmente identificati dai progetti FTDNA. Alcuni sono interessati alla diffusione degli alleli in ogni marcatore e questi possono essere visualizzati su questo foglio di calcolo.

Da dove proviene il "tipo irlandese III"?

Guardare nell'area geografica ancestrale per questo raggruppamento, di coloro che non indicano "USA" o "Sconosciuto", l'85,6% dei partecipanti dichiara "Irlanda". Attualmente si tratta di 446 dei 1.225 aplotipi, tuttavia molti cognomi con 'Unknown', o uno stato degli USA sono ovviamente di origine irlandese, O´Brien, Casey, Hogan ecc. e se/quando noti aumenterebbero ancora di più la percentuale irlandese . Le contee dichiarate registrano: -

Per vedere una mappa di queste contee Clicca qui

Di gli altri che dichiarano un'origine ancestrale, il 5,0% dà ´Scozia´, il 7,3% dà ´Inghilterra´ e 3 aplotipi danno ´Galles´, un otto aplotipi dall'Europa, forse "Wild Geese", il nome dato agli esuli irlandesi nel continente nei secoli XVII e XVIII. Una firma dalcassiana (Dál gCais)? È stato ora dimostrato che questo clade è quello dei clan dalcassiani di Clare, Limerick e Tipperary, la cui famiglia principale sono gli O'180Brien. Il capo del clan O´Brien, che ha un pedigree impeccabile attraverso i baroni di Inchiquin e di Thomond fino a Brian Boru e quindi a Cormac Cas, è un membro del nostro gruppo, il che è una buona prova che conferma che l'irlandese di tipo III è davvero dalcassiano. Molti cognomi irlandesi di tipo III hanno collegamenti con gli O'180Brien, come Bryant, Kennedy, MacNamara, O'180Donnell, Butler, Casey, Hogan e McGrath. Quindi gli antenati di Cormac Cas, potrebbero benissimo essere i progenitori di questo ammasso.

Io ho ha pubblicato un articolo in Giornale di Genealogia Genetica. Un insieme di valori distintivi dei marker definisce una firma Y-STR per le famiglie gaeliche dalcassiane che espone la mia ricerca. www.jogg.info/51/files/Wright.pdf

In nella sezione Links c'è un collegamento a un libro fuori catalogo Historical Memoirs of the O'180Briens di John O'Donoghue, 1860. Può essere letto on-line o scaricato come download pdf da 21Mb. Questo fornisce preziose informazioni sui collegamenti con il clan O'180Brien.

Per un elenco di cognomi trovati per avere collegamenti irlandesi di tipo III, fare clic qui. Va sottolineato che avere un tale cognome NON significa necessariamente appartenere a questo cluster irlandese di tipo III.

Test SNP e ricerca del "nostro" SNP

Oltre 300 I partecipanti irlandesi di tipo III hanno una certa profondità di test SNP.

Cammina attraverso la Y. Nel 2009, 10 membri del cluster hanno donato $75 ciascuno per garantire che un candidato del nostro cluster potesse partecipare a questo importante progetto. Thomas Krahn di FTDNA ha cercato 100Kb del cromosoma Y di un membro da diversi cluster L21+ alla ricerca di SNP che potrebbero separare questi cluster. I cromatismi del nostro candidato irlandese di tipo III hanno rivelato una mutazione SNP che ora è stata chiamata L226.

Questo marcatore, L226, ha dimostrato di essere positivo nei 300 che hanno finora testato e, soprattutto, negativo nelle centinaia di non irlandesi di tipo III che hanno testato. Vedi la pagina Walk The Y.

Così con L226 positivo per il nostro cluster siamo chiamati R-L226. L226 è l'SNP che definisce il nostro cluster e quindi appare sull'R-Tree ISOGG 2017 con la nomenclatura elencata come R1b1a1a2a1a2c1a4b2a. Tuttavia, poiché questi nomi di aplogruppi "lunghi" cambiano costantemente, è meglio fare riferimento a questo clade come R-L226. Avere un SNP che definisce significa che Irish Type III non è più un "cluster". è un aplogruppo!

C'è un progetto istituito presso Family Tree DNA per il nostro aplogruppo R-L226. Tutti gli irlandesi di tipo III sono invitati a ordinare il test SNP L226, o preferibilmente il test pack SNP R1b - L226, e ad aderire a questo progetto.

PER FAVORE, fornisci il numero del tuo kit e dì che hai testato L226, o il pacchetto SNP, nella tua richiesta di adesione.

In modo significativo M222 è risultato negativo, differenziando chiaramente questo gruppo dall'irlandese nordoccidentale che è risultato positivo su questo marcatore.

Quanti anni ha questo cluster?

Usando metodi del genetista Anatole Klyosov, una corsa utilizzando 336 aplotipi di 67 marcatori è stata condotta nel settembre 2014 e fornisce una cifra di 1450 ± 150 anni per l'MRCA. Il nostro antenato comune visse tra il 350 d.C. e il 650 d.C. Questo è un po' prima di quanto calcolato in precedenza, ma riflette un numero maggiore di aplotipi nel calcolo.

Questo fornisce un tempo approssimativo per TMRCA - i cosiddetti eventi "collo di bottiglia", (dove una precedente colonia di diverse/molte persone raggiunge una situazione in cui un solo maschio ha una progenie maschile sopravvissuta e quindi tutti i futuri membri della colonia discendono da lui), può significare che il capostipite dell'aplogruppo potrebbe essere vissuto molto prima e quindi l'aplogruppo potrebbe essere più vecchio di secoli.

Cosa possiamo fare di più?

Se stai cercando di trovare relazioni con altri in questo aplogruppo, con il tuo cognome o un altro, potrebbe valere la pena estendere il tuo test a 67 marcatori. Attualmente, 539 membri si sono estesi a 67 marcatori e recentemente l'FTDNA ha aggiunto ulteriori marcatori portando il totale a 111 marcatori, e circa 138 hanno testato a questo livello. Se hai già testato a 67 marcatori, sarebbe meglio fare alcuni test SNP piuttosto che estendere a 111 marcatori.

Se sei una distanza genetica (GD) di 8 o più dal modale NT4BZ, suggerirei di testare SNP L226 come prova finale di appartenenza al cluster piuttosto che testare DYS463 o DYS716.

Ma il test SNP più completo ora disponibile, è il test Big-Y, vedere la pagina Big-Y Testing, che non solo verifica le ramificazioni note, ma scopre anche i tuoi SNP "privati" e quindi è un test di "scoperta", piuttosto che solo un prova comparativa.

Il futuro

Come col passare del tempo, si scopriranno di più sul raggruppamento irlandese di tipo III, ma sii felice sapendo che il DNA dei tuoi antenati ti sta chiamando dall'Isola di Smeraldo.


Libri in primo piano

Un Conto della vedova americana dei suoi viaggi in Irlanda nel 1844&ndash45 alla vigilia della Grande Carestia:

Partendo da New York, ha deciso di determinare la condizione dei poveri irlandesi e scoprire perché così tanti emigravano nel suo paese d'origine.

I ricordi della signora Nicholson del suo viaggio tra i contadini sono ancora rivelando e Avvincente oggi.

