Podcast di storia

Gli archeologi scoprono una città illirica perduta da tempo "scambiata per rocce naturali" in Albania

Gli archeologi scoprono una città illirica perduta da tempo


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Gli archeologi polacchi hanno scoperto una città perduta da tempo, nel nord-est dell'Albania, secondo Science in Poland. La città è stata trovata inaspettatamente e si ritiene che sia l'antica città illirica di Bassania. Questa scoperta sta generando una grande eccitazione tra gli archeologi perché può fornire approfondimenti sulla potente civiltà illirica che dominò gran parte dei Balcani nell'antichità.

Chi erano gli Illiri?

Gli Illiri erano un potente gruppo di tribù che furono la potenza preminente nei Balcani occidentali per diversi secoli. Avevano molti contatti con i greci e furono influenzati in una certa misura dalla cultura dei loro vicini meridionali. La regione illirica era solitamente divisa in diversi regni che lottavano per la supremazia l'uno con l'altro. Nel 168 aC, i romani sconfissero e catturarono il potente re illirico Gendaius e crearono una serie di repubbliche clienti nel suo regno. L'area alla fine divenne una provincia dell'Impero Romano e la cultura illirica locale fu nel tempo romanizzata. Secondo l'Enciclopedia Britannica, l'Illiria "divenne il principale baluardo militare di Roma e della sua cultura nel mondo antico".

La Bassania era nota agli storici principalmente per opera del grande storico romano Livio. Nel racconto dello storico, la città era molto importante nell'ultimo regno illirico ed era un'importante fortezza. La città fu distrutta dai Romani nel 168 aC e si presume che sia stata successivamente abbandonata, dimenticando la sua esatta ubicazione.

  • Due antichi palazzi rinvenuti in Montenegro erano la dimora di famosi sovrani illirici
  • La feroce regina degli Illiri: Teuta l'indomabile
  • I primi templi e monumenti del popolo albano nell'antico Azerbaigian

Si pensa che le rovine siano la città perduta di Bassania. (Immagine: M. Lemke/ Scienza in Polonia )

La città nascosta di Bassania

La città, che sorgeva su alcune colline, era andata perduta per tanti secoli perché le sue rovine sono state scambiate per rocce naturali. Dopo secoli di erosione, i resti di pietra delle mura superstiti della città erano così alterati da sembrare pietre naturali. Non ci sono resoconti di viaggiatori o locali delle rovine e sono state completamente dimenticate nonostante le dimensioni del sito. Ciò potrebbe aver contribuito a preservare le rovine di Bassania, che è stata completamente dimenticata, a differenza della vicina antica Scutari, un altro insediamento illirico.

A maggio, un team polacco di archeologi del Centro di ricerca sull'antichità dell'Europa sudorientale dell'Università di Varsavia, guidato dal professor Piotr Dyczek, ha riscoperto Bassania. In uno scavo di routine, hanno scoperto parte delle sue mura e una porta, fatta di blocchi di pietre squadrate ben fatte. La porta era fiancheggiata da due bastioni e le mura erano larghe 3 metri (10 piedi), i cui spazi erano pieni di argilla e pietre.

La roccia tagliata è stata utilizzata per costruire muri sostanziali. Lemke/ Scienze in Polonia )

Dopo un sopralluogo del sito, è stato stabilito che Bassania era più grande dell'antica Scutari e che le sue mura circondavano un'area di circa venti acri. Ciò indica che la città aveva una grande popolazione ed era un importante centro urbano in Illiria.

Durante l'indagine del sito, il team polacco ha scoperto monete, vasellame e vasi di ceramica vicino alle mura. Lo stile di queste indicherebbe che sono dal III al I secolo aC e mostra che la città faceva parte del regno illirico che sarebbe poi stato annesso da Roma. Un'indagine sul sito ha mostrato che è stato costruito in un modo che è stato indubbiamente influenzato dai regni ellenistici a sud. Secondo Science in Poland, le mura e la porta della Bassania sono "tipiche delle strutture difensive ellenistiche".

  • Due antichi palazzi rinvenuti in Montenegro erano la dimora di famosi sovrani illirici
  • Antiche tavolette d'avorio rivelano l'alto status delle donne illiriche
  • Il Palazzo di Diocleziano: casa di riposo romana e palazzo fortezza della Croazia

I resti indicano che la città sarebbe stata più grande della vicina Scutari. (Immagine: M. Lemke/ Scienza in Polonia )

La squadra polacca iniziò un'indagine approfondita del sito e presto stabilirono che la città era stata abbandonata molto più tardi di quanto si pensasse. La ricerca negli ultimi anni ha indicato che la Bassania fu abbandonata solo alla fine del regno dell'imperatore Augusto (1 ns secolo d.C.). L'indagine archeologica iniziale sosterrebbe l'idea che la città fosse occupata molto più a lungo di quanto si credesse in precedenza.

Riscoprire la Bassania

La riscoperta della Bassania è quella che consente agli archeologi e ad altri esperti di acquisire una migliore comprensione dell'antica Illiria. La città, che era stata in gran parte dimenticata, svelerà i suoi segreti e ci permetterà di avere una migliore comprensione degli Illiri e di come furono romanizzati. Uno degli aspetti più emozionanti della scoperta della città perduta è che solleva la prospettiva che ci siano molte altre rovine illiriche che aspettano di essere riscoperte.


Gli archeologi scoprono una città illirica perduta da tempo "scambiata per rocce naturali" in Albania - Storia

Ding, ding ding. Prendi il nastro, amico mio

    [2020] [2020] [2020] [2020] [2020] [2020] [2020] [2020] [2020] [2020] [2020] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2019] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2018] [2017] [2017] [2017] [2017] [2017] [2017] [2017] [2017] [2017] [2017] [2017] [2017] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2016] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2015] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2014] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2013] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2012] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2011] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2010] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2009] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2008] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2007] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2006] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2005] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2004] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2003] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2002] [2001] [2001] [2001] [2001] [2001]

L'altra iscrizione si traduce in "Questo glifo è stato lasciato intenzionalmente vuoto".


Mercoledì 27 aprile 2011

Il Messico restituisce un prezioso pezzo archeologico al governo egiziano

Un prezioso pezzo archeologico proveniente da Assuan, in Egitto, del periodo del Medio Regno (2055-1650 a.C.), è stato restituito dal governo del Messico alla nazione araba in una cerimonia al Museo Nazionale di Antropologia, dove è stato custodito ed esaminato: dopo Sono stati confermati 4 anni di ricerca, autenticità e sua estrazione illegale dal paese.

Il pezzo è stato scoperto nel 2006 durante un'ispezione delle autorità dell'Amministrazione centrale delle dogane messicane durante il controllo dei pacchi dall'estero, hanno trovato un'effigie egiziana la cui autenticità è stata successivamente confermata da esperti specializzati dell'Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH) e da il governo egiziano.

Secondo le analisi a cui è stato sottoposto il pezzo, il bassorilievo del profilo di una testa umana è stato scolpito su arenaria proveniente dalla regione di Assuan. È alto 15,6 centimetri e largo 15, è stato conservato anche un frammento che corrisponde ai capelli.
Questa consegna è stata possibile grazie al lavoro delle autorità di entrambi i paesi, condotto dopo la petizione di assistenza legale internazionale richiesta dalle autorità egiziane all'Ufficio del procuratore generale in Messico (PGR).

La consegna al Museo Nazionale di Antropologia è stata presieduta dall'Ambasciatore della Repubblica Araba d'Egitto, Ibrahim Khairat, dal coordinatore degli Affari Internazionali della PGR, Guillermo Valls Esponda Dra. Diana Magaloni, direttrice del museo, e Francisco Vidargas, vicedirettore dell'INAH World Heritage.

Francisco Vidargas ha sottolineato il lavoro congiunto delle autorità culturali e legali del Messico e dell'Egitto per recuperare l'opera, nonché degli stati parti della Convenzione dell'UNESCO sui mezzi per vietare e prevenire l'importazione, l'esportazione e il trasferimento illeciti di beni culturali .

Vidargas ha dichiarato che uno dei mandati dell'INAH è quello di collaborare con le nazioni che hanno firmato la Convenzione per salvare i beni culturali sottratti illegalmente ai loro paesi di origine.

Il Coordinatore degli Affari Internazionali e Addetti della PGR, Guillermo Valls, ha ricordato che azioni come questa riflettono l'importanza data dal Messico al recupero di beni culturali che fanno parte del patrimonio delle nazioni, ha osservato che il recupero dell'effigie è un esempio del alto livello di cooperazione legale tra i due paesi e il rispetto del Messico al patrimonio dei paesi del mondo.

Guillermo Valls ha sottolineato l'operato del Museo Nazionale di Antropologia, incaricato della salvaguardia del pezzo dal 2007, mentre si sono svolte le indagini per verificarne l'autenticità.

L'Ambasciatore della Repubblica Araba d'Egitto in Messico, Ibrahim Khairat, ha ringraziato la collaborazione delle autorità messicane e il lavoro dell'INAH per recuperare e conservare il pezzo, che ha ricevuto da Dra. Magaloni.

Dopo aver mostrato il pezzo agli assistenti, il direttore del Museo Nazionale di Antropologia (MNA) ha espresso l'onore di custodire il prezioso pezzo dal 2007, nelle adeguate condizioni di temperatura e umidità.

Queste azioni dimostrano il compromesso del governo del Messico nella lotta al traffico illegale di beni culturali e nella protezione del patrimonio culturale e storico di qualsiasi nazione.

Per argomenti più interessanti legati all'archeologia, visitare gli scavi archeologici.

Un oggetto in pietra di 400.000 anni scoperto in Marocco potrebbe essere il tentativo di scultura più antico del mondo.

Questa è l'affermazione di uno specialista dell'arte preistorica che afferma che l'antica roccia porta chiari segni di modifica da parte dell'uomo.

L'oggetto, lungo circa sei centimetri, ha la forma di una figura umana, con scanalature che fanno pensare a collo, braccia e gambe. Sulla sua superficie sono presenti scaglie di una sostanza rossa che potrebbero essere residui di vernice.

L'oggetto è stato trovato 15 metri sotto la superficie erosa di un terrazzo sulla sponda nord del fiume Draa vicino alla città di Tan-Tan. Secondo quanto riferito, giaceva a pochi centimetri di distanza da asce di pietra in strati di terreno risalenti al periodo acheuliano medio, che durò da 500.000 a 300.000 anni fa.

È probabile che la scoperta alimenterà ulteriormente un acceso dibattito sui tempi della scoperta del simbolismo da parte dell'umanità. Non si pensa che ominidi come l'Homo heidelbergensis e l'Homo erectus, che erano vivi durante il periodo acheuliano, non fossero capaci del pensiero simbolico necessario per creare l'arte.

Scrivendo sulla rivista Current Anthropology, Robert Bednarik, presidente della Federazione internazionale delle organizzazioni di arte rupestre (IFRAO), suggerisce che la forma complessiva dell'oggetto Tan-Tan è stata modellata da processi naturali.

Ma sostiene che i solchi cospicui sulla superficie della pietra, che sembrano enfatizzare il suo aspetto simile all'uomo, sono parzialmente creati dall'uomo. Il sig. Bednarik afferma che alcuni di questi solchi sono stati realizzati mediante ripetute percosse con uno strumento di pietra per collegare le depressioni naturali nella roccia.

"Quello che abbiamo è un pezzo di pietra che è in gran parte di forma naturale.

"Ha alcune modifiche, ma sono più che modifiche", ha detto Bednarik a BBC News Online.

Il signor Bednarik ha cercato di replicare i segni su un pezzo di roccia simile colpendo una scaglia di pietra con un "martello" alla maniera di un pugno. Ha poi confrontato la struttura microscopica delle fratture con quelle dell'oggetto Tan-Tan.

Per argomenti più interessanti legati all'archeologia, visitare gli scavi archeologici.

Trovata la più antica scultura erotica del mondo


Gli archeologi hanno scoperto una scultura in avorio di 35.000 anni di una donna piuttosto formosa che è stata scoperta in una grotta tedesca. La scultura raffigura una donna con grandi seni, cosce sinuose e pancia piena, ma non ha piedi né testa.


Gli archeologi ritengono che sia la più antica scultura conosciuta della forma umana. La scultura suggerisce che gli antichi umani, che si stabilirono in Europa circa 40.000 anni fa, erano abbastanza intelligenti da creare rappresentazioni simboliche di se stessi, proprio come fanno gli umani moderni, ha detto l'archeologo dell'Università di Tubinga Nicholas Conard, che insieme a un team ha scoperto la figura a settembre . Gli archeologi non sanno con certezza lo scopo della figura, ma hanno alcune idee….

“È molto carica sessualmente,” ha detto Conard. L'archeologo Paul Mellars, dell'Università di Cambridge, era d'accordo con Conard. "Queste persone erano ossessionate dal sesso", ha detto Mellars. Tuttavia, Jill Cook, curatrice di materiale paleolitico e mesolitico al British Museum di Londra, ha affermato che la scultura potrebbe essere un simbolo di fertilità che rappresenta l'atto del parto. In ogni caso, se questo è il modo in cui gli antichi umani vedevano la forma femminile, è possibile che questo dica molto su ciò che consideravano, beh, sexy. Il modo in cui interpretiamo la figura alta 2,4 pollici dice tanto su di noi quanto sulle persone di 40.000 anni fa, vero? Almeno la nostra erotica è diventata più sofisticata con questa scoperta.

Per argomenti più interessanti legati all'archeologia, visitare gli scavi archeologici.

Archeologi alla ricerca del teschio della "Monna Lisa"

Un team di ricercatori in Italia ha iniziato a cercare i resti della donna a lungo ritenuta il modello per il famoso dipinto di Leonardo Da Vinci, la Gioconda.

Sperano di trovare il cranio della donna, Lisa Gheradini, sepolta nel convento di Sant'Orsola a Firenze utilizzando un dispositivo radar che penetra nel terreno.

L'obiettivo finale degli archeologi è quello di trovare abbastanza frammenti di cranio per poter ricostruire il suo volto, consentendo un confronto con la Gioconda.

L'identità del soggetto della Gioconda è rimasto uno dei più grandi misteri del mondo dell'arte per quasi cinque secoli.

Per argomenti più interessanti legati all'archeologia, visitare gli scavi archeologici.


Contenuti

Linguistica: relazioni tra le lingue Modifica

Lingue indoeuropee Modifica

Lo studioso olandese Marcus Zuerius van Boxhorn (1612-1653) ha notato somiglianze tra varie lingue europee, sanscrito e persiano. Oltre un secolo dopo, dopo aver appreso il sanscrito in India, Sir William Jones individuò corrispondenze equivalenti che descrisse nel suo Discorso del terzo anniversario alla Società Asiatica nel 1786, concludendo che tutte queste lingue provenivano dalla stessa fonte. [17] [web 3] Dalle sue intuizioni iniziali si sviluppò l'ipotesi di una famiglia linguistica indoeuropea composta da diverse centinaia di lingue e dialetti affini. Il 2009 etnologo stima un totale di circa 439 lingue e dialetti indoeuropei, circa la metà di questi (221) appartenenti al sottoramo indoariano con sede nell'Asia meridionale. [web 4] La famiglia indoeuropea comprende la maggior parte delle principali lingue correnti dell'Europa, dell'altopiano iranico, della metà settentrionale del subcontinente indiano e dello Sri Lanka, con lingue affini anche precedentemente parlate in parti dell'antica Anatolia e dell'Asia centrale. Con attestazioni scritte che appaiono dall'età del bronzo sotto forma di lingue anatoliche e greco miceneo, la famiglia indoeuropea è significativa nel campo della linguistica storica in quanto possiede la seconda storia documentata, dopo la famiglia afroasiatica.

Quasi 3 miliardi di madrelingua usano le lingue indoeuropee, [web 5] rendendole di gran lunga la più grande famiglia linguistica riconosciuta. Delle 20 lingue con il maggior numero di madrelingua secondo etnologo, dodici sono indoeuropei - spagnolo, inglese, hindi, portoghese, bengalese, russo, tedesco, punjabi, marathi, francese, urdu e italiano - con oltre 1,7 miliardi di madrelingua. [web 6] [ ha bisogno di aggiornamento ]

Sviluppo delle lingue indoeuropee Edit

Lingua proto-indoeuropea Modifica

La (tarda) lingua proto-indoeuropea (PIE) è la ricostruzione linguistica di un antenato comune delle lingue indoeuropee, come parlato dai proto-indoeuropei dopo la scissione di Anatolian e Tocharian. Torta è stata la prima proto-lingua proposta ad essere ampiamente accettata dai linguisti. Per ricostruirlo è stato fatto molto più lavoro di qualsiasi altro proto-linguaggio ed è di gran lunga il più ben compreso di tutti i proto-lingue della sua epoca. Durante il XIX secolo, la stragrande maggioranza del lavoro linguistico è stata dedicata alla ricostruzione del proto-indoeuropeo o delle sue protolingue figlie come il proto-germanico, e la maggior parte delle tecniche attuali della linguistica storica (ad esempio il metodo comparativo e il metodo di ricostruzione interna) sono stati sviluppati di conseguenza.

Gli studiosi stimano che la torta possa essere stata parlata come un'unica lingua (prima che iniziasse la divergenza) intorno al 3500 a.C., sebbene le stime di diverse autorità possano variare di più di un millennio. L'ipotesi più popolare per l'origine e la diffusione della lingua è l'ipotesi Kurgan, che postula un'origine nella steppa pontico-caspica dell'Europa orientale.

L'esistenza di Torta fu postulata per la prima volta nel 18esimo secolo da Sir William Jones, che osservò le somiglianze tra sanscrito, greco antico e latino. All'inizio del XX secolo erano state sviluppate descrizioni ben definite di Torta che sono ancora accettate oggi (con alcuni perfezionamenti). I più grandi sviluppi del XX secolo sono stati la scoperta delle lingue anatoliche e tocarie e l'accettazione della teoria laringea. Le lingue anatoliche hanno anche stimolato un'importante rivalutazione delle teorie riguardanti lo sviluppo di varie caratteristiche linguistiche indoeuropee condivise e la misura in cui queste caratteristiche erano presenti nella Torta stessa.

Si pensa che la Torta abbia avuto un complesso sistema di morfologia che includeva inflessioni (suffissi di radici, come in chi, chi, di cui), e ablaut (alterazioni vocaliche, come in cantare, cantare, cantare). I nomi usavano un sofisticato sistema di declinazione e i verbi usavano un sistema di coniugazione altrettanto sofisticato.

Modifica pre-proto-indoeuropea

Sono state proposte relazioni con altre famiglie linguistiche, comprese le lingue uraliche, ma rimangono controverse. Non ci sono prove scritte del proto-indoeuropeo, quindi tutta la conoscenza della lingua è derivata dalla ricostruzione da lingue successive utilizzando tecniche linguistiche come il metodo comparativo e il metodo di ricostruzione interna.

L'ipotesi indo-ittita postula un predecessore comune sia per le lingue anatoliche che per le altre lingue indoeuropee, chiamate indo-ittite o indo-anatoliche. [1] Sebbene Torta abbia avuto predecessori, [19] l'ipotesi indo-ittita non è ampiamente accettata e c'è poco da suggerire che sia possibile ricostruire uno stadio proto-indo-ittita che differisce sostanzialmente da quello che è già ricostruito per Torta . [20]

Frederik Kortlandt postula un antenato comune condiviso di Indoeuropeo e Uralico, Indo-uralico, come possibile pre-Torta.[21] Secondo Kortlandt, "l'indoeuropeo è un ramo dell'indo-uralico che fu radicalmente trasformato sotto l'influenza di un substrato del Caucaso settentrionale quando i suoi parlanti si spostarono dall'area a nord del Mar Caspio all'area a nord del Mar Nero ." [21] [sottonota 1]

Prestiti uralici, caucasici e semitici Modifica

Proto-finno-ugrico e Torta hanno un lessico in comune, generalmente legato al commercio, come le parole per "prezzo" e "disegna, piombo". Allo stesso modo, "vendere" e "lavare" sono stati presi in prestito in proto-ugrico. Sebbene alcuni abbiano proposto un antenato comune (l'ipotetica macrofamiglia nostratica), questo è generalmente considerato il risultato di un prestito intensivo, il che suggerisce che le loro terre d'origine fossero vicine l'una all'altra. Il proto-indoeuropeo mostra anche prestiti lessicali da o verso le lingue caucasiche, in particolare il proto-caucasico nordoccidentale e il proto-kartvelico, il che suggerisce una posizione vicino al Caucaso. [19] [22]

Gramkelidze e Ivanov, usando la teoria glottalica ormai largamente non supportata della fonologia indoeuropea, proposero anche prestiti semitici in proto-indoeuropei, suggerendo una patria più meridionale per spiegare questi prestiti. Secondo Mallory e Adams, alcuni di questi prestiti potrebbero essere troppo speculativi o di data successiva, ma considerano i prestiti semitici proposti *táwros 'toro' e *wéyh₁on- 'vite da vino' per essere più probabile. [23] Anthony nota che quei prestiti semitici potrebbero anche essersi verificati attraverso l'avanzamento delle culture contadine anatoliche attraverso la valle del Danubio nella zona della steppa. [1]

Fasi della modifica proto-indoeuropea

Secondo Anthony, si può usare la seguente terminologia: [1]

  • Torta arcaica per "l'ultimo antenato comune dei rami IE anatolici e non anatolici"
  • Presto, nucleo o Post-Anatolian, Torta per "l'ultimo antenato comune delle lingue Torta non anatoliche, incluso Tocharian"
  • Tarda Torta per "l'antenato comune di tutti gli altri rami di IE".

