Inoltre

Schiavitù per interessi

Schiavitù per interessi


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

"Schiavitù degli interessi" era un termine adottato da Gottfried Feder, un antico convertito al nazionalsocialismo. Feder riteneva che la "schiavitù degli interessi" mettesse Weimar Germania in grave svantaggio e che solo spezzandola, la Germania avrebbe potuto prosperare ancora una volta. Feder credeva che i politici di Weimar non fossero disposti a rompere la "schiavitù degli interessi" che credeva rovinasse la Germania e che solo un uomo come Hitler sarebbe disposto a farlo. Come scrisse Feder:

“La rottura della schiavitù degli interessi è il nostro grido sul campo di battaglia. So che questo principio non è stato giustamente compreso nella sua inaudita e fondamentale importanza, anche nei nostri ranghi. Si vede ad esempio quanto raramente i nostri oratori osino affrontare questo problema alla radice. In effetti la maggior parte di loro ritiene che sia una domanda fondamentale; nel tesoro delle parole dei nostri compagni c'è il motto: "Lotta contro il capitalismo degli scambi e dei prestiti". Ma cosa significa "rottura della schiavitù degli interessi", come funziona nella vita pratica dell'individuo e della nazione, quali eventi tecnicamente finanziari rendono la nazione "schiavi degli interessi" o quali passi pratici sono necessari per realizzare la rottura degli interessi -la schiavitù e quali saranno i risultati per l'intera popolazione quando questa schiavitù degli interessi verrà interrotta: sono tutti vaghi.

Nella schiavitù degli interessi è l'agricoltore che, per finanziare la sua fattoria, deve prendere "credito" a un tasso di interesse così elevato, che l'interesse quasi a est aumenta i profitti del suo lavoro, o che ha fatto o deve fare debiti e trascina con sé i debiti ipotecari come un'eterna palla di piombo.

Nella "schiavitù degli interessi" c'è il lavoratore, che lavora nelle fabbriche e nelle officine per salari insufficienti, mentre l'azionista raccoglie interessi e dividendi - senza preoccupazioni o lavoro.

Nella schiavitù degli interessi c'è l'intera borghesia, che oggi deve lavorare praticamente parlando per pagare gli interessi sui prestiti bancari.

Nella schiavitù degli interessi sono tutti coloro che devono guadagnare il loro pane attraverso il lavoro fisico o mentale, mentre in piedi di fronte a loro una classe - senza cura e senza lavoro - ottiene enormi guadagni attraverso gli interessi sul denaro prestato, attraverso i profitti sul mercato e attraverso le transazioni finanziarie. Non parliamo dei piccoli uomini indipendenti o degli uomini con conti di risparmio anche se raccolgono piccoli profitti attraverso un sistema fondamentalmente non fondato, ma per tutta la vita cento volte la quantità di denaro attraverso tasse, pensioni ecc. In modo che nella vecchiaia possano ricevere una parte di ciò che è stato loro portato via prima.

Nella schiavitù degli interessi è l'industriale, che ha costruito la sua attività attraverso il lavoro più duro, quindi, secondo il principio di stare al passo con i tempi, ha trasformato la sua attività in una società; ora è più il suo capo, ma deve soddisfare l'insaziabile avidità per i profitti dei membri del consiglio e degli azionisti se non vuole essere licenziato dai suoi affari.

Nella schiavitù degli interessi ogni nazione copre il proprio bisogno di denaro attraverso i prestiti.

Nella schiavitù degli interessi ogni nazione viene distrutta, ogni nazione che dà i suoi più importanti diritti sovrani nazionali al potere monetario - i banchieri, i suoi interessi finanziari, le sue ferrovie e il controllo delle tasse e delle tariffe più importanti, come ha fatto la Germania accettazione del piano Dawes.

Nella schiavitù degli interessi ci sono tutte le nazioni e tutti i governi che si piegano davanti al potere del capitale di carico.

Nella schiavitù degli interessi c'è tutto il lavoro creativo, che ha perso il suo posto nell'oro, tanto che oggi il denaro è diventato il tiranno più brutale sul lavoro.

La rottura della schiavitù degli interessi è l'asse d'acciaio attorno al quale gira tutto.

Ottobre 2012