Podcast di storia

Roger E. Ailes

Roger E. Ailes


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Roger Ailes, figlio di un operaio, è nato a Warren, Ohio, il 15 maggio 1940. Dopo essersi laureato all'Università dell'Ohio nel 1962 è entrato a far parte della KYW e alla fine è diventato produttore esecutivo del Mike Douglas Show.

Nel 1967 Ailes incontrò Richard M. Nixon e l'anno successivo si unì alla sua squadra della campagna presidenziale. Dopo la vittoria di Nixon ha fondato Ailes Communications a New York. Ha continuato a lavorare in televisione (WCBS-TV) e nel 1972 ha prodotto il musical di Broadway, Mother Earth. Altri successi includono Hot-L Baltimore (1973) e The Last Frontier (1974).

Ailes ha continuato a essere coinvolto nella politica di destra ed è accreditato di aver "allenato" Ronald Reagan alla vittoria su Walter Mondale nel 1984. La sua strategia includeva "pubblicità televisive, progettate dall'esecutivo di Madison Avenue Philip Dusenberry e con musica di violino gonfia ed emotiva, immagini prive di problemi di matrimoni, alzabandiera, acquisti di case e panorami pacifici e panoramici."

Ailes ha anche aiutato George H. W. Bush a sconfiggere Michael Dukakis nel 1988. Questa volta ha usato immagini visive per sfruttare i sentimenti razziali. Come hanno sottolineato Sheldon Rampton e John Stauber nel loro libro Repubblicani delle banane: come la destra sta trasformando l'America in uno Stato a partito unico: "Uno mostrava una fotografia minacciosa di William Horton - un detenuto nero che era fuggito da un programma di congedo carcerario e aveva violentato una donna - per suggerire che Dukakis fosse insolitamente morbido con il crimine. (In realtà, il Massachusetts era uno dei 45 stati con prigione- programmi di licenza al momento del crimine di Horton.)" Un secondo annuncio di licenza di prigione raffigurava una "porta girevole" attraverso la quale una fila di uomini bianchi entrava in prigione, mentre ne uscivano neri e ispanici. "L'espressione "politica carceraria delle porte girevoli" implica, ovviamente, che i criminali del Massachusetts potrebbero, grazie al governatore Dukakis, uscire di prigione con la stessa facilità dei pendolari in streaming da una stazione della metropolitana", osserva Mark Crispin Miller. "Ma l'immagine fa un'affermazione ancora più infiammatoria... La 'porta girevole' effettua un'inquietante metamorfosi razziale, implicando che il sistema carcerario di Dukakis non era solo poroso, ma una fonte satanica di negritudine, un oscuro mulino 'liberale' che prese uomini bianchi e li fece colorati".

Ailes ha scritto delle sue esperienze nelle pubbliche relazioni in Tu sei il messaggio: i segreti dei maestri comunicatori (1988). Ailes è stato anche impiegato da Californians Against Unfair Tax Increases (CAUTI), un'organizzazione finanziata dalle compagnie del tabacco, Philip Morris e RJ Reynolds. Ailes Communications ha guadagnato poco più di $ 1.000.000 di commissioni sulla campagna contro la Coalition for a Healthy California, che ha proposto un aumento di 25 centesimi a confezione della tassa sul tabacco. La sua strategia consisteva nel sostenere che l'aumento delle tasse fosse un'ingerenza governativa ingiusta e non necessaria. Ailes ha affermato che i suoi avversari erano "zeloti antifumo".

Nel 1991 Ailes si unì al conduttore di talk show radiofonici di destra, Rush Limbaugh. Ha convertito Limbaugh in un attore televisivo ed è diventato produttore esecutivo del suo spettacolo a tarda notte. Nel 1993 Ailes è diventato presidente del canale via cavo della NBC Consumer News and Business Channel (CNBC) e l'anno successivo ha lanciato America Talking. Ailes ha anche ospitato il suo spettacolo serale, Straight Forward.

Rupert Murdoch di News Corporation ha reclutato Ailes nel febbraio 1996 per fondare Fox News Channel (FNC). Il canale è stato lanciato il 7 ottobre 1996. Ailes ha reclutato una serie di emittenti di destra come Matt Drudge, Sean Hannity, Oliver North, Bill O'Reilly e Geraldo Rivera.

Nel novembre 2000, Fox News è stata accusata di aver cercato di assicurarsi che George W. Bush fosse eletto presidente. Successivamente Ailes si è scusato per le azioni di Fox News: "Lasciatemi iniziare affermando che Fox News, insieme a tutte le altre reti televisive, ha commesso errori irripetibili nella notte delle elezioni, il più grande dei quali si è verificato in Florida. Fox News riconosce qui che ha deluso il pubblico americano nella notte delle elezioni e si assume la piena responsabilità di questo fallimento".

Fox News si è promosso con lo slogan "equo ed equilibrato", ma gli esami della selezione degli ospiti del canale hanno mostrato che non era così. Nel 2001, quando il gruppo di monitoraggio dei media Fairness & Accuracy In Reporting ha studiato la lista degli ospiti del programma di notizie di punta della FNC, Special Report, ha scoperto che i repubblicani costituivano l'89 percento degli ospiti partigiani di Fox News, superando in numero i democratici 50 a 6. il 71 percento degli ospiti.

Per garantire il massimo pubblico per questa propaganda di destra, Rupert Murdoch ha effettivamente pagato agli operatori via cavo $ 10 per abbonato per portare Fox News. Durante i primi due anni la stazione ha perso $ 150 milioni. Tuttavia, la politica di Murdoch ha permesso a Fox News di trasmettere in oltre 55 paesi e nell'agosto 2003 aveva oltre 80 milioni di abbonati negli Stati Uniti.

Alla fine del 2002, Roger Ailes ha confermato l'accusa nel libro Bush in guerra. Bob Woodward ha affermato che Ailes aveva inviato una nota a Karl Rove alla Casa Bianca suggerendo politiche da adottare in seguito agli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001. Woodward ha descritto la nota come esortando Bush a prendere "le misure più dure possibili" per mantenere il sostegno del pubblico americano. Ailes ha affermato che la nota non era un consiglio politico ma un messaggio inviato "come essere umano e cittadino".

Nell'ottobre 2003, Charlie Reina, un ex produttore di Fox News, ha affermato: "Editorialmente, la redazione di FNC è sotto il costante controllo e vigilanza della direzione. La pressione varia da sottile a diretta. Prima di tutto, è una rete di notizie gestita da uno degli agenti politici di più alto profilo degli ultimi tempi. Tutti lì capiscono che FNC è, in larga misura, "La vendetta di Roger" - contro quello che considera un'istituzione mediatica liberale e filodemocratica che lo ha evitato per decenni. membri dello staff, molti dei quali sono troppo giovani per essere passati ai ranghi del giornalismo oggettivo, e tutti non sindacalizzati, senza alcuna protezione su ciò che possono essere costretti a fare, c'è una motivazione eccessiva per compiacere il grande capo. "

Charlie Reina ha continuato a discutere: "Le radici del pregiudizio quotidiano in onda di Fox News Channel sono reali e dirette. Si presentano sotto forma di un promemoria esecutivo distribuito elettronicamente ogni mattina, che affronta quali storie saranno trattate e, spesso , suggerendo come dovrebbero essere coperti. Per il personale della redazione responsabile della programmazione diurna del canale, The Memo è la bibbia. Se, in un dato giorno, ti accorgi che i conduttori Fox sembrano cercare di portare a casa un punto particolare, tu posso scommettere che il Memo è dietro di esso. Il Memo è nato con l'amministrazione Bush, all'inizio del 2001, e, intenzionalmente o meno, ha assicurato che il punto di vista dell'amministrazione si manifestasse costantemente su FNC. Quest'anno, ovviamente, la guerra in L'Iraq è diventato un argomento costante di The Memo. Ma insieme all'ovvio - informazioni su chi è dove e cosa tratteranno - ci sono stati sottili accenni al tono della copia dei conduttori".

Un altro ex giornalista di Fox News, Matt Goss, ha ammesso: "Lasciatemi dire che il pregiudizio di destra era presente nella redazione, in primo piano ed evidente, dal giorno in cui un certo direttore esecutivo è stato mandato giù dal canale per portarci in linea con la loro copertura... Per me, la pigrizia dei giornalisti FNC era la parte peggiore del pregiudizio.Non era che stessero seguendo una linea politica (anche se ovviamente lo erano; vedi la serie imbarazzante sui diritti di proprietà del 2000 ), era che i fatti di una storia non contavano affatto." Questa opinione è stata supportata da altri membri del personale che sono apparsi in Robert Greenwald, Outfoxed: La guerra al giornalismo di Rupert Murdoch (2004).

Un'indagine del Program on International Policy (PIPA) dell'Università del Maryland e di Knowledge Networks ha scoperto che "una serie di sette sondaggi statunitensi condotti da gennaio a settembre di quest'anno rivela che prima e dopo la guerra in Iraq, la maggioranza degli americani ha avuto percezioni errate significative e queste sono strettamente legate al sostegno alla guerra in Iraq". Il rapporto ha proseguito affermando che coloro che "guardano principalmente Fox News hanno molte più probabilità di avere percezioni errate, mentre coloro che ascoltano principalmente NPR o guardano PBS sono significativamente meno probabili".

Ad esempio, il cinquantasette per cento credeva che l'Iraq avesse dato un sostegno sostanziale ad Al-Qaeda, o fosse direttamente coinvolto negli attacchi dell'11 settembre, il sessantanove per cento credeva che Saddam Hussein fosse personalmente coinvolto nell'11 settembre e il ventidue per cento credeva che il falsità che armi di distruzione di massa fossero state trovate in Iraq. Nell'analisi composita dello studio PIPA, l'80% degli osservatori di Fox News ha avuto una o più di queste percezioni errate, in contrasto con il 71% della CBS e il 27% che si sono sintonizzati su NPR/PBS.

Nell'agosto 2005, Ailes è stato nominato presidente del gruppo Fox Television Stations. Il mese successivo Ailes ha reclutato Geraldo Rivera per presentare Geraldo alla grande.

Nel 1968, il successo di Nixon nel reinventarsi come il "Nuovo Nixon" lo aiutò a vincere la Casa Bianca. Quando il giornalista Joe McGinniss descrisse questa strategia l'anno successivo in The Selling of the President, i giornalisti vergognosi giurarono di diventare saggi su tale manipolazione, ma la campagna di Nixon era solo l'inizio.' Sebbene il suo impeachment nello scandalo Watergate abbia significato una battuta d'arresto temporanea, i repubblicani sono tornati alla Casa Bianca nel 1980 con Ronald Reagan, il primo attore a diventare presidente. Reagan ha anche fatto affidamento sul talento di Ailes, che è stato consulente per la sua campagna per la rielezione del 1984....

Ailes ha usato una strategia simile nel 1988, quando ha lavorato con Lee Atwater per ideare la vittoria di George H. Bush su Michael Dukakis. La campagna Bush/Quayle '88 combinava immagini mattutine americane con annunci che ridicolizzavano Dukakis attraverso immagini visive ingannevoli. Uno spot televisivo ha accusato Dukakis di inquinamento nel porto di Boston, mostrando un cartello che diceva: "Pericolo / Pericolo di radiazioni / Divieto di nuotare". Il segno in realtà non aveva nulla a che fare con l'inquinamento o Dukakis. È stato pubblicato per avvertire il personale della Marina di non nuotare in acque che un tempo avevano ospitato sottomarini nucleari in riparazione. Gli annunci più eclatanti, tuttavia, utilizzavano immagini visive per sfruttare i sentimenti razziali. Uno mostrava una fotografia minacciosa di William Horton - un detenuto nero che era fuggito da un programma di licenza carceraria e aveva violentato una donna - per suggerire che Dukakis fosse insolitamente gentile con il crimine. La "porta girevole" effettua un'inquietante metamorfosi razziale, implicando che il sistema carcerario di Dukakis non era solo poroso, ma una fonte satanica di negritudine, un oscuro mulino "liberale" che prendeva gli uomini bianchi e li rendeva colorati.

Permettetemi solo di dire che il pregiudizio di destra era presente nella redazione, in primo piano ed evidente, dal giorno in cui un certo direttore esecutivo è stato mandato giù dal canale per portarci in linea con la loro copertura. La sua prima direttiva per noi: cercare storie che si rivolgano a uomini bianchi di mezza età arrabbiati che ascoltano parlare alla radio e urlano alle loro televisioni. (Oh, come mi piacerebbe mettere le virgolette intorno a quella che è quasi una citazione diretta.)

Per me, la pigrizia dei giornalisti della FNC era la parte peggiore del pregiudizio. Non era che stessero seguendo una linea politica (anche se ovviamente lo erano; vedi la serie imbarazzante sui diritti di proprietà del 2000), era che i fatti di una storia non avevano alcuna importanza. L'idea era di far alzare quegli spettatori dai loro posti, urlando contro la TV, i politici, i liberali - chiunque - semplicemente raccontando una storia provocatoria", ha scritto nell'ottobre 2003.

Vorrei iniziare affermando che Fox News, insieme a tutte le altre reti televisive, ha commesso errori irripetibili nella notte delle elezioni, il più grande dei quali si è verificato in Florida.

Fox News riconosce qui di aver deluso il pubblico americano nella notte delle elezioni e si assume la piena responsabilità di questo fallimento.

Questi errori hanno portato a una grande autoanalisi dei processi che abbiamo usato la notte delle elezioni, di come operava il servizio di notizie degli elettori la notte delle elezioni e della nostra appartenenza al servizio di notizie degli elettori.

Attraverso il nostro autoesame e le nostre indagini abbiamo stabilito che non c'era nessun favoritismo politico intenzionale in gioco la notte delle elezioni da parte di Fox News.

Col senno di poi abbiamo commesso un errore significativo nell'affidarci ai soli dati VNS, sebbene fossero gli unici dati disponibili. Ovviamente sarebbe stato meglio avere almeno un'altra fonte di dati, ma fino ad ora considerazioni economiche lo hanno reso irrealizzabile. Guardiamo a VNS più o meno allo stesso modo in cui le reti combinano le risorse per le telecamere del pool, l'Associated Press, ecc.

Come forse saprai, Fox News Channel è stato lanciato il 7 ottobre 1996. Dal momento in cui è stato lanciato, intendevamo competere con le grandi reti televisive affermate. Per coprire le elezioni in modo competitivo, credevamo di dover aderire a VNS. Ma per noi non è stata una decisione facile. Innanzitutto, l'appartenenza a VNS era (ed è) molto costosa, soprattutto per quella che all'epoca era una rete televisiva alle prime armi. Ma, dopo molte discussioni interne di natura editoriale e finanziaria, abbiamo deciso di unirci. Ho capito che VNS aveva un buon e solido record di convocazioni fino alle elezioni del 2000. Ad esempio, il 99% delle chiamate effettuate da VNS negli ultimi due cicli elettorali è stato accurato; Il 100% delle chiamate di VNS nel 1998 era accurato.

Ora, tuttavia, riteniamo che lo scopo, l'intento, i processi e i modelli di VNS debbano essere esaminati attentamente in modo formale e siamo disposti a spendere più soldi come membri VNS per realizzare questo esame.

Vi assicuro che Fox News opera nell'interesse del pubblico e cerca sempre di comportarsi tenendo presente questo fatto.

Dalla notte delle elezioni, la questione della soppressione degli elettori è stata scritta e discussa.

Avrebbe fatto alcuna differenza nell'affluenza alle urne se le reti televisive avessero aspettato che tutti i sondaggi nello stato della Florida, e in ogni altro stato, si fossero chiusi prima di dichiarare un vincitore. Quando Fox News ha chiamato la Florida per Al Gore alle 19:52, c'erano otto minuti rimanenti per i cittadini nel panhandle della Florida per votare.

Beh, non conosco la risposta a questa domanda, ma per togliere ogni dubbio è un rimedio abbastanza semplice per una rete televisiva aspettare che tutti i sondaggi in un dato stato si siano chiusi prima di dichiarare un vincitore in quello stato.

Un nuovo studio basato su una serie di sette sondaggi statunitensi condotti da gennaio a settembre di quest'anno rivela che prima e dopo la guerra in Iraq, la maggioranza degli americani ha avuto significative percezioni errate e queste sono strettamente legate al sostegno alla guerra in Iraq.

Il sondaggio, condotto dal Program on International Policy (PIPA) dell'Università del Maryland e da Knowledge Networks, rivela anche che la frequenza di queste percezioni errate varia significativamente a seconda della fonte primaria di notizie delle persone. Coloro che guardano principalmente Fox News hanno molte più probabilità di avere percezioni errate, mentre coloro che ascoltano principalmente NPR o guardano PBS sono significativamente meno probabili.

Un'analisi approfondita di una serie di sondaggi condotti da giugno a settembre ha rilevato che il 48% credeva erroneamente che fossero state trovate prove di legami tra Iraq e al Qaeda, il 22% che armi di distruzione di massa fossero state trovate in Iraq e il 25% che il mondo l'opinione pubblica ha favorito l'entrata in guerra degli Stati Uniti con l'Iraq. Complessivamente il 60% ha avuto almeno una di queste tre percezioni errate.

Tali percezioni errate sono strettamente legate al sostegno alla guerra. Tra coloro che non hanno nessuna delle percezioni errate sopra elencate, solo il 23% sostiene la guerra. Tra quelli con una di queste percezioni errate, il 53% sostiene la guerra, salendo al 78% per coloro che hanno due delle percezioni errate e all'86% per coloro con tutte e 3 le percezioni errate. Steven Kull, direttore del PIPA, commenta: "Anche se non possiamo affermare che queste percezioni errate abbiano creato il sostegno per entrare in guerra con l'Iraq, sembra probabile che il sostegno per la guerra sarebbe sostanzialmente inferiore se meno membri del pubblico avessero queste percezioni errate. "

Quindi Chris Wallace afferma che Fox News Channel è davvero giusto ed equilibrato. Bene, immagino che questo lo risolva. Ora possiamo andare tutti a casa. Voglio dire, quindi cosa succede se lo stipendio di Wallace come nuovo famoso anchorman della Fox finisce con un sacco di zeri? Che importa se non ha ancora trascorso un giorno nella redazione della FNC?

Il mio consiglio agli esperti: se vuoi davvero conoscere i pregiudizi alla Fox, parla con i recluti che lavorano lì - gli assistenti di scrivania, i montatori di nastri, gli scrittori, i ricercatori e i produttori assortiti che devono affrontarli ogni giorno. Chiedi loro abbastanza cosa succede, prometti loro l'anonimato e otterrai la vera storia.

Il fatto è che la vita quotidiana in FNC è tutta incentrata sulla politica di gestione. Lo dico dopo aver prestato servizio per sei anni lì - come produttore dello spettacolo di critica dei media, News Watch, come scrittore/produttore di speciali e (per l'ultimo anno del mio soggiorno) come redattore di redazioni. Non una volta negli oltre 20 anni in cui ho lavorato nel giornalismo televisivo prima di Fox, inclusi lunghi soggiorni presso The Associated Press, CBS Radio e ABC/Good Morning America, non ho sentito alcuna pressione per seguire una linea di gestione. Ma alla Fox, se il mio capo non mi stava avvertendo di "fare attenzione" a come ho gestito la scrittura di uno speciale su Ronald Reagan ("Sai cosa pensa Roger Ailes per lui"), mi stava dicendo come lo speciale ambientale Dovevo produrre dovrebbe snellire ("Puoi dare entrambe le parti, ma assicurati che i pro-ambientalisti non abbiano l'ultima parola.")

Editoriale, la redazione di FNC è sotto il controllo e la vigilanza costanti della direzione. Tutti lì capiscono che FNC è, in larga misura, "Roger's Revenge" - contro quello che considera un'istituzione mediatica liberale e filo-democratica che lo ha evitato per decenni. Per i membri dello staff, molti dei quali sono troppo giovani per essere passati ai ranghi del giornalismo oggettivo, e tutti non sindacalizzati, senza alcuna protezione su ciò che possono essere costretti a fare, c'è un'indebita motivazione per compiacere il grande capo.

A volte, questo desiderio di servire gli interessi ideologici di Fox va anche oltre ciò che si aspetta il management. Ad esempio, nel giugno dello scorso anno, quando un giudice della California ha dichiarato incostituzionale la formulazione "Under God" del Pledge of Allegiance, il capo della redazione della FNC ha ordinato di visualizzare sullo schermo l'indirizzo postale e il numero di telefono del giudice. Il conduttore, leggendo dal Teleprompter, si è trovato a spiegare che Fox stava facendo questo passo insolito in modo che gli spettatori potessero andare direttamente dal giudice e ottenere "più informazioni possibili" sulla sua decisione. A loro merito, i grandi capi hanno riconosciuto che il tentativo trasparente del loro subalterno di servire i loro interessi politici potrebbe benissimo minacciare l'incolumità fisica del giudice e hanno ordinato che le informazioni offensive fossero rimosse dallo schermo non appena le avessero viste.Pochi mesi dopo, questo stesso capo della redazione desideroso di compiacere ha ordinato la rimozione di un grafico citando l'ispettore delle armi delle Nazioni Unite Hans Blix che affermava che la sua squadra non aveva ancora trovato armi di distruzione di massa in Iraq. Fortunatamente, l'apparecchiatura elettronica era più rapida nell'assorbimento (e meno suscettibile alla politica dell'ufficio) rispetto al toady e mostrava il grafico prima che il suo ordine potesse essere eseguito.

Ma le radici del pregiudizio quotidiano in onda di FNC sono reali e dirette. Se, in un dato giorno, ti accorgi che le ancore Fox sembrano cercare di portare a casa un particolare punto, puoi scommettere che The Memo è dietro di esso.

Le radici del pregiudizio quotidiano in onda di Fox News Channel sono reali e dirette. Se, in un dato giorno, ti accorgi che le ancore Fox sembrano cercare di portare a casa un particolare punto, puoi scommettere che The Memo è dietro di esso.

Il Memo è nato con l'amministrazione Bush, all'inizio del 2001, e, intenzionalmente o meno, ha assicurato che il punto di vista dell'amministrazione si manifestasse costantemente su FNC. Ma insieme all'ovvio - informazioni su chi è dove e cosa tratteranno - ci sono stati sottili accenni al tono della copia dei conduttori.

Ad esempio, dal promemoria del 20 marzo: "C'è qualcosa di assolutamente incomprensibile nelle osservazioni di Kofi Annan in cui ammette che i suoi pensieri sono 'con il popolo iracheno'. Ci si potrebbe chiedere dove fossero quei pensieri durante i 23 anni in cui Saddam Hussein ha brutalizzato coloro stessi iracheni. Spunti di riflessione". Ci possono essere dubbi sul fatto che il memo offrisse non solo "spunti di riflessione", ma una direzione da seguire per gli scrittori e le ancore di FNC? Soprattutto dopo aver descritto le osservazioni del Segretario Generale delle Nazioni Unite come "assolutamente incomprensibili"?

La triste verità è che una tale sottigliezza è spesso tutto ciò che serve per mandare il personale della redazione di Fox in azione - o inattività, a seconda dei casi. Un giorno della scorsa primavera, subito dopo che gli Stati Uniti hanno invaso l'Iraq, The Memo ci ha avvertito che i manifestanti contro la guerra si sarebbero "lagnati" delle bombe statunitensi che uccidono i civili iracheni e ha suggerito di dirlo alle famiglie dei soldati americani che morivano lì. Modificando la copia quella mattina, non sono rimasto sorpreso quando un giovane produttore entusiasta ha ucciso il rapporto di un corrispondente sui combattimenti della giornata - semplicemente perché includeva una breve ripresa di bambini in un ospedale iracheno.