Le lingue anatoliche sono la prima famiglia linguistica indoeuropea ad essersi separata dal gruppo principale. A causa degli elementi arcaici conservati nelle lingue anatoliche ormai estinte, potrebbero essere un "cugino" del proto-indoeuropeo, invece di una "figlia", ma l'anatolico è generalmente considerato come una prima propaggine del gruppo linguistico indoeuropeo . [1]

Genesi delle lingue indoeuropee Modifica

Utilizzando un'analisi matematica presa in prestito dalla biologia evoluzionistica, Don Ringe e Tandy Warnow propongono il seguente albero evolutivo dei rami indoeuropei: [24]

    (prima del 3500 a.C.) e pre-italico (prima del 2500 a.C.)
  • [Pre-germanico?] [nota 1] e pre-greco (dopo il 2500 a.C.)
  • [Pre-germanico?] [nota 1][24] (2000 a.C.)

David Anthony, seguendo la metodologia di Ringe e Warnow, propone la seguente sequenza: [27]

  • Pre-Anatolico (4200 aC)
  • Pre-Tocharian (3700 aC)
  • Pre-germanico (3300 aC)
  • Preceltico e preitalico (3000 a.C.)
  • Pre-armeno (2800 a.C.)
  • Pre-Balto-slavo (2800 aC)
  • Pre-greco (2500 aC)
  • Proto-Indo-iraniano (2200 a.C.) diviso tra iraniano e antico indiano 1800 a.C.

La metodologia di Ringe e Warnow potrebbe essere obsoleta e non riflettere accuratamente lo sviluppo dei linguaggi di IE. [ citazione necessaria ]

Archeologia: migrazioni dalla steppa Urheimat Edit

La ricerca archeologica ha portato alla luce un'ampia gamma di culture storiche che possono essere collegate alla diffusione delle lingue indoeuropee. Varie culture della steppa mostrano forti somiglianze con l'orizzonte di Yamna nella steppa pontica, mentre l'intervallo di tempo di diverse culture asiatiche coincide anche con la traiettoria proposta e l'intervallo di tempo delle migrazioni indoeuropee. [30] [1]

Secondo l'ipotesi Kurgan ampiamente accettata o Teoria della steppa, la lingua e la cultura indoeuropea si diffusero in più fasi dal protoindoeuropeo Urheimat nelle steppe pontiche eurasiatiche nell'Europa occidentale, nell'Asia centrale e meridionale, attraverso migrazioni popolari e il cosiddetto reclutamento d'élite. [1] [2] Questo processo è iniziato con l'introduzione del bestiame nelle steppe eurasiatiche intorno al 5200 a.C. e la mobilitazione delle culture di pastori della steppa con l'introduzione di carri a ruote e passeggiate a cavallo, che hanno portato a un nuovo tipo di cultura . Tra il 4.500 e il 2.500 a.C., questo "orizzonte", che comprende diverse culture distintive culminanti nella cultura Yamnaya, si è diffuso nelle steppe del Ponto e al di fuori dell'Europa e dell'Asia. [1] Anthony considera la cultura di Khvalynsk come la cultura che ha stabilito le radici del primo proto-indoeuropeo intorno al 4500 a.C. nel basso e medio Volga. [31]

Prime migrazioni a ca. Il 4200 a.C. portò i pastori della steppa nella bassa valle del Danubio, causando o approfittando del crollo della Vecchia Europa. [32] Secondo Antonio, il ramo anatolico, [33] [34] a cui appartengono gli Ittiti, [35] probabilmente giunse in Anatolia dalla valle del Danubio. [36] [37] [web 7] In alternativa, David Reich ha menzionato che esiste la possibilità che la Torta arcaica abbia avuto origine nel Caucaso, da dove le persone che parlano la Torta arcaica migrarono in Anatolia. [38] [39] [40]

Le migrazioni verso est dalla cultura Repin fondarono la cultura Afanasevo [1] [41] che si sviluppò nei Tocharians. [42] Le mummie Tarim possono rappresentare una migrazione di parlanti Tocharian dalla cultura Afanasevo nel bacino del Tarim. [43] Le migrazioni verso sud potrebbero aver fondato la cultura di Maykop, [44] ma le origini di Maykop potrebbero anche essere state nel Caucaso. [45] [web8]

Tarda Torta è collegata alla cultura Yamnaya. Le proposte per le sue origini indicano sia la cultura orientale di Khvalynsk che quella occidentale di Sredny Stog [46] secondo Anthony ha avuto origine nell'area di Don-Volga a ca. 3400 a.C. [47]

Le lingue indoeuropee occidentali (germanico, celtico, italico) si diffusero probabilmente in Europa dal complesso balcanico-danubiano, insieme di culture dell'Europa sudorientale. [3] A ca. 3000 a.C. una migrazione di parlanti proto-indoeuropei dalla cultura Yamna avvenne verso ovest lungo il fiume Danubio, [4] lo slavo e il baltico si svilupparono un po' più tardi al centro del Dniepr (l'odierna Ucraina), [5] spostandosi a nord verso la costa baltica. [48] ​​La cultura del Corded Ware nell'Europa centrale (terzo millennio a.C.), [web 1] che sorse nella zona di contatto ad est delle montagne dei Carpazi, si materializzò con una massiccia migrazione dalle steppe eurasiatiche all'Europa centrale, [8] [web 2] [9] ebbe probabilmente un ruolo centrale nella diffusione dei dialetti pre-germanici e pre-balto-slavi. [6] [7]

La parte orientale della cultura Corded Ware contribuì alla cultura di Sintashta (c. 2100-1800 aC), dove emersero la lingua e la cultura indo-iraniane e dove fu inventato il carro. [1] La lingua e la cultura indo-iraniane furono ulteriormente sviluppate nella cultura di Andronovo (c. 1800–800 a.C.) e influenzate dal Complesso Archeologico Bactria–Margiana (c. 2400–1600 a.C.). Gli indo-ariani si separarono intorno al 1800–1600 a.C. dagli iraniani, [49] dopodiché i gruppi indo-ariani si trasferirono nel Levante (Mitanni), nell'India settentrionale (popolo vedico, 1500 a.C. circa) e in Cina (Wusun). [2] Le lingue iraniche si diffusero nelle steppe con gli Sciti e in Iran con i Medi, i Parti e i Persiani da ca. 800 a.C. [2]

Antropologia: reclutamento d'élite e cambio di lingua Modifica

Secondo Marija Gimbutas, il processo di "Indoeuropeizzazione" dell'Europa era essenzialmente una trasformazione culturale, non fisica. [50] È inteso come una migrazione del popolo Yamnaya in Europa, come vincitori militari, che hanno imposto con successo un nuovo sistema amministrativo, lingua e religione ai gruppi indigeni, di cui Gimbutas come vecchi europei. [51] [nota 2] L'organizzazione sociale del popolo Yamnaya, in particolare una struttura patrilineare e patriarcale, facilitò notevolmente la loro efficacia in guerra. [52] Secondo Gimbutas, la struttura sociale di Vecchia Europa "in contrasto con i Kurgan indoeuropei che erano mobili e non egualitari" con una struttura sociale tripartita organizzata gerarchicamente, gli IE erano bellicosi, vivevano a volte in villaggi più piccoli e avevano un'ideologia incentrata sul maschio virile, che si rifletteva anche nella loro pantheon. Al contrario, i gruppi indigeni di Vecchia Europa non aveva né una classe guerriera né cavalli. [53] [nota 3]

Le lingue indoeuropee si sono probabilmente diffuse attraverso i cambiamenti linguistici. [54] [55] Piccoli gruppi possono cambiare un'area culturale più ampia, [56] [1] e il dominio maschile d'élite da parte di piccoli gruppi potrebbe aver portato a un cambiamento linguistico nell'India settentrionale. [57] [58] [59]

Secondo Guus Kroonen, gli indoeuropei incontrarono popolazioni esistenti che parlavano lingue dissimili e non correlate quando migrarono in Europa dalle steppe di Yamnaya. [60] Relativamente poco si sa del panorama linguistico pre-indoeuropeo dell'Europa, ad eccezione del basco, come il Indoeuropeizzazione dell'Europa ha causato un enorme evento di estinzione linguistica in gran parte non registrato, molto probabilmente attraverso il cambio di lingua. [60] Lo studio di Guus Kroonen rivela che il discorso di Torta contiene una chiara firma neolitica che emana dalla famiglia linguistica dell'Egeo e quindi modelli con la migrazione preistorica delle prime popolazioni agricole europee. [61]

Secondo Edgar Polomé, il 30% del substrato non indoeuropeo trovato nel tedesco moderno deriva da persone di lingua non indoeuropea della cultura dell'imbuto indigeno della Scandinavia meridionale. [62] Quando gli oratori Yamnaya indoeuropei entrarono in contatto con le popolazioni indigene durante il terzo millennio a.C., arrivarono a dominare le popolazioni locali, tuttavia parti del lessico indigeno persistettero nella formazione del proto-germanico, prestando così alle lingue germaniche lo stato di indoeuropeizzato le lingue. [63] Sempre secondo Marija Gimbutas, la migrazione delle culture di Corded Ware verso la Scandinavia si "sintetizzò" con la cultura del bicchiere d'imbuto, dando vita alla lingua proto-germanica. [50]

David Anthony, nella sua "ipotesi della steppa rivista" [64] osserva che la diffusione delle lingue indoeuropee probabilmente non è avvenuta attraverso "migrazioni popolari a catena", ma con l'introduzione di queste lingue da parte di élite rituali e politiche, che sono stati emulati da grandi gruppi di persone, [65] [nota 4] un processo che chiama "reclutamento d'élite". [67]

Secondo Parpola, le élite locali si unirono a "piccoli ma potenti gruppi" di migranti di lingua indoeuropea. [54] Questi migranti avevano un sistema sociale attraente e buone armi e beni di lusso che segnavano il loro status e potere. L'adesione a questi gruppi era interessante per i leader locali, poiché rafforzava la loro posizione e offriva loro ulteriori vantaggi. [68] Questi nuovi membri furono ulteriormente incorporati da alleanze matrimoniali. [69] [55]

Secondo Joseph Salmons, il cambiamento linguistico è facilitato dalla "dislocazione" delle comunità linguistiche, in cui viene rilevata l'élite. [70] Secondo Salmons, questo cambiamento è facilitato da "cambiamenti sistematici nella struttura della comunità", in cui una comunità locale viene incorporata in una struttura sociale più ampia. [70] [nota 5]

Relazioni genetiche tra popolazioni storiche Modifica

Dagli anni 2000 gli studi genetici stanno assumendo un ruolo di primo piano nella ricerca sulle migrazioni indoeuropee. Gli studi sull'intero genoma rivelano le relazioni tra le persone associate a varie culture e l'intervallo di tempo in cui sono state stabilite tali relazioni. La ricerca di Haak et al. (2015) ha dimostrato che

Il 75% degli antenati di Corded Ware proveniva da popolazioni legate a Yamna, [8] mentre Allentoft et al. (2015) mostra che le persone della cultura Sintashta sono geneticamente legate a quelle della cultura Corded Ware. [74]

Studi ecologici: siccità diffusa, collasso urbano e migrazioni pastorali Modifica

Il cambiamento climatico e la siccità potrebbero aver innescato sia la dispersione iniziale degli indoeuropei, sia la migrazione degli indoeuropei dalle steppe dell'Asia centro-meridionale e dell'India.

Intorno al 4200-4100 aC si verificò un cambiamento climatico, che si manifestò in inverni più freddi in Europa. [75] I pastori della steppa, arcaici oratori proto-indoeuropei, si diffusero nella bassa valle del Danubio intorno al 4200-4000 a.C., causando o approfittando del crollo della Vecchia Europa. [32]

L'orizzonte di Yamnaya era un adattamento a un cambiamento climatico avvenuto tra il 3500 e il 3000 aC, in cui le steppe divennero più secche e più fresche. Le mandrie dovevano essere spostate frequentemente per nutrirle a sufficienza, e l'uso di carri e passeggiate a cavallo ha reso possibile ciò, portando a "una nuova forma più mobile di pastorizia". [76]

Nel secondo millennio aC l'aridità diffusa ha portato a penuria d'acqua e cambiamenti ecologici sia nelle steppe eurasiatiche che nell'Asia meridionale. [web 10] [77] Nelle steppe, l'umidificazione ha portato ad un cambiamento di vegetazione, innescando "una maggiore mobilità e il passaggio all'allevamento nomade del bestiame". [77] [nota 6] [nota 7] La ​​scarsità d'acqua ha avuto un forte impatto anche nell'Asia meridionale, "causando il crollo di culture urbane sedentarie nell'Asia centro-meridionale, Afghanistan, Iran e India, e innescando migrazioni su larga scala". [Web 10]

Urheimat (patria originale) Modifica

Le ipotesi di Urheimat proto-indoeuropee sono identificazioni provvisorie del Urheimat, o patria primaria, dell'ipotetica lingua proto-indoeuropea. Tali identificazioni cercano di essere coerenti con la glottocronologia dell'albero delle lingue e con l'archeologia di quei luoghi e di quei tempi. Le identificazioni vengono effettuate sulla base di quanto bene, se non del tutto, le rotte migratorie previste e i tempi di migrazione si adattano alla distribuzione delle lingue indoeuropee e quanto strettamente il modello sociologico della società originale ricostruito da elementi lessicali proto-indoeuropei corrisponde al profilo archeologico. Tutte le ipotesi assumono un periodo significativo (almeno 1500-2000 anni) tra il tempo della lingua proto-indoeuropea e i primi testi attestati, a Kültepe, c. XIX secolo a.C.

L'ipotesi Kurgan e la "teoria della steppa rivista" Modifica

Dall'inizio degli anni '80 [78] il consenso dominante tra gli indoeuropeisti favorisce l'"ipotesi Kurgan" di Marija Gimbutas, [79] [80] [13] [19] c.q. La "teoria rivista della steppa" di David Anthony, derivata dal lavoro pionieristico di Gimbutas, [1] colloca la patria indoeuropea nella steppa del Ponto, più specificamente, tra il fiume Dniepr (Ucraina) e il fiume Ural (Russia), del periodo calcolitico (dal 4° al 5° millennio a.C.), [79] dove si svilupparono varie culture correlate. [79] [1]

La steppa pontica è una vasta area di praterie nell'Europa dell'estremo Oriente, situata a nord del Mar Nero, delle montagne del Caucaso e del Mar Caspio e comprende parti dell'Ucraina orientale, della Russia meridionale e del Kazakistan nord-occidentale. Questo è il tempo e il luogo della prima domesticazione del cavallo, che secondo questa ipotesi fu opera dei primi indoeuropei, permettendo loro di espandersi verso l'esterno e assimilare o conquistare molte altre culture. [1]

L'ipotesi Kurgan (anche teoria o modello) sostiene che le persone di una "cultura Kurgan" archeologica (un termine che raggruppa la cultura Yamnaya o Pit Grave e i suoi predecessori) nella steppa del Ponto erano i più probabili oratori del proto-indoeuropeo linguaggio. Il termine deriva da kurgan ( курган ), un prestito turco in russo per un tumulo o tumulo. Un'origine nelle steppe pontico-caspiche è lo scenario più ampiamente accettato di origini indoeuropee. [81] [82] [13] [19] [nota 8]

Marija Gimbutas ha formulato la sua ipotesi Kurgan negli anni '50, raggruppando un certo numero di culture correlate nelle steppe del Ponto. Ha definito la "cultura di Kurgan" come composta da quattro periodi successivi, con il primo (Kurgan I) che includeva le culture di Samara e Seroglazovo della regione del Dnepr/Volga nell'età del rame (inizio del IV millennio a.C.). I portatori di queste culture erano pastori nomadi, che, secondo il modello, all'inizio del III millennio si espansero in tutta la steppa pontico-caspica e nell'Europa orientale. [83]

Il raggruppamento di Gimbutas è oggi considerato troppo ampio. Secondo Anthony, è meglio parlare della cultura Yamnaya o di un "orizzonte Yamnaya", che includeva diverse culture correlate, come la cultura proto-indoeuropea che definisce la steppa pontica. [1] David Anthony ha incorporato i recenti sviluppi nella sua "teoria della steppa rivista", che supporta anche un'origine steppica delle lingue indoeuropee. [1] [84] Antonio enfatizza la cultura Yamnaya (3300-2500 a.C.), [1] che secondo lui iniziò nel medio Don e nel Volga, come origine della dispersione indoeuropea, [1] [84] ma considera la cultura archeologica di Khvalynsk dal 4500 aC circa come la fase più antica del proto-indoeuropeo nel basso e medio Volga, una cultura che teneva addomesticati pecore, capre, bovini e forse cavalli. [31] Recenti ricerche di Haak et al. (2015) conferma la migrazione del popolo Yamnaya nell'Europa occidentale, formando la cultura Corded Ware. [8]

Una recente analisi di Anthony (2019) suggerisce anche un'origine genetica dei proto-indoeuropei (della cultura Yamnaya) nella steppa dell'Europa orientale a nord del Caucaso, derivante da una miscela di cacciatori-raccoglitori dell'Europa orientale (EHG) e cacciatori -raccoglitori del Caucaso (CHGs). Anthony suggerisce inoltre che la lingua proto-indoeuropea si sia formata principalmente da una base di lingue parlate dai cacciatori-raccoglitori dell'Europa orientale con influenze dalle lingue dei cacciatori-raccoglitori del Caucaso settentrionale, oltre a una possibile influenza successiva e minore della lingua della cultura Maikop a sud (che si ipotizza appartenesse alla famiglia del Caucaso settentrionale) nel tardo neolitico o età del bronzo con scarso impatto genetico. [85]

Ipotesi anatolica Modifica

Il principale concorrente è l'ipotesi anatolica avanzata da Colin Renfrew, [80] [19] che afferma che le lingue indoeuropee iniziarono a diffondersi pacificamente in Europa dall'Asia Minore (odierna Turchia) intorno al 7000 a.C. con l'avanzata neolitica dell'agricoltura da parte di diffusione demica (ondata di anticipo). [79] Di conseguenza, la maggior parte degli abitanti dell'Europa neolitica avrebbe parlato lingue indoeuropee e le migrazioni successive avrebbero al massimo sostituito queste varietà indoeuropee con altre varietà indoeuropee.[86] Il principale punto di forza dell'ipotesi agricola risiede nel suo collegamento tra la diffusione delle lingue indoeuropee e un evento archeologicamente noto (la diffusione dell'agricoltura) che spesso si presume comporti significativi spostamenti di popolazione.

Alberto Piazza e Luigi Luca Cavalli-Sforza hanno cercato negli anni 2000 di allineare l'ipotesi anatolica con la teoria della steppa. Secondo Alberto Piazza, scrivendo nel 2000, "[i]t è chiaro che, geneticamente parlando, i popoli della steppa Kurgan discendono almeno in parte da persone del Neolitico mediorientale che vi immigrarono dalla Turchia". [87] Secondo Piazza e Cavalli-Sforza (2006), la cultura Yamna potrebbe essere derivata da agricoltori neolitici mediorientali che migrarono nella steppa pontica e svilupparono il nomadismo pastorale. [88] [nota 9] Wells è d'accordo con Cavalli-Sforza che c'è "alcuni prove genetiche per la migrazione dal Medio Oriente." [89] [nota 10] Tuttavia, l'ipotesi anatolica è stata respinta, poiché è incompatibile con i crescenti dati sulla storia genetica del popolo Yamnaya. [19]

Ipotesi armena Modifica

Un'altra teoria che ha attirato una notevole e rinnovata attenzione è l'ipotesi dell'altopiano armeno di Gamkrelidze e Ivanov, i quali hanno sostenuto che l'Urheimat fosse a sud del Caucaso, in particolare, "all'interno dell'Anatolia orientale, del Caucaso meridionale e della Mesopotamia settentrionale" nel quinto al quarto millennio a.C. [90] [79] [80] [19] La loro proposta era basata su una teoria contestata di consonanti glottali in Torta. Secondo Gamkrelidze e Ivanov, le parole di Torta per oggetti di cultura materiale implicano il contatto con popoli più avanzati al sud, l'esistenza di parole di prestito semitiche in Torta, prestiti Kartvelian (georgiani) da Torta, alcuni contatti con Sumeri, Elamiti e altri. Tuttavia, dato che la teoria glottalica non ha mai preso piede e c'era poco supporto archeologico, la teoria di Gamkrelidze e Ivanov non ha ottenuto sostegno fino a quando la teoria anatolica di Renfrew non ha fatto rivivere aspetti della loro proposta. [19]

Proto-Indo-Europei Modifica

I proto-indoeuropei erano i parlanti della lingua proto-indoeuropea (PIE), una lingua preistorica ricostruita dell'Eurasia. La loro conoscenza deriva principalmente dalla ricostruzione linguistica, insieme a testimonianze materiali provenienti dall'archeologia e dall'archeogenetica.

