Podcast di storia

Catron APA 71 - Storia

Catron APA 71 - Storia

Catron

Una contea del Nuovo Messico.

(APA-71 dp. 4.247; 1.426'; b. 58'; dr. 16'; s. 17 k.;
cpl. 820, a. 1 6"; cl. Gilliam)

Catron (APA-71) è stato lanciato il 28 agosto 1944 da Consolidated Steel Corp., Wilmington, California, in base a un contratto di commissione marittima; sponsorizzato dalla sig.ra H. O. Chalkley; acquisito dalla Marina il 27 novembre 1944 commissionato il 28 novembre 1944, tenente comandante D. MacInnes, USNR, al comando; e riferito alla flotta del Pacifico.

Catron si trovava a San Pedro, in California, il 18 gennaio 1945, diretto all'addestramento nelle Isole Salomone e in Florida. Arrivò a Purvis Bay il 5 febbraio e il 21 marzo riferì a Ulithi, nelle Isole Caroline, per combattere il carico per l'assalto a Okinawa. Trasportando uomini del 6° Marines e il loro carico, arrivò al largo di Okinawa per l'assalto iniziale il 1 aprile; questo primo assalto è stato effettuato dalla nave con l'abilità nata da un addestramento approfondito. Durante la prima settimana dell'ultima grande campagna della Guerra del Pacifico, Catron rimase al largo dell'isola, sbarcando merci per supportare i Marines nella loro rapida spinta attraverso l'isola.

Lasciando Okinawa a poppa del 7 aprile 1946, Catron salpò per San Francisco per caricare il carico che consegnò a Guam il 13 giugno. Qui imbarcò 297 prigionieri di guerra giapponesi con i quali arrivò a San Francisco il 5 luglio. Dopo una breve revisione, era in viaggio con il carico per Okinawa, dove ha fatto scalo dal 12 al 24 agosto. Il suo passaggio successivo fu nelle Filippine, dove imbarcò le truppe di occupazione per il trasporto in Giappone, arrivando il 25 settembre. Qui Catron ha preso a bordo il suo gruppo di passeggeri più soddisfacente, 562 ex prigionieri di guerra che ha portato a casa a San Francisco, arrivando il 19 ottobre.

Catron fece altri due viaggi da San Francisco per trasportare truppe nelle Filippine tra il 29 ottobre 1945 e il 12 febbraio 1946, quando si presentò a Pearl Harbor per essere spogliata in preparazione dell'operazione "Crossroads", i test atomici a Bikini. Fu dismessa il 29 agosto 1946 e rimase nel Pacifico per studi radiologici e strutturali fino all'affondamento il 6 maggio 1948.

Catron ha ricevuto una stella di battaglia per il servizio nella seconda guerra mondiale.


Catron APA 71 - Storia


Associazione Americana di Psicologia

I nostri redattori esamineranno ciò che hai inviato e determineranno se rivedere l'articolo.

Associazione Psicologica Americana (APA), organizzazione professionale di psicologi negli Stati Uniti fondata nel 1892. È la più grande organizzazione di psicologi negli Stati Uniti e nel mondo. L'American Psychological Association (APA) promuove la conoscenza della psicologia per migliorare la salute e il benessere della popolazione. L'associazione lavora anche per aumentare la consapevolezza della psicologia come scienza. La sua sede è a Washington, D.C.

L'APA è una società senza scopo di lucro governata da un consiglio di rappresentanti eletti dalle sue divisioni e dalle associazioni psicologiche affiliate. L'ufficio centrale dell'APA è guidato da un consiglio di amministrazione e amministrato da un presidente, che guida anche il consiglio dei rappresentanti.

L'APA sostiene gli interessi dei membri attraverso i suoi uffici centrali e le sue direzioni, nonché attraverso la pubblicazione delle sue numerose riviste, newsletter, libri, prodotti elettronici e il Monitorare la psicologia, la rivista ufficiale dell'APA, che informa i lettori degli ultimi progressi nel campo e delle attività dell'APA. L'associazione offre anche programmi di formazione continua, formazione, attività di accreditamento e incontri. La convention annuale dell'associazione è il più grande incontro mondiale di psicologi. I membri beneficiano anche della difesa legislativa e normativa federale dell'APA e delle relazioni con i media, nonché di un programma di educazione etica.


Standard sul particolato (PM) - Tabella dei PM storici NAAQS

(1) Le unità di misura sono i microgrammi per metro cubo d'aria (µg/m 3 ).

(2) TSP = particelle sospese totali.

(3) Il livello dello standard annuale è definito con una cifra decimale (cioè 15,0 µg/m 3 ) come determinato mediante arrotondamento. Ad esempio, una media annuale media su 3 anni di 15,04 µg/m 3 si arrotonda a 15,0 µg/m 3 e, quindi, soddisfa lo standard annuale e una media annuale di 15,05 µg/m 3 si arrotonda a 15,1 µg/ m 3 e, quindi, violano lo standard annuale (40 CFR parte 50 Appendice N).

(4) Il livello dello standard doveva essere confrontato con misurazioni effettuate in siti che rappresentano la "qualità dell'aria a livello comunitario" che registra il livello più alto, o, se i requisiti specifici sono stati soddisfatti, con misurazioni medie da più siti di monitoraggio della qualità dell'aria a livello comunitario ( &ldquomedia spaziale&rdquo).

(5) Cfr. 69 FR 45592, 30 luglio 2004.

(6) Il livello dello standard delle 24 ore è definito come un numero intero (zero decimali) determinato mediante arrotondamento. Ad esempio, una concentrazione media del 98° percentile su 3 anni di 35,49 µg/m 3 si arrotonda a 35 µg/m 3 e soddisfa quindi lo standard delle 24 ore e una media su 3 anni di 35,50 µg/m 3 si arrotonda a 36 e , quindi, violano lo standard delle 24 ore (40 CFR parte 50 Appendice N).

(7) L'EPA ha rafforzato i vincoli sui criteri di media spaziale limitando ulteriormente le condizioni in base alle quali alcune aree possono calcolare la media delle misurazioni di più monitor orientati alla comunità per determinare la conformità (cfr. 71 FR 61165-61167).


Applicazioni

L'ingegneria genetica ha fatto progredire la comprensione di molti aspetti teorici e pratici della funzione e dell'organizzazione dei geni. Attraverso tecniche di DNA ricombinante, sono stati creati batteri in grado di sintetizzare insulina umana, ormone della crescita umano, interferone alfa, un vaccino contro l'epatite B e altre sostanze utili dal punto di vista medico. Le piante possono essere modificate geneticamente per consentire loro di fissare l'azoto e le malattie genetiche possono essere eventualmente corrette sostituendo i geni disfunzionali con geni normalmente funzionanti. Tuttavia, è stata prestata particolare attenzione a tali risultati per paura che possano comportare l'introduzione di tratti sfavorevoli e possibilmente pericolosi in microrganismi che in precedenza ne erano privi, ad esempio resistenza agli antibiotici, produzione di tossine o tendenza a causare malattie . Allo stesso modo, l'applicazione dell'editing genetico negli esseri umani ha sollevato preoccupazioni etiche, in particolare per quanto riguarda il suo potenziale utilizzo per alterare tratti come l'intelligenza e la bellezza.


Perché il footbinding è sopravvissuto in Cina per un millennio?

Nell'ultimo anno ho lavorato con la BBC britannica per realizzare una serie di documentari sulla storia delle donne. Nell'ultimo round di riprese c'è stato un incidente che mi perseguita. Si è svolto durante un segmento sui cambiamenti sociali che hanno colpito le donne cinesi alla fine del XIII secolo.

Letture correlate

Ogni passo un loto: scarpe per piedi legati

Le sorelle di Cenerentola: una storia revisionista di footbinding

Questi cambiamenti possono essere illustrati dalla pratica della fasciatura del piede femminile. Alcune prime prove provengono dalla tomba di Lady Huang Sheng, la moglie di un membro del clan imperiale, morta nel 1243. Gli archeologi hanno scoperto piedi minuscoli e deformi che erano stati avvolti in una garza e posti all'interno di "scarpe di loto" dalla forma speciale. 8221 Per uno dei miei pezzi sulla macchina fotografica, ho tenuto in equilibrio un paio di scarpe da bambola ricamate nel palmo della mia mano, mentre parlavo di Lady Huang e delle origini della fasciatura dei piedi. Quando è finito, mi sono rivolto al curatore del museo che mi aveva dato le scarpe e ha fatto qualche commento sulla stupidità dell'uso di scarpe giocattolo. Questo è stato quando sono stato informato che avevo in mano la cosa vera. Le scarpe in miniatura “doll” erano state infatti indossate da un essere umano. Lo shock della scoperta è stato come essere cosparso di un secchio di acqua gelata.

Si dice che la fasciatura dei piedi sia stata ispirata da una ballerina di corte del X secolo di nome Yao Niang che legò i suoi piedi a forma di luna nuova. Ha estasiato l'imperatore Li Yu ballando sulle punte dei piedi all'interno di un loto dorato di sei piedi decorato con nastri e pietre preziose. Oltre ad alterare la forma del piede, la pratica produceva anche un particolare tipo di andatura che si affidava ai muscoli della coscia e dei glutei per il supporto. Fin dall'inizio, la fasciatura dei piedi era intrisa di sfumature erotiche. A poco a poco, altre dame di corte, con denaro, tempo e un vuoto da riempire, hanno iniziato a legare i piedi, rendendolo uno status symbol tra l'élite.

Un piede piccolo in Cina, non diverso da una vita sottile nell'Inghilterra vittoriana, rappresentava l'apice della raffinatezza femminile. Per le famiglie con figlie da marito, la dimensione del piede si traduceva in una propria forma di valuta e un mezzo per raggiungere la mobilità verso l'alto. La sposa più desiderabile possedeva un piede di tre pollici, noto come "loto dorato". Era rispettabile avere piedi di quattro pollici—un loto d'argento—ma piedi di cinque pollici o più erano respinti come loti di ferro. Le prospettive di matrimonio per una ragazza del genere erano davvero scarse.