L'autore tornò in Irlanda nel 1847&ndash49 per aiutare con sollievo dalla carestia e registrato quelle esperienze nel piuttosto straziante:

Annals of the Famine in Ireland è il sequel di Asenath Nicholson dell'irlandese Welcome to the Stranger. L'indomita vedova americana tornò in Irlanda nel bel mezzo del Grande carestia e ha aiutato a organizzare i soccorsi per gli indigenti e gli affamati. Il suo conto è non una storia di carestia, ma testimonianza oculare personale alla sofferenza che ha causato. Per questo motivo, trasmette la realtà della calamità in un modo molto più eloquente. Il libro è disponibile anche in Kindle.

The Ocean Plague: or, A Voyage to Quebec in an Irish Emigrant Vessel è basato sul diario di Robert Whyte che, nel 1847, attraversò l'Atlantico da Dublino al Quebec in un Nave di emigranti irlandesi. Il suo resoconto del viaggio fornisce un'inestimabile testimonianza oculare del trauma e tragedia che molti emigranti hanno dovuto affrontare in viaggio verso la loro nuova vita in Canada e America. Il libro è disponibile anche in Kindle.

Lo scozzese-irlandese in America racconta la storia di come il razza resistente di uomini e donne, che in America divennero noti come i &lsquoScotch-Irlandese&rsquo, fu forgiato nel nord dell'Irlanda durante il XVII secolo. Riguarda le circostanze in cui il grande esodo al Nuovo Mondo, le prove e le tribolazioni affrontate da questi pionieri americani duri e l'influenza duratura che arrivarono ad esercitare sulla politica, sull'istruzione e sulla religione del paese.


10 persone che probabilmente non sapevi fossero nere

Cosa significa essere neri? È determinato dal colore della tua pelle, dalla tua eredità o dal gruppo etnico con cui ti identifichi maggiormente? E come si inserisce in questo scenario la "regola del drop-one" — l'idea che anche un briciolo di ascendenza nera ti renda nero?

Nel sud americano, durante l'era della segregazione, le leggi in molti stati imponevano che una persona che fosse almeno un sedicesimo nero (cioè avesse un trisnonno o una nonna neri) o qualche altra piccola quantità di sangue nero era considerato nero e quindi soggetto alle leggi discriminatorie che i bianchi non lo erano. Questa era informalmente conosciuta come la regola del "one drop" [fonte: Davis]. Gli afroamericani dalla pelle chiara in passato avrebbero potuto determinare se avesse più "senso" abbracciare la loro eredità nera, le leggi di Jim Crow e tutto il resto, o provare a "passare" per bianco per maggiori opportunità economiche ma a costo di tagliarsi fuori dalla famiglia e cultura.

Oggi, con le leggi sulla segregazione abolite, le scelte sono più sfumate. Dove una persona è cresciuta, o chi l'ha cresciuta, potrebbe determinare con quale gruppo etnico si identifica. Oppure potrebbe pensare di non dover scegliere un gruppo rispetto all'altro.

Sebbene non sia sempre stato in voga rivendicare tutti i rami del proprio albero genealogico, abbracciare un passato multiculturale sta diventando sempre più comune. Prendi Hollywood, per esempio. Sono finiti i giorni in cui le star del cinema sfuggivano a percezioni obsolete negando la loro etnia. Molte delle celebrità di oggi sono razzialmente ambigue, da Mariah Carey a Dwayne "The Rock" Johnson. Oggi condividiamo le storie di 10 persone (passate e presenti) che forse non sapevi fossero nere. Partiamo da un'illustre famiglia francese.

Napoleone Bonaparte era una figura ben nota che salì al potere durante la Rivoluzione francese. Ma Bonaparte non fu il suo unico eroe. Incontra il generale Alexandre Dumas.

Dumas è nato in quella che oggi è Haiti da un padre bianco che era un membro dell'aristocrazia e una madre nera che è stata ridotta in schiavitù. Sebbene Dumas abbia mantenuto il nome di famiglia di sua madre, suo padre lo ha cresciuto in Francia, il che ha garantito opportunità alle persone di razza mista. Lì, Dumas completò la sua educazione ed entrò nell'esercito, dove divenne un maestro di strategia e spada. Dumas raggiunse il grado di generale, guidò più di 50.000 soldati e si guadagnò una reputazione per l'azione. Secondo quanto riferito, ha catturato 13 soldati da solo, è andato in territorio nemico per imprigionarne altri 16 e ha guidato i suoi uomini su scogliere ghiacciate nel buio per sorprendere le forze opposte [fonte: Taylor].

Sebbene Dumas abbia continuato la sua carriera militare nella successiva campagna francese per conquistare l'Egitto, ha attirato l'ira del suo principale rivale, l'emergente Bonaparte. È impossibile dire se Bonaparte fosse geloso della maggiore altezza di Dumas (era più di 6 piedi contro i 5' 7 pollici di Bonaparte), il carisma o le abilità di fanteria. Una cosa è certa, però: la competizione (anche se solo nella mente di Napoleone) sarebbe la rovina di Dumas.

Alla fine degli anni '90, quando Dumas si trovò trascinato sulle coste italiane a causa di una nave che perdeva in modo allarmante, i seguaci di Napoleone gettarono Dumas in una prigione sotterranea. Lì ha languito per due anni perché sospettava che il medico della prigione lo avesse avvelenato. Sebbene Dumas sia stato finalmente rilasciato, la sua carriera militare era finita. Le storie delle sue imprese, tuttavia, hanno ispirato "Il conte di Montecristo", un romanzo scritto da suo figlio Alexandre, che ha anche scritto "I tre moschettieri" [fonte: Damrosch].

Anatole Broyard è nato a New Orleans nel 1920 da genitori neri dalla pelle chiara, ha trascorso gran parte della sua infanzia in un quartiere prevalentemente nero di Brooklyn e poi ha creato un'immagine accuratamente costruita priva della sua eredità etnica.

La pelle chiara di Broyard gli permise di arruolarsi nell'esercito segregato come uomo bianco, dove guidò un battaglione di soldati neri. Dopo il congedo dall'esercito, ha aperto una libreria nel Greenwich Village di New York, si è ambientato nel panorama letterario e alla fine è diventato un copywriter in una società di pubblicità. Sebbene abbia scritto alcuni racconti che sono stati accolti con il plauso della critica, Broyard inizialmente ha faticato a completare un'opera completa. L'attenzione, tuttavia, lo ha aiutato a ottenere un lavoro come revisore di libri presso il New York Times nei primi anni '70, posizione che ha ricoperto per più di un decennio.

Durante questo periodo, divenne uno dei critici letterari più influenti negli Stati Uniti e, nonostante le voci contrarie, continuò a vivere come un uomo bianco. La moglie ei figli di Broyard non sapevano che era nato nero, né lo sapevano i suoi colleghi o amici.

Broyard, morto di cancro alla prostata nel 1990, non ha mai rivelato le ragioni del suo stratagemma. Probabilmente, le limitate opportunità per i neri negli anni '40 avevano qualcosa a che fare con la sua decisione originale. Ma molti che lo conoscevano credevano anche che Broyard volesse vivere come un uomo bianco perché voleva sfuggire alle aspettative della razza. Voleva essere conosciuto, non per essere uno "scrittore nero", ma uno scrittore, punto. Anche il suo libro di memorie, "Kafka Was The Rage", non ha rivelato la sua razza [fonte: Gates].

"Si potrebbe ammettere che la morte di Anatole Broyard abbia comportato disonestà, ma è così chiaro che la disonestà è stata principalmente di Broyard?", ha scritto lo studioso Henry Louis Gates. "Passare è peccare contro l'autenticità, e l'"autenticità" è tra le bugie fondanti dell'era moderna."