Caratteristiche Modifica

Secondo alcuni archeologi, non si può presumere che gli oratori di Torta fossero un singolo popolo o tribù identificabile, ma erano un gruppo di popolazioni vagamente imparentate ancestrali ai successivi, ancora parzialmente preistorici, indoeuropei dell'età del bronzo. Questa visione è sostenuta soprattutto da quegli archeologi che postulano una patria originale di vasta estensione e immensa profondità temporale. Tuttavia, questo punto di vista non è condiviso dai linguisti, poiché le proto-lingue generalmente occupano piccole aree geografiche in un arco di tempo molto limitato e sono generalmente parlate da comunità affiatate come una singola piccola tribù. [91]

È probabile che i proto-indoeuropei siano vissuti durante il tardo Neolitico, o all'incirca nel IV millennio a.C. La borsa di studio tradizionale li colloca nella zona della steppa forestale immediatamente a nord dell'estremità occidentale della steppa pontico-caspica nell'Europa orientale. Alcuni archeologi estenderebbero la profondità temporale di Torta al Neolitico medio (dal 5500 al 4500 a.C.) o addirittura al Neolitico antico (dal 7500 al 5500 a.C.) e suggerirebbero patrie originali proto-indoeuropee alternative.

Entro la fine del terzo millennio a.C., propaggini dei proto-indoeuropei avevano raggiunto l'Anatolia (ittiti), l'Egeo (Grecia micenea), l'Europa occidentale e la Siberia meridionale (cultura di Afanasevo). [92]

Origini dei proto-indoeuropei Modifica

I proto-Indoeuropei, cioè il popolo Yamnaya e le culture correlate, sembrano essere stati un mix di cacciatori-raccoglitori dell'Europa orientale e persone legate al Vicino Oriente, [93] cioè cacciatori-raccoglitori del Caucaso (CHG) [94] cioè Iran Calcolitico popolo con una componente caucasica di cacciatori-raccoglitori. [95] Non si sa da dove provenga questo componente CHG, il mix di EHG e CHG può derivare da "un gradiente genetico naturale esistente che va da EHG molto a nord fino a CHG/Iran a sud", [96] o potrebbe essere spiegato come "il risultato dell'ascendenza iraniana/correlata al CHG che ha raggiunto la zona delle steppe in modo indipendente e prima di un flusso di antenati AF [agricoltori anatolici]", [96] raggiungendo le steppe con persone che migrarono verso nord nelle steppe tra il 5.000 e il 3.000 a.C. . [34] [85] [nota 12]

Origini della Torta arcaica Modifica

Esistono diverse possibilità riguardo alla genesi della Torta arcaica. [38] [85] [21] [97] Mentre il consenso è che le prime e tarde lingue della Torta ebbero origine nelle steppe del Ponto, la posizione dell'origine della Torta arcaica è diventata il centro di una rinnovata attenzione, a causa della domanda dove il CHG-component è venuto da, e se fossero i corrieri di Torta arcaica. [38] Alcuni suggeriscono un'origine di Torta arcaica dalle lingue dei cacciatori-raccoglitori (EHG) della steppa dell'Europa orientale/eurasiatica, alcuni suggeriscono un'origine nel o sud del Caucaso, e altri suggeriscono un'origine mista dalle lingue di entrambi suddette regioni.

Origini del Caucaso Modifica

Alcune recenti ricerche sul DNA hanno portato a rinnovati suggerimenti, in particolare da David Reich, di una patria caucasica per arcaico o "proto-proto-indoeuropeo", da dove le persone che parlavano Torta arcaica migrarono in Anatolia, dove si svilupparono le lingue anatoliche, mentre alle steppe la Torta arcaica si sviluppò in Torta precoce e tarda. [8] [97] [98] [99] [38] [39] [40] [100] [nota 14]

Anthony (2019, 2020) critica le proposte di origine meridionale/caucasica di Reich e Kristiansen e rifiuta la possibilità che il popolo Maykop dell'età del bronzo del Caucaso fosse una fonte meridionale di lingua e genetica dell'indoeuropeo. Secondo Anthony, riferendosi a Wang et al. (2018), [nota 15] la cultura di Maykop ha avuto uno scarso impatto genetico sugli Yamnaya, i cui lignaggi paterni differivano da quelli trovati nei resti di Maykop, ma erano invece correlati a quelli dei precedenti cacciatori-raccoglitori dell'Europa orientale. Inoltre, il Maykop (e altri campioni contemporanei del Caucaso), insieme al CHG da questa data, aveva una significativa ascendenza anatolica "che si era diffusa nel Caucaso dall'ovest dopo circa il 5000 aC", mentre lo Yamnaya aveva una percentuale inferiore che non adattarsi con un'origine Maykop. In parte per questi motivi, Anthony conclude che i gruppi del Caucaso dell'età del bronzo come i Maykop "svolsero solo un ruolo minore, se non del tutto, nella formazione degli antenati di Yamnaya". Secondo Anthony, le radici del proto-indoeuropeo (arcaico o proto-proto-indoeuropeo) erano principalmente nella steppa piuttosto che nel sud. Anthony ritiene probabile che il Maykop parlasse una lingua caucasica settentrionale non ancestrale all'indoeuropeo. [105] [85]

Indo-uralico Urheimat Modifica

L'ipotesi alternativa del substrato caucasico di Bomhard propone un Urheimat "nord-caspico indo-uralico", che coinvolge un'origine di Torta dal contatto di due lingue una lingua steppa eurasiatica dal Caspio settentrionale (relativo all'uralico) che ha acquisito un'influenza sostrata da un caucasico nordoccidentale linguaggio. [106] [nota 16] Secondo Anthony (2019), una relazione genetica con l'uralico è improbabile e non può essere dimostrata in modo affidabile. Secondo Anthony, le somiglianze tra uralico e indoeuropeo possono essere spiegate dai primi prestiti e dall'influenza. [85]

Origini della steppa con influenze CHG del Caspio meridionale Modifica

Anthony sostiene che il proto-indoeuropeo si sia formato principalmente dalle lingue dei cacciatori-raccoglitori dell'Europa orientale con influenze da quelle dei cacciatori-raccoglitori del Caucaso, [105] e suggerisce che l'arcaica lingua proto-indoeuropea si sia formata nel bacino del Volga (nel steppa dell'Europa orientale). [85] Si sviluppò da una base di lingue parlate dai cacciatori-raccoglitori dell'Europa orientale nelle pianure della steppa del Volga, con alcune influenze dalle lingue dei cacciatori-raccoglitori del Caucaso settentrionale che migrarono dal Caucaso al basso Volga. Inoltre, vi è una possibile influenza successiva, con scarso impatto genetico, nel tardo neolitico o nell'età del bronzo dalla lingua della cultura Maykop a sud, che si ipotizza appartenesse alla famiglia del Caucaso settentrionale. [85] Secondo Anthony, i campi di caccia e pesca del basso Volga, datati 6200-4500 a.C., potrebbero essere i resti di persone che hanno contribuito alla componente CHG, simile alla grotta Hotu, migrando dall'Iran nordoccidentale o dall'Azerbaigian attraverso il costa del Caspio. Si sono mescolati con le persone EHG delle steppe settentrionali del Volga, formando la cultura di Khvalynsk, che "potrebbe rappresentare la fase più antica della Torta". [85] [38] [nota 17] La ​​cultura risultante contribuì alla cultura Sredny Stog, [115] un predecessore della cultura Yamnaya.

Culture della steppa pre-Yamnaya Modifica

Secondo Anthony, lo sviluppo delle culture proto-indoeuropee iniziò con l'introduzione del bestiame nelle steppe pontico-caspiche. [116] Fino a ca. 5200-5000 aC le steppe del Ponto-Caspio erano popolate da cacciatori-raccoglitori. [117] Secondo Antonio, i primi allevatori di bestiame arrivarono dalla valle del Danubio a ca. 5800-5700 aC, discendenti dei primi agricoltori europei. [118] Formarono la cultura Criş (5800–5300 aC), creando una frontiera culturale nello spartiacque Prut-Dniestr. [119] L'adiacente cultura Bug-Dniester (6300-5500 aC) era una cultura locale, da cui l'allevamento del bestiame si diffuse ai popoli della steppa. [120] L'area delle rapide del Dniepr era la parte successiva delle steppe del Ponto-Caspio a passare all'allevamento del bestiame. All'epoca era l'area densamente popolata delle steppe pontico-caspiche ed era stata abitata da diverse popolazioni di cacciatori-raccoglitori dalla fine dell'era glaciale. Dal 5800 al 5200 ca fu abitato dalla prima fase della cultura Dnieper-Donets, una cultura di cacciatori-raccoglitori contemporanea alla cultura Bug-Dniestr. [121]

A ca. 5200–5000 a.C. la cultura Cucuteni–Trypillia (6000–3500 a.C.) (conosciuta anche come cultura Tripolye), presumibilmente non di lingua indoeuropea, appare ad est delle montagne dei Carpazi, [122] spostando la frontiera culturale nella valle del Bug meridionale , [123] mentre i raccoglitori alle rapide del Dniepr passarono all'allevamento del bestiame, segnando il passaggio a Dniepr-Donets II (5200/5000 - 4400/4200 a.C.). [124] La cultura Dniepr-Donets allevava il bestiame non solo per i sacrifici rituali, ma anche per la loro dieta quotidiana. [125] La cultura di Khvalynsk (4700-3800 a.C.), [125] situata nel medio Volga, che era collegata alla valle del Danubio da reti commerciali, [126] aveva anche bovini e pecore, ma erano "più importanti nei rituali sacrifici che nella dieta”. [127] La ​​cultura di Samara (inizio del V millennio a.C.), [nota 18] a nord della cultura di Khvalynsk, interagiva con la cultura di Khvalynsk, [128] mentre i reperti archeologici sembrano correlati a quelli della cultura di Dniepr-Donets II. [128]

La cultura Sredny Stog (4400-3300 a.C.) [129] appare nella stessa posizione della cultura Dniepr-Donets, ma mostra influenze da persone che provenivano dalla regione del fiume Volga. [115] Secondo Vasiliev, le culture Khvalynsk e Sredny Stog mostrano forti somiglianze, suggerendo "un ampio orizzonte Sredny Stog-Khvalynsk che abbraccia l'intero Ponto-Caspio durante l'eneolitico". [130] Da questo orizzonte sorse la cultura Yamnaya, che si diffuse anche in tutta la steppa pontico-caspica. [130]

Europa: migrazione nella valle del Danubio (4200 aC) Modifica

Secondo Anthony, i pastori della steppa pre-Yamnaya, arcaici parlanti proto-indoeuropei, si diffusero nella bassa valle del Danubio intorno al 4200-4000 a.C., causando o approfittando del crollo dell'antica Europa, [32] le loro lingue "probabilmente inclusi dialetti proto-indoeuropei arcaici del tipo parzialmente conservato in seguito in anatolico." [131]

Anatolia: arcaico proto-indoeuropeo (ittiti 4500-3500 aC) Edit

Gli anatolici erano un gruppo di distinti popoli indoeuropei che parlavano le lingue anatoliche e condividevano una cultura comune. [132] [133] [134] [135] [136] Le prime attestazioni linguistiche e storiche degli anatolici sono come nomi menzionati nei testi mercantili assiri del XIX secolo a.C. Kanesh. [132]

Le lingue anatoliche erano un ramo della più ampia famiglia linguistica indoeuropea. La scoperta archeologica degli archivi degli Ittiti e la classificazione della lingua ittita in un ramo anatolico separato delle lingue indoeuropee fece scalpore tra gli storici, costringendo a una rivalutazione della storia del Vicino Oriente e della linguistica indoeuropea. [136]

Origini Modifica

Damgard et al. (2018) notano che "[a] tra linguisti comparativi, una rotta balcanica per l'introduzione dell'IE anatolica è generalmente considerata più probabile di un passaggio attraverso il Caucaso, a causa, ad esempio, della maggiore presenza dell'IE anatolica e della diversità linguistica in Occidente ." [34]

Mathieson et al. notare l'assenza di "grandi quantità" di ascendenza steppica nella penisola balcanica e in Anatolia, che potrebbe indicare che la Torta arcaica abbia avuto origine nel Caucaso o in Iran, ma afferma anche che "rimane possibile che le lingue indoeuropee siano state diffuse nell'Europa sudorientale in Anatolia senza movimenti o mescolanze di popolazione su larga scala". [102]

Damgard et al. (2018), non ha trovato "nessuna correlazione tra ascendenza genetica e identità etniche o politiche esclusive tra le popolazioni dell'Anatolia centrale dell'età del bronzo, come è stato precedentemente ipotizzato". [34] Secondo loro, gli Ittiti mancavano di ascendenza steppica, sostenendo che "il clade anatolico delle lingue IE non derivava da un movimento di popolazione su larga scala dell'età del rame/prima età del bronzo dalla steppa", contrariamente alla proposta di Antonio di un grande migrazione su vasta scala attraverso i Balcani come proposto nel 2007. [34] I primi parlanti di IE potrebbero aver raggiunto l'Anatolia "attraverso contatti commerciali e movimenti su piccola scala durante l'età del bronzo". [34] Inoltre affermano che i loro risultati sono "coerenti con i modelli storici di ibridazione culturale e 'terra di mezzo' in un'Anatolia dell'età del bronzo multiculturale e multilingue ma geneticamente omogenea", come proposto da altri ricercatori. [34]

Secondo Kronen et al. (2018), nel supplemento linguistico a Damgaard et al. (2018), gli studi sull'aDNA in Anatolia "non mostrano alcuna indicazione di un'intrusione su larga scala di una popolazione della steppa", ma "si adattano al consenso recentemente sviluppato tra linguisti e storici che i parlanti delle lingue anatoliche si stabilirono in Anatolia per infiltrazione graduale e assimilazione culturale”. [137] Notano inoltre che ciò avvalora l'ipotesi indo-ittita, secondo la quale sia il proto-anatolico che il proto-indoeuropeo si separano da una lingua madre comune "non oltre il IV millennio a.C.". [138]

Modifica dell'intervallo di tempo

Sebbene gli Ittiti siano attestati per la prima volta nel II millennio a.C., [35] il ramo anatolico sembra essersi separato in una fase molto precoce dal proto-indoeuropeo, o potrebbe essersi sviluppato da un più antico antenato pre-proto-indoeuropeo. [139] Considerando un'origine steppica per Torta arcaica, insieme ai Tocharians gli Anatolians costituirono la prima dispersione conosciuta di Indoeuropeo fuori dalla steppa eurasiatica. [140] Sebbene quegli arcaici oratori di Torte avessero carri, probabilmente raggiunsero l'Anatolia prima che gli Indoeuropei avessero imparato a usare i carri per la guerra. [140] È probabile che il loro arrivo sia stato un insediamento graduale e non come un esercito invasore. [132]

Secondo Mallory, è probabile che gli anatolici abbiano raggiunto il Vicino Oriente da nord, attraverso i Balcani o il Caucaso nel III millennio a.C. [136] Secondo Anthony, se si separò dal proto-indoeuropeo, probabilmente lo fece tra il 4500 e il 3500 a.C. [141] Secondo Antonio, discendenti di arcaici pastori proto-indoeuropei delle steppe, che si trasferirono nella bassa valle del Danubio intorno al 4200-4000 a.C., in seguito si trasferirono in Anatolia, in un'epoca sconosciuta, ma forse già nel 3.000 a.C. [142] Secondo Parpola, l'apparizione di parlanti indoeuropei dall'Europa in Anatolia, e l'apparizione di ittiti, è collegata a successive migrazioni di parlanti proto-indoeuropei dalla cultura Yamna nella valle del Danubio a ca. 2800 aC, [37] [4] che è in linea con l'assunto "consueto" che la lingua indoeuropea anatolica sia stata introdotta in Anatolia da qualche parte nel terzo millennio a.C. [Web 7]

Civiltà ittita Modifica

Gli Ittiti, che fondarono un vasto impero in Medio Oriente nel II millennio a.C., sono di gran lunga i membri più noti del gruppo anatolico. La storia della civiltà ittita è nota soprattutto da testi cuneiformi rinvenuti nell'area del loro regno, e da corrispondenza diplomatica e commerciale rinvenuta in vari archivi in ​​Egitto e Medio Oriente. Nonostante l'uso di Hatti per il loro territorio centrale, gli Ittiti dovrebbero essere distinti dagli Hattians, un popolo precedente che abitava la stessa regione (fino all'inizio del II millennio). L'esercito ittita fece uso con successo dei carri. Sebbene appartengano all'età del bronzo, furono i precursori dell'età del ferro, sviluppando la produzione di manufatti in ferro già nel XIV secolo a.C., quando le lettere ai sovrani stranieri rivelano la domanda di quest'ultimi per i prodotti in ferro. L'impero ittita raggiunse il suo apice durante la metà del XIV secolo a.C. sotto Suppiluliuma I, quando comprendeva un'area che comprendeva la maggior parte dell'Asia Minore, nonché parti del Levante settentrionale e dell'Alta Mesopotamia. Dopo il 1180 a.C., durante il crollo dell'età del bronzo nel Levante associato all'arrivo improvviso dei popoli del mare, il regno si disintegrò in diverse città-stato "neo-ittite" indipendenti, alcune delle quali sopravvissero fino all'VIII secolo a.C. Le terre dei popoli anatolici furono successivamente invase da un numero di popoli e imperi ad alta frequenza: Frigi, Bitini, Medi, Persiani, Greci, Celti Galati, Romani e Turchi Oghuz. Molti di questi invasori si stabilirono in Anatolia, provocando in alcuni casi l'estinzione delle lingue anatoliche. Nel Medioevo, tutte le lingue anatoliche (e le culture che le accompagnavano) erano estinte, anche se potrebbero esserci influenze persistenti sui moderni abitanti dell'Anatolia, in particolare gli armeni.

Caucaso settentrionale: la cultura di Maykop (3700-3000 aC) Modifica

La cultura Maykop, c.3700–3000 a.C., [143] fu un'importante cultura archeologica dell'età del bronzo nella regione del Caucaso occidentale della Russia meridionale. Si estende lungo l'area dalla penisola di Taman allo stretto di Kerch fino al confine moderno del Daghestan ea sud fino al fiume Kura. La cultura prende il nome da una sepoltura reale trovata a Maykop kurgan nella valle del fiume Kuban.

Secondo Mallory e Adams, le migrazioni verso sud fondarono la cultura di Maykop (c. 3500-2500 aC). [44] Tuttavia, secondo Mariya Ivanova le origini di Maykop erano sull'altopiano iraniano, [45] mentre i kurgan dell'inizio del IV millennio a Soyuqbulaq in Azerbaigian, che appartengono alla cultura Leyla-Tepe, mostrano paralleli con i kurgan di Maykop . Secondo Museyibli, "le tribù della cultura Leylatepe migrarono a nord verso la metà del quarto millennio e giocarono un ruolo importante nell'ascesa della cultura Maikop del Caucaso settentrionale". [web 8] Questo modello è stato confermato da uno studio genetico pubblicato nel 2018, che ha attribuito l'origine degli individui Maykop a una migrazione di agricoltori eneolitici dalla Georgia occidentale verso il lato nord del Caucaso. [144] È stato suggerito che il popolo Maykop parlasse una lingua caucasica settentrionale, piuttosto che una lingua indoeuropea. [85] [145]

Cultura Afanasevo (3500-2500 aC) Modifica

La cultura Afanasievo (dal 3300 al 2500 a.C.) è la prima cultura archeologica eneolitica trovata fino ad ora nella Siberia meridionale, che occupa il bacino di Minusinsk, l'Altay e il Kazakistan orientale. Ha avuto origine con una migrazione di persone dalla cultura pre-Yamnaya Repin, presso il fiume Don, [147] ed è imparentato con i Tocharians. [148]

Il radiocarbonio fornisce date già nel 3705 a.C. su strumenti di legno e nel 2874 a.C. su resti umani per la cultura Afanasievo. [149] La prima di queste date è stata ora respinta, dando una data intorno al 3300 a.C. per l'inizio della cultura. [150]

I Tocharians Modifica

I Tocharians, o "Tokharians" ( / t ə ˈ k ɛər i ən z / o / t ə ˈ k ɑːr i ən z / ) erano abitanti delle città-stato medievali dell'oasi sul bordo settentrionale del bacino del Tarim (moderno Xinjiang, Cina). Le loro lingue tocarie (un ramo della famiglia indoeuropea) sono note da manoscritti dal VI all'VIII secolo d.C., dopo di che furono soppiantate dalle lingue turche delle tribù uigure. Queste persone erano chiamate "Tocharian" dagli studiosi della fine del XIX secolo che le identificavano con i Tókharoi descritto dalle antiche fonti greche come abitante della Bactria. Sebbene questa identificazione sia ora generalmente considerata errata, il nome è diventato consuetudine.