Lui Shui Ying (a destra) aveva i piedi legati negli anni '30, dopo che l'usanza era caduta in disgrazia. (Jo Farrel) L'autore tiene in mano un paio di minuscole "scarpe di loto" comuni prima che la pratica fosse vietata. (Andrew Liechtenstein) La fotografa Jo Farrell ha deciso di documentare alcune delle ultime donne viventi nella Cina rurale con i piedi fasciati per la sua serie, “Living History.” Tra queste: Zhang Yun Ying, 88. (Jo Farrell) "Solo nell'ultimo anno, tre delle donne che ho documentato sono morte", ha osservato Farrell su una pagina Kickstarter che ha pubblicato l'anno scorso per raccogliere fondi per il suo progetto. (Jo Farrel) "Sento che ora è imperativo concentrarsi sulla registrazione delle loro vite prima che sia troppo tardi", ha scritto Farrell. Ping Yao Lady (sopra) è stata fotografata all'età di 107 anni. (Jo Farrell) Lo scopo del suo progetto, afferma Farrell, "è catturare e celebrare un pezzo di storia che al momento viene mostrato raramente e che presto sarà perso per sempre". (Sopra: Zhang Yun Ying, 88 anni.) (Jo Farrell) Farrell ha lavorato con un traduttore locale per convincere le donne (sopra: Zhang Yun Ying e Ping Yao Lady) a raccontare le loro storie. (Jo Farrel) Le donne nelle foto di Farrell sono "contadine che lavorano la terra in aree rurali lontane dalla vita di città raffigurata così spesso nel mondo accademico con la fasciatura dei piedi", scrive. (Jo Farrel) Durante le riprese di una serie di documentari sulla storia delle donne, Foreman all'inizio credeva che avesse in mano delle scarpe da bambola e rimase sbalordita nell'apprendere che in realtà erano state indossate da un essere umano. (Andrew Liechtenstein) L'autrice Amanda Foreman confronta un paio di “scarpe di loto” con la sua mano. (Andrew Liechtenstein)

Mentre tenevo in mano le scarpe di loto, è stato orribile rendersi conto che ogni aspetto della bellezza delle donne era intimamente legato al dolore. Messe una accanto all'altra, le scarpe erano lunghe quanto il mio iPhone e larghe meno di mezzo pollice. Il mio dito indice era più grande della "punta" della scarpa. Era ovvio il motivo per cui il processo doveva iniziare durante l'infanzia quando una bambina aveva 5 o 6 anni.

In primo luogo, i suoi piedi sono stati immersi nell'acqua calda e le unghie dei piedi tagliate corte. Quindi i piedi venivano massaggiati e oliati prima che tutte le dita, tranne gli alluci, venissero rotte e legate piatte contro la suola, formando una forma triangolare. Successivamente, il suo arco era teso mentre il piede era piegato in due. Infine, i piedi sono stati legati in posizione usando una striscia di seta lunga dieci piedi e larga due pollici. Questi involucri venivano rimossi brevemente ogni due giorni per evitare che sangue e pus infettassero il piede. A volte la carne “eccesso” veniva tagliata via o incoraggiata a marcire. Le ragazze furono costrette a percorrere lunghe distanze per affrettare la rottura dei loro archi. Nel corso del tempo gli involucri sono diventati più stretti e le scarpe più piccole poiché il tallone e la suola sono stati schiacciati insieme. Dopo due anni il processo era completo, creando una profonda fessura che poteva contenere una moneta in posizione. Una volta che un piede era stato schiacciato e legato, la forma non poteva essere invertita senza che una donna subisse di nuovo lo stesso dolore.

Come rende brutalmente chiaro la pratica del bendaggio dei piedi, le forze sociali in Cina hanno poi soggiogato le donne. E l'impatto può essere apprezzato considerando tre delle più grandi figure femminili della Cina: il politico Shangguan Wan’er (664-710), il poeta Li Qing-zhao (1084-c.1151) e il guerriero Liang Hongyu (c. 1100-1135). Tutte e tre le donne vivevano prima che la fasciatura dei piedi diventasse la norma. Si erano distinti a pieno titolo non come voci dietro il trono, o muse per ispirare gli altri, ma come agenti autodiretti. Sebbene nessuno sia ben noto in Occidente, le donne sono nomi familiari in Cina.

Shangguan ha iniziato la sua vita in circostanze sfortunate. Nacque l'anno in cui suo nonno, il cancelliere dell'imperatore Gaozong, fu implicato in una cospirazione politica contro la potente moglie dell'imperatore, l'imperatrice Wu Zetian. Dopo che la trama fu smascherata, l'imperatrice irata fece giustiziare i membri maschi della famiglia Shangguan e schiavizzare tutti i membri femminili. Tuttavia, dopo essere stata informata dell'eccezionale brillantezza della quattordicenne Shangguan Wan come poeta e scriba, l'imperatrice ha prontamente assunto la ragazza come sua segretaria personale. Iniziò così una straordinaria relazione di 27 anni tra l'unico imperatore donna della Cina e la donna di cui aveva distrutto la famiglia. 

Wu alla fine promosse Shangguan da ministro della cultura a primo ministro, affidandole l'incarico di redigere gli editti e i decreti imperiali. La posizione era pericolosa come lo era stata durante il periodo di suo nonno. In un'occasione l'imperatrice firmò la sua condanna a morte solo per far commutare la punizione all'ultimo minuto in sfregio facciale. Shangguan sopravvisse alla caduta dell'imperatrice nel 705, ma non ai tumulti politici che ne seguirono. Non poté fare a meno di rimanere coinvolta nelle trame e nelle controtrame della progenie sopravvissuta per il trono. Nel 710 fu persuasa o costretta a redigere un documento falso che dava potere all'imperatrice vedova Wei. Durante i sanguinosi scontri scoppiati tra le fazioni, Shangguan fu trascinata via dalla sua casa e decapitata.

Un successivo imperatore fece raccogliere e registrare le sue poesie per i posteri. Molte delle sue poesie erano state scritte su ordine imperiale per commemorare una particolare occasione di stato. Ma ha anche contribuito allo sviluppo del “poema immobiliare,” una forma di poesia che celebra il cortigiano che sceglie volentieri la vita semplice e pastorale. 

Shangguan è considerato da alcuni studiosi uno degli antenati dell'Alto Tang, un'età dell'oro nella poesia cinese. Tuttavia, il suo lavoro impallidisce in termini di significato rispetto alle poesie di Li Qingzhao, le cui reliquie sopravvissute sono conservate in un museo nella sua città natale di Jinan—la “Città di Springs”—nella provincia di Shandong.

Li visse durante uno dei periodi più caotici dell'era Song, quando il paese fu diviso in Cina settentrionale sotto la dinastia Jin e Cina meridionale sotto la dinastia Song. Suo marito era un funzionario di medio rango nel governo Song. Condividevano un'intensa passione per l'arte e la poesia ed erano accaniti collezionisti di testi antichi. Li aveva circa 40 anni quando suo marito morì, consegnandola a una vedovanza sempre più tesa e misera che durò per altri due decenni. A un certo punto ha fatto un matrimonio disastroso con un uomo dal quale ha divorziato dopo pochi mesi. Un esponente di ci poesia e versi lirici scritti su melodie popolari, Li ha riversato i suoi sentimenti su suo marito, la sua vedovanza e la sua successiva infelicità. Alla fine si stabilì a Lin’an, la capitale della Song meridionale.

Le poesie successive di Li divennero sempre più cupe e disperate. Ma i suoi primi lavori sono pieni di gioia di vivere e desiderio erotico. Come questo attribuito a lei:

. Ho finito di accordare i tubi
affronta lo specchio floreale
vestito in modo sottile
turno di seta cremisi
traslucido
su carne simile al ghiaccio
brillante
in crema pallida di neve
oli profumati scintillanti
e ridi
alla mia dolce amica
questa sera
sei dentro
le mie tende di seta
il tuo cuscino, il tuo tappetino
si raffredderà.

I critici letterari delle dinastie successive hanno lottato per riconciliare la donna con la poesia, trovando il suo nuovo matrimonio e il successivo divorzio un affronto alla morale neoconfuciana. Ironia della sorte, tra Li e la sua quasi contemporanea Liang Hongyu, la prima era considerata la più trasgressiva. Liang era un'ex cortigiana che aveva seguito il marito soldato di campo in campo. Già oltre i limiti del perbenismo, non subiva la consueta censura riservata alle donne che si spingevano oltre il nei —la sfera femminile delle competenze domestiche e della gestione della famiglia—per entrare nel wei , il cosiddetto regno maschile dell'apprendimento letterario e del servizio pubblico.

Liang è cresciuta in una base militare comandata da suo padre. La sua educazione includeva esercitazioni militari e l'apprendimento delle arti marziali. Nel 1121, incontrò suo marito, un ufficiale subalterno di nome Han Shizhong. Con il suo aiuto divenne un generale, e insieme formarono una partnership militare unica, difendendo la Cina settentrionale e centrale dalle incursioni della confederazione Jurchen conosciuta come il regno di Jin.

Nel 1127, le forze Jin catturarono la capitale Song a Bianjing, costringendo i cinesi a stabilire una nuova capitale nella parte meridionale del paese. La sconfitta portò quasi a un colpo di stato, ma Liang e suo marito furono tra i comandanti militari che si schierarono con il regime assediato. È stata insignita del titolo “Lady Defender” per il suo coraggio. Tre anni dopo, Liang ottenne l'immortalità per la sua parte in uno scontro navale sul fiume Yangtze noto come Battaglia di Huangtiandang. Usando una combinazione di tamburi e bandiere, fu in grado di segnalare la posizione della flotta Jin a suo marito. Il generale mise all'angolo la flotta e la tenne per 48 giorni.

Liang e Han giacciono sepolti insieme in una tomba ai piedi del monte Lingyan. La sua reputazione di eroina nazionale rimase tale che la sua biografia fu inclusa nel XVI secolo Schizzo di un modello per le donne di Lady Wang, uno dei quattro libri che sono diventati i testi classici confuciani standard per l'educazione delle donne.  

Sebbene possa non sembrare ovvio, le ragioni per cui i neoconfuciani classificarono Liang come lodevole, ma non Shangguan o Li, facevano parte degli stessi impulsi sociali che portarono alla diffusa accettazione della fasciatura dei piedi. Innanzitutto, la storia di Liang ha dimostrato la sua incrollabile devozione a suo padre, poi a suo marito e, attraverso di lui, allo stato Song. In quanto tale, Liang ha adempiuto al suo dovere di obbedienza al corretto ordine (maschile) della società.

La dinastia Song fu un periodo di enorme crescita economica, ma anche di grande insicurezza sociale. In contrasto con l'Europa medievale, sotto gli imperatori Song, lo status di classe non era più qualcosa di ereditato ma guadagnato attraverso una competizione aperta. Le vecchie famiglie aristocratiche cinesi si trovarono soppiantate da una classe meritocratica chiamata letterati. L'ingresso è stato ottenuto tramite una rigorosa serie di esami di servizio civile che misuravano la padronanza del canone confuciano. Non sorprende che, poiché l'abilità intellettuale venne valutata più in alto della forza bruta, gli atteggiamenti culturali riguardo alle norme maschili e femminili si spostarono verso ideali più rarefatti.

