Podcast di storia

Raccoon River LSM-520 - Storia

Raccoon River LSM-520 - Storia

fiume procione

(LSM(R)-520: dp. 1.084 (f.); 1. 206'3"; b. 34'6"; dr. 9'9" s. 12 k., cpl. 140, a. 1 5 ", 4 40mm., 8 20mm., 4 4.2" m.,10 rkt; cl. LSM(R)-601)

Raccoon River è stato stabilito come LSM(R)-620 il 28 aprile 1945 dalla Brown Shipbuilding Co., inc., louston, Tex.; varato il 2 giugno 1945; e commissionato il 31 luglio 1945, al comando del tenente W. F. Chapman, USNR.

LSM(R)-620 è partito dalla costa del Texas il 10 agosto è arrivato a Charleston il 15, ha proseguito per Norfolk all'inizio di settembre e ha completato l'addestramento per lo shakedown nella baia di Chesapeake all'inizio di ottobre. Il 10 ottobre partì per i Grandi Laghi per celebrare il Navy Day a Erie, in Pennsylvania, per poi tornare a Norfolk. L'8 gennaio 1946 partì di nuovo dal Norfolk, questa volta per la Florida e l'inattivazione. Arrivata a Jacksonville l'11, iniziò la revisione e poi si spostò a Green Cove Springs dove fu dismessa il 15 maggio 1946.

LSM(R)-680 rimase ormeggiata con il Florida Group, Atlantic Reserve Fleet fino all'attivazione ordinata nell'agosto 1950. Rimessa in servizio il 2 febbraio 1952, tornò nell'area della baia di Chesapeake; con sede a Little Creek fino ad aprile; trascorse maggio e giugno al Norfolk Naval Shipyard e l'11 luglio tornò a Little Creek per prepararsi alle esercitazioni anfibie nelle Carolinas.

Il suo incarico durante i successivi 18 mesi includeva operazioni anfibie a Onslow Beaeh, N.C., esercitazioni di addestramento nella baia di Chesapeake, due crociere all'isola di Vieques, PR, e operazioni per il freddo al largo del Labrador.

Il 26 gennaio 1954 si diresse di nuovo a sud e fino a febbraio operò nelle acque al largo di Cuba e della Florida meridionale. A marzo tornò a Little Creek e trascorse il resto dell'anno operando al largo della costa orientale, principalmente nell'area di Virginia Capes.

Il 1 febbraio 1955, LSM(R)-620 lasciò Little Creek per l'ultima volta. L'8 arrivò a Orange, Texas, e di nuovo entrò nella flotta di riserva. Chiamata Raccoon River il 1 ottobre 1955, fu cancellata dalla lista della Marina il 1 febbraio 1960.


Cronologia dei servizi [ modifica | modifica sorgente]

Dopo lo shakedown preliminare al largo di Galveston, Texas, LSM(R)–519, ha navigato a Charleston, South Carolina, quindi a Little Creek, Virginia, per il completamento dell'addestramento. Il 23 ottobre partì da Little Creek per Troy, New York, dove svolse le attività del Navy Day.

Il 1 novembre è tornata nella zona di marea e il 5 ha navigato verso sud. È arrivata all'area di ormeggio della riserva di St. Johns River Florida il 9 novembre.

Nel marzo 1946 fu dismessa. Rinominato il Fiume Polvere il 1 ottobre 1955, dopo il fiume Powder nel Wyoming e nel Montana. L'LSM(R) rimase nel Florida Group, Atlantic Reserve Fleet fino a quando non fu cancellato dalla Navy List il 1 ottobre 1958.


Contenuti

USS fiume bianco in mare grosso vicino a Little Creek, in Virginia, che mostra il martellamento che la nave a fondo piatto ha preso negli stati di alto mare

La nave da sbarco media senza nome (razzo) LSMR-536 è stata impostata il 9 giugno 1945 a Houston, in Texas, dalla Brown Shipbuilding Company, varata il 14 luglio 1945 e commissionata il 28 novembre 1945, con il tenente John M. Gates, USNR, al comando. ⎘]

In partenza da Houston il 3 dicembre 1945, LSMR-536 ha fatto una sosta di tre giorni a Galveston prima di proseguire per Charleston, SC, dove ha completato l'allestimento. Si fermò a Charleston l'8 gennaio 1946. Dopo l'addestramento per lo shakedown a Little Creek, in Virginia, la nave si diresse a sud verso la Florida il 7 febbraio, arrivando a Green Cove Springs il 10 febbraio, dove fu messa in riserva. Il 31 luglio, è stata dismessa e ormeggiata a Green Cove Springs nella flotta della riserva atlantica. ⎘]

Guerra di Corea [ modifica | modifica sorgente]

Dopo essere stato rimesso in servizio il 16 settembre 1950 con il tenente Henry O. Bergkamp al comando, LSMR-536 completato l'allestimento a Savannah, GA, e, il 20 novembre, ha preso il via per l'allenamento di shakedown a Little Creek. Alla fine lasciò le acque della baia di Chesapeake il 1 marzo 1951 per il servizio con la flotta del Pacifico. Ha attraversato il Canale di Panama il 14 marzo ed è arrivata a San Diego, dieci giorni dopo. Lì, divenne un'unità della Divisione 3 LSMR e trascorse i successivi 14 mesi praticando il suo ruolo di supporto anfibio al largo dell'isola di San Clemente. ⎘]

Il 12 maggio 1952, LSMR-536 partì da San Diego in compagnia della USS Fiume San Giuseppe e tre grandi navi di supporto allo sbarco, e la formazione salpò per Pearl Harbor e Midway, raggiungendo Yokosuka, in Giappone, il 19 giugno. Successivamente, si è trasferita a Sasebo per prepararsi al suo primo dispiegamento nella zona di combattimento al largo della costa coreana. Si è imbarcata per quella crociera a metà luglio ed è arrivata al largo di Chodo, un'isola al largo della costa occidentale della Corea nella parte meridionale della Baia della Corea, il 16. Ha pattugliato la stazione in quel luogo fino al 15 agosto, quando è tornata in Giappone. ⎘]

