Podcast di storia

Scoperti henge e tumulo neolitici di 6.000 anni nel Kent

Scoperti henge e tumulo neolitici di 6.000 anni nel Kent

Gli archeologi in Gran Bretagna hanno portato alla luce un'antica henge neolitica su un terreno di sviluppo abitativo nel Kent, in Inghilterra. Secondo un rapporto in Culture24, la massiccia struttura potrebbe essere stata utilizzata in seguito come complesso funerario, noto come tumulo, nell'età del bronzo, quando fu aggiunto anche un anello interno. I ricercatori hanno detto che l'antico monumento un tempo sarebbe stato abbastanza simile a Stonehenge.

La scoperta è stata fatta dal dottor Paul Wilkinson e dal suo team della Swale and Thames Archaeological Survey Company (SWAT), che hanno studiato il sito prima di un complesso residenziale a Iwade Meadows, Sittingbourne, nel Kent. Hanno commissionato un servizio di droni di fotografia aerea locale chiamato Skyspider Aerial Imaging per catturare la vista spettacolare. Di seguito è possibile vedere un video ad alta definizione dell'antica henge.

Progetto SWAT Archeology Iwade da Skyspider A.I su Vimeo.

L'henge misura 30 metri di diametro e si trova in una posizione che un tempo avrebbe avuto ampie vedute dell'estuario dello Swale e dell'isola di Sheppey oltre. La struttura è costituita da un anello interno ed esterno. L'anello esterno ha un ingresso rivolto a nord-est, il che suggerisce che potrebbe aver avuto origine come monumento, simile a Stonehenge.

L'anello interno, così come una pista da nord-est che conduce all'ingresso della strada rialzata dell'anello, furono successivamente aggiunti nell'età del bronzo. Il dottor Wilkinson crede che la pista funzionasse come una "via sacra", lungo la quale le persone formavano una processione verso quello che molto probabilmente era un luogo di ritrovo cerimoniale. Tuttavia, si ritiene che l'uso dell'henge sia cambiato nel corso dei millenni.

"Le prove archeologiche suggeriscono che il fossato esterno potrebbe aver avuto origine nel Neolitico e successivamente trasformato nell'età del bronzo in un monumento funerario con l'aggiunta dell'anello interno".

Gli archeologi stanno scavando l'anello interno della Henge appena scoperta nel Kent. Credito: Skyspider Aerial Imaging

Un secondo monumento più piccolo si trova vicino agli anelli più grandi e gli esperti ritengono che potrebbe essere stato un tumulo sepolcrale secondario dell'età del bronzo, noto come tumulo, sebbene non siano stati ancora trovati resti umani.

Gli archeologi hanno anche trovato una serie di fosse vicino ai monumenti, che suggeriscono che il sito e l'area erano in uso prima della costruzione dell'henge.

Il team di archeologia SWAT spera ora di determinare la data esatta, la fase e il carattere dei monumenti.
Immagine in evidenza: l'Henge neolitico scoperto nel Kent. Credito: Skyspider Aerial Imaging


    10 segreti dell'archeologia dei droni

    Gli archeologi sanno da tempo che le strutture sepolte emettono una diversa impronta di calore rispetto alla terra circostante. Tuttavia, i voli a bassa quota dotati di unità termiche sono proibitivi in ​​termini di costi e per non dire pericolosi. Ora, i droni possono vedere ciò che gli archeologi in precedenza solo sognavano.

    Le tecnologie aeree hanno superato una soglia di funzionalità, accessibilità ed elaborazione dei dati quasi istantanea. Recenti scoperte dimostrano che i droni sono il futuro dell'archeologia. L'unica domanda rimasta: chi abbraccerà la tecnologia e chi rimarrà indietro?


    Gli Amanti di Valdaro: da 6000 anni una coppia di scheletri è stata rinchiusa in un eterno abbraccio

    Gli Amanti Valdaro è il nome dato a due scheletri che sono stati chiusi in un eterno abbraccio negli ultimi 6000 anni. Gli scheletri abbracciati sono stati scoperti nel 2007, in una tomba neolitica vicino al villaggio di Valdaro a Mantova, in Italia.

    Gli scienziati pensano che la coppia non avesse più di 20 anni quando è morta ed era alta circa 5𔃼″ (157 cm). Dopo un esame osteologico, non c'erano prove di morte violenta molti storici ritengono che siano morti in quel modo a causa degli strumenti di selce che sono stati trovati con loro. Lo scheletro maschile è stato trovato con una punta di freccia di selce vicino al collo e la femmina aveva una lunga lama di pietra lungo la coscia, più due coltelli di selce sotto il bacino.

    Gli scheletri sono stati ritrovati nel 2007 nella frazione di Valdaro. Diritti d'autore della foto

    La spiegazione più ragionevole dopo l'esame è che gli strumenti di selce furono sepolti insieme a loro come corredo funerario. È affascinante che i corpi siano stati posizionati in quel modo dopo la loro morte. Sono stati trovati in una necropoli, quindi non sono morti in quel modo per caso, anzi, si pensa che fossero posizionati in quel modo.

    La cosa più impressionante è che, durante il periodo neolitico, le doppie sepolture erano molto rare, il che rende la loro posizione unica. I Valdaro Lovers sono l'unico caso di doppia sepoltura nel Nord Italia. Quando sono stati trovati, i media hanno pubblicato le loro foto, provocando grande eccitazione in tutto il mondo.

    La coppia di scheletri risale a 6.000 anni. Diritti d'autore della foto

    L'archeologa che ha guidato lo scavo è stata Elena Maria Menotti. Poiché gli scheletri sono stati trovati solo dieci anni fa, è molto difficile definire qualcosa su di loro così rapidamente. È un processo lungo in cui ogni osso dovrà essere studiato a fondo.

    Menotti decise, quindi, che i coniugi non dovessero essere separati e che dovessero essere spostati e conservati così come furono ritrovati. Quindi, la squadra di scavo ha scavato il blocco di terra in cui sono stati scoperti e li ha messi in una scatola di legno.

    Gli Amanti sono in mostra al Museo Archeologico di Mantova, Italia. Diritti d'autore della foto

    Dal sito gli Amanti di Valdaro sono stati inviati ai Musei Civici di Como. Nel settembre 2011, gli scheletri sono stati esposti in pubblico al Museo Archeologico di Mantova.

    Secondo la professoressa Silvia Bangoli, presidente dell'associazione “Lovers a Mantova”, agli Innamorati dovrebbero bastare circa 250.000 euro per avere un centro espositivo tutto loro, e 200.000 euro in più potrebbero essere utilizzati per uno spazio multimediale in cui il mondo può ascoltare la storia degli amanti che si abbracciano. L'associazione “Lovers of Mantova”, sta ancora cercando una casa per questa antica coppia dove possano essere esposti in modo permanente.


    Siti preistorici

    Scatena la tua immaginazione e svela i misteri del tempo nei nostri numerosi siti preistorici, cerchi di pietre, paesaggi rituali, tumuli funerari, fortezze e insediamenti che abbracciano quasi quattro misteriosi millenni della storia dell'Inghilterra.

    Stonehenge è il monumento preistorico più famoso al mondo. Iniziato oltre 5.000 anni fa, gli archeologi discutono ancora delle teorie sul suo uso e significato. English Heritage ha promosso una campagna per migliorare l'esperienza dei visitatori con un nuovissimo Centro visitatori interattivo e piani per un tunnel che nasconde la trafficata A303.

    Stonehenge è ora considerata parte di un "paesaggio sacro" che comprende altri siti storici e antichi. Un altro paesaggio sacro intorno a Avebury Stone Circle include Windmill Hill, The Sanctuary, West Kennet Avenue con il suo tumulo West Kennet Long Barrow e, naturalmente, il famoso e duraturo mistero di Silbury Hill.

    Quindi segui le orme dei tuoi antenati e scopri se riesci a risolvere il mistero di alcuni dei nostri siti più famosi e antichi.

    Sotto la tutela dell'English Heritage, questi monumenti preistorici di Stonehenge e Avebury sono tra i quasi sessanta siti preistorici di cui ci prendiamo cura in tutta l'Inghilterra. La prima data del periodo neolitico ("Nuova età della pietra") intorno al 3.800 aC, quando i "primi contadini" iniziarono a creare monumenti permanenti. Questi includono luoghi di ritrovo "recinto rialzato" come Windmill Hill e tombe a camera comunali "long tumulo", dove i resti smembrati di una piccola parte della popolazione - selezionati perché o come non sappiamo - sono stati depositati in pietra camere. Originariamente queste camere erano coperte da lunghi tumuli di terra, come lo sono ancora ad esempio a Belas Knap, Nympsfield e Uley Long Barrows, ma altrove, come a Kit's Coty House nel Kent, Trethevy Quoit in Cornovaglia e Arthur's Stone nell'Herefordshire, la sepoltura in pietra le camere sono ora esposte in modo impressionante.

    Successivamente, intorno al 3.500 a.C., vennero gli "henges" di terrapieni circolari scavati tra cui Mayburgh Henge e Hatfield Earthworks (Marden Henge). A questi potrebbero essere aggiunti in seguito cerchi interni di pali di legno (come a Woodhenge) o il tipo di monumento preistorico più famoso e infestato dalla leggenda: i cerchi di pietre. Esempi imponenti includono Castlerigg Stone Circle in Cumbria, forse uno dei più antichi, Arbor Low nel Derbyshire Peak District. Altri esempi degni di nota sono Stanton Drew Circles vicino a Bristol Avebury Stone Circle e, naturalmente, Stonehenge stessa. Lì, apparentemente in modo univoco, le pietre erette sono state lavorate per fornire una finitura liscia e, nella loro complessa disposizione finale, sormontate da enormi architravi in ​​pietra, formando un cerchio continuo che racchiude "triliti" di tre pietre.

    Gli archeologi hanno recentemente scoperto prove che i costruttori o gli utenti di Stonehenge vivevano nelle vicinanze di Durrington Walls. È possibile esplorare i resti di insediamenti preistorici simili che includono Carn Euny, Chysauster e Grimspound, ora isolati tra le brughiere del West Country.

    Per molti millenni, gli strumenti e le armi usate dalle popolazioni preistoriche erano di pietra o selce, estratte da siti come Grime's Graves, l'unica miniera neolitica aperta ai visitatori in Gran Bretagna. Ma intorno al 2.300 a.C. l'introduzione della lavorazione dei metalli in Gran Bretagna inaugurò l'età del bronzo, quando l'attenzione si spostò anche da "monumenti comuni" come lunghi tumuli e cerchi di pietre a tumuli rotondi per sepolture individuali, spesso accompagnati da ricchi corredi funerari. Ci prendiamo cura di gruppi di questi a Flowerdown Barrows e Winterbourne Poor Lot Barrows.