Questi non sono incidenti isolati a Fox News Channel, dove praticamente nessuno di autorità nella redazione fa una mossa smisurata contro la politica del management, reale o percepita. Alla rete Fair and Balanced, tutti conoscono il punto di vista del management e, nel caso non siano sicuri di come farlo andare in onda, The Memo è lì per ricordarglielo.

Tra le molte ragioni dell'attuale successo di Ailes, i suoi accoliti e rivali sono in cima alla lista con il suo categorico rifiuto di perdere. Adotta quello che si potrebbe chiamare un approccio relativistico. Per vincere, non devi essere il miglior candidato, devi solo apparire come il miglior candidato. E questo può essere fatto altrettanto facilmente portando il tuo avversario in basso di qualche tacca come costruendo te stesso.

Tramortire. La stessa strategia, si scopre, può essere applicata alle guerre di rating delle notizie via cavo. "È un po' uno-due", dice un dirigente di una rete concorrente. "Le persone ti trovano navigando sul canale. Lo schermo della Fox ha molto di più da fare - più fruscio e cose che girano, più azione, più cose che cambiano - che anche se agli spettatori non piace la copertura, quando arrivano su MSNBC e CNN , sembrano vecchi e noiosi al confronto." La strategia competitiva tutto o niente di Ailes, dice questa fonte, può essere riassunta come: "Guardami. E se non mi guardi, non guardare nemmeno la competizione".

Roger Ailes, a quanto pare, non è un uomo schizzinoso. Il suo viso è goffo e con le palpebre pesanti, i suoi capelli sottili e brizzolati pettinati all'indietro da una testa calva senza alcun accenno di vanità. Di media statura e di circonferenza del tutto eccezionale, ha la cravatta allentata e la camicia bianca spiegazzata entro le 8 del mattino. Se c'è un tavolino da caffè a portata di mano, i suoi piedi calzati vi poggiano sopra; se c'è uno schermo televisivo in vista - e ce ne sono sempre diversi - lo guarda distrattamente. Di profilo, Ailes ricorda Alfred Hitchcock o Winston Churchill. Potrebbe essere facilmente scambiato per un Rotariano in pensione: contento, ragionevolmente di successo e per nulla ambizioso...

Forse non sorprendentemente per un uomo che gestiva un'azienda di comunicazioni, Ailes afferma che mantenere il flusso di informazioni è una parte cruciale del suo successo. "Più aperta è l'operazione, meglio penso in generale", dice Ailes. "Scendo e metto un podio in redazione ogni trimestre e li aggiornerò e rispondo alle domande per tutto il tempo che vogliono porre". I dipendenti si sentono più legati all'impresa del gruppo, afferma Ailes, e spesso ottiene buone idee dal loro punto di vista. "Sono sempre sorpreso quando i leader non lo fanno", afferma Ailes. "Quando ero giù in quei box pensavo che le tute stessero sedute lì tutto il tempo cercando di trovare un modo per fregarmi. E questa è una reazione naturale se sei tagliato fuori dal management." Il problema con i leader che non sono aperti al dialogo con il proprio staff, dice Ailes, è la paura. "Un leader che non ha paura di prendere una decisione naturalmente non ha paura dell'apertura. Potrei fare una controchiamata, perché mi affido alla mia esperienza, o perché ci sono fattori di cui non sono a conoscenza, ma ascolterò a tutti e poi dirò 'No, facciamo così e ne prenderò le conseguenze.' "

La strategia aggressiva di Ailes ha dato i suoi frutti al proprietario di FNC, il capo di News Corp. Rupert Murdoch. Quando Murdoch ha portato Ailes a bordo per la prima volta nel 1996, il presidente di News Corp. ha pensato che ci sarebbe voluto più di un anno per far funzionare FNC. "Ho detto a Rupert che avremmo potuto lanciarlo in sei mesi e ha pensato che fossi matto", dice Ailes. Ma General Electric e Microsoft stavano progettando di lanciare MSNBC quel luglio e Ailes, sempre concorrente, non poteva lasciarlo senza risposta. Ailes è andato in overdrive - assumendo uno staff, costruendo studi, organizzando accordi di licenza e generalmente convincendo tutti che se tutti si fossero uniti, non avrebbero potuto lanciare entro sei mesi, ma dare alla CNN una corsa per i suoi soldi entro un decennio.

E che dire di quelli che pensavano che Ailes fosse pazzo? Ha dimostrato che tutti si sbagliavano. La FNC è stata lanciata nei tempi previsti, il 7 ottobre 1996, e nel gennaio 2002 stava regolarmente superando gli ascolti della CNN. Per Ailes, è tutta una questione di leadership. "Vuoi che tutti siano in grado di esibirsi sopra la loro testa ogni volta che devono", dice. "Si tratta di una volta che sai di avere una missione e hai una data per consegnarla, allora deve essere davvero un atto di Dio per fermarti. Questa è la mia visione della leadership".


Perché Roger Ailes odia l'America?

Un'indagine esclusiva ed equilibrata sull'implacabile presidente di Fox News.

Questo articolo è apparso originariamente nel numero di febbraio 2011.

Oggi, qui da Esquire&mdashand solo da Esquire, perché solo Esquire ha il intestini per raccontarti questa storia e ti parleremo di un uomo che devi conoscere un po' meglio, forse un quantità meglio: un uomo di nome Roger Ailes. Forse hai sentito parlare del signor Ailes. Come presidente e amministratore delegato di un'organizzazione ben finanziata e dichiaratamente antigovernativa chiamata Fox News, ha guadagnato 23 milioni di dollari nel 2009, che, per fare i conti, non erano solo più soldi di quelli che hai guadagnato, erano più soldi di tutti imparentato a te guadagnato, combinato, anche se conti l'improvviso colpo di fortuna che è arrivato a tua zia Ida dopo aver ottenuto cinque su sei in Powerball. Bel lavoro se riesci a ottenerlo, signor Ailes, specialmente quando quel "lavoro" consisteva solo nel portare avanti la tua agenda a spese del presidente degli Stati Uniti d'America in tempo di guerra. Ma quei $ 23 milioni, per quanto oltraggiosi possano sembrare, sono spiccioli accanto ai quasi $ 1 miliardi in profitti che Fox News&mdashand anche i più ardenti difensori di Mr. Ailes ammettono che lui è Fox News ha guadagnato il capo di Ailes, nato all'estero, Rupert Murdoch, alias "Koala Kong", in onore dell'eredità australiana che ha rifiutato molto tempo fa in favore di una cittadinanza americana più conveniente. Quindi sì, potresti avere sentito di Roger Eugene Ailes, perché leggi i giornali, leggi libri, ti tieni informato (nonostante ciò che i membri in regola dell'élite dei media della costa orientale amano, beh, oh, come Roger Ailes potrebbe dire di te), ma quanto fai davvero sapere su di lui? Da quarant'anni si erge a cavallo dei mondi intrecciati dei media e della politica come un vero e proprio colosso, assicurandosi che i mondi dei media e della politica restare intrecciati, per controllarli meglio. Ha usato i suoi considerevoli poteri di persuasione per persuaderci a eleggere i presidenti e, se non seguono l'"Agenda Ailes", per rivoltarsi contro di loro. A settant'anni, quando la maggior parte degli anziani americani laboriosi ne ha abbastanza della corsa al successo e non vedono l'ora di passare un po' di tempo di qualità con i nipotini, Roger Ailes è all'apice, forse all'apogeo, forse anche - qualcuno dice - molto zenit del suo potere. In effetti, con la maggior parte dei potenziali candidati repubblicani alla presidenza nel 2012 sul suo libro paga, si può dire che abbia appena iniziato. Hmmm. Forse non lo sappiamo Roger Ailes così come pensiamo di fare. Forse non lo conosciamo affatto bene, che è, ovviamente, proprio come piace a lui.

"So cosa scriverai su di me", dice Roger Ailes. "Posso praticamente scegliere le parole per te. Paranoico, di destra, grasso. Lo amo. Sono l'unico ragazzo in America che è grasso".

No, signor Ailes, si sbaglia. Non sei l'unico grassone d'America. E non ti chiameremo nemmeno grasso. O calvo. O vecchio. Prima di tutto, Esquire è completamente imparziale e non legato a nessun ordine del giorno. Secondo, non ti faremo nomignoli. Non feriremo i tuoi sentimenti, perché nella nostra vasta ed esclusiva indagine, abbiamo scoperto che li hai davvero. Lei è un tipo sensibile, signor Ailes. Sei vulnerabile. In effetti, per un ragazzo che attribuisce il suo potere al potere di non preoccuparsi di ciò che la gente pensa di lui, ti interessa davvero ciò che la gente pensa di te. Ti interessa anche cosa blogger pensa a te. Non solo leggi i post del blog che ti manda tua moglie, ricordi cosa dicono. E così, quando tu stesso sarai accusato di ingiustizia, dirai: "Beh, l'Huffington Post dice che sono un sosia di J. Edgar Hoover con una faccia come un pugno chiuso. Keith Olbermann mi chiama la persona peggiore in il mondo. Com'è giusto?" E poi esci e li schiacci.

Sei particolarmente sensibile al tuo peso. "Non è che mangio troppo", dici. "È che non posso muovermi." È solo un altro esempio di "spin di Ailes"? Non è. Nel corso della sua indagine esclusiva, intensa e soprattutto imparziale, Esquire ha appreso molte cose sorprendenti su Roger Ailes. Uno è che afferma di aver scoperto la cantante folk apertamente socialista Buffy Sainte-Marie. Un altro è che il suo corpo è stato distrutto dall'artrite. L'uomo che ha sfidato il mondo a una rissa si scopre essere un uomo che non può, per sua stessa ammissione, camminare per due isolati. Anche nel suo ufficio, è troppo rigido per liberarsi delle rughe, cammina come se stesse imparando a pattinare sul ghiaccio, indossa scarpe con suola di gomma, appoggia i piedi sul tavolino più vicino non appena si siede, si morde il labbro inferiore quando è in dolore (o rabbia), si stira e suda, si allenta la cravatta e si sbottona il colletto, indossa un fermacravatta, fa scoppiare mentine per l'alito e dovrebbe essere orgoglioso delle sue braccia, che sembrano blocchi di cenere sotto la giacca spiegazzata del vestito. Ha labbra sottili, naso lungo, capelli arricciati sul colletto, mani e piedi piccoli, che concorrono a conferire al suo aspetto una certa delicatezza aristocratica, come se la sua mole non fosse guadagnata ma imposta. I suoi occhi sono grigi e, poiché sono incorniciati da cerchi grigi estesi e quasi geologici, spesso sembrano neri. Sono le uniche cose sulla sua presenza fisica che sono fedeli alla sua reputazione di minaccia.

Quindi no, signor Ailes: non ti chiameremo grasso. Ma paranoico? Hai sette schermi TV nel tuo ufficio. Sei sono sulla tua bacheca e ti permettono di guardare ciò che viene trasmesso da Fox o dai suoi concorrenti. Il settimo è sulla tua scrivania e lo schermo sulla tua scrivania non mostra altro che il feed in diretta dalle telecamere di sicurezza nel tuo edificio. Oltre a ciò, il tuo apparato di sicurezza privata è sia vasto che costoso, e il tuo stesso ufficio è uno studio sui contrasti. Da un lato, ti siedi proprio nel cuore del mondo che hai reso un mondo di informazioni e potere, di informazioni come power&mdashand tutto quello che devi fare per raggiungere virtualmente una delle persone più potenti del mondo è prendere un telefono. Dall'altro, comunichi con mezzi così personali e antiquati, che metterebbero a proprio agio Tony Soprano. La tua porta si apre e la tua assistente si avvicina, con il braccio teso e la punta delle dita che tiene tra parentesi un post-it giallo. Leggi la nota e annuisci che se ne va. "Rupert," dici, indicando che il tuo signore supremo sta aspettando fuori. "Viene spesso qui, perché io sono l'unico dei suoi dirigenti a non arrampicarsi sulla sua gamba".

Ora, quando parli con Roger Ailes, inevitabilmente ti dirà alcune cose. Uno è che è un uomo semplice. Un altro è che è di Warren, Ohio. Un altro è che deve il suo successo al fatto che è un uomo semplice di Warren, Ohio. Un altro è che lui sa tu&mdashlo spettatore americano. Un altro è che ti conosce perché lo è Come tu&mdash"un ragazzo medio del paese dei cavalcavia." E ancora un altro è perché è come te, lui piace te, e pensa che l'America sia un "paese piuttosto buono" a cui dovremmo pensare due volte prima di incolpare per i problemi del mondo.

Ok, signor Ailes, abbiamo capito. Non devi dire a Esquire che l'America è il più grande paese del mondo. E non c'è dubbio che tu abbia un talento nel dare al pubblico americano le notizie televisive che vogliono guardare. Ma se sei un tipo mediocre, puoi dirci cosa è successo al tuo BlackBerry?

Oh, non ne hai uno, vero?

Naturalmente, molti americani medi hanno un BlackBerry, o qualcosa del genere, "smartphone", come vengono chiamati. E si può fare affidamento su molti americani per gestire i loro BlackBerry in modo responsabile, per essere "intelligenti" con i loro "smartphone". Non Roger Ailes. Per Roger Ailes, avere un BlackBerry è stato un grosso problema e, per essere più precisi, molto piccolo. Vedete, mentre la maggior parte di noi americani medi sono molto contenti dei nostri BlackBerry, dei nostri iPhone e dei nostri Android e sono felice della possibilità di rimanere "connessi" con i nostri cari quando siamo là fuori a cercare di sbarcare il lunario, ma Roger Ailes non lo era. Roger Ailes ammette di aver pensato che lo fosse anche il suo BlackBerry. piccolo per un uomo della sua statura e statura. Roger Ailes pensava che il suo BlackBerry lo faceva sembrare . ridicolo. In effetti, quando Roger Ailes vede uno dei suoi pochi colleghi nel mondo rarefatto dei media, degli affari o della politica usare un BlackBerry, gli dice di . sbarazzarsene, aggiungendo: "Hai dei dirigenti per questo". Grazie, signor Ailes. Grazie per il consiglio. La prossima volta che uno dei nostri lettori userà il suo BlackBerry per ricevere una fotografia di sua figlia nella recita scolastica che doveva perdere perché è là fuori a sbarcare il lunario, gli ricorderemo: "Hai dei dirigenti per questo". E gli ricorderemo il motivo che ci hai fornito per aver rinunciato al tuo BlackBerry: non vieni pagato per pensare a qualche piccolo dispositivo con cui devi lavorare con i pollici. Vieni pagato per pensarci vincente. Ed è quello che passi tutto il giorno a fare a Fox News: "pensare a modi per vincere".

Ok, signor Ailes, abbiamo capito. Non devi dire a Esquire che l'America è il più grande paese del mondo.

Ma la storia del BlackBerry di Roger Ailes non finisce qui, con la sua ammissione di essere un uomo ossessivamente competitivo. Esquire ha scoperto, tra l'altro dallo stesso Roger Ailes, che non ha rinunciato al suo BlackBerry semplicemente perché era sotto di lui. No, l'ha perso perché non lo era sopra non era al di sopra della tentazione di usarlo per litigare con gli americani medi. Roger Ailes, come gli piace pensare a se stesso, è un "bersaglio perfetto"? Per essere onesti, Esquire si sforza di non essere mai meno di quello che è giusto. Certo che lo è: è uno dei dirigenti dei media più potenti nella storia del mondo, se non dell'universo. La gente verrà da lui, e potrebbero scrivergli un'e-mail intemperante di tanto in tanto. Ma pensaci: sei Roger Ailes, uno dei più potenti media manager nella storia del mondo, se non dell'universo. Il tuo BlackBerry ti "pinga" con un'e-mail intemperante da uno dei tuoi concittadini americani, che ti dice che prenderà un aereo dal cuore della nostra grande patria in modo che possa trovarti tra i ricchi e potenti di New York City e calcia il tuo grande posteriore seduto in Aeron. Gli risponderesti? Probabilmente no e probabilmente penseresti che il tipo ha avuto una brutta giornata cercando di sbarcare il lunario e lasciarlo lì. Minacceresti il ​​tizio indietro? Diresti al tuo concittadino americano che se compra un biglietto per New York City e cerca di venire a trovarti al tuo ben custodito domicilio nel centro di Manhattan, tanto che qui citiamo, tanto "non dovrebbe preoccuparsi di comprare un biglietto di andata e ritorno perché mai tornare a casa"? No, non lo faresti, perché sei americano, e gli americani non minacciano gli altri americani che esercitano il sacro diritto alla libertà di parola, per quanto intemperanti possano essere. Ma Roger Ailes lo farebbe. Roger Ailes lo ha fatto. Lo ha fatto più e più volte, combattendo il fuoco con il fuoco, rispondendo intemperante a ogni e-mail intemperante che gli arrivava senza insulti o lamentele sotto la sua attenzione, fino a quando il suo staff di pubbliche relazioni, temendo che le e-mail ailesiane potessero diventare pubbliche e che il loro capo si stava divertendo troppo, ha concluso che forse dare a un uomo come Roger Ailes un BlackBerry non era una buona idea, dopotutto.

Allora chi è questo &hellip Roger Ailes, se non è chi dice di essere&mdashise non è un americano medio? Bene, la risposta breve è questa: non è solo un uomo che ha passato tutta la vita a pensare a come vincere, è un uomo che ha passato tutta la vita a vincere. Niente di sbagliato in questo, ovviamente: l'America ama un vincitore. Ma siamo onesti qui: siamo tutti americani medi. Qualcuno di noi? vincita tutto il tempo? Ovviamente no, altrimenti non saremmo nella media. Ma Roger Ailes sì. E così, signor Ailes, Esquire ha una domanda, a nome di altri americani medi: che tipo di uomo vince tutto il tempo? Che tipo di uomo dà al suo paese, più o meno in questo ordine, Mike Douglas, Richard Nixon, Tom Snyder, "Morning in America" ​​di Ronald Reagan, la pubblicità di Willie Horton, la pubblicità in cui Michael Dukakis gira in un carro armato e sembra un chipmunk, la presidenza di George HW Bush, CNBC, Fox News (edizione upstart-insurgent), Fox News (edizione airwaves-of-the-empire), Fox News (edizione "Obama sux") e Fox News (edizione Tea Party )? Più precisamente, che tipo di uomo riesce a capire a ventisette anni come usare la televisione per legittimare Richard Nixon e poi a settant'anni per legittimare Sarah Palin?

Aspettare. Non sapevi che è stato Roger Ailes a darci Richard Nixon? Ebbene, l'ha fatto. E, cosa più importante, Richard Nixon ha dato all'America Roger Ailes. Mettiamola così: quando Richard Nixon incontrò Roger Ailes nel 1967, Nixon era ancora il candidato perpetuo sudato, sfuggente, autocommiserante, petulante e paranoico di cui gli americani istintivamente diffidavano. E Roger Ailes era ancora il prodigio con cui aveva iniziato Lo spettacolo di Mike Douglas&mdashil primo talk show televisivo diurno distribuito a livello nazionale&mdash quando era appena uscito dall'Università dell'Ohio ed era produttore esecutivo quando aveva venticinque anni. Roger Ailes era ancora un membro tesserato dell'industria dell'intrattenimento notoriamente liberale, ancora un ragazzo a cui piaceva andare nei club e ascoltare "cantanti folk" come José Feliciano e Buffy Sainte-Marie e poi metterli in televisione, quindi le casalinghe americane potrebbero avere la loro coscienza sollevata e rendersi conto che odiavano i loro mariti. Ed è stato per intrattenimento che Roger Ailes ha ingaggiato Richard Nixon Lo spettacolo di Mike Douglas, insieme a "Little Egypt", una star burlesque che ha sollevato più di coscienze. e che hanno fatto capire ai mariti americani che odiavano le loro mogli. Bene, come racconta il signor Ailes, anche i pornografi hanno ammesso di avere degli scrupoli, quindi invece di far aspettare Richard Nixon nella stessa stanza verde di Little Egypt, ha chiesto al candidato di tornare nel suo ufficio. "È un peccato che un uomo debba usare espedienti come questo per essere eletto", dovrebbe aver osservato il signor Nixon al signor Ailes. "La televisione non è un espediente, e se pensi che lo sia, perderai di nuovo", avrebbe detto il signor Ailes al signor Nixon. E lì è nato il movimento conservatore moderno, non l'entità ideologica ma quella telegenica.

Vedi, quando Richard ha incontrato Roger, non era solo un incontro di uomini, era un incontro di bisogni. Era un incontro di ciò che Roger Ailes chiama "roba". Come in: "Se Richard Nixon fosse vivo oggi, sarebbe sul divano con Oprah, a parlare di come era povero, suo fratello è morto, sua madre non lo amava e suo padre lo ha picchiato a sangue. E tutti dicevano: "Oh, povero ragazzo, sta facendo del suo meglio. Vedi, ogni essere umano ha cose e cose che deve portare in giro, cose con cui ha a che fare. E Richard Nixon aveva un sacco di cose. Ha fatto il meglio poteva farlo, ma alla fine lo ha preso. Tuttavia, ha fatto molte cose buone come presidente". Sì, Roger Ailes è istintivamente attento alle cose delle persone, forse perché è sorprendentemente empatico quanto sensibile, e forse perché gli consente un importantissimo senso di vantaggio. Ma è consapevole del suo? Ha iniziato a lavorare per Richard Nixon pochi mesi dopo averlo incontrato nello show. Ha iniziato a lavorare per far eleggere Richard Nixon "dalla televisione", come dice lui, invece che nonostante ciò. Rinnega il suo impegno politico nei confronti di Nixon dicendo che non ha mai lavorato alla Casa Bianca ed era più interessato al potenziale politico della TV che alla politica stessa. "Non ero preoccupato per il messaggio. Ero preoccupato per la retroilluminazione. " E un anno dopo Richard Nixon era ancora sudato, ancora con gli occhi sfuggenti, ancora petulante, ancora paranoico e ancora istintivamente diffidente dalla maggior parte degli americani. L'unica differenza era che grazie a Roger Ailes era presidente.

Quanto a Mr. Ailes, era libero di perseguire ciò che gli interessava veramente: il potere grezzo. Ma era un nuovo tipo di potere, basato sull'intuizione che gli arrivava attraverso la sua stessa "roba". Prima dell'arrivo di Roger Ailes, si pensava che la televisione fosse un mezzo unificante, ovvero il "focolare elettronico". Il signor Ailes lo sapeva bene. Il signor Ailes sapeva che era il fuoco stesso. Il signor Ailes sapeva che lo schermo televisivo in ogni casa americana non era altro che un campo di battaglia, e lui che lo controllava controllava l'America, qualunque fosse il messaggio. Non doveva nemmeno essere apertamente politico, perché la televisione era per definizione un mezzo politico. Roger Ailes potrebbe vincere. se perdesse l'idea di un'America unificata. Potrebbe vincere. se si realizzasse la sua visione sovversiva dell'America. Potrebbe vincere. se la vita americana diventasse un argomento senza fine, radicato e soprattutto elettronico. E tu sai cosa?