Dopo le visite a Sasebo e Yokosuka, LSMR-536 condusse esercitazioni di atterraggio a Chigasaki alla fine di settembre 1952. La pratica missilistica sul territorio giapponese provocò una protesta ufficiale da parte del Ministero degli Esteri giapponese. ⎙] È tornata a Yokosuka e Sasebo, facendo corse tra i porti durante ottobre e gran parte di novembre. Il 27 novembre, la nave ha autorizzato Sasebo per tornare nelle vicinanze di Chodo. Quell'incarico, consistente principalmente nell'illuminazione notturna, durò fino a metà dicembre, quando tornò in Giappone. ⎚] LSMR-536 rimase a Sasebo dal 19 dicembre 1952 al 18 gennaio 1953. Tornò brevemente a Chodo il 20 gennaio e poi iniziò a pattugliare Taenchong Do, Paengnyong Do e Kirin Do. ⎘]

Tornò a Yokosuka il 13 febbraio 1953 e vi rimase fino al 24 quando prese il via per tornare a casa. Navigando a vapore per Midway e Pearl Harbor, la nave da guerra arrivò a San Diego il 24 marzo. Dopo le operazioni di addestramento al largo dell'isola di San Clemente, è stata revisionata presso il cantiere navale dell'isola di Mare. Tutto sommato, rimase sulla costa occidentale 11 mesi, partendo da San Diego per tornare nel Pacifico occidentale il 10 febbraio 1954. ⎘]

Dopo aver fatto una pausa lungo il percorso a Pearl Harbor e Midway, LSMR-536 raggiunse Yokosuka l'11 marzo 1954. Sebbene la nave tornasse periodicamente sulla costa coreana durante il suo secondo servizio con la 7a flotta, le operazioni di combattimento non ebbero alcun ruolo nelle sue attività, poiché le ostilità erano state effettivamente interrotte dall'armistizio del 19 luglio 1953. Concluse il suo primo dispiegamento in tempo di pace nell'Asia orientale quando rientrò a San Diego il 7 novembre 1954. Trascorse l'anno 1955 impegnata in operazioni fuori San Diego, principalmente nell'addestramento anfibio al largo dell'isola di San Clemente. Il 1 ottobre 1955 fu ribattezzata fiume bianco. ⎘]

fiume bianco partì da San Diego il 4 gennaio 1956 e arrivò a Yokosuka il 6 febbraio. Ha partecipato a manovre anfibie su larga scala a Iwo Jima nello stesso mese e poi è tornata brevemente a Yokosuka prima di tornare a casa il 3 marzo, tornando a San Diego il 31 marzo per riprendere le operazioni locali. Il 7 settembre 1956 fu dismessa e ormeggiata con il San Diego Group della Pacific Reserve Fleet. ⎘]

Guerra del Vietnam [ modifica | modifica sorgente]

Le ostilità in Asia determinarono nuovamente il ritorno in servizio della nave, questa volta in Vietnam. fiume bianco è stata trasferita da San Diego al cantiere navale di Long Beach nel giugno 1965, dove ha subito ampie modifiche prima di essere rimessa in servizio lì accanto alla nave gemella USS Carronata il 2 ottobre 1965. ⎛] fiume bianco partì da Long Beach il 30 ottobre e si diresse a San Diego da dove condusse esercitazioni di shakedown e bombardamento a terra. L'8 febbraio 1966 partì da San Diego per ricongiungersi alla 7a flotta in Estremo Oriente. Lei e la sua divisione si fermarono nelle isole Hawaii per circa due settimane durante le quali condussero ulteriori esercitazioni di bombardamento a terra sull'isola di Kahoolawe prima di riprendere il viaggio verso ovest il 1 marzo. Si fermò a Midway Island il 5 marzo e raggiunse Yokosuka dieci giorni dopo. L'addestramento e le visite in porto in Giappone le occuparono le successive otto settimane. Il 9 maggio, ha lasciato il suo porto di partenza di Yokosuka per la costa del Vietnam attraverso Subic Bay, nelle Filippine. ⎖]

fiume bianco arrivò al largo della zona operativa del I Corpo il 25 maggio 1966 e iniziò immediatamente le missioni di supporto al fuoco per l'Operazione Mobile. Due giorni dopo, concluse il suo supporto a Mobile e passò al supporto della 2a divisione dell'Esercito della Repubblica del Vietnam (ARVN) che operava vicino a Quang Ngai. Continuò a supportare quell'unità a intermittenza per i successivi due mesi, interrompendo questo compito solo per fornire spari e razzi per altre tre operazioni: Oakland Deckhouse III, un atterraggio anfibio e Franklin. Al termine di quest'ultima operazione, si diresse, via Subic Bay e Hong Kong, verso Yokosuka dove rimase fino al 16 settembre. Γ]

Dopo un'altra sosta a Subic Bay per riparazioni di emergenza dopo essere stato sorpreso da tre tempeste durante il viaggio verso le Filippine, fiume bianco tornò sulla costa vietnamita alla fine di settembre 1966 per continuare a sostenere le truppe a terra con gli spari. Durante i successivi due mesi, ha fornito fuoco di chiamata nella parte settentrionale della zona tattica del II Corpo e nella parte meridionale del III Corpo, per un totale di 17.700 razzi e 1.700 proiettili da 5 pollici dal 1 maggio. Questo incendio distrusse oltre 5.000 strutture, uccise 207 Viet Cong e distrusse 175 sampan oltre a negozi di cibo, munizioni e benzina. Il 30 novembre terminò il suo secondo servizio in acque vietnamite e si diresse, via Okinawa, a Yokosuka dove trascorse il resto dell'anno in manutenzione a causa di persistenti problemi di manutenzione. Γ]

fiume bianco lasciò il Giappone ancora una volta il 23 gennaio 1967. Ancora una volta, si fermò a Subic Bay, prima per caricare munizioni e poi per completare alcuni lavori di manutenzione in preparazione per un anno in cui avrebbe condotto operazioni per l'intera lunghezza del Vietnam del Sud. È tornata sulla costa della zona tattica del I Corpo il 9 febbraio e ha iniziato a sparare ai marines a terra impegnati nell'operazione Desoto. Sempre in quel periodo, fiume bianco scortati convogli di camion vicino alla Zona Demilitarizzata Vietnamita (DMZ) che divide il Vietnam del Nord e del Sud. Ha concluso quell'incarico l'11 febbraio, ha fatto rifornimento a Danang e ha preso il via per supportare l'operazione Deckhouse VI, un'operazione anfibia condotta dalla Special Landing Force vicino alla base di Sa Huynh nella parte meridionale della zona tattica del I Corpo come estensione dell'operazione Desoto che era stata temporaneamente interrotta durante le vacanze di Tết. Concluse la sua parte nelle operazioni Desoto-Deckhouse VI il 23 febbraio e si diresse verso la baia di Subic, dove si riarmava e conduceva la manutenzione dal 24 febbraio al 2 marzo. fiume bianco tornò sulla costa vietnamita il 13 marzo e riprese i compiti di bombardamento a terra a sostegno dell'operazione Beacon Hill, un elicottero combinato e un assalto anfibio condotto vicino a Dong Ha. Il 23 marzo, liberata dall'operazione di Beacon Hill, si riarma a Cam Ranh Bay, quindi procede verso la zona tattica del III Corpo per fornire supporto con armi da fuoco per le operazioni vicino alla zona speciale di Rung Sat. Δ]