Si pensa che i Tocharians si siano sviluppati dalla cultura Afanasevo della Siberia (c. 3500-2500 aC). [148] Si ritiene che le mummie Tarim, datate dal 1800 a.C., rappresentino una migrazione di parlanti tocharian dalla cultura Afanasevo nel bacino del Tarim all'inizio del II millennio a.C. [43] L'espansione indoeuropea verso est nel II millennio a.C. ebbe un'influenza significativa sulla cultura cinese, [152] introducendo il carro, [web 12] sepolture di cavalli, [web 13] [153] il cavallo addomesticato, [152] [154] tecnologia del ferro, [152] [web 14] e veicoli a ruote, [155] [156] [157] [158] stili di combattimento, rituali testa e zoccoli, motivi artistici e miti. [153] Entro la fine del II millennio a.C., le popolazioni dominanti fino all'estremo oriente dei Monti Altai a sud fino agli sbocchi settentrionali dell'altopiano tibetano erano antropologicamente caucasiche, con la parte settentrionale che parlava lingue scite iraniche e le parti meridionali lingue tocarie, avendo popolazioni mongoloidi come loro vicini nord-orientali. [159] [web 15] Questi due gruppi erano in competizione l'uno con l'altro finché quest'ultimo non ha superato il primo. [web 15] Il punto di svolta avvenne intorno al V-IV secolo a.C. con una graduale mongolizzazione della Siberia, mentre l'Asia centrale orientale (Turchistan orientale) rimase caucasica e di lingua indoeuropea fino al I millennio d.C. [160]

La storia politica degli indoeuropei dell'Asia interna dal II secolo a.C. al V secolo d.C. è davvero un periodo glorioso. È il loro movimento che ha portato la Cina in contatto con il mondo occidentale oltre che con l'India. Questi indoeuropei hanno tenuto a lungo la chiave del commercio mondiale. Nel processo della loro stessa trasformazione, questi indoeuropei hanno influenzato il mondo che li circondava più di qualsiasi altro popolo prima dell'ascesa dell'Islam." [161]

Lo Yuezhi Modifica

Il sinologo Edwin G. Pulleyblank ha suggerito che gli Yuezhi, i Wusun, i Dayuan, i Kangju e il popolo di Yanqi avrebbero potuto parlare Tocharian. [163] Di questi, gli Yuezhi sono generalmente ritenuti Tochariani. [164] Gli Yuezhi erano originariamente stanziati nelle aride praterie dell'area orientale del bacino del Tarim, nell'attuale Xinjiang e nel Gansu occidentale, in Cina.

Al culmine del loro potere nel III secolo a.C., si ritiene che gli Yuezhi abbiano dominato le aree a nord dei monti Qilian (compresi il bacino del Tarim e la Dzungaria), la regione dell'Altai, [165] la maggior parte della Mongolia e il acque superiori del Fiume Giallo. [166] [167] [168] Questo territorio è stato indicato come il Impero Yuezhi. [169] I loro vicini orientali erano i Donghu. [167] Mentre gli Yuezhi facevano pressione sugli Xiongnu da ovest, i Donghu facevano lo stesso da est. [167] Un gran numero di popoli, inclusi i Wusun, gli stati del bacino del Tarim e forse i Qiang, [168] erano sotto il controllo degli Yuezhi. [167] Erano considerati la potenza predominante in Asia centrale. [168] Prove dai documenti cinesi indicano che i popoli dell'Asia centrale a ovest fino all'impero dei Parti erano sotto il dominio degli Yuezhi. [168] Ciò significa che il territorio dell'Impero Yuezhi corrispondeva grosso modo a quello del successivo Primo Khaganato turco. [168] Le sepolture Pazyryk dell'altopiano di Ukok coincidono con l'apice del potere degli Yuezhi, e le sepolture sono state quindi attribuite a loro, il che significa che la regione di Altai faceva parte dell'Impero Yuezhi. [165]

Dopo che gli Yuezhi furono sconfitti dagli Xiongnu, nel II secolo a.C., un piccolo gruppo, noto come il Piccolo Yuezhi, fuggì a sud, generando in seguito il popolo Jie che dominava gli Zhao posteriori fino al loro completo sterminio da parte di Ran Min nel Wei –Jie guerra. La maggior parte degli Yuezhi tuttavia emigrò a ovest nella valle dell'Ili, dove soppiantarono i Saka (Sciti). Spinti dalla Valle dell'Ili poco dopo dai Wusun, gli Yuezhi migrarono a Sogdia e poi in Bactria, dove sono spesso identificati con i Tókharoi (Τοχάριοι) e Asioi delle fonti classiche. Si espansero poi nell'Asia meridionale settentrionale, dove un ramo degli Yuezhi fondò l'Impero Kushan. L'impero Kushan si estendeva da Turfan nel bacino del Tarim fino a Pataliputra nella pianura del Gange nella sua massima estensione, e svolse un ruolo importante nello sviluppo della Via della Seta e nella trasmissione del Buddismo in Cina. Le lingue tocarie continuarono a essere parlate nelle città-stato del bacino del Tarim, estinguendosi solo nel Medioevo.

La Torta tarda è collegata alla cultura e all'espansione di Yamnaya, da cui discendono tutte le lingue di IE eccetto le lingue anatoliche e Tocharian.

Cultura di Yamnaya Modifica

Secondo Mallory 1991 errore harvnb: nessun obiettivo: CITEREFMallory1991 (aiuto) , "L'origine della cultura Yamnaya è ancora un argomento di dibattito", con proposte per le sue origini che puntano sia a Khvalynsk che a Sredny Stog. [46] La cultura di Khvalynsk (4700–3800 a.C.) [125] (volga centrale) e la cultura di Repin basata sul Don (ca.3950–3300 a.C.) [147] nella steppa pontico-caspica orientale, e lo Sredny strettamente correlato La cultura di Stog (c.4500-3500 aC) nella steppa occidentale del Ponto-Caspio, precedette la cultura di Yamnaya (3300-2500 aC). [170] [171] Secondo Anthony, la cultura Yamnaya ebbe origine nell'area del Don-Volga a ca. 3400 a.C., [47] sostenendo che la tarda ceramica di queste due culture può essere a malapena distinta dalla prima ceramica di Yamnaya. [172]

L'orizzonte di Yamnaya (a.k.a. Pit Grave culture) si diffuse rapidamente attraverso le steppe del Ponto-Caspio tra ca. 3400 e 3200 a.C. [47] Fu un adattamento a un cambiamento climatico avvenuto tra il 3500 e il 3000 aC, in cui le steppe divennero più secche e fresche. Le mandrie dovevano essere spostate frequentemente per nutrirle a sufficienza, e l'uso di carri e passeggiate a cavallo ha reso possibile ciò, portando a "una nuova forma più mobile di pastorizia". [76] Fu accompagnato da nuove regole e istituzioni sociali, per regolare le migrazioni locali nelle steppe, creando una nuova coscienza sociale di una cultura distinta, e di "Altri culturali" che non partecipavano a queste nuove istituzioni. [170]

Secondo Anthony, "la diffusione dell'orizzonte Yamnaya era l'espressione materiale della diffusione del tardo proto-indoeuropeo attraverso le steppe pontico-caspiche". [173] Anthony osserva inoltre che "l'orizzonte di Yamnaya è l'espressione archeologica visibile di un adattamento sociale all'elevata mobilità - l'invenzione dell'infrastruttura politica per gestire le mandrie più grandi dalle case mobili con sede nelle steppe". [174] L'orizzonte di Yamnaya rappresenta la classica società proto-indoeuropea ricostruita con idoli di pietra, che pratica prevalentemente l'allevamento di animali in insediamenti permanenti protetti da fortezze collinari, che vive di agricoltura e di pesca lungo i fiumi. Secondo Gimbutas, il contatto dell'orizzonte di Yamnaya con le culture dell'Europa del tardo Neolitico porta alle culture dell'Anfora Globulare e di Baden "kurganizzate". [175] Antonio esclude la cultura dell'Anfora Globulare. [1]

La cultura Maykop (3700-3000) emerge un po' prima nel Caucaso settentrionale. Sebbene considerato da Gimbutas come una conseguenza delle culture della steppa, è legato allo sviluppo della Mesopotamia e Anthony non lo considera una cultura proto-indoeuropea. [1] La cultura di Maykop mostra le prime prove dell'inizio dell'età del bronzo e armi e manufatti in bronzo vengono introdotti nell'orizzonte di Yamnaya.

Tra il 3100 e il 2600 aC il popolo Yamnaya si diffuse nella valle del Danubio fino all'Ungheria. [176] Secondo Antonio, questa migrazione diede probabilmente origine al protoceltico [177] e al preitalico. [177] I dialetti pregermanici potrebbero essersi sviluppati tra il Dniestr (Ucraina occidentale) e la Vistola (Polonia) a c. 3100-2800 aC, e si diffuse con la cultura Corded Ware. [178] Lo slavo e il baltico si svilupparono nel medio Dniepr (l'odierna Ucraina) [5] a c. 2800 aC, diffondendosi anche con l'orizzonte Corded Ware. [48]

Modifica post-Yamnaya

Nella zona settentrionale del Don-Volga l'orizzonte Yamnaya fu seguito dalla cultura Poltavka (2700–2100 a.C.), mentre la cultura Corded Ware si estese verso est, dando origine alla cultura Sintashta (2100–1800). La cultura Sintashta estese la zona culturale indoeuropea ad est dei monti Urali, dando origine al proto-indo-iraniano e la successiva diffusione delle lingue indo-iraniane verso l'India e l'altopiano iranico. [1]

Declino delle popolazioni neolitiche Modifica

Tra ca. 4000 e 3000 aC, le popolazioni neolitiche nell'Europa occidentale diminuirono, probabilmente a causa della peste e di altre febbri emorragiche virali. Questo declino fu seguito dalle migrazioni di popolazioni indoeuropee nell'Europa occidentale, trasformando il corredo genetico delle popolazioni occidentali. [179] [nota 19]

Tre studi di genetica autosomica nel 2015 hanno dato sostegno all'ipotesi Kurgan di Gimbutas riguardo alla patria proto-indoeuropea. Secondo tali studi, gli aplogruppi R1b e R1a si sono espansi dalla steppa eurasiatica occidentale, insieme alle lingue indoeuropee hanno rilevato anche una componente autosomica presente negli europei moderni che non era presente negli europei neolitici, che sarebbero stati introdotti con lignaggi paterni R1b e R1a, così come le lingue indoeuropee. [180] [74] [181]

Origini delle lingue europee di IE Modifica

Le origini di italo-celtico, germanico e balto-slavo sono state spesso associate alla diffusione dell'orizzonte Corded Ware e dei Bell Beakers, ma le specifiche rimangono irrisolte. Un fattore di complicazione è l'associazione dell'aplogruppo R1b con l'orizzonte Yamnaya e i Bell Beakers, mentre l'orizzonte Corded Ware è fortemente associato all'aplogruppo R1a. Antenati del germanico e balto-slavo potrebbero essersi diffusi con i Corded Ware, originari ad est dei Carpazi, mentre la Valle del Danubio era ancestrale all'italo-celtico.

Relazioni tra i rami Modifica

Secondo David Anthony, il pre-germanico si separò prima (3300 a.C.), seguito da pre-italico e pre-celtico (3000 a.C.), pre-armeno (2800 a.C.), pre-balto-slavo (2800 a.C.) e pre- greco (2500 a.C.). [27]

Mallory nota che le lingue italica, celtica e germanica sono strettamente correlate, il che si accorda con la loro distribuzione storica. Le lingue germaniche sono anche legate alle lingue baltiche e slave, che a loro volta condividono somiglianze con le lingue indoiraniche. [182] Anche le lingue greca, armena e indo-iranica sono correlate, il che suggerisce "una catena di dialetti indoeuropei centrali che si estende dai Balcani attraverso il Mar Nero fino al Caspio orientale". [182] E le lingue celtica, italica, anatolica e tocariana conservano arcaismi che si conservano solo in quelle lingue. [182]

Anche se si presume che Corded Ware derivi in ​​gran parte dalla cultura Yamnaya, la maggior parte dei maschi Corded Ware portava R1a Y-DNA, mentre i maschi della Yamnaya portavano principalmente R1b-M269. [nota 20] Secondo Sjögren et al. (2020), R1b-M269 "è il principale lignaggio associato all'arrivo di antenati della steppa nell'Europa occidentale dopo il 2500 a.C.[E]", [185] ed è fortemente correlato all'espansione del campanile.

Il complesso balcanico-danubiano e la zona di contatto est-Carpazi Modifica

Il complesso balcanico-danubiano è un insieme di culture nell'Europa sud-orientale, a est ea ovest dei Carpazi, da cui le lingue indoeuropee occidentali probabilmente si diffusero nell'Europa occidentale dal c. 3500 a.C. [3] L'area a est delle montagne dei Carpazi formava una zona di contatto tra la cultura in espansione di Yamnaya e le culture contadine dell'Europa settentrionale. Secondo Anthony, il pre-italico e il preceltico (legati da Antonio alla valle del Danubio) e il pregermanico e balto-slavo (collegati da Antonio alla zona di contatto dei Carpazi orientali) potrebbero essersi separati qui dal proto-indo -Europeo. [186]

Anthony (2007) postula la cultura Usatovo come origine del ramo pregermanico. [187] Si sviluppò ad est delle montagne dei Carpazi, nel sud-est dell'Europa centrale, intorno al 3300-3200 aC presso il fiume Dniestr. [188] Sebbene strettamente imparentato con la cultura Tripolye, è contemporaneo alla cultura Yamnaya e le somiglia in modo significativo. [189] Secondo Anthony, potrebbe aver avuto origine con "clan della steppa legati all'orizzonte di Yamnaya che erano in grado di imporre un rapporto di cliente-cliente sui villaggi agricoli di Tripoly". [190]

Secondo Anthony, i dialetti pre-germanici potrebbero essersi sviluppati in questa cultura tra il Dniestr (Ucraina occidentale) e la Vistola (Polonia) a c. 3100-2800 aC, e si diffuse con la cultura Corded Ware. [178] Lo slavo e il baltico si svilupparono nel medio Dniepr (l'odierna Ucraina) [5] a c. 2800 aC, diffondendosi a nord da lì. [48]

Anthony (2017) mette in relazione le origini del Corded Ware con le migrazioni di Yamnaya in Ungheria. [191] Tra il 3100 e il 2800/2600 a.C., quando l'orizzonte di Yamnaya si diffuse rapidamente attraverso la steppa del Ponto, ebbe luogo una vera migrazione popolare di parlanti proto-indoeuropei dalla cultura Yamna nella valle del Danubio, [4] muovendosi lungo territorio di Usatovo verso destinazioni specifiche, arrivando fino all'Ungheria, [192] dove potrebbero essere stati allevati fino a 3.000 kurgan. [193] Secondo Anthony (2007), i siti di Bell Beaker a Budapest, datati c. 2800-2600 aC, potrebbe aver aiutato a diffondere i dialetti Yamnaya in Austria e nella Germania meridionale a ovest, dove potrebbe essersi sviluppato il proto-celtico. [177] Il pre-italico potrebbe essersi sviluppato in Ungheria e diffuso verso l'Italia attraverso la cultura dei campi di urne e la cultura villanoviana. [177]

Secondo Parpola, questa migrazione nella valle del Danubio è correlata all'apparizione di parlanti indoeuropei dall'Europa in Anatolia e all'apparizione degli ittiti. [37]

Le lingue balcaniche (tracio, dacico, illirico) potrebbero essersi sviluppate tra le prime popolazioni indoeuropee dell'Europa sudorientale. Nell'alto medioevo il loro territorio era occupato da slavi migratori e da popolazioni delle steppe dell'Asia orientale.

Cultura degli articoli con filo (3000–2400 a.C.) Modifica

La cultura del Corded Ware nell'Europa centrale (c. 3200 [194] o 2,900 [web 1] –2450 o 2350 cal. [web 1] [194] aC) ha probabilmente svolto un ruolo essenziale nell'origine e nella diffusione dell'Indoeuropeo lingue in Europa durante l'età del rame e del bronzo. [6] [7] David Anthony afferma che "Childe (1953:133-38) e Gimbutas (1963) hanno ipotizzato che i migranti dall'orizzonte della steppa Yamnaya (3300-2600 a.C.) potrebbero essere stati i creatori della cultura Corded Ware e trasportati IE lingue in Europa dalle steppe." [195]

Secondo Anthony (2007), il Corded Ware ha avuto origine a nord-est delle montagne dei Carpazi e si è diffuso in tutta l'Europa settentrionale dopo il 3000 a.C., con una "rapida diffusione iniziale" tra il 2900 e il 2700 a.C. [177] Mentre Anthony (2007) situa lo sviluppo dei dilaetti pregermanici ad est dei Carpazi, argomentando a favore di una migrazione sul Dniestr, [178] Anthony (2017) mette in relazione le origini del Corded Ware all'inizio del III secolo Yamna- migrazioni nella valle del Danubio, affermando che "[l] a flusso migratorio che ha creato questi intrusivi cimiteri ora può essere visto continuare dall'Ungheria orientale attraverso i Carpazi fino alla Polonia meridionale, dove sono apparsi i primi tratti materiali dell'orizzonte della ceramica a filo. " [196] Nella Polonia meridionale, l'interazione tra l'anfora scandinava e quella globale portò a una nuova cultura, assorbita dai pastori Yamnaya in arrivo. [197] [nota 21] [nota 22]

Secondo Mallory (1999), la cultura Corded Ware può essere postulata come "l'antenato preistorico comune delle successive lingue celtiche, germaniche, baltiche, slave e forse di alcune delle lingue indoeuropee dell'Italia".Tuttavia, Mallory nota anche che il Corded Ware non può spiegare greco, illirico, tracio e italico orientale, che potrebbero derivare dall'Europa sud-orientale. [200] Secondo Anthony, l'orizzonte di Corded Ware potrebbe aver introdotto germanico, baltico e slavo nell'Europa settentrionale. [177]

Secondo Gimbutas, la cultura Corded Ware fu preceduta dalla cultura dell'anfora globulare (3400-2800 a.C.), che lei considerava anche una cultura indoeuropea. La cultura dell'anfora globulare si estendeva dall'Europa centrale fino al Mar Baltico ed è emersa dalla cultura dell'imbuto. [201] Secondo Mallory, intorno al 2400 a.C. il popolo dei Corded Ware sostituì i loro predecessori e si espanse nelle aree danubiane e settentrionali della Germania occidentale. Un ramo correlato invase i territori dell'attuale Danimarca e della Svezia meridionale. In alcuni punti si può dimostrare una continuità tra Funnelbeaker e Corded Ware, mentre in altre aree Corded Ware annuncia una nuova cultura e tipo fisico. [79] Secondo Cunliffe, la maggior parte dell'espansione era chiaramente invadente. [202] Tuttavia, secondo Furholt, la cultura Corded Ware era uno sviluppo indigeno, [195] che collegava gli sviluppi locali in una rete più ampia. [196]

Recenti ricerche di Haak et al. scoprì che quattro persone del tardo Corded Ware (2500-2300 a.C.) sepolte a Esperstadt, in Germania, erano geneticamente molto vicine al popolo Yamna, suggerendo che ebbe luogo una massiccia migrazione dalle steppe eurasiatiche all'Europa centrale. [8] [web 2] [9] [203] Secondo Haak et al. (2015), German Corded Ware "traccia

75% dei loro antenati agli Yamna." [204] In informazioni supplementari a Haak et al. (2015) Anthony, insieme a Lazaridis, Haak, Patterson e Reich, osserva che la migrazione di massa del popolo Yamnaya verso l'Europa settentrionale mostra che "le lingue avrebbero potuto essere introdotte semplicemente dalla forza dei numeri: attraverso grandi migrazioni a cui parteciparono entrambi i sessi." [205] [nota 23]

Volker Heyd ha avvertito di stare attento a trarre conclusioni troppo forti da quelle somiglianze genetiche tra Corded Ware e Yamna, notando il piccolo numero di campioni le date tardive delle tombe di Esperstadt, che potrebbero anche aver subito una mescolanza di campanili per la presenza di antenati Yamna nell'Europa occidentale prima dell'espansione del Danubio e dei rischi di estrapolare "i risultati di una manciata di sepolture individuali a intere popolazioni interpretate etnicamente". [206] Heyd conferma la stretta connessione tra Corded Ware e Yamna, ma afferma anche che "né una traduzione uno a uno da Yamnaya a CWC, né il rapporto 75:25 come affermato (Haak et al. 2015:211) corrisponde alla documentazione archeologica." [206]

Cultura del bicchiere a campana (2900–1800 a.C.) Modifica

La cultura del campanile (C. 2900–1800 a.C. [208] [209] ) potrebbe essere ancestrale al proto-celtico, [210] che si diffuse verso ovest dalle regioni alpine e formò uno Sprachbund "nord-occidentale indoeuropeo" con italico, germanico e balto-slavo. [211] [nota 24]

Le mosse iniziali dei Bell Becher dall'estuario del Tago, in Portogallo, furono marittime. Uno spostamento meridionale ha portato al Mediterraneo dove sono state stabilite "enclavi" nella Spagna sud-occidentale e nella Francia meridionale intorno al Golfe du Lion e nella pianura padana in Italia, probabilmente attraverso antiche rotte commerciali alpine occidentali utilizzate per distribuire asce di giadeite. Una mossa settentrionale incorporò la costa meridionale dell'Armorica. L'enclave stabilita nel sud della Bretagna era strettamente collegata alla via fluviale e verso terra, attraverso la Loira, e attraverso la valle del Gâtinais fino alla valle della Senna, e quindi al basso Reno. Questo era un percorso di lunga data che si rifletteva nelle prime distribuzioni di asce di pietra ed è stato attraverso questa rete che i campanili marittimi hanno raggiunto per la prima volta il Basso Reno nel 2600 a.C. circa. [209] [212]