L'ha sentito, signor Ailes?

Hai assolutamente ragione quando dici che la natura del tuo successo non è politica, perché non hai fatto altro che cambiare il gioco. la conversazione . la natura stessa del discorso pubblico in questi, gli Stati Uniti d'America. Politica? Per un uomo come te, la politica è solo un modo di tenere il punteggio. E così, come misura del tuo trionfo, ci poniamo solo la domanda che faresti a un uomo radicale, sovversivo, provocatore tanto quanto te. Su Fox News, i tuoi giornalisti e opinionisti non ti chiederebbero mai semplicemente se odi l'America. Non ti darebbero mai questa possibilità. E quindi, come unico tributo adeguato a quanto ci hai cambiato, possiamo solo porre la domanda come la faresti tu:

Perché Roger Ailes odia l'America?

Ok, ora che ci penso, c'è stata una volta che Roger Ailes ha perso. Certo, era un bravo sportivo, niente di grave, tutto è lecito in amore, in guerra e nel mondo rarefatto delle élite dei media.

No, il signor Ailes non era un buon perdente. Era il ragazzo che perde e porta a casa le sue biglie? Beh, non esattamente. Più come il ragazzo che prende le sue biglie, le vende alle spie russe, poi lavora con il governo russo per consegnare un dispositivo termonucleare direttamente a casa tua.

In questo caso, però, non erano i russi ad essere interessati a ciò che il signor Ailes stava vendendo. Era l'oligarca australiano Rupert Murdoch. Parla di cose che incontrano cose! Da un lato: l'astuto imprenditore agli antipodi che sta al "dominio globale" come Tiger Woods deve "assicurarsi di dare la mancia alla cameriera". Dall'altro: Roger Ailes, che aveva appena perso contro l'élite dei media che aveva sempre disprezzato e di cui diffidava.

Era il 1996, quasi trent'anni dopo che Roger Ailes aveva aiutato Richard Nixon a vincere la presidenza. Aveva cinquantacinque anni e stava attraversando una crisi di mezza età. Era alla NBC, dove aveva trasformato la CNBC da un canale di notizie in un circo di talk-show di grande successo, completo di orsi danzanti (e tori), e dove aveva un canale di talk show televisivi senza successo chiamato America's Talking. (Nome di uno degli spettacoli da lui programmati: sono matto?)

Ora la NBC stava progettando di trasformare America's Talking in MSNBC, un canale di notizie aperto 24 ore su 24 per competere con la CNN. MSNBC? Con caratteristica delicatezza, Ailes ha detto a NBC News che "sembrava una malattia". Ma ancora lo voleva. Oh, come lo voleva. Vedi, aveva qualche idea sul cavo. La NBC stava pensando di estendere la sua rete di notizie a cable&mdashall Brokaw, tutto il tempo. Roger Ailes pensava più sulla falsariga del "divide et impera". Ciò che il signor Ailes aveva compreso della natura politica della televisione nel 1968, sarebbe stato in grado di metterlo in pratica sulla televisione via cavo trent'anni dopo. "Roger avuto cable", afferma Phil Griffin, presidente di MSNBC. "Tutti gli altri l'hanno imparato, studiando Roger. Beh, forse non la CNN. La CNN ancora non lo capisce. Ma Roger l'ha capito dal primo giorno".

Cosa ha ottenuto? Ebbene, ha ottenuto ciò per cui era dotato per temperamento: quel telegiornale sarebbe stato diverso dal telegiornale. Quel telegiornale non doveva piacere a tutti gli americani. Che un pubblico impegnato fosse meglio di uno ampio. E che il pubblico migliore di tutti era quello che avevi tutto per te e che non solo era stato ignorato, ma uno che provato ignorato.

Ha lanciato quell'idea alla NBC.

Quindi si è licenziato e ha chiamato Rupert Murdoch. L'astuto magnate dei media internazionali gli ha posto la domanda che sarebbe arrivata a definire Fox News, e quindi la nostra era: "Puoi costruirmi una rete che possa battere la CNN?"

Ascoltate di nuovo, gente: colpo CNN, una società americana. Non "competi con". E certamente non "gioca bene con".

E questo è ciò che Roger Ailes ricorda di aver risposto: "Sì, se togli chiunque si frapponga al mio controllo completo e mi dai la distribuzione. Posso battere la CNN perché la CNN non ha mai avuto concorrenza e non saprà cosa fare. E MSNBC mi ignorerà, perché sono arroganti. E se mi ignorano per due anni, li distruggerò".

Così Roger Ailes iniziò a studiare la CNN. Studiare lo schermo, cercare i punti deboli.

Ne trovò due: noioso. Parziale.

Tirò fuori un taccuino e scrisse: "Equo ed equilibrato" e "Segnaliamo. Decidi tu".

Il pubblico migliore di tutti era quello che avevi tutto per te e uno che non solo era stato ignorato, ma si sentiva ignorato.

Ed eccoci qui oggi, ragazzi e ragazze. È il mondo del signor Ailes. Ci siamo appena fatti girare. Fox News è "giusto ed equilibrato"? Non importa. Perché giusto ed equilibrato non è una descrizione di Fox News, è un attacco a tutti gli altri. E ciò che rende davvero Fox News diverso da altre rispettabili organizzazioni di notizie è che la sua carica originale, da parte dell'Imperatore dell'Outback, non era né "rapporto" né "decisione". Era "vincere".

"Beh, vincere è molto più interessante dell'altra alternativa", ha detto recentemente il signor Ailes, quando gli è stato chiesto da Esquire di giustificare il suo divorante bisogno di vincere ad ogni turno, al diavolo le conseguenze. Oh, andiamo, signor Ailes. Esquire non ha un'ascia da macinare e si piegherà all'indietro per darti una bella scossa. Ma lo sai bene quanto noi: è solo un giro. Ci hai detto tu stesso: non puoi farne a meno. Ci hai detto tu stesso che quando hai visto la nuova campagna pubblicitaria di MSNBC, Lean Forward, hai detto: "Lean? Hanno pagato a Spike Lee 3 milioni di dollari per 'Lean'? Che razza di parola è? Non è questo il loro problema? pendente? Nessuno ha detto, che ne dici di "muoviti"?"

E così, ancora una volta, hai tirato fuori il tuo taccuino, hai scritto "Spostare For-ward" e in quattro ore ha mandato in onda la tua campagna per $ 1.500.

Abbastanza intelligente, signor Ailes. Hai vinto nuovamente. Devi essere orgoglioso di te stesso. Ci chiediamo se sarai ancora orgoglioso quando farai i conti e scoprirai cosa si è perso quando hai fatto un'intera campagna pubblicitaria per millecinquecento vongole invece di tre milioni:

C'è un professore alla Columbia University School of Journalism di nome Dick Wald. Sì, sì, sappiamo che & mdashRoger Ailes non dà una quota di voti alla CNN su ciò che un professore della scuola di giornalismo della Columbia ha da dire. Infatti, ogni volta che gli viene chiesto cosa lo qualifica a essere il capo di una grande rete di telegiornali, dà la stessa risposta: "Ho scavato fossati per vivere, non ci sono feste a cui voglio andare, e non ho andare alla scuola di giornalismo della Columbia." Ma il professor Wald non è solo... assistente, non un semplice praticante a punta delle arti liberali. Era il presidente di NBC News. Lui piace Roger Ailes. E se gli chiedi il segreto del successo di Mr. Ailes, ti dirà che è piuttosto semplice: "Roger, per molti versi, è solo più competente. Lo fa solo meglio. Le ancore sono migliori. La nitidezza dei rapporti è meglio. I presentatori non si interrompono, gli spettacoli si muovono e il punto di vista è chiaro. È solo un buon prodotto. Roger ha trovato un'area in cui poteva raggiungere ogni membro del pubblico individualmente. Questa è la grande differenza tra Fox e CNN ."

Poi aggiunge questo, sulla difficoltà di affrontare Roger Ailes: "Non puoi battere Roger combattendo sul territorio che si è lasciato alle spalle".

Abbastanza astuto per essere un professore. In effetti, potrebbe essere la cosa più astuta che Esquire abbia mai sentito sull'argomento del signor Ailes, perché spiega perché fa impazzire i suoi avversari. Gli esperti, i professori, i giornalisti professionisti, gli uomini di sinistra, gli abbracci di alberi, la blogosfera liberale, il presidente Obama e tutti continuano a cercare di beccarlo per violazioni delle regole che seguono e lui no. "Francamente, a Roger non frega un cazzo", dice un socio. "Semplicemente non ha il governatore che hanno gli altri dirigenti dei media. Fa cose che non farebbero mai, dice cose che non direbbero mai".

E di recente Roger Ailes ci ha dato una dimostrazione di cosa significhino esattamente il professore associato e il professor Wald.

Era il Veteran's Day e stava guardando la TV nel suo ufficio al secondo piano dell'edificio della News Corp. a New York City. Ne fa molto. Sì, è vero: a Roger Ailes piace guardare. Guarda la TV, studia la TV, per lo più con l'audio spento, in modo che possa osservare una delle regole che segue&mdashise qualcuno sta facendo qualcosa per farti spegnere l'audio Su, allora stanno facendo qualcosa di interessante. Su una parete del suo ufficio ci sono schermi che trasmettono Fox News e Fox Business Network, oltre a CNN, HLN, MSNBC e CNBC. Li guarda tutti, con la coda dell'occhio, e se gli dai tre secondi, ti regalerà il mondo. un mondo di critiche per ognuno, compreso il suo. Questo perché sa seguire il proprio occhio e mostra Roger Ailes su uno schermo televisivo, ti dirà cosa funziona, cosa no e come migliorarlo. "Dico alla mia gente che se vogliono essere artisti della televisione, lo schermo è la loro tela, ma devono ridipingerlo ogni tre secondi". Poi disse: "Guarda tutti quegli schermi. Dove va il tuo occhio?"

Vuole davvero sapere la verità, signor Ailes?

Non sappiamo voi, ma l'occhio di Esquire va allo schermo con la vostra rossa cremosa, Jenna Lee.

Certo, è uno schermo Fox, quindi vinci di nuovo. Ma, se non ti dispiace se lo diciamo, non c'era bisogno di una laurea in geniologia televisiva per vedere il potenziale della signora Jenna Lee.

Aspetta&mdashit ha fatto? "Beh, non assomigliava per niente a ora quando è venuta qui. Aveva appena completato la scuola di giornalismo della Columbia e voleva diventare una scrittore. Ma l'ho incontrata e l'ho mandata a truccarsi e pettinarsi per ripulirla un po'. Quando è tornata, le ho dato un'occhiata e le ho detto: "Cosa penseresti di andare in onda?" Ho dovuto lavorare un po' con lei per abbassarla, e ora diventerà una grande star. E voleva diventare una scrittrice".

Così quello è com'è fatto&mdashè così che la Fox è diventata la farmacia di Schwab per le ragazze cattive di destra. Ma se ascolti Mr. Ailes, non è solo una questione di bellezza, è una questione di autenticità. "Guarda la ragazza laggiù su HLN. Afro-americana. Attraente, anche se ha bisogno di un taglio di capelli. E non sa come vestirsi e il suo vestito è troppo occupato, guarda cosa sta facendo allo schermo. E la usano troppo "Ma ha un aspetto interessante. Guarda la differenza tra lei e l'ancora. Sta solo essendo se stessa. Non sta cercando di fare nulla. Sta solo cercando di raccontargli una storia. È interessante. Lui sta cercando di essere un'ancora. È cercando di proiettare l'autorità È sempre più interessante guardare le persone essere ciò che sono piuttosto che guardare le persone che cercano di essere ciò che non sono.

Con "Megyn" intende, ovviamente, la volpe della volpe Megyn Kelly, la più cattiva delle ragazze cattive, la bionda sontuosa e imponente con gli occhi spalancati, il vivace mento triangolare e il ghigno porno che rivolge a sfortunati ospiti liberali. Roger Ailes gli amori Megyn Kelly (in modo paterno, ovviamente): "Lei è una ospite. Per prima cosa, è senza paura e striscia giù per una ciminiera per una storia. Ma guarda come si muove. Si muoverebbe così se litigasse a tavola. Molto naturale. O'Reilly è allo stesso modo. È un irlandese a cui piace litigare. Lo farebbe ovunque. Abbiamo appena trovato un modo per lui di farlo in TV".

Ora, se parli con altre persone della rete, ti diranno che Roger non è esattamente la prima persona a capire che la gente preferisce guardare le ragazze carine che leggono le notizie piuttosto che quelle semplici. "Roger è semplicemente disposto ad andare più lontano di chiunque altro", afferma un esperto del settore. "Lui porta l'ovvio più di chiunque altro. Tutti gli altri vanno a metà strada, e finiscono per sembrare sciocchi." Roger, tuttavia, ha una visione diversa. È in grado di assumere talenti autentici, ovvero talenti che hanno la capacità di apparire autentici davanti a una telecamera, perché lui stesso è autentico. "Non sto cercando di essere nessuno", dice. "Sai perché gli altri dirigenti assumono sempre dei fasulli? Perché sono dei fasulli. Assumono dei fasulli perché Come fasulli. Sono a loro agio con loro." È lo stesso motivo per cui assumono tutti persone di sinistra, perché sono di sinistra.

"Guarda", disse, "è il Veteran's Day, e noi siamo gli unici a fare qualcosa al riguardo. Quindi forse piacciamo alla gente perché ci piacciono i veterani. Quelle altre reti probabilmente dovevano avere un riunione a proposito. Probabilmente erano preoccupati che se fossero stati a favore dei veterani, la gente avrebbe pensato che fossero a favore della guerra." Vedi, questa è la differenza: Fox è a favore dei veterani e le altre reti lo sono. beh, non lo sono. anche scelta professionale. "Dicono che sono a favore della scelta. Sono a favore dell'aborto! Alcuni dei talenti che vengono alla Fox vengono qui perché le altre reti richiedere loro di essere proabortisti."

Poi ha raccontato una storia di trionfo, sull'aver indossato una spilla con la bandiera a un evento al Museum of Television & Radio di New York dopo l'11 settembre ed essere stato avvicinato nientemeno che da Morley Safer e da "quello stronzo di Dick Wald" per aver rinunciato alla sua obiettività giornalistica. . Gli hanno davvero preso addosso, chiedendogli come potesse essere giusto ed equilibrato sfoggiando una spilla da bandiera, finché alla fine non ne ha avuto abbastanza: "'Guarda', dissi, 'potrei essere un po' schizzinoso sull'uccidere i bambini. Ma io' Sono favorevole alla scelta dei perni della bandiera!' "

O-kay . e così Esquire chiamò in seguito Dick Wald per un commento. "Me lo ricordo in modo un po' diverso", ha detto. "Non stavamo chiedendo se Roger avesse il diritto di indossare una spilla da bandiera. Io non lo farei mai. Quello di cui stavamo parlando, se ricordo bene, era se ancore dovrebbe indossare spille per bandiere. Mi sembra di ricordare qualcosa su Roger che gli chiedeva il suo ancore indossare spille da bandiera. ."

E poi lo abbiamo sentito. Fai? Ascolta da vicino. Sì . questo è il suono terribile di qualcuno che cerca di battere Roger Ailes su un territorio che Roger si è lasciato alle spalle molto tempo fa.

C'è un ristorante a New York chiamato Michael's. Se non ne hai sentito parlare, non preoccuparti&mdashtu avere una vita. Stai cercando di sbarcare il lunario. Hai cose più importanti di cui preoccuparti del tipo di tavolo che ottieni da Michael rispetto al tipo di tavolo che ottiene il tuo concorrente in un'altra rete o in un altro giornale o un'altra rivista.Hai più di cui preoccuparti che la tua posizione nell'élite dei media. Perché è quello che va da Michael. Non è il tipo di posto in cui va un americano medio. Non è nemmeno il tipo di posto in cui va un newyorkese medio. È un club per persone dei media e solo per persone dei media, proprio per le persone il cui disprezzo Roger Ailes considera un'ispirazione e una ricompensa per un lavoro ben fatto.

Roger Ailes ha un tavolo da Michael?

Certo che lo fa. Ha il miglior tavolo da Michael. Ci va a pranzo, ed è così che uno dei suoi ospiti descrive l'esperienza di mangiare con lui: "Sarai seduto al suo tavolo da Michael, e lui brontolerà di non ottenere alcun rispetto e di essere un estraneo mentre tutti sta facendo la fila per baciargli l'anello. E tu dirai, Roger, sei da Michael, sei al miglior tavolo&mdash cosa vuoi di più?"

"Dico alla mia gente che se vogliono essere artisti della televisione, lo schermo è la loro tela, ma devono ridipingerlo ogni tre secondi".

Roger Ailes è un uomo cinico? Affatto. Crede davvero alle cose che dice. Crede davvero di essere un americano medio. Crede davvero di essere disprezzato da coloro che lo ammirano e lo temono. Crede davvero di essere l'unico uomo in America che può essere definito grasso impunemente. Crede davvero che il suo potere sia radicato nel suo disprezzo per ciò che la gente pensa di lui. Crede davvero di essere l'unica persona genuina nel mondo dei media. Crede davvero che Fox sia giusto ed equilibrato. Crede davvero che il suo successo abbia poco a che fare con la politica e molto con la televisione. Crede davvero, nonostante le sue successive scuse, che le persone che hanno licenziato il povero Juan Williams dalla NPR siano nazisti. Crede davvero di cercare le voci liberali con la stessa ardore con cui cerca quelle conservatrici. Crede davvero che fino a quando la sua artrite non lo ha immobilizzato, avrebbe sempre potuto tornare a scavare fossati per vivere. Crede davvero che nonostante sia immobilizzato dall'artrite, potrebbe cavarsela se qualcuno lo sfidasse a combattere, e che chiunque venga a New York per combattere contro di lui non dovrebbe preoccuparsi di comprare un biglietto aereo per tornare a casa.

Ok, allora: Roger Ailes è pazzo? Questa è una buona domanda. perché Roger Ailes crede che tu sono&mdashor, per lo meno, che pensi di essere. È la sua grande teoria del comportamento umano. "Guarda", dice, "non passa giorno in cui tutti non si dicano: 'Sono matto?' Lo fanno nella loro testa. La gente pensa di essere pazza". Ha una tale fiducia nella validità di questa teoria che ha creato uno spettacolo per il suo network America's Talking chiamato esattamente questo&mdashsono matto? È così sicuro di aver costruito Fox News come una ventiquattr'ore su ventiquattro sono matto? per i conservatori americani. Vedi, quello che Roger Ailes ha fatto alla Fox è trovare un modo per diffondere l'estremismo per divertimento e, naturalmente, per profitto. Ha scoperto che le persone hanno bisogno dell'esperienza di convalida dell'estremo nello stesso modo in cui ne ha bisogno lui. E prende posizioni estreme e dice cose estreme perché ne ha bisogno, perché gli permettono di fare la scelta che è al centro del suo potere.

"Sarebbe una bugia dire che non mi interessa quello che la gente dice di me", dice. "Ogni essere umano si preoccupa a meno che non sia matto. Sono matto? Ma non puoi permettere che questo prevalga sulla tua missione. Non puoi permettere che piaci a qualcuno o meno di alterare il tuo corso d'azione. A volte penso, certo, che ferisce i miei sentimenti. Ma non è così importante che aggiusti quello che sto facendo perché a qualcuno non piacerò".

Un giorno, alcuni bulli hanno picchiato Roger Ailes mentre tornava a casa da scuola. Suo padre odiava vederlo ferito e sanguinante, ma non voleva combattere le battaglie di suo figlio per lui, così gli insegnò a combattere e lo rimandò a scuola con le parole: "Ricorda, figliolo, per loro è una lotta, per te è vita o morte."

Hai già sentito questa storia. Potresti anche aver raccontato questa storia prima, perché è una storia americana media, e tu, il lettore di Esquire, sei un americano medio. Certamente, non saresti sorpreso di sentire un uomo come Roger Ailes raccontarlo, perché è esattamente il tipo di storia che gli uomini potenti raccontano per lucidare i loro miti ai loro ambiti tavoli da Michael. Ma cosa succede se Roger Ailes è un uomo potente perché è davvero diverso dagli altri uomini potenti? E se Roger Ailes dovesse davvero vincere ogni combattimento perché ogni combattimento è una questione di vita o di morte? Quindi ascolta di nuovo una storia americana media di un'infanzia americana media e chiedi se Roger Ailes è un americano medio dopo tutto:

Quando era un bambino, è caduto dalla culla. Si è spaccato il labbro e ha sanguinato. Molti bambini fanno la stessa cosa. Ma Roger continuava a sanguinare. Ricorda, questo è stato settant'anni fa. All'epoca non si sapeva quasi nulla dell'emofilia. E certamente non c'era molto da fare al riguardo, tranne trasfusioni di sangue intero. "Beh, sei morto. Questo è quello che sapevi. Mi è stato detto molte volte che non ce l'avrei fatta."

Il momento più vicino alla morte è stato quando aveva sette o otto anni. Si è morso la lingua quando è saltato giù dal tetto del garage. La sua bocca si riempì di sangue e il sangue non si fermava, il sangue inzuppava le lenzuola del suo letto, e sentì il dottore dire a suo padre che non c'era niente che potesse fare. Roger Ailes stava per sanguinare dalla lingua. Ma suo padre era un combattente, cioè litigava e Roger lo ammirava per questo. Ora ha combattuto per la vita di suo figlio. Prese in braccio Roger, lo avvolse in lenzuola insanguinate e lo portò alla Cleveland Clinic con una scorta della polizia. Nella fabbrica in cui lavorava, il vecchio ha rintracciato tutti coloro che avevano sangue di tipo 0 positivo, e ora ha invitato tutti loro a venire a Cleveland per suo figlio. Lo hanno fatto, e Roger ricorda ancora i loro nomi, Dirtyneck Watson e gli altri, uomini sporchi dal lavoro che si sono messi in fila uno dopo l'altro per dare a Roger il loro sangue, a braccetto. "'Beh, figliolo, hai un sacco di sangue da colletti blu in te, non dimenticarlo mai', disse mio padre dopo che l'ho superato, e non l'ho mai fatto. Molto di ciò che facciamo alla Fox è roba da colletti blu ."

"Non passa giorno in cui tutti non si dicano: 'Sono matto?'"