Nel 2007, sua figlia Bliss ha pubblicato un libro su suo padre intitolato "One Drop: My Father's Hidden Life - A Story of Race and Family Secrets".

Malcolm Gladwell, scrittore decorato del New Yorker e autore di numerosi best-seller — "The Tipping Point", "Blink", "Outliers" e "What the Dog Saw" — ha vinto un National Magazine Award nel 1999 ed è stato nominato dal Time Magazine "100 persone più influenti" nel 2005. Nato nel 1963 da madre giamaicana e padre britannico, ha trovato la sua eredità mista per fornire un sacco di foraggio per la scrittura.

In "Black Like them", pubblicato in un numero di aprile 1996 del New Yorker, Gladwell ha esaminato le differenze tra i neri americani e gli indiani occidentali, insieme a osservazioni sulla sua infanzia e famiglia. Ha dettagliato la discriminazione tra i suoi antenati dalla pelle scura e chiara. Ad esempio, una vedova da parte di madre aveva due figlie dalla pelle scura, ma una volta finse di non conoscerle mentre conversava con un corteggiatore dalla pelle chiara.

Gladwell è cresciuto nell'Ontario rurale e ha sostenuto che la razza non fosse un problema. "I neri sapevano cosa fossi. Potevano discernere l'accenno di Africa sotto la mia pelle chiara", ha scritto nel suo saggio. "Ma era una specie di segreto, qualcosa di cui mi chiedevano in silenzio quando non c'era nessun altro in giro. Ma i bianchi non hanno mai indovinato, e anche dopo che li ho informati non è mai sembrato fare la differenza. Perché dovrebbe? In una città che è bianca al novantanove per cento, un modesto presunto tocco di colore difficilmente rappresenta una minaccia."

Le cose cambiarono quando andò a Toronto per l'università e scoprì la reputazione dei giamaicani che presumibilmente erano a capo del traffico di droga in Canada. "Dopo essermi trasferito negli Stati Uniti, rimasi perplesso su questa apparente contraddizione: come le Indie Occidentali celebrassero a New York per la loro operosità e guida potessero rappresentare, appena cinquecento miglia a nord-ovest, crimine e dissipazione. In America c'è qualcun altro da disprezzare. In Canada, non c'è" [fonte: Gladwell].

Carol Channing, nata nel 1921, era già una star di Broadway nota per le sue interpretazioni in "Gentleman Prefer Blondes" e "Hello Dolly" quando ha appreso qualcosa di sorprendente sulla sua eredità. Suo padre, George Channing, era un negro dalla pelle chiara.

E sebbene Channing sia diventata una nota attivista per i diritti degli omosessuali, essere di razza mista era qualcosa a cui alludeva solo brevemente nel suo libro di memorie "Just Lucky I Guess", che è stato pubblicato all'età di 81 anni. In esso, ha raccontato che suo padre cantava musica gospel con lei e passando da un modo di parlare nella comunità prevalentemente bianca a un modo di parlare nettamente diverso nella loro casa.

Quasi un decennio dopo Channing, tre volte vincitrice del Tony Award, sembrò cambiare idea di nuovo. In un episodio del 2010 di The Wendy Williams Show, Channing ha detto che i suoi genitori "avevano molti disaccordi", e prima di andare al college sua madre pensava "si sarebbe vendicata con me" e l'ha avvertita che se avesse avuto un bambino sarebbe potuto venire fuori Black . Channing, morta nel gennaio 2019 all'età di 97 anni, ha ammesso di non sapere se la storia secondo cui suo padre fosse nero fosse vera, ma sperava che lo fosse [fonti: Parker, Williams].

Pete Wentz ha sfoggiato un look caratteristico durante gli anni trascorsi come membro della rock band Fall Out Boy: capelli singolarmente lisci. Come bassista e capo dei testi della band, Wentz ha scritto canzoni di successo, tra cui "Infinity on High", prima che la lunga pausa del gruppo iniziasse nel 2009 [fonte: Hasty]. Poi ha fatto qualcosa di diverso. E non intendiamo finalizzare il suo divorzio dalla cantante pop Ashlee Simpson o formare la band Black Cards con il collega musicista Spencer Peterson nel 2010 [fonte: Gomez].

Nel 2011, Wentz ha iniziato a rinunciare alle sue ciocche dritte strategicamente arruffate per un look più naturale: i ricci. Non aveva nascosto lo sforzo necessario per modellare i suoi capelli, o il fatto che pensava che fosse una parte importante del suo aspetto [fonte: Lucey]. I riccioli stretti hanno anche portato alla speculazione che Wentz abbia antenati neri, e in effetti ce l'ha.

In un'intervista con Alternative Press, Wentz dice: "Mia madre, la mia famiglia, viene dalla Giamaica". Il suo unico rimpianto? Che quando ha trascorso del tempo in Giamaica da bambino, non ha apprezzato appieno le influenze musicali di Bob Marley o dei Wailers [fonte: Alternative Press]. Fortunatamente, la propensione di Wentz per la formazione di gruppi rock si è rivelata OK nonostante questa mancanza. Inoltre, è autore di due libri, ha aperto un bar e gestisce Clandestine Industries, un distributore di libri e abbigliamento [fonte: All Music].

Quando Soledad O'Brien ha debuttato come presentatrice della serie di documentari "Black in America" ​​della CNN, ha sollevato molte domande, specialmente dalla comunità nera, sul perché dovrebbe essere lei ad affrontare la premessa.

Si scopre che anche O'Brien è nero. È figlia di una madre latina nera e di un padre australiano bianco, è cresciuta in un quartiere prevalentemente bianco con genitori che insistevano sul fatto che si identificasse come nera. In qualità di americana di prima generazione di razza mista, O'Brien è diventata una giornalista televisiva e si è trovata a lottare per la parità di copertura per le persone di colore [fonte: O'Brien].

"Alle proiezioni di 'Black in America' ho sentito persone dire: 'Beh, sai che non ho mai pensato che fossi nero fino a quando non hai fatto [pezzi su Hurricane] Katrina e poi ho pensato che fossi nero.' E io direi: 'È così affascinante. Cosa ti ha fatto pensare che fossi nero?'" ha detto O'Brien in un'intervista per promuovere "Who is Black in America?", la sua ultima puntata nella serie di documentari.

"E poi qualcun altro direbbe: 'Sì, ma è sposata con un uomo bianco.' E io sono tipo 'OK, quindi questo mi rende meno nero e come funziona nella tua mente quella matematica?'"

Alla fine, O'Brien (che ha anche prodotto documentari per la CNN sull'essere latina in America) ha fatto affidamento su una lezione appresa nella sua infanzia: "I miei genitori mi hanno insegnato molto presto che il modo in cui le altre persone mi percepiscono in realtà non era un mio problema o una mia responsabilità. Era molto più basato su come mi percepivo" [fonte: O'Brien].

4: la regina Carlotta d'Inghilterra

Nel XVIII secolo, un dipinto della regina Carlotta, moglie del re britannico Giorgio III, suscitò un turbinio di dibattiti perché i suoi tratti del viso sembravano più in linea con quelli di origine africana. E con una buona ragione: sembra che la regina Carlotta discendesse da un ramo di una famiglia reale portoghese che fece risalire i propri antenati a un sovrano del XIII secolo di nome Alfonso III e alla sua amante Madragana, che era "a Moro" (un vecchio termine per qualcuno di origine africana). o discendenza araba) [fonte: Jeffries].