Modifica germanica

I popoli germanici (chiamati anche teutonici, suebian o gotici nella letteratura più antica) [214] erano un gruppo etno-linguistico indoeuropeo di origine nordeuropea, identificato dall'uso delle lingue germaniche che si diversificarono dal protogermanico a partire dal Età del ferro preromana. [Web 16]

Secondo Mallory, i germanici "sono generalmente d'accordo" che il Urheimat ('patria originaria') della lingua protogermanica, l'idioma ancestrale di tutti i dialetti germanici attestati, era principalmente situata in un'area corrispondente all'estensione della cultura Jastorf, [215] [216] [217] [nota 25] situato in Danimarca e nel nord della Germania. [218]

Secondo Herrin, si ritiene che i popoli germanici siano emersi intorno al 1800 a.C. con l'età del bronzo nordica (c.1700-500 a.C.). [web 17] L'età del bronzo nordica si sviluppò dall'assorbimento della cultura dei cacciatori-raccoglitori Pitted Ware (c.3500-2300 a.C.) nella cultura agricola dell'ascia da battaglia (c. 2800-2300 a.C.), [219] [220] che a sua volta si sviluppò dalla sovrapposizione della cultura Corded Ware (c. 3100-2350 a.C.) sulla cultura del bicchiere a imbuto (c. 4300-2800 a.C.) nella pianura nordeuropea, adiacente al nord della cultura a campana (c. 2800). -2300 a.C.). [web 17] Il pregermanico potrebbe essere stato correlato alle lingue slavo-baltiche e indo-iraniane, ma riorientato verso le lingue italo-celtiche. [Web 18]

All'inizio del I millennio aC, si ritiene che il proto-germanico fosse parlato nelle aree dell'attuale Danimarca, Svezia meridionale e Germania settentrionale. Nel corso del tempo quest'area è stata ampliata per includere la Norvegia meridionale e una striscia di terra nella pianura nordeuropea che si estende dalle Fiandre alla Vistola. Circa il 28% del vocabolario germanico è di origine non indoeuropea. [221]

Entro il III secolo aC, l'età del ferro preromana sorse tra i popoli germanici, che all'epoca si stavano espandendo verso sud a spese dei Celti e degli Illiri. [web 19] Durante i secoli successivi, popoli germanici migratori raggiunsero le rive del Reno e del Danubio lungo il confine romano, e si espansero anche nei territori dei popoli iraniani a nord del Mar Nero. [Web 20]

Alla fine del IV secolo, gli Unni invasero i territori germanici da est, costringendo molte tribù germaniche a migrare nell'Impero Romano d'Occidente. [web 21] Durante l'era vichinga, iniziata nell'VIII secolo, i popoli germanici del nord della Scandinavia migrarono in tutta Europa, stabilendo insediamenti fino al Nord America. Le migrazioni dei popoli germanici nel I millennio furono un elemento formativo nella distribuzione dei popoli nell'Europa moderna. [web17]

Modifica italo-celtica

Le lingue italiche e celtiche sono comunemente raggruppate sulla base di caratteristiche condivise da questi due rami e da nessun altro. Ciò potrebbe implicare che discendono da un antenato comune e/o proto-celtico e proto-italico sviluppati in stretta vicinanza per un lungo periodo di tempo. Il legame con la cultura di Yamnaya, nella zona di contatto dell'Europa occidentale e centrale tra Reno e Vistola (Polonia), [222] è il seguente: Cultura di Yamnaya (c. 3300–2600 aC) - Cultura di Corded Ware (c. 3100 -2350 a.C.) - Cultura del campanile (c. 2800–1800 a.C.) - Cultura di Unetice (c. 2300-1680 a.C.) - Cultura dei tumuli (c. 1600-1200 a.C.) - Cultura dei campi di urne (c. 1300-750 a.C.). Nei Balcani, la cultura di Vučedol (c.3000-2200 aC) formò una zona di contatto tra la cultura post-Yamnaya e quella dei campanili.

Corsivo Modifica

Le lingue italiche sono una sottofamiglia della famiglia linguistica indoeuropea originariamente parlata dai popoli italici. Comprendono le lingue romanze derivate dal latino (italiano, sardo, spagnolo, catalano, portoghese, francese, rumeno, occitano, ecc.) un certo numero di lingue estinte della penisola italiana, tra cui l'umbro, l'osco, il falisco, il sud piceno e lo stesso latino . Attualmente, il latino e le sue lingue romanze figlie sono le uniche lingue sopravvissute della famiglia linguistica italica.

La teoria più accreditata suggerisce che i latini e altre tribù protoitaliche siano entrate per la prima volta in Italia con la cultura protovillanoviana della tarda età del bronzo (XII-X sec. a.C.), poi parte del sistema culturale centroeuropeo delle urne (1300-750 a.C.). ). [223] [224] In particolare vari autori, come Marija Gimbutas, avevano notato importanti somiglianze tra il Proto-Villanova, la cultura dei campi di urne della Germania meridionale della Baviera-Alta Austria [225] e la cultura dei campi di urne del Medio Danubio. [225] [226] [227] Secondo David W. Anthony, i proto-latini ebbero origine nell'odierna Ungheria orientale, kurganizzata intorno al 3100 a.C. dalla cultura Yamnaya, [228] mentre Kristian Kristiansen associava i proto-villanoviani ai Velatice-Baierdorf cultura della Moravia e dell'Austria. [229]

Oggi le lingue romanze, che comprendono tutte le lingue che discendono dal latino, sono parlate da oltre 800 milioni di madrelingua in tutto il mondo, principalmente nelle Americhe, in Europa e in Africa. Le lingue romanze sono ufficiali, co-ufficiali o utilizzate in modo significativo in 72 paesi in tutto il mondo. [230] [231] [232] [233] [234]

Modifica celtica

I Celti ( / ˈ k ɛ l t s / , occasionalmente / ˈ s ɛ l t s / , vedi pronuncia di celtico) o Kelts erano un gruppo etnolinguistico di società tribali nell'età del ferro e nell'Europa medievale che parlavano lingue celtiche e avevano una cultura simile, [235] sebbene la relazione tra gli elementi etnici, linguistici e culturali rimanga incerta e controversa.

La prima cultura archeologica che può essere giustamente considerata protoceltica è la cultura dei campi di urne della tarda età del bronzo dell'Europa centrale, che fiorì intorno al 1200 a.C. [236]

I loro discendenti completamente celtici [236] nell'Europa centrale erano le persone della cultura dell'età del ferro di Hallstatt (800-450 a.C. circa) così chiamate per i ricchi ritrovamenti di tombe ad Hallstatt, in Austria. [237] Dal successivo periodo di La Tène (c. 450 a.C. fino alla conquista romana), questa cultura celtica si era espansa per diffusione o migrazione nelle Isole Britanniche (Celti insulari), Francia e Paesi Bassi (Galli), Boemia, Polonia e gran parte dell'Europa centrale, la Penisola Iberica (Celtiberi, Celtici e Gallaeci) e l'Italia (Golaseccani, Leponti, Liguri e Galli Cisalpini) [238] e, in seguito all'invasione gallica dei Balcani nel 279 a.C., fino all'estremo oriente fino al centro Anatolia (Galati). [239]

Le lingue celtiche (di solito pronunciate / ˈ k ɛ lt ɪ k / ma a volte / ˈ s ɛ lt ɪ k / ) [240] discendono dal proto-celtico, o "celtico comune" un ramo della grande famiglia linguistica indoeuropea . Il termine "celtico" fu usato per la prima volta per descrivere questo gruppo linguistico da Edward Lhuyd nel 1707. [241]

Le lingue celtiche moderne sono parlate principalmente al confine nord-occidentale dell'Europa, in particolare in Irlanda, Scozia, Galles, Bretagna, Cornovaglia e Isola di Man, e si possono trovare parlate sull'isola di Cape Breton. Ci sono anche un numero considerevole di parlanti gallesi nell'area della Patagonia in Argentina. Alcune persone parlano lingue celtiche nelle altre aree della diaspora celtica degli Stati Uniti, [242] Canada, Australia, [243] e Nuova Zelanda. [244] In tutte queste aree, le lingue celtiche sono ora parlate solo da minoranze sebbene ci siano continui sforzi di rivitalizzazione. Il gallese è l'unica lingua celtica non classificata come "in pericolo" dall'UNESCO.

Durante il I millennio a.C. erano parlati in gran parte dell'Europa, nella penisola iberica, dalle coste dell'Atlantico e del Mare del Nord, fino alla valle del Reno e giù per la valle del Danubio fino al Mar Nero, nella penisola balcanica settentrionale e nell'Asia centrale Minore. La diffusione a Cape Breton e in Patagonia è avvenuta in tempi moderni. Le lingue celtiche, in particolare l'irlandese, erano parlate in Australia prima della federazione nel 1901 e sono ancora utilizzate in una certa misura. [245]

Balto-slavo Modifica

Il gruppo linguistico balto-slavo comprende tradizionalmente le lingue baltiche e slave, appartenenti alla famiglia delle lingue indoeuropee. Le lingue baltiche e slave condividono diversi tratti linguistici che non si trovano in nessun altro ramo indoeuropeo, il che indica un periodo di sviluppo comune. La maggior parte degli indoeuropeisti classifica le lingue baltiche e slave in un unico ramo, anche se alcuni dettagli sulla natura della loro relazione rimangono in discussione [nota 26] in alcuni circoli, di solito a causa di controversie politiche. [246] Alcuni linguisti, tuttavia, hanno recentemente suggerito che il balto-slavo dovrebbe essere diviso in tre nodi equidistanti: Baltico orientale, Baltico occidentale e slavo. [nota 27] [nota 28]

Una lingua proto-balto-slava è ricostruibile con il metodo comparativo, discendente dal proto-indoeuropeo per mezzo di leggi sonore ben definite, e da cui discendono le moderne lingue slave e baltiche. Un dialetto particolarmente innovativo si separò dal continuum dialettale balto-slavo e divenne antenato della lingua proto-slava, da cui discendono tutte le lingue slave. [247]

Balts Modifica

I baltici o popoli baltici (in lituano: baltai, lettone: balti) sono un gruppo etno-linguistico indoeuropeo che parla le lingue baltiche, un ramo della famiglia linguistica indoeuropea, originariamente parlata da tribù che vivevano nell'area ad est della penisola dello Jutland a ovest e ovest di Mosca e del Bacini dei fiumi Oka e Volga a est. Una delle caratteristiche delle lingue baltiche è il numero di caratteristiche conservatrici o arcaiche conservate. [248] Tra i popoli baltici ci sono i moderni lituani, i lettoni (compresi i latgali) – tutti i balti orientali – così come gli antichi prussiani, yotvingi e galindiani – i balti occidentali – i cui popoli sono sopravvissuti, ma le loro lingue e culture sono ora estinte, e sono ora in fase di assimilazione nella comunità baltica orientale. [ vago ]

Slavi Modifica

Gli slavi sono un gruppo etno-linguistico indoeuropeo che vive in Europa centrale, Europa orientale, Europa sud-orientale, Asia settentrionale e Asia centrale, che parlano le lingue slave indoeuropee e condividono, in varia misura, alcuni tratti culturali e contesti storici . Dall'inizio del VI secolo si diffusero per abitare la maggior parte dell'Europa centrale e orientale e dell'Europa sudorientale. Gruppi slavi si spinsero anche fino in Scandinavia, costituendo elementi tra i Vichinghi [249] [nota 29] mentre all'altro estremo geografico, mercenari slavi che combattevano per i Bizantini e gli Arabi si stabilirono in Asia Minore e persino in Siria. [250] In seguito, gli slavi orientali (nello specifico, russi e ucraini) colonizzarono la Siberia [251] e l'Asia centrale. [252] Ogni etnia slava è emigrata in altre parti del mondo. [253] [254] Più della metà del territorio europeo è abitato da comunità di lingua slava. [255]

Nazioni moderne e gruppi etnici chiamati dall'etnonimo slavi sono notevolmente diversi sia geneticamente che culturalmente, e le relazioni tra di loro – anche all'interno degli stessi gruppi etnici stessi – sono molteplici, che vanno dal senso di connessione ai reciproci sentimenti di ostilità. [256]

Lingue balcaniche Modifica

Traci e Daci Modifica

Tracia Modifica

La lingua tracia era la lingua indoeuropea parlata nell'Europa sud-orientale dai Traci, i vicini settentrionali dei Greci. Alcuni autori raggruppano traci e daci in una famiglia linguistica del Baltico meridionale. [257] I Traci abitavano una vasta area nell'Europa sudorientale, [258] comprese parti delle antiche province di Tracia, Mesia, Macedonia, Dacia, Scizia Minore, Sarmazia, Bitinia, Misia, Pannonia e altre regioni dei Balcani e dell'Anatolia . Quest'area si estendeva su gran parte della regione dei Balcani e sui Geti a nord del Danubio fino al di là del Bug e comprendeva la Panonia a ovest. [259]

Le origini dei Traci rimangono oscure, in assenza di documenti storici scritti. La prova dei proto-traci nel periodo preistorico dipende da manufatti della cultura materiale. Leo Klejn identifica i proto-traci con la cultura della ceramica multi-cordone che è stata allontanata dall'Ucraina dall'avanzata della cultura delle tombe in legno. Generalmente si propone che un popolo proto-tracio si sia sviluppato da una miscela di popoli indigeni e indoeuropei dal tempo dell'espansione proto-indoeuropea nella prima età del bronzo [260] quando quest'ultimo, intorno al 1500 a.C., si è mescolato con gli indigeni popoli. [261] Si parla di proto-traci dai quali durante l'età del ferro [262] (circa 1000 a.C.) iniziano a svilupparsi Daci e Traci.

Daci Modifica

I Daci ( / ˈ d eɪ ʃ ən z / latino: Daci, Greco antico: Δάκοι, [263] Δάοι, [263] Δάκαι [264]) erano un popolo indoeuropeo, parte o imparentato con i Traci. I Daci erano gli antichi abitanti della Dacia, situata nell'area intorno ai Carpazi e ad ovest del Mar Nero. Quest'area comprende gli attuali paesi di Romania e Moldova, nonché parti dell'Ucraina, [265] Serbia orientale, Bulgaria settentrionale, Slovacchia, [266] Ungheria e Polonia meridionale. [265]

I Daci parlavano la lingua dacica, che si credeva fosse strettamente imparentata con la Tracia, ma furono in qualche modo influenzati culturalmente dai vicini Sciti e dagli invasori celtici del IV secolo a.C. [web 23] I Daci e i Geti furono sempre considerati Traci dagli antichi (Dio Cassio, Trogo Pompeo, Appiano, Strabone e Plinio il Vecchio), e si diceva che entrambi parlassero la stessa lingua tracia. [267] [268]

Le prove di proto-traci o proto-daci nel periodo preistorico dipendono dai resti della cultura materiale. Generalmente si propone che un popolo proto-dacico o proto-tracio si sia sviluppato da una miscela di popoli indigeni e indoeuropei dal tempo dell'espansione proto-indoeuropea nella prima età del bronzo (3.300-3.000 a.C.) [260] quando quest'ultimo, intorno al 1500 aC, conquistò le popolazioni indigene. [261] Gli indigeni erano agricoltori danubiani, e gli invasori del III millennio a.C. erano pastori-guerrieri Kurgan provenienti dalle steppe ucraine e russe. [269]

L'indoeuropeizzazione fu completata all'inizio dell'età del bronzo. Le persone di quel tempo sono meglio descritte come proto-traci, che in seguito si svilupparono nell'età del ferro in geto-daci danubiano-carpazi e traci della penisola balcanica orientale. [270]

Modifica illirica

Gli Illiri (greco antico: Ἰλλυριοί , Illyrioi Latino: Illyrii o Illyri) erano un gruppo di tribù indoeuropee nell'antichità, che abitavano parte dei Balcani occidentali e le coste sudorientali della penisola italiana (Messapia).[272] Il territorio abitato dagli Illiri venne conosciuto come Illiria dagli autori greci e romani, che identificarono un territorio che corrisponde alla Croazia, Bosnia ed Erzegovina, Slovenia, Montenegro, parte della Serbia e gran parte dell'Albania, tra il mare Adriatico a ovest, il fiume Drava a nord, il fiume Morava a est e la foce del fiume Aoos a sud. [273] Il primo racconto dei popoli illirici viene dal Periplo di Pseudo-Scylax, antico testo greco della metà del IV secolo a.C. che descrive passaggi costieri nel Mediterraneo. [274]

Queste tribù, o almeno un certo numero di tribù considerate "illiriche propriamente detta", di cui solo piccoli frammenti sono attestati abbastanza da classificare come rami di indoeuropeo [275] furono probabilmente estinte dal II secolo d.C. [276]

Il nome "Illiri", come applicato dagli antichi greci ai loro vicini settentrionali, potrebbe essersi riferito a un vasto gruppo di popoli mal definito, e oggi non è chiaro fino a che punto fossero linguisticamente e culturalmente omogenei. Le tribù illiriche non si sono mai considerate collettivamente "illiriche", ed è improbabile che abbiano usato una nomenclatura collettiva per se stesse. [277] Il nome Illiri sembra essere il nome attribuito ad una specifica tribù illirica, la prima ad entrare in contatto con gli antichi greci durante l'età del bronzo, [278] da cui il nome Illiri da applicare a tutte le persone di lingua e costumi simili. [279]

Modifica albanese

albanese (shqip [ʃcip] o gjuha shqipe [ˈɟuha ˈʃcipɛ] , che significa lingua albanese) è una lingua indoeuropea parlata da circa 7,4 milioni di persone, principalmente in Albania, Kosovo, Repubblica di Macedonia e Grecia, ma anche in altre aree dei Balcani in cui è presente una popolazione albanese, tra cui Montenegro e Serbia (Valle di Presevo ). Comunità secolari che parlano dialetti di origine albanese si trovano sparse in Grecia, Italia meridionale, [280] Sicilia e Ucraina. [281] Come risultato di una moderna diaspora, ci sono anche parlanti albanesi altrove in quei paesi e in altre parti del mondo, tra cui Scandinavia, Svizzera, Germania, Austria e Ungheria, Regno Unito, Turchia, Australia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi , Singapore, Brasile, Canada e Stati Uniti.

Il primo documento scritto che menziona la lingua albanese è un rapporto sulla criminalità della fine del XIII secolo proveniente da Dubrovnik. La prima registrazione audio della lingua albanese fu fatta da Norbert Jokl il 4 aprile 1914 a Vienna. [282]

Armeno, greco e frigio Edit

Modifica armena

La lingua armena fu messa per la prima volta per iscritto nel 406 o 407 d.C. quando un sacerdote noto come Mesrop sviluppò un alfabeto armeno.

Ci sono tre punti di vista tra gli studiosi su come i parlanti armeno si siano formati in quella che oggi è l'Armenia. Uno è che sono venuti con i Frigi dall'ovest, o con i Mitanni dall'est, e hanno preso il posto degli Urartiani di lingua non indoeuropea, che in precedenza erano dominanti in questa zona. Un'altra opinione è che il popolo armeno arrivò a parlare una lingua indoeuropea dopo aver parlato originariamente una lingua caucasica. La terza opinione è che l'antenato della lingua armena fosse già parlato nell'area durante il periodo in cui era politicamente dominata prima dagli Ittiti e poi dagli Urartiani. [283]

Una visione minoritaria suggerisce anche che la patria indoeuropea potrebbe essere stata situata nell'altopiano armeno. [284]

Greco ellenico Modifica

L'ellenico è il ramo della famiglia linguistica indoeuropea che comprende le diverse varietà di greco. [286] Nelle classificazioni tradizionali, l'ellenico consiste del solo greco, [287] [288] ma alcuni linguisti raggruppano il greco insieme a varie lingue antiche che si ritiene siano strettamente imparentate o distinguono varietà di greco abbastanza distinte da essere considerate lingue separate. [289] [290]

I proto-greci, che parlavano il predecessore della lingua micenea, sono per lo più collocati nel periodo antico elladico in Grecia (inizio del III millennio a.C. circa 3200 a.C.) verso la fine del Neolitico nell'Europa meridionale. [291] [292] Nel tardo Neolitico, i parlanti di questo dialetto, che sarebbe diventato il proto-greco, migrarono dalla loro patria a nord-est del Mar Nero verso i Balcani e nella penisola greca. L'evoluzione del proto-greco potrebbe essere considerata nel contesto di un primo sprachbund paleo-balcanico che rende difficile delineare i confini esatti tra le singole lingue. [293] La rappresentazione tipicamente greca delle laringi iniziali di parola mediante vocali protetiche è condivisa, da un lato, dalla lingua armena, che sembra condividere anche alcune altre peculiarità fonologiche e morfologiche del greco, questo ha portato alcuni linguisti a proporre una relazione ipoteticamente più stretta tra greco e armeno, anche se le prove rimangono scarse. [294]

Frigia Modifica

I Frigi (gr. Φρύγες, Phrúges o Phrýges) erano un antico popolo indoeuropeo, che stabilì il proprio regno con capitale infine a Gordium. Al momento non è noto se i Frigi siano stati attivamente coinvolti nel crollo della capitale ittita Hattusa o se si siano semplicemente spostati nel vuoto lasciato dal crollo dell'egemonia ittita dopo il crollo della tarda età del bronzo.