La fasciatura dei piedi, nata come impulso alla moda, divenne un'espressione dell'identità Han dopo che i mongoli invasero la Cina nel 1279. Il fatto che fosse eseguita solo da donne cinesi trasformò la pratica in una sorta di scorciatoia per l'orgoglio etnico. I tentativi periodici di vietarlo, come provarono i Manciù nel XVII secolo, non riguardavano mai la fasciatura dei piedi, ma ciò che simboleggiava. Per i cinesi, la pratica era la prova quotidiana della loro superiorità culturale nei confronti dei rozzi barbari che li governavano.Divenne, come il confucianesimo, un altro punto di differenza tra gli Han e il resto del mondo. Ironia della sorte, sebbene gli studiosi confuciani avessero originariamente condannato la fasciatura dei piedi come frivola, l'adesione di una donna a entrambi si è confusa come un unico atto.

Forme precedenti di confucianesimo avevano sottolineato la pietà filiale, il dovere e la cultura. La forma che si sviluppò durante l'era Song, il neoconfucianesimo, era la più vicina che la Cina avesse a una religione di stato. Ha sottolineato l'indivisibilità dell'armonia sociale, dell'ortodossia morale e del comportamento ritualizzato. Per le donne, il neoconfucianesimo poneva l'accento sulla castità, l'obbedienza e la diligenza. Una buona moglie non dovrebbe avere altro desiderio che quello di servire il marito, nessuna ambizione se non quella di produrre un figlio, e nessun interesse oltre a sottomettersi alla famiglia del marito, il che significa, tra le altre cose, che non deve mai risposarsi se vedova. Ogni introduzione confuciana sul comportamento morale femminile includeva esempi di donne che erano pronte a morire o subire mutilazioni per dimostrare il loro impegno per la "Via dei Saggi". creò—diventò la dimostrazione quotidiana di una donna del proprio impegno nei confronti dei valori confuciani.

La verità, non importa quanto sgradevole, è che la fasciatura dei piedi è stata sperimentata, perpetuata e amministrata dalle donne. Sebbene completamente rifiutata in Cina, ora l'ultima fabbrica di scarpe che produce scarpe di loto è stata chiusa nel 1999, è sopravvissuta per mille anni in parte a causa dell'investimento emotivo delle donne nella pratica. La scarpa di loto ricorda che la storia delle donne non ha seguito una linea retta dalla miseria al progresso, né è semplicemente una pergamena del patriarcato scritta in grande. Shangguan, Li e Liang avevano pochi coetanei in Europa ai loro tempi. Ma con l'avvento della legatura dei piedi, i loro discendenti spirituali erano in Occidente. Nel frattempo, per i successivi 1.000 anni, le donne cinesi hanno indirizzato le loro energie e i loro talenti verso il raggiungimento di una versione di tre pollici di perfezione fisica.     

A proposito di Amanda Foreman

Amanda Foreman è la pluripremiata autrice di Georgiana: duchessa del Devonshire e Un mondo in fiamme: il ruolo cruciale della Gran Bretagna nella guerra civile americana. Il suo prossimo libro Il mondo fatto dalle donne: una storia di donne dall'età di Cleopatra all'era di Thatcher, è prevista per la pubblicazione da Random House (USA) e Allen Lane (Regno Unito) nel 2015.


Origini di Seljuk

La famiglia Seljuk ha le sue origini con gli Oghuz (Ghuzz turchi) che vissero nell'VIII secolo in Mongolia durante l'Impero turco di Gok (522–774 d.C.). Il nome selgiuchide (in arabo "al-Saljuqiyya"), deriva dal longevo fondatore della famiglia Seljuk (ca. 902–1009). Seljuk e suo padre Duqaq erano comandanti militari dello stato cazaro e potrebbero essere stati ebrei, la maggior parte delle élite cazare lo erano. Seljuk e Duqaq si ribellarono contro Khazar apparentemente in concomitanza con un attacco riuscito dei Rus' nel 965 che pose fine allo stato Khazar.

Seljuk e suo padre (e circa 300 cavalieri, 1.500 cammelli e 50.000 pecore) si diressero a Samarcanda, e nel 986 arrivarono a Jand vicino all'odierna Kyzylorda nel nord-ovest del moderno Kazakistan, quando la regione era in notevole tumulto. Là Seljuk si convertì all'Islam, e morì all'età di 107 anni. Suo figlio maggiore Arslan Isra'il (m. 1032) assunse la guida rimanendo coinvolto nella politica locale e fu arrestato. L'arresto ha esacerbato una divisione già esistente tra i sostenitori selgiuchidi: poche migliaia si chiamavano 'Iraqiyya e migrarono verso ovest verso l'Azerbaigian e l'Anatolia orientale, formando infine il sultanato selgiuchide, molti altri rimasero nel Khurasan, e dopo molte battaglie, andarono a stabilire il Grande Impero Selgiuchide.


Come dovrei citare un documento delle Nazioni Unite?

Questa risposta si basa su &ldquoCiting UN Materials: Issues and Strategies,&rdquo DttP: Documenti al popolo 41:3 (autunno 2013).

Per la citazione all'interno dei documenti delle Nazioni Unite, utilizzare il Manuale editoriale delle Nazioni Unite come guida di stile per la citazione.

Per la citazione esterna di materiali delle Nazioni Unite, gli autori devono attenersi al sistema utilizzato dal loro editore o consigliato all'interno della loro istituzione. Gli autori noteranno che molti sistemi standard di citazione non forniscono molte informazioni sulla citazione dei materiali delle Nazioni Unite. Il Bluebook: un sistema uniforme di citazioni, utilizzato in campo giuridico, contiene una guida dettagliata sulla citazione dei materiali delle Nazioni Unite.[1] Il manuale di stile di Chicago e APA Style puntano a Il Libro Blu per la citazione dei materiali delle Nazioni Unite.[2]

La Dag Hammarskjöld Library non raccomanda un sistema di citazioni specifico. In generale, gli autori potrebbero voler includere (a) l'identità del creatore, (b) il titolo, (c) la data di pubblicazione, (d) qualsiasi identificatore univoco, inclusi gli URL funzionali, e (e) qualsiasi numero di pagina o paragrafo pertinente. Alcuni stili di citazione includono anche la data di accesso al sito. I documenti ufficiali delle Nazioni Unite portano identificatori univoci chiamati simboli di documento descritti nella Guida alla ricerca sulla documentazione delle Nazioni Unite sui simboli.

Gli autori dovrebbero prestare attenzione quando includono URL per documenti ufficiali delle Nazioni Unite. Gli URL generati dall'Official Document System (ODS) non funzionano. Gli autori possono generare URL funzionanti aggiungendo il simbolo del documento a https://undocs.org/en/, ad esempio https://undocs.org/en/A/RES/67/97.

Alcuni possibili esempi di citazione per autori esterni, ispirati in parte al Manuale editoriale delle Nazioni Unite e Il Libro Blu, sono come segue:

Risoluzioni

Risoluzione dell'Assemblea Generale 67/97, Lo stato di diritto a livello nazionale e internazionale, A/RES/67/97 (14 dicembre 2012), disponibile su undocs.org/en/A/RES/67/97.

Documenti ufficiali

Nazioni Unite, Assemblea Generale, Situazione dei diritti umani nella Repubblica popolare democratica di Corea: rapporto del Segretario generale, A/63/332 (26 agosto 2008), disponibile su undocs.org/en/A/63/332.

Registri letterali e riepilogativi

UN GAOR, 56a Sess., 1a plen. mtg., U.N. Doc A/56/PV.1 (12 settembre 2001), disponibile su undocs.org/en/A/56/PV.1.

SCOR ONU, 59a Sess., 4893d mtg., Doc. U.N. S/PV.4893 (15 gennaio 2004), disponibile su https://undocs.org/en/S/PV.4893.

Trattati

Convenzione sul riconoscimento e l'esecuzione dei lodi arbitrali stranieri, New York, 10 giugno 1958, Serie sui Trattati delle Nazioni Unite, vol. 330, n. 4739, pag. 3, disponibile da trattati.un.org/Pages/ViewDetails.aspx?src=IND&mtdsg_no=XXII-1&chapter=22&clang=_en

Nota: Il Manuale editoriale delle Nazioni Unite non fornisce consigli espliciti sulla citazione di un atto costitutivo o di un trattato che istituisce una nuova corte o organizzazione internazionale ma Il Libro Blu suggerisce citazioni come:

Statuto del Tribunale Internazionale per il Diritto del Mare, 10 dicembre 1982, 1833 U.N.T.S. 561.

Pubblicazioni

Commissione delle Nazioni Unite sul diritto del commercio internazionale, UNCITRAL Modello di legge sull'arbitrato commerciale internazionale 1985: con modifiche adottate nel 2006 (Vienna: Nazioni Unite, 2008), disponibile su www.uncitral.org/pdf/english/texts/arbitration/ml-arb/07-86998_Ebook.pdf.

Comunicati stampa

Nazioni Unite, Dipartimento della Pubblica Informazione, Chiedendo che l'Esercito di Resistenza del Signore ponga fine a tutti gli attacchi, il Consiglio di sicurezza chiede la piena attuazione della strategia regionale in Africa centrale. SC/11018, 29 maggio 2013, www.un.org/press/en/2013/sc11018.doc.htm.

Materiali del sito web

&ldquoRenewables 2019: Global Status Report&rdquo, (Parigi: REN21 Secretariat, 2019), wedocs.unep.org/bitstream/handle/20.500.11822/28496/REN2019.pdf.

[1] Il Bluebook: un sistema uniforme di citazioni, 19a ed. (Cambridge: Harvard Law Review Association, 2010), 21.7.


Storia - Bibliografie storiche - in stile Harvard

La tua bibliografia: Appiano e Carter, J., 1996. Le guerre civili. Londra: Penguin Books, pp.Capitolo 2, sezione 7.

Bradley, P.

Antica Roma

1990 - Edward Arnold - Melbourne

Nel testo: (Bradley, 1990)

La tua bibliografia: Bradley, P., 1990. Antica Roma. Melbourne: Edward Arnold, pp.394-412.

Cary, E.

Cassio Dione, Storia romana 46

Nel testo: (Cary, n.d.)

La tua bibliografia: Cary, E., n.d. Cassio Dione, Storia romana 46. [in linea] Lexundria. Disponibile su: <http://lexundria.com/dio/46/cy> [Accesso 3 novembre 2016].

Cassio Dione Cocceiano.

Le opere complete di Cassius Dio

2014 - Delphi Classics - [S.l.]

Nel testo: (Cassio Dione Cocceianus., 2014)

La tua bibliografia: Cassio Dione Cocceiano., 2014. Le opere complete di Cassius Dio. [S.l.]: Delphi Classics, p.49.

Prestito, J.

Secondo Triumvirato - Livio

Nel testo: (Prestito, 2003)

La tua bibliografia: Prestito, J., 2003. Secondo Triumvirato - Livio. [in linea] Livio. Disponibile su: <http://www.livius.org/articles/concept/triumvir/second-triumvirate/> [Accesso 3 novembre 2016].

Morey, W.C.