    Ancora più tardi, intorno all'800 aC - l'età del ferro - questo nuovo metallo sostituì gradualmente il bronzo per strumenti e armi, il che coincise con la competizione per la terra e un aumento delle guerre tribali. L'enfasi ora si spostò di nuovo dai tumuli funerari alle fortificazioni difensive scavate e fortificate, tra cui il potente Old Oswestry multi-bastione, il castello di Uffington e il castello di Maiden, il più grande forte d'Europa. Insieme a enormi centri di potere tribale come le fortificazioni dell'età del ferro di Stanwick, alcuni di questi erano ancora in uso quando i romani arrivarono nel 43 d.C., ponendo fine al periodo preistorico in Inghilterra e inaugurando un'era completamente nuova.


    Birra antica: sito di 13.000 anni potrebbe essere il birrificio più antico del mondo

    Per molte persone, niente ha un sapore migliore di un bicchiere di birra fresca, bevuto alla fine di una lunga giornata di lavoro o mentre ci si rilassa in un pomeriggio d'estate. Ma fare la birra e non cuocere il pane potrebbe essere il motivo per cui i nostri antenati hanno iniziato a coltivare i cereali.

    All'interno di una grotta in Israele, i ricercatori dell'Università di Stanford hanno trovato prove della prima operazione di produzione della birra conosciuta, che secondo loro potrebbe precedere la coltivazione dei primi cereali.

    Entrambe queste pietre miliari appartengono ai Natufiani, un gruppo di cacciatori-raccoglitori che hanno fatto della regione del Mediterraneo orientale la loro casa più di 10.000 anni fa.

    Per il nuovo studio, pubblicato nel Giornale di Scienze Archeologiche: Rapporti, un team guidato da Li Liu, professore di archeologia cinese a Stanford, ha analizzato tracce di malte di pietra risalenti a circa 13.000 anni. Hanno trovato i mortai in un cimitero natufiano nella grotta di Raqefet, vicino all'odierna città di Haifa.

    Altre prove che la birra è venuta prima del pane.

    L'idea controversa che la birra, e non il pane, abbia ispirato l'originale addomesticamento dei cereali è tutt'altro che una nuova teoria. È in circolazione dagli anni '50, infatti, e ha guadagnato terreno negli ultimi anni grazie a ricerche che suggeriscono che i Natufiani consideravano la birra una parte essenziale delle feste che erano così importanti per la loro società.

    Liu e i suoi colleghi non stavano cercando prove della produzione di birra all'interno della grotta di Raqefet, ma stavano semplicemente indagando su quali tipi di alimenti vegetali potessero aver consumato i natufiani. Come si è scoperto, ciò che hanno scoperto era la prova di una grande operazione di produzione di birra, che Liu ha definito in una dichiarazione "il più antico record di alcol prodotto dall'uomo nel mondo".

    I ricercatori pensano che i loro risultati potrebbero avere tra gli 11.700 e i 13.700 anni, antecedenti alle prime prove conosciute di produzione del pane scoperte di recente in un sito natufiano nella Giordania orientale. Credono che i natufiani producessero e consumassero la birra come parte delle feste rituali per i loro morti.

    Tracce microscopiche di amidi antichi estratti dalla grotta Raqefet (a sinistra) vengono confrontate con amidi replicati negli esperimenti di produzione della birra dei ricercatori.

    L'antica produzione della birra è stata rievocata passo dopo passo.

    Anche i bevitori di birra artigianale più esperti oggi non riconoscerebbero la birra antica, che sarebbe stata più vicina a un porridge sottile o una pappa fatta di più ingredienti, come grano, orzo, avena, legumi o lino. Secondo il nuovo studio, i natufiani hanno seguito un processo in tre fasi: prima hanno fatto germinare i chicchi in acqua, poi li hanno scolati e asciugati, producendo malto. Successivamente, li hanno schiacciati e riscaldati, prima di aggiungere infine lievito selvatico e lasciare fermentare la miscela.

    Per testare le loro teorie, i ricercatori hanno effettivamente ricostruito questo antico processo di produzione della birra passo dopo passo. Il risultato, credono, è stato sorprendentemente simile a quello prodotto dai Natufiani.

    “Questa scoperta indica che la produzione di alcol non era necessariamente il risultato di un surplus di produzione agricola,” Liu. “Ma è stato sviluppato per scopi rituali e bisogni spirituali, almeno in una certa misura, prima dell'agricoltura.”


    Un'antica "Casa Lannister"?

    Le sale in legno come queste sono un aspetto delle prime fasi del periodo neolitico in Gran Bretagna, e non sembrano esserci dubbi sul fatto che siano state create dai primi pionieri del Neolitico. Spesso sembrano essere durati solo due o tre generazioni prima di essere deliberatamente distrutti o abbandonati. Tuttavia, queste case non devono essere necessariamente abitazioni e, date le loro dimensioni, avrebbero potuto fungere da grandi luoghi di ritrovo comuni.

    Vale la pena soffermarsi qui e pensare all'immagine di una casa – perché la parola “casa” è spesso usata come metafora per un gruppo sociale più ampio (pensa alla Casa di York o ai Windsor, o – se sei un Gioco dei fan di Thrones come me – Casa Lannister o Casa Tyrell).

    In questo senso, queste grandi sale in legno potrebbero simboleggiare un'identità collettiva e la loro costruzione un meccanismo attraverso il quale la comunità pionieristica ha stabilito per la prima volta quell'identità. Possiamo immaginare una varietà di funzioni anche per questo edificio, nessuna delle quali si escludono a vicenda: case cerimoniali o abitazioni per gli antenati, ad esempio, o depositi per cimeli sacri.

    Da questo punto di vista, non è un enorme salto di immaginazione vederli come contenenti, tra le altre cose, resti umani. Questo non li rende monumenti funebri, non più di quanto le chiese rappresentino monumenti funerari per la nostra comunità. Non erano separati e divisi dagli edifici per i vivi, ma rappresentavano una combinazione dei due: le case dei vivi in ​​un mondo saturo e inseparabile dagli antenati.

    Queste case sarebbero state piene di simbolismo e significato, e cariche di energia spirituale, anche il processo di costruzione delle stesse avrebbe probabilmente assunto un significato profondo. In questa luce, quindi, è interessante notare che verso la fine dei nostri scavi quest'estate, proprio mentre stavamo per finire, abbiamo scoperto due blocchi di gesso decorato che erano stati depositati in una buca di palo durante la costruzione della sala di legno.

    La decorazione su questi blocchi comprende depressioni e linee incise deliberatamente create, che hanno paralleli più ampi in altri siti del primo Neolitico, come le miniere di selce del Sussex.

    La controversia spesso circonda i pezzi di gesso decorati. Il gesso è morbido e facilmente marcabile e alcune persone suggeriscono che siano "decorati" con nient'altro che i graffi dei tassi. Ma non c'è dubbio che i segni del cervello di gatto siano opera umana e la scoperta dovrebbe stimolare una nuova indagine sulle placche di gesso decorate in modo più ampio.


    Stonehenge ricostruito

    Esplora questi disegni di ricostruzione di Stonehenge e del paesaggio circostante per saperne di più su questa zona nel periodo preistorico.

    Spostati tra le quattro schede per vedere il paesaggio di Stonehenge in periodi diversi e apri le finestre delle immagini per un breve riepilogo delle caratteristiche raffigurate. Informazioni più dettagliate possono essere trovate sotto ogni ricostruzione.

    <p>Le lumache dei fossati di Stonehenge e Lesser Cursus, costruite intorno al 3500 aC, mostrano che questi monumenti erano circondati da praterie di gesso aperte. Tuttavia, c'erano sicuramente alcuni alberi nell'area più ampia.</p>

    <p>È difficile utilizzare la documentazione archeologica per scoprire i bambini, in particolare nel periodo neolitico. Sulla base dei confronti con le popolazioni moderne, è probabile che tra un quinto e la metà di tutti i decessi si siano verificati a meno di 16 anni di età. Nonostante ciò, nell'area di Stonehenge sono stati trovati pochissimi resti scheletrici di bambini.</p> <p>Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che le ossa infantili hanno meno probabilità di sopravvivere e non sono state raccolte negli scavi più antichi, o che i bambini sono stati selezionati meno spesso per la sepoltura formale rispetto agli adulti.</p>

    <p>Probabilmente furono custoditi da popolazioni durante il Neolitico e la prima età del bronzo. Ossa di cane sono state recuperate dal fossato di Stonehenge e dai siti henge di Coneybury e Durrington Walls.</p>

    <p>Sappiamo molto poco degli abiti indossati dalle persone durante il primo periodo neolitico in Gran Bretagna, dal momento che non sono sopravvissuti indumenti reali. Tuttavia, sono state certamente utilizzate pelli di animali, pellicce e pelli.</p>

    <p>Il bestiame domestico fu introdotto in Gran Bretagna dall'Europa all'inizio del periodo neolitico. Il primo osso bovino del paesaggio di Stonehenge, risalente al 3950 e al 3790 a.C., è stato trovato nell'Anomalia di Coneybury, una fossa per i banchetti.</p>

    Allevamento di bovini nel paesaggio di Stonehenge, circa 3700 aC

    Nel primo periodo neolitico, quest'area era in gran parte prateria aperta ed era utilizzata dalle persone che pascolavano le loro mandrie di bestiame. C'era un mosaico di alberi e arbusti, ma l'area era ragionevolmente aperta rispetto ad altre parti dell'Inghilterra meridionale. Probabilmente le persone si spostavano stagionalmente tra diversi insediamenti e aree di pascolo.

    1. Paesaggio
    Le nostre informazioni sull'aspetto del paesaggio preistorico provengono da tre fonti: polline conservato, carbone di legna e gusci di lumaca di terra (diverse specie preferiscono vivere in diversi tipi di ambiente).

    Le lumache dei fossati di Stonehenge e Lesser Cursus, costruite intorno al 3500 aC, mostrano che questi monumenti erano circondati da praterie di gesso aperte. Tuttavia, c'erano sicuramente alcuni alberi nell'area più ampia. Carbone di nocciolo, acero, frassino e olmo è stato recuperato da sotto la banca nel recinto rialzato di Robin Hood Ball.

    2 bambini
    È difficile utilizzare la documentazione archeologica per scoprire i bambini, in particolare nel periodo neolitico.Sulla base dei confronti con le popolazioni moderne, è probabile che tra un quinto e la metà di tutti i decessi si siano verificati a meno di 16 anni di età. Nonostante ciò, nell'area di Stonehenge sono stati trovati pochissimi resti scheletrici di bambini.

    Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che le ossa infantili hanno meno probabilità di sopravvivere e non sono state raccolte in scavi più vecchi, o che i bambini sono stati selezionati meno spesso per la sepoltura formale rispetto agli adulti.

    3. Cane
    I primi resti conosciuti di cani domestici in Gran Bretagna provengono da Star Carr nel North Yorkshire, risalenti al periodo mesolitico. Probabilmente furono conservati da persone durante il Neolitico e la prima età del bronzo. Ossa di cane sono state recuperate dal fossato di Stonehenge e dai siti henge di Coneybury e Durrington Walls.

    Le ossa suggeriscono che i cani in quel momento fossero alti tra 37 e 62 centimetri alla spalla. Probabilmente venivano tenuti come animali da caccia e per assistere nell'allevamento e nella protezione del bestiame.

    4. Abbigliamento
    Sappiamo molto poco degli abiti indossati dalle persone durante il primo periodo neolitico in Gran Bretagna, dal momento che non sono sopravvissuti indumenti reali. Si usavano certamente pelli di animali, pellicce e pelli, come suggeriscono i ritrovamenti di punteruoli in osso (per praticare buchi) e raschietti (per raschiare il grasso dalle pelli).

    La prima prova di un tessuto proveniente dalla Gran Bretagna è sotto forma di un'impronta sulla superficie di un pezzo di ceramica neolitica di ceramica impressa da Flint Howe, in Scozia. Un pezzo di filo di lino è stato scoperto a Etton nel Cambridgeshire in un fosso del primo Neolitico.

    5. Bovini
    I bovini domestici furono introdotti in Gran Bretagna dall'Europa all'inizio del periodo neolitico. Il primo osso bovino del paesaggio di Stonehenge, risalente al 3950 e al 3790 a.C., è stato trovato nell'Anomalia di Coneybury, una fossa per i banchetti.

    Il bestiame sarebbe stato tenuto per carne, trazione, latticini e prodotti come la pelle. Nel primo periodo neolitico, i resti di bestiame venivano spesso sepolti all'interno di lunghi tumuli e collocati nei fossati dei monumenti. Potrebbero essere stati considerati sacri.

    <p>È probabile che sia stato utilizzato una sorta di contenitore per trasportare il gesso sulla sponda del cursus. Lavori in vimini come trappole per pesci e cesti sono stati realizzati in Gran Bretagna almeno dal tardo Mesolitico utilizzando giovani steli di alberi e arbusti. </p>

    <p>Sappiamo molto poco su come fosse organizzata la società del Neolitico, ma le imprese comuni su larga scala come la costruzione di un cursus implicano un qualche tipo di organizzazione e coordinamento.</p>

    <p>I picconi di corna sono stati usati per scavare i fossati del cursus. Le corna venivano convertite in picconi accorciandole, a volte con l'aiuto del fuoco. Spesso le corna venivano lasciate alla base di un fossato una volta completato.</p>

    <p>Due indagini geofisiche del cursus hanno recentemente individuato tre possibili ingressi &ndash uno sul lato nord e due sul lato sud.</p>

    <p>Il lungo tumulo all'estremità orientale del Cursus di Stonehenge fu scavato nel 1866 da John Thurnam. Qui è mostrato come di recente costruzione. Il lungo tumulo sopravvive solo oggi come un leggerissimo terrapieno sotto un binario.</p>

    Costruzione del Cursus di Stonehenge, circa 3500 aC

    Prima di Stonehenge, nell'area furono costruiti numerosi altri monumenti, tra cui l'enorme Stonehenge Cursus. Questo gruppo di monumenti mostra che il paesaggio che circonda Stonehenge era importante molto prima che il monumento stesso fosse eretto.

    1. Cestini
    È probabile che sia stato utilizzato una sorta di contenitore per trasportare il gesso sulla sponda del Cursus. Lavori in vimini come trappole per pesci e cesti sono stati realizzati in Gran Bretagna almeno dal tardo Mesolitico utilizzando giovani steli di alberi e arbusti. Cesti più delicati erano fatti di fibre o di erbe o giunchi.

    I reperti della Gran Bretagna preistorica sono rari, ma un contenitore o cesto bruciato è stato recuperato dal fossato a West Amesbury henge, e una borsa di vimini, probabilmente fatta di fibre di calce, è stata trovata con una sepoltura della prima età del bronzo a Whitehorse Hill, Dartmoor.

    2. Gruppo di lavoro
    Sappiamo molto poco su come fosse organizzata la prima società neolitica, ma le imprese comunitarie su larga scala come la costruzione di un cursus implicano un qualche tipo di organizzazione e coordinamento.

    Molti monumenti del primo Neolitico (in particolare i recinti rialzati) furono costruiti in segmenti o sezioni chiari. Questi sono stati interpretati come dimostranti che piccoli gruppi separati, forse famiglie o nuclei familiari, erano ciascuno responsabile di una sezione.

    Non sappiamo se un piccolo gruppo di persone abbia costruito il Cursus di Stonehenge in un lungo periodo o se un grande gruppo lo abbia costruito rapidamente.

    3. Strumenti di corna
    I picconi di corna, rinvenuti durante gli scavi archeologici, servivano per scavare i fossi del Cursus. Prevalentemente di cervo, queste corna sarebbero state versate in primavera e la loro raccolta sarebbe stata un'importante attività stagionale.

    Le corna venivano trasformate in picconi accorciandole, a volte con l'aiuto del fuoco. Il battito sul retro del piccone, visto in molti esempi, suggerisce che siano stati colpiti con una pietra o un altro corno, o usati loro stessi come un martello. Spesso le corna venivano lasciate alla base di un fossato una volta completato.

    4. Ingressi
    Due rilievi geofisici del Cursus hanno recentemente individuato tre possibili ingressi, uno sul lato nord e due sul lato sud. Il fatto che il Cursus potesse avere ingressi stretti sui suoi lati lunghi suggerisce che le persone entravano nel monumento per attraversarlo, piuttosto che percorrerlo da un capo all'altro. Tuttavia, ci sono poche prove che suggeriscono come potrebbero essere stati utilizzati i monumenti del cursus.

    5. Carriola lunga
    Il lungo tumulo all'estremità orientale del Cursus di Stonehenge, noto agli archeologi come Amesbury 42, fu scavato nel 1866 da John Thurnam. Trovò diverse sepolture (nessuna delle quali pensava fosse quella originale) e teschi e ossa di bestiame.

    Recenti scavi del fossato lungo tumulo hanno recuperato un corno dallo strato più basso di gesso, che è stato datato al radiocarbonio al 3520 e al 3350 a.C. Non sappiamo se sia stato costruito prima il Cursus o il lungo tumulo. Qui è mostrato come di recente costruzione. Il lungo tumulo sopravvive solo oggi come un leggero terrapieno sotto un binario.

    <p>Lo scavo del fossato approssimativamente circolare, di 110 metri di diametro, fu probabilmente la prima grande attività edilizia a Stonehenge.</p>

    <p>Più di 130 strumenti di corna sono stati trovati durante gli scavi a Stonehenge, la stragrande maggioranza dal fossato. Le corna erano probabilmente usate come cunei con manico, la punta veniva martellata in una fessura nel gesso e il blocco poi veniva fatto leva.</p>

    <p> Sembra che le ossa di animali siano state poste deliberatamente alla base del fossato. La pratica di depositare ossa di animali è comune nei precedenti monumenti neolitici chiamati recinti rialzati.</p>

    <p>La Heel Stone è una grande pietra sarsen naturale non lavorata, che si trova all'ingresso di Stonehenge. Potrebbe essere stata una pietra isolata che è stata sollevata in posizione verticale nel periodo neolitico, forse già nel 3000 aC, come mostrato qui.</p>

    <p>Non sappiamo molto delle persone che hanno scavato il fossato. La sua forma irregolare è del tipo visto in precedenti recinti rialzati e potrebbe riflettere il modo in cui il fossato veniva scavato da piccoli gruppi di persone.</p>

    Deposito di ossa nel fossato di Stonehenge, circa 3000 aC

    Circa 500 anni prima che venissero sollevate le grandi pietre, la gente scavava un grande argine circolare e un fossato a Stonehenge. Questo era un primo tipo di henge. Dopo che il fossato è stato completato, le persone hanno depositato ossa di animali e altri oggetti sul fondo del fossato.

    1. Fosso
    Lo scavo del fossato approssimativamente circolare, di 110 metri di diametro, fu probabilmente la prima grande attività edilizia a Stonehenge.

    Circa la metà del fossato di Stonehenge è stata scavata. Gli scavi hanno mostrato che era segmentato e di forma irregolare, ma in generale aveva una base piatta e fianchi ripidi. Il varco principale o ingresso era a nord-est ed era largo circa 13 metri. C'era un altro ingresso più piccolo, largo circa 5 metri, e probabilmente un terzo ingresso più stretto, entrambi nella parte meridionale del circuito.

    2. Scelte di corna
    Durante gli scavi a Stonehenge sono stati trovati oltre 130 strumenti di corna, la stragrande maggioranza dal fossato. È probabile che questi siano stati usati per scavare il fossato e in un'area è stato trovato un gruppo di cinque picconi. Circa un terzo delle corna di Stonehenge provenivano da cervi cacciati (piuttosto che da capannone), il che è insolito rispetto ad altri monumenti.

    Le corna erano probabilmente usate come cunei con manico, la punta veniva martellata in una fessura nel gesso e il blocco poi veniva fatto leva. Un blocco di gesso è stato persino trovato a Stonehenge con la punta rotta di un corno incastonato in esso.

    3. Ossa di animali
    Sembra che le ossa di animali siano state poste deliberatamente alla base del fossato. Questi includevano due mascelle di bestiame, un teschio di bestiame e un osso di zampa di cervo rosso che hanno datazioni al radiocarbonio che suggeriscono che erano stati tenuti come trofei o cimeli per qualche tempo, forse per oltre 100 anni, prima di essere collocati nel fossato.

    Altri depositi nel fossato di Stonehenge includono ossa di bovini, ma anche ossa di maiale, cervo, uccello e cane. La pratica di depositare ossa di animali è comune nei precedenti monumenti neolitici chiamati recinti rialzati.

    4. Pietra del tallone
    La Heel Stone è una grande pietra sarsen naturale non lavorata, che si trova all'ingresso di Stonehenge. Potrebbe essere stata una pietra isolata che è stata sollevata in posizione verticale nel periodo neolitico, forse già nel 3000 aC, come mostrato qui.