La lingua frigia / ˈ f r ɪ dʒ i ə n / era la lingua parlata dai frigi in Asia Minore durante l'antichità classica (ca. dall'VIII secolo a.C. al V secolo d.C.). Il frigio è considerato da alcuni linguisti strettamente imparentato con il greco. [295] [296] La somiglianza di alcune parole frigie con quelle greche fu osservata da Platone nel suo Cratilo (410a). Tuttavia, Eric P. Hamp suggerisce che il frigio fosse imparentato con l'italo-celtico in un ipotetico gruppo "indoeuropeo nordoccidentale". [297]

Secondo Erodoto, i Frigi abitavano inizialmente nei Balcani meridionali sotto il nome di Bryges (Briges), cambiandolo in Phruges dopo la loro migrazione finale in Anatolia, attraverso l'Ellesponto. Sebbene la teoria della migrazione sia ancora difesa da molti storici moderni, la maggior parte degli archeologi ha abbandonato l'ipotesi della migrazione sull'origine dei Frigi a causa della mancanza di prove archeologiche sostanziali, con la teoria della migrazione che si basa solo sui resoconti di Erodoto e Xanto. [298]

Dagli inizi tribali e di villaggio, lo stato della Frigia sorse nell'VIII secolo a.C. con capitale Gordium. Durante questo periodo, i Frigi si estendevano verso est e invasero il regno di Urartu, i discendenti degli Hurriti, un ex rivale degli Ittiti. Nel frattempo, il regno frigio fu sopraffatto dagli invasori cimmeri intorno al 690 a.C., poi brevemente conquistato dalla vicina Lidia, prima che passasse successivamente nell'impero persiano di Ciro il Grande e l'impero di Alessandro e dei suoi successori, fu preso dagli Attalidi di Pergamo , e alla fine divenne parte dell'Impero Romano. L'ultima menzione della lingua frigia nella letteratura risale al V secolo dC ed era probabilmente estinta nel VII secolo. [299]

I popoli indoiranici sono un raggruppamento di gruppi etnici costituito dai popoli indoariani, iraniani, dardi e nuristani, cioè parlanti delle lingue indoiraniane, un ramo importante della famiglia linguistica indoeuropea.

I proto-indo-iraniani sono comunemente identificati con la cultura Sintashta e la successiva cultura di Andronovo all'interno del più ampio orizzonte di Andronovo, e la loro patria con un'area della steppa eurasiatica che confina con il fiume Ural a ovest, il Tian Shan a est.

Gli Indoiranici interagirono con la Cultura Bactria-Margiana, chiamata anche "Complesso Archeologico Bactria-Margiana". Il proto-indo-iraniano è sorto a causa di questa influenza. [300] Anche gli indo-iranici presero in prestito le loro credenze e pratiche religiose distintive da questa cultura. [300]

Le migrazioni indo-iraniane si sono svolte in due ondate. [301] [302] La prima ondata consisteva nella migrazione indo-ariana nel Levante e una migrazione verso sud-est del popolo vedico, oltre l'Hindu Kush nell'India settentrionale. [2] Gli indo-ariani si separarono intorno al 1800–1600 a.C. dagli iraniani, [49] dove, dopo essere stati sconfitti e divisi in due gruppi dagli iraniani, [303] che dominavano la zona della steppa eurasiatica centrale [304] e "inseguì [gli indoariani] fino alle estremità dell'Eurasia centrale". [304] Presumibilmente un gruppo erano gli indo-ariani che fondarono il regno di Mitanni intorno alla Siria settentrionale [305] (c. 1500–1300 a.C.) l'altro gruppo era il popolo vedico. [306] Christopher I. Beckwith suggerisce che i Wusun, un popolo caucasico indoeuropeo dell'Asia interna nell'antichità, fossero anch'essi di origine indoariana. [307]

La seconda ondata è interpretata come l'ondata iraniana, [308] e ha avuto luogo nella terza fase delle migrazioni indoeuropee [2] dall'800 aC in poi.

Sintashta-Petrovka e la cultura di Andronovo Modifica

Cultura Sintashta-Petrovka Modifica

La cultura Sintashta, nota anche come cultura Sintashta-Petrovka [309] o cultura Sintashta-Arkaim, [310] è una cultura archeologica dell'età del bronzo della steppa eurasiatica settentrionale ai confini dell'Europa orientale e dell'Asia centrale, datata al periodo 2100 -1800 a.C. [1] È probabilmente la manifestazione archeologica del gruppo linguistico indoiranico. [311]

La cultura Sintashta è emersa dall'interazione di due culture antecedenti. Il suo immediato predecessore nella steppa degli Urali-Tobol fu la cultura Poltavka, una propaggine dell'orizzonte Yamnaya di pastori di bestiame che si spostò a est nella regione tra il 2800 e il 2600 aC. Diverse città di Sintashta sono state costruite su antichi insediamenti di Poltavka o vicino ai cimiteri di Poltavka e i motivi di Poltavka sono comuni sulle ceramiche di Sintashta. La cultura materiale di Sintashta mostra anche l'influenza della tarda cultura Abashevo, una raccolta di insediamenti di Corded Ware nella zona della steppa forestale a nord della regione di Sintashta che erano anch'essi prevalentemente pastori. [312] Allentoft et al. (2015) hanno anche trovato una stretta relazione genetica autosomica tra i popoli della cultura Corded Ware e la cultura Sintashta. [74]

I primi carri conosciuti sono stati trovati nelle sepolture di Sintashta e la cultura è considerata un forte candidato per l'origine della tecnologia, che si è diffusa in tutto il Vecchio Mondo e ha svolto un ruolo importante nell'antica guerra. [313] Gli insediamenti di Sintashta sono notevoli anche per l'intensità dell'estrazione del rame e della metallurgia del bronzo, cosa insolita per una cultura della steppa. [314]

A causa della difficoltà di identificare i resti dei siti di Sintashta sotto quelli di insediamenti successivi, la cultura è stata distinta solo di recente dalla cultura di Andronovo. [310] Ora è riconosciuto come un'entità separata facente parte dell'“orizzonte di Andronovo”. [309]

Cultura di Andronovo Modifica

La cultura di Andronovo è una raccolta di culture indo-iraniane locali dell'età del bronzo simili che fiorirono c. 1800-900 a.C. nella Siberia occidentale e nella steppa asiatica occidentale. [315] Probabilmente è meglio definito un complesso archeologico o un orizzonte archeologico. Il nome deriva dal villaggio di Andronovo ( 55°53′N 55°42′E  /  55.883°N 55.700°E  / 55.883 55.700 ), dove nel 1914 furono scoperte diverse tombe, con scheletri in posizione accovacciata, interrati con ceramiche riccamente decorate. La più antica cultura di Sintashta (2100-1800), precedentemente inclusa nella cultura di Andronovo, è ora considerata separatamente, ma considerata come il suo predecessore e accettata come parte del più ampio orizzonte di Andronovo. Sono state distinte almeno quattro sottoculture dell'orizzonte di Andronovo, durante le quali la cultura si espande verso sud e verso est:

  • Sintashta-Petrovka-Arkaim (Urali meridionali, Kazakistan settentrionale, 2200–1600 a.C.)
    • la fortificazione di Sintashta di ca. 1800 a.C. nell'oblast' di Chelyabinsk
    • l'insediamento fortificato di Petrovka in Kazakistan
    • il vicino insediamento di Arkaim del XVII secolo
    • Alekseyevka (1300-1100 aC "Bronzo finale") nel Kazakistan orientale, contatti con Namazga VI in Turkmenia nel sud dell'Oblast di Tyumen
      -Vakhsh (1000-800 a.C.)
  • L'estensione geografica della cultura è vasta e difficile da delineare esattamente. Ai suoi margini occidentali, si sovrappone alla cultura approssimativamente contemporanea, ma distinta, di Srubna nell'interfluviale Volga-Ural. A est, raggiunge la depressione di Minusinsk, con alcuni siti a ovest fino ai monti Urali meridionali, [318] che si sovrappongono all'area della precedente cultura di Afanasevo. [319] Altri siti sono sparsi a sud fino al Koppet Dag (Turkmenistan), al Pamir (Tagikistan) e al Tian Shan (Kirghizistan). Il confine settentrionale corrisponde vagamente all'inizio della Taiga. [318] Nel bacino del Volga, l'interazione con la cultura di Srubna fu la più intensa e prolungata, e la ceramica in stile Federovo si trova fino a Volgograd ad ovest.

    La maggior parte dei ricercatori associa l'orizzonte di Andronovo con le prime lingue indoiraniche, sebbene possa essersi sovrapposto all'area di lingua uralica primitiva alla sua frangia settentrionale. Secondo Narasimhan et al. (2018), l'espansione della cultura di Andronovo verso il BMAC è avvenuta attraverso il corridoio montano dell'Asia interna. [14]

    Cultura Bactria-Margiana Modifica

    La Cultura Bactria-Margiana, detta anche "Complesso Archeologico Bactria-Margiana" (BMAC), fu una cultura non indoeuropea che influenzò i gruppi indoeuropei della seconda fase delle migrazioni indoeuropee. [300] Era centrato in quello che oggi è l'Afghanistan nordoccidentale e il Turkmenistan meridionale, [300] e aveva un'elaborata rete commerciale che si estendeva fino alla civiltà dell'Indo, all'altopiano iraniano e al Golfo Persico. [320] I ritrovamenti all'interno dei siti BMAC includono un sigillo cilindrico di tipo elamita e un sigillo harappano stampato con un elefante e una scrittura dell'Indo trovati a Gonur-depe. [321]

    Il proto-indo-iraniano è sorto a causa di questa influenza BMAC. [300] Anche gli indo-iranici presero in prestito le loro credenze e pratiche religiose distintive da questa cultura. [300] Secondo Anthony, l'antica religione indiana emerse probabilmente tra gli immigranti indoeuropei nella zona di contatto tra il fiume Zeravshan (l'attuale Uzbekistan) e l' (attuale) Iran. [322] Era "una miscela sincretica di vecchi elementi dell'Asia centrale e nuovi elementi indoeuropei", [322] che prendeva in prestito "credenze e pratiche religiose distintive" [300] dalla cultura Battria-Margiana. [300] Almeno 383 parole non indoeuropee furono prese in prestito da questa cultura, incluso il dio Indra e la bevanda rituale Soma. [323]

    Migrazioni indo-ariane Modifica

    Siria: Mitanni Modifica

    Mitanni (cuneiforme ittita KUR URU Mi-ta-an-ni), anche Mittani (Mi-it-ta-ni) o Hanigalbat (Assiro Hanigalbat, Khanigalbat cuneiforme a-ni-gal-bat) o Naharin negli antichi testi egizi era uno stato di lingua hurrita (non indoeuropea) nel nord della Siria e nel sud-est dell'Anatolia dal c. 1500–1300 a.C. Fondata da una classe dirigente indo-ariana che governava una popolazione prevalentemente hurrita, Mitanni divenne una potenza regionale dopo la distruzione ittita di Babilonia [324] e una serie di inefficaci re assiri crearono un vuoto di potere in Mesopotamia.

    All'inizio della sua storia, il principale rivale di Mitanni era l'Egitto sotto i Thutmosidi. Tuttavia, con l'ascesa dell'impero ittita, Mitanni ed Egitto si allearono per proteggere i loro reciproci interessi dalla minaccia della dominazione ittita. Al culmine del suo potere, durante il XIV secolo a.C., Mitanni aveva avamposti centrati attorno alla sua capitale, Washukanni, la cui posizione è stata determinata dagli archeologi sulle sorgenti del fiume Khabur. Alla fine, Mitanni cedette agli attacchi ittiti e poi assiri e fu ridotta allo status di provincia dell'Impero Medio assiro.

    La loro sfera di influenza è mostrata nei toponimi hurriti, nei nomi di persona e nella diffusione attraverso la Siria e il Levante di un distinto tipo di ceramica.

    India: Indo-ariani Modifica

    La ricerca sulle migrazioni indoariane è iniziata con lo studio del Rig Veda a metà del XIX secolo da Max Muller, e gradualmente si è evoluta da una teoria di un'invasione su larga scala di un popolo razzialmente e tecnologicamente superiore ad essere una lenta diffusione di un piccolo numero di nomadi che ha avuto un impatto sociale sproporzionato su una grande popolazione urbana. Le rivendicazioni contemporanee sulle migrazioni indoariane sono tratte da fonti linguistiche, archeologiche, letterarie e culturali.

    Le migrazioni indoariane hanno coinvolto un certo numero di tribù, che potrebbero essersi infiltrate nel nord dell'India in una serie di "onde" migratorie. Le culture archeologiche identificate con le fasi della cultura indo-ariana includono la cultura della ceramica color ocra, la cultura della tomba di Gandhara, la cultura della ceramica nera e rossa e la cultura della ceramica grigia dipinta. [326]

    Parpola postula una prima ondata di immigrazione già nel 1900 a.C., corrispondente alla cultura del cimitero H e alla cultura del tesoro di rame, c.q. Cultura della ceramica color ocra e immigrazione nel Punjab ca. 1700–1400 a.C. [302] [327] Secondo Kochhar ci furono tre ondate di immigrazione indoariana che si verificarono dopo la fase matura Harappa: [328]

    1. le persone legate al "Murghamu" (Cultura Bactria-Margiana) che entrarono nel Balochistan a Pirak, nel cimitero meridionale di Mehrgarh e in altri luoghi, e in seguito si fusero con gli Harappans post-urbani durante la tarda fase Harappans Jhukar (2000–1800 a.C.)
    2. lo Swat IV che ha co-fondato la fase H del cimitero di Harappan nel Punjab (2000–1800 a.C.)
    3. e gli indoariani rigvedici di Swat V che in seguito assorbono il popolo del cimitero H e danno origine alla cultura della ceramica grigia dipinta (PGW) (fino al 1400 a.C.).

    Gli indoariani vedici iniziarono a migrare nell'India nordoccidentale intorno al 1500 a.C., come una lenta diffusione durante il periodo tardo harappano, stabilendo la religione vedica durante il periodo vedico (c. 1500-500 a.C.).La cultura associata era inizialmente una società tribale e pastorale centrata nelle parti nord-occidentali del subcontinente indiano che si diffuse dopo il 1200 a.C. nella pianura del Gange, poiché fu modellata dall'aumento dell'agricoltura stanziale, una gerarchia di quattro classi sociali e l'emergere di monarchie , politiche a livello statale. [329] [330]

    La fine del periodo vedico ha visto l'ascesa di grandi stati urbanizzati e di movimenti shramana (compresi il giainismo e il buddismo) che si sono opposti e sfidato l'ortodossia vedica in espansione. [331] Intorno all'inizio dell'era volgare, la tradizione vedica formò uno dei principali costituenti della cosiddetta "sintesi indù" [332]

    Asia interna: Wusun Modifica

    Secondo Christopher I. Beckwith i Wusun, un popolo caucasico indoeuropeo dell'Asia interna nell'antichità, erano anche di origine indoariana. [333] Dal termine cinese Wusun, Beckwith ricostruisce l'antico cinese *âswin, che paragona all'antico indo-ariano aśvin "i cavalieri", nome delle divinità equestri gemelle rigvediche. [333] Beckwith suggerisce che i Wusun fossero un residuo orientale degli indoariani, che erano stati improvvisamente spinti alle estremità della steppa eurasiatica dai popoli iraniani nel II millennio a.C. [334]

    I Wusun sono menzionati per la prima volta da fonti cinesi come vassalli nel bacino del Tarim degli Yuezhi, [335] un altro popolo caucasico indoeuropeo di probabile stirpe tocariana. [43] [336] Intorno al 175 a.C., gli Yuezhi furono completamente sconfitti dagli Xiongnu, anch'essi ex vassalli degli Yuezhi. [336] [337] Successivamente gli Yuezhi attaccarono i Wusun e uccisero il loro re (cinese Kunmo: 昆彌 o cinese Kunmi: 昆莫) Nandoumi (cinese: 難兜靡), catturando la valle di Ili dai Saka (sciti) poco dopo . [337] In cambio i Wusun si stabilirono negli ex territori degli Yuezhi come vassalli degli Xiongnu. [337] [338]

    Il figlio di Nandoumi fu adottato dal re Xiongnu e nominato capo dei Wusun. [338] Intorno al 130 a.C. attaccò e sconfisse completamente gli Yuezhi, insediando i Wusun nella valle di Ili. [338]

    Dopo che gli Yuezhi furono sconfitti dagli Xiongnu, nel II secolo a.C., un piccolo gruppo, noto come il Piccolo Yuezhi, fuggì a sud, mentre la maggioranza emigrò a ovest nella valle di Ili, dove spodestò i Saka (Sciti). Spinti dalla Valle dell'Ili poco dopo dai Wusun, gli Yuezhi migrarono a Sogdia e poi in Bactria, dove sono spesso identificati con i Tokhárioi (Τοχάριοι) e Asioi delle fonti classiche. Si espansero poi nell'Asia meridionale settentrionale, dove un ramo degli Yuezhi fondò l'Impero Kushan. L'impero Kushan si estendeva da Turfan nel bacino del Tarim fino a Pataliputra nella pianura del Gange nella sua massima estensione, e svolse un ruolo importante nello sviluppo della Via della Seta e nella trasmissione del Buddismo in Cina.

    Poco dopo il 130 a.C. i Wusun divennero indipendenti dagli Xiongnu, diventando per secoli vassalli fidati della dinastia Han e potenti forze nella regione. [338] Con le emergenti federazioni della steppa dei Rouran, i Wusun migrarono nelle montagne del Pamir nel V secolo d.C. [337] Sono menzionati per l'ultima volta nel 938 quando un capo Wusun pagò un tributo alla dinastia Liao. [337]

    Mesopotamia – Cassites Modifica

    La lingua cassita non era indoeuropea. Tuttavia, l'apparizione dei Cassiti in Mesopotamia nel XVIII secolo a.C. è stata collegata all'espansione indoeuropea contemporanea nella regione dell'epoca. [339] [web24] [340]

    I Cassiti ottennero il controllo di Babilonia dopo il sacco ittita della città nel 1595 a.C. (cioè 1531 a.C. secondo la breve cronologia) e fondarono una dinastia con sede a Dur-Kurigalzu. [web 25] [web 26] [web 27] I Cassiti erano membri di una piccola aristocrazia militare ma erano governanti efficienti e non impopolari a livello locale. [web 25] Il cavallo, adorato dai Cassiti, venne usato per la prima volta in Babilonia in questo periodo. [web 25] I Cassiti erano politeisti e sono noti i nomi di circa 30 dei. [web27]

    La lingua cassita non è stata classificata. [web 27] Le relazioni genetiche della lingua cassita non sono chiare, sebbene sia generalmente accettato che non fosse una relazione semitica con l'elamita è dubbia. È stata suggerita una relazione o appartenenza alla famiglia hurro-urartiana, [341] probabilmente correlata ad essa, [341] sulla base di un numero di parole. Tuttavia, diversi leader cassiti portavano nomi indoeuropei, [web 28] e i cassiti adoravano diversi dei indo-ariani, [342] [343] suggerendo che i cassiti erano sotto una significativa influenza indoeuropea. [342] [343] Il regno dei Cassiti pose le basi essenziali per lo sviluppo della successiva cultura babilonese. [web27]

    Iraniani Modifica

    Altopiano iraniano Modifica

    I popoli iraniani [nota 30] (noti anche come popoli iraniani) sono un gruppo etno-linguistico indoeuropeo che comprende i parlanti di lingue iraniane. [344] Le loro aree storiche di insediamento erano sull'altopiano iraniano (principalmente Iran, Azerbaigian e Afghanistan) e in alcune aree limitrofe dell'Asia (come parti del Caucaso, Turchia orientale, Siria nordorientale, Uzbekistan, Tagikistan, Bahrain, Oman, Iraq, Pakistan nordoccidentale e occidentale) che riflette il mutamento della gamma geopolitica degli imperi persiani e della storia iraniana. [345] [346]

    I Medi, i Parti e i Persiani iniziano ad apparire sull'altopiano iraniano occidentale dal c. 800 aC, dopo di che rimasero sotto il dominio assiro per diversi secoli, come fu con il resto dei popoli del Vicino Oriente. Gli Achemenidi sostituirono il dominio mediano dal 559 a.C. Intorno al primo millennio d.C., i Kamboja, i Pashtun e i Baloch iniziarono a stabilirsi sul bordo orientale dell'altopiano iraniano, sulla frontiera montuosa del Pakistan nordoccidentale e occidentale, spostando i primi indoariani dall'area.

    La loro attuale distribuzione si estende attraverso l'altopiano iraniano e si estende dal Caucaso a nord al Golfo Persico a sud, e dal fiume Indo a est alla Turchia orientale a ovest - una regione che a volte viene chiamata "la regione culturale iraniana continente", o Grande Iran da alcuni studiosi, e rappresenta l'estensione delle lingue iraniane e l'influenza significativa dei popoli iraniani, attraverso la portata geopolitica dell'impero iraniano. [347]

    Gli iraniani comprendono gli attuali persiani, luri, osseti, curdi, pashtun, beluci, tagiki e i loro sottogruppi degli storici Medi, Massageti, Sarmati, Sciti, Parti, Alani, Battriani, Soghdiani e altri popoli dell'Asia centrale, i Caucaso e l'altopiano iraniano. Un altro possibile gruppo sono i cimmeri che si suppone siano per lo più imparentati con gruppi di lingua iraniana o tracia, o almeno che siano stati governati da un'élite iraniana.