Cenni di storia romana

1901 - American Book Co. - New York

Nel testo: (Morey, 1901)

La tua bibliografia: Morey, W., 1901. Cenni di storia romana. New York: American Book Co., p.Capitolo 22.

Cassius Dione — Libro㺲

Nel testo: (Cassio Dione — Libro 50, 2011)

La tua bibliografia: Penelope.uchicago.edu. 2011. Cassio Dione — Libro 50. [online] Disponibile su: <http://penelope.uchicago.edu/Thayer/e/roman/texts/cassius_dio/50*.html> [Accesso 3 novembre 2016].

Plutarco • Vita di Antonio

Nel testo: (Plutarco • Vita di Antonio, 2013)

La tua bibliografia: Penelope.uchicago.edu. 2013. Plutarco • Vita di Antonio. [online] Disponibile su: <http://penelope.uchicago.edu/Thayer/E/Roman/Texts/Plutarch/Lives/Antony*.html> [Accesso 3 novembre 2016].

Svetonio • Vita di Giulio Cesare

Nel testo: (Svetonio • Vita di Giulio Cesare, 2013)

La tua bibliografia: Penelope.uchicago.edu. 2013. Svetonio • Vita di Giulio Cesare. [online] Disponibile su: <http://penelope.uchicago.edu/Thayer/E/Roman/Texts/Suetonius/12Caesars/Julius*.html> [Accesso 3 novembre 2016].

Zanker, P.

Il potere delle immagini nell'età di Augusto

1988 - University of Michigan Press - Ann Arbor

Nel testo: (Zanker, 1988)

La tua bibliografia: Zanker, P., 1988. Il potere delle immagini nell'età di Augusto. Ann Arbor: University of Michigan Press.


I classici della storia della psicologia

Per ulteriori opere dei presocratici, Platone, Aristotele, Ippocrate, Euclide, Lucrezio, Epitteto, Galeno, Plotino e Agostino, vedere la pagina Collegamenti a documenti in altri siti.

Pensiero Medievale e Rinascimentale

Per le opere di Tommaso d'Aquino, Ruggero Bacone, Pico e Machiavelli vedere la pagina Collegamenti a documenti su altri siti.

Pensiero filosofico moderno

Bowen, Francesco. (1860). Osservazioni sull'ultima forma della teoria dello sviluppo. Memorie dell'Accademia americana delle arti e delle scienze, n.s., VIII , pp. 98-107, comunicato 27 marzo, 10 aprile e 1 maggio 1860. Ristampato in G. Daniels (Ed.) (1968). Il darwinismo arriva in America. Waltham, MA: Blaisdell, pp. 66-74.

McCosh, James . (1874). Aspetti religiosi della dottrina dello sviluppo. In P. Schaff & S. Prime (a cura di). Storia, saggi, orazioni e altri documenti della sesta conferenza generale dell'Alleanza Evangelica, tenuta a New York, dal 2 al 12 ottobre 1873, New York, pp. 269-271. Ristampato in G. Daniels (Ed.) (1968). Il darwinismo arriva a America . Waltham, MA: Blaisdell, pp. 96-101.

Herbart, J.F. (1877). Possibilità e necessità di applicare la matematica in psicologia (H. Haanel, Trans.). Rivista di filosofia speculativa, 11, 251-264.

Fiske, John . (1902). Il servizio di Herbert Spencer alla religione. Saggi storici e letterari, New York, II, pp. 232-237. Ristampato in G. Daniels (Ed.) (1968). Il darwinismo arriva in America. Waltham, MA: Blaisdell, pp. 106-110.

Royce, Josiah . (1902). Indagini logiche recenti e loro orientamento psicologico. Revisione psicologica, 9, 105-133. [Discorso presidenziale dell'APA di Royce sul potenziale impatto degli allora recenti sviluppi nella filosofia della matematica per la psicologia del pensiero.]

Stumpf, Carl. (1930). Autobiografia di Carl Stumpf. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 1, pp. 389-441). Worcester, MA: Clark University Press. [Il riassunto del grande psicologo tedesco sul lavoro della sua vita.]

Titchener, E. B. (1921). Brentano e Wundt: Psicologia empirica e sperimentale. Giornale americano di psicologia, 32, 108-120.

Creighton, J.E. (1902). Le finalità di un'associazione filosofica. Rassegna filosofica, 11, 219-237.

Per ulteriori opere di Cartesio, Hobbes, Pascal, Locke, Leibniz, Spinoza, Berkeley, Voltaire, Hume, Smith, Malthus, Kant, Hegel, Marx, Mill, Brentano, Mach, Peirce, James, Dewey, Husserl, Russell, Mead, e Merleau-Ponty vedere la pagina Collegamenti a documenti su altri siti.

Associazione Americana di Psicologia

Mönsterberg, Hugo . (1899). Psicologia e storia. Revisione psicologica, 6, 1-31. [Discorso presidenziale dell'APA del 1898.]

Royce, Josiah . (1902). Recenti indagini logiche e le loro implicazioni psicologiche. Revisione psicologica, 9, 105-133. [1902 Discorso presidenziale dell'APA.]

Calkins, Mary Whiton . (1906). Una conciliazione tra psicologia strutturale e funzionale. Revisione psicologica, 8, 61-81. [1905 Discorso presidenziale dell'APA.]

Angell, James Rowland . (1907). La provincia della psicologia funzionale. Revisione psicologica, 14, 61-91. [Discorso presidenziale dell'APA del 1906.]

Washburn, Margaret Floy . (1922). L'introspezione come metodo oggettivo. Revisione psicologica, 29, 89-112. [Discorso presidenziale dell'APA del 1921.]

Boring, Edwin G. (1929). La psicologia della controversia. Revisione psicologica, 36, 97-121. [Discorso presidenziale dell'APA del 1928.]

Lashley, Karl S. (1930). Meccanismi neurali di base nel comportamento. Revisione psicologica, 37, 1-24. [Discorso presidenziale dell'APA del 1929.]

Thurstone, L.L. (1934). I vettori della mente. Revisione psicologica, 41, 1-32. [Discorso presidenziale dell'APA del 1933.]

Allport, Gordon W. (1940). Il quadro di riferimento dello psicologo. Bollettino psicologico, 37, 1-28. [Discorso presidenziale dell'APA del 1939.]

Fernberger, Samuel W. (1943). L'Associazione Psicologica Americana 1892-1942. Revisione psicologica, 50, 33-60.

Guthrie, Edwin R. (1946). Fatti psicologici e teoria psicologica. Bollettino psicologico, 43, 1-20. [Discorso presidenziale dell'APA del 1945.]

Associazione Americana di Psicologia . (1947). Programma di formazione laureato consigliato in psicologia clinica. Psicologa americana, 2, 539-558. [Il rapporto che proponeva il cosiddetto " Boulder Model".]

Rogers, Carl R. . (1947). Alcune osservazioni sull'organizzazione della personalità. Psicologa americana, 2, 358-368. [1947 Indirizzo presidenziale APA.]

Cronbach, Lee J. (1957). Le due discipline della psicologia scientifica. Psicologa americana, 12, 671-684. [Discorso presidenziale dell'APA del 1957.]

Harlow, Harry F. (1958). La natura dell'amore. Psicologa americana, 13, 573-685. [Discorso presidenziale dell'APA del 1958.]

Köhler, Wolfgang . (1959). La psicologia della Gestalt oggi. Psicologa americana, 14, 727-734. [Discorso presidenziale dell'APA del 1959.]

Comportamentismo

Watson, John B. (1907). Studiare la mente degli animali. Il mondo oggi, 12, 421-426. [Una rara, precoce e popolare affermazione di funzionalismo del "fondatore" del comportamentismo.]

Yerkes, Robert M. & Dodson, John D. (1908). La relazione tra forza dello stimolo e rapidità di formazione dell'abitudine. Journal of Comparative Neurology and Psychology, 18, 459-482.

Yerkes, Robert M. & Morgulis, Sergio . (1909). Il metodo di Pawlow nella psicologia animale. Bollettino psicologico, 6, 257-273.

Dunlap, cavaliere . (1912). Il caso contro l'introspezione. Revisione psicologica, 19, 404-413.

Watson, John B. (1913). La psicologia come la vede il comportamentista. Revisione psicologica, 20, 158-177

Titchener, Edward B. (1914). Su "La psicologia come la vede il comportamentista". Atti della Società Filosofica Americana, 53, 1-17.

Watson, John B. (1916). Comportamento e concetto di malattia mentale. Rivista di filosofia, psicologia e metodi scientifici, 13, 589-597.

Watson, John B. (1920). Il pensiero è semplicemente l'azione dei meccanismi del linguaggio? British Journal of Psychology, 11, 87-104.

Watson, John B. e Rayner, Rosalie . (1920). Reazioni emotive condizionate. Giornale di Psicologia Sperimentale, 3, 1-14.

Washburn, Margaret Floy . (1922). L'introspezione come metodo oggettivo. Revisione psicologica, 29, 89-112.

Tolman, Edward C. (1922). Una nuova formula per il comportamentismo. Revisione psicologica, 29, 44-53.

Lashley, Karl S. (1923). L'interpretazione comportamentistica della coscienza. Bollettino psicologico, 30, 237-272, 329-353.

Jones, Mary Cover . (1924). Uno studio di laboratorio sulla paura: il caso di Peter. Seminario Pedagogico, 31, 308-315.

Lashley, Karl S. (1930). Meccanismi neurali di base nel comportamento. Revisione psicologica, 37, 1-24.

Morgan, C. Lloyd . (1930). Autobiografia di C. Lloyd Morgan. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 2, pp. 237-264). Worcester, MA: Clark University Press.

Yerkes, Robert M. (1930). Autobiografia di Robert M. Yerkes. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 2, pp. 381-407). Worcester, MA: Clark University Press.

Scafo , Clark l. (1934a). Il concetto di gerarchia abitudine-famiglia e apprendimento del labirinto: Parte I. Revisione psicologica, 41, 33-54.

Scafo , Clark l. (1934b). Il concetto di gerarchia abitudine-famiglia e apprendimento labirintico: Parte II. Revisione psicologica, 41, 134-152.

Scafo , Clark l. (1935). Le psicologie conflittuali dell'apprendimento: una via d'uscita. Revisione psicologica, 42, 491-516.

Jastrow, Joseph . (1935). La psicologia ha fallito? studioso americano, 4, 261-269.

Skinner, B.F. (1935).Due tipi di riflesso condizionato e uno pseudotipo. Giornale di Psicologia Generale, 12, 66-77.

Konorski, J. & Miller, S. (1937). Su due tipi di riflesso condizionato. Giornale di psicologia generale, 16, 264-272.

Skinner, B.F. (1937). Due tipi di riflesso condizionato: una risposta a Konorski e Miller. Giornale di Psicologia Generale, 16, 272-279.

Guthrie, Edwin R. (1946). Fatti psicologici e teoria psicologica. Bollettino psicologico, 43, 1-20.