    La pietra del tallone potrebbe non essere stata l'unica caratteristica presente in questa fase iniziale di Stonehenge. Un sondaggio di terra ha suggerito che il "Barrow" del Nord potrebbe essere precedente al fossato esterno e le date al radiocarbonio di due cremazioni dagli Aubrey Holes indicano che alcune delle persone sepolte a Stonehenge potrebbero essere morte prima che il fossato fosse scavato.

    5. Scavafossi
    Non sappiamo molto delle persone che hanno scavato il fossato. È piuttosto irregolare, con &lsquocraters&rsquo, o segmenti arrotondati più profondi e creste intermedie. Questo tipo di forma irregolare si vede nei primi recinti rialzati e può riflettere il modo in cui il fossato è stato scavato da piccoli gruppi di persone.

    All'incirca nel periodo in cui fu scavato il fossato, le prime sepolture con cremazione venivano sepolte a Stonehenge, dentro e intorno alle fosse conosciute come Aubrey Holes all'interno del fossato. Recentemente alcuni archeologi hanno interpretato queste persone cremate come una dinastia o un gruppo d'élite.

    <p>La logica suggerisce che le grandi pietre del ferro di cavallo interno a Stonehenge siano state sollevate prima del cerchio esterno, come mostrato in questa vista.</p>

    <p>Gli architravi sono stati probabilmente sollevati alla sommità dei montanti utilizzando un metodo &lsquocrib&rsquo, dove una piattaforma di travi orizzontali alternate viene gradualmente aumentata in altezza, con l'architrave che viene sollevato in ogni fase.</p>

    <p>Non abbiamo informazioni su come fossero organizzate le persone che hanno costruito Stonehenge. Tuttavia, è chiaro che i vari episodi di costruzione e riordino avrebbero richiesto un forte sforzo di collaborazione da parte di centinaia di persone.</p>

    <p>I fori di pietra venivano scavati a profondità variabili, a seconda della lunghezza della pietra, in modo che le cime fossero livellate. La pietra è stata sollevata probabilmente usando un telaio ad A come leva, e forse usando dei pesi per aiutare a ribaltare la pietra, come mostrato qui.</p>

    <p>Per spostare le pietre in posizione verticale, le persone del tardo Neolitico avrebbero usato una corda robusta, in grado di trasportare le pietre pesanti. È probabile che queste corde fossero fatte di fibre vegetali o sottili steli di legno intrecciati insieme.</p>

    Innalzamento dei sarsen a Stonehenge, circa 2500 aC

    Le pietre di sarsen furono erette al centro di Stonehenge intorno al 2500 a.C. Probabilmente fu eretto prima il ferro di cavallo interno dei triliti e poi il cerchio esterno di sarsen.

    1. Sequenza di costruzione
    La nostra comprensione della sequenza di costruzione si basa sulla stratigrafia archeologica (il modo in cui strati e depositi sono depositati nel terreno) e sulla datazione al radiocarbonio di reperti organici come punte di corna dall'interno di elementi come fori di pietra.

    Esiste solo una data al radiocarbonio associata al cerchio di sarsen (2620 e 2470 aC) e una con i triliti del ferro di cavallo interno (2620 e 2340 aC). Tuttavia, la logica suggerirebbe che le grandi pietre del ferro di cavallo interno fossero sollevate prima del cerchio esterno, come mostrato in questa vista.

    2. Ponteggi
    Gli architravi sono stati probabilmente sollevati alla sommità dei montanti con il metodo del "presepe", in cui una piattaforma di travi orizzontali alternate viene gradualmente aumentata in altezza, con l'architrave sollevata in ogni fase. Sarebbero state necessarie molte centinaia di alberi per fornire il legname per le impalcature, le rampe e le travi ad A. È stato stimato che sarebbero stati necessari 200 tronchi d'albero solo per creare una piattaforma per l'innalzamento dell'architrave.

    3. Costruttori
    Non abbiamo informazioni su come fossero organizzate le persone che hanno costruito Stonehenge. Ma è chiaro che i vari episodi di costruzione e riordino avrebbero richiesto un forte sforzo di collaborazione da parte di centinaia di persone.

    Non ci sono prove archeologiche dirette per nessun leader. Tuttavia, il centro visivamente e fisicamente limitato del monumento implica l'esistenza di un piccolo gruppo di persone privilegiate che controllavano l'accesso a Stonehenge in determinati periodi.

    4. Foro di pietra
    I fori di pietra venivano scavati a profondità variabili, a seconda della lunghezza della pietra, in modo che le cime fossero livellate. Dagli scavi, sappiamo che un lato di ogni foro è stato lasciato come un pendio, formando una rampa. Contro il fondo della buca (cioè di fronte alla rampa) sono stati posti dei paletti di legno, per proteggere quel lato della buca dallo schiacciamento.

    La pietra è stata sollevata probabilmente usando un telaio ad A come leva, e forse usando dei pesi per aiutare a ribaltare la pietra, come mostrato qui. Il foro di pietra è stato quindi riempito con macerie di gesso, strumenti scartati e martelli rotti.

    5. Corde
    Per trasportare le pesanti pietre in posizione verticale, il tardo Neolitico avrebbe usato una corda forte. È probabile che queste corde fossero fatte di fibre vegetali o sottili steli di legno intrecciati tra loro. La prima stringa trovata in Gran Bretagna, da Bouldnor Cliff al largo dell'isola di Wight, è costituita da fibre vegetali derivate da una pianta erbacea e risale al tardo Mesolitico.

    Corde della prima età del bronzo fatte di steli di caprifoglio sono state trovate a Seahenge nel Norfolk, e corde di tasso sono state trovate associate a barche costruite su tavole nel Gwent e nello Yorkshire.

    <p>Questo era un cerchio multiplo in legno, simile a Woodhenge, scoperto per la prima volta durante gli scavi nel 1968. Probabilmente aveva due fasi, il monumento finale aveva sei anelli concentrici di pali.</p>

    <p>Tra le case raggruppate in questa zona, c'erano molte fosse e discariche, o &lsquomiddens&rsquo. Si pensa che provengano da eventi di festa, piuttosto che dal consumo quotidiano.</p>

    <p>Centinaia di ossa di animali sono state recuperate dagli scavi a Durrington Walls, principalmente suini ma anche un numero significativo di bovini. Gli studi sui loro denti mostrano che alcuni degli animali furono allevati lontano dalla geologia del gesso locale e portati a Durrington Walls, probabilmente sullo zoccolo.</p>

    <p>Nel 2006&ndash7 sono state scavate nove piccole case quadrate. Le dimensioni complessive dell'insediamento non sono note, sebbene la quantità di detriti ricoperti di cumuli trovati negli scavi in ​​varie località del sito suggerisca che fosse grande e intensamente occupato.</p>

    <p>La carreggiata, o viale, era larga 30 metri e correva tra il Circolo Meridionale e l'ingresso orientale della successiva henge. Come il Circolo Meridionale, era allineato all'alba del solstizio d'inverno.</p>

    Insediamento di Durrington Walls, circa 2500 aC

    Il grande insediamento a Durrington Walls potrebbe essere stato il luogo in cui vivevano i costruttori o gli utenti di Stonehenge.

    La gente viveva a Durrington Walls nello stesso periodo in cui le pietre di sarsen venivano montate a Stonehenge. Questo potrebbe essere stato il luogo in cui vivevano i costruttori di Stonehenge, o forse il luogo in cui le persone si riunivano per celebrare cerimonie e rituali associati al monumento. In seguito, intorno al sito dell'insediamento fu costruito un enorme recinto di terrapieno, o henge.

    1. Cerchio meridionale
    Questo era un cerchio multiplo in legno, simile a Woodhenge, scoperto per la prima volta durante gli scavi nel 1968. Probabilmente aveva due fasi, il monumento finale aveva sei anelli concentrici di pali. Le travi più grandi erano alte almeno 5 metri e forse fino a 7,5 metri.

    L'ingresso era a sud-est e conduceva su una carreggiata o viale dove c'era un'ampia zona di incendi. Sembra che qui siano stati depositati vasellame, ossa di animali e strumenti, in particolare dopo che i pali erano caduti. Il monumento è allineato all'alba del solstizio d'inverno.

    2. Middens
    Tra le case raggruppate in questa zona c'erano molte fosse e discariche, o &lsquomiddens&rsquo. Si pensa che provengano da eventi di festa, piuttosto che dal consumo quotidiano. Alcune delle ossa degli animali erano ancora articolate o unite tra loro, il che suggerisce che c'era molta carne disponibile.

    Oltre alle ossa di animali, c'erano molti pezzi di ceramica Grooved Ware. Decorato con linee e scanalature elaborate, si trova spesso in grandi quantità nei monumenti henge. Probabilmente era usato per cucinare e servire feste, così come nelle attività quotidiane.

    3. Ossa di animali
    Molte centinaia di ossa di animali sono state recuperate dagli scavi a Durrington Walls, principalmente suini ma anche un numero significativo di bovini. Segni di macelleria e segni di bruciatura sulle ossa di maiale suggeriscono che fossero arrostite, mentre il manzo potrebbe essere stato cotto in stufati.

    Gli studi sui loro denti mostrano che alcuni degli animali sono stati allevati lontano dalla geologia del gesso locale e portati a Durrington Walls, probabilmente sullo zoccolo. Se le persone che hanno allevato gli animali li hanno portati, questo suggerisce il raduno di persone provenienti da varie località a lunga distanza.

    4. Regolamento
    Nel 2006&ndash7 sono state scavate nove piccole case quadrate. La dimensione complessiva dell'insediamento è sconosciuta, anche se la quantità di detriti rinvenuti negli scavi in ​​varie località del sito suggerisce che fosse grande e intensamente occupato.

    L'escavatore, Mike Parker Pearson, ha suggerito che ci fossero forse centinaia di case qui, ma non conosciamo ancora l'intera estensione dell'insediamento. Le date al radiocarbonio suggeriscono che fu occupata per un tempo relativamente breve, tra il 2580 e il 2470 a.C.

    5. Viale
    La carreggiata, o viale, era larga 30 metri e correva tra il Circolo Meridionale e l'ingresso orientale della successiva henge. La sua superficie di selce calpestata era fiancheggiata da gole poco profonde all'interno di sponde basse. Il viale, come il Circolo Meridionale, era allineato all'alba del solstizio d'inverno.

    Al fiume, la carreggiata ha portato a un dislivello quasi verticale di 4 metri. Mike Parker Pearson ha suggerito che le persone avrebbero potuto depositare cose nel fiume da questo punto. Chiaramente il corso d'acqua era importante e potrebbe aver fornito un collegamento reale o metaforico a Stonehenge.