USS fiume bianco sparare un paio di razzi contro un villaggio infiltrato dai Viet Cong nel Vietnam del Sud

Sollevato dalla USS Carronata il 2 aprile 1967, fiume bianco è tornato a Yokosuka il 17 aprile dopo una sosta di quattro giorni a Keelung, Taiwan, lungo il percorso. Δ] Ha effettuato le riparazioni necessarie a Yokosuka e poi è tornata in Vietnam il 29 maggio. Dopo il rifornimento di munizioni a Subic Bay, la nave da guerra arrivò al largo della zona tattica del I Corpo l'11 giugno e condusse bombardamenti a terra lì e nella zona del II Corpo fino al 21 luglio, quando lasciò le acque vietnamite per tornare a Subic Bay per la manutenzione. fiume bianco tornò sulla costa vietnamita all'inizio di agosto e vi rimase fino al 23 agosto. La nave è quindi tornata a Yokosuka alla fine del mese, arrivando lì l'8 settembre e rimanendo fino al 16 ottobre per le riparazioni. Ha iniziato il suo ultimo turno di servizio del 1967 al largo della costa vietnamita il 31 ottobre. Durò fino al 27 dicembre e consisteva quasi interamente nel supporto di armi da fuoco alle forze operanti nella zona tattica del II Corpo, durante la quale fiume bianco ha lanciato il suo 50.000esimo razzo. Alla sua conclusione, fu sollevata dalla USS fiume Clarion e tornò a Subic Bay per la manutenzione. ⎜]

Durante il 1968, fiume bianco ha continuato a operare dal suo porto di origine, Yokosuka, e ha effettuato quattro schieramenti nelle acque del Vietnam per fornire supporto con armi da fuoco alle truppe statunitensi e dell'ARVN. Nel mese di gennaio, fiume bianco sollevato fiume Clarion nel fornire supporto con armi da fuoco alle truppe sudcoreane durante l'operazione di ricerca e distruzione Meng Ho Kuho a nord di Qui Nhon (16-24 gennaio e 27-29 gennaio). All'inizio del mese successivo, la nave ha sostenuto la 2a divisione dell'ARVN nella stessa regione (2-3 febbraio), e alla fine del mese successivo, fiume bianco di nuovo lavorò con le unità sudcoreane, la Capital Division in due casi (22-24 marzo e 29-31 marzo) e la 9a Divisione (28 marzo). Ha ripreso il supporto del fuoco per quelle unità coreane il mese successivo, la Capital Division l'1–2 aprile e la 9a Divisione il 2 aprile e in altri tre casi: 16–17 aprile, 21–23 aprile e 27 aprile) in aggiunta , il suo armamento ha contribuito all'operazione Cochise (11-12 aprile). Successivamente, tornando alla linea di tiro, fiume bianco, con l'assistenza di un osservatore aviotrasportato il 15 luglio ha colpito un'area di stoccaggio sospettata di Viet Cong, una serie di grotte a circa 10 miglia (16  km) a sud-est della baia di Qui Nhon, con oltre 1.000 proiettili stabilizzati in rotazione, incendiando più di 47 secondari esplosioni e quasi una dozzina di incendi. Prima di tornare nelle acque vietnamite, il 14 agosto 1968 la nave fu riclassificata come nave di supporto antincendio costiero, LFR-536. La nave operò quindi al largo della zona del IV Corpo a dicembre, supportando la 21a divisione ARVN in quattro occasioni (1 -5 dicembre, 12-14 dicembre, 21-23 dicembre e 26-28 dicembre) e Operazione Bold Dragon IX il 28-29 dicembre. ⎖]

fiume bianco trascorse quattro giorni in prima linea alla fine di gennaio 1969, al largo delle aree del I e ​​del IV Corpo, a supporto del 1º Battaglione, 2a Divisione ARVN. Rispondendo a una richiesta di supporto a colpi di arma da fuoco dopo che le truppe dell'ARVN avevano subito 15 morti in un assalto a una roccaforte nemica il 27 gennaio, fiume bianco sparato su una posizione nordvietnamita sul lato nord di una piccola collina, 11 miglia (18  km) a sud della penisola di Batangan, provincia di Quang Ngai. Un bombardamento di due ore ha ucciso due VC, ne ha ferito uno, ha raso al suolo o danneggiato 24 strutture e ha appiccato cinque incendi secondari. Il giorno successivo (28 gennaio), la nave di supporto antincendio costiero ha bombardato un'area di sosta nemica a 0,5 miglia (0,80   km) dal bersaglio del giorno precedente, uccidendo 15 VC e distruggendo 54 strutture, di cui 11 in muratura pesante e sei di cui era stato usato per immagazzinare petrolio, petrolio e lubrificante. Inoltre, fiume bianco L'incendio ha danneggiato altre 21 strutture e distrutto nove bunker e 35 metri di sentiero, innescando cinque esplosioni secondarie e innescando 45 incendi secondari. "Ancora non contento di riposare sugli allori", scrisse in seguito un cronista della flotta del Pacifico, "fiume bianco il 29 ha diretto i suoi razzi stabilizzati in rotazione da 5 pollici verso le posizioni nemiche nella stessa area il 29 e ha messo a tacere un sito antiaereo", uccidendo o ferendo 11 VC. ⎘]

USS fiume bianco sparare razzi

L'11 febbraio 1969, fiume bianco ha partecipato a una "operazione a più forze" nella parte meridionale della penisola di Ca Mau, che ha comportato il dispiegamento di forze aeree, terrestri e marittime, tra cui dieci navi Swift (PCF), nel tentativo di coprire i numerosi fiumi della zona . Dopo che un trio di PCF aveva condotto un'operazione di guerra psicologica sul fiume Trum Gong, quattro Swift entrarono nel Nang solo per incontrare pesanti armi automatiche VC e razzi B-40 che colpirono direttamente due PCF (uno perdendo un motore e l'altro gravemente danneggiato), ferendo un marinaio. Gli attacchi ad ala fissa dell'Aeronautica hanno distrutto circa 30 bunker e 200 metri di linea di trincea fiume bianco si unì alla mischia, scatenando un bombardamento delle posizioni nemiche "ma con risultati sconosciuti". ⎖]