Alcuni storici mettono in dubbio questa teoria, ma lo studioso Mario de Valdes y Cocom osserva che il medico personale della regina ha affermato che aveva una "vera faccia da mulatta". Inoltre, la famiglia reale ha spiegato il suo legame con gli antenati africani in un rapporto pubblicato prima della regina Elisabetta II. incoronazione nel 1953, in concomitanza con la sua posizione di capo del Commonwealth [fonte: Cocom].

Se corretto, il legame reale con l'eredità nera significherebbe che la nipote della regina Carlotta, la regina Vittoria, era di razza mista. Lo stesso vale per i suoi discendenti ancora in vita, la regina Elisabetta II, il principe Carlo, il principe William e tutti i futuri eredi.

Considerato il padre dell'età dell'oro della letteratura russa, Alexander Pushkin, nacque nella nobiltà nell'estate del 1799. Era il pronipote di un principe etiope di nome Ibrahim Gannibal, che si era trasferito in Russia ed era diventato un generale dell'esercito di Pietro il Grande [fonte: PBS].

Pushkin divenne membro di un gruppo rivoluzionario dedito alla riforma sociale e scrisse poesie che riflettevano le sue opinioni. Il suo lavoro, che includeva "Libertà" e "Il villaggio", è stato esaminato dalle autorità russe e ha portato al suo esilio nel 1820 nella tenuta di sua madre [fonte: Shaw].

Sei anni dopo, fu graziato dallo zar Nicola I e libero di viaggiare si sposò nel 1831 e in seguito sfidò a duello uno degli ammiratori della moglie nel 1837. Morì due giorni dopo per le ferite riportate in battaglia. Le opere più famose di Pushkin includono la poesia "Il cavaliere di bronzo", il romanzo in versi "Eugene Onegin" e l'opera teatrale "Boris Gudunov" [fonte: Shaw]. Ha anche lasciato un romanzo incompiuto sul suo bisnonno etiope.

Se sei un fan dei film d'azione, è probabile che riconoscerai Michael Fosberg per i ruoli che ha ottenuto in "Hard to Kill" e "The Presidio". Fosberg, che ha interpretato personaggi bianchi in questi film, non ha dovuto sforzarsi per i ruoli. Dopotutto, era cresciuto bianco in una famiglia dell'alta borghesia, sua madre era una bruna e suo padre era un biondo dalla pelle chiara.

Quando Fosberg aveva 32 anni, tuttavia, i suoi genitori divorziarono e rivelarono un segreto di famiglia che avrebbe cambiato il corso della sua vita. L'uomo che Fosberg aveva sempre conosciuto come suo padre era in realtà il suo patrigno. Il suo padre biologico e sua madre erano stati sposati solo per breve tempo dopo il suo inaspettato concepimento, e Fosberg decise di trovare l'uomo. Quando lo fece, rimase sbalordito nello scoprire che suo padre era Black.

La riunione emotiva ha cambiato la percezione di Fosberg, non solo di se stesso, ma del mondo che lo circonda. È un viaggio che ha raccontato in un libro di memorie, "Incognito: An American Odyssey of Race and Self-Discovery". Fosberg ha scoperto che la parte afroamericana della sua famiglia includeva un nonno che era presidente del dipartimento di scienza e ingegneria alla Norfolk State University, Va., e un bisnonno che era un lanciatore di stelle per le Negro Leagues [fonte: Ihejirika].

Dal 2000, è in tournée per la nazione eseguendo un'opera teatrale basata sulla sua storia di vita. "È importante abbracciare tutto ciò che sei", ha detto Fosberg in un'intervista al Chicago Sun-Times.

Un'esplorazione del Rinascimento italiano non sarebbe completa senza parlare della potente famiglia bancaria e politica dei Medici. E Alessandro de Medici, primo duca di Firenze, sostenne alcuni dei maggiori artisti dell'epoca. Infatti, è uno dei soli due principi medicei ad essere sepolto in una tomba progettata da Michelangelo.

Si potrebbe dire che Medici sia stato il primo sovrano nero in Italia, in effetti il ​​primo capo di stato nero nel mondo occidentale, anche se raramente si è parlato della sua eredità africana. Nacque nel 1510 da un servo nero e da un diciassettenne bianco di nome Giulio de Medici, che in seguito sarebbe diventato papa Clemente VII. Alla sua elezione a papa, Clemente VII dovette rinunciare alla sua carica di duca di Firenze e nominò invece suo figlio.

Ma l'adolescente Medici ha dovuto affrontare un clima politico mutevole. L'imperatore Carlo V saccheggiò Roma nel 1527 e i fiorentini approfittarono delle turbolenze per stabilire una forma di governo più democratica. Medici fuggì dalla sua città natale. Tornò quando le tensioni si allentarono due anni dopo e fu nuovamente nominato dall'imperatore Carlo V, che offrì la propria figlia - anche lei nata fuori dal matrimonio - come moglie di Medici. Nonostante i legami familiari, Medici fu ucciso da un cugino poco dopo essersi sposato nel 1537 [fonte: African American Registry].

Pubblicato originariamente: 4 febbraio 2013

Nota dell'autore: 10 persone che probabilmente non sapevi fossero nere

Questo è stato un articolo affascinante da ricercare, soprattutto perché ho potuto approfondire storie personali. Ho trovato particolarmente toccanti le esperienze di Anatole Broyard e Michael Fosberg: Broyard per la sua capacità e il desiderio di evitare il problema di essere nato nero, e Fosberg per aver abbracciato la vita da uomo nero dopo essere cresciuto bianco. E poi c'è la regola di una goccia. Cosa significa essere neri? O, nel mio caso, nativo americano? Ho sangue Cherokee nelle vene (e probabilmente altre etnie che non conosco nemmeno), ma sono stato adottato da una famiglia fantastica quando avevo solo sette giorni. Naturalmente, sono cresciuto identificandomi con la mia famiglia. L'idea della biologia contro l'ambiente è interessante. Con così tanti fattori per modellare le nostre personalità e percezioni, chi può dire se siamo formati dall'esperienza o dall'etnia?


In tempi di crisi senza precedenti, come quello in cui stiamo vivendo, ci sono opportunità per i veri leader di essere all'altezza della situazione.

Questo è stato uno dei principali risultati di una conversazione di oggi con Soledad O'Brien, la giornalista pluripremiata che ha raccontato più della sua giusta quota di eventi sismici globali nel corso della sua carriera.

"Ogni disastro che ho coperto &mdash lo tsunami, l'uragano Katrina, il terremoto di Haiti &mdash queste sono opportunità in cui ho visto emergere leader", mi ha detto. "In una crisi e in che modo sostieni quelle persone che sono stressate e come dai alle persone la possibilità di guidare?"

La conversazione di questa mattina con Soledad fa parte della nostra iniziativa di contenuti Leading Through Change, con l'obiettivo di ispirare e aiutare durante questo periodo di incertezza. Credo che, per la comunità del content marketing, sia importante essere ipersensibili ora, a ciò che le persone stanno attraversando. Se non hai qualcosa di rilevante e utile da dire, considera di fare un passo indietro.

Detto questo, le regole per i creatori di contenuti stanno cambiando radicalmente in questa nuova economia legata a casa. In qualità di CEO di Soledad O'Brien Productions, vede l'opportunità per la sua azienda di 11 persone di essere creativa, con interviste video a distanza in prima linea.