Ma non è mai stato quel ragazzo, non proprio. Non potrebbe essere. La malattia che aveva era la Malattia Reale, la malattia della progenie della regina Vittoria, una malattia considerata debole, una macchia mortale. A scuola doveva sedersi su un cuscino. Non poteva uscire durante la ricreazione. E così un giorno chiese ai suoi genitori di lasciarlo andare a scuola, come gli altri bambini, e loro lo lasciarono. "E alcuni ragazzi mi hanno picchiato. Sono andato a casa un po' malconcio e mio padre, ho visto le lacrime nei suoi occhi per la prima volta. Non l'avevo mai visto. E lui ha detto: 'Non ti succederà mai più .' Mi ha insegnato a combattere. E mi ha detto di stare lontano da qualsiasi combattimento che potevo. "Ma se non hai opzioni, allora ricorda, figliolo, per loro è una lotta. Per te, è vita o morte". "

Tutti sanguinano. Sanguiniamo tutto il tempo. Sanguiniamo quando ci muoviamo, sanguiniamo quando incontriamo le cose. Ma per molti anni, non c'è stato molto da fare per l'emofilia, fino agli anni Sessanta, Roger ha continuato a sanguinare. Ecco perché ha un'artrite così brutta: perché il sangue si raccoglie nelle articolazioni e le rovina. Ed è per questo che lavora sotto il giudizio della sua mole e trova così profondamente ingiusto quando la gente lo chiama grasso. Perché non può muoversi. Ed è per questo che ha trovato un modo per combattere così tante delle sue battaglie tra la vita e la morte attraverso lo schermo televisivo: era il suo modo di combattere i bambini che vedeva giocare fuori dalla finestra. Ed è per questo che è così sensibile e istintivamente attento alle cose degli altri. perché un giorno, quando parlava della necessità che le sue ancore avessero calore, e venne fuori l'argomento del problema del calore del presidente Obama, rispose rapidamente, all'istante, "Beh, forse se tuo padre ti ha lasciato quando avevi due anni, il tuo il patrigno ti ha lasciato quando avevi quattro anni, e tua madre era fuori dalla tua vita quando avevi dieci anni, neanche tu saresti stato al caldo".

Quindi che tipo di uomo deve vincere tutto il tempo? Il tipo di uomo le cui ferite sono sempre fresche.

Quindi cosa succede quando a un uomo piace. Roger Ailes viene in America e cerca di adattarsi agli americani medi? Bene, chiedi ai tuoi concittadini americani nella contea di Putnam, New York, e lo sanno. Ovviamente, a sentirlo dire da Roger Ailes, non è diverso da nessun altro. Ha una moglie e un figlio. Sta cercando di proteggerli. Sta cercando di dare loro un'eredità. Probabilmente aveva anche bisogno di un po' di spazio in più e di una seconda casa dove poter montare la testa di George Soros sul muro. Così, come ogni americano medio, Roger Ailes acquistò un terreno e iniziò a lavorare su quella casa da sogno e quella villa da sogno, in realtà a circa un'ora e mezza a nord di Manhattan, nel sonnolento villaggio di Garrison, nella Hudson River Valley, nella cittadina di Philipstown, nel contea di Putnam. È il tipo di posto del signor Ailes e quasi il tipo di posto con la storia (Benedetto Arnold ha dormito lì) una vista, dall'altra parte del fiume, di West Point (dove il signor Ailes occasionalmente tiene conferenze sui media e sui militari) un dipartimento dei vigili del fuoco volontari (dove gli piace appendere fuori) e uno dei più alti redditi pro capite negli Stati Uniti. Pensò di ritirarsi lì con la moglie e il figlio. Forse scrivendo le sue memorie in modo che suo figlio non debba conoscere suo padre leggendo il suo necrologio in Il New York Times.


I. “Lascialo in pace”

La mattina del 6 luglio, James e Lachlan Murdoch si trovavano ai lati opposti della Sun Valley, nell'Idaho. Lachlan stava finendo un allenamento al Ketchum YMCA, decisamente in centro. James stava camminando lungo una pista ciclabile dopo aver partecipato a una sessione mattutina alla conferenza annuale di Allen & Co.. Ogni luglio, la conferenza inceppa il piccolo Friedman Memorial Airport con i jet Gulfstream dei miliardari dei media e della tecnologia del mondo, che si riuniscono nella città sciistica per negoziare la propria conservazione. James e Lachlan avevano entrambi partecipato alla conferenza prima, ma erano sempre all'ombra del loro padre, Rupert Murdoch. Quest'anno è stato diverso. Per la prima volta, erano lì alle loro condizioni, almeno per il momento, e avrebbe potuto sembrare che alla fine stessero operando secondo le loro regole.

Poco dopo le 10 del mattino, ora della montagna, Lachlan tirò fuori il cellulare e chiamò Julie Henderson, vicepresidente esecutivo e direttore delle comunicazioni della 21st Century Fox, l'azienda della famiglia Murdoch, per fare il check-in. “Hai visto la tuta? " lei chiese. "Quale vestito?" lui ha risposto. Henderson ha spiegato che Gretchen Carlson, ex co-conduttrice di Volpe e amici, aveva citato personalmente in giudizio Roger Ailes per molestie sessuali.

Lachlan chiamò James, che era stato nominato C.E.O. della 21st Century Fox poco più di un anno prima. Lachlan, il più anziano dei due, si era accontentato del ruolo di co-presidente esecutivo della Fox e co-presidente della sua consociata, News Corp. "Hai visto la causa contro Roger?", ha chiesto Lachlan. James no. I fratelli erano stati rivali per gran parte della loro vita, in lizza per l'attenzione e la buona opinione del padre, fondatore e presidente esecutivo di entrambe le società. Il rapporto tra Rupert, che ora ha 85 anni, e i suoi figli potrebbe essere complicato. Potrebbe anche essere stranamente aziendale. C'è voluto un pasto alla conferenza di Allen nel luglio 2013 perché i tre uomini si riunissero e decidessero come avrebbero condiviso il potere ai vertici delle società di Murdoch. Rupert ha sempre fatto ciò che riteneva sensato per l'azienda, e i figli a volte finivano come danni collaterali. Lachlan, ad esempio, era partito per l'Australia nel 2005 dopo che Rupert si era schierato con Ailes per suo figlio in una disputa con la Fox Television. Rupert era sempre stato protettivo nei confronti dei ragazzi, ma non era sempre chiaro che fossero la sua priorità assoluta.

Ora, inaspettatamente, i figli stavano affrontando insieme una prova: uno dei vice più stretti del padre era accusato di un reato gravissimo. I fratelli avevano un rapporto lungo e irritabile con quest'uomo. La moglie di James, Kathryn Murdoch, trovava Ailes particolarmente sgradevole. Quando le loro promozioni erano state annunciate, nel 2015, Ailes aveva dichiarato pubblicamente che avrebbe continuato a riferire direttamente a Rupert, solo per essere interrotto: avrebbe, infatti, dovuto riferire ai figli di Rupert. E in questo momento, a luglio, all'insorgere della crisi, lo stesso Rupert non era disponibile: era in volo, di ritorno dalla Francia, dove aveva trascorso del tempo sulla sua barca nel Mediterraneo con la sua quarta moglie, Jerry Hall . Quello che è successo dopo si è rivelato più facile da realizzare perché Rupert Murdoch non era immediatamente lì per pesare.

James e Lachlan hanno deciso di incontrarsi al Sun Valley Resort, appena a nord di Dollar Mountain, dove alloggiavano, per gentile concessione di Allen & Co. Julie Henderson ha inoltrato la causa a loro e a Gerson Zweifach, il consigliere generale della 21st Century Fox, che era alla sua scrivania a New York. Per gli standard di Murdoch, Zweifach era una nuova assunzione. Era entrato a far parte dell'azienda nel 2012, attirato lontano da Williams e Connolly mentre Murdoch cercava disperatamente aiuto per contenere lo scandalo dell'hacking telefonico in Gran Bretagna, che stava avvolgendo i suoi giornali lì. Il gruppo ha organizzato una teleconferenza. Zweifach ha quindi contattato Fox News per chiedere informazioni sulle circostanze della partenza di Carlson. Non conosceva Carlson o molte delle altre personalità di Fox News, che operava con grande autonomia all'interno del più ampio conglomerato dei media. Parte del motivo era la natura dell'approccio laissez-faire di Murdoch alla gestione, ma parte era anche la natura di Roger Ailes, che proteggeva ferocemente i suoi affari e il suo controllo su di essi. "Lascialo in pace", diceva Rupert di Ailes, secondo un ex alto dirigente. "Sa quello che sta facendo."

Zweifach ha appreso rapidamente che il contratto di Carlson era scaduto e non veniva rinnovato. La stessa Carlson lo aveva appreso sommariamente solo il 23 giugno. Era uscita dal set del suo spettacolo, La vera storia con Gretchen Carlson, ed è stato chiamato a un incontro con il consigliere generale di Fox News Dianne Brandi e Bill Shine, un vicepresidente esecutivo senior. Da allora, la società non aveva sentito nulla, fino alla causa. Il silenzio era un avvertimento per chiunque fosse esperto di vie di fuga aziendali. In genere, se qualcuno sta semplicemente cercando di negoziare una migliore separazione da un'azienda prima di uscire dalla porta, la persona si impegnerà in una negoziazione sui termini prima di intentare causa. Carlson non l'aveva fatto, segno che le sue intenzioni erano più complicate e forse includevano rabbia profonda e il desiderio di esporre determinati fatti alla vista pubblica. In effetti, Carlson aveva parlato con il suo avvocato, Nancy Erika Smith, della ditta Smith Mullin, del suo trattamento alla Fox e di una possibile causa contro Ailes, dall'autunno del 2015. Aveva passato l'anno passato a raccogliere prove registrando di nascosto una serie di conversazioni con Ailes. Non aveva intenzione di presentare la domanda fino a settembre 2016, ma non rinnovando il contratto Fox News aveva inavvertitamente accelerato i tempi. Carlson chiamò rapidamente il suo avvocato, che si stava riprendendo da un intervento chirurgico al tendine del ginocchio. Si sono affrettati a preparare la loro azione legale.

VIDEO CORRELATO: James Murdoch a Fiera della vanitàdel 2015 New Establishment Summit

Gli eventi inaspettati di quella mattina del 6 luglio a Sun Valley avrebbero chiamato all'azione un esercito di avvocati e consulenti su vari lati della linea di frattura che attraversava le relazioni tra Ailes, Rupert Murdoch e i figli di Rupert Murdoch. Questi tre partiti avevano convissuto, non sempre felicemente, per anni, e la causa di una donna stava per scatenare forze che erano state a lungo tenute sotto controllo. Questo resoconto include il punto di vista della maggior parte delle persone coinvolte, direttamente o tramite intermediari.


Come Roger Ailes ha costruito la fabbrica della paura di Fox News

Alla festa delle vacanze di Fox News, l'anno in cui la rete ha superato la rivale CNN negli ascolti via cavo, i dipendenti ubriachi sono stati ammassati nel seminterrato di un bar di Midtown a New York. Mentre si radunavano attorno a un televisore montato in alto sulla parete, un'immagine prese vita, risplendendo luminosa nella taverna buia: il logo MSNBC. Un coro di fischi esplose tra i fedeli Fox. Seguì il logo della CNN e i fischi si moltiplicarono. Poi è apparsa una terza diapositiva, con una svolta significativa. Al posto del logo per Fox News c'era un volto benefico: il volto del fondatore della rete. L'uomo noto ai suoi più feroci lealisti semplicemente come "il presidente" & ndash Roger Ailes.

Imparentato

Roger Ailes si dimette da Fox News tra le accuse di molestie sessuali
Megyn Kelly: Fox News non voleva una guerra con Donald Trump

Imparentato

Willie Nelson: 20 canzoni oscure ma fantastiche
I migliori giradischi audiofili per il tuo sistema audio domestico

"Era come se stessimo guardando Mao", ricorda Charlie Reina, un ex produttore di Fox News. I Foxista si sono scatenati. Hanno fatto uscire i cani. Trama! Trama! Trama! Anche coloro a cui non piaceva il modo in cui Ailes gestisce la sua rete si sono uniti alla dimostrazione di fedeltà, data la cultura dell'intimidazione in Fox News. "È come l'Unione Sovietica o la Cina: le persone si guardano sempre le spalle", afferma un ex dirigente del genitore della rete, News Corp. "Ci sono persone che denunciano le persone".

La chiave per decodificare Fox News è Bill O'Reilly o Sean Hannity. Non è nemmeno il capo della News Corp. Rupert Murdoch. Per capire cosa guida Fox News e qual è il suo vero scopo, devi prima capire il presidente Ailes. &ldquoHe è Fox News", afferma Jane Hall, una opinionista Fox decennale che ha disertato per l'abbraccio di Ailes al temibile Glenn Beck. &ldquoE' la sua visione. È un riflesso di lui.&rdquo

Ailes gestisce il capo più redditizio e quindi meno responsabile della News Corp. idra. Fox News ha raccolto un profitto stimato di 816 milioni di dollari l'anno scorso, quasi un quinto del fatturato globale di Murdoch. I guadagni del canale via cavo hanno rivaleggiato con quelli dell'intera divisione cinematografica di News Corp., che include la 20th Century Fox, e hanno contribuito a compensare un crollo dell'amata unità di giornali di Murdoch, che ha subito una svalutazione di $ 3 miliardi dopo l'acquisizione Il giornale di Wall Street. Con le sue scarse operazioni di notizie e raccolta di informazioni, Fox News ha un terzo del personale e 30 uffici in meno rispetto alla CNN e Ailes genera margini di profitto superiori al 50 percento. Quasi la metà proviene dalla pubblicità e il resto è dovuto alle società via cavo. Fox News ora raggiunge 100 milioni di famiglie, attirando più spettatori di tutti gli altri canali di notizie via cavo messi insieme, e Ailes mira a far sì che la sua rete "geli un miliardo di profitti".

Il grande successo di Fox News dà ad Ailes una mano libera per plasmare la rete a sua immagine.“Murdoch non ha quasi alcun coinvolgimento in tutto questo,”, dice Michael Wolff, che ha trascorso nove mesi a News Corp. facendo ricerche su una biografia del gigante dei media australiano. “La gente ha paura di Roger. Murdoch ha paura di Roger. Ha accumulato un enorme potere all'interno dell'azienda e all'interno del paese grazie al successo di Fox News.

La paura, infatti, è esattamente ciò che Ailes sta vendendo: la sua rete ha incessantemente pubblicizzato minacce fantasma come la pianificata "moschea del terrore" vicino a Ground Zero, ispirando il pastore della Florida Terry Jones a bruciare il Corano. In privato, Murdoch è impressionato dal buon senso degli affari di Ailes quanto sprezzante nei confronti della sua politica estremista. “Sai che Roger è pazzo,” ha recentemente detto Murdoch a un collega, scuotendo la testa incredulo. “Lui crede davvero a queste cose.”

Guardare anche un solo giorno di Fox News – la rabbia, l'arroganza, la virulenta vena paranoica, gli infiniti appelli al risentimento bianco, i reportage che si attengono allo stesso livello di prova di un attacco di fine e timido ottobre e – è vedere una rifrazione del suo fondatore, uno degli agenti più abili e temibili nella storia del Partito Repubblicano. Come consulente politico, Ailes ha riconfezionato Richard Nixon per la televisione nel 1968, ha tamponato l'Alzheimer in erba di Ronald Reagan nel 1984, ha alimentato spudoratamente le paure razziali per eleggere George H.W. Bush nel 1988 e ha condotto una campagna segreta per conto di Big Tobacco per far fallire la riforma sanitaria nel 1993. "Era il ragazzo più importante nel settore", afferma l'ex manager della campagna di Reagan Ed Rollins. “Era il nostro Michelangelo.”

Nella favola che Ailes racconta della propria vita, ha fatto un taglio netto con il suo sporco passato politico molto prima del 1996, quando ha unito le forze con Murdoch per lanciare Fox News. "Ho lasciato la politica", ha affermato, "perché la odiavo". Ma un esame della sua carriera rivela che Ailes ha usato Fox News per aprire la strada a una nuova forma di campagna politica, che consente al GOP per aggirare i giornalisti scettici e condurre un assalto partigiano 24 ore su 24 all'opinione pubblica. La rete, nel suo nucleo, è un gigantesco palcoscenico creato per imitare l'aspetto e l'atmosfera di un'operazione di notizie, mimetizzando abilmente la propaganda politica come giornalismo indipendente.

Il risultato è una delle macchine politiche più potenti della storia americana. Uno che gioca un ruolo di primo piano nella definizione dei punti di discussione repubblicani e nel portare avanti l'agenda dell'estrema destra. Fox News ha inclinato l'equilibrio elettorale a favore di George W. Bush nel 2000, dichiarandolo prematuramente presidente con una mossa che ha spinto ogni altra rete a seguire l'esempio. Ha contribuito a creare il Tea Party, trasformandolo da oggetto di scherzi a tarda notte in un'insurrezione nazionale in grado di eleggere i senatori degli Stati Uniti. Fox News ha messo il turbo all'acquisizione repubblicana della Camera lo scorso autunno e ha persino aiutato a eleggere l'ex conduttore di Fox News John Kasich come governatore antisindacale dell'Ohio con l'aiuto di $ 1,26 milioni in contributi alla campagna da News Corp. E incubando una serie di potenziali contendenti GOP sul libro paga di Fox News, tra cui Sarah Palin, Mike Huckabee, Newt Gingrich e Rick Santorum, Ailes sembra determinato ad aggiungere una quinta tacca presidenziale alla sua cintura nel 2012. “Tutto quello che Roger voleva fare quando ha iniziato in politica, ora lavora 24 ore su 24, 7 giorni su 7 con la sua rete,' dice un ex dirigente di News Corp.. “Il cerchio si chiude.”

Prendilo da Rush Limbaugh, un “caro amico” di Ailes. “Un uomo ha creato una cultura per 1.700 persone che ci credono, che la seguono, che la eseguono,” Limbaugh una volta dichiarò. “Roger Ailes non è in onda. Roger Ailes non si fa mai vedere davanti alla telecamera. Eppure tutti quelli che lo fanno sono un riflesso di lui

Il 71enne Ailes presenta la classica figura di un cattivo cinematografico: calvo e obeso, con mani delicate, guance hitchcockiane e un'andatura goffa. Gli amici lo descrivono come leale, generoso e "prende a schiaffi tua madre divertente". Ma Ailes è anche, a sua volta, un tiranno: "Capisco solo l'amicizia o la terra bruciata", ha detto. Un ex deputato lo considera un incrocio tra Don Rickles e Don Corleone. "La cosa divertente per Roger è la distruzione", afferma Dan Cooper, un membro chiave del team che ha fondato Fox News. “Quando la lampadina si accende e lui ottiene il trucco per superare in astuzia il nemico e questa è la sua passione.” Anche Ailes è profondamente paranoico. Convinto di essere stato personalmente preso di mira da Al Qaeda per l'assassinio, si circonda di un'aggressiva scorta di sicurezza ed è autorizzato a portare una pistola nascosta.

Ailes è nato nel 1940 a Warren, Ohio, un avamposto manifatturiero vicino a Youngstown. Suo padre lavorava nello stabilimento Packard che produceva cablaggi per auto GM e Roger crebbe risentito per gli abusi che suo padre dovette subire dai "ragazzi del college" che gestivano la linea. Ailes ha definito suo padre un "repubblicano Taft" e la descrizione è istruttiva: il senatore Robert Taft dell'Ohio ha guidato una rivolta del GOP per bloccare l'espansione del New Deal alla fine degli anni '30 e ha guidato il passaggio del Taft- Hartley Act, che ha respinto il potere dei sindacati.

Roger ha trascorso gran parte della sua giovinezza in convalescenza. Un bambino malaticcio - l'emofilia lo ha costretto a saltare la ricreazione a scuola - ha dovuto imparare di nuovo a camminare dopo essere stato investito da un'auto all'età di otto anni. Sua madre lavorava fuori casa, quindi è stato allevato in egual misura da sua nonna e dalla TV. "Io e la televisione siamo cresciuti insieme", ha scritto in seguito.

Un adolescente alcolizzato & ndash & amp; “Ero sempre martellato” &ndash Ailes ha detto che “è andato alla scuola statale perché mi hanno detto che potevo bere.” C'era un'altra ragione: suo padre lo aveva cacciato di casa quando si è diplomato al liceo. Durante il suo periodo all'Università dell'Ohio, dove ha studiato radio e televisione, i suoi genitori hanno divorziato e hanno lasciato la casa in cui aveva trascorso gran parte della sua infanzia per riprendersi da malattie e infortuni. "Sono tornato indietro, la casa è stata venduta, tutte le mie cose erano sparite", ha ricordato. “Non ho mai trovato la mia merda!” Lo shock sembra aver lasciato in lui una nostalgia quasi patologica per i simboli dell'America di provincia.

Al college, Ailes ha cercato di entrare nell'Air Force ROTC ma è stato rifiutato a causa della sua salute. Così è diventato un fanatico del dramma, recitando in uno stuolo di produzioni collegiali. La serie di attori non ha mai lasciato Ailes: il suo primo lavoro dopo il college è stato come fattorino Lo spettacolo di Mike Douglas, uno spettacolo di varietà diurno distribuito a livello nazionale che presentava star invecchiate come Jack Benny e Pearl Bailey in un mondo in deliquio per Elvis e i Beatles. In molti modi, Ailes rimane una creatura di quell'era precedente. I suoi modi anni Cinquanta, le sue risposte a secco e il sessismo non ricostruito danno la sensazione, dice un intimo, "come se stessi parlando con qualcuno che è stato sotto una roccia per un paio di decenni".

Ailes ha trovato la sua vocazione in televisione. Ha dimostrato di essere un prodigio della TV, registrando un'ascesa fulminea da gofer a produttore esecutivo all'età di 25 anni. Ailes aveva una strana sensazione per la scenografia e come far risaltare le performance di conversazione in diretta televisiva. Ma era dietro le quinte di Mike Douglas nel 1967 che Ailes incontrò l'uomo che lo avrebbe messo sulla sua strada come il più grande agente politico della sua generazione: Richard Milhous Nixon. L'ex vicepresidente, la cui esibizione di dibattito ampolloso e sudato contro John F. Kennedy aveva contribuito a condannare la sua candidatura presidenziale nel 1960, era in un tour mediatico per riabilitare la sua immagine. Aspettando con Nixon nel suo ufficio prima dello spettacolo, Ailes ha aguzzato il suo potente ospite. “La fotocamera non ti piace,” disse. Nixon era contento. "È un peccato che un uomo debba usare espedienti come la televisione per essere eletto", brontolò. “La televisione non è una trovata,” Ailes. &ldquoE se pensi che lo sia, perderai di nuovo

Lo scambio è stato un momento decisivo per entrambi gli uomini. Nixon si convinse di aver incontrato un ragazzo geniale che poteva commercializzarlo al pubblico americano. Ailes si era innamorato del suo primo candidato. Ben presto abbandonò il suo potente lavoro di produttore del più grande successo di Westinghouse e firmò come "produttore esecutivo per la televisione" di Nixon. essere uno dei più sporchi e paranoici attivisti nella storia della politica americana. “Non conosco nessun altro in giro per cui l'avrei fatto,” Ailes ha detto, “tranne Nixon.”

È stato mentre lavorava per Nixon che Ailes ha sperimentato per la prima volta l'offuscamento della distinzione tra giornalismo e politica, sviluppando un talento per la manipolazione dell'immaginario politico che avrebbe trovato la sua massima espressione in Fox News. Sapeva che il suo candidato era un disastro in TV. "Se lo metti in televisione, hai subito un problema", ha detto Ailes al giornalista Joe McGinniss in La vendita del presidente 1968. “Sembra che qualcuno lo abbia appeso in un armadio durante la notte, e salta fuori la mattina con il suo vestito tutto arruffato e inizia a correre in giro dicendo: ‘Voglio essere presidente.’ &thinsp “Ma il vero problema , come la vedeva Ailes, era un'istituzione mediatica che considerava ostile ai repubblicani. L'"unica speranza", ha ricordato, "era quella di fare il giro della stampa e andare direttamente alla gente" e lasciare che la campagna stessa modellasse l'immagine del candidato per l'elettore medio, "senza che fosse interpretata per lui da un intermediario.”