Durante l'1-5 maggio 1969, fiume bianco ha sostenuto la 2a divisione dell'ARVN, la 2a brigata marina sudcoreana e le forze statunitensi nell'operazione Daring Rebel, uccidendo circa quattro VC, distruggendo 12 moto d'acqua e 35 strutture, danneggiando 27 bunker e altre strutture, innescando dieci esplosioni secondarie e accendendo 13 incendi secondari. Inoltre, la nave di supporto antincendio costiera ha incendiato 500 metri di linea degli alberi e danneggiato tre silos di stoccaggio del riso e 24 acri di colture di riso. fiume bianco Il lavoro del suo lavoro ha richiesto una risposta: la nave ha osservato esplosioni di superficie di sei piedi, da 800 a 1.000 iarde di distanza dalla nave, da 8 a 10 proiettili di dimensioni sconosciute sparati contro di lei la sera del 3 maggio. ⎖]

Il mese successivo (giugno 1969), fiume bianco fu assegnata alle unità navali di supporto al fuoco per soli quattro giorni, ma "dimostrò precisione di tiro durante un giorno di riprese particolarmente impressionanti". di Quang Ngai, ha bombardato un'area di raduno di VC, stanando una squadra di VC che presto iniziò a preparare armi per rispondere al fuoco. fiume bianco osservò una superficie di 20 piedi esplodere a circa 2.000 iarde dalla prua e numerosi colpi di armi leggere che non centrarono il bersaglio. Con l'aiuto di un osservatore aviotrasportato, la nave di supporto per il fuoco costiero diresse una raffica di dieci minuti di mitragliatrici calibro .30 e .50, cannone automatico da 40 millimetri e razzi sul VC, che si ruppe e si mise al riparo lasciandosi alle spalle 11 del loro numero morto dietro. fiume bianco ha continuato a battere la zona fino a quando il tempo inclemente ha costretto lo spotter a dirigersi verso casa. Oltre ai 10 cadaveri nemici contati, la nave aveva distrutto 13 strutture e 10 bunker e danneggiato ulteriori 21 strutture e 11 bunker, innescato tre esplosioni secondarie e appiccato nove incendi secondari. fiume bianco ha ripreso il suo bombardamento il giorno successivo (17 giugno) e ha rappresentato altri due morti VC. ⎖]

USS fiume bianco sparando una salva di quattro razzi al largo della costa del Vietnam del Nord di notte

fiume bianco ha sostenuto la 1a task force australiana nella provincia di Phuoc Tuy, nella zona del III Corpo, durante il periodo dal 22 al 27 ottobre 1969, scatenando una raffica di razzi stabilizzati a rotazione da 5 pollici su 28 bersagli nemici. I campi base VC, le aree di stoccaggio, i bunker, le vie di infiltrazione e i sampan sono tutti caduti sotto il fuoco devastante della nave, la sua dichiarata "precisione millimetrica" ​​ha ucciso 18 VC, ne ha feriti 17, ha distrutto circa 97 strutture e bunker e ha danneggiato 35 inoltre, ha distrutto due armi siti e innescato 13 esplosioni secondarie. Dopo aver sostenuto la 7a Divisione ARVN (2-5 novembre, 7 novembre) e la 9a Divisione ARVN (6 novembre) nella Zona IV Corpo, fiume bianco tornò nella zona tattica del III corpo e lavorò nuovamente con la 1a task force australiana (8 novembre). "Insieme a influenzare in modo deleterio il morale del nemico", ha scritto un osservatore, la nave di supporto del fuoco costiero ha ucciso 15 soldati VC, ne ha feriti 17 e ha distrutto quattro grotte, 41 bunker e 46 strutture. Inoltre, gli osservatori hanno contato 18 incendi secondari e 12 esplosioni e hanno annoverato grotte, bunker e strutture danneggiate tra le opere distruttive della nave. ⎘]

USS White River lanciando razzi nella Zona Speciale Rung Sat (RSSZ) nel Vietnam del Sud nel 1969

fiume bianco rientrò nelle acque vietnamite nel gennaio 1970. Il 30-31 gennaio la nave operò al largo della penisola di Cà Mau, nell'area del IV Corpo d'Armata, a supporto della 21° Divisione ARVN, per poi prestare alla stessa unità i suoi potenti ordigni in tre occasioni il mese successivo (1-4 febbraio, 10-19 febbraio e 22-25 febbraio). Inoltre, ha fornito supporto con armi da fuoco per le operazioni Sea Float nella stessa regione (21 febbraio). Mentre si avvicinava alla fine della sua vita di servizio attivo il 17 marzo, accompagnata da un'imbarcazione di pattuglia fluviale con un ombrello di supporto aereo, "penetrò in profondità nella zona speciale di Rung Sat, a sud-est di Saigon a sostegno dell'operazione Chuong Duong 11-70, " risalendo a vapore il fiume Long Tau per circa 18 miglia (29  km) per bombardare le posizioni sospette di VC. In un periodo di cinque ore in quel giorno, fiume bianco ha speso 2.526 proiettili stabilizzati in rotazione nella "penetrazione più profonda nell'entroterra di una NGFS [nave di supporto per spari navali] fino ad oggi". Sebbene la fitta chioma di fogliame non consentisse una pronta valutazione dei danni, gli osservatori hanno notato dieci incendi secondari che bruciavano alla conclusione del bombardamento della nave. "Questa missione", ha osservato uno storico, comandante in capo della flotta del Pacifico, "ha segnato anche l'apparizione finale della LFR in servizio attivo". Come ha osservato lo stesso cronista: "Un drammatico aumento [per il marzo 1970] nella spesa di razzi stabilizzati in rotazione (16.083 a marzo) rifletteva gli sforzi finali di fiume Clarion . e fiume bianco . come queste piccole navi intensamente orgogliose hanno concluso la loro ultima crociera prima di essere cancellate dal registro navale." ⎘]

Dopo essere stato ritenuto "non idoneo per ulteriori servizi navali" l'8 maggio 1970, fiume bianco fu dismesso a Yokosuka il 22 maggio 1970. Il suo nome fu cancellato dal registro navale delle navi lo stesso giorno e fu venduta per essere demolita nel novembre 1970. ⎘]


DI

Ciclisti, jogging, camminatori, pattinatori, campeggiatori, fondisti, birdwatcher, cacciatori, pescatori, naturalisti e motoslitte utilizzano tutti il ​​RRVT, o almeno quelle parti del percorso aperte a usi specifici.