&ldquoCome pensiamo di girare cose che non richiedono che tu stia accanto a qualcuno?&rdquo ha detto. &ldquoLe persone possono riprendersi da sole ora e la qualità del video è eccezionale &mdash che apre molte nuove strade.

Quell'idea &mdash creatività nata dalla necessità &mdash è stato anche qualcosa di cui ho discusso oggi con Sheryl Crow, la nove volte vincitrice del Grammy Award che si è unita a noi dal suo studio di casa.

&ldquoQuando tutto questo ha cominciato a succedere &hellip abbiamo fatto tre elenchi. Abbiamo fatto una lista di cose che devo fare, cose che voglio fare e cose del genere che non ho mai fatto e modi per ricambiare", ha detto Sheryl. "Ho sempre creduto che la noia fosse il più grande sostenitore della creatività. Ora [i miei figli] stanno letteralmente usando la noia per capire come creare mondi intorno a loro".

Questi sono solo alcuni dei tanti argomenti che abbiamo toccato nella discussione di oggi: dalla gestione del diluvio di notizie di oggi al supporto delle piccole imprese che hanno più bisogno di noi a una piccola previsione su dove Soledad pensa che le cose atterreranno una volta finita questa pandemia. Ti incoraggio a guardare i video se qualcuno di questo risuona. (Spoiler: Sheryl parla dei pulcini che i suoi figli hanno adottato in modo che possano regalare le uova ai loro vicini nel bel mezzo di una carenza di uova.)

Guarda l'intervista completa con Soledad O&rsquoBrien e la performance speciale di Sheryl Crow:

In questo momento di crisi, molti di noi stanno pensando a come elevare coloro che ne hanno più bisogno. Ecco perché abbiamo chiesto anche a coloro che sono abbastanza fortunati da essere in grado di aiutare a sostenere la World Central Kitchen di Jose Andres, la cui missione è mobilitare gli chef e le comunità locali per fornire soccorsi in caso di calamità sotto forma di pasti caldi e nutrienti. Se puoi, fai una donazione e sostieni i loro sforzi.

I nostri Guidare attraverso il cambiamento fornisce leadership di pensiero, suggerimenti e risorse per aiutare i leader aziendali a gestire le crisi. Dai un'occhiata ad alcuni dei nostri articoli più recenti:

  • Ecco cinque modi in cui aiutiamo i nostri dipendenti a orientarsi nel lavoro ora
  • Guarda come abbiamo trasformato un evento dal vivo in un'esperienza online
  • È necessario disporre di un piano di comunicazione di crisi in atto

Aggiornamento: 17 aprile 2020: questo post è stato aggiornato per contestualizzare più correttamente le citazioni di Soledad O&rsquoBrien.


Agenzia Marsh McLennan

Marsh & McLennan Agency e i suoi colleghi svolgono un ruolo attivo nelle nostre comunità locali, facendo la differenza nei momenti che contano per i membri della comunità.

Entra nel nostro gruppo!

La nostra missione come organizzazione è fare sempre ciò che è giusto per i nostri clienti, colleghi e comunità.

Ti forniamo queste informazioni in qualità di consulenti con conoscenza ed esperienza nel settore assicurativo e non come consulenza legale o fiscale. Le questioni affrontate possono avere implicazioni legali o fiscali per te e ti consigliamo di parlare con il tuo consulente legale e/o consulente fiscale prima di scegliere una linea d'azione basata su una qualsiasi delle informazioni qui contenute.

Le modifiche alle circostanze di fatto o a qualsiasi regola o altra guida su cui si fa affidamento possono influire sull'accuratezza delle informazioni fornite. Marsh & McLennan Agency LLC non è obbligata a fornire aggiornamenti sulle informazioni qui presentate

Titoli e servizi di consulenza sugli investimenti offerti tramite MMA Securities LLC (MMA Securities), membro FINRA/SIPC e un consulente per gli investimenti registrato a livello federale. Ufficio principale: 1166 Avenue of the Americas, New York, NY 10036. Telefono: (212) 345-5000. Prodotti assicurativi variabili distribuiti da MMA Securities LLC, CA OK 81142. Marsh & McLennan Insurance Agency LLC e MMA Securities LLC sono affiliate di proprietà di Marsh & McLennan Companies. I servizi di consulenza sugli investimenti per MMA Prosper Wise SM sono offerti esclusivamente come Consulente per gli investimenti registrato tramite MMA Securities. Alcuni dei nostri rappresentanti di consulenti per gli investimenti sono rappresentanti registrati di MMA Securities. Una copia della nostra dichiarazione di divulgazione scritta relativa ai nostri servizi di consulenza e alle commissioni è disponibile per la revisione su richiesta. Si prega di consultare un professionista fiscale per richieste e raccomandazioni fiscali specifiche.


Terapia medica e raggiungimento degli obiettivi del fattore di rischio

I tipi di farmaci e il raggiungimento degli obiettivi dei fattori di rischio erano simili nei due gruppi (Tabella S5). Il livello medio di colesterolo lipoproteico a bassa densità era di 83 mg per decilitro (2,1 mmol per litro) al basale e 70 mg per decilitro (1,8 mmol per litro) all'ultima visita. La pressione arteriosa sistolica mediana era di 135 mm Hg al basale e di 130 mm Hg all'ultima visita. C'è stato un maggiore uso di farmaci antianginosi nel gruppo con strategia conservativa e un maggiore uso della doppia terapia antipiastrinica nel gruppo con strategia invasiva (Fig. S3).


Appendici

Apparizioni

    :
    • "Incontro a Farpoint" (Stagione 1)
    • "Solo tra noi"
    • "Il bambino" (Stagione 2)
    • "Dove il silenzio è in affitto"
    • "Forte come un sussurro"
    • "Selezione innaturale"
    • "Una questione d'onore"
    • "La misura di un uomo"
    • "Il Delfino"
    • "Contagio"
    • "Il Reale"
    • "Tempo al quadrato"
    • "Il fattore Icaro"
    • "Amici di penna"
    • "Q Chi"
    • "Su per la lunga scala"
    • "Caccia all'uomo"
    • "L'Emissario"
    • " Sfumature di grigio "
    • "Le insegne del comando" (stagione 3)
    • "Il legame"
    • "Trappola esplosiva"
    • " Il nemico "
    • "Il prezzo" (solo voce)
    • " La preda "
    • "Una questione di prospettiva"
    • " Uomo di latta "
    • "inseguimenti vuoti"
    • "I più giocattoli"
    • "Sarek"
    • "Trasfigurazioni"
    • " Il meglio dei due mondi "
    • "Il meglio di entrambi i mondi, parte II" (stagione 4)
    • " Famiglia "
    • " Fratelli "
    • " Ricordati di me "
    • " Eredità "
    • "Giornata dei dati"
    • " I feriti "
    • " Indizi "
    • " Terrori notturni "
    • "Mezza vita"
    • "L'occhio della mente"
    • " In teoria "
    • "Redenzione II" (Stagione 5)
    • "Darmok"
    • "Disastro"
    • " Il gioco "
    • "Gioco di potere"
    • "Reame della paura" (Stagione 6)
    • "Mascalzoni"
    • " All Good Things " (versione anti-tempo della settima stagione)
    • Miles O'Brien è apparso in tutti gli episodi di DS9 tranne:
    • "Dassi"
    • " Il passeggero "
    • "Spostati verso casa"
    • " Giuramento di sangue "
    • "Seconda pelle"
    • " Attraverso lo specchio " (è apparsa la controparte speculare)
    • "Chi è senza peccato".
    • "Cose Passate"
    • "Lontano oltre le stelle" (Colm Meaney ha interpretato Albert Macklin)
    • "Nel pallido chiaro di luna"
    • " La resa dei conti "
    • " Valoroso "
    • "Il mantello nuovo dell'imperatore" (è apparsa la controparte speculare)