    <p>Sul crinale a sud di Woodhenge si trovano tre interessanti strutture in legno. Questi avevano un'impostazione quadrata di quattro grandi pali, e di solito due fosse o fori di palo accoppiati che definivano l'ingresso.</p>

    <p>Il monumento in legno di Woodhenge era circondato da un argine circolare e da un fossato, o henge, con una strada rialzata d'ingresso. È probabile che questo henge sia stato costruito dopo il monumento in legno.</p>

    <p>C'erano sei anelli ovali concentrici di pali, di diverse dimensioni. Dalle buche scavate, i pali erano di forma uniformemente rotonda, anche se possiamo solo immaginare come apparissero fuori terra.</p>

    <p>Singoli ossa umane e cremazioni sono state trovate nelle buche dei pali, nella sponda e nel fossato dell'henge. Le ossa erano solitamente singole ossa sparse piuttosto che intere sepolture.</p>

    <p>Quando Woodhenge è stato scavato, c'erano centinaia di reperti preistorici. La maggior parte è stata trovata nelle buche di palo, anche se alcuni erano sotto la sponda circostante e altri nel fossato.</p>

    Woodhenge, circa 2500 aC

    Woodhenge era un monumento in legno circondato da un argine e un fossato, costruito a circa due miglia da Stonehenge. Si trova vicino al complesso di monumenti di Durrington Walls. Dopo che i segni di taglio di sei anelli ovali concentrici di buche di palo furono visti nelle prime fotografie aeree, fu scavata nel 1926&ndash8 da Ben e Maud Cunnington.

    1. Strutture in legno
    Sulla cresta a sud di Woodhenge ci sono tre intriganti strutture in legno. Questi avevano un'impostazione quadrata di quattro grandi pali e di solito due fosse o fori di palo accoppiati che definivano l'ingresso.

    Questi "quattro posti in ambienti circolari" sono noti anche altrove all'interno del complesso delle mura di Durrington e da altri siti del tardo neolitico in Gran Bretagna. Non conosciamo il loro scopo e forse erano edifici speciali o piattaforme per stendere i morti per la disincarnazione (il processo che consente ai cadaveri di essere sventrati con mezzi naturali).

    2. Henge
    Il monumento in legno di Woodhenge era circondato da una sponda circolare di terrapieno e da un fossato, o henge, con una strada rialzata d'ingresso. Sulla base delle poche date al radiocarbonio di Woodhenge e delle prove di altri siti in cui i cerchi di legno sono precedenti ai lavori di sterro di Henge, è probabile che questo henge sia stato costruito dopo il monumento in legno, motivo per cui non lo abbiamo mostrato in questa immagine. Allo stesso modo, l'enorme henge a Durrington Walls fu costruito dopo che l'insediamento era andato in disuso.

    3. Pali di legno
    C'erano sei anelli ovali concentrici di pali, di diverse dimensioni. Il terzo anello (chiamato Anello C dagli scavatori) conteneva il più grande, che si stima fosse alto circa 9 metri.

    Dalle buche scavate, i pali erano di forma uniformemente rotonda, anche se possiamo solo immaginare come apparissero fuori terra. Potrebbero essere stati dipinti, decorati o scolpiti. Forse ai pali erano appesi oggetti o offerte. Potrebbero aver sostenuto architravi, in modo simile al cerchio esterno in sarsen di Stonehenge.

    4. Resti umani
    Singole ossa umane e cremazioni sono state trovate nelle buche dei pali, nella banca e nel fossato dell'henge. Le ossa erano solitamente singole ossa sparse piuttosto che intere sepolture. Sembra che siano stati depositati in modo simile ad altri oggetti e forse erano considerati un altro tipo di oggetto speciale.

    Sono state trovate anche due sepolture complete. Un bambino di due o tre anni fu sepolto al centro del monumento in data sconosciuta, il sito ora segnato da un tumulo di selce. Nel fosso henge c'era la sepoltura di un giovane uomo di 18 anni e 25 anni, risalente alla prima età del bronzo.

    5. Deposizione
    Quando Woodhenge è stato scavato, c'erano centinaia di reperti preistorici. La maggior parte è stata trovata nelle buche di palo, anche se alcuni erano sotto la sponda circostante e altri nel fossato. Questi includevano ceramiche Grooved Ware, picconi di corno, strumenti di selce, oggetti in osso lavorato, oggetti in gesso e una varietà di ossa di animali.

    L'analisi della distribuzione degli oggetti ha mostrato che sono stati depositati secondo determinati schemi, forse riflettendo il modo in cui le persone si muovevano. Ad esempio, quasi tutti i picconi di corno provenivano dalla metà orientale del monumento.

    <p>Sappiamo poco delle attività svolte a Stonehenge una volta erette le pietre, ma possiamo immaginare che le persone si radunassero in piena estate e in pieno inverno, per scandire il passare delle stagioni.</p>

    <p>Sappiamo poco degli abiti indossati durante il tardo periodo neolitico in Gran Bretagna, dal momento che non sono sopravvissuti indumenti reali. Sono state certamente utilizzate pelli di animali, pellicce e pelli, che forniscono il calore necessario durante i mesi invernali.</p>

    <p>Il fatto che il centro di Stonehenge sia uno spazio visivamente e fisicamente limitato implica l'esistenza di un piccolo gruppo di persone privilegiate che rappresentavano la comunità in questo spazio, forse specialisti rituali come sciamani, leader laici o una famiglia d'élite.</p>

    <p>Le pietre di sarsen su questo lato nord-est di Stonehenge sono più regolari e visivamente imponenti delle altre pietre del cerchio esterno. Ciò dimostra che l'accesso da quel lato, dove in seguito fu costruito il viale, era molto importante.</p>

    <p>Stonehenge è famosa per l'allineamento delle sue pietre e del viale in direzione dell'alba del solstizio d'estate. Ma in epoca preistorica il tramonto in pieno inverno potrebbe essere stato altrettanto importante.</p>

    Celebrazione del solstizio di metà inverno a Stonehenge, circa 2300 aC

    Stonehenge è un tempio preistorico, le cui pietre sono allineate con i movimenti del sole.

    Le pietre si allineano con il sorgere e il tramonto del sole nei solstizi di mezza estate e di mezzo inverno. Ciò suggerisce che le persone si riunissero per le cerimonie in questi periodi dell'anno.

    1. Persone
    Sappiamo poco delle attività svolte a Stonehenge una volta erette le pietre. Sebbene nei primi secoli il recinto fosse utilizzato come cimitero crematorio, sembra che una volta erette le pietre Stonehenge fosse tenuto pulito e forse separato dalla vita quotidiana.

    Possiamo immaginare persone che si radunano in piena estate e in pieno inverno, per scandire il passare delle stagioni. L'analisi delle ossa di animali dalle vicine Durrington Walls ha dimostrato che le persone potrebbero aver viaggiato da lunghe distanze per radunarsi lì.

    2. Abbigliamento
    Sappiamo poco degli abiti indossati durante il tardo Neolitico in Gran Bretagna, dal momento che non sono sopravvissuti indumenti reali. Si usavano certamente pelli di animali, pellicce e pelli, come suggeriscono i ritrovamenti di punteruoli in osso (per praticare buchi) e raschietti (per raschiare il grasso dalle pelli). Avrebbero fornito il calore tanto necessario durante i mesi invernali.

    Probabilmente venivano utilizzati anche materiali vegetali come lino, fibre di tiglio e lino. Frammenti di indumenti realizzati in lino e calce sono stati recuperati da insediamenti neolitici sulle sponde dei laghi in Svizzera e Germania.

    3. Sacerdote
    Gli archeologi hanno trovato pochissimi reperti dal monumento in pietra. Senza di loro, abbiamo solo la disposizione delle pietre per aiutarci a capire come è stato utilizzato il monumento. Il centro di Stonehenge è uno spazio visivamente e fisicamente limitato ed è difficile vedere cosa sta succedendo lì dall'esterno, e solo un certo numero di persone può stare lì.

    Ciò implica l'esistenza di un piccolo gruppo di persone privilegiate che rappresentavano la comunità in questo spazio centrale, forse specialisti rituali come sciamani, leader laici o una famiglia d'élite.

    4. Pietre
    Le pietre di sarsen sul lato nord-est di Stonehenge sono più regolari e visivamente imponenti rispetto alle pietre altrove nel cerchio esterno. Gli architravi sono anche più consistenti. L'analisi di una scansione laser delle pietre ha mostrato che erano anche vestite più accuratamente di altre pietre, la crosta marrone o grigia rimossa per rivelare una superficie grigio-bianca brillante.

    Ciò dimostra che l'accesso da nord-est, dove in seguito fu costruito il viale, era molto importante. I costruttori stavano creando uno spettacolo visivo drammatico per coloro che si avvicinavano da questa direzione.

    5. Inverno
    Stonehenge è famosa per l'allineamento delle sue pietre e del viale in direzione dell'alba del solstizio di mezza estate.

    In epoca preistorica il tramonto in pieno inverno potrebbe essere stato altrettanto importante. Nella direzione opposta al solstizio d'estate, il sole di pieno inverno sarebbe tramontato tra le due pietre verticali del trilitone più alto, scendendo dietro la Pietra dell'Altare. Questo sarebbe stato visibile alle persone che si avvicinavano al viale.

    <p>Sappiamo che il viale è stato costruito ed esisteva all'interno di un pascolo aperto ben consolidato. Probabilmente era utilizzato per il pascolo estensivo di bovini e ovini.</p>

    <p>Stonehenge era ancora in uso attivo al momento della creazione del viale tra il 2345 e il 2200 a.C. circa. Fu più o meno in questo periodo che le posizioni delle pietre blu furono riorganizzate all'interno del monumento e che un uomo, l' &lsquoStonehenge Archer&rsquo, fu sepolto nel fossato di Stonehenge.</p>

    <p>Durante il periodo in cui fu costruito il viale, alcune persone venivano sepolte in tombe individuali piuttosto che comunali. Queste tombe erano spesso coperte da cumuli di terra o tumuli rotondi. I tumuli più grandi intorno a Stonehenge erano datati più tardi.</p>

    <p>Abbiamo mostrato un piccolo gruppo di persone che camminano lungo il viale, seguendo l'ipotesi di vecchia data che si trattasse di un avvicinamento processionale tra il fiume e Stonehenge. Tuttavia, non ci sono prove dirette di come sia stato utilizzato l'Avenue.</p>

    <p>Il viale era definito da sponde di terrapieno più o meno parallele, ciascuna con un fossato esterno a forma di V profondo circa 2 metri.</p>

    La Stonehenge Avenue a King Barrow Ridge, circa 2200 aC

    Il viale si estende per 2,8 km tra Stonehenge e il fiume Avon. Potrebbe essere stato un percorso processionale. Le sponde ei fossati paralleli formano un corridoio largo circa 12 metri.