Negli ultimi anni, i direttori del Conservation Board, citando i rapporti dei contatori elettrici lungo il sentiero, hanno stimato che più di 350.000 persone all'anno utilizzano il RRVT. Con un percorso di 9 miglia “connector” ora pianificato tra il RRVT e il popolare High Trestle Trail, si prevede che il numero di utenti su entrambi i percorsi aumenterà nei prossimi anni.


Editoriale: Salvare il fiume Raccoon

American Rivers avrebbe potuto scegliere quasi tutti i canali dell'Iowa per la sua lista dei dieci fiumi più minacciati della nazione. La rispettata organizzazione di difesa della conservazione ha nominato il Raccoon come numero 9 nella sua lista (lo Snake River nel nord-ovest del Pacifico era il numero 1. Potrebbe essere stato il Floyd, il Piccolo o il Grande Sioux, il Rock o il Des Moines. Tutti hanno carichi di nitrati e fosforo che superano costantemente le linee guida statali o federali e aumentano con l'aumento del numero di capi di bestiame, specialmente nell'Iowa settentrionale.

Certo, non è certo una novità da queste parti. Il fiume Raccoon è stato al centro della causa Des Moines Water Works che ha portato l'attenzione nazionale sull'inquinamento delle acque superficiali causato dal complesso agrochimico. Il rapporto di American Rivers è un promemoria e un invito all'azione.

Fortunatamente, si sta creando consenso tra gli Iowan sulla protezione delle risorse e su come pagarle. Sono semplici e non costosi. Possiamo fermare l'inquinamento, ridurre le minacce di inondazioni, conservare il suolo e diversificare il reddito agricolo attraverso iniziative federali sensate in pochi anni. Non c'è momento migliore per iniziare di adesso, con Tom Vilsack come segretario all'agricoltura.

Potremmo ripulire il procione in pochissimo tempo con un adattamento diffuso delle colture di copertura invernali, strisce di praterie autoctone sul campo, respingenti permanenti dei corsi d'acqua e più terreni ondulati in pascolo. Gli agricoltori senza lavorazione che utilizzano colture di copertura di segale scoprono di poter ridurre l'uso di prodotti chimici fino al 75%. Le strisce di prateria native migliorano la salute del suolo, sequestrano il carbonio e riducono il deflusso di N e P del 90%.

Il segretario Vilsack dovrebbe intraprendere una missione per ottenere almeno metà dello spartiacque del fiume Raccoon in colture di copertura. Buena Vista County non è nemmeno vicino al 5%. In qualche modo includi la segale invernale nel programma della fattoria e guarda gli acri convertiti entro un anno. Paga gli agricoltori per piantare mais, pianteranno mais. Pagali per piantare segale, pianteranno segale. Li pagheremo noi, o per acri di semi di soia allagati vicino al fiume o per erba che starà bene e proteggerà il suolo. Sappiamo tutti qual è l'investimento migliore per l'agricoltore e il bevitore d'acqua. Dovremmo essere in una campagna a tutto tondo per le colture di copertura. È economico rispetto a quello che paghiamo per sovvenzionare il mais.

Gli agricoltori vogliono essere amministratori della conservazione. Lo dicono sondaggio dopo sondaggio. Due terzi degli affittuari vogliono fare di più per la conservazione, ma non riescono a convincere il proprietario che ci sono soldi nella segale invernale. Quindi mettiamolo lì. L'investimento fiscale sarà recuperato prevenendo le inondazioni a Des Moines e St. Louis, ripristinando l'industria della pesca cacciata dal Golfo del Messico dall'ipossia e rendendo i terreni agricoli più resistenti alle condizioni meteorologiche estreme.

Iowans ha votato per modificare la costituzione per aumentare le tasse sulle vendite per l'acqua pulita. Non esiste un indicatore più chiaro del sostegno pubblico per una migliore protezione delle risorse naturali.

Sappiamo come farlo. Sappiamo come pagarlo: i meccanismi sono nel Farm Bill esistente ma sono tristemente sottofinanziati. Gli agricoltori sono pronti se vengono dati loro i mezzi per proteggere la terra, l'acqua e l'aria. Facciamo iscrivere ogni azienda agricola al Conservation Stewardship Program, che paga per migliorare le pratiche sui terreni lavorati. Sappiamo che il bestiame al pascolo è buono e necessario, quindi aiutiamo i produttori a rimettere gli zoccoli sull'erba rendendo più flessibile il programma di riserva di conservazione e aiutando a organizzare i trasformatori regionali con mercati aperti.

Possiamo gestire il letame se possiamo razionalizzarne la distribuzione: c'è troppo nello spartiacque del fiume Raccoon e non abbastanza in altri luoghi. Il consolidamento del bestiame intorno alla produzione di mais dal 1980 ha causato l'inquinamento delle acque superficiali insieme al cambiamento climatico e a enormi investimenti nel drenaggio. Mais a buon mercato, maiali a buon mercato. Quando abbiamo messo da parte una terra coltivata del 10%, avevamo produttori di carne di maiale indipendenti e nessun problema di nitrati nel fiume Raccoon. Le corporazioni ora possiedono i maiali e abbiamo un problema con il fiume. Stiamo mettendo in pericolo il procione e uccidendo il Golfo in modo da poter esportare metà di quel maiale a buon mercato in Cina. È tutto basato su mais a buon mercato e mercati di bestiame fisso (testimonianza della fissazione dei prezzi nel settore del pollame, e lo hanno fatto con il bestiame da quando i Fort Worth Stockyards sono stati organizzati dai Big Three nel 1910). La nostra citazione preferita viene dall'ex allevatore di bestiame indipendente e senatore di stato Jack Kibbie di Emmetsburg: "Hanno rubato il mais così a lungo che si sono abituati".

Puoi rubare solo per così tanto tempo finché non ti raggiunge.