    Informazioni di base

    Miles O'Brien è stato interpretato da Colm Meaney in tutte le apparizioni. Quando gli è stato chiesto cosa pensava che O'Brien avesse portato allo spettacolo, durante un'intervista nel novembre 2009, Meaney ha risposto: "Non lo so. Penso che sai, a causa di quel mondo in cui abitavamo, con tutti questi personaggi straordinari che potevano fare cose straordinarie, c'era un fantastico tipo di umanità in O'Brien e questo è dovuto alla scrittura, ovviamente, ma lo è anche in tutti i sensi, in quanto era umanoide! Ma penso che abbia portato quel tipo di sensibilità contemporanea in un mondo straordinario, ed è bello poterlo dire. E, naturalmente, avevamo le trame con Rosalind Chao, che interpretava mia moglie, Keiko, che erano fantastiche, solo per essere in grado di interpretare quelle trame di tensione domestica o i problemi che un bambino deve affrontare in quell'ambiente." [1]

    Prima di rivelare il suo nome "Miles" nell'episodio "Famiglia" della quarta stagione di TNG, Ronald D. Moore e gli altri scrittori consideravano "Aloysius" come il nome di O'Brien. ("Ovvero O'Brien", La rivista ufficiale di Star Trek: The Next Generation Magazine issue 14, p.㺞) ha commentato Rick Berman, "L'ho chiamato come mio nipote, il cui nome è Miles O'Brien." (La missione cinquantennale: i prossimi 25 anni, P. 442)

    Portando Meaney e quindi O'Brien su DS9, Michael Piller ha dichiarato: "Abbiamo sempre pensato che fosse un artista eccezionale e ora gli stiamo dando qualcosa di molto più interessante da fare come personaggio principale nel nuovo spettacolo. Si strappa i capelli da un minuto all'altro perché tutto si rompe. Non riesce a convincere i replicatori a fare una buona tazza di caffè sua moglie Keiko è terribilmente scontenta di essere stata tolta dal Impresa e oltre a questa terribile stazione. Così si ritrova in una posizione scomoda." (Trek: Deep Space Nine: La storia non autorizzata, P. 11) Confrontando la rappresentazione di O'Brien in TNG con la rappresentazione del personaggio in DS9, lo stesso Meaney ha commentato: "È essenzialmente lo stesso personaggio [….] Non ho davvero cambiato il mio approccio all'interpretazione del personaggio. È lo stesso ragazzo che cerca di affrontare molti più problemi." (Il numero 1 della rivista ufficiale di Star Trek: Deep Space Nine, pp. 22 e 23)

    Secondo il produttore esecutivo/sceneggiatore di DS9 Ira Steven Behr, "O'Brien è ogni uomo. In uno spettacolo su umani e alieni, è umano come te." Allo stesso modo, il partner di scrittura di Behr per le prime quattro stagioni dello show, Robert Hewitt Wolfe, afferma: "È solo un ragazzo normale, un ragazzo che fa il suo lavoro. È solo il più improbabile di tutti gli eroi perché è un padre di famiglia con una figlia e alla fine un figlio e una moglie e hanno discussioni e una vera relazione, ed è solo uno scemo della classe operaia, voglio dire ovviamente è un ragazzo davvero brillante e molto bravo in quello che ha fatto, ma fondamentalmente, uno schmo della classe operaia che cercava solo di passare la giornata." (Dossier dell'equipaggio: Miles O'Brien, DS9 stagione 5 DVD, contenuti speciali)

    Lo staff di sceneggiatori di DS9 aveva una battuta in corso in cui il personaggio avrebbe subito un trauma significativo in almeno un episodio a stagione. Tra questi c'erano "Whispers", "Tribunal", "Visionary", "Hard Time" e "The Assignment". (Star Trek: Deep Space Nine Companion (pp. 328 &𧊅)) Secondo Ira Behr, "Ogni anno in uno o due spettacoli cerchiamo di rendere la sua vita miserabile, perché tu entri in empatia con lui." Robert Hewitt Wolfe spiega ulteriormente, "Se O'Brien fosse passato attraverso qualcosa di tortuoso e orribile, il pubblico lo avrebbe sentito, in un modo che non lo avrebbe sentito con nessuno degli altri personaggi. Perché tutti gli altri personaggi erano in qualche modo, non direi più grandi della vita, ma più nobili della vita, ma O'Brien era solo un ragazzo, che cercava di vivere la sua vita e quindi se lo torturavi quella era una storia." (Dossier dell'equipaggio: Miles O'Brien, DS9 stagione 5 DVD, contenuti speciali)

    Il rapporto costruito su DS9 tra O'Brien e Bashir è stato molto importante per tutti gli sceneggiatori, così come per entrambi gli attori. Secondo Ronald D. Moore, dopo la scena in cui cantano insieme l'inno patriottico britannico "Jerusalem" in DS9: "Explorers", tutti gli scrittori dello staff volevano scrivere scene che coinvolgessero la loro amicizia. Alexander Siddig dice: "è stato detto, anche dai produttori, che O'Brien e Bashir sono gli unici vero amicizia che sia mai accaduta Star Trek. Questi due veramente sono amici. Non è come una sorta di strano scenario di coppia, come Spock e Kirk. È un vero amicizia. Queste persone parlano di cose insensate, e penso che sia stato davvero rinfrescante."Robert Hewitt Wolfe elabora,"È stato semplicemente fantastico. C'era solo una grande chimica tra i due attori, una grande chimica tra i due personaggi. È stato geniale da parte di Michael e Rick creare questi due personaggi come fioretti l'uno per l'altro. E poi vedere questa relazione svilupparsi nel corso degli anni fino a diventare migliori amici, fino a quando a Miles in realtà piace Bashir quasi più di sua moglie alcuni giorni, il che è molto reale, voglio dire, ci sono giorni in cui tutti, sai, è più facile essere amico di un amico che di tua moglie alcuni giorni." (Dossier dell'equipaggio: Miles O'Brien, DS9 Stagione 5 DVD, Contenuti speciali) Ira Behr va ancora oltre, e la cita come la sua relazione preferita in tutte le Star Trek "La relazione tra Bashir e O'Brien è la migliore relazione, la migliore amicizia, nella storia del franchise. Spock e Kirk stavano ancora parlando del capitano e del suo numero uno. Questa è un'amicizia con due pari, due ragazzi. È una cosa meravigliosa vedere come è cresciuta questa relazione." (Dossier dell'equipaggio: Julian Bashir, DS9 stagione 6 DVD, contenuti speciali)

    Curiosità

    O'Brien è uno dei due personaggi arruolati in Star Trek di aver ricevuto uno sviluppo significativo del personaggio, l'altro è Yeoman Janice Rand.

    O'Brien è uno dei cinque personaggi ad apparire nelle prime due serie (TNG: "Incontro a Farpoint" e DS9: "Emissario"), gli altri sono Jean-Luc Picard (stessi episodi di O'Brien), Quark, Morn, e Broik (sia in DS9: "Emissario" che in VOY: "Custode").