Per aggirare i giornalisti, Ailes ha reso Nixon la star del suo roadshow itinerante e una serie di eventi inventati e simili a notizie che la campagna ha pagato per trasmettere nei mercati locali di tutto il paese. Nixon sarebbe apparso davanti alle telecamere nei cinema pieni di partigiani del GOP e 'una macchina da applausi', ha detto Ailes, “questo è tutto quello che sono.” Poi avrebbe risposto alle domande di sei elettori, selezionati con cautela dalla campagna , su cui si poteva contare per lanciare query sul softball che hanno giocato ai punti di discussione di Nixon. A quel tempo, Nixon stava consapevolmente alimentando la rabbia degli elettori bianchi feriti dai progressi del movimento per i diritti civili, e Ailes si dimostrò desideroso di giocare la carta della razza. Per bilanciare un obbligatorio “Negro” su un pannello a Filadelfia, Ailes sognava di aggiungere un “buono, cattivo tassista Wallacite. Non sarebbe fantastico? Un tizio che si sieda lì e dica: ‘Va bene, Mac, che mi dici di questi negri?'”

Ailes aveva essenzialmente sostituito i giornalisti professionisti con elettori di tutti i giorni che poteva manipolare a piacimento. “Gli eventi non sono stati messi in scena, sono stati fissati,” afferma Rick Perlstein, l'autore di Nixonland: l'ascesa di un presidente e la frattura dell'America. “La gente doveva fare domande difficili. Ma fare una domanda difficile, figuriamoci sapere come seguire, è un'abilità. Togliere quel compito dalle mani dei giornalisti e metterlo nelle mani di dilettanti inesperti è stato di per sé geniale.”

Per quanto riguarda i giornalisti veri? “Fanculo ’em,” Ailes. Non è una conferenza stampa, è uno show televisivo. Il nostro programma televisivo. E la stampa non ha affari sul set.” Il giovane produttore ha costretto i giornalisti a guardare gli eventi dietro le quinte su un monitor TV, proprio come il resto dell'America. “Ailes ha escogitato un modo per mettere in ginocchio i giornalisti,” Perlstein.

Dopo che Nixon fu eletto, Ailes fu presto licenziato dalla Casa Bianca. Aveva sfacciatamente insultato il suo capo nel libro di McGinniss mentre metteva in mostra il proprio talento come creatore di immagini, e Nixon, come sempre, ha preso l'affronto personalmente. “In campo televisivo, abbiamo fatto la mossa che avremmo dovuto fare molto tempo fa,” ha annusato il presidente al suo capo di gabinetto in una nota scoperta da Rolling Stone, aggiungendo che Ailes non era tra “gli uomini di prim'ordine che potremmo avere in questo campo.”

Da solo, Ailes è tornato brevemente alla passione per il teatro che ha scoperto durante i tempi del college. Forse nel capitolo più strano della sua vita professionale, ha stretto una partnership con Kermit Bloomgarden, il famoso produttore di Morte di un venditore &ndash e parti per conquistare Broadway. La loro prima produzione: un musical a tema ambientale chiamato Madre Terra. Quando lo spettacolo fallì, abbandonando dopo solo una dozzina di spettacoli nel 1972, Ailes fu quasi in bancarotta. L'anno successivo, però, è tornato in campo, segnando un tagliente successo off-Broadway con The Hot L Baltimora, che il New York Drama Critics' Circle ha nominato Best American Play del 1973. In seguito è stato nominato per un Emmy per un documentario su Federico Fellini e ha prodotto uno speciale televisivo dalla Fantasy Suite al Caesars Palace per Liberace, che Ailes conosceva con affetto come ' 8220Lee.”

Ma Ailes poteva stare lontano dal teatro della politica. Nel 1974, la sua notorietà grazie alla campagna di Nixon gli valse un lavoro alla Television News Incorporated, una nuova rete televisiva di destra che era stata lanciata con un motto volutamente fuorviante che un giorno Ailes avrebbe adottato come suo: "giusto ed equilibrato". #8221 TVN non aveva senso come azienda. Il progetto del magnate della birra arciconservatore Joseph Coors, il servizio di notizie è stato progettato per iniettare un'inclinazione di estrema destra nelle trasmissioni di notizie locali fornendo clip di notizie che le stazioni potrebbero utilizzare senza credito e per una frazione dei veri costi di produzione. Una volta che gli affiliati si sono agganciati alle clip scontate, ha spiegato il suo presidente, TVN avrebbe "gradualmente, sottilmente, lentamente" iniettato "la nostra filosofia nelle notizie". , una “macchina di propaganda.”

Ma lo staff di giornalisti professionisti di TVN si è ribellato alla pressione ideologica del top management. Così la neonata operazione epurò 16 membri dello staff e portò Ailes a comandare la redazione. "È stato coinvolto nella creazione dello sforzo", ha ricordato Paul Weyrich, una figura di spicco della Nuova Destra che aveva stretti legami con Coors. “Era una specie di padrino dietro le quinte.”

Durante il tempo trascorso in TVN, Ailes ha iniziato a tracciare la crescita di una rete di destra che assomigliava molto alla futura Fox News. La rete prevedeva di investire milioni nella distribuzione satellitare che avrebbe consentito a TVN non solo di distribuire clip di notizie, ma di fornire un notiziario completo con i propri conduttori e un modello di business utilizzato anche da una rete emergente chiamata CNN. Per Ailes, era un modo per estendere il tipo di notizie false che usava regolarmente come stratega politico. “Conosco alcune tecniche, come un comunicato stampa che sembra un telegiornale,” ha detto Il Washington Post nel 1972. “Quindi lo usi perché vuoi che il tuo uomo vinca.”

Sotto Ailes, TVN ha persino firmato un contratto a tempo indeterminato per produrre propaganda per il governo federale, fornendo clip di notizie e sceneggiature all'agenzia di informazioni degli Stati Uniti e una relazione stretta con l'amministrazione Ford che Ailes ha insistito non creava alcun conflitto di interessi. Ma TVN è crollato nel 1975, privando Ailes della possibilità di attuare la sua visione per una rete di notizie di destra. "Stavano perdendo soldi e non erano in grado di controllare i loro giornalisti", dice Kerwin Swint, autore della biografia di Ailes, Genio Oscuro. Ailes avrebbe dovuto aspettare due decenni per lanciare un'altra macchina di propaganda "equa ed equilibrata" e quando l'avrebbe fatto, si sarebbe assicurato che i giornalisti da lui impiegati fossero preparati a seguire la linea del partito.

Dopo il fallimento di TVN, Ailes si è dedicato nuovamente alla consulenza politica. Nel decennio successivo, attingendo alle tattiche che ha affinato lavorando per Nixon, ha aiutato a eleggere altri due presidenti conservatori, Ronald Reagan e George H.W. Cespuglio. Nel 1984, dopo che il 73enne Reagan inciampò gravemente nel suo primo dibattito con Walter Mondale, la campagna scelse Ailes per preparare il presidente alla prossima resa dei conti. A quel tempo, Reagan stava iniziando a mostrare quelli che suo figlio Ron ora descrive come i primi segni dell'Alzheimer, e la sua età e acutezza stavano diventando una questione centrale nella campagna. Ailes, un veterano del team media di Reagan nel 1980, che stava supervisionando la creazione della leggendaria campagna "Morning in America" ​​sapeva che inquadrare una buona scena in un dibattito poteva fare la differenza il giorno delle elezioni. "Roger ha avuto la presenza per essere un regista", afferma Ed Rollins, che ha gestito la campagna "84". &ldquoE Reagan, che era sempre stato vicino ai registi, ascoltava Roger.&rdquo

Ailes &ndash conosciuto nel team di Reagan come &ldquoDr. Feelgood & rdquo & ndash ha detto al Gipper di abbandonare i fatti e le cifre. "Sei stato eletto in base ai dettagli", disse al presidente. &ldquoSei stato eletto in base ai temi.&rdquo Per Ailes, il consiglio rifletteva una convinzione fondamentale: le persone guardano la TV emotivamente. Ha armato Reagan di una battuta per respingere qualsiasi domanda sulla sua agilità mentale e la consegna del presidente è stata perfetta. "Voglio che tu capisca che non farò dell'età un problema di questa campagna", strizzò l'occhio Reagan. &ldquoNon ho intenzione di sfruttare, per scopi politici, la giovinezza e l'inesperienza del mio avversario.&rdquo

Quattro anni dopo, Ailes era così richiesto che l'intero campo del GOP, con l'eccezione di Pat Robertson, fece la corte. Dopo aver ascoltato tutte le proposte, Ailes ha accettato di lavorare per Bush, un effeminato abitante del New England che persino Richard Nixon ha detto "si presenta come un individuo debole in televisione". che aveva segretamente inviato armi a Teheran e utilizzato i profitti per finanziare una guerra illegale in Nicaragua. Ailes ha visto un'opportunità per affrontare entrambe le carenze in un'unica strategia familiare e attaccare i media.

Nel gennaio 1988, Ailes ha truccato un'intervista sullo scandalo con Dan Piuttosto di CBS News insistendo su uno strano avvertimento: che l'intervista sia condotta dal vivo. Ciò non solo ha dato al confronto l'aria di una lotta a premi, ma ha anche permesso allo stesso Ailes di sedersi appena fuori dalla telecamera nell'ufficio di Bush, spingendo il suo candidato con cartellini. Non appena Rather, che si trovava nello studio della CBS a New York, ha iniziato le sue domande, Bush ha fatto coming out, sostenendo di essere stato fuorviato dal focus dell'intervista sull'Iran-­Contra. Quando lo scambio si è fatto complicato per Bush, Ailes ha mostrato un biglietto: è andato in onda.Pochi mesi prima, Rather era uscito dalle telecamere dopo aver appreso che il suo telegiornale era stato anticipato da una partita di tennis femminile. Stringendo il pugno, Ailes disse: Vai! Andare! Basta prenderlo a calci in culo!

Bush ha continuato a colpire Piuttosto sotto la cintura. "Non è giusto giudicare la mia intera carriera da un rimaneggiamento sull'Iran", ha detto. &ldquoCome ti piacerebbe se giudicassi la tua carriera da quei sette minuti in cui sei uscito dal set?&rdquo Era la madre di tutte le false equivalenze: la fugace petulanza di un conduttore di notizie contrapposte ai gravi crimini di un vicepresidente in carica. Ma ha funzionato come TV. "Quel boccone di Bush che racconta Piuttosto off è stato riprodotto più e più volte", afferma Roger Stone, un famigerato agente politico che ha lavorato con Ailes nella campagna di Nixon. &ldquoEra un perfetto esempio di come Roger comprendesse il ciclo delle notizie, le dinamiche della situazione e il potere della televisione.&rdquo

Ailes è diventato l'uomo di riferimento nella campagna di Bush, soprattutto quando si è trattato di abbattere l'opposizione. "Su ogni campagna hai un piccolo tavolo di consiglieri interni", dice Mary Matalin, la consulente del GOP. &ldquoRoger ha sempre avuto la visione più chiara. Il pensiero più solido, sintetizzato, avanzato sulle cose politiche. Quando arrivavi a un'impasse strategica, lui era il primo tra pari. Riesco a ricordare un singolo incidente in cui ha perso un combattimento.&rdquo Come al solito, Ailes sapeva come usare la televisione per distorcere la percezione del pubblico. La sua mossa più sporca è arrivata durante le elezioni generali - uno spot televisivo incentrato su Willie Horton, un assassino condannato che era fuggito da una prigione del Massachusetts durante un fine settimana di licenza quando Michael Dukakis era governatore e in seguito ha aggredito una coppia, accoltellando l'uomo e violentando la donna. "L'unica domanda", si vantò Ailes con un giornalista, "è se rappresentiamo Willie Horton con un coltello in mano - o senza di esso".

Sapendo che una mossa così palese potrebbe ritorcersi contro la campagna, Ailes ha invece scelto di evocare Horton mostrando una fila di detenuti che entrano ed escono da una prigione attraverso una porta girevole di sbarre. Una delle prime riprese dell'annuncio utilizzava prigionieri reali. "Roger e io l'abbiamo guardato, e temevamo che ci fossero troppi neri nella scena della prigione", ha ammesso in seguito il manager della campagna Lee Atwater. Quindi Ailes ha rigirato l'annuncio per concentrarsi su un singolo prigioniero nero che sfoggia un inconfondibilmente afro alla Horton. La campagna ha anche beneficiato di una pubblicità presumibilmente "indipendente" che mostrava esuberantemente la foto segnaletica di Horton. L'annuncio è stato realizzato da Larry McCarthy, ex vicepresidente senior di Ailes Communications Inc.

Dopo la campagna del 󈨜, ailes ha continuato a giocare la carta di Willie Horton contro i Democratici. Lavorando per Rudy Giuliani nel 1989, ha anche provato la tattica contro David Dinkins, il primo sindaco nero di New York, pubblicando annunci che sfruttavano la fedina penale di un membro dello staff di Dinkins che aveva scontato una pena per rapimento. Ma questa volta la tattica fallì. Dinkins fece di Ailes stesso il problema, etichettandolo come "il maestro del fango". Giuliani perse la gara e Ailes cadde in una profonda crisi politica. Nel 1990, ha cercato di eliminare il senatore in cravatta Paul Simon dell'Illinois e ha annusato. L'anno successivo, ha fatto saltare un'elezione speciale in Pennsylvania. Un osservatore politico all'epoca dichiarò che Ailes stava diventando un "albatro".

Pochi mesi dopo, Ailes fece finta di uscire dall'arena politica. "Sono in politica da 25 anni", ha detto Il New York Times nel 1991. &ldquoE' sempre stata una deviazione. Ora la mia attività è tornata a occuparsi dei miei clienti aziendali e di intrattenimento.&rdquo Ma invece di abbandonare il suo lavoro di consulente politico, Ailes si è semplicemente nascosto. Attentamente consapevole che la sua reputazione post-Horton sarebbe stata un freno per il presidente Bush, Ailes non ha assunto alcun ruolo formale con la campagna per la rielezione. Ma ha continuato a incombere così tanto dietro le quinte che gli alleati della campagna lo chiamavano "la nostra gola profonda".

Ha preparato silenziosamente il presidente per il suo discorso sullo stato dell'Unione nel 1992, e ha servito come cane da attacco per la campagna, ancora una volta facendo esplodere quello che ha visto come il pregiudizio liberale dei media. "Bill Clinton ha 15.000 addetti stampa", strillò Ailes. &ldquoAd un certo punto, anche voi ragazzi dovrete essere imbarazzati.&rdquo (Lo scorso novembre, Ailes ha schierato la stessa linea contro il presidente Obama, riducendo il numero dei segretari stampa a soli 3.000).

Ailes ha anche spinto il manager della campagna di Bush, James Baker, a "passare alla fottuta offensiva" e "andare per la carne rossa". Dal suo ufficio a Manhattan, Ailes ha consigliato alla campagna di trasformare il viaggio in treno della scuola di specializzazione di Clinton a Mosca nella storia di una candidatura in Manciuria. "Questo tizio nasconde qualcosa", abbaiò Ailes al vivavoce nell'ufficio di Baker. La confusione pubblica di Clinton sul viaggio era una prova sufficiente, ha insistito Ailes: "Nessuno è così smemorato". Il presidente Bush è apparso presto su Larry King dal vivo, seguendo alla lettera i consigli del redbaiting. "Non ho i fatti", ha insinuato il presidente, "ma per andare a Mosca un anno dopo che la Russia ha schiacciato la Cecoslovacchia, e non ricordo chi hai visto - penso che la risposta sia, al livello del popolo americano".

Prima del dibattito finale del 1992, Bush chiamò i suoi due più stretti confidenti, Baker e Ailes, per aiutarlo a prepararsi a Camp David. Il consiglio offerto da Ailes potrebbe servire come dichiarazione di intenti per Fox News. "Dimentica tutti i fatti e le cifre", disse, "e passa al reato il più rapidamente possibile".

Dopo che Bush ha perso contro Clinton, Ailes ha continuato a sostenere di aver chiuso con la politica. Nel 2001, come parte di un'udienza della Camera sulla copertura dei notiziari della notte delle elezioni, Ailes ha presentato materiale biografico al Congresso sotto giuramento che ha reso esplicita la rottura: "Nel 1992, Ailes si è ritirato completamente dalla consulenza politica e aziendale per tornare a tempo pieno alla televisione".

Questa è una bugia. A quel tempo, Ailes stava sicuramente diventando una forza nei tabloid TV. Aveva aiutato a lanciare Lo spettacolo di Maury Povich nel 1991, e al suo primo incontro con l'impero di News Corp. su cui si è consultato Un affare di attualità. Ma nel 1993 - l'anno dopo aver affermato di essersi ritirato dalla consulenza aziendale - Ailes ha firmato un accordo segreto con i giganti del tabacco Philip Morris e RJ Reynolds per andare a pieno titolo dopo l'amministrazione Clinton sul suo obiettivo politico centrale: la riforma sanitaria. Hillarycare avrebbe dovuto essere finanziata, in parte, da una tassa di 1 dollaro a pacchetto sulle sigarette. Per bloccare la proposta, Big Tobacco ha pagato Ailes per produrre annunci che mettessero in evidenza "persone reali colpite dalle tasse".

Secondo le note interne, Ailes ha anche esplorato come Philip Morris potrebbe creare un falso gruppo di facciata chiamato "Coalition for Fair Funding of Health Care" per distribuire lo stesso tipo di pubblicità "indipendente" che ha prodotto Willie Horton. In un precursore del moderno Tea Party, Ailes ha cospirato con le compagnie del tabacco per scatenare telefonate rabbiose sui fumatori del Congresso, chiamandoli a freddo e collegandoli ai centralini di Capitol Hill, e per dare l'impressione di una rivolta di base, bussare 17.000 dipendenti del tabacco alla Casa Bianca per una manifestazione di massa.

Ma il contributo più importante di Ailes alla campagna segreta ha riguardato la sua nuova specialità: i media di destra. I giganti del tabacco hanno assunto Ailes, in parte, perché aveva appena portato Rush Limbaugh sul piccolo schermo, in qualità di produttore esecutivo del programma televisivo a tarda notte di Rush. Ora volevano che Ailes prendesse a bordo Limbaugh per schiacciare la riforma sanitaria. "RJR ha addestrato 200 persone a partecipare agli spettacoli", ha rivelato un memorandum del marzo 1993. &ldquoUn pacchetto è andato a Limbaugh. Dobbiamo informare Ailes

Ailes e Limbaugh erano più che colleghi di lavoro. I due giocherelloni e calvi della destra si erano conosciuti a Manhattan qualche anno prima ed erano diventati subito amici: entrambi furono insultati per la virulenza della loro politica, ed entrambi si consideravano vittime di quelli che Ailes chiamerebbe "bigotti liberali". Discorso del 2009, Limbaugh ha attribuito ad Ailes il merito di avergli insegnato "come considerare l'essere odiati come una misura del successo". Ailes, infatti, sarebbe diventato una figura paterna per il re del discorso di destra. "Le cose che ho imparato da lui sull'essere un uomo, sul paese, su come essere un professionista, nessun altro me l'ha insegnato", ha detto Limbaugh. &ldquoQuando Roger Ailes è nella tua squadra, non perdi.&rdquo

Nell'agosto 1993, Ailes ha fatto la sua più grande incursione in televisione dai tempi in cui era produttore per Mike Douglas: è diventato il capo della CNBC, la principale rete commerciale americana. Nei suoi tre anni da capo, ha più che quintuplicato i profitti e coniato stelle come Chris Matthews e Maria Bartiromo. Ha anche aiutato a lanciare una nuova rete via cavo chiamata L'America parla, uno strano miscuglio di televisione e talk radio. "La formazione mi esce davvero dalla testa", ha detto Ailes. Spettacoli sulla nuova rete inclusi Buggato! (su cose che irritano le persone), Maiale (un abbattimento della spesa in botti di maiale) e sono matto? (un'ora di chiamata in psichiatria).

Poi, poco più che cinquantenne, Ailes aveva perso 40 libbre frenando la sua abitudine di Häagen-Dazs e si era rasato il pizzetto sale e pepe che sfoggiava durante i suoi giorni come agente del GOP. Ma ciò a cui ha rifiutato di rinunciare è stata la politica. Come capo della CNBC, ha continuato a produrre lo show televisivo di Limbaugh sul lato - ed è rimasto sulla presa di Big Tobacco, intascando un acconto mensile di $ 5.000 da Philip Morris "per essere disponibile". Nel 1994, quando il gigante del tabacco ha cercato di evitare una regolamentazione più severa svelando un'iniziativa volontaria per frenare il fumo giovanile, ha invitato ancora una volta Roger ad attivare Rush: "Chiedi ad Ailes di provare a indurre Limbaugh a perseguire gli anti per essersi lamentati".

Ma nonostante il suo successo alla CNBC, ad Ailes è stato dato il potere che bramava di plasmare l'opinione pubblica. Con una mossa che lo ha colto di sorpresa, i suoi capi alla NBC hanno deciso di chiudere L'America parla e cedere il suo canale a un'impresa di notizie chiamata MSNBC. Ailes sentiva che la sua creazione era stata dirottata. L'uomo che si immaginava il re dei combattenti politici era stato tagliato alle ginocchia.

Ailes ha risposto come sempre alle battute d'arresto: gettandosi in un'altra battaglia politica. Questa volta, però, avrebbe fatto le cose alle sue condizioni. Assicurandosi il rilascio dal suo contratto con la NBC senza un accordo di non concorrenza, ha immediatamente unito le forze con un gigante dei media che era altrettanto sfacciato nell'usare le sue operazioni di notizie come strumenti di potere politico. Come Jack Welch, l'allora CEO della società madre della NBC, GE, ha affermato all'epoca, "Siamo spiacenti per il giorno in cui abbiamo lasciato che Roger e Rupert si unissero".