    Sciti Modifica

    I primi iraniani a raggiungere il Mar Nero potrebbero essere stati i Cimmeri nell'VIII secolo a.C., sebbene la loro affiliazione linguistica sia incerta. Furono seguiti dagli Sciti, che avrebbero dominato l'area, al loro apice, dai Monti Carpazi a ovest, alle frange più orientali dell'Asia centrale a est, compreso il regno indo-scitico in India. Per la maggior parte della loro esistenza, erano basati in quella che è l'odierna Ucraina e la Russia dell'Europa meridionale.

    Tribù Sarmati, di cui i più noti sono i Roxolani (Rhoxolani), Iazyges (Jazyges) e Alani (Alans), seguirono gli Sciti verso ovest in Europa alla fine dei secoli a.C. e nei secoli I e II dell'era volgare (The Age delle migrazioni). La popolosa tribù sarmata dei Massageti, che abitava vicino al Mar Caspio, era nota ai primi governanti della Persia nel periodo achemenide. Ad est, i Saka occuparono diverse aree dello Xinjiang, da Khotan a Tumshuq.

    Declino in Asia centrale Modifica

    In Asia centrale, le lingue turche hanno emarginato le lingue iraniane a causa dell'espansione turca dei primi secoli d.C. Nell'Europa orientale, i popoli slavi e germanici assimilarono e assorbirono le lingue iraniane native (scita e sarmata) della regione. Le principali lingue iraniane esistenti sono il persiano, il pashtu, il curdo e il balochi, oltre a numerose altre minori.

    Paradigma di continuità del Paleolitico Modifica

    Il "Paleolitico Continuità Paradigma" è un'ipotesi che suggerisce che la lingua proto-indoeuropea (PIE) può essere fatta risalire al Paleolitico superiore, diversi millenni prima del Calcolitico o al più neolitico stime in altri scenari di Proto-Indo- origini europee. I suoi principali sostenitori sono Marcel Otte, Alexander Häusler e Mario Alinei.

    Il PCT postula che l'avvento delle lingue indoeuropee dovrebbe essere legato all'arrivo dell'Homo sapiens in Europa e in Asia dall'Africa nel Paleolitico superiore. [web 29] Impiegando la "periodizzazione lessicale", Alinei arriva a una linea temporale più profonda persino di quella dell'ipotesi anatolica di Colin Renfrew. [nota 31] [web 29]

    Dal 2004 si è tenuto online un gruppo di lavoro informale di studiosi che sostengono l'ipotesi della continuità paleolitica. [web 30] Oltre allo stesso Alinei, i suoi membri principali (denominati "Comitato Scientifico" nel sito web) sono i linguisti Xaverio Ballester (Università di Valencia) e Francesco Benozzo (Università di Bologna). Sono inclusi anche il preistorico Marcel Otte (Université de Liège) e l'antropologo Henry Harpending (University of Utah). [Web 29]

    Non è elencato da Mallory tra le proposte per le origini delle lingue indoeuropee che sono ampiamente discusse e ritenute credibili all'interno del mondo accademico. [348]

    Origini indiane Modifica

    La nozione di "ariani indigeni" postula che i parlanti di lingue indoariane siano "indigeni" del subcontinente indiano. Studiosi come Jim G. Shaffer e B. B. Lal notano l'assenza di resti archeologici di una "conquista" ariana e l'alto grado di continuità fisica tra la società harappana e quella post-harappana. [web 31] Supportano la controversa ipotesi [web 31] che la civiltà indo-ariana non sia stata introdotta dalle migrazioni ariane, ma abbia avuto origine nell'India pre-vedica. [web 31]

    Negli ultimi anni, il concetto di "ariani indigeni" è stato sempre più confuso con un'origine "fuori dall'India" della famiglia linguistica indoeuropea. Ciò contrasta con il modello di migrazione indo-ariana che postula che le tribù indo-ariane siano migrate in India dall'Asia centrale. Alcuni sostengono inoltre che tutte le lingue indoeuropee siano originarie dell'India. [nota 32] Il supporto per la teoria Out of India IAT esiste principalmente tra un sottoinsieme di studiosi indiani, [325] [350] [351] [352] [353] che svolgono un ruolo significativo nella politica dell'Hindutva, [354] [355] [356] [web 32] [web 33] ma non ha alcuna rilevanza, per non parlare del supporto, nella borsa di studio tradizionale. [nota 33]

    1. ^ unB David Anthony: "Il germanico mostra una mescolanza di tratti arcaici e derivati ​​che rendono incerto il suo posto, potrebbe essersi diramato all'incirca nello stesso periodo della radice di italico e celtico [ma] condivideva anche molti tratti con pre-baltico e pre- Slavo." [25] Il proto-germanico risale al c. 500 aC. [26]
    2. ^ Secondo Gimbutas, questi gruppi indigeni sono esistiti per quasi tre millenni (c. 6500-3500 a.C., durante il Neolitico, il Calcolitico e il Rame), costituiti in particolare da Narva, Funnelbeaker, Ceramica lineare, Ceramica Cardium, Vinča, primo Elladico, Minoico culture ecc. Come "troncamento" di queste culture Gimbutas percepì (1) le "brusche assenze" di alcune tradizioni dell'urbanistica, della ceramica e delle arti visive, nonché in "simboli e scritture", nonché (2) "l'altrettanto brusca comparsa di armi da spinta e cavalli che si infiltravano nella valle del Danubio e in altre importanti praterie dei Balcani e dell'Europa centrale", avviando "un cambiamento drammatico nella preistoria dell'Europa, un cambiamento nella struttura sociale e nei modelli di residenza, nell'arte e nella religione" che doveva essere "un fattore decisivo nella formazione degli ultimi 5.000 anni dell'Europa".
    3. ^vecchi europei erano sedentari-orticoltori, vivevano in "grandi agglomerati" - probabilmente facenti parte di monarchie teocratiche presiedute da una regina-sacerdotessa - e avevano un'ideologia che "si concentrava sugli aspetti eterni di nascita, morte e rigenerazione, simboleggiati dal principio femminile, una madre creatrice" seppellivano i loro morti in tombe megalitiche comunali ed erano generalmente pacifici.
    4. ^ David Anthony (1995): "Il cambiamento linguistico può essere compreso meglio come una strategia sociale attraverso la quale individui e gruppi competono per posizioni di prestigio, potere e sicurezza interna [.] Ciò che è importante, quindi, non è solo il dominio, ma il sociale verticale mobilità e un collegamento tra la lingua e l'accesso a posizioni di prestigio e potere [.] Una popolazione d'élite immigrata relativamente piccola può incoraggiare un diffuso cambiamento linguistico tra indigeni numericamente dominanti in un contesto non statale o pre-statale se l'élite impiega una combinazione specifica di incoraggiamenti e punizioni. Casi etnostorici [. ] dimostrano che piccoli gruppi di élite hanno imposto con successo le loro lingue in situazioni non statali." [66]
    5. ^ Notare la dislocazione della civiltà della valle dell'Indo prima dell'inizio delle migrazioni indoariane nell'India settentrionale e l'inizio della sanscritizzazione con l'ascesa del regno di Kuru, come descritto da Michael Witzel. [71] Gli "indiani ancestrali del nord" e gli "indiani ancestrali del sud" [web 9][72] si mescolarono tra 4.200 e 1.900 anni fa (2200 a.C. - 100 d.C.), dove dopo un passaggio all'endogamia ebbe luogo. [73]
    6. ^ Demkin et al. (2017): "Nel secondo millennio a.C., l'umidificazione del clima ha portato alla divergenza della copertura del suolo con formazione secondaria dei complessi di suoli castani e solonezze. Questa crisi paleoecologica ha avuto un effetto significativo sull'economia delle tribù nel La tarda catacomba e il periodo post-catacombale stabiliscono la loro maggiore mobilità e il passaggio all'allevamento nomade del bestiame." [77]
    7. ^ Vedi anche il blog di Eurogenes, La crisi.
    8. ^ Mallory: "La soluzione Kurgan è attraente ed è stata accettata da molti archeologi e linguisti, in parte o totalmente. È la soluzione che si incontra nel Enciclopedia Britannica e il Grand Dictionnaire Encyclopédique Larousse." [81]
      Strazny: "L'unica proposta più popolare sono le steppe del Ponto (vedi l'ipotesi Kurgan) [. ]" [82]
    9. ^ Piazza e Cavalli-Sforza: ". se le espansioni iniziarono a 9.500 anni fa dall'Anatolia e a 6.000 anni fa dalla regione di cultura Yamnaya, allora trascorsero un periodo di 3.500 anni durante la loro migrazione verso la regione del Volga-Don dall'Anatolia, probabilmente attraverso nei Balcani. Lì si sviluppò una cultura completamente nuova, per lo più pastorale, sotto lo stimolo di un ambiente sfavorevole all'agricoltura standard, ma che offriva nuove possibilità attraenti. La nostra ipotesi è, quindi, che le lingue indoeuropee derivino da un'espansione secondaria dalla regione di cultura Yamnaya dopo il Neolitico coloni, forse provenienti dall'Anatolia e ivi stanziati, sviluppando il nomadismo pastorale.[88]
    10. ^ Wells: ". mentre vediamo sostanziali prove genetiche e archeologiche per una migrazione indoeuropea originaria delle steppe russe meridionali, ci sono poche prove per una migrazione indoeuropea altrettanto massiccia dal Medio Oriente all'Europa. Una possibilità è che, come una migrazione molto precedente (8.000 anni, contro 4.000), i segnali genetici trasmessi dagli agricoltori di lingua indoeuropea potrebbero essersi semplicemente dispersi nel corso degli anni. alcuni prove genetiche per la migrazione dal Medio Oriente, come hanno mostrato Cavalli-Sforza e i suoi colleghi, ma il segnale non è abbastanza forte per noi per tracciare la distribuzione delle lingue neolitiche in tutta l'Europa di lingua indoeuropea." [89]
    11. ^ Jones et al. (2016) notano inoltre che "i cacciatori-raccoglitori del Caucaso (CHG) appartengono a un distinto clade antico che si è diviso dai cacciatori-raccoglitori occidentali

    45 kya, poco dopo l'espansione degli umani anatomicamente moderni in Europa e dagli antenati dei contadini neolitici

    3.000 a.C., a sostegno di un'influenza formativa del Caucaso su questa importante cultura dell'antica età del bronzo. Il CHG ha lasciato la sua impronta sulle popolazioni moderne del Caucaso e anche dell'Asia centrale e meridionale, forse segnando l'arrivo delle lingue indoariane." [94] [nota 11] Secondo Lazaridis et al. (2016), "una popolazione legata al persone dell'Iran Calcolitico hanno contribuito

    • Per quello che erano. noi siamo (2016) Antichi genomi del Neolitico dell'Asia occidentale
    • Stephanie Dutchen (2014), Nuovo ramo aggiunto all'albero genealogico europeo. L'analisi genetica rivela che gli europei discendono da almeno tre gruppi antichi
    • Blog di antropologia di Dieneke, Asiatico occidentale in carne e ossa (cacciatori-raccoglitori dalla Georgia) (Jones et al. 2016)
    • Per quello che erano. siamo (2016), Genomi del Caucaso e dei cacciatori-raccoglitori svizzeri.
    • Haak et al. (2015) affermano che "l'ipotesi dell'altopiano armeno guadagna in plausibilità" data l'ascendenza del Vicino Oriente a Yamnaya, ma affermano anche che "la questione di quali lingue fossero parlate" dagli ancestrali cacciatori-raccoglitori delle steppe e dagli antenati meridionali "rimane aperta. " [101][nota 13]
    • Secondo Damgaard et al. (2018), tra il 5.000 e il 3.000 a.C., durante l'Età del Rame, ci fu "un ampio contatto di popolazione tra il Caucaso e la steppa", [34] L'ascendenza tipica della steppa probabilmente si sviluppò durante questo periodo. [34] Damgaard et al. (2018) notano che "non possono a questo punto rifiutare uno scenario in cui l'introduzione delle lingue IE anatoliche in Anatolia è stata accoppiata con la mescolanza derivata dal CHG prima del 3700 a.C.", ma affermano anche che "questo è contrario alla visione standard che Torta sorse nella steppa a nord del Caucaso e che l'ascendenza CHG è anche associata a diversi gruppi non di lingua IE, storici e attuali." [34] , in un'intervista con Der Spiegel nel maggio 2018, ha affermato che la cultura Yamnaya potrebbe aver avuto un predecessore nel Caucaso, dove si parlava "proto-proto-indoeuropeo". [99] Nel 2020 ha sostenuto che la cultura Maykop potrebbe essere stata la portatrice del pre-Torta. [100] ha ripetutamente suggerito la possibilità di un'origine caucasica della Torta arcaica, [39][40] ma non esclude la possibilità di un'origine steppica delle lingue anatoliche. [102][sottonota 2] Secondo Reich, tra il 5.000 e il 3.000 a.C. i portatori di CHG, persone imparentate con armeni e iraniani, migrarono dal sud alle steppe e incontrarono cacciatori-raccoglitori dell'Europa orientale locali (popoli EHG). [103]
    • Wang et al. (2018) notano che il Caucaso servì da corridoio per il flusso genico tra la steppa e le culture a sud del Caucaso durante l'eneolitico e l'età del bronzo, affermando che questo "apre la possibilità di una patria di Torta a sud del Caucaso". Tuttavia, Wang et al. riconoscono anche che le ultime prove genetiche supportano un'origine dei proto-indoeuropei nella steppa. [104][sottonota 3]

    L'"ipotesi Sogdiana" di Johanna Nichols colloca la patria nel IV o V millennio aC ad est del Mar Caspio, nell'area dell'antica Bactria-Sogdiana. [109] [110] Da lì, Torta si estese a nord fino alle steppe ea sud-ovest verso l'Anatolia. [111] Nichols alla fine respinse la sua teoria, trovandola incompatibile con i dati linguistici e archeologici. [111]

    Seguendo la proposta iniziale di Nichols, Kozintsev ha sostenuto una patria indo-uralica a est del Mar Caspio. [112] Da questa patria, gli oratori di Torta indo-uralici migrarono a sud-ovest e si divisero nel Caucaso meridionale, formando le lingue anatoliche e steppiche nelle loro rispettive posizioni. [112]


    Gli archeologi scoprono una città illirica perduta da tempo "scambiata per rocce naturali" in Albania - Storia

    Dichiarazione di moda medievale

    Chi è venuto in America per primo?

    Bestiame per l'aldilà

    Esecuzione di pistole ai ribelli irlandesi

    Diagnosi di antica malattia

    Le misteriose sepolture infantili del Perù

    Riepilogo del mondo

    L'arco più antico d'Europa, pecore e capre addomesticate nella Grotta del Leopardo in Namibia, come i cambiamenti climatici hanno alimentato le invasioni di Gengis Khan e scambiando le corrispondenze per oggetti fallici rituali

    Lettera dall'India

    Alla ricerca di un nuovo approccio allo sviluppo, al turismo e alle esigenze locali nella grande città medievale di Hampi

    Artefatto

    I bicchieri di ceramica erano i recipienti preferiti per la cosiddetta "bibita nera" utilizzata a Cahokia dai nativi americani nei loro rituali di purificazione

    CARATTERISTICHE

    Le 10 migliori scoperte del 2012

    La nuova storia di Mohenjo-Daro

    Il cuore remoto dell'Europa neolitica

    Il Tempio dell'Acqua di Inca-Caranqui

    Porta per gli inferi

    DIPARTIMENTI

    Dalle trincee

    La riabilitazione di Riccardo III

    Riparare antichi mal di denti

    Fasci di neutroni e pallini di piombo

    Riportare indietro l'orologio umano

    Riepilogo del mondo

    Il municipio di San Francisco devastato dal terremoto portato alla luce, le acque alluvionali di Dakar rivelano manufatti neolitici, la fonte dei blocchi di arenaria di Angkor Wat

    Lettera dalla Francia

    Quasi 20 anni di indagini in due rifugi rocciosi nel sud-ovest della Francia rivelano gli spazi domestici ben organizzati dei primi esseri umani moderni d'Europa

    Artefatto

    Un tridente della metà del XIX secolo illustra un ecosistema marino in cambiamento nel Pacifico meridionale

    CARATTERISTICHE

    Metropolitana di Monaco

    Pirati dell'originale Canale di Panama

    Isola dell'archeologia

    Un sacrificio sbalorditivo

    Storia di un soldato

    DIPARTIMENTI

    Dalle trincee

    Salvare il Noble Bog dell'Irlanda del Nord

    Messa di cozze nel lago Ontario

    Decostruire una statuina zapoteca

    Lascia scivolare i piccioni della guerra

    Sepolture e ricostruzioni nell'antico Pakistan

    Vita (secondo i microbi intestinali)

    Un cocktail party preistorico

    Riepilogo del mondo

    Correggendo il record su Tycho Brahe, un labirinto lungo 2,5 miglia tra le linee di Nazca del Perù, Ramesse III potrebbe essere stato vittima di una "cospirazione dell'harem" e l'India nordoccidentale è stata identificata come il luogo di nascita dei rom

    Lettera dalla Cambogia

    Una disputa territoriale che coinvolge un tempio Khmer di 1.100 anni al confine tra Thailandia e Cambogia diventa violenta

    Artefatto

    Analisi scientifiche e archeologia sperimentale determinano che misteriose palline di argilla di 1.000 anni trovate in un sito dello Yucatán sono state utilizzate in cucina

    CARATTERISTICHE

    Dentro la Città Proibita di Hanoi

    Alla scoperta di una regina guerriera Maya

    Sulle tracce dei Mimbres

    Ritrovo degli uomini della Resurrezione

    Hunley decodificato

    I re del Kent

    DIPARTIMENTI

    Dalle trincee

    Gli ingegneri arcaici hanno lavorato su una scadenza

    Una piramide adatta per un visir

    Un batterio killer espande la sua eredità

    Ave al Bождь (capo)

    Dal blu egiziano all'infrarosso

    Riepilogo del mondo

    Un sorprendente cannone a Central Park, bufali hawaiani sott'acqua, i primi sciamani dell'antica Panama e curry di 4.400 anni fa in India

    Lettera dalla Turchia

    Gli archeologi conducono la prima indagine in assoluto sul leggendario campo di battaglia della prima guerra mondiale a Gallipoli

    Artefatto

    Le figurine di ceramica facevano parte di un deposito di oggetti trovati in un tempio dell'età del ferro scoperto nel sito di Tel Motza fuori Gerusalemme

    CARATTERISTICHE

    I Primi Vichinghi

    Piramidi in miniatura del Sudan

    Il sale e la città

    Ritiro Mortale

    Tombe Perdute

    Un futuro per le icone del passato

    DIPARTIMENTI

    Dalle trincee

    Scoperta agghiacciante a Jamestown

    Semi dell'albero genealogico d'Europa

    Il "padre della storia" si è sbagliato?

    Apollo ritorna dall'abisso

    Con stile nell'età della pietra

    Portali per gli Inferi

    Riepilogo del mondo

    La prima prova di pentole in Giappone, i primi agricoltori indonesiani, una moneta cinese di 600 anni trovata su un'isola del Kenya e come El Niño ha afflitto il popolo Moche del Sud America

    Lettera dalla Cina

    Il saccheggio ha attraversato i secoli e gli strati economici della Cina moderna

    Artefatto

    Una meridiana in pietra calcarea del XIII secolo è uno dei primi dispositivi di cronometraggio scoperti in Egitto

    CARATTERISTICHE

    La città eterna

    Riti invernali del lupo

    Una vita estrema

    Campo di battaglia: 1814

    Tomba del Signore Avvoltoio

    DIPARTIMENTI

    Dalle trincee

    Nessun cambiamento nella Savannah

    Piccola schermaglia nella guerra per la libertà

    Setacciando Molehills

    Offerte di animali degli Aztechi

    La storia ebraica perduta della Spagna

    Sansone e la Porta di Gaza

    Riepilogo del mondo

    Un birrificio dell'Ohio si cimenta con la birra sumera, gli archeologi inglesi espongono uno dei tunnel ferroviari più antichi del mondo, i sedimenti del Lago Malawi contraddicono un passato "inverno vulcanico" e le prove più antiche di esseri umani che mangiano costantemente carne

    Lettera dalla Norvegia

    La corsa per trovare e salvare antichi manufatti che emergono dai ghiacciai e dalle distese di ghiaccio in un mondo che si sta riscaldando

    Artefatto

    Una tavoletta con un invito a una festa di compleanno include la prima scrittura latina scritta da una donna


    6. L'antica civiltà greca

    Nome della civiltà: civiltà greca
    Periodo: 2700 aC-479 aC
    Luogo originale: Italia, Sicilia, Nord Africa e ad ovest fino alla Francia
    Posizione attuale: Grecia
    Principali punti salienti: Concetti di democrazia e Senato, le Olimpiadi

    Gli antichi greci potrebbero non essere stati la civiltà più antica, ma sono senza dubbio una delle più influenti. Anche se l'ascesa dell'antica Grecia proveniva dalle civiltà cicladiche e minoiche (2700 a.C.-1500 a.C.), ci sono prove di sepolture nella grotta di Franchthi ad Argolide, in Grecia, risalenti al 7250 a.C. circa. La storia di questa civiltà si sviluppa in un arco di tempo così lungo che gli storici l'hanno suddivisa in diversi periodi, i più popolari dei quali sono i periodi arcaico, classico ed ellenistico. Questi periodi hanno visto un certo numero di antichi greci venire alla ribalta, molti dei quali hanno cambiato il mondo per sempre e se ne parla ancora oggi.