    O'Brien è uno dei quattro personaggi ad apparire in due finali di serie ( TNG : " All Good Things " e DS9 : " What You Leave Behind "), gli altri sono Worf (stessi episodi di O'Brien), William T. Riker e Deanna Troi (entrambi in TNG: "Tutte le cose buone." e ENT: "Questi sono i viaggi".).

    O'Brien è l'unico personaggio ad apparire nelle prime due serie e due finali di serie, (TNG: "Incontro a Farpoint" e DS9: "Emissario"), e (TNG: "Tutte le cose buone." e DS9: "Ciò che lasci alle spalle").

    Cronologia classifica problematica

    Il personaggio di Miles O'Brien e il grado esatto in cui ricopriva Star Trek, ha una sua storia che abbraccia la durata dell'esistenza del personaggio.

    In tredici anni di apparizioni del personaggio, solo negli ultimi quattro il suo grado è stato stabilito per essere presumibilmente capo sottufficiale anziano (sebbene questo termine non sia mai stato usato direttamente sullo schermo). Attraverso varie altre fasi dello sviluppo del personaggio, O'Brien è stato indicato come un membro dell'equipaggio, un tenente e varie note di sceneggiatura indicavano che era un "maresciallo". Il romanzo di Emissario indicato O'Brien ha tenuto un grado noto come "alfiere junior grade".

    La storia esatta dei ranghi di O'Brien è la seguente:

    1987: Appare in " Encounter at Farpoint " e viene indicato come "Conn" (non come nome, ma indicando che stava conducendo i movimenti della nave). In questo episodio, O'Brien indossa l'unico pip di un guardiamarina della Flotta Stellare (1) e un'uniforme rossa della divisione comando. In " Lonely Among Us " appare di nuovo, senza insegne apparenti, accreditato come prima guardia di sicurezza e nella corrispondente divisa gialla della divisione operativa.

    1988: Appare in "The Child", accreditato come Transporter Chief. Indossa i due semi di un tenente della Flotta Stellare (2). In " Where Silence Has Lease " appare con indosso la stessa uniforme e le stesse insegne di "The Child" e viene chiamato direttamente dal comandante Riker come "tenente", apparentemente indicando che O'Brien è un ufficiale.

    1989: Il cognome di O'Brien viene menzionato per la prima volta in " Unnatural Selection ". Indossa di nuovo i due semi di un tenente della Flotta Stellare e viene chiamato capo.

    1989: Appare in "The Emissary", ancora una volta con indosso due semi. Verso la fine dell'episodio, il tenente Worf gli dà le coordinate del teletrasporto. Dopo averli inseriti, Worf dice "ti alleggerisco", a cui O'Brien risponde, "Beh, io sono 8230 sì, tenente", che è il modo corretto di rivolgersi formalmente a qualcuno di rango inferiore (se Worf fosse stato il suo superiore, probabilmente sarebbe stato "signore"). Ci sono stati molti esempi nella Flotta Stellare di rango superiore di posizione, come un ufficiale di plancia lasciato al comando di una nave, anche quando un ufficiale superiore è in servizio in ingegneria.

    1990: Appare in "Famiglia" e viene chiamato "un altro sottufficiale capo" da Sergey Rozhenko, anche se viene mostrato con le sembianze di tenente, e gli viene dato un nome (e un secondo), tre anni dopo la sua prima apparizione. Da questo punto in poi, il personaggio di O'Brien si sviluppa come un membro arruolato anziano della Impresa dell'equipaggio, sebbene continuasse a portare le insegne di tenente.

      commentato,"O'Brien in origine era solo un giocatore diurno su TNG e per un po' di tempo si è pensato molto poco, se non del tutto, al suo grado o al suo background. È diventato ufficialmente un sottufficiale capo in "Family" quando volevo che lui e il padre adottivo di Worf fossero entrambi sottufficiali in contrasto con Worf. Renderlo un arruolato sembrava darci un altro colore nello spettacolo e aprire un'altra finestra sulla Flotta Stellare che non avevamo esplorato prima." (chat di AOL,1998)

    1991: Appare in " Data's Day " indossando la sua solita uniforme e le insegne. Alla fine dell'episodio, O'Brien indossa un'uniforme elegante anche con le due insegne pip di un tenente. Più tardi in "Clues", cita Ensign Locklin come "uno dei suoi tecnici", suggerendo ancora una volta un grado più alto in linea con i suoi due pips di grado.

    1992: Appare in " Realm of Fear " dove O'Brien riceve ordini diretti da Reginald Barclay (che è un tenente junior grade) rafforzando così l'idea che O'Brien sia un sottufficiale rispetto a un ufficiale incaricato. Questo episodio segna la prima volta che O'Brien indossa l'unico seme vuoto con la sua uniforme normale (3). (Il Enciclopedia di Star Trek  (2a ed., p. 211) definisce questo come l'insegna di un "capo maresciallo", sebbene il termine non venga mai usato sullo schermo.)

    1993: Appare in "Emissary", dove si trasferisce su Deep Space 9 per assumere una nuova posizione come "capo delle operazioni". In "A Man Alone", questo trasferimento è descritto come una "promozione". Per i successivi tre anni, O'Brien indossa un'unica insegna a forma di semi cavo con il suo grado ancora molto in discussione. Note di sceneggiatura da diversi Deep Space Nine gli episodi indicano che è un "maresciallo", mentre il romanzo del pilota afferma che O'Brien è un "alfiere di grado minore" (3).

    1994: Appare in " Paradise " dove descrive brevemente la storia di come è diventato ufficiale tattico e "ha ottenuto la [sua] tuta d'oro" sulla USS Rutledge. Nel prossimo episodio, " Shadowplay ", il suo titolo è dichiarato essere capo specialista senior. Appare anche nel segmento passato di "All Good Things." indossando l'unico pip di un vessillo della Flotta Stellare, che è coerente con quello indossato durante "Encounter at Farpoint" (1). Il Star Trek: il compagno di nuova generazione  (2a ed., p. 301) riporta erroneamente che O'Brien indossa un singolo seme vuoto durante l'episodio.

    • In "Tribunal", O'Brien ha detto a Raymond Boone di essere il capo Ingegnere di Deep Space 9, piuttosto che capo di Operazioni.
    • In "Faccette", dopo che Nog ha superato l'esame di ammissione all'Accademia della Flotta Stellare, O'Brien dice a Bashir che se Nog si diploma all'Accademia, [O'Brien] dovrà rivolgersi a Nog chiamandolo "signore". Nonostante ciò, Nog (dopo essere diventato un guardiamarina) si riferiva ancora al capo come "signore".

    1995: In "Tempo passato, prima parte", quando gli altri ufficiali si lamentano di dover partecipare a una funzione formale della Flotta Stellare, viene chiesto a O'Brien se desidera partecipare. Lui scherza a metà"Divisa completa, biancheria da tavola raffinata, una forchetta diversa per ogni portata? No grazie, è per questo che sono rimasto un arruolato. Non si aspettano che mi presenti a queste cene formali."

    1995: Al tempo del "Giuramento di Ippocrate", O'Brien ha iniziato a indossare una nuova insegna che ricorda il grado di gallone usato dai moderni capi sottufficiali della Marina degli Stati Uniti (4). In questo episodio, un Jem'Hadar che ha familiarità con le insegne della Flotta Stellare lo identifica come un'insegna da capo sottufficiale. Presumibilmente era in realtà un sottufficiale capo anziano, poiché la parola anziano era usata in "Shadowplay", quindi i Jem'Hadar presumibilmente semplicemente omisero la distinzione. La sua uniforme in "Crossfire" non mostra le insegne di grado, ma in "Regole d'ingaggio" ha l'unico segno vuoto.