Skinner, B.F. (1948). 'Superstizione' nel piccione. Giornale di Psicologia Sperimentale, 38, 168-172.

Tolman, Edward, C. (1948). Mappe cognitive nei ratti e negli uomini. Revisione psicologica, 55(4), 189-208.

Skinner, B.F. (1950). Le teorie dell'apprendimento sono necessarie? Revisione psicologica, 57, 193-216.

Hebb, D.O. (1955). Drives e il C.N.S. (sistema nervoso concettuale). Revisione psicologica, 62, 243-254.

Harlow, Harry F. (1958). La natura dell'amore. Psicologa americana, 13, 573-685.

Breland, Keller & Breland, Marian . (1961). Il comportamento scorretto degli organismi. Psicologa americana, 16, 681-684.

Cognizione

Menabrea, Luigi F. (1842/1843). Schizzo del motore analitico inventato da Charles Babbage, Esq. (A.A. Lovelace, trad.). Memorie Scientifiche, 3, 666-731. (Opera originale pubblicata nel 1842 in Biblioth que Universelle de Gen ve, n. 82)

Galton, Francis . (1880). Statistiche dell'immaginario mentale. Mente, 5, 301-318.

Ebbinghaus, Hermann . (1885/1913). Memoria: un contributo alla psicologia sperimentale (Henry A. Ruger e Clara E. Bussenius, trad.). (Pubblicato originariamente nel 1885)

Jastrow, Giuseppe. . (1891). Uno studio di statistica mentale. Nuova recensione, 5, 559-568.

Calkins, Mary Whiton . (1896). Associazione: Un saggio analitico e sperimentale. Supplemento alle monografie di revisione psicologica, 1 (2).

Royce, Josiah . (1902). Recenti indagini logiche e le loro implicazioni psicologiche. Revisione psicologica, 9, 105-133. [Discorso presidenziale dell'APA di Royce sul potenziale impatto del recente sviluppo nella filosofia della matematica per la psicologia del pensiero.]

Stroop, J. Ridley . (1935). Studi di interferenza nelle reazioni verbali seriali. Giornale di Psicologia Sperimentale, 18, 643-662.

Senza dubbio, Robert H. (1935). La tendenza alla certezza nel credo religioso. British Journal of Psychology, 26, 16-31. [Questa versione .pdf grazie a Burke Brown, U. Toronto.]

Heider, Fritz . (1946). Atteggiamenti e organizzazione cognitiva. Giornale di Psicologia, 21, 107-112.

Bruner, Jerome S. & Goodman, Cecile C. (1947). Valore e bisogno come fattori organizzativi della percezione. Journal of Anormal and Social Psychology, 42, 33-44.

Bruner, Jerome S. & Postman, Leo . (1949). Sulla percezione dell'incongruenza: un paradigma. Diario della personalità, 18, 206-223.

Hebb, D.O. (1955). Drives e il C.N.S. (sistema nervoso concettuale). Revisione psicologica, 62, 243-254.

Teoria dello sviluppo

Darwin, Charles . (1877). Uno schizzo biografico di un bambino. Mente, 2, 285-294.

Hall, G. Stanley . (1904). Le ragazze adolescenti e la loro educazione. A partire dal Adolescenza: la sua psicologia e le sue relazioni con la fisiologia, l'antropologia, la sociologia, il sesso, la criminalità, la religione e l'educazione (Vol. 2, Capitolo 17).

Binet, Alfred . (1905/1916). Nuovi metodi per la diagnosi del livello intellettivo dei subnormali. In E. S. Kite (Trad.), Lo sviluppo dell'intelligenza nei bambini. Vineland, NJ: Pubblicazioni della Scuola di Formazione a Vineland. (Pubblicato originariamente nel 1905 in L'Ann e Psychologique, 12, 191-244.)

  • Introduzione a Binet (1905/1916) di Henry L. Minton.
  • Commento su Binet (1905/1916) e Terman (1916) di Henry L. Minton

Witmer, Lightner . (1907). Psicologia clinica. Clinica Psicologica, 1, 1-9.

Thorndike, Edward L. (1910). Il contributo della psicologia all'educazione. Giornale di Psicologia dell'Educazione, 1, 5-12.

Terman, Lewis M. (1916). Gli usi dei test di intelligenza. A partire dal La misura dell'intelligenza (capitolo 1). Boston: Houghton Mifflin.

  • Introduzione a Terman (1916) di Henry L. Minton.
  • Commento su Binet (1905/1916) e Terman (1916) di Henry L. Minton.

Watson, John B. e Rayner, Rosalie . (1920). Reazioni emotive condizionate. Giornale di Psicologia Sperimentale, 3, 1-14.

Baldwin, James Mark . (1930). Autobiografia di James Mark Baldwin. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 1, pp. 1-30). Worcester, MA: Clark University Press.

Clark, Kenneth B. & Clark, Mamie K. (1940). Il colore della pelle come fattore di identificazione razziale dei bambini in età prescolare negri. Giornale di Psicologia Sociale, S.P.S.S.I. Bollettino, 11, 159-169.

Bruner, Jerome S. & Goodman, Cecile C. (1947). Valore e bisogno come fattori organizzativi della percezione. Journal of Anormal and Social Psychology, 42, 33-44.

Sherif, Muzafer, Harvey, O. J., White, B. Jack, Hood, William R., & Sherif, Carolyn W. (1954/1961). Conflitto e cooperazione tra gruppi: l'esperimento Robbers Cave.

Harlow, Harry F. (1958). La natura dell'amore. Psicologa americana, 13, 573-685.

Bandura, Albert, Ross, Dorothea, & Ross, Sheila A. (1961). Trasmissione di aggressioni attraverso l'imitazione di modelli aggressivi. Journal of Anormal and Social Psychology, 63, 575-582.

Teoria Evoluzionistica

Grigio, Asa. (1860). [Recensione di] L'origine delle specie per mezzo della selezione naturale . Giornale americano di scienza e arte (Marzo). Ristampato nel 1876 in Darwiniana: saggi e recensioni relativi al darwinismo. [Una recensione del professore di Storia Naturale di Harvard e il più grande difensore di Darwin in Nord America.]

Bowen, Francesco. (1860). Osservazioni sull'ultima forma della teoria dello sviluppo. Memorie dell'Accademia americana delle arti e delle scienze, n.s., VIII , pp. 98-107, comunicato 27 marzo, 10 aprile e 1 maggio 1860. Ristampato in G. Daniels (Ed.) (1968). Il darwinismo arriva in America. Waltham, MA: Blaisdell, pp. 66-74.

Galton, Francis . (1865). Talento e carattere ereditari. Rivista di Macmillan, 12, 157-166, 318-327.

Wright, Chauncey . (1870). Limiti della selezione naturale. Recensione nordamericana (Ottobre).

Darwin, Charles . (1871). La discesa dell'uomo. Prima parte: origine o origine dell'uomo (cap. 1-7).

Wright, Chauncey . (1873). Evoluzione dell'autocoscienza. Recensione nordamericana (Aprile).

  • Madden, E. H. (1963). La metafisica dell'autocoscienza. Capitolo 7 di Chauncey Wright e le basi del pragmatismo (pp. 128-142). Ristampato con il permesso della University of Washington Press.

McCosh, James . (1874). Aspetti religiosi della dottrina dello sviluppo. In P. Schaff & S. Prime (a cura di). Storia, saggi, orazioni e altri documenti della sesta conferenza generale dell'Alleanza Evangelica, tenuta a New York, dal 2 al 12 ottobre 1873, New York, pp. 269-271. Ristampato in G. Daniels (Ed.) (1968). Il darwinismo arriva a America . Waltham, MA: Blaisdell, pp. 96-101.

Galton, Francis . (1875). Storia dei gemelli. Facoltà umana e il suo sviluppo (pagg. 155-173).

Darwin, Charles . (1877). Uno schizzo biografico di un bambino. Mente, 2, 285-294.

James, William . (1879). Siamo automi? mente, 4, 1-22.

Morgan, C. Lloyd (1896). Sulla modifica e variazione. Scienza, NS 4, No. 99, 733-740.

Fiske, John . (1902). Il servizio di Herbert Spencer alla religione. Saggi storici e letterari, New York, II, pp. 232-237. Ristampato in G. Daniels (Ed.) (1968). Il darwinismo arriva in America. Waltham, MA: Blaisdell, pp. 106-110.

Watson, John B. (1907). Studiare la mente degli animali. Il mondo oggi, 12, 421-426. [Una rara, precoce e popolare affermazione di funzionalismo del "fondatore" del comportamentismo.]

Morgan, C. Lloyd . (1930). Autobiografia di C. Lloyd Morgan. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 2, pp. 237-264). Worcester, MA: Clark University Press.

Jastrow, Joseph . (1935). La psicologia ha fallito? studioso americano, 4, 261-269.

Psicologia Sperimentale

Dewey, John . (1884). La nuova psicologia. Recensione di Andover, 2, 278-289.

Peirce, Charles Sanders e Jastrow, Joseph (1884). Piccole differenze di sensazione. Memorie dell'Accademia Nazionale delle Scienze, 3, 73-83. [Critica probabilistica di Peirce del concetto di soglia di discriminazione di Fechner. Forse il primo studio psicologico sperimentale americano pubblicato.]

Hall, G. Stanley . (1885). La nuova psicologia. Recensione di Andover, 3, 120-135, 239-248.

Cattell, James McKeen. (1888). Il laboratorio psicologico a Lipsia. Mente, 13, 37-51.

Sanford, Edmund C. (1891-1893). Un corso di laboratorio in psicologia fisiologica. Giornale americano di psicologia, 4, 141-155, 303-322, 474-490 5, 390-415, 593-616.

Baldwin, James Mark (1892). Il laboratorio psicologico dell'Università di Toronto. Scienza, 19 (n. 475), 143-144.

Calkins, Mary Whiton . (1892). Psicologia sperimentale al Wellesley College. Giornale americano di psicologia, 5, 464-271.

Hume, James Gibson . (1892). Psicologia fisiologica. Verbale del ventunesimo congresso annuale dell'Associazione degli insegnanti dell'Ontario, pp. 86-106.

Cattell, James McKeen. (1893/1947). Attenzione e reazione (R. S. Woodworth, trad.). In James McKeen Cattell, uomo di scienza (Vol. 1: Ricerca psicologica, pp. 252-255, R. S. Woodworth, trad.). Lancaster, PA: The Science Press, 1947. (Pubblicato originariamente come "Aufmerksamkeit und Reaction" in Studi filosofici, 8. 403-406.[Richiama in discussione le scoperte sulla reazione sensoriale/muscolare di L. Lange, ponendo le basi del funzionalismo - vedi gli articoli di Titchener e Baldwin del 1895-96.]