Possiamo cambiare il costrutto proprio come abbiamo fatto abbandonando la conservazione e una base indipendente e diversificata di produttori come fondamento della sicurezza alimentare nel 1980. Gli agricoltori, i residenti rurali e i vicini urbani a valle ci dicono nei sondaggi e nei voti vincolanti che apprezzano diversità, protezione delle risorse naturali e prosperità attraverso la gestione. Sentono che possiamo ripristinare una sorta di equilibrio tra agricoltura, stabilità alimentare e comunità. Abbiamo bisogno che Vilsack consolidi quella visione condivisa in azioni urgenti. Si è impegnato a farlo, e noi dovremmo sostenerlo.


Una breve storia

Il Raccoon River Valley Trail ha una ricca storia con le ferrovie poiché utilizzava due diversi ex corridoi che correvano a nord-ovest di Des Moines, Iowa. La prima sezione, aperta al pubblico alla fine degli anni '80, utilizza quello che un tempo era di proprietà della classica Milwaukee Road tra Clive (a ovest di Des Moines) e Jefferson. Il secondo segmento è molto più recente, aperto nel 2011-2012 e utilizza l'ex binario ferroviario della Minneapolis & St. Louis Railway tra Waukee e Perry. Entrambi i corridoi sono stati costruiti alla fine del XIX secolo e hanno visto un rapido declino dell'uso all'inizio degli anni '80, con conseguente abbandono di sezioni negli anni successivi, un processo che è continuato fino alla metà degli anni 2000.

Molte lune fa, durante l'apice dell'industria ferroviaria, la capitale dell'Iowa, Des Moines, era servita da quasi tutte le principali ferrovie del Midwest, tra cui la Chicago Great Western Chicago, Burlington e Quincy Minneapolis e St. Louis Milwaukee Road Rock Island Wabash e Chicago & nordoccidentale. C'erano anche due sistemi più piccoli che raggiungevano la città: il Fort Dodge, Des Moines & Southern Railway e il Des Moines & Central Iowa, entrambi un tempo interurbani. Da parte sua, la Milwaukee Road una volta aveva due ingressi a Des Moines, una di queste linee ora fa parte del sentiero.

Il percorso era originariamente noto come Des Moines, Adel & Western Railroad, un sistema di tre piedi a scartamento ridotto che aprì le sue prime 7 miglia tra Waukee e Adele il 15 ottobre 1878. Nel 1879, il servizio era stato esteso di altri 22 miglia a Panora. Un anno dopo, la compagnia fu riorganizzata come Des Moines North-Western Railroad. Nel 1881 fu acquisita dalla Wabash, St. Louis & Pacific Railway, che era una proprietà di Jay Gould (famoso magnate) che alla fine divenne la Wabash Railroad. Il Des Moines-North Western è stato in grado di spingere i binari fino a Fonda nel 1882, una distanza di 99 miglia, con l'intenzione di raggiungere Spirit Lake più a nord. Tuttavia, la mancanza di fondi ha precluso questo sforzo e l'unica altra crescita notevole durante il coinvolgimento di Wabash con la proprietà è stato il suo accesso a Des Moines attraverso St. Louis, Des Moines e il nord-est di Clive. Questo binario è stato successivamente gestito congiuntamente da entrambe le ferrovie. A seguito di una serie di cambi di nome nel 1891, il sistema divenne noto come Des Moines Northern & Western Railway, quando fu convertito a scartamento normale. Nel 1899, la Chicago, Milwaukee, St. Paul & Pacific (Milwaukee Road) ottenne il controllo della ferrovia e alla fine completò il suo statuto originale a Spirit Lake.

Come una delle classiche ferrovie granger del Midwest (cioè un sistema che ricavava entrate significative dal trasporto agricolo) e con una coltre di linee di diramazione in tutto Iowa, Minnesota, South Dakota, Wisconsin e Illinois settentrionale, questa parte della Milwaukee Road visto il tipo di traffico che ci si potrebbe aspettare dall'agricoltura e dalle merci in generale per interscambiare il traffico a Des Moines. Il servizio passeggeri sulla linea è sopravvissuto fino ai primi anni '50. Dopo il fallimento di Milwaukee Road nel 1977, ha ridotto notevolmente il suo intero sistema poco dopo. Nel 1982, la Chicago & North Western (C&NW) acquisì sezioni dell'ex linea Spirit Lake di Milwaukee e Des Moines. La C&NW la possedette per un breve periodo prima di vendere la linea a una società privata, che prevedeva di utilizzare i binari per servire una nuova centrale elettrica a carbone. I loro piani fallirono e il corridoio fu abbandonato più tardi quel decennio.

La sezione più recente del Raccoon River Valley Trail è stata effettivamente costruita per prima. La sua storia inizia il 1 settembre 1853, noleggiata come Keokuk, Fort Des Moines e Minnesota Rail Road per collegare le sue città omonime con lo stato di Gopher tramite Fort Dodge. La costruzione iniziò pochi anni dopo, in direzione nord-ovest di Keokuk. Nel 1857 raggiunsero Bentonsport e nel 1861 fu aperto il servizio per Eddyville via Ottumwa. Nel 1864, il nome della compagnia fu cambiato in Des Moines Valley Rail Road due anni dopo, i treni arrivarono a Des Moines perché la costruzione fu interrotta durante la guerra civile. La linea a nord di Des Moines ha richiesto alcuni anni per essere costruita, con grande dispiacere dei dirigenti e dei cittadini locali di Fort Dodge. I lavori iniziarono su questo segmento alla fine del 1860 e furono aperti a Fort Dodge nel dicembre 1870.

In 1873, the road fell into bankruptcy and was split up the section south of Des Moines was renamed the Keokuk & Des Moines Railway, while the northern section was known as the Des Moines & Fort Dodge Railroad. For nearly 15 years the DM&FtD remained independent and was able to construct an extension during this time between Fort Dodge and Ruthven before the Rock Island leased the property in 1887 as a link with its planned extensions into northwestern Iowa. Enter the Minneapolis & St. Louis Railway (M&StL), chartered in 1870 to connect the Twin Cities and Minnesota with the rich agricultural industry to the south. It grew quickly over the next 20 years, and its entry into Des Moines was thanks to a slick business maneuver. M&StL, through the Hawley syndicate, was quick on its feet and leased the DM&FtD on January 1, 1905, the day after the Rock Island&rsquos control ended. Apparently, the railroad&rsquos executives had not been paying attention, and the move gave the M&StL an excellent addition to its system.