    1. Paesaggio
    Le nostre informazioni sull'aspetto del paesaggio preistorico provengono da tre fonti: polline conservato, carbone di legna e gusci di lumaca di terra (diverse specie preferiscono vivere in diversi tipi di ambiente).

    Sappiamo che il viale è stato creato all'interno di un pascolo aperto ben consolidato. Probabilmente era utilizzato per il pascolo estensivo di bovini e ovini. Alcuni dei tumuli su King Barrow Ridge, vicino al luogo di questa ricostruzione, sono stati costruiti con blocchi di erba accatastati. La loro realizzazione avrebbe richiesto lo sfrondamento di ampie aree erbose.

    2. Stonehenge
    Quattro picconi di corno dai fossati del viale sono stati datati al radiocarbonio per dare una stima della costruzione al 2345 e 2200 aC, tra 200 e 300 anni dopo che le pietre di sarsen furono erette a Stonehenge.

    Stonehenge era ancora in uso attivo. Fu all'incirca in questo periodo che le posizioni delle pietre blu furono riorganizzate all'interno del monumento e che un uomo, l'"Arciere di Stonehenge", fu sepolto nel fossato di Stonehenge. Questo era il momento del primo uso dei metalli in Gran Bretagna e l'uomo in primo piano in questa ricostruzione porta un'ascia di rame.

    3. Carriole
    Il periodo in cui fu costruito il viale fu un periodo di grandi cambiamenti, quando nuove idee, oggetti e persone cominciarono ad arrivare dall'Europa continentale. Alcune persone sono state sepolte in tombe individuali con ceramiche Beaker e i primi oggetti di metallo. Queste tombe erano spesso coperte da cumuli di terra o tumuli rotondi, sebbene i tumuli più grandi intorno a Stonehenge fossero di data successiva.

    Alcuni dei tumuli rotondi vicino a Stonehenge sono mostrati qui come di recente costruzione, anche se è improbabile che questi tumuli specifici siano stati i primi ad essere costruiti.

    4. Uso del viale
    C'è un presupposto di lunga data che il viale fosse un approccio processionale tra il fiume e Stonehenge. Tuttavia, non ci sono prove dirette su come è stato utilizzato.

    Se fosse usato regolarmente come via, ci aspetteremmo che la parte centrale fosse consumata e scavata, in particolare dove sale su per la collina nella salita verso Stonehenge, ma non lo è. Se le processioni hanno avuto luogo o non sono avvenute molto spesso o non hanno coinvolto molte persone. Forse era un percorso simbolico, più che pratico.

    5. Rive e fossati
    Il viale era definito da sponde di terrapieno approssimativamente parallele, ciascuna con un fossato esterno a forma di V profondo circa 2 metri. Nel punto in cui il viale attraversa King Barrow Ridge, la distanza tra i punti medi dei fossati è di circa 30 metri.

    Oggi, la maggior parte dei lavori di sterro di Avenue sono stati livellati dall'aratura, ma la posizione del monumento è stata mappata da fotografie aeree e rilievi geofisici. Sono stati effettuati diversi scavi, tra cui un'ampia sezione al di sotto dell'attuale A303 nel 1967.

    <p>In questo periodo si erano sviluppate pecore con mantelli di lana, quindi probabilmente venivano prodotti tessuti di lana e frammenti di stoffa di lino sono stati recuperati da diversi tumuli nel Wiltshire.</p>

    <p>Poiché gli antiquari generalmente non conservavano resti umani da carriole rotonde, non abbiamo alcuna informazione sul sesso o sull'età della persona morta. Tuttavia, si presume che questa tomba fosse quella di una donna perché fu sepolta con perline, probabilmente formando una collana.</p>

    <p>Nella prima età del bronzo e in particolare al tempo della &lsquocultura del Wessex&rsquo le sepolture, il potere e lo status venivano mostrati attraverso gioielli e accessori di abbigliamento. Questa donna è stata sepolta con ciondoli e perline di ambra, scisto, giaietto, oro e fossili.</p>

    <p>Il cimitero di tumuli di Normanton Down comprende circa 40 tumuli rotondi della prima età del bronzo e due piccoli tumuli lunghi del Neolitico.</p>

    <p>Questo tumulo rotondo è oggi classificato come tumulo a ciotola, con un tumulo centrale di 30 m di diametro circondato da un fossato largo 8 m. Quando è stato scavato, lo scheletro giaceva in una fossa poco profonda scavata nel gesso, presumibilmente vicino al centro.</p>

    Seppellire una donna nel cimitero di Normanton Down, 1900 a.C. circa

    Il gruppo di carriole rotonde della prima età del bronzo di Normanton Down domina l'approccio a Stonehenge da sud. Gli scavi degli antiquari hanno portato alla luce diverse ricche tombe qui. Uno di questi tumuli (chiamato Wilsford G7 dagli archeologi) fu probabilmente costruito tra il 2000 e il 1800 aC e copriva la tomba di una persona, probabilmente una donna. È mostrata qui mentre viene sepolta prima che il tumulo venga costruito sulla sua tomba.

    1. Abbigliamento
    Pecore con cappotti di lana si erano sviluppate in questo periodo, quindi probabilmente sono stati realizzati tessuti di lana e frammenti di tessuto di lino sono stati recuperati da diversi tumuli nel Wiltshire.

    Altri indizi sullo stile di abbigliamento in questo periodo provengono da vari accessori per abiti, come ganci per cintura, spille in osso o bronzo, bottoni e alamari. Un frammento di scarpa della prima età del bronzo con fori per i lacci è stato trovato nello Yorkshire.
    Sono stati trovati anche speciali costumi cerimoniali come indumenti con punte d'osso attaccate e oggetti d'oro decorati, forse i costumi di sciamani o capi.

    2. Identità dei morti
    Poiché gli antiquari generalmente non conservavano resti umani da carriole rotonde, non abbiamo alcuna informazione sul sesso o l'età della persona morta. Tuttavia, in questo periodo sembra esserci una distinzione tra tombe con quelli che sembrano essere oggetti "maschili" (pugnali) e oggetti "femminili" (perline e collane), sebbene non ci siano praticamente studi sul materiale scheletrico a sostegno di ciò.

    Si presume che la tomba all'interno di questo tumulo fosse quella di una donna perché fu sepolta con perline, probabilmente formando una collana.

    3. Beni funerari
    Nella prima età del bronzo e in particolare al tempo delle sepolture della "cultura del Wessex", il potere e lo status venivano mostrati attraverso gioielli e accessori di abbigliamento. Questa donna fu sepolta con ciondoli e perline fatti di ambra, scisto, giaietto, oro e fossili, formando probabilmente una collana. Questo tipo di collana composita potrebbe aver funzionato in modo simile a un moderno braccialetto con ciondoli, con diverse perle che venivano tramandate e scambiate. Alcuni dei materiali scelti, come il giaietto e l'ambra, potrebbero essere stati considerati speciali o magici a causa delle loro proprietà fisiche.

    4. Cimitero di carriole
    Il cimitero di tumuli di Normanton Down comprende circa 40 tumuli rotondi della prima età del bronzo e due piccoli tumuli lunghi del Neolitico. La maggior parte dei tumuli furono scavati dagli antiquari William Cunnington e Richard Colt Hoare all'inizio del XIX secolo. Hanno scoperto la famosa tomba di Bush Barrow, così come molte altre ricche sepolture.

    Una recente indagine sui movimenti di terra, combinata con le informazioni derivate dai corredi funerari, ha fornito alcuni indizi sulla sequenza in cui sono stati costruiti i tumuli, che è stata utilizzata per informare come vengono mostrati i tumuli qui.

    5. Carriola
    Questa carriola rotonda è oggi classificata come una carriola a ciotola, con un tumulo centrale di 30 metri di diametro circondato da un fossato largo 8 metri. Quando è stato scavato, lo scheletro giaceva in una fossa poco profonda scavata nel gesso, presumibilmente vicino al centro. Poiché la donna sarebbe stata sepolta prima della costruzione del tumulo stesso, la posizione del fossato esterno è stata mostrata qui come tracciata e scavata a poca profondità. Dopo la sepoltura, la costruzione del tumulo sarebbe stata completata.

    <p>Le lumache dei fossati di Stonehenge e Lesser Cursus, costruite intorno al 3500 aC, mostrano che questi monumenti erano circondati da praterie di gesso aperte. Tuttavia, c'erano sicuramente alcuni alberi nell'area più ampia.</p>

    <p>È difficile utilizzare la documentazione archeologica per scoprire i bambini, in particolare nel periodo neolitico. Sulla base dei confronti con le popolazioni moderne, è probabile che tra un quinto e la metà di tutti i decessi si siano verificati a meno di 16 anni di età. Nonostante ciò, nell'area di Stonehenge sono stati trovati pochissimi resti scheletrici di bambini.</p> <p>Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che le ossa infantili hanno meno probabilità di sopravvivere e non sono state raccolte negli scavi più antichi, o che i bambini sono stati selezionati meno spesso per la sepoltura formale rispetto agli adulti.</p>

    <p>Probabilmente furono custoditi da popolazioni durante il Neolitico e la prima età del bronzo. Ossa di cane sono state recuperate dal fossato di Stonehenge e dai siti henge di Coneybury e Durrington Walls.</p>

    <p>Sappiamo molto poco degli abiti indossati dalle persone durante il primo periodo neolitico in Gran Bretagna, dal momento che non sono sopravvissuti indumenti reali. Tuttavia, sono state certamente utilizzate pelli di animali, pellicce e pelli.</p>

    <p>Il bestiame domestico fu introdotto in Gran Bretagna dall'Europa all'inizio del periodo neolitico. Il primo osso bovino del paesaggio di Stonehenge, risalente al 3950 e al 3790 a.C., è stato trovato nell'Anomalia di Coneybury, una fossa per i banchetti.</p>

    Allevamento di bovini nel paesaggio di Stonehenge, circa 3700 aC

    Nel primo periodo neolitico, quest'area era in gran parte prateria aperta ed era utilizzata dalle persone che pascolavano le loro mandrie di bestiame. C'era un mosaico di alberi e arbusti, ma l'area era ragionevolmente aperta rispetto ad altre parti dell'Inghilterra meridionale. Probabilmente le persone si spostavano stagionalmente tra diversi insediamenti e aree di pascolo.

    1. Paesaggio
    Le nostre informazioni sull'aspetto del paesaggio preistorico provengono da tre fonti: polline conservato, carbone di legna e gusci di lumaca di terra (diverse specie preferiscono vivere in diversi tipi di ambiente).