    Perni di rango corrispondenti
    1 2 3 4

    Le possibili spiegazioni per i vari titoli e le insegne di O'Brien includono:

    • Durante alcuni punti di La prossima generazione, O'Brien potrebbe aver ricoperto una commissione sul campo come ufficiale, il che spiegherebbe perché Riker una volta lo chiamò tenente. Il suo continuo indossare due semi (che è l'insegna standard di un tenente) potrebbe essere un tipo di "insegna onoraria" anche se in seguito è stato chiaramente indicato come un sottufficiale capo.
    • Le insegne da sottufficiale della Flotta Stellare potrebbero essere identiche alle insegne da ufficiale, con il numero di punti indossati da un sottufficiale che indica il livello di anzianità come sottufficiale capo. Con questo sistema, un pip equivarrebbe a un sottufficiale capo, due a un capo anziano e tre a un capo supremo. Con O'Brien che indossa due semi in tutto La prossima generazione, questo equivarrebbe al suo grado finale di capo sottufficiale anziano in Deep Space Nine.
    • I gradi per il personale della base stellare possono semplicemente differire nel nome dal personale che serve sulle navi stellari.
    • L'intenzione originale per i sottufficiali (personale arruolato senior) nel vecchio sistema britannico da cui la maggior parte delle forze armate occidentali prende le proprie tradizioni, era che detenessero un "mandato" che li autorizzasse alla stessa autorità di un ufficiale incaricato, ma all'interno del campo ristretto in cui sono un esperto.Pertanto, un "capo" del trasportatore può, per quanto riguarda il funzionamento e la manutenzione dei trasportatori, essere titolare di un mandato che conferisce la stessa autorità di un tenente e quindi può indossare le insegne di grado che lo designano come tale. Questo potrebbe spiegare la leggera esitazione che ha mostrato nell'episodio del 1989 "The Emmisary" dove Worf, un tenente JG, lo solleva. Normalmente nelle operazioni di un trasportatore, la sua autorità può sostituire quella di Worf, ma come ufficiale incaricato, Worf potrebbe aver avuto un'autorità più generale e la stava esercitando. La sua risposta a Worf è la risposta formale corretta di un rango superiore a un giovane che, per natura di posizione o autorità, lo solleva.

    Alcuni problemi nell'assumere che O'Brien sia un sottufficiale capo della Flotta Stellare includono:

    • L'intero retroscena visto in "The Wounded" rivela che O'Brien era un tempo un alto ufficiale capo del dipartimento sotto il comando del capitano Benjamin Maxwell. Con O'Brien che è un sottufficiale capo a bordo del Impresa, è logico che fosse un CPO molto giovane o forse anche un normale sottufficiale sotto Maxwell. Con i doveri che si diceva avesse ricoperto O'Brien (ufficiale tattico), questo crea un problema poiché da nessun'altra parte in Star Trek una persona arruolata è stata vista ricoprire una posizione di così alto livello. È importante notare che il servizio di O'Brien sotto Maxwell avvenne durante la Guerra di Confine Federazione-Cardassiana. In condizioni di guerra, ufficiali di grado inferiore e forse anche membri dell'equipaggio senza commissione potrebbero essere stati costretti a prestare servizio in luoghi in cui altrimenti non avrebbero avuto l'opportunità di prestare servizio in tempo di pace.
    • A un certo punto, sembra che O'Brien avesse degli ufficiali che lavoravano per lui. È il caso di "Clues", in cui O'Brien afferma che un alfiere era "uno dei suoi tecnici". Ciò può essere spiegato dal fatto che O'Brien detiene un tipo di "autorità posizionale" che gli concederebbe l'autorità sugli ufficiali a causa della sua posizione di capo teletrasporto, anche se era militarmente più giovane. Ciò continuò fino al suo incarico su Deep Space 9, con un alfiere in "Emissary" che si rivolgeva a lui come "signore", diversi membri del suo staff che sembravano essere insigni o tenenti e Nog chiaramente subordinato a O'Brien nonostante detenesse il grado di guardiamarina. Tuttavia, in tutta la serie DS9, viene continuamente affermato che O'Brien è il capo ingegnere della stazione e, come accennato in precedenza, questa posizione spesso supera il grado che qualcuno detiene. una volta osservò in "Prove e tribolazioni" che O'Brien aveva frequentato l'Accademia della Flotta Stellare, che è una scuola di addestramento per ufficiali incaricati e non sottufficiali. Ronald D. Moore ha osservato: "Questo è un errore, puro e semplice. Se si vuole razionalizzare, suppongo che si possa dire che il programma di formazione arruolato si svolge anche in Accademia." (chat di AOL,1998) L'idea di formare il personale arruolato dell'Accademia della Flotta Stellare è stata sostenuta anche dalle dichiarazioni di Simon Tarses in "The Drumhead".

    Alla fine, potrebbe non essere niente di più complicato di quello che nei primi giorni di TNG quando era poco più di un normale extra, le sceneggiature presumevano solo che fosse un ufficiale perché non c'era mai alcun personale arruolato effettivo mostrato sullo schermo. La sua successiva specificazione al grado di "capo", quindi, non sarebbe altro che il fatto che la sua posizione nel personaggio in TNG come capo del teletrasporto ha reso facile chiamarlo un vero capo in seguito e arricchirlo nel ruolo di una persona arruolata. Cercare di attribuire ragioni canoniche interne al personaggio alle decisioni fuori dal personaggio (per arricchire il cast di DS9 con persone familiari ai telespettatori di TNG) potrebbe, quindi, non essere possibile e potrebbe essere una di quelle cose in cui è meglio accettare solo che ci siano delle imperfezioni nei conti canon.

    Apocrifi

    Nei romanzi post-finale, O'Brien si trasferisce dalla Terra a Cardassia nell'anno successivo alla fine di DS9. (Unità, Mondi di Star Trek: Deep Space Nine, Volume Uno)

    Nel Star Trek: patto Typhon romanzo Alza l'alba, O'Brien viene riassegnato come ingegnere capo in seguito alla distruzione di Deep Space 9 nel 2383 sia della struttura a terra che l'ha sostituita sia della supervisione del Genio della Flotta Stellare nella costruzione della nuova stazione sostitutiva.

    Nel Star Trek: La caduta romanzo Rivelazione e polvere, O'Brien assume il ruolo di ingegnere capo del nuovo Deep Space 9 dopo che la sua costruzione è stata completata.

    Miles O'Brien della realtà alternativa

    La versione in realtà alternativa di Miles O'Brien appare nel Star Trek: in corso arco narrativo Il Q Gambit in cui è membro della Resistenza della Federazione Libera con il grado di tenente ed è primo ufficiale della USS ribelle, con sua moglie Keiko come capitano della ribelle. Salva Sisko, Odo, James T. Kirk, Montgomery Scott e Nyota Uhura da Changelings dopo che avevano ucciso il Cancelliere Worf usando una navetta e quando tornano al ribelle, O'Brien è assistito da Scott nel riparare il motore a curvatura della nave durante il quale i due discutono e si uniscono sul loro reciproco amore per l'ingegneria.


    Guarda il video: Dylan Obrien funny, cute and sexy momentsHD (Potrebbe 2022).