Jastrow, Joseph . (1893). La sezione di psicologia. in M.P. Hardy (ed.), Catalogo Ufficiale -- Esposizione Colombiana Mondiale (Parte VII, pp. 50-60).

Mönsterberg, Hugo . (1893a). La nuova psicologia e l'attrezzatura di Harvard per insegnarla. Rivista dei laureati di Harvard, 1 (2), 201-209.

Hill, A. B. & Watanabe, R. (1894). Reazioni "sensoriali" e "muscolari". Giornale americano di psicologia, 6, 242-246. [Supervisionato da E. B. Titchener, a sostegno delle scoperte di L. Lange.]

Krohn, William O. (1894). Strutture in psicologia sperimentale nei college degli Stati Uniti. In Relazione del Commissario alla Pubblica Istruzione per l'anno 1890-'91 (Vol. 2, pp. 1139-1151).

Baldwin, James Mark . (1895). Tipi di reazione. Revisione psicologica, 2, 259-273.

Titchener, Edward B. (1895a). Reazioni semplici. Mente, 4, 74-81.

Titchener, Edward B. (1895b). La teoria dei tipi della reazione semplice. Mente, 4, 506-514.

Baldwin, James Mark . (1896). La "teoria dei tipi" della reazione. Mente, 5, 81-90.

Titchener, Edward B. (1896). La 'teoria del tipo' della reazione semplice. Mente, 5, 236-241.

Cattell, James McKeen. (1898). Il laboratorio psicologico. Recensione Psicologica, 5, 655-658.

Titchener, Edward B. (1898b). Un laboratorio psicologico Mente, 7, 311-331.

Abbott, Albert H. (1900). Psicologia sperimentale e laboratorio a Toronto. Università di Toronto Mensile , 1, 85-98, 106-112.

Cattell, James McKeen . (1928). I primi laboratori psicologici. Scienza, 67, 543- 548.

Harlow, Harry F. (1962). Principi fondamentali per la preparazione di articoli per riviste di psicologia . . Giornale di psicologia comparata e fisiologica, 55, 893-896.

Funzionalismo e pragmatismo

Bowen, Francesco. (1860). Osservazioni sull'ultima forma della teoria dello sviluppo. Memorie dell'Accademia americana delle arti e delle scienze, n.s., VIII , pp. 98-107, comunicata il 27 marzo, 10 aprile e 1 maggio 1860. Ristampato in G. Daniels (Ed.) (1968). Il darwinismo arriva a America . Waltham, MA: Blaisdell, pp. 66-74.

Wright, Chauncey . (1870). Limiti della selezione naturale. Recensione nordamericana (Ottobre).

Wright, Chauncey . (1873). Evoluzione dell'autocoscienza. Recensione nordamericana (Aprile).

  • Madden, E. H. (1963). La metafisica dell'autocoscienza. Capitolo 7 di Chauncey Wright e le basi del pragmatismo (pp. 128-142). Ristampato con il permesso della University of Washington Press.

McCosh, James . (1874). Aspetti religiosi della dottrina dello sviluppo. In P. Schaff & S. Prime (a cura di). Storia, saggi, orazioni e altri documenti della sesta conferenza generale dell'Alleanza Evangelica, tenuta a New York, dal 2 al 12 ottobre 1873, New York, pp. 269-271. Ristampato in G. Daniels (Ed.) (1968). Il darwinismo arriva a America . Waltham, MA: Blaisdell, pp. 96-101.

James, William . (1879). Siamo automi? mente, 4, 1-22.

Dewey, John . (1884). La nuova psicologia. Andover Recensione , 2, 278-289.

James, William . (1884). Che cos'è un'emozione? Mente, 9, 188-205.

Peirce, Charles Sanders e Jastrow, Joseph (1884). Piccole differenze di sensazione. Memorie del Nazionale Accademia di Scienze, 3, 73-83. [Critica probabilistica di Peirce del concetto di soglia di discriminazione di Fechner. Forse il primo studio psicologico sperimentale americano pubblicato.]

Lange, Carl Georg . (1885). Il meccanismo delle emozioni. Trans. di Benjamin Rand, apparso per la prima volta in Rand, Benjamin (Ed.) (1912). Gli psicologi classici (pagg. 672-684).

Hall, G. Stanley . (1885). La nuova psicologia. Recensione di Andover, 3, 120-135, 239-248.

James, William . (1887). Coscienza degli arti perduti. Atti della Società americana per la ricerca psichica, 1, 249-258.

Lang, Ludwig. (1888/2009). Nuovi esperimenti sul processo della semplice reazione alle impressioni sensoriali. (Trad. di David D. Lee di Neue Experimente ber den Vorgang der einfachen Reaction auf Sinneseindr cke.) Studi filosofici, 4, 479-510. (in .pdf). [L'articolo del futuro assistente di Wundt che sosteneva distinti tipi di reazione "sensoriale" e "muscolare", innescando così un dibattito (Cattell, Baldwin, Titchener, Angell) che portò alla scuola del Funzionalismo.]

James, William . (1892). Il flusso di coscienza. A partire dal Psicologia (capitolo XI). Cleveland e New York, mondo.

Cattell, James McKeen. (1893/1947). Attenzione e reazione (R. S. Woodworth, trad.). In James McKeen Cattell, uomo di scienza (Vol. 1: Ricerca psicologica, pp. 252-255, R. S. Woodworth, trad.). Lancaster, PA: The Science Press, 1947. (Pubblicato originariamente come "Aufmerksamkeit und Reaction" in Studi filosofici, 8. 403-406.[Richiama in discussione le scoperte sulla reazione sensoriale/muscolare di L. Lange, ponendo le basi del funzionalismo - vedi gli articoli di Titchener e Baldwin del 1895-96.]

Dewey, John . (1894). L'ego come causa. Rassegna filosofica, 3, 337-341.

Hill, A. B. & Watanabe, R. (1894). Reazioni "sensoriali" e "muscolari". Giornale americano di psicologia, 6, 242-246. [Supervisionato da E. B. Titchener, a sostegno delle scoperte di L. Lange.]

Baldwin, James Mark . (1895). Tipi di reazione. Revisione psicologica, 2, 259-273

Baldwin, James Mark . (1896). La "teoria del tipo" della reazione. Mente, 5, 81-90.

Dewey, John . (1896) Il concetto di arco riflesso in psicologia. Revisione psicologica, 3, 357-370.

Morgan, C. Lloyd (1896). Sulla modifica e variazione. Scienza, NS 4, No. 99, 733-740.

Caldwell, W. (1898). La visione di sé del professor Titchener. Revisione psicologica , 5, 401-408.

Titchener, Edward B. (1898a). I postulati di una psicologia strutturale. Rassegna filosofica, 7, 449-465.

Caldwell, W. (1899). I postulati di una psicologia strutturale. Revisione psicologica, 6, 187-191.

Titchener, Edward B. (1899). Psicologia strutturale e funzionale. Rassegna filosofica, 8, 290-299.

Fiske, John . (1902). Il servizio di Herbert Spencer alla religione. Saggi storici e letterari, New York, II, pp. 232-237. Ristampato in G. Daniels (Ed.) (1968). Il darwinismo arriva in America. Waltham, MA: Blaisdell, pp. 106-110.

James, William . (1904a). Esiste la coscienza? Rivista di filosofia, psicologia e metodi scientifici, 1, 477-491.

James, William . (1904b). Un mondo di pura esperienza. Rivista di filosofia, psicologia e metodi scientifici, 1, 533-543, 561-570.

James, William (1904c). La scuola di Chicago. Bollettino psicologico, 1, 1-5.

Angell, James Rowland . (1907). La provincia della psicologia funzionale. Revisione psicologica, 14, 61-91.

Watson, John B. (1907). Studiare la mente degli animali. Il mondo oggi, 12, 421-426. [Una rara, precoce e popolare affermazione di funzionalismo del "fondatore" del comportamentismo.]

Thorndike, Edward L. (1910). Il contributo della psicologia all'educazione. Giornale di Psicologia dell'Educazione, 1, 5-12.

James, William . (1907). Le energie degli uomini. Scienza, N.S. 25 (n. 635), 321-332.

Mead, George H . (1913). Il sé sociale. Rivista di filosofia, psicologia e metodi scientifici, 10, 374- 380.

Teoria della Gestalt

Koffka, Kurt (1922). Percezione: un'introduzione alla Gestalt-teoria. Bollettino psicologico, 19, 531-585.

Stumpf, Carl. (1930). Autobiografia di Carl Stumpf. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 1, pp. 389-441). Worcester, MA: Clark University Press. [Il riassunto del grande psicologo tedesco sul lavoro della sua vita.]

Wertheimer, Max . (1938). Leggi di organizzazione nelle forme percettive. In W. Ellis, W (Ed. & Trans.), Un libro di origine della psicologia della Gestalt (pagg. 71-88). Londra: Routledge & Kegan Paul. (Opera originale pubblicata nel 1923 come Untersuchungen zur Lehre von der Gestalt II, in Forschung psicologico, 4, 301-350.)

Köhler, Wolfgang . (1959). La psicologia della Gestalt oggi. Psicologa americana, 14, 727-734.

Storia della psicologia

Hall, G. Stanley . (1879). Filosofia negli Stati Uniti. Mente, 4, 89-105.

Dewey, John . (1884). La nuova psicologia. Recensione di Andover, 2, 278-289.

Hall, G. Stanley . (1885). La nuova psicologia. Recensione di Andover, 3, 120-135, 239-248.

Cattell, James McKeen. (1888). Il laboratorio psicologico a Lipsia. Mente, 13, 37-51.

Mönsterberg, Hugo . (1899). Psicologia e storia. Revisione psicologica, 6, 1-31.

Buchner, Edward Franklin . (1903). Un quarto di secolo di psicologia in America: 1878-1903. Giornale americano di psicologia, 14, 666-680.

Griffith, Coleman R. (1921). Alcuni aspetti trascurati di una storia della psicologia. Monografie psicologiche, 30, 17-29.

Titchener, E. B. (1921). Brentano e Wundt: Psicologia empirica e sperimentale. Giornale americano di psicologia, 32, 108-120.

Griffith, Coleman R. (1922). Contributi alla storia della psicologia - 1916-1921. Bollettino psicologico, 19, 411-428.

Boring, Edwin G. (1929). La psicologia della controversia. Revisione psicologica, 36, 97-121.

Garvey, C.R. (1929). Elenco dei laboratori di psicologia americani Bollettino psicologico, 26, 652-660.

Baldwin, James Mark . (1930). Autobiografia di James Mark Baldwin. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 1, pp. 1-30). Worcester, MA: Clark University Press.

Calkins, Mary Whiton . (1930). Autobiografia di Mary Whiton Calkins. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 1, pp. 31-62). Worcester, MA: Clark University Press.