Rupert Murdoch era stato a lungo ossessionato dall'idea di prendere piede nel mondo dei telegiornali. Ha fallito una corsa all'acquisto della CNN, solo per vedere Time Warner raccogliere il premio. Anche prima di assumere Ailes, Murdoch aveva diversi team al lavoro su una versione germinale di Fox News che intendeva mandare in onda attraverso le affiliate di News Corp.. Le false partenze includevano un programma in stile 60 minuti che, con il pretesto di una semplice notizia, avrebbe caratterizzato un pezzo settimanale di attacco e distruzione rivolto a un politico liberale o a un programma sociale. "L'idea di una mascherata era già in circolazione prima dell'arrivo di Roger", afferma Dan Cooper, caporedattore di quella prima iterazione di Fox News. Come Joseph Coors prima di lui alla TVN, Murdoch immaginava la sua nuova rete come un contrappeso al "pregiudizio di sinistra" della CNN. "Ecco la tua risposta se Fox News è una rete di notizie convenzionale o se ha un'agenda", afferma Eric Burns, che ha lavorato per un decennio come critico dei media presso Fox News. &ldquoQuesto è il suo peccato originale.&rdquo

Murdoch ha trovato Ailes accattivante: potente, politicamente connesso, divertente da morire. Entrambi gli uomini erano stati sposati due volte ed entrambi condividevano un aperto disprezzo per le regole tradizionali del giornalismo. Murdoch aveva anche un interesse personale diretto nel prendere di mira i liberali timidi e regolamentati, le cui politiche minacciavano di interferire con i suoi piani di espansione. "Rupert è guidato da una duplice dinamica: potere e denaro", afferma un ex deputato. &ldquoAveva molti motivi di lavoro per scuotere Washington, e ha trovato in Roger il ragazzo perfetto per farlo.&rdquo

Ma Ailes era determinato a non ripetere quelli che considerava gli errori di TVN, il precursore ideologico di Fox News. Prima di firmare per eseguire la nuova rete, ha chiesto a Murdoch di ottenere la distribuzione del "carro" sui sistemi via cavo a livello nazionale. Nel normale corso degli affari, società via cavo come Time Warner pagano fornitori di contenuti come CNN o MTV per il diritto di mandare in onda i loro programmi. Ma Murdoch ha ribaltato il modello di business. Non ha semplicemente dato via Fox News e ha pagato le compagnie via cavo per mandarlo in onda. Per portare Fox News in 25 milioni di case, Murdoch ha pagato alle compagnie via cavo fino a $ 20 per abbonato. "L'offerta di Murdoch ha scioccato l'industria", scrive il biografo Neil Chenoweth. "Era pronto a sborsare mezzo miliardo di dollari solo per comprare una voce giornalistica". Anche prima che andasse in onda, a Fox News era garantito l'accesso a un pubblico di massa, comprato e pagato. Ailes ha salutato Murdoch &ldquonerve, &rdquo aggiungendo: &ldquoQuesto è il capitalismo e una delle cose che hanno reso grande questo paese.&rdquo

Ailes era anche determinato a non lasciare che l'etica professionale del giornalismo intralciasse la sua agenda politica, come avevano fatto a TVN. Per assicurarsi uno staff flessibile di notizie, ha guidato quello che ha definito un "jailbreak" dalla NBC, portando con sé dozzine di membri dello staff di alto livello a Fox News, tra cui l'ancora commerciale Neil Cavuto e il conduttore mattutino Steve Doocy, fedelissimi che devono la loro carriera ad Ailes. A completare la sua squadra di notizie di alto livello, Ailes ha contattato repubblicani fidati come il veterano corrispondente della ABC Brit Hume e l'ex George H.W. Lo scrittore di discorsi di Bush Tony Snow.

Ailes ha quindi intrapreso un'epurazione del personale esistente presso Fox News. "C'è stata una cartina di tornasole", ha ricordato Joe Peyronnin, che Ailes ha sostituito come capo della rete. "Stava per capire chi era liberale o conservatore quando è arrivato e ha cercato di sbarazzarsi dei liberali". Quando Ailes sospettava che un giornalista fosse abbastanza a destra per i suoi gusti, ha lanciato un'accusa: "Perché sei un liberale?&rdquo Se i membri dello staff avessero lavorato in una delle principali reti di notizie, Ailes li costringerebbe a difendere il lavoro in un posto come la CBS & ndash che ha sputato come "il sistema di trasmissione comunista". Per sostituire i veterani che ha licenziato, Ailes ha portato a frotte di inesperti emergenti, che gli hanno permesso di intrecciare i suoi pregiudizi politici nel DNA della rete. Per supervisionare la giovane redazione, ha reclutato John Moody, un veterano conservatore di Tempo. Come raccontato dal giornalista Scott Collins in Pazzo come una volpe, il presidente ha dato a Moody espliciti ordini di marcia ideologica. &ldquoUno dei problemi su cui dobbiamo lavorare qui insieme quando avviamo questa rete è che la maggior parte dei giornalisti sono liberali,' ha detto Ailes a Moody. &ldquoE dobbiamo combatterlo.&rdquo I giornalisti hanno capito che un pregiudizio di destra era insito in quello che hanno fatto fin dall'inizio. "Tutte le apparenze esteriori erano che era proprio come qualsiasi altra redazione", dice un ex presentatore. &ldquoMa sapevi che il modo per andare avanti era mostrare il tuo colore e che il tuo colore era il rosso.&rdquo Red state, cioè.

Murdoch ha installato ailes nell'ufficio d'angolo al secondo piano di Fox al 1211 di Avenue of the Americas a Manhattan. La posizione ha fatto venire la nausea ad Ailes: era vicino alla strada e viveva nel timore che gli attivisti gay avrebbero cercato di attaccarlo per rappresaglia per la sua ostilità nei confronti dei diritti dei gay. (Nel 1989, Ailes aveva interrotto una protesta di un discorso di Rudy Giuliani da attivisti gay, afferrando il manifestante per la gola e spingendolo fuori dalla porta.) Barricandosi dietro un'enorme scrivania di mogano, Ailes ha insistito per avere "vetro a prova di bomba" installato nelle finestre &ndash arrivando persino a ispezionare personalmente campioni di plexiglass high-tech, come se stesse scegliendo un nuovo tappeto. Guardando giù per la strada, ha espresso le sue paure a Cooper, l'editore che aveva incaricato di rinforzare il suo ufficio. "Saranno laggiù a protestare", disse Ailes. &ldquoQuei gay.&rdquo

Adattandosi alla sua mentalità da assedio, Ailes ha anche ospitato la sua redazione in un bunker. Reporter e produttori di Fox News lavorano in una vasta distesa senza finestre sotto il livello della strada, uno spazio tetro fiancheggiato da suite di montaggio video lungo una parete e un'infinita fattoria di cubi lungo l'altra. In una struttura separata sullo stesso piano sotterraneo, Ailes ha creato un'unità di ricerca interna, nota a Fox News come "stanza del cervello", che richiede un'autorizzazione di sicurezza speciale per ottenere l'accesso. "La stanza del cervello è il luogo da cui proviene Willie Horton", afferma Cooper, che ha contribuito a progettare le sue specifiche. &ldquoE' dove risiede il male.&rdquo

Se questo suona paranoico, considera l'uomo che Ailes ha portato per gestire la stanza del cervello: Scott Ehrlich, un alto tenente della sua società di consulenza politica e timida. Ehrlich, chiamato da alcuni "Baby Rush", aveva assunto la guida della campagna di Big Tobacco per schiacciare la riforma sanitaria quando Ailes ha firmato con la CNBC. Secondo i documenti ottenuti da Rolling Stone, Ehrlich gravitava sul lato oscuro: in una strategia etichettata come "Attacco sotterraneo", ha consigliato ai giganti del tabacco di "colpire duramente" i legislatori chiave "attraverso il loro ventre molle" influenzando silenziosamente i media locali - una tattica che aiuterebbe le aziende a rimanere sotto il radar del media nazionali.&rdquo

Alla Fox News, Ehrlich ha tenuto un tamburo implacabile contro l'amministrazione Clinton. Un reporter che si è unito alla rete dalla ABC se ne è subito andato inorridito dopo che un produttore gli si è avvicinato, sfregandosi le mani e dicendo: "Abbiamo qualcosa su Whitewater oggi". , e ha accumulato voci in cima alle sbavature. Fred Barnes di Lo standard settimanale & ndash la proprietà di News Corp. con il crossover più diretto su Fox News & ndash trafficato in pettegolezzi & ldquo che c'è un secondo stagista che è stato coinvolto sessualmente con il presidente. Se c'è, sarà sicuramente dinamite.&rdquo

Ma è stata l'elezione di George W. Bush nel 2000 a rivelare il vero potere di Fox News come macchina politica.Secondo uno studio sui modelli di voto dell'Università della California, Fox News ha spostato circa 200.000 voti a Bush nelle aree in cui gli elettori avevano accesso alla rete. Ma Ailes, sempre l'operatore politico, non ha lasciato il risultato a qualcosa di rischioso come il voto popolare. L'uomo che ha contattato per dirigere il "decision desk" della rete la notte delle elezioni - il consulente responsabile di chiamare gli stati per Gore o Bush - non era altri che John Prescott Ellis, cugino di primo grado di Bush. Come editorialista presso Il Boston Globe, Ellis si era rifiutato di seguire la campagna. "Non c'è modo per voi di sapere se vi sto dicendo la verità sulla campagna presidenziale di George W. Bush", ha detto ai suoi lettori, "perché nel suo caso, la mia lealtà va a lui e non a voi".

In qualsiasi redazione degna di questo nome, un simile conflitto di interessi avrebbe immediatamente squalificato Ellis. Ma per Ailes, la lealtà a Bush era una risorsa. "Noi di Fox News", avrebbe detto in seguito a un'udienza alla Camera, "non discriminiamo le persone a causa dei loro legami familiari". Il giorno delle elezioni, Ellis era in costante contatto con lo stesso Bush. Dopo la mezzanotte, quando un'ondata di numeri in ritardo ha mostrato a Bush un vantaggio ristretto, Ellis è saltato sui dati per dichiarare Bush il vincitore, anche se la Florida era ancora valutata troppo vicina per essere chiamata dal consorzio di monitoraggio dei voti utilizzato da tutte le reti. Hume ha annunciato la chiamata di Fox per Bush alle 2:16 del mattino, una mossa che ha spronato ogni altra rete a seguire l'esempio e ha portato a titoli di Bush vittorie nei giornali del mattino.

"Non sapremo mai se Bush ha vinto o meno le elezioni in Florida", afferma Dan Rather, che quella notte stava conducendo la copertura elettorale per la CBS. &ldquoMa quando raggiungi questo tipo di situazioni, la capacità di controllare la narrazione diventa fondamentale. Guidato da Fox, la narrativa iniziò a essere che Bush avesse vinto le elezioni.&rdquo

Soffermati su questo per un momento: una rete di &ldquonews&rdquo controllata da un agente del GOP che aveva passato decenni a plasmare proprio tali narrazioni politiche - comprese quelle che hanno aiutato a eleggere il padre del candidato - ha dichiarato vincitore George W. Bush sulla base dell'analisi di un uomo che aveva si è proclamato fedele a Bush sui fatti. "Di tutto quello che è successo la notte delle elezioni, questo è stato il più importante in termini di impatto", ha detto all'epoca il rappresentante Henry Waxman. &ldquoHa aiutato incommensurabilmente George Bush a mantenere l'idea nella mente delle persone che fosse lui l'uomo che ha vinto le elezioni.&rdquo

Dopo che Bush è entrato in carica, Ailes è rimasto in frequenti contatti con il nuovo presidente repubblicano. "Gli editorialisti di alto livello credono che Roger fosse al telefono ogni giorno con Bush", racconta una fonte vicina a Fox News Rolling Stone. &ldquoHa dato a Bush lo stesso tipo di indicazioni che usava per dare a George H.W. Bush & ndash consegna, efficacia, coaching politico.&rdquo All'indomani dell'11 settembre, Ailes ha inviato un memo al presidente attraverso Karl Rove, consigliando a Bush di accelerare la Guerra al Terrore. Come riportato da Bob Woodward, Ailes ha consigliato a Bush che "il pubblico americano avrebbe tollerato l'attesa e sarebbe stato paziente, ma solo finché fosse stato convinto che Bush stesse usando le misure più dure possibili".

Fox News ha fatto la sua parte per assicurarsi che gli spettatori si schierassero dietro queste dure misure. La rete ha incollato una bandiera americana in un angolo dello schermo, ha agghindato un'ancora femminile con una camicetta di seta mimetizzata e ha visto Geraldo Rivera che minacciava di dare la caccia a Osama bin Laden con una pistola. Il militarismo sembrava persino infettare la cultura di Fox News. "Roger Ailes è il generale", ha dichiarato Bill O'Reilly. &ldquoE il generale dà il tono all'esercito. Il nostro esercito è molto alla George Patton. Facciamo pagare. Rotoliamo.&rdquo

Ad Ailes piace vantarsi del fatto che Fox News mantenga una linea chiara e chiara tra i suoi programmi di notizie, che pubblicizza come equilibrati, e conduttori di prima serata come O'Reilly e Hannity, a cui viene data carta bianca per esprimere le loro opinioni. "Controlliamo queste linee con molta attenzione", ha detto Ailes. Ma dopo che Bush è stato eletto, Ailes ha incaricato John Moody, il suo principale luogotenente politico, di mantenere la redazione in ordine. Ogni mattina presto, Ailes chiamava Moody nel suo ufficio - spesso affiancato da Hume dell'ufficio di Washington in vivavoce - e forniva il suo giro sulle notizie del giorno. Moody ha quindi inviato un promemoria giornaliero allo staff con istruzioni esplicite su come inclinare la copertura delle notizie del giorno in base all'agenda di coloro che si trovano al "Secondo Piano", come sono noti Ailes e il suo fedele gruppo di vicepresidenti. "C'è una catena di comando, ed è seguita", dice un ex presentatore di notizie. &ldquoRoger parla al suo popolo e il suo popolo trasmette il messaggio.&rdquo

Quando la Commissione sull'11 settembre ha iniziato a indagare sulla negligenza di Bush nel periodo che ha preceduto gli attacchi terroristici, Moody ha lanciato un duro avvertimento: "Questa non è roba da "Cosa sapeva e quando lo sapeva?". Non trasformarlo in Watergate. Ricordate il fugace senso di unità nazionale che è emerso da questa tragedia. Non dissacrarlo.&rdquo In un promemoria del 2003 sulle aperture di Bush per la pace in Medio Oriente, Moody ordinò nuovamente allo staff di difendere il presidente: &ldquoIl suo coraggio politico e la sua astuzia tattica sono degni di nota nei nostri rapporti durante la giornata.&rdquo Durante la campagna del 2004, Moody ha messo in evidenza il "record di voto flip-flop" di John Kerry: una linea che combaciava con gli attacchi provenienti dalla Casa Bianca. In effetti, Fox News stava lavorando timidamente con l'amministrazione Bush per coordinare l'agenda di ogni giorno, come ammise in seguito lo stesso addetto stampa di Bush, Scott McClellan. "Noi alla Casa Bianca", ha detto McClellan, "stavamo dando loro dei punti di discussione". (Ailes e Fox News hanno rifiutato le ripetute richieste da Rolling Stone per una intervista.)

Quando Bush è stato rieletto, Murdoch e Ailes hanno brindato insieme alla vittoria nella sala di controllo di Fox News, festeggiando fino alle tre del mattino. L'incessante rilancio del GOP della rete non era stato solo positivo per le valutazioni, ma sembrava anche aver pagato dividendi per la società madre della rete. Agendo apertamente negli interessi di Murdoch, la FCC ha bloccato l'acquisizione di DirecTV da parte del fornitore di TV satellitare EchoStar per 27 miliardi di dollari nel 2002 come anticoncorrenziale. Ciò ha spianato la strada a News Corp., che originariamente era stata superata per acquistare il controllo di DirecTV per soli $ 6,6 miliardi.

Ma nonostante i loro trionfi commerciali e politici, il rapporto tra Murdoch e Ailes è diventato difficile. Più i profitti di Fox News aumentavano, più Ailes espandeva il suo potere e la sua indipendenza. Nel 2005, ha organizzato uno sfacciato colpo di stato all'interno dell'azienda, cospirando per deporre il figlio di Murdoch, Lachlan, come erede consacrato di News Corp. Ailes non solo ha rilevato il portafoglio di Lachlan diventando presidente della Fox Television, ma ha anche rivendicato l'ufficio di Lachlan all'ottavo piano. Nel 2009, Ailes ha guadagnato un pacchetto retributivo di $ 24 milioni, un affare leggermente più grande di quello di cui godeva lo stesso Murdoch. Si vanta in privato che il suo contratto vieta anche a Murdoch, famigerato per la microgestione dei suoi giornali, di interferire con le decisioni editoriali di Fox News.

Negli ultimi anni, Ailes è diventato sempre più un grattacapo per News Corp. Nel 2004, per proteggere il suo amico Rudy Giuliani, Ailes sarebbe intervenuto nel caso di Bernie Kerik, l'ex commissario di polizia di New York che era stato nominato su raccomandazione di Giuliani a capo della Dipartimento di Sicurezza Nazionale. Kerik si è rivelato un disastro ferroviario: nella più offensiva delle sue indiscrezioni, aveva requisito un appartamento con vista su Ground Zero, destinato ai soccorritori e ai soccorritori, come capanna d'amore per appuntamenti con la sua editrice di libri, la stessa Judith Regan di News Corp. . Agendo più come un consulente politico che come un dirigente giornalistico, Ailes sembra aver fatto ricorso all'ostruzione alla giustizia in stile Watergate. Secondo i documenti del tribunale, il presidente di Fox News, secondo Regan, riteneva che avesse informazioni su Kerik che, se divulgate, avrebbero danneggiato la campagna presidenziale di Giuliani. Kerik.&rdquo L'accusa ha avuto un ruolo di primo piano in una causa per risoluzione illecita intentata da Regan, che secondo quanto riferito è costata a News Corp. più di $ 10 milioni per risolverla.

Molti all'interno della famiglia di Murdoch sono arrivati ​​a odiare visceralmente Ailes. La terza moglie di Murdoch, Wendi, ha lavorato per ammorbidire la politica del marito, e suo figlio James lo ha convinto ad abbracciare la realtà del riscaldamento globale, anche se Ailes ha guidato il tamburo dei negazionisti del clima su Fox News. Matthew Freud, genero di Murdoch e uno dei massimi dirigenti delle pubbliche relazioni in Gran Bretagna, ha recentemente dichiarato ai giornalisti: "Non sono affatto il solo all'interno della famiglia o dell'azienda a provare vergogna e nausea per l'orrendo e prolungato disprezzo di Roger Ailes per gli standard giornalistici che News Corporation, il suo fondatore e ogni altra azienda globale dei media a cui aspira.&rdquo

"Rupert è circondato da persone che regolarmente, se non momento per momento, gli dicono quanto Roger sia orribile e vile", afferma Wolff, il biografo di Murdoch. &ldquoWendi non sopporta Roger. I figli di Rupert non sopportano Roger. Quindi intorno a Murdoch, Roger non ha sostenitori, tranne Roger stesso.&rdquo

Ailes inizia ogni giornata lavorativa tamponato dagli elaborati dettagli di sicurezza privata che News Corp. paga per accompagnarlo dalla sua casa da 1,6 milioni di dollari nel New Jersey al suo ufficio a Manhattan. (La sua casa di campagna, nel villaggio giustamente chiamato di Garrison, è circondata da case vuote che Ailes ha comprato per creare un perimetro di sicurezza più ampio.) Viaggiare con il presidente è come una scena uscita da 24. Un amico ricorda di aver chiesto un passaggio Ailes dopo un power lunch: &ldquoUsciamo dall'edificio e c'è un SUV pieno di uomini grossi, che saltano fuori dall'auto quando lo vedono. Intorno a noi si forma un cordone. Siamo stati introdotti nel SUV e guidiamo per pochi isolati fino agli uffici di Fox, dove un altro gruppo di ragazzi esce dall'edificio per ricevere "il pacco". Il pacco viene portato dentro e io vengo portato a destinazione.'rdquoAiles è certo che è uno dei principali obiettivi dei terroristi di Al Qaeda. "Sai, stanno venendo a prendermi", dice agli amici. &ldquoSono completamente preparato. Me ne sono occupato io.&rdquo (Ailes, che una volta è stato arrestato per porto di una pistola illegale a Central Park, ora porta un'arma autorizzata.) All'interno del suo ufficio a prova di esplosione presso la sede di Fox News, Ailes tiene un monitor sulla sua scrivania che consente lui per visualizzare qualsiasi attività al di fuori della sua porta chiusa. Una volta, dopo aver osservato un uomo dalla pelle scura in quello che Ailes percepiva come un abito musulmano, ha bloccato Fox News. "Che diavolo!" gridò Ailes. &ldquoQuesto tizio potrebbe bombardarmi!&rdquo Il sospetto terrorista si è rivelato essere un bidello. "Roger ha fatto a pezzi l'intero piano", ricorda una fonte vicina ad Ailes. &ldquoHa una paranoia personale sulle persone che sono musulmane &ndash che è coerente con l'ideologia della sua rete.&rdquo

Ailes sa esattamente chi sta guardando Fox News ogni giorno ed è abile nel giocare con le loro paure più oscure nell'era di Obama. Gli spettatori della rete sono anziani, con un'età media di 65 anni: gli annunci si rivolgono a immobili, infermi e incontinenti, con appelli a partecipare a cause legali per sostituzione dell'anca, spot per prodotti come Colon Flow e testimonianze per i servizi di Liberator Medical (&ldquoLiberator mi ha restituito la libertà che ho avuto da quando ho iniziato a usare i cateteri&rdquo). Anche il pubblico è quasi esclusivamente bianco e solo l'1,38% degli spettatori è afroamericano. "Roger comprende il pubblico", afferma Rollins, l'ex consulente di Reagan. &ldquoSapeva come mirare, ed è proprio questo che fa Fox News.&rdquo Il tipico spettatore di Hannity, per fare l'esempio più netto, è un pro-business (86 percento), un conservatore cristiano (78 percento), un sostenitore del Tea Party (75 percento) senza laurea (66 percento), che ha più di 50 anni (65 percento), sostiene l'NRA (73 percento), non sostiene i diritti degli omosessuali (78 percento) e pensa che il governo "fa troppo" (84 percento). "Ha un pubblico di nicchia ed è programmato magnificamente", afferma un ex collega di News Corp.. &ldquoEgli dà loro da mangiare esattamente quello che vogliono sentire.&rdquo

Dal momento in cui Obama ha iniziato a contemplare la sua candidatura, Fox News ha fatto di tutto per convincere i suoi telespettatori bianchi che era un marxista, un musulmano, un nazionalista nero e un radicale degli anni '60. All'inizio del 2007, Ailes ha scherzato sulla somiglianza del nome di Obama con quello di un certo terrorista. "È vero che Barack Obama è in movimento", ha detto Ailes in un discorso ai dirigenti dell'informazione. &ldquoNon so se è vero che il presidente Bush ha chiamato Musharraf e ha detto: &lsquoPerché possiamo catturare questo tizio?&rsquo&rdquo I riferimenti al secondo nome di Obama furono presto sbandierati Volpe e amici, l'happy talk show mattutino che Ailes usa come uno dei suoi veicoli principali per iniettare il suo veleno nel flusso sanguigno dei media. Secondo gli addetti ai lavori, i presentatori dello spettacolo mattutino, che sembrano chattare ad-lib, in realtà stanno lavorando da punti di discussione quotidiani e strutturati che provengono direttamente dall'alto. "Prima della trasmissione, Steve Doocy, Gretchen Carlson e quella banda incontrano Roger", dice un ex vice della Fox. &ldquoE Roger dà loro il giro.&rdquo

Volpe e amici è dove è stata trasmessa per la prima volta la diffamazione su Obama che ha frequentato una madrassa, con Doocy &ndash un lacchè di Ailes dai suoi giorni a L'America parla "affermando inequivocabilmente che Obama è stato "cresciuto come un musulmano". E durante la campagna, i presentatori dello show hanno frustato il riferimento di Obama a sua nonna come una "tipica persona bianca" così inesorabilmente che ha persino fatto riflettere il conduttore di Fox News Chris Wallace. Quando Wallace è apparso nello show quella mattina, ha lanciato un rimprovero che sembrava mirato tanto ad Ailes quanto a Doocy. "Sto guardando lo spettacolo dalle sei di questa mattina," Wallace si arrabbiò. &ldquoMi sento come se due ore di Obama-bashing potrebbero essere sufficienti.&rdquo

L'era Obama ha stimolato bruschi cambiamenti nel carattere e nel tono di Fox News. "Le elezioni di Obama hanno spinto la Fox ad essere più una campagna politica di quanto non lo sia mai stata prima", afferma Burns, l'ex critico dei media della rete. "Le cose sono cambiate", concorda Jane Hall, che ha lasciato la rete dopo un decennio come commentatore liberale. "All'improvviso sembrava esserci meno bisogno di avere una serie di opinioni. Cominciai a sentirmi a disagio.&rdquo Sean Hannity non era più affiancato da Alan Colmes, a lungo liberale foglia di fico della rete. Bill Sammon, autore di Ad ogni costo: come Al Gore ha cercato di rubare le elezioni, è stato introdotto per sostituire Moody come massimo esecutore politico. E Brit Hume è stato sostituito alla scrivania del presentatore da Bret Baier, una delle giovani pistole che Ailes ha assunto più di dieci anni fa per iniettare il fervore della destra in Fox News.