    Tra l'altro, i greci inventarono le antiche Olimpiadi e formarono il concetto di democrazia e Senato. Hanno gettato le basi per la moderna geometria, biologia e fisica. Pitagora, Archimede, Socrate, Euclide, Platone, Aristotele, Alessandro Magno... i libri di storia sono pieni di questi nomi le cui invenzioni, teorie, credenze ed eroismo hanno avuto un impatto significativo sulle civiltà successive.


    Soggiorno in pietra

    Di tutti i nuovi modi di pensare che la pandemia ci ha imposto, il mio preferito è questo: che non è necessario uscire di casa per viaggiare. Pochi istanti fa, ad esempio, ho viaggiato dal mio laptop su una scrivania in piedi ad Alexandria, in Virginia, verso un sito culturale del patrimonio mondiale dell'UNESCO nella regione austriaca del Burgenland. È un posto che non avrei mai pensato di visitare se non fossi rimasto bloccato a casa con poco da fare se non organizzare e buttare via strati di vecchie cose, per lo più carte, accumulate nel corso degli anni. Più che decluttering, è un modo per sfuggire allo spettacolo implacabile che passa per le notizie di oggi.

    Una logora scatola da scarpe piena di lettere vecchie di decenni, legata con un elastico sbriciolato e dissotterrata nella soffitta della mia casa di città, funge da punto di partenza. Mentre le lettere si rovesciano e cadono sul pavimento, vedo il mio nome scritto in un caratteristico svolazzo barocco su ogni busta, ma l'indirizzo sotto il nome varia, un riflesso della mia giovinezza itinerante.

    Non è necessario alcun indirizzo di ritorno per riconoscere il mittente. Come le colline ondulate di un paesaggio familiare, i tratti corsivi sinuosi si estendono attraverso gli anni. Sì, ricordo quel copione sensuale, proprio come adesso ricordo lei: il modo in cui si vestiva, il modo in cui parlava, il modo in cui la sua calligrafia confermava il mio senso di chi fosse. Ma questi ricordi sono veri?

    Dopo tutto, è era molto tempo fa: la fine degli anni Sessanta, l'apice della Guerra Fredda. Eravamo studenti universitari a Vienna, a pochi chilometri dalla cortina di ferro, e in quanto americani eravamo i "bravi ragazzi" della storia. Soprattutto, come giovani americani, eravamo ottimisti che sapevano, sapevano solo che il futuro sarebbe stato sempre migliore del passato. Ci vedevamo come vedevamo gli Stati Uniti: speciali.

    È diventato un rituale quotidiano incontrarsi dopo le nostre rispettive lezioni a Stephansdom (Cattedrale di Santo Stefano). La sua torre gotica alta 446 piedi, chiamata affettuosamente "Steffl" dalla gente del posto, domina lo skyline della città interna e funge da faro se dovessi perderti tra le tortuose strade medievali.

    Non stava nevicando l'ultima volta che ci siamo incontrati lì? Raffiche di fiocchi sovradimensionati, che si dissolvono all'istante atterrando sui nostri cappotti, mani senza guanti e volti nudi. La neve si è sciolta anche quando ha colpito la muratura della cattedrale, sorprendendoci. "La pietra non è diversa dalla nostra pelle", ha detto uno di noi.

    Ora, la mia pelle triste è invecchiata, mentre la pietra, altrettanto naturalmente, no. Questo spiega dove andrà la mia mente in futuro. Cercare quella scrittrice di lettere di tanto tempo fa non risveglia il desiderio, ma invece la paura di scoprire un avvizzito sostituto per il suo io giovanile. Non riesco a suscitare alcun interesse nello scambio di foto dei nostri nipoti. È una cosa terribile da dire? Che non ho mai amato davvero sua, ma solo il giovane ama se stesso? Non è più lei per me, ma un personaggio composito idealizzato delle donne che ho conosciuto negli anni?

    Forse molto più in profondità nel passato si trova qualcosa di veramente solido: l'antica pietra, i mattoni di Stephansdom, di cui ora voglio sapere tutto quello che c'è da sapere. È costruito in pietra calcarea, imparo, una roccia sedimentaria, che si erode ma mantiene la sua essenza. Non metamorfico, che, come la memoria, si trasforma dall'intensa pressione degli strati del tempo.

    Ma da dove viene questo particolare calcare? Come si è formato? Quanti anni ha esattamente? Gli anni sono così tanti da essere incomprensibili? Tale granularità libera e focalizza la mente quando ti stai riparando sul posto e la tua casa sembra un eremo.

    Quindi non c'è bisogno di viaggiare lontano per lanciare la mia ricerca, mentre vago tra gli scaffali della mia casa di città per scavare guide e storie degli Asburgo. Come se fossi stato teletrasportato a Vienna per i corsi di aggiornamento dai miei giorni da studente, mi viene in mente che Stephansdom St. Stephen è stato il primo martire cristiano, il cui "giorno santo" è il 26 dicembre. Il fatto che sia stato lapidato aggiunge una patina alla mia ricerca . Potrebbe essere che le rocce che lo hanno ucciso fossero fatte dello stesso calcare della cattedrale che porta il suo nome?

    È stata una morte lenta e angosciosa, con il tempo sufficiente per angosciosi dubbi sulla sua fede? O misericordiosamente veloce, con un pesante colpo da KO al cranio? Per quanto riguarda la morte della passione che ho provato a Vienna, non ricordo se sia stata veloce o lenta. E il decadimento degli ideali e del meliorismo di un giovane americano, inevitabile, ma così lento da sembrare invisibile, proprio come le rocce si avvertono.

    Il calcare marino di Stephansdom era esso stesso un tempo vivo. Nato dal carbonato di calcio di creature marine come coralli e vongole, è morbido ma solido, facile da tagliare e scalpellare in blocchi. Questo lo imparo da brevi escursioni sul web, ma non importa quanto prendo i tasti del mio laptop, non riesco a trovare un biglietto diretto per la mia destinazione finale: da dove viene esattamente il calcare di Stephansdom.

    Ma le mie ricerche su Internet alla fine mi mandano a St. Margarethen. Sebbene solo 40 miglia a sud di Vienna, mi ci sono volute ore per raggiungere il posto. Ora sono bloccato a un attraversamento di un fiume chiamato Leitha, un affluente del Danubio lungo 75 miglia. Come la calligrafia distintiva, le pietre hanno nomi individuali attaccati e apprendo che Leitha calcare è il nome dato ai mattoni di Stephansdom.

    Che tipo di nome è Leitha? Vecchio alto tedesco, ho imparato. Questo, a sua volta, deriva da una parola pannonica per fango. pannonico? Una delle tribù indoeuropee, che costituiva la popolazione illirica che abitava i Balcani prima della conquista romana. E si crede che la Pannonia stessa sia un riferimento illirico a "palude e bagnato".

    Fu durante il Miocene e il Pliocene che sedimenti marini spessi più di due miglia si accumularono sul fondo del Mare Pannonico. Quando il mare si è prosciugato, i sedimenti sono diventati calcare. Nello stesso periodo, le scimmie si sono evolute per la prima volta, per poi diversificarsi nei primi antenati degli umani. Quindi io e la pietra siamo parenti, un po'—sembra come se avessi scoperto la mia storia genetica su 23andMe.

    Non il Mare Pannonico ma l'Oceano Atlantico ha assunto il ruolo di romantico ostacolo, come la mitica spada che separava Tristano e Isotta, mentre la mia amata soggiornava a Vienna mentre io tornavo negli Stati Uniti. Quella separazione spiega tutte le lettere che ho scoperto ora. Ne mandava uno quasi ogni giorno, finché non si fermavano. Come nell'interpretazione della documentazione geologica, posso solo dedurre cosa è successo: ha trovato qualcun altro.

    Un piccolo accenno del mare pannonico, una volta di 200.000 miglia quadrate, si trova oggi nelle acque poco profonde e salate del Neusiedlersee di 120 miglia quadrate a cavallo del confine austro-ungarico. A volte conosciuto come un "lago della steppa", è il più grande lago endoreico dell'Europa centrale, il che significa che le acque chiuse non sfociano alla fine nel mare. Ho anche appreso che l'area intorno al Neusiedlersee è stata designata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO per il suo "paesaggio culturale" di "uso del suolo agricolo e stile di vita ininterrotto fin dal Medioevo".

    La cava di St. Margarethen, da cui provengono le pietre Stephansdom, risale all'epoca romana. Negli ultimi anni, la cava è stata trasformata dalla Fondazione della famiglia Esterházy in un luogo per spettacoli all'aperto, definito "il più grande palcoscenico naturale d'Europa". In programma quest'estate (pandemia permettendo) è Puccini's Turandot. I "suoni scintillanti e misteriosamente frastagliati dell'opera trovano la loro eco ideale nell'aspro paesaggio roccioso della cava di St. Margarethen", si legge nella promozione dello spettacolo. Sarebbe divertente andarci. Ma stranamente, mi sento come se lo fossi già stato.

    Autorizzazione richiesta per la ristampa, la riproduzione o altri usi.

    Walter Nicklin è un giornalista ed ex editore di riviste che divide il suo tempo tra Virginia e Maine.


    Introduzione alla lingua illirica - Introduzuone au Limba Illiriànu (WIP)

    Contesto: Dopo la ribellione di Bato, l'imperatore Tiberio Cesare ordinò la fortificazione della presenza romana nella provincia, offrendo terreni dove stabilirsi a buon mercato. Schiavi liberati e nobili allo stesso modo dall'Italia, dall'Hispania, dall'Asia Minore, dalla Dacia e dalla Grecia accorrevano tutti nell'area. Questo ha completamente romanizzato l'area fino ai giorni nostri.

    consonantiLabialeAlveolarePalataleVelare
    Nasale[m] m[n] n
    Ottiche senza voce[P] P[T] T[C] k, c(e/i)[K] c, ch(e/i)
    Ottiche sonore[B

    vocaliDavanti Di ritorno
    StressatoNon accentato*StressatoNon accentato*
    Chiudere[i] io, í, ì[ɪ] io[u] u, ú, ù[ʊ] u
    medio[e] e, é, è[ɛ] e[o] o, ó, ò[ɔ] o
    Aprire [ɐ] a[a] a, á, à

    *Le vocali prendono la loro forma non accentata solo in sillabe chiuse atone

    Accento tono

    In illirico una parola può essere sottolineata in due modi: sengùlu 'single' e *duppio '*double' e ognuno di questi ha uno schema diverso per la vocale nella sillaba successiva con le vocali a, e e i sono le óttu or 'high' vocali questo lascia o e u come zuorru o 'low' vocali.

    L'accento in illirico è sempre penultimo (tranne nei prestiti).

    Accentada Sengùlu - Singolo stress

    Nel modello di accento singolo l'altezza dell'intera parola che precede la sillaba accentata è neutra (o aumenta con il discorso naturale).

    In una parola, con il singolo schema di accento alto il tono tra la penultima e l'ultima sillaba scende da alto a medio.

    In una parola, con l'unico modello di accento basso il tono tra la penultima e l'ultima sillaba scende dall'alto al basso.

    Scritto con un accento acuto (di solito non marcato perché è il modello di accento predefinito)

    Accentada Duppio - Doppio stress

    Nel modello di accento doppio il tono dell'intera parola che precede la sillaba accentata sale ad alto.

    In una parola, con il modello di doppio stress elevato, sia la sillaba finale che quella penultima hanno un tono alto.

    In una parola con il doppio schema di accento basso il tono tra la penultima e l'ultima sillaba scende dall'alto al basso.

    Scritte con un accento grave (le parole con uo e ie non sono contrassegnate e si presume che abbiano lo schema di accento doppio)

    La linea gialla significa tono medio, la linea grigia è il confine di sillaba accentato, il nero è il confine di parola.

    Evoluzione dell'accento tono

    In latino l'accento cade sulla penultima sillaba se an solo se è pesante (ha una coda e/o una vocale lunga), se la sillaba è leggera invece l'accento va di default sulla terzultima sillaba.

    Dalle parole con penultima sillaba accentata derivano i modelli di accento singolo

    Da tutte le altre parole derivano i modelli di doppio stress.

    Le vocali alte a causa delle loro frequenze più alte portano il tono alto nella sillaba successiva in alternativa le vocali basse lasciano cadere il tono.

    fonotattica

    Solo s, n, m possono essere nella coda di una sillaba (e metà gemina se analizzata come tale)

    I dittonghi non sono consentiti (le vocali successive sono due sillabe), tuttavia [j] e [w] possono essere poste prima delle vocali se non ci sono cluster o coda.

    Gli ammassi esplosivi + r sono gli unici ammassi consentiti in posizione iniziale.

    Questo è tutto il vocabolario corrente in illirico

    fuocu [ˈfwóː.kùː]: fuoco (m.) (dal latino "focus" - focus)

    prenio [pré.njòː]: premio, premio (m.) (dal latino “premio” - praemium)

    festra [ˈfés.traː]: finestra, apertura, tempo limitato (f.) (dal latino “finestra” - fenestra)

    brac·cio [brác.cjòː]: braccio (m.) (dal latino braccio - bracchium)

    pi [píː]: piede (m.) (dal latino 'piede' - pēs): (plurale - torta [ˈpjéː])

    pò·za [ˈpóː.d͡záː]: gamba (f.) (dal greco 'gamba' - ποδός)

    manu [ˈmáː.nuː]: mano (m.) (dal latino 'mano' - manum)

    bananana [bɐn.náː.naː]: banana (f.) (dall'inglese "banana")

    limba [ˈlím.baː]: lingua (f.) (dal latino 'lingua' - lingua)

    lembe [ˈlém.beː]: lingua (f.) (dal latino 'lingua' - lingua)

    Illiria [ˈɪl.líː.rjaː]: Illiria (f.) (dal latino 'Illiria' - Illiria)

    Il·li·ri·à·nu [ˈɪl.liː.riː.áː.nùː]: Lingua illirica (m.) (Illiria + -anu)

    il·li·ri·à·nu [ˈɪl.liː.riː.áː.nùː]: illirico (agg.) (Illiria + -anu)

    lessico [leː.ˈʃîː.kɔ̀n]: dizionario, lessico (m.) (dal greco 'dizionario' - λεξικόν)

    unù [(w)úː.nuː]: uno, 1 (num.) (dal latino 'one' - num)

    du [ˈdúː]: due, 2 (num.) (dal latino "due" - duōs)

    trio [ˈtríː]: tre, 3 (num.) (dal latino “tre” - trēs)

    pattru [ˈpát.truː]: quattro, 4 (num.) (dal latino 'quattro' - quattuor)

    cinjè [ˈcíɲ.ɟeː]: cinque, 5 (num.) (dal latino 'cinque' - quīnque)

    sei [ˈsíː.ʃeː]: sei, 6 (num.) (dal latino "sei" - sesso)

    sippe [ˈsíp.peː]: sette, 7 (num.) (dal latino 'sette' - septem)

    opò [ˈ(w)óp.poː]: otto, 8 (num.) (dal latino 'otto' - octo)

    novè [ˈnóː.βeː]: nove, 9 (num.) (dal latino ‘nove’ - novem)

    Relazione con altre lingue romanze

    Illirico e rumeno formano un ramo chiamato 𧶬o-Ilyrian' o ⟪stern Romance' che contrasta con il ramo italo-occidentale. Tuttavia i due divergevano l'uno dall'altro all'inizio rendendoli più simili tra loro, ma non sono così simili come lo spagnolo al portoghese o al catalano. Il loro rapporto è più simile a quello standard italiano e francese.

    Mappa delle lingue romanze inclusi i dialetti illirici in varie sfumature di blu (immagine originale https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/0/0b/Romance_languages.png/1024px-Romance_languages.png di Servitje)

    Illirico prende la maggior parte del suo vocabolario dal latino, tuttavia, i successivi sviluppi nella leadership politica e nella migrazione hanno introdotto il vocabolario di una serie diversificata di lingue tra cui il greco bizantino, le lingue slave, l'albanese, l'ungherese, il turco e l'arabo (tramite l'Islam).

    Prestiti da altre lingue romanze erano comuni nella storia dell'illirico principalmente dai dialetti italiani e rumeni, tuttavia l'età moderna ha visto l'introduzione del vocabolario spagnolo, portoghese e francese, nonché parole di lingue germaniche come il tedesco e soprattutto l'inglese.

    Ci sono cinque principali dialetti di Illirico

    Senghidan - senghidànu

    Il dialetto parlato dentro e intorno alla capitale dell'Illiria, Senghìdu

    -La pronuncia e la grammatica standard provengono da questa regione

    Dalmata - domazàna

    Parlato sulla costa dalmata e nell'entroterra.

    -Soft c si pronuncia come [t͡ʃ] invece di [c].

    -I pronomi possessivi di 2a e 3a persona singolari sono semplificati in ti e ci.

    pannonico - pannoniànu

    Parlato ad est lungo il confine con Romania e Bulgaria.

    -Il pronome di prima persona si pronuncia come Unione Europea invece di io, più simile al vicino rumeno.

    istriano - istriànu

    Parlato al nord intorno al confine con l'Italia e l'Ungheria

    -La c morbida si pronuncia [t͡ʃ] e la g morbida si pronuncia [d͡ʒ].

    Prevalian - prevajàna

    Parlato nel sud del paese e in alcune comunità della diaspora in Albania e in Italia.

    -I pochi pronomi riflessivi separati vengono persi a favore di *pre-*costruzioni.

    -I pronomi possessivi singolari sono semplificati in mi, ti e ci.

    Questa lingua è un pesante lavoro in corso e spero di ottenere alcuni dei dettagli più fini nelle prossime settimane, ma spero che vi sia piaciuto questo linguaggio tanto quanto me nel crearlo.


    Archeologi scoprono in Albania una città vecchia di 2000 anni che una volta si pensava fosse solo un mucchio di rocce

    Un sito archeologico di 2000 anni è stato appena scoperto tra le rocce di Scutari, una città in Albania. Quella che molti credevano fosse la città perduta di Illiria fu trovata inaspettatamente.

    La scoperta degli archeologi polacchi ha fornito spunti su quella che era la fiorente civiltà illirica che controllava la maggior parte dei Balcani nell'antichità.

    Oltre ad essere conosciuto come uno dei paesi più economici in cui migrare, l'Albania vanta anche una ricca storia. Il sito di 50 acri trovato nella parte nord-occidentale del paese si dice appartenga alla città illirica di Bassania ed è stato descritto dallo storico romano Livio nella sua discussione sulle battaglie con l'ultimo re dell'Illiria, Gentius.

    Lo scavo archeologico ha portato alla luce antiche pietre con grandi bastioni che si dice appartengano a una fortezza. Hanno anche trovato cancelli larghi 10 piedi e muri in pietra che erano realizzati esternamente con blocchi di pietra profilati con spazi riempiti con piccole pietre e terra.

    Piotr Dyczek dell'Università di Varsavia ha affermato che questo tipo di strutture difensive sono comuni nell'architettura ellenistica.

    Anche parte della scoperta degli archeologi erano frammenti di vasi in ceramica e monete che risalgono al IV secolo a.C., nello stesso periodo in cui fiorì il regno illirico.

    Dyczek ha detto che la Bassania e il regno illirico non sono stati menzionati negli scritti dei viaggiatori successivi. Ha suggerito che il suo nome potrebbe essere stato dimenticato perché è stato consegnato all'oblio dopo la sua caduta nelle mani dei romani durante l'inizio del I secolo.

    Inoltre, anche la posizione del regno e l'infrastruttura geologica hanno giocato un ruolo importante nel motivo per cui è stato dimenticato. I ruderi rinvenuti su una collina chiamata "labbra di vipera" passano inosservati a causa dell'erosione. Per gli altri spettatori, somigliava solo ad altre pietre nell'area invece che a strutture artificiali.

    In seguito le enormi pietre portarono a ulteriori manufatti appartenenti alla città. Grandi muri di pietra coprivano una vasta area di 200.000 metri quadrati che hanno fatto credere agli archeologi che la Bassania fosse tre volte più grande dell'antica Scutari di 70.000 metri quadrati.

    A proposito di Illyria

    Gli Illiri erano una tribù influente che detenne il potere per numerosi secoli nei Balcani occidentali. Avevano contatti con i greci e furono influenzati dalla cultura dei vicini meridionali.

    La regione degli Illiri era divisa in regni, che lottavano per sopraffarsi a vicenda. Quando il grande re illirico Gendaio fu sconfitto e catturato dai romani nel 168 a.C., gli invasori crearono una serie di repubbliche clienti nel regno.

    Col tempo, alla fine divenne una provincia dell'Impero Romano e la loro cultura fu messa in ombra dai Romani.


    Guarda il video: MINIERE TERRE COLORANTI 1 (Potrebbe 2022).