    Le lumache dei fossati di Stonehenge e Lesser Cursus, costruite intorno al 3500 aC, mostrano che questi monumenti erano circondati da praterie di gesso aperte. Tuttavia, c'erano sicuramente alcuni alberi nell'area più ampia. Carbone di nocciolo, acero, frassino e olmo è stato recuperato da sotto la banca nel recinto rialzato di Robin Hood Ball.

    2 bambini
    È difficile utilizzare la documentazione archeologica per scoprire i bambini, in particolare nel periodo neolitico. Sulla base dei confronti con le popolazioni moderne, è probabile che tra un quinto e la metà di tutti i decessi si siano verificati a meno di 16 anni di età. Nonostante ciò, nell'area di Stonehenge sono stati trovati pochissimi resti scheletrici di bambini.

    Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che le ossa infantili hanno meno probabilità di sopravvivere e non sono state raccolte in scavi più vecchi, o che i bambini sono stati selezionati meno spesso per la sepoltura formale rispetto agli adulti.

    3. Cane
    I primi resti conosciuti di cani domestici in Gran Bretagna provengono da Star Carr nel North Yorkshire, risalenti al periodo mesolitico. Probabilmente furono conservati da persone durante il Neolitico e la prima età del bronzo. Ossa di cane sono state recuperate dal fossato di Stonehenge e dai siti henge di Coneybury e Durrington Walls.

    Le ossa suggeriscono che i cani in quel momento fossero alti tra 37 e 62 centimetri alla spalla. Probabilmente venivano tenuti come animali da caccia e per assistere nell'allevamento e nella protezione del bestiame.

    4. Abbigliamento
    Sappiamo molto poco degli abiti indossati dalle persone durante il primo periodo neolitico in Gran Bretagna, dal momento che non sono sopravvissuti indumenti reali. Si usavano certamente pelli di animali, pellicce e pelli, come suggeriscono i ritrovamenti di punteruoli in osso (per praticare buchi) e raschietti (per raschiare il grasso dalle pelli).

    La prima prova di un tessuto proveniente dalla Gran Bretagna è sotto forma di un'impronta sulla superficie di un pezzo di ceramica neolitica di ceramica impressa da Flint Howe, in Scozia. Un pezzo di filo di lino è stato scoperto a Etton nel Cambridgeshire in un fosso del primo Neolitico.

    5. Bovini
    I bovini domestici furono introdotti in Gran Bretagna dall'Europa all'inizio del periodo neolitico. Il primo osso bovino del paesaggio di Stonehenge, risalente al 3950 e al 3790 a.C., è stato trovato nell'Anomalia di Coneybury, una fossa per i banchetti.

    Il bestiame sarebbe stato tenuto per carne, trazione, latticini e prodotti come la pelle. Nel primo periodo neolitico, i resti di bestiame venivano spesso sepolti all'interno di lunghi tumuli e collocati nei fossati dei monumenti. Potrebbero essere stati considerati sacri.

    <p>È probabile che sia stato utilizzato una sorta di contenitore per trasportare il gesso sulla sponda del cursus. Lavori in vimini come trappole per pesci e cesti sono stati realizzati in Gran Bretagna almeno dal tardo Mesolitico utilizzando giovani steli di alberi e arbusti. </p>

    <p>Sappiamo molto poco su come fosse organizzata la società del Neolitico, ma le imprese comuni su larga scala come la costruzione di un cursus implicano un qualche tipo di organizzazione e coordinamento.</p>

    <p>I picconi di corna sono stati usati per scavare i fossati del cursus. Le corna venivano convertite in picconi accorciandole, a volte con l'aiuto del fuoco. Spesso le corna venivano lasciate alla base di un fossato una volta completato.</p>

    <p>Due indagini geofisiche del cursus hanno recentemente individuato tre possibili ingressi &ndash uno sul lato nord e due sul lato sud.</p>

    <p>Il lungo tumulo all'estremità orientale del Cursus di Stonehenge fu scavato nel 1866 da John Thurnam. Qui è mostrato come di recente costruzione. Il lungo tumulo sopravvive solo oggi come un leggerissimo terrapieno sotto un binario.</p>

    Costruzione del Cursus di Stonehenge, circa 3500 aC

    Prima di Stonehenge, nell'area furono costruiti numerosi altri monumenti, tra cui l'enorme Stonehenge Cursus. Questo gruppo di monumenti mostra che il paesaggio che circonda Stonehenge era importante molto prima che il monumento stesso fosse eretto.

    1. Cestini
    È probabile che sia stato utilizzato una sorta di contenitore per trasportare il gesso sulla sponda del Cursus. Lavori in vimini come trappole per pesci e cesti sono stati realizzati in Gran Bretagna almeno dal tardo Mesolitico utilizzando giovani steli di alberi e arbusti. Cesti più delicati erano fatti di fibre o di erbe o giunchi.

    I reperti della Gran Bretagna preistorica sono rari, ma un contenitore o cesto bruciato è stato recuperato dal fossato a West Amesbury henge, e una borsa di vimini, probabilmente fatta di fibre di calce, è stata trovata con una sepoltura della prima età del bronzo a Whitehorse Hill, Dartmoor.

    2. Gruppo di lavoro
    Sappiamo molto poco su come fosse organizzata la prima società neolitica, ma le imprese comunitarie su larga scala come la costruzione di un cursus implicano un qualche tipo di organizzazione e coordinamento.

    Molti monumenti del primo Neolitico (in particolare i recinti rialzati) furono costruiti in segmenti o sezioni chiari. Questi sono stati interpretati come dimostranti che piccoli gruppi separati, forse famiglie o nuclei familiari, erano ciascuno responsabile di una sezione.

    Non sappiamo se un piccolo gruppo di persone abbia costruito il Cursus di Stonehenge in un lungo periodo o se un grande gruppo lo abbia costruito rapidamente.

    3. Strumenti di corna
    I picconi di corna, rinvenuti durante gli scavi archeologici, servivano per scavare i fossi del Cursus. Prevalentemente di cervo, queste corna sarebbero state versate in primavera e la loro raccolta sarebbe stata un'importante attività stagionale.

    Le corna venivano trasformate in picconi accorciandole, a volte con l'aiuto del fuoco. Il battito sul retro del piccone, visto in molti esempi, suggerisce che siano stati colpiti con una pietra o un altro corno, o usati loro stessi come un martello. Spesso le corna venivano lasciate alla base di un fossato una volta completato.

    4. Ingressi
    Due rilievi geofisici del Cursus hanno recentemente individuato tre possibili ingressi, uno sul lato nord e due sul lato sud. Il fatto che il Cursus potesse avere ingressi stretti sui suoi lati lunghi suggerisce che le persone entravano nel monumento per attraversarlo, piuttosto che percorrerlo da un capo all'altro. Tuttavia, ci sono poche prove che suggeriscono come potrebbero essere stati utilizzati i monumenti del cursus.

    5. Carriola lunga
    Il lungo tumulo all'estremità orientale del Cursus di Stonehenge, noto agli archeologi come Amesbury 42, fu scavato nel 1866 da John Thurnam. Trovò diverse sepolture (nessuna delle quali pensava fosse quella originale) e teschi e ossa di bestiame.

    Recenti scavi del fossato lungo tumulo hanno recuperato un corno dallo strato più basso di gesso, che è stato datato al radiocarbonio al 3520 e al 3350 a.C. Non sappiamo se sia stato costruito prima il Cursus o il lungo tumulo. Qui è mostrato come di recente costruzione. Il lungo tumulo sopravvive solo oggi come un leggero terrapieno sotto un binario.

    <p>Lo scavo del fossato approssimativamente circolare, di 110 metri di diametro, fu probabilmente la prima grande attività edilizia a Stonehenge.</p>

    <p>Più di 130 strumenti di corna sono stati trovati durante gli scavi a Stonehenge, la stragrande maggioranza dal fossato. Le corna erano probabilmente usate come cunei con manico, la punta veniva martellata in una fessura nel gesso e il blocco poi veniva fatto leva.</p>

    <p> Sembra che le ossa di animali siano state poste deliberatamente alla base del fossato. La pratica di depositare ossa di animali è comune nei precedenti monumenti neolitici chiamati recinti rialzati.</p>

    <p>La Heel Stone è una grande pietra sarsen naturale non lavorata, che si trova all'ingresso di Stonehenge. Potrebbe essere stata una pietra isolata che è stata sollevata in posizione verticale nel periodo neolitico, forse già nel 3000 aC, come mostrato qui.</p>

    <p>Non sappiamo molto delle persone che hanno scavato il fossato. La sua forma irregolare è del tipo visto in precedenti recinti rialzati e potrebbe riflettere il modo in cui il fossato veniva scavato da piccoli gruppi di persone.</p>

    Deposito di ossa nel fossato di Stonehenge, circa 3000 aC

    Circa 500 anni prima che venissero sollevate le grandi pietre, la gente scavava un grande argine circolare e un fossato a Stonehenge. Questo era un primo tipo di henge. Dopo che il fossato è stato completato, le persone hanno depositato ossa di animali e altri oggetti sul fondo del fossato.

    1. Fosso
    Lo scavo del fossato approssimativamente circolare, di 110 metri di diametro, fu probabilmente la prima grande attività edilizia a Stonehenge.

    Circa la metà del fossato di Stonehenge è stata scavata. Gli scavi hanno mostrato che era segmentato e di forma irregolare, ma in generale aveva una base piatta e fianchi ripidi. Il varco principale o ingresso era a nord-est ed era largo circa 13 metri. C'era un altro ingresso più piccolo, largo circa 5 metri, e probabilmente un terzo ingresso più stretto, entrambi nella parte meridionale del circuito.

    2. Scelte di corna
    Durante gli scavi a Stonehenge sono stati trovati oltre 130 strumenti di corna, la stragrande maggioranza dal fossato. È probabile che questi siano stati usati per scavare il fossato e in un'area è stato trovato un gruppo di cinque picconi. Circa un terzo delle corna di Stonehenge provenivano da cervi cacciati (piuttosto che da capannone), il che è insolito rispetto ad altri monumenti.

    Le corna erano probabilmente usate come cunei con manico, la punta veniva martellata in una fessura nel gesso e il blocco poi veniva fatto leva. Un blocco di gesso è stato persino trovato a Stonehenge con la punta rotta di un corno incastonato in esso.

    3. Ossa di animali
    Sembra che le ossa di animali siano state poste deliberatamente alla base del fossato. Questi includevano due mascelle di bestiame, un teschio di bestiame e un osso di zampa di cervo rosso che hanno datazioni al radiocarbonio che suggeriscono che erano stati tenuti come trofei o cimeli per qualche tempo, forse per oltre 100 anni, prima di essere collocati nel fossato.