La cosa più sorprendente è che Ailes ha assunto Glenn Beck lontano dalla CNN e lo ha lasciato libero alla Casa Bianca. Durante le sue trattative contrattuali, ha raccontato Beck, Ailes ha confidato che Fox News si stava dedicando a ostacolare l'amministrazione Obama. "Lo vedo come Alamo", dichiarò Ailes. A guidare l'accusa c'erano i membri disordinati della rivolta del Tea Party, che Fox News ha spinto in un movimento nazionale. Durante le proteste iniziali del 15 aprile 2009, la rete è arrivata al punto di co-brandizzare i raduni come "FNC Tax Day Tea Party". I giornalisti veterani sono stati colti di sorpresa. "Non credo di aver mai visto una rete di notizie dare il suo peso dietro una protesta come quella che stiamo vedendo nelle ultime settimane", ha detto Howard Kurtz, l'allora critico dei media per Il Washington Post. L'agosto successivo, quando il Tea Party lanciò le sue proteste municipali contro la riforma sanitaria, Volpe e amici ha esortato gli spettatori a confrontarsi faccia a faccia con i membri del Congresso. &ldquoChiamerai?&rdquo Gretchen Carlson ha chiesto in onda, &ldquoo andrai a uno di questi ricevimenti dove sono effettivamente lì?&rdquo La Chyron sullo schermo ha detto agli spettatori: ATTENDI IL CONGRESSO RESPONSABILE! ORA È IL MOMENTO DI PARLARE LA TUA MENTE.

Fox News ha anche pubblicizzato le bugie di Sarah Palin sui "pannelli della morte" e ha fatto un ulteriore passo avanti, mandando in onda un rapporto che affermava che il Dipartimento per gli affari dei veterani stava usando un "libro della morte" per incoraggiare i soldati a "sbrigarsi e morire". indicazione che i materiali di consulenza di fine vita in questione erano stati promossi dall'amministrazione Bush.) Al culmine del dibattito sull'assistenza sanitaria, più di due terzi dei telespettatori di Fox News erano convinti che Obama­care avrebbe portato a un'"acquisizione del governo". fornire assistenza sanitaria agli immigrati clandestini, pagare gli aborti e lasciare che sia il governo a decidere quando staccare la spina alla nonna. Come sempre, l'esecutore del presidente si è assicurato che i produttori nel seminterrato di Fox News seguissero la linea del partito. Nell'ottobre 2009, mentre il Congresso valutava l'aggiunta di un'opzione pubblica alla legge sull'assistenza sanitaria, Sammon ha fatto sapere a tutti come Ailes si aspettava che coprissero la storia. "Non torniamo a chiamarla "opzione pubblica", ha avvertito in una e-mail. &ldquoPer favore, usa il termine &lsquoassicurazione sanitaria gestita dal governo&rsquo&rsquo&rsquo … quando&timido possibile.&rdquo Sammon ha dimenticato di menzionare che la frase che stava spingendo era stata accuratamente elaborata da America's Health Insurance Plans, la più grande organizzazione di lobby del settore, che aveva stabilito che la formulazione era &ldquothe linguaggio più negativo da usare quando si descrive un &lsquopiano pubblico&rsquo&rdquo

Il risultato di questa campagna concertata di disinformazione è un pubblico che non sa quasi nulla di ciò che sta accadendo nel mondo. Secondo recenti sondaggi, i telespettatori di Fox News sono i più disinformati tra tutti i consumatori di notizie. Hanno 12 punti percentuali in più di probabilità di credere che il pacchetto di incentivi abbia causato la perdita di posti di lavoro, 17 punti in più di probabilità di credere che i musulmani vogliano stabilire la legge della Sharia in America, 30 punti in più di probabilità di affermare che gli scienziati contestano il riscaldamento globale e 31 punti in più di dubitare La cittadinanza del presidente Obama.In effetti, rivela uno studio dell'Università del Maryland, l'ignoranza degli spettatori Fox aumenta in realtà più a lungo guardano la rete. Questo perché Ailes è interessato a fornire alle persone informazioni o anche una gamma equilibrata di prospettive. Come il suo mentore politico, Richard Nixon, Ailes traffica nelle emozioni della vittimizzazione.

"Ciò che ha fatto Nixon - e ciò che fa Ailes oggi nell'era di Obama - è svelare e ricablare una delle più potenti emozioni umane: la vergogna", afferma Perlstein, l'autore di Nixonland. &ldquoSi prende la vergogna delle persone che si sentono disprezzate e la mobilita per scopi politici. Roger Ailes è un collegamento diretto tra la politica del risentimento nixoniana e la politica del risentimento di Sarah Palin. Lui è il filo d'oro.&rdquo

Durante i suoi giorni come consulente politico aperto, Roger Ailes ha rimodellato la politica repubblicana per l'era della televisione di rete. Ora, come presidente di Fox News, ha rimodellato una rete televisiva come una forza per la politica repubblicana. "È una campagna politica e una campagna politica 24 ore su 24, 7 giorni su 7", afferma un ex deputato di Ailes. &ldquoNessuno è stato in grado di fornire argomenti di discussione al pubblico americano mattina dopo mattina, giorno dopo giorno, notte dopo notte.&rdquo Forse l'unica figura mediatica nella storia con una maggiore influenza sull'elettorato americano è stato padre Charles Coughlin, l'ideologo cattolico imbroglione il cui sermoni radiofonici corrosivi, mescolati con antisemitismo e populismo economico, raggiunsero quasi un terzo del paese durante la Grande Depressione.

"Ailes è in realtà molto più sofisticato di Coughlin", afferma Sean Wilentz, storico di Princeton e autore di L'età di Reagan. &ldquoCoughlin andava in onda solo una volta alla settimana, ed era chiaro che ciò che presentava era la sua opinione. Fox News è totalizzato: è un'intera rete, dedicata 24 ore al giorno a un'intera politica e viene trasmessa come "la notizia". Ecco perché Ailes è un genio. Ha combinato opinione e giornalismo in un modo completamente nuovo, che offusca la distinzione tra i due.

Il fenomenale potere politico e l'abilità economica di Fox News hanno ispirato l'imitazione. Negli ultimi anni, MSNBC ha cercato di rimodellare se stessa come l'anti-Fox, con una scaletta in prima serata piena di commentatori liberali. Tali contorsioni, affermano i veterani dei media, rafforzano solo Fox News, incoraggiando Ailes a virare ancora più a destra. "Può dire: "Non sto facendo niente che gli altri stiano facendo" "Lo sto facendo solo dall'altra parte del recinto", "Sottile" dice Dan Rather.

Ma Ailes non si è semplicemente accontentato di cambiare la natura del giornalismo e dirigere la guerra dei messaggi del GOP. Ha anche trasformato Fox News in un colosso della raccolta fondi politica. Durante la sua corsa al Senato in Delaware, la cara del Tea Party Christine O'Donnell si è vantata: "Ho Sean Hannity nella mia tasca posteriore, e posso andare al suo spettacolo e raccogliere fondi". Sharron Angle, la candidata al Tea Party che ha cercato di spodestare Harry Reid in Nevada , ha elogiato Fox per averle permesso di dire in onda, &ldquoHo bisogno di $25 da un milione di persone &ndash andare su SharronAngle.com e inviare denaro.&rdquo Completando l'asse Fox-GOP, Karl Rove ha usato il suo pulpito come commentatore di Fox News per promuovere l'America Crossroads, un oscuro gruppo politico da lui fondato, promettendo che i soldi raccolti sarebbero stati utilizzati "per sconfiggere i democratici che hanno sostenuto l'agenda del presidente".

Ma la dimostrazione più chiara di come Ailes abbia unito perfettamente denaro e messaggio sta nell'elezione di John Kasich, un collaboratore di lunga data di Fox News che ha ottenuto una vittoria di due punti sul democratico Ted Strickland lo scorso novembre per diventare governatore dell'Ohio. Sebbene tecnicamente un repubblicano, Kasich potrebbe essere meglio inteso come il primo candidato del Fox News Party. "La domanda non è più se Fox News è un braccio del GOP", dice Burns, l'ex critico dei media della rete, "ma se sta diventando invece il busto".

L'ospite di uno spettacolo del fine settimana chiamato Heartland, Kasich ha fatto 42 apparizioni come collaboratore su Fox dopo aver annunciato il suo interesse per la corsa, spesso ospite come ospite su Il fattore O&rsquoReilly. È anche apparso 16 volte come candidato attivo, utilizzando la rete come piattaforma per fare appelli nudi per la raccolta di fondi. La cosa più sorprendente di tutte è che la stessa News Corp. ha versato 1,26 milioni di dollari alla Republican Governors Association, rendendola uno dei maggiori contribuenti al club a cui Kasich stava cercando di aderire. Murdoch non ha nascosto il motivo per cui ha fatto una donazione così generosa alla causa del GOP: è stato guidato, ha detto, dalla "mia amicizia con John Kasich". Da quando è diventato governatore, Kasich ha abrogato i diritti di contrattazione collettiva e timida per 350.000 dipendenti statali e ucciso progetto incentivato e finanziato per lo sviluppo della ferrovia ad alta velocità per lo stato.

Fox News rappresenta il culmine di tutto ciò che Ailes ha cercato di fare per Nixon nel 1968. Ha creato un vasto set scenico, progettato per assomigliare a una vera rete di notizie, che è letteralmente cablata nelle case di milioni di elettori più conservatori d'America . I candidati del GOP quindi usano quel forum per comunicare direttamente con la loro base, aggirando i giornalisti professionisti che Ailes una volta denunciava come "mattatori" che vogliono "abbattere l'ordine sociale" con il loro pensiero "elitario, sterco di cavallo, sociale e timido". Ironia della sorte, è Ailes che ha costruito la più formidabile macchina di propaganda mai vista al di fuori del blocco comunista, pioniera di un modello di business che monetizza efficacemente la politica conservatrice attraverso la sua incessante attenzione ai profitti. "Non sono in politica", si è recentemente vantato Ailes. “Sono in classifica. Stiamo vincendo

L'unica cosa che resta da vedere è se Ailes può avere entrambe le cose: raggiungere il suo obiettivo di $ 1 miliardo di profitti annuali e contemporaneamente detronizzare Obama con uno dei suoi candidati e dipendenti timidi. Ad ogni modo, ha messo il Partito Repubblicano sul suo libro paga e lo ha costretto a rifarsi intorno alla sua immagine. Ailes è il presidente e il movimento conservatore ora fa capo a lui. “I repubblicani inizialmente pensavano che Fox lavorasse per noi,” ha detto David Frum, l'ex scrittore di discorsi di Bush. “Ora stiamo scoprendo che lavoriamo per Fox.”


Fox News ha insabbiato le accuse di molestie sessuali

Quando Carlson ha accettato il suo lavoro presso Fox News, ha firmato un accordo di non divulgazione e un accordo di arbitrato obbligatorio che le ha impedito di parlare pubblicamente delle sue esperienze e l'ha costretta a portare le controversie legali in arbitrato piuttosto che in tribunale. In una storia di copertina del TIME, Carlson ha parlato di come le aziende distribuiscono strategicamente accordi di riservatezza e clausole arbitrali obbligatorie per coprire le molestie sessuali dilaganti. Anche quando le donne rischiano le conseguenze professionali avanzando denunce di abuso, queste manovre legali assicurano che i cattivi comportamenti rimangano un segreto, consentendo ai colpevoli di rimanere al potere.

Mentre più donne si sono fatte avanti con accuse di molestie sessuali contro Ailes, O’Reilly e altri uomini potenti a Fox News, è diventato chiaro che dozzine di donne avevano sperimentato la misoginia e peggio nella rete. Fox News, ad esempio, aveva accettato di risolvere una causa per molestie sessuali contro O'8217Reilly per ben 32 milioni di dollari e poi ha deciso di rinnovare il suo contratto. Ailes ha combattuto per proteggere se stesso e altri uomini potenti della rete mentre le donne che lavoravano lì avevano poco ricorso per i loro maltrattamenti.


Contenuti

Ailes ha iniziato la sua carriera in televisione come assistente di produzione alla KYW-TV di Cleveland, la stazione che ha lanciato il Mike Douglas Show, un popolare talk diurno e uno spettacolo di varietà degli anni '60. All'età di 28 anni, Ailes è diventato il produttore dello spettacolo. Ha incontrato Richard Nixon per la prima volta quando Nixon è apparso come ospite nello show di Douglas, iniziando la relazione che ha portato all'assunzione di Ailes come consulente per i media per la campagna presidenziale di Nixon del 1968. Ώ]

Ailes fondata Roger Ailes & Associati che in seguito divenne Ailes Communications a New York che possedeva tra il 1970 e il 1992. La società è descritta nella sua nota biografica che accompagna la testimonianza al Comitato per l'energia e il commercio come "una società di consulenza diversificata per le comunicazioni i cui clienti includevano tre presidenti degli Stati Uniti, diversi senatori e governatori , così come i CEO di Fortune 500". Era, infatti, principalmente un partito di strategia politica per interessi commerciali. [1]

Il lavoro politico di Ailes ha incluso:

  • lavorando come consulente per i media per la campagna presidenziale di Richard M. Nixon nel 1967-68
  • lavorando come consulente nel 1984 a Ronald Reagan e
  • lavorando alla campagna presidenziale del 1988 di George H. W. Bush
  • fornendo consulenza alla campagna di George W Bush.

Roger Ailes

Roger Ailes era un dirigente televisivo americano e consulente per i media. Era il presidente e amministratore delegato di Fox News, Fox Television Stations e 20th Television, da cui si è dimesso nel luglio 2016 dopo che 23 donne sono state denunciate per molestie sessuali. Ailes è stato un consulente mediatico per i presidenti repubblicani Richard Nixon, Ronald Reagan e George H.W. Bush, e per la prima campagna elettorale di Rudy Giuliani. Nel 2016, si è dimesso da Fox News dopo essere stato accusato di molestie sessuali da parte di diverse dipendenti Fox, comprese le personalità in onda Gretchen Carlson e Megyn Kelly. Poco dopo, è diventato consigliere della campagna di Donald Trump, dove ha assistito alla preparazione del dibattito.

Ailes soffriva di emofilia, una condizione medica in cui il corpo è compromesso nella sua capacità di produrre coaguli di sangue. Morì il 18 maggio 2017 all'età di 77 anni dopo aver subito un ematoma subdurale aggravato dalla sua emofilia. (Wikipedia, CC BY-SA)


Come Roger Ailes ha disonorato Fox News e ha offuscato un'eredità unica

Mentre la bizzarra incoronazione di Donald Trump come candidato presidenziale repubblicano si svolgeva a Cleveland questa settimana, a circa 400 miglia a est un altro re della destra americana stava affrontando l'esecuzione.

Roger Ailes, presidente e amministratore delegato di Fox News, il generale più vicino a Rupert Murdoch ed eminenza grigia a una galleria di presidenti repubblicani, stava negoziando la sua uscita da un lavoro che ha ricoperto per 20 anni, la sua reputazione a brandelli tra le accuse di scorrettezza sessuale alla rete – l'ultimo secondo quanto riferito dalla stella più brillante di Fox News.

Mentre Fox News analizzava ogni secondo dell'adesione di Trump a Cleveland, gli addetti alle PR di Fox hanno respinto i giornalisti desiderosi di chiedere alla star anchor Megyn Kelly se fosse stata molestata sessualmente da Ailes. La 21st Century Fox, la società madre del canale di notizie, aveva già confermato un'indagine sulle precedenti accuse di molestie, ma ha tentato di smorzare le speculazioni secondo cui Ailes fosse uscito in una serie di dichiarazioni fredde.

In una scena che ha fatto eco agli innumerevoli scandali sessuali politici che Ailes ha supervisionato, il capo caduto della Fox ha lasciato l'edificio della News Corp sulla Sixth Avenue a New York in compagnia di sua moglie, Elizabeth Tilson, martedì sera, seguito dai fotografi.

Mercoledì mattina la partita sembrava finita. Sotto il titolo "What The Fox!", il New York Post di Murdoch ha riportato: "Roger Ailes, che ha costruito la rete via cavo più quotata Fox News, era fuori come presidente la scorsa notte, hanno detto le fonti". Nell'angolo in basso a destra della prima pagina una grande foto sorridente di Ailes era incastonata con le immagini di due donne che avrebbe proposto: Gretchen Carlson, che ha fatto causa ad Ailes, e Kelly.

Il giorno dopo era fuori. In una dichiarazione, Murdoch ha elogiato Ailes per il suo "notevole contributo alla nostra azienda e al nostro paese". Nella loro dichiarazione, anche i figli di Murdoch, non fan di Ailes, hanno elogiato il re della TV caduto, ma hanno notato: "Continuiamo il nostro impegno a mantenere un ambiente di lavoro basato sulla fiducia e sul rispetto".

L'inizio della fine per Ailes, una volta inattaccabile, è arrivato all'inizio di questo mese quando Carlson, un ex co-conduttore di Fox & Friends, ha intentato una causa in un tribunale del New Jersey, sostenendo che Ailes "ha sabotato la sua carriera perché ha rifiutato le sue avance sessuali e [lei] si è lamentata di molestie sessuali gravi e pervasive”.

Ailes ha negato qualsiasi illecito e caratterizzato le affermazioni di Carlson come vendetta per la sua retrocessione a seguito di una diapositiva delle valutazioni. Kelly deve ancora commentare le accuse, fatte per la prima volta sulla rivista New York, secondo cui era anche il bersaglio delle attenzioni indesiderate di Ailes.

È la fine ignominiosa di una carriera stellare. Prima di creare la rete via cavo più famosa degli Stati Uniti, Ailes ha aiutato Richard Nixon, Ronald Reagan e George HW Bush a conquistare la Casa Bianca. Murdoch ha detto al biografo di Ailes, Zev Chafets, che i due "hanno una stretta amicizia personale".

Significativamente, Murdoch non è corso in difesa di Ailes. Non tutti i clan Murdoch sono fan: i suoi figli James e Lachlan, eredi dell'impero, si sono scontrati entrambi con Ailes. Secondo quanto riferito, considerano le sue opinioni politicamente e socialmente conservatrici come anacronistiche e, in una battaglia che rispecchia quella in corso nel partito repubblicano, hanno spinto Fox a essere più inclusivo e meno combattivo su questioni come razza, sessualità e genere.

Matthew Freud, il dirigente delle pubbliche relazioni britannico e marito della figlia di Murdoch, Elisabeth, ha dichiarato al New York Times nel 2010 che lui e altri membri della famiglia erano "vergognati e disgustati" dall'"orrendo e prolungato disprezzo degli standard giornalistici" di Ailes. Ma mentre Fox volava, Rupert non ascoltava, nemmeno i suoi figli, e Ailes sembrava intoccabile.

Poco più di dieci anni fa, Lachlan Murdoch ha perso un litigio aziendale con Ailes che lo ha portato a lasciare gli Stati Uniti per l'Australia. Ailes si è letteralmente trasferito nel suo ufficio. Poco più di un anno fa, Murdoch ha annunciato che i suoi figli stavano assumendo più responsabilità nella gestione dell'azienda. La speculazione era diffusa sul fatto che Ailes fosse fuori, ma Murdoch è intervenuto per uccidere quella speculazione e ha rinnovato il contratto del suo preferito con una squillante approvazione.

I due avevano "un rapporto speciale", ha detto Murdoch. "Lachlan, James e io siamo lieti che Roger guiderà le attività chiave per noi e per i nostri azionisti negli anni a venire e ha il nostro incrollabile sostegno".

Forse avrebbe potuto sopravvivere a una causa. Ma con Kelly che secondo quanto riferito incoraggia altre donne a farsi avanti e gli avvocati di Carlson affermano che altre 20 donne le hanno contattate per Ailes, l'uomo più potente della televisione era diventato una responsabilità.

"Elite sposata di valori familiari conservatori annullati dallo scandalo sessuale" sembra una perfetta storia di Fox. Almeno, se il protagonista fosse un democratico. Ma questa è una triste storia che Fox e i repubblicani devono desiderare che venga spazzata via, almeno fino a dopo le elezioni di novembre.

Trump contro Hillary Clinton si preannuncia essere uno dei più feroci combattimenti politici tra cani della storia recente. Dopo un inizio difficile della loro relazione, con Trump che attacca Kelly e la rete, è stata dichiarata la pace, una pace che Ailes aveva mediato. Ora i repubblicani hanno perso il loro generale più decorato ancor prima che la vera battaglia sia iniziata.

Roger Ailes lascia Fox News martedì con sua moglie, Elizabeth Tilson. Fotografia: Drew Angerer/Getty Images

Nel suo libro The Loudest Voice in the Room, il giornalista della rivista di New York Gabriel Sherman – che ha svelato gran parte degli sviluppi di questa settimana – descrive in dettaglio lo stile di gestione del capo della Fox: non cerca notizie dell'ultima ora o scoop, cerca linee guida e narrazioni , per i modi di girare e mettere in scena le notizie, non per le notizie da dare.

Bengasi, le e-mail di Clinton, il certificato di nascita di Obama: queste sono storie che la Fox ha martellato nella sua incessante spinta per suscitare i suoi fedeli spettatori. Ma sembra che sia l'ideologia alla base di questi argomenti tanto quanto le notizie stesse che interessano Ailes. Il tema comune? I liberali sono bugiardi.

È stata una filosofia redditizia: le entrate di Fox News sono molto più grandi dei suoi concorrenti via cavo CNN e MSNBC, e la sua operazione di raccolta di notizie è molto, molto più piccola. "La Fox non ha niente come il Time Warner Center della sede della CNN di Atlanta", ha detto un commentatore che è apparso regolarmente su Fox. "Fox è molto più scadente, la CNN un'organizzazione impressionante e vasta".

Lo status di "più votato" di Fox News è significativo alla luce delle elezioni unicamente incentrate sulla TV in corso al momento. Le sue valutazioni non sono necessariamente così attraenti per gli inserzionisti a meno che non siano impegnati nel formato delle notizie, a causa dell'età della fascia demografica della rete: l'età media di visualizzazione di Fox è 67, e si presume che a 49 spettatori abbiano formato le loro abitudini di acquisto e non non prelevare quasi altrettanti dollari pubblicitari dalle aziende che cercano di trovare conversioni a nuovi prodotti. Ma la pubblicità è comunque secondaria per Fox News: la rete è in 94,7 milioni di famiglie, per ognuna delle quali riceve un dollaro al mese.