The M&StL, also remembered as &ldquoThe Peoria Gateway&rdquo and &ldquoTootin&rsquo Louie,&rdquo was a modest railroad, reaching Peoria, much of central Iowa, parts of Minnesota, and as far west as Leola, South Dakota. At its peak size during the early 20th century, it stretched just over 1,600 miles. It was never able to grow quite as large as originally envisioned and remained an underdog within the region it served. During November 1960, it was taken over by the Chicago & North Western, which slowly abandoned most of the railroad over the next 30 years. In the 1980s, much of the M&StL&rsquos Des Moines to Fort Dodge line was let go north of Perry, while the rest survived through the C&NW&rsquos acquisition by Union Pacific in 1995. Finally, this too was abandoned around 2005 and incorporated into the trail system.

Railroad attractions include the Boone & Scenic Valley Railroad in Boone, Delmar Depot Museum in Delmar (inside the restored Milwaukee Road depot), Midwest Central Railroad (restored steam locomotives) in Mt. Pleasant, and the official Union Pacific Railroad Museum in Council Bluffs.

Do you have Historical Photos of the Raccoon River Valley Trail?
Share with TrailLink!


Contenuti

    ( 41°36′44″N 93°47′46″W  /  41.61222°N 93.79611°W  / 41.61222 -93.79611 )
  • Waukee - junction with North Loop (
  • 41°36′55″N 93°53′24″W  /  41.61528°N 93.89000°W  / 41.61528 -93.89000 )
  • Ortonville - junction with North Loop (
  • 41°50′46″N 94°20′59″W  /  41.84611°N 94.34972°W  / 41.84611 -94.34972 ) (
  • 42°00′58″N 94°22′05″W  /  42.01611°N 94.36806°W  / 42.01611 -94.36806 )
  • Herndon - junction with Original Trail (
  • 41°50′46″N 94°20′59″W  /  41.84611°N 94.34972°W  / 41.84611 -94.34972 )
  • Waukee - junction with Original Trail (
  • 41°36′55″N 93°53′24″W  /  41.61528°N 93.89000°W  / 41.61528 -93.89000 )

The RRVT trail between Waukee and Yale runs along the rail line established in 1881 as a narrow-gauge line of the Des Moines Western Railroad, which became part of the Wabash Railroad. About 10 years later, the Milwaukee Road took over the line and converted it to standard gauge. Passenger service ended along the line in 1952. Freight service continued along the line until 1987. In 1982, the Chicago & North Western purchased the line. In 1987, the Central Iowa Energy Cooperative (CIECO), an affiliate of the Central Iowa Power Company, purchased the line and hundreds of acres of land located south of Panora, Iowa. CIECO intended to build a coal-fired power plant on the land it had acquired south of Panora, near the railroad line. However, plans for this power plant were abandoned. Much of the land that was to have been the site of the power plant was placed in the 1,236-acre (5.00 km 2 ) Lennon Mill Wildlife Area south of Panora. In late 1987, CIECO, Iowa Trails, and the Conservation Boards of Dallas and Guthrie Counties agreed to develop the railroad line as a recreational trail. [15] [18]

On October 7, 1989, the first section of the Raccoon River Valley Trail opened. In 1990, 34 miles (55 km) of this paved trail were opened between Waukee, and Yale. North of Yale, the RRVT lies along an old Union Pacific Railroad line which was abandoned in the late 1990s. [19] In 1997, the trail was extended with a paved trail from Yale to Jefferson. In 1999, the trail was extended with a 5 miles (8.0 km) paved trail link from Waukee to the 11.3 miles (18.2 km) Clive Greenbelt Trail in Clive. [15] [19]

The 33.1-mile (53.3 km) North Loop is an additional paved branch from Herndon through Perry to Waukee. This paved branch follows the old Union Pacific Railroad line which was abandoned in late 2005. From Herndon, it travels through Jamaica and then northern Dallas County to Dawson, Perry, Minburn, Dallas Center, and then to Waukee. [15] [20] On May 14, 2011, the six mile (10 km) concrete segment from Dawson to Perry opened for use. [21] [22] A six-mile (10 km) concrete segment from Waukee to Dallas Center opened for use on October 15, 2011 [9] [10] On December 15, 2012, the section from Perry through Minburn to Dallas Center was completed. [11]

The remaining sections of the North Loop were completed during early 2013 and opened for use on June 1, 2013. [10] [12] [23]

In downtown Perry at noon on Saturday, June 1, 2013, the grand opening of the new 33 mile "north loop" occurred with Chuck Offenburger as Master of Ceremonies and a keynote speech by Kevin Cooney. [12] See the "north loop" Grand Opening flyer for more.

5 miles (8.0 km) east of Waukee in Polk County, the RRVT connects to the 11.3 miles (18.2 km) Clive Greenbelt Trail in Clive and forms part of the Central Iowa Trails network. [19] [24]

A connection is planned at Herndon to the 22-mile (35 km) Krushchev in Iowa Trail in northern Guthrie County. [25] [26] [27] This link will give Coon Rapids, Bayard, and Bagley a paved trail connected to the RRVT.

Another future 9-mile (14 km) connector will link the RRVT at Perry to Woodward and the 25-mile (40 km) High Trestle Trail which is in northern Polk and Dallas counties and southern Boone and Story counties. [16] [28] [29] [30] In the middle of April 2016, the Dallas County Supervisors approved the connecting route between the two trails. The connector will depart Perry along Park Avenue. Then, it will be generally alongside 130th Street in Dallas County travelling through Bouton to Woodward utilizing both the existing railroad bed and road shoulders. In 2016 from Perry to US 169 , 130th Street is a 3-mile (4.8 km) crushed limestone rock road in Dallas County. From US 169 to Bouton, the trail will be near the .7-mile (1.1 km) 128th Place in Dallas County which is a crushed limestone road lying just north of Beaver Creek. Between Bouton and Woodard, 130th Street, also known as CR R30, is a 4-mile (6.4 km) paved concrete road. [16] [30] [31] The $5 million connector is expected to be completed by 2022. [32] [33] In March 2020, construction began from the Woodward end of the connector. [34]

Beginning in February, 2009, when at least 4 inches (10 cm) of snow covers the paved trail, the Raccoon Valley Snow Chasers (RVSC) groom the paved trail. The RRVT between Jefferson and Waukee along with the North Loop is part of a larger winter activities trail network of over 200 miles (320 km). During the winter, this groomed trail is ideal for both cross country skiers and snowmobilers. [35] [36] [37] [38]

Raccoon Valley Snow Chasers (RVSC) Edit

Search social media pages for "Raccoon Valley Snow Chasers" to get current information for snowmachines on the Raccoon River Valley Trail. [37] Created July 28, 2010, the RVSC social media page contains a timeline of past events.