Janet, Pierre . (1930). Autobiografia di Pierre Janet. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 1, pp. 123-133). Worcester, MA: Clark University Press. [Il riassunto del lavoro di una vita del grande psichiatra francese.]

Morgan, C. Lloyd . (1930). Autobiografia di C. Lloyd Morgan. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 2, pp. 237-264). Worcester, MA: Clark University Press.

Terman, Lewis M . (1930). Autobiografia di Lewis M. Terman. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 2, pp. 297-331). Worcester, MA: Clark University Press.

Washburn, Margaret Floy . (1930). Autobiografia di Margaret Floy Washburn. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 2, pp. 333-358). Worcester, MA: Clark University Press.

Woodworth, Robert S. . (1930). Autobiografia di Robert S. Woodworth. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 2, pp. 359-380). Worcester, MA: Clark University Press.

Yerkes, Robert M. (1930). Autobiografia di Robert M. Yerkes. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 2, pp. 381-407). Worcester, MA: Clark University Press.

Jastrow, Joseph . (1935). La psicologia ha fallito? studioso americano, 4, 261-269.

Krstic, Kruno . (1964). Marko Marulic -- L'autore del termine "psicologia". Acta Instituti Psychologici Universitatis Zagrabiensis, no. 36, pp. 7-13. [Raro studio sull'origine del termine "psicologia".]

Test di intelligenza

Galton, Francis . (1865). Talento e carattere ereditari. Rivista di Macmillan, 12, 157-166, 318-327.

Galton, Francis . (1875). Storia dei gemelli. Facoltà umana e il suo sviluppo (pagg. 155-173).

Cattell, James McKeen . (1886a). Il tempo impiegato dalle operazioni cerebrali, parti 1 e 2. Mente, 11, 220-242.

Cattell, James McKeen . (1886b). Il tempo impiegato dalle operazioni cerebrali, parte 3. Mente, 11, 377-392.

Cattell, James McKeen . (1887). Il tempo impiegato dalle operazioni cerebrali, parte 4. Mente, 11, 524-538.

Cattell, James McKeen . (1890). Test e misurazioni mentali. Mente, 15, 373-381.

Baldwin, James Mark, Cattell, James McKeen, & Jastrow, Joseph . (1898). Test fisici e mentali. Revisione psicologica, 5, 172-179.

Lanciere, Charles . (1904). "Intelligenza generale", determinata e misurata oggettivamente. Giornale americano di psicologia, 15, 201-293.

Binet, Alfred . (1905/1916). Nuovi metodi per la diagnosi del livello intellettivo dei subnormali. In E. S. Kite (Trad.), Lo sviluppo dell'intelligenza nei bambini. Vineland, NJ: Pubblicazioni della Scuola di Formazione a Vineland. (Pubblicato originariamente nel 1905 in L'Ann e Psychologique, 12, 191-244.)

  • Introduzione a Binet (1905/1916) di Henry L. Minton.
  • Commento su Binet (1905/1916) e Terman (1916) di Henry L. Minton

Hollingworth, Leta S. (1914). Variabilità in relazione alle differenze di sesso nei risultati: una critica. Giornale americano di sociologia, 19, 510-530.

Terman, Lewis M. (1916). Gli usi dei test di intelligenza. A partire dal La misura dell'intelligenza (capitolo 1). Boston: Houghton Mifflin.

  • Introduzione a Terman (1916) di Henry L. Minton.
  • Commento su Binet (1905/1916) e Terman (1916) di Henry L. Minton.

Fullerton, Hugh S. (1921). Perché Babe Ruth è il miglior battitore fuoricampo. Mensile scientifico popolare, 99 (4), 19-21, 110.

Terman, Lewis M . (1930). Autobiografia di Lewis M. Terman. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 2, pp. 297-331). Worcester, MA: Clark University Press.

Thurstone, L.L. (1934). I vettori della mente. Revisione psicologica, 41, 1-32.

Neuropsicologia

Franz, pastore d'avorio . (1912). Nuova frenologia. Scienza, N.S. 35 (n. 896), 321-328.

Lashley, Karl S. (1930). Meccanismi neurali di base nel comportamento. Revisione psicologica, 37, 1-24.

Hebb, Donald O. (1955). Drives e il C.N.S. (sistema nervoso concettuale). Revisione psicologica, 62, 243-254.

Percezione

Peirce, Charles Sanders e Jastrow, Joseph (1884). Piccole differenze di sensazione. Memorie dell'Accademia Nazionale delle Scienze, 3, 73-83. [Critica probabilistica di Peirce del concetto di soglia di discriminazione di Fechner. Forse il primo studio psicologico sperimentale americano pubblicato.]

De Varigny, M. Henry . (1894). Le laboratoire de psychologie exp rimentale de l'Universit de Madison. rivista scientifica, vol. 1, tomo 1, 624-629.

Koffka, Kurt (1922). Percezione: un'introduzione alla Gestalt-teoria. Bollettino psicologico, 19, 531-585.

Stumpf, Carl. (1930). Autobiografia di Carl Stumpf. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 1, pp. 389-441). Worcester, MA: Clark University Press. [Il riassunto del grande psicologo tedesco sul lavoro della sua vita.]

Wertheimer, Max . (1938). Leggi di organizzazione nelle forme percettive. In W. Ellis, W (Ed. & Trans.), Un libro di origine della psicologia della Gestalt (pagg. 71-88). Londra: Routledge & Kegan Paul. (Opera originale pubblicata nel 1923 come Untersuchungen zur Lehre von der Gestalt II, in Psycologische Forschung, 4, 301-350.)

Bruner, Jerome S. & Goodman, Cecile C. (1947). Valore e bisogno come fattori organizzativi della percezione. Journal of Anormal and Social Psychology, 42, 33-44.

Bruner, Jerome S. & Postman, Leo . (1949). Sulla percezione dell'incongruenza: un paradigma. Diario della personalità, 18, 206-223.

Personalità

Calkins, Mary Whiton (1908a). La psicologia come scienza del sé. I: Il sé è corpo o ha corpo?. Rivista di filosofia, psicologia e metodi scientifici, 1, 12-20.

Calkins, Mary Whiton (1908b). La psicologia come scienza del sé. II: La natura del sé. Rivista di filosofia, psicologia e metodi scientifici, 3, 64-68.

Calkins, Mary Whiton (1908c). La psicologia come scienza del sé. III: La descrizione della coscienza. Rivista di filosofia, psicologia e metodi scientifici, 5, 113-122.

Calkins, Mary Whiton . (1915). Il sé nella psicologia scientifica. Giornale americano di psicologia, 26, 495-524.

Allport, Floyd H. & Allport, Gordon W. (1921). Tratti della personalità: la loro classificazione e misurazione. Journal of Anormal and Social Psychology, 16, 6-40.

Allport, Gordon W. (1927). Concetti di tratto e personalità. Bollettino psicologico, 24, 284-293.

Calkins, Mary Whiton . (1930). Autobiografia di Mary Whiton Calkins. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 1, pp. 31-62). Worcester, MA: Clark University Press.

Allport, Gordon W. (1937). L'autonomia funzionale dei motivi. Giornale americano di psicologia, 50, 141-156.

Clark, Kenneth B. & Clark, Mamie K. (1940). Il colore della pelle come fattore di identificazione razziale dei bambini in età prescolare negri. Giornale di Psicologia Sociale, S.P.S.S.I. Bollettino, 11, 159-169.

Maslow, Abraham H. (1943). Una teoria della motivazione umana. Revisione psicologica, 50, 370-396.

Rogers, Carl R. . (1946). Aspetti significativi della terapia centrata sul cliente. Psicologa americana, 1, 415-422.

Rogers, Carl R. (1947). Alcune osservazioni sull'organizzazione della personalità. Psicologa americana, 2, 358-368.

Harlow, Harry F. (1958). La natura dell'amore. Psicologa americana, 13, 573-685.

Psicoanalisi e psicoterapia

Freud, Sigmund . (1900). L'interpretazione dei sogni (3° ed.). (A.A. Brill, trad.).

Witmer, Lightner . (1907). Psicologia clinica. Clinica Psicologica, 1, 1-9.

Freud, Sigmund . (1910). L'origine e lo sviluppo della psicoanalisi. Giornale americano di psicologia, 21, 181-218.

Jung, Carl G. (1910). Il metodo associativo. Giornale americano di psicologia, 31, 219-269.

Jung, Carl G. (1921/1923). Descrizione generale dei tipi. Capitolo 10 di Tipi psicologici (H.G. Bayes, trad.). (Opera originale pubblicata 1921)

Janet, Pierre . (1930). Autobiografia di Pierre Janet. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 1, pp. 123-133). Worcester, MA: Clark University Press. [Il riassunto del lavoro di una vita del grande psichiatra francese.]

Jastrow, Joseph . (1935). La psicologia ha fallito? studioso americano, 4, 261-269.

Rogers, Carl R. . (1946). Aspetti significativi della terapia centrata sul cliente. Psicologa americana, 1, 415-422.

Associazione Americana di Psicologia . (1947). Programma di formazione laureato consigliato in psicologia clinica. Psicologa americana, 2, 539-558.

Rogers, Carl R. . (1947). Alcune osservazioni sull'organizzazione della personalità. Psicologa americana, 2, 358-368.

Eysenck, Hans J. (1952). Gli effetti della psicoterapia: una valutazione. Journal of Consulting Psicologia, 16, 319-324.

Szasz, Thomas S. (1960). Il mito della malattia mentale. Psicologa americana, 15, 113-118.

Psicologia sociale

Tripletta, Norman. (1898). I fattori dinamogenici nel pacemaking e nella competizione. Giornale americano di psicologia, 9, 507-533.

Mead, George H . (1913). Il sé sociale. Rivista di filosofia, psicologia e metodi scientifici, 10, 374- 380.

Hollingworth, Leta S. (1914). Variabilità in relazione alle differenze di sesso nei risultati: una critica. Giornale americano di sociologia, 19, 510-530.

Hollingworth, Leta S. (1916). Dispositivi sociali per spingere le donne a partorire e allevare figli. Giornale americano di sociologia, 22, 19-29.

Clark, Kenneth B. & Clark, Mamie K. (1940). Il colore della pelle come fattore di identificazione razziale dei bambini in età prescolare negri. Giornale di Psicologia Sociale, S.P.S.S.I. Bollettino, 11, 159-169.

Miller, N., Sears, R.R., Rosenzweig, S., Bateson, G., Levy, D.M., Hartmann, G.W., & Maslow, A.H. (1941). Simposio sull'ipotesi frustrazione-aggressività. Revisione psicologica, 48, 337-366.

Heider, Fritz . (1946). Atteggiamenti e organizzazione cognitiva. Giornale di Psicologia, 21, 107-112.

Bruner, Jerome S. & Goodman, Cecile C. (1947). Valore e bisogno come fattori organizzativi della percezione. Journal of Anormal and Social Psychology, 42, 33-44.