Ma si scopre che la demografia è incredibilmente importante per altre ragioni, ancora più significative del benessere degli inserzionisti, vale a dire che c'è un prodotto che cambia ogni pochi anni a cui i baby boomer sono sproporzionatamente interessati: i politici.

I giovani elettori "colpiscono sotto il loro peso" ai sondaggi, secondo un recente rapporto della ricerca Pew, che ha affermato a maggio che sebbene i millennial in età di voto fossero ora popolosi come i baby boomer, non erano così inclini a presentarsi in forza . I boomer hanno iniziato a compiere 65 anni nel 2011.

In Ailes, un uomo che distribuiva personalmente spunti di discussione conservatori ai commentatori della lista di talk show della sua rete, i repubblicani (e Murdoch) trovarono un uomo che era unicamente sintonizzato sulle paure e sui desideri di quegli anziani elettori conservatori.

Nato nel 1940 a Warren, Ohio, Ailes ha avuto un'infanzia difficile. Un emofiliaco, secondo quanto riferito, suo padre lo ha picchiato con un cavo elettrico. Quando i suoi genitori hanno divorziato, sua madre ha affermato che il padre di Ailes aveva minacciato di ucciderla.

Dopo essersi laureato all'Università dell'Ohio e aver lavorato per la radio del campus, Ailes ha iniziato al fondo del mondo delle trasmissioni come assistente immobiliare nell'affiliata della NBC di Cleveland, KYW-TV, e si è fatto strada fino a diventare produttore e poi produttore esecutivo di quella stazione prodotta localmente programma di varietà, The Mike Douglas Show. Entro sei anni dall'inizio come assistente di scena umile, ha portato lo spettacolo alla syndication nazionale e ha avuto un Emmy da mostrare per i suoi sforzi.

Per due anni ha cercato di gestire una rete televisiva sindacato stile servizio di stampa conservatore chiamato TVN per il magnate della birra Joseph Coors, un raro fallimento professionale, e dopo un lungo periodo di consulenza politica e scrittura di discorsi per tutti, da Nixon a Barbara Bush, è tornato a il mezzo che amava per dare vita alla CNBC, una rete di notizie finanziarie allora assonnata, prima di fondare Fox News per Murdoch nel 1996.Da lì, ad ogni passo, i suoi istinti politici hanno informato e plasmato la copertura delle notizie dei suoi subordinati.

Fox News ha preso il concetto di un mezzo popolare e poco costoso, la talk radio - Bill O'Reilly, Sean Hannity e molti degli altri importanti progetti di Fox nel corso degli anni sono conduttori radiofonici esperti e di talento - e l'ha trasformata in una televisione allestita in modo attraente, completa di un pochi giornalisti a fornire solo la gravità necessaria. Non era una notizia a buon mercato, era un nuovo tipo di intrattenimento, e uno in cui Ailes si dimostrò il maestro. Fino a martedì. Ora la notizia che una volta ha mostrato una tale capacità di controllo lo ha spinto fuori dalla porta.


Come Roger Ailes è diventato l'uomo più potente dei telegiornali

Il mondo dei media venera gli hacker e deride gli hack, e sebbene al momento della sua detronizzazione da CEO di Fox News giovedì in seguito alle accuse di molestie sessuali Roger Ailes fosse arrivato a sembrare qualcosa di quest'ultimo, se ne andrà con ricchezze e consensi a causa di una corsa improbabile come la prima.

La 21st Century Fox ha annunciato giovedì che Ailes si dimetterà dalla carica di CEO di Fox News Channel e Fox Business Network, per essere sostituito ad interim da Rupert Murdoch, presidente esecutivo della 21st Century Fox, la società madre di Fox News. La mossa è arrivata 15 giorni dopo che Gretchen Carlson, ex anchor di Fox News, ha intentato una causa contro Ailes per presunte molestie sessuali. Un certo numero di altre donne successivamente si sono fatte avanti con accuse simili che abbracciano decenni. Le affermazioni hanno spinto Fox a incaricare lo studio legale Paul, Weiss di condurre un'indagine, durante la quale circa 10 donne avrebbero riferito storie sulla condotta indesiderata e inappropriata del signor Ailes, secondo il New York Volte. Secondo quanto riferito, l'importante anchor Megyn Kelly ha detto agli investigatori che Ailes l'ha molestata sessualmente quando era nuova nella rete quasi 10 anni fa.

Ailes ha negato le accuse. L'annuncio della 21st Century Fox sulla partenza di Ailes non ha menzionato la causa. I portavoce dell'azienda non hanno risposto immediatamente alla richiesta di TIME di parlare con Ailes.

Prima di trasformare Fox News in una forza culturale utilizzata per promuovere un particolare insieme di convinzioni - alcune palesi, come le opinioni politiche dei suoi ospiti in prima serata, altre un po' più sottili, come l'aspetto stereotipato biondo e pettinato delle sue conduttrici - Ailes ha riconosciuto il potere della televisione per plasmare il discorso politico. Aveva la comprensione di Marshall McLuhan per il significato del mezzo con il gusto di Morton Downey Jr. per il pacchiano. In una lunga carriera che ha giocato a ping pong tra politica e TV, nella sua corsa alla Fox, ha cancellato ogni distinzione pratica tra i due, ha inventato e reinventato se stesso troppe volte per poter contare. È sopravvissuto a tempi difficili nelle sue discipline e a un cambiamento nei gusti di massa, coltivando una lealtà feroce e una paura costante tra i suoi dipendenti ed elevando la paranoia a un'arte alta.

Il primo atto di Ailes è nato dal cuore della terra. All'età di 27 anni, il nativo dell'Ohio nordorientale era diventato produttore esecutivo di Lo spettacolo di Mike Douglas, un festoso chatfest diurno degli anni '60 che aveva guadagnato un seguito in onda a Cleveland prima della diffusione a livello nazionale. Secondo la leggenda, in un fatidico giorno del 1968 lo spettacolo aveva prenotato l'allora candidato presidenziale repubblicano Richard Nixon tra gli altri ospiti (anche se non, come alcuni dicono, una danzatrice del ventre e il suo serpente). Nixon finì per chiacchierare nel backstage con Ailes. Sebbene il linguaggio preciso del loro interscambio abbia assunto diverse forme ormai decenni dopo, Nixon disse qualcosa del tipo: "È un peccato che un uomo debba usare espedienti come la televisione per essere eletto". Secondo il resoconto di Ailes di l'evento, ha ribattuto qualcosa del tipo: &ldquoLa televisione non è una trovata. E se pensi che lo sia, perderai di nuovo. In poco tempo, Ailes si unì alla campagna.

Il resoconto popolare della corsa presidenziale del 1960 aveva attribuito il turbamento di Kennedy nei confronti di Nixon in parte al pallido disagio del vicepresidente in carica davanti alla telecamera durante il primo dei dibattiti. E così in &rsquo68, il giovane consulente per i media Ailes ha inserito Nixon in una serie di spot pubblicitari in stile municipio in cui rispondeva alle domande di un pubblico di presunte persone normali. (In realtà erano stati radunati dalle riunioni repubblicane locali.) A proposito del suo cliente, Ailes ha detto al giornalista Joe McGinniss per il suo libro La vendita del presidente 1968, &ldquoMolte persone pensano che Nixon sia noioso. Lo guardano come il tipo di bambino che porta sempre con sé una borsa per i libri, che aveva 42 anni il giorno in cui è nato. Pensano che altri bambini abbiano ricevuto palloni da calcio per Natale. Nixon ha preso una valigetta e l'ha adorato&hellip Ora che lo metti in televisione, hai subito un problema. È un ragazzo dall'aspetto divertente&hellipEcco perché questi spettacoli sono importanti: per far loro dimenticare tutto questo.”

L'intuizione caratteristica di Ailes: la televisione, per sua stessa natura, caricava tutti coloro che erano abbastanza disperati o sfortunati da apparire sulle sue onde radio. I politici potrebbero esserne vittime, oppure potrebbero usarlo a loro vantaggio. Come ha scritto nel suo libro del 1988 Tu sei il messaggio, &ldquoSe piaci al tuo pubblico, ti perdoneranno praticamente tutto il resto che fai di sbagliato. Se non gli piaci, puoi centrare ogni regola nel modo giusto e non importa.&rdquo

Nixon avrebbe vinto una schiacciante vittoria elettorale e il libro di McGinniss divenne un bestseller alla sua uscita nell'ottobre 1969, con Ailes come protagonista. Si era modellato un'immagine e un inferno come consumato creatore di immagini. Sebbene il suo candore registrato avesse sollevato le sopracciglia alla Casa Bianca, non aveva seguito la troupe di Nixon in Pennsylvania Avenue, optando invece per produrre un paio di talk show di breve durata e un musical di Broadway di breve durata, mentre faceva anche da consulente per una varietà di repubblicani (incluso Nixon). Durante una campagna del 1970, mentre consigliava lo sfavorito Robert Taft Jr. in un'offerta del Senato degli Stati Uniti alla fine riuscita dall'Ohio, Ailes diede al candidato un pezzo di carta piegato prima di un dibattito, dicendogli di usarlo solo se ne avesse avuto bisogno. Taft ha letto la nota e ha vinto il dibattito. Si leggeva semplicemente: &ldquoKILL.&rdquo Il musical&mdashMadre Terra, una produzione rock sulle devastazioni ecologiche dell'inquinamento e non ha ucciso del tutto. È durato 12 spettacoli. Ailes ha avuto più successo con The Hot l Baltimora, un'opera teatrale off-Broadway su gentaglia, drogati e prostitute che vivono in un hotel condannato. Ailes si è assicurato che una delle fotografie promozionali dell'opera teatrale mostrasse un'attrice che indossava solo un asciugamano, e si è assicurato di girarla lui stesso.

All'inizio degli anni '80, Ailes avrebbe pilotato una serie di campagne senatoriali di successo, con alcuni dei suoi clienti (Mitch McConnell, Dan Quayle, Al D'Amato) che si trasformavano in grandi nomi dopo il loro arrivo a Washington. Ha anche ottenuto un breve concerto producendo NBC&rsquos Domani spettacolo con Tom Snyder, che andava in onda ogni sera dopo Johnny Carson. Come sarebbe diventata la sua firma, Ailes ha spinto lo spettacolo verso i tabloid. Ha prenotato un colloquio con Charles Manson nella sua cella di prigione e si è presentato. I suoi sforzi potrebbero salvare Domani ed è stato sostituito da David Letterman.

Ma i suoi trionfi elettorali nello stesso periodo avevano contribuito a insinuarsi nel tentativo di rielezione di Ronald Reagan. Fu Ailes ad allenare il presidente dopo una prestazione poco brillante nel primo dibattito del 1984 contro Walter Mondale. Come racconta Gabriel Sherman nella sua biografia di Ailes, La voce più forte nella stanza, Reagan ha detto che si è trovato ostacolato dalla necessità di ricordare una litania di fatti. Ailes ha risposto: "Sai, signor Presidente, il popolo americano vuole che tu sia un leader e non ti importa se non conosci un miliardo o un milione, e noi faremo in modo che andando avanti tu non avrai quelle grandi sessioni di pasticcio".

La più grande campagna di Ailes sarebbe arrivata nell'88, quando fu incaricato di vendere il vicepresidente di Reagan George H.W. Cespuglio. (Quell'anno TIME avrebbe soprannominato Ailes &ldquoThe Dark Prince of Negative Advertising&hellip Falstaffian nei suoi appetiti per il cibo, il combattimento e l'attenzione.&rdquo) Sherman scrive che Ailes ha detto a Bush di interpretare Gary Cooper &mdash il duro. Di conseguenza, Ailes ha convinto Bush a litigare in onda con Dan Rather della CBS e gli ha detto che non poteva in nessun caso indossare magliette a maniche corte. Sebbene Ailes abbia a lungo negato qualsiasi coinvolgimento nella manovra forse più famigerata di quella campagna, un annuncio razzista che incolpa Michael Dukakis per le azioni del criminale Willie Horton, Ailes è stato citato nella storia di TIME come desideroso di attaccare Dukakis su quel fronte. "L'unica domanda", ha detto, "è se rappresentiamo Willie Horton con un coltello in mano o senza di esso".

Come dopo il 68, Ailes non seguì il suo cliente vittorioso alla Casa Bianca. Ma ha mantenuto la sua mano nella politica repubblicana, assistendo Rudy Giuliani nella sua candidatura a sindaco persa nel 1989, e producendo annunci per gruppi di facciata di Big Tobacco, ad esempio, Californians Against Unfair Tax Aumenti, che ha sostenuto in una serie di annunci negativi surriscaldati che hanno aumentato le tasse su i fumi porterebbero al contrabbando ea un'ondata di crimini violenti. Gli annunci di Ailes’ non sono riusciti a fermare l'aumento delle tasse. Ha anche pubblicato il suo libro, ha prodotto esecutivamente l'incursione del suo amico Rush Limbaugh nella televisione sindacata e ha inventato un gioco da tavolo di politica elettorale, "Strategia rischiosa". Ed è rimasto loquace in presenza dei giornalisti. Ha detto al Chicago Tribuna del presidente Clinton: “Non è un cattivo ragazzo. Ad essere onesto con te, se volessi uscire il venerdì sera bevendo e cercando ragazze, mi piacerebbe andare con lui.

Ma allora anche Ailes iniziò a cambiare. Il corpulento esperto che era solito scherzare sul fatto che gran parte della sua circonferenza era muscolosa, perdeva 40 libbre e si è rasato il pizzetto. Forse è stata una concessione ai suoi nuovi padroni aziendali nel 1993, la General Electric lo ha portato a dirigere il suo nuovo canale di notizie economiche via cavo, CNBC, e a sviluppare un canale basato sulla chat chiamato America's Talking. Poi di nuovo, Ailes non si è completamente astenuto: quando il leggendario G.E. L'amministratore delegato Jack Welch ha subito un intervento chirurgico di bypass e ha ordinato agli chef della sala da pranzo dirigenziale di cucinare cibo sano, secondo quanto riferito Ailes ha detto "Non mangio questa schifezza" e ha ordinato un doppio cheeseburger e patatine fritte.

I telegiornali erano affamati di una figura come Ailes. La CNN era stata lanciata molto prima della CNBC (e del suo ex concorrente, Financial News Network, che è stata incorporata dopo una fusione) e aveva raggiunto il dominio costruendo un'impronta globale, vivificando l'esperienza di leggere un quotidiano nazionale. Ma le personalità fuori misura avevano poco posto lì. Alla CNBC, Ailes ha coniato lo slogan &ldquoFirst in business, first in talk.&rdquo Era il programmatore dietro Hardball con Chris Matthews. (Un'altra programmatrice, Elizabeth Tilson, che lavorava in entrambi i canali sarebbe poi diventata la terza moglie di Ailes.)

America's Talking ha mostrato il lato a ruota libera di Ailes. Ha portato un vecchio Mike Douglas mano come suo vice. La rete vantava una serie (Maiale) dedicato all'esposizione dei rifiuti del governo, uno spettacolo condotto da uno psicologo chiamato sono matto?, uno spettacolo di consulenza su chiamata con lo scrittore E. Jean Carroll e uno spettacolo di interviste, Semplice, ospitato dallo stesso Ailes. Una clip del 1995 lo mostra con indosso una cravatta cachemire, mentre intervista attentamente Judy Collins in uno studio decorato come lo studio di un professore universitario. Più tardi Ailes chiacchiera con lei quando è al pianoforte.

Il canale, però, stava per cadere attraverso una botola. America's Talking ce l'ha fatta un anno e mezzo prima che gli ottoni della NBC, rispondendo a condizioni di mercato favorevoli e aiutati da un investimento di $ 220 milioni da Microsoft, scegliessero di trasformare il canale in MSNBC, un presunto concorrente high-tech della CNN. E poco dopo Ailes è finito alla Fox. (Il suo accordo di uscita, secondo Sherman, includeva un linguaggio che gli proibiva di lavorare per CNN, Dow Jones o Bloomberg. La News Corp. di Rupert Murdoch era un gioco leale.)

Il cambio di formato è stata una cosa che ha causato il suo arrivo alla Fox. Così anche una faida con David Zaslav, allora dirigente rivale nella gerarchia dei cavi della NBC e ora CEO di Discovery. Secondo la biografia di Sherman, Ailes avrebbe chiamato Zaslav un insulto antisemita. Entrambi gli uomini lo hanno negato.

Ma la causa principale dell'atterraggio di Ailes era che aveva molto senso. Murdoch si era avvicinato alla notizia per tutta la sua carriera con allegria e irriverenza. E Ailes era l'incarnazione di quelle qualità. La sensibilità politica molto sezionata della rete potrebbe essere stata più di ogni altra cosa un mezzo per raggiungere un fine.

"Siamo dispiaciuti per il giorno in cui abbiamo lasciato che Roger e Rupert si unissero", secondo quanto riferito Welch ha detto a un alto tenente alla presentazione di Fox News. Quel giorno, il 30 gennaio 1996, mancavano 7.478 giorni prima del giorno in cui Ailes lasciò il posto di vertice. Sotto la supervisione di Murdoch, Ailes ha presieduto un'attività di crescente successo in un momento in cui i notiziari più tradizionali stavano combattendo il calo degli ascolti e le perdite di entrate. E tra le creazioni di Ailes 8217 alla Fox c'era una serie di star fuori misura, le donne tra le quali tutte avevano un aspetto e un affetto particolari e il cui aspetto era un gioco leale per la conversazione in onda. Il futuro di Fox News ora non è chiaro, ma è certo che tra l'eredità intricata di Ailes ci sarà una cultura contaminata da ciò che alcune donne dicono essere decenni di molestie sessuali. Alla fine, durante la stessa settimana in cui il partito che venerava e temeva Ailes si sgretolò a Cleveland, la sua creazione dimostrò la sua rovina.


La moglie di Roger Ailes, Beth Ailes, è rimasta al suo fianco fino alla sua morte

Connie Britton la interpreta nel film in uscita, Bomba.

Probabilmente ne hai sentito parlare Bomba da ora: il nuovo film con Charlize Theron, Margot Robbie e Nicole Kidman che racconta la storia della caduta dell'ex presidente e CEO di Fox News e Fox Television Stations, Roger Ailes. È stato costretto a lasciare la società di media nel luglio 2016 dopo che numerose donne della rete si sono fatte avanti con accuse di molestie sessuali contro di lui. (Puoi leggere un resoconto passo passo della sua caduta qui.)

Durante lo scandalo, l'unica persona che gli stava continuamente accanto era sua moglie da 20 anni, Elizabeth Ailes. Qui, tutto quello che c'è da sapere su Ailes e il suo rapporto con suo marito.

La coppia si è conosciuta al lavoro.

Roger ed Elizabeth si sono conosciuti alla CNBC quando lei era una dirigente della programmazione e lui era responsabile del canale. "Ailes sembrava "infatuato" del sosia di Marilyn Monroe", ha detto un ex dirigente della CNBC in un Rivista di New York articolo del 1997, riferito a Elizabeth.

Nel 1998, la coppia è stata sposata dall'allora sindaco di New York Rudy Giuliani al municipio. Lei aveva 37 anni e lui 58 all'epoca. Due anni dopo nacque il loro figlio Zachary.

Ha esperienza nel settore dei media.

Proprio come il suo partner, Elizabeth ha un background nei media. Ha conseguito una laurea in giornalismo presso la Southern Connecticut State University. Ha iniziato alla NBC News Radio dopo la laurea e poi è stata prenotatrice e ricercatrice per Notizie della NBC all'alba e Prima delle ore, secondo il suo sito web.

Roger è diventato il CEO di Fox News nel 1996 e ha lasciato la CNBC a causa di un conflitto tra lui e un altro dirigente. Prima di partire, Elizabeth è stata promossa a Vice President of Programming at L'America parla, che ora è noto come MSNBC.

Nel 2008, la coppia ha acquistato il Corriere della contea di Putnam e il Putnam Country News e registratore giornali. Elizabeth è stata nominata proprietaria ed editore di entrambe le pubblicazioni e si diceva che avesse "lo stesso tipo di aggressività che Roger Ailes usava su un palcoscenico più grande" quando le gestiva, secondo Fiera della vanità.

Elizabeth ha venduto entrambi i giornali nel dicembre 2016 al caporedattore Douglas Cunningham appena sei mesi dopo che l'ex anchor di Fox News Gretchen Carlson ha intentato una causa per molestie sessuali contro Roger.

È stata al suo fianco durante le accuse di molestie sessuali.

Durante la causa che ha provocato le dimissioni da $ 40 milioni di Roger da Fox News, Elizabeth è stata al fianco di suo marito.

Secondo New York Rivista, dopo che l'ancora di Fox News Megyn Kelly ha rifiutato di stare al fianco di Roger durante la causa, Elizabeth ha suggerito al team PR di Fox News di "rilasciare foto audaci di Kelly pubblicate anni fa in Rivista GQ come un modo per screditarla". Non è successo perché la sua richiesta è stata respinta. "Non si tratta di soldi", avrebbe detto. "Si tratta della sua eredità".

Sembra che Elizabeth non sapesse nulla del comportamento di suo marito nel corso degli anni. Le fonti affermano che stava "prendendo tutte le rivelazioni particolarmente duramente", poiché le voci su un possibile divorzio pullulavano considerando che lei viveva a New York e lui risiedeva in Florida.

La coppia, tuttavia, è rimasta sposata fino alla morte di Roger nel maggio 2018. È morto di emofilia, che si dice sia stato innescato da quando è caduto e ha battuto la testa nella sua casa in Florida giorni prima.

Si è assicurata che Fox News non riferisse prima della morte di Ailes.

Per assicurarsi che Fox News non sarebbe stata quella a dare la notizia della sua morte, Elizabeth ha inviato un'e-mail a Matt Drudge di Il rapporto del Drudge scrivendo: "Sono profondamente triste e con il cuore spezzato nel riferire che mio marito, Roger Ailes, è morto questa mattina. Roger è stato un marito amorevole per me, per suo figlio Zachary e un amico leale per molti. Era anche un patriota, profondamente grato vivere in un paese che gli ha dato così tante opportunità di lavorare sodo, di crescere e di restituire. Durante una carriera che si è protratta per più di cinque decenni, il suo lavoro nello spettacolo, nella politica e nelle notizie ha influenzato la vita di molti milioni. E così, anche se piangiamo la sua morte, celebriamo la sua vita".

Si tiene per sé in questi giorni.

Elizabeth è rimasta principalmente nascosta da qualsiasi tipo di riflettore dal 2016. Si tiene per sé nella sua casa a Palm Beach, in Florida, con suo figlio Zachary. A volte Ailes twitta foto di Roger o del figlio da un account non verificato o pubblica sul suo blog. Secondo il suo sito web, ora è coinvolta con organizzazioni senza scopo di lucro che si concentrano principalmente sul benessere sociale e sullo sviluppo della forza lavoro.

Puoi guardare il trailer di Bomba, sotto:

Bomba anteprime nei cinema di tutto il mondo il 20 dicembre 2019.

Per altre storie come questa, tra cui notizie sulle celebrità, consigli di bellezza e moda, commenti politici esperti e funzionalità affascinanti, iscriviti al Marie Claire nnewsletter.


Guarda il video: Roger u0026 Gustavo - Prefiro Ficar Sem Ou é Você Ou é Ninguém (Potrebbe 2022).