Raccoon Valley Snow Chasers (RVSC):

  • Monthly meetings, usually on the 2nd Thursday at the Lake Panorama Conference Center near Panora
  • Summer campouts, often in July at Springbrook State Park near Yale
  • Summer outings, often in August, at the main beach, also known as boulder beach, on the east side of Lake Panorama near Panora
  • Fall grass drags, often on the 2nd or 3rd Sunday in November or the 1st Sunday in December, at the Flack river farm five miles west of Jefferson—just south of Highway 30 and just west of county road P14
  • Winter ice drags, often the 2nd Sunday in February, at the main beach, also known as boulder beach, on the east side of Lake Panorama near Panora
  • Winter rides, sometimes in other nearby states: near Cable, Wisconsin at Lake Namekagon during the 2nd week of February in 2014
  • DNR-certified Iowa snowmobile safety classes for youths ages 11 to 18, often the 2nd Saturday in December, at the Lake Panorama Association (LPA) Conference Center near Panora

For winter weather forecasts, snow depths, and other snowmobiling news visit past 24-hour snowfall totals and forecast graphic on the web or mobile site for smartphones.


Des Moines Local History

Notorious Depression-area criminals Bonnie Parker and Clyde Barrow, along with Clyde’s brother Buck, Buck’s wife Blanche, and their accomplice W.D. Jones, were nearly captured in Dexter, Iowa, about thirty-three miles west of Des Moines, in 1933. In the early 1930s the infamous gang had been on a crime spree, robbing small-town restaurants, banks, and gas stations, killing twelve people in the process.

After a gun battle with lawmen in Platte City, Missouri, they arrived at Dexfield Park, an abandoned amusement park near Dexter, on July 19 or 20, 1933. Buck had a bullet in his skull and Blanche had shards of glass in her eye, so the gang hoped to hide out until the two recovered enough to travel. They camped out in the woods near Dexter, and Clyde went into town a few times to shop for food and clothing, buying chicken, pies, and soda pop. He also bought gauze and tape to treat Buck’s wound since it was obviously impossible to take him to a doctor.

On Sunday, July 23, local farmer Henry Nye discovered their campsite by chance and reported the bloody bandages, burning car mats, and bullet-ridden car he had seen to John Love, Dexter night marshall, who called Dallas County sheriff Clinton Knee in Adel. Knee, along with about fifty other lawmen, including some from the Des Moines Police Department, surrounded the Barrow encampment. They were met with a barrage of gunfire from the gangsters, and after an extended gun battle, Clyde, Bonnie, and W.D. Jones escaped through an unguarded route over the South Raccoon River. Buck, too seriously wounded to go on, stayed behind, and Blanche stayed with him. The escapees made their way to the nearby Vallie Feller farm, where they stole a car and fled. In Polk City they abandoned the Feller car, now bloodstained and with a shattered window, stole another car, and subsequently were reported seen in LuVerne, Sutherland, and Denison, Iowa, and even in Des Moines. None of the sightings panned out.

Buck Barrow died in a Perry hospital five days after the incident. Blanche Barrow was returned to Missouri and sentenced to ten years in prison for her part in the Platte City conflict.

By 1934, Bonnie and Clyde were back in Iowa. They robbed the First State Bank at Rembrandt, the State Savings Bank in Knierim, and were suspected of robbing other banks in Stuart and Lamoni. They were on the run for several months, until May 23, 1934, when they were killed at a roadblock ambush in Gibsland, Louisiana.

Fonti
On the Trail of Bonnie & Clyde, Then and Now,
edited by Winston G. Ramsey. London, Battle of Britain International, 2003.


Making conservation pay

Seth Smith meets us on the bank just a mile downstream from the put-in. He’s a big, strapping 36-year-old farmer with the rugged good looks one would find on reality TV dating shows.

He and his family own 1,800 acres, where they grow row crops and raise livestock. He’s the fifth generation of the family farming here along the river.

Farmer Seth Smith talks about conservation practices on his land in Sac County Thursday, May 19, 2016.
(Photo: Zach Boyden-Holmes/The Register)

“Until a few years ago, farmers here didn’t know we had a problem,” he said. “The river was just water, as far as we were concerned.”

His family, including his father, Lynn, decided to plant cover crops eight years ago.

Research shows that growing rye or oats prevents soil erosion and nitrogen from leaching into the river. Cattle can graze on it for feed, or farmers kill it off as the corn crop is planted.

In 2011, the Smiths spent $400,000 on a required lagoon for their feedlots. The government regulations were daunting.

His father had two file drawers to hold his regulation papers when he started. His son said that today the file drawers could reach from where he stood to the river 10 yards away.

The Smiths dug up tile and created a lagoon and a wetland through a conservation program. They soon realized an unexpected benefit: Using the captured nutrient from the lagoon, they could fertilize 85 acres of row crops.

“We’re learning how to scavenge more nitrogen,” he said. “Who doesn’t want to save the river?”

His father would say later that the Water Works lawsuit was like a “knife in the back.”

Seth agrees it’s not the answer. The money spent in courts could go to conservation, he said.

The lawsuit, although delayed until next summer, put enough scare into farmers that now “maybe we can do something about it without creating new rules,” Seth said.

CHIUDERE

Seth Smith, a farmer in Sac County, gives his thoughts on the Water Works lawsuit. "It opened my eyes to that there was a real problem, but I don't feel like we're going about it the right way," he said.


Raccoon Forks Trading Company

Raccoon Forks Trading Co., a real antique store specializing in antique and vintage furniture, primitives, prints and more, opened in 2011. We take great pride in our carefully curated inventory, which has gained the store a reputation as a must-see for antique aficionados and others looking for one-of-a-kind items.

We've had a few different homes over the years, but have settled in for the long run at our current location in the northeast corner of the East Village. The building we now call home (and share with Railroad Bill's Dining Car) creates a unique experience for visiting history buffs, right down to original wood plank flooring and old-time sodas we sell.

The building (c. 1920) was first occupied by the American Railway Express Company and still displays some of the building’s original and salient features. The building is undergoing a full historic façade rehabilitation project, scheduled for completion in late spring 2018.

As a Raccoon Forks microbusiness, RFTC provides job opportunities to individuals with disabilities and other barriers to employment. Employees at RFTC receive one-on-one job coaching and the support they need to build skills and be successful on the job.


Guarda il video: June 2020 - Racoon River Float. (Gennaio 2022).