Sherif, Muzafer, Harvey, O. J., White, B. Jack, Hood, William R., & Sherif, Carolyn W. (1954/1961). Conflitto e cooperazione tra gruppi: l'esperimento Robbers Cave.

Harlow, Harry F. (1958). La natura dell'amore. Psicologa americana, 13, 573-685.

Festinger, Leon e Carlsmith, James M. (1959). Conseguenze cognitive della compliance forzata. Journal of Anormal and Social Psychology, 58, 203-210.

Bandura, Albert, Ross, Dorothea, & Ross, Sheila A. (1961). Trasmissione di aggressioni attraverso l'imitazione di modelli aggressivi. Journal of Anormal and Social Psychology, 63, 575-582.

Statistiche e metodologia

Thurstone, L.L. (1934). I vettori della mente. Revisione psicologica, 41, 1-32.

Allport, Gordon W. (1940). Il quadro di riferimento dello psicologo. Bollettino psicologico, 37, 1-28. [Discorso presidenziale dell'APA di Allport.]

MacCorquodale, Kenneth & Meehl, Paul E. (1948). Sulla distinzione tra costrutti ipotetici e variabili intervenienti. Revisione psicologica, 55, 95-107.

Cronbach, Lee J. & Meehl, Paul E. (1955). Validità del costrutto nei test psicologici. Bollettino psicologico, 52, 281-302.

Cronbach, Lee J. (1957). Le due discipline della psicologia scientifica. Psicologa americana, 12, 671-684.

Rozeboom, William W. (1960). La fallacia del test di significatività dell'ipotesi nulla. Bollettino psicologico, 57, 416-428.

Università di Toronto

Baldwin, James Mark. (1891). All'editore. Giornale americano di psicologia, 3, 593.

Baldwin, James Mark (1892). Il laboratorio psicologico dell'Università di Toronto. Scienza, 19 (n. 475), 143-144.

Hume, James Gibson . (1892). Psicologia fisiologica. Verbale del ventunesimo congresso annuale dell'Associazione degli insegnanti dell'Ontario, pp. 86-106.

Hume, James Gibson . (1895). Psicologia all'Università di Toronto. Revisione psicologica, 2, 172. [Estratto dell'articolo presentato alla riunione del 1894 dell'American Psychological Association.]

Hume, James Gibson . (1897). Il valore pratico della psicologia per l'insegnante. Toronto: George N. Morang. (Originariamente consegnato davanti all'Ontario Teachers' Association, Toronto, 1897.)

Hume, James Gibson . (1898). Contributi della psicologia alla morale e alla religione. Revisione psicologica, 5, 162-163. [Estratto dell'articolo presentato alla riunione del 1897 dell'American Psychological Association.]

Abbott, Albert H. (1900). Psicologia sperimentale e laboratorio a Toronto. Mensile dell'Università di Toronto, 1, 85-98, 106-112.

Hume, James Gibson . (1909). La corretta affiliazione della psicologia: con la filosofia o le scienze naturali. Bollettino psicologico, 6, 65-67. [Estratto dell'articolo presentato al meeting del 1908 della Southern Society for Philosophy and Psychology.]

Hume, James Gibson . (1909). L'importanza del pragmatismo per la storia della filosofia. Rassegna filosofica, 18, 176-177. [Estratto dell'articolo presentato al meeting del 1908 dell'American Philosophical Association.]

Hume, James Gibson . (1910). Il significato del suicidio. Rassegna filosofica, 19, 179-180. [Estratto dell'articolo presentato al meeting del 1910 dell'American Philosophical Association.]

Hume, James Gibson . (1916). Verità scientifica e spirito scientifico. Mensile dell'Università di Toronto, 16, 443-445.

Brett, George S. (1922). Psicologia in università. Mensile dell'Università di Toronto, , 298-300.

Hume, James Gibson . (1922). Evoluzione e personalità. In Saggi filosofici presentati a John Watson (pp. 298-330). Kingston, ON: Queen's University.

Brett, George S. (1929). Introduzione alla psicologia. Toronto: Macmillan del Canada.

Baldwin, James Mark . (1930). Autobiografia di James Mark Baldwin. In Murchison, Carl. (Ed.), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 1, pp. 1-30). Worcester, MA: Clark University Press.

Donne e psicologia

Jastrow, Giuseppe. . (1891). Uno studio di statistica mentale. Nuova recensione, 5, 559-568.

Nevers, Cordelia C. & Calkins, Mary W. (1895). Dr. Jastrow sulla comunità di idee di uomini e donne. Revisione psicologica, 2, 363-367.

Jastrow, Joseph . (1896). Comunità di idee di uomini e donne. Revisione psicologica, 3, 68-71.

Calkins, Mary Whiton . (1896a). Associazione: Un saggio analitico e sperimentale. Supplemento alle monografie di revisione psicologica, 1 (2).

Calkins, Mary Whiton. (1896b). Comunità di idee di uomini e donne. Revisione psicologica, 3, 426-430.

Hall, G. Stanley . (1904). Le ragazze adolescenti e la loro educazione. A partire dal Adolescenza: la sua psicologia e le sue relazioni con la fisiologia, l'antropologia, la sociologia, il sesso, la criminalità, la religione e l'educazione (Vol. 2, Capitolo 17).

Ladd Franklin, Christine . (1904). Cattedre dotate per le donne. Pubblicazioni dell'Associazione degli Alumni Collegiali, Serie III, n. 9, pp. 53-61.

Calkins, Mary Whiton (1908a). La psicologia come scienza del sé. I: Il sé è corpo o ha corpo?. Rivista di filosofia, psicologia e metodi scientifici, 1, 12-20.

Calkins, Mary Whiton (1908b). La psicologia come scienza del sé. II: La natura del sé. Rivista di filosofia, psicologia e metodi scientifici, 3, 64-68.

Calkins, Mary Whiton (1908c). La psicologia come scienza del sé. III: La descrizione della coscienza. Rivista di filosofia, psicologia e metodi scientifici, 5, 113-122.

Ladd Franklin, Christine . (1908). Relazione della commissione sulla dotazione delle borse di studio. Da "Atti" in Pubblicazioni dell'Associazione degli Alumni Collegiali, Serie III, n. 17, pp. 143-146. Woolley, Helen Thompson. (1910). Una rassegna della letteratura recente sulla psicologia del sesso. Bollettino psicologico, 7, 335-342.

Hollingworth, Leta S. (1914b). Variabilità in relazione alle differenze di sesso nei risultati: una critica. Giornale americano di sociologia, 19, 510-530.

Calkins, Mary Whiton . (1915). Il sé nella psicologia scientifica. Giornale americano di psicologia, 26, 495-524.

Hollingworth, Leta S. (1916). Dispositivi sociali per spingere le donne a partorire e allevare figli. Giornale americano di sociologia, 22, 19-29.

Hollingworth, Leta S. (1922). Azione differenziata sui sessi di forze che tendono a segregare i deboli di mente. Journal of Abnormal Psychology & Social Psychology, 17, 35-57.

Howes, Ethel Puffer . (1922). Accettare l'universo. Atlantico mensile, 129, 444-453.

Washburn, Margaret Floy . (1922). L'introspezione come metodo oggettivo. Revisione psicologica, 29, 89-112.

Jones, Mary Cover . (1924). Uno studio di laboratorio sulla paura: il caso di Peter. Seminario Pedagogico, 31, 308-315.

Calkins, Mary Whiton . (1930). Autobiografia di Mary Whiton Calkins. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 1, pp. 31-62). Worcester, MA: Clark University Press.

Washburn, Margaret Floy . (1930). Autobiografia di Margaret Floy Washburn. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 2, pp. 333-358). Worcester, MA: Clark University Press.

Boring, Edwin G. (1951). Il problema della donna. Psicologa americana, 6, 679-682.

Wundt e strutturalismo

Wundt, Wilhelm Max . (1874/1902/1904). Principi di psicologia fisiologica (Edward Bradford Titchener, Trans.) (dalla 5a ed. tedesca, pubblicata nel 1902 1a ed. tedesca pubblicata nel 1874.)[Testo classico del fondatore del primo laboratorio di ricerca psicologica.]

Cattell, James McKeen. (1888). Il laboratorio psicologico a Lipsia. Mente, 13, 37-51.

Lang, Ludwig. (1888/2009). Nuovi esperimenti sul processo della semplice reazione alle impressioni sensoriali. (Trad. di David D. Lee di Neue Experimente ber den Vorgang der einfachen Reaction auf Sinneseindr cke.) Studi filosofici, 4, 479-510. (in .pdf).[L'articolo del futuro assistente di Wundt che sosteneva distinti tipi di reazione "sensoriale" e "muscolare", innescando così un dibattito (Cattell, Baldwin, Titchener, Angell) che portò alla scuola del Funzionalismo.]

Hill, A. B. & Watanabe, R. (1894). Reazioni "sensoriali" e "muscolari". Giornale americano di psicologia, 6, 242-246. [Supervisionato da E. B. Titchener, a sostegno delle scoperte di L. Lange.]

Titchener, Edward B. (1895a). Reazioni semplici. Mente, 4, 74-81.

Titchener, Edward B. (1895b). La teoria dei tipi della reazione semplice. Mente, 4, 506-514.

Titchener, Edward B. (1896). La 'teoria del tipo' della reazione semplice. Mente, 5, 236-241.

Wundt, Wilhelm Max . (1896/1897). Cenni di psicologia (Charles Hubbard Judd, trad.).

Caldwell, W. (1898). La visione di sé del professor Titchener. Revisione psicologica , 5, 401-408.

Titchener, Edward B. (1898a). I postulati di una psicologia strutturale. Rassegna filosofica, 7, 449-465.

Caldwell, W. (1899). I postulati di una psicologia strutturale. Revisione psicologica, 6, 187-191.

Titchener, Edward B. (1899). Psicologia strutturale e funzionale. Rassegna filosofica, 8, 290-299.

Dunlap, cavaliere . (1912). Il caso contro l'introspezione. Revisione psicologica, 19, 404-413.

Titchener, Edward B. (1912). Lo schema dell'introspezione. Giornale americano di psicologia, 23, 485-508.

Titchener, Edward B. (1914). Su "La psicologia come la vede il comportamentista". Atti della Società Filosofica Americana, 53, 1-17.

Titchener, E. B. (1921). Brentano e Wundt: Psicologia empirica e sperimentale. Giornale americano di psicologia, 32, 108-120.

Washburn, Margaret Floy . (1922). L'introspezione come metodo oggettivo. Revisione psicologica, 29, 89-112.

Marbe, Karl . (1930). Autobiografia di Karl Marbe. In C. Murchison (a cura di), Storia della psicologia nell'autobiografia (Vol. 1, pp. 181-213). Worcester, MA: Clark University Press.


Guarda il video: Cartoon Rat vs Cartoon Cat (Gennaio 2022).