    Altri depositi nel fossato di Stonehenge includono ossa di bovini, ma anche ossa di maiale, cervo, uccello e cane. La pratica di depositare ossa di animali è comune nei precedenti monumenti neolitici chiamati recinti rialzati.

    4. Pietra del tallone
    La Heel Stone è una grande pietra sarsen naturale non lavorata, che si trova all'ingresso di Stonehenge. Potrebbe essere stata una pietra isolata che è stata sollevata in posizione verticale nel periodo neolitico, forse già nel 3000 aC, come mostrato qui.

    La pietra del tallone potrebbe non essere stata l'unica caratteristica presente in questa fase iniziale di Stonehenge. Un sondaggio di terra ha suggerito che il "Barrow" del Nord potrebbe essere precedente al fossato esterno e le date al radiocarbonio di due cremazioni dagli Aubrey Holes indicano che alcune delle persone sepolte a Stonehenge potrebbero essere morte prima che il fossato fosse scavato.

    5. Scavafossi
    Non sappiamo molto delle persone che hanno scavato il fossato. È piuttosto irregolare, con &lsquocraters&rsquo, o segmenti arrotondati più profondi e creste intermedie. Questo tipo di forma irregolare si vede nei primi recinti rialzati e può riflettere il modo in cui il fossato è stato scavato da piccoli gruppi di persone.

    All'incirca nel periodo in cui fu scavato il fossato, le prime sepolture con cremazione venivano sepolte a Stonehenge, dentro e intorno alle fosse conosciute come Aubrey Holes all'interno del fossato. Recentemente alcuni archeologi hanno interpretato queste persone cremate come una dinastia o un gruppo d'élite.

    <p>La logica suggerisce che le grandi pietre del ferro di cavallo interno a Stonehenge siano state sollevate prima del cerchio esterno, come mostrato in questa vista.</p>

    <p>Gli architravi sono stati probabilmente sollevati alla sommità dei montanti utilizzando un metodo &lsquocrib&rsquo, dove una piattaforma di travi orizzontali alternate viene gradualmente aumentata in altezza, con l'architrave che viene sollevato in ogni fase.</p>

    <p>Non abbiamo informazioni su come fossero organizzate le persone che hanno costruito Stonehenge. Tuttavia, è chiaro che i vari episodi di costruzione e riordino avrebbero richiesto un forte sforzo di collaborazione da parte di centinaia di persone.</p>

    <p>I fori di pietra venivano scavati a profondità variabili, a seconda della lunghezza della pietra, in modo che le cime fossero livellate. La pietra è stata sollevata probabilmente usando un telaio ad A come leva, e forse usando dei pesi per aiutare a ribaltare la pietra, come mostrato qui.</p>

    <p>Per spostare le pietre in posizione verticale, le persone del tardo Neolitico avrebbero usato una corda robusta, in grado di trasportare le pietre pesanti. È probabile che queste corde fossero fatte di fibre vegetali o sottili steli di legno intrecciati insieme.</p>

    Innalzamento dei sarsen a Stonehenge, circa 2500 aC

    Le pietre di sarsen furono erette al centro di Stonehenge intorno al 2500 a.C. Probabilmente fu eretto prima il ferro di cavallo interno dei triliti e poi il cerchio esterno di sarsen.

    1. Sequenza di costruzione
    La nostra comprensione della sequenza di costruzione si basa sulla stratigrafia archeologica (il modo in cui strati e depositi sono depositati nel terreno) e sulla datazione al radiocarbonio di reperti organici come punte di corna dall'interno di elementi come fori di pietra.

    Esiste solo una data al radiocarbonio associata al cerchio di sarsen (2620 e 2470 aC) e una con i triliti del ferro di cavallo interno (2620 e 2340 aC). Tuttavia, la logica suggerirebbe che le grandi pietre del ferro di cavallo interno fossero sollevate prima del cerchio esterno, come mostrato in questa vista.

    2. Ponteggi
    Gli architravi sono stati probabilmente sollevati alla sommità dei montanti con il metodo del "presepe", in cui una piattaforma di travi orizzontali alternate viene gradualmente aumentata in altezza, con l'architrave sollevata in ogni fase. Sarebbero state necessarie molte centinaia di alberi per fornire il legname per le impalcature, le rampe e le travi ad A. È stato stimato che sarebbero stati necessari 200 tronchi d'albero solo per creare una piattaforma per l'innalzamento dell'architrave.

    3. Costruttori
    Non abbiamo informazioni su come fossero organizzate le persone che hanno costruito Stonehenge. Ma è chiaro che i vari episodi di costruzione e riordino avrebbero richiesto un forte sforzo di collaborazione da parte di centinaia di persone.

    Non ci sono prove archeologiche dirette per nessun leader. Tuttavia, il centro visivamente e fisicamente limitato del monumento implica l'esistenza di un piccolo gruppo di persone privilegiate che controllavano l'accesso a Stonehenge in determinati periodi.

    4. Foro di pietra
    I fori di pietra venivano scavati a profondità variabili, a seconda della lunghezza della pietra, in modo che le cime fossero livellate. Dagli scavi, sappiamo che un lato di ogni foro è stato lasciato come un pendio, formando una rampa. Contro il fondo della buca (cioè di fronte alla rampa) sono stati posti dei paletti di legno, per proteggere quel lato della buca dallo schiacciamento.

    La pietra è stata sollevata probabilmente usando un telaio ad A come leva, e forse usando dei pesi per aiutare a ribaltare la pietra, come mostrato qui. Il foro di pietra è stato quindi riempito con macerie di gesso, strumenti scartati e martelli rotti.

    5. Corde
    Per trasportare le pesanti pietre in posizione verticale, il tardo Neolitico avrebbe usato una corda forte. È probabile che queste corde fossero fatte di fibre vegetali o sottili steli di legno intrecciati tra loro. La prima stringa trovata in Gran Bretagna, da Bouldnor Cliff al largo dell'isola di Wight, è costituita da fibre vegetali derivate da una pianta erbacea e risale al tardo Mesolitico.

    Corde della prima età del bronzo fatte di steli di caprifoglio sono state trovate a Seahenge nel Norfolk, e corde di tasso sono state trovate associate a barche costruite su tavole nel Gwent e nello Yorkshire.

    <p>Questo era un cerchio multiplo in legno, simile a Woodhenge, scoperto per la prima volta durante gli scavi nel 1968. Probabilmente aveva due fasi, il monumento finale aveva sei anelli concentrici di pali.</p>

    <p>Tra le case raggruppate in questa zona, c'erano molte fosse e discariche, o &lsquomiddens&rsquo. Si pensa che provengano da eventi di festa, piuttosto che dal consumo quotidiano.</p>

    <p>Centinaia di ossa di animali sono state recuperate dagli scavi a Durrington Walls, principalmente suini ma anche un numero significativo di bovini. Gli studi sui loro denti mostrano che alcuni degli animali furono allevati lontano dalla geologia del gesso locale e portati a Durrington Walls, probabilmente sullo zoccolo.</p>

    <p>Nel 2006&ndash7 sono state scavate nove piccole case quadrate. Le dimensioni complessive dell'insediamento non sono note, sebbene la quantità di detriti ricoperti di cumuli trovati negli scavi in ​​varie località del sito suggerisca che fosse grande e intensamente occupato.</p>

    <p>La carreggiata, o viale, era larga 30 metri e correva tra il Circolo Meridionale e l'ingresso orientale della successiva henge. Come il Circolo Meridionale, era allineato all'alba del solstizio d'inverno.</p>

    Insediamento di Durrington Walls, circa 2500 aC

    Il grande insediamento a Durrington Walls potrebbe essere stato il luogo in cui vivevano i costruttori o gli utenti di Stonehenge.

    La gente viveva a Durrington Walls nello stesso periodo in cui le pietre di sarsen venivano montate a Stonehenge. Questo potrebbe essere stato il luogo in cui vivevano i costruttori di Stonehenge, o forse il luogo in cui le persone si riunivano per celebrare cerimonie e rituali associati al monumento. In seguito, intorno al sito dell'insediamento fu costruito un enorme recinto di terrapieno, o henge.

    1. Cerchio meridionale
    Questo era un cerchio multiplo in legno, simile a Woodhenge, scoperto per la prima volta durante gli scavi nel 1968. Probabilmente aveva due fasi, il monumento finale aveva sei anelli concentrici di pali. Le travi più grandi erano alte almeno 5 metri e forse fino a 7,5 metri.

    L'ingresso era a sud-est e conduceva su una carreggiata o viale dove c'era un'ampia zona di incendi. Sembra che qui siano stati depositati vasellame, ossa di animali e strumenti, in particolare dopo che i pali erano caduti. Il monumento è allineato all'alba del solstizio d'inverno.

    2. Middens
    Tra le case raggruppate in questa zona c'erano molte fosse e discariche, o &lsquomiddens&rsquo. Si pensa che provengano da eventi di festa, piuttosto che dal consumo quotidiano. Alcune delle ossa degli animali erano ancora articolate o unite tra loro, il che suggerisce che c'era molta carne disponibile.

    Oltre alle ossa di animali, c'erano molti pezzi di ceramica Grooved Ware. Decorato con linee e scanalature elaborate, si trova spesso in grandi quantità nei monumenti henge. Probabilmente era usato per cucinare e servire feste, così come nelle attività quotidiane.

    3. Ossa di animali
    Molte centinaia di ossa di animali sono state recuperate dagli scavi a Durrington Walls, principalmente suini ma anche un numero significativo di bovini. Segni di macelleria e segni di bruciatura sulle ossa di maiale suggeriscono che fossero arrostite, mentre il manzo potrebbe essere stato cotto in stufati.

    Gli studi sui loro denti mostrano che alcuni degli animali sono stati allevati lontano dalla geologia del gesso locale e portati a Durrington Walls, probabilmente sullo zoccolo. Se le persone che hanno allevato gli animali li hanno portati, questo suggerisce il raduno di persone provenienti da varie località a lunga distanza.

    4. Regolamento
    Nel 2006&ndash7 sono state scavate nove piccole case quadrate. La dimensione complessiva dell'insediamento è sconosciuta, anche se la quantità di detriti rinvenuti negli scavi in ​​varie località del sito suggerisce che fosse grande e intensamente occupato.

    L'escavatore, Mike Parker Pearson, ha suggerito che ci fossero forse centinaia di case qui, ma non conosciamo ancora l'intera estensione dell'insediamento.Le date al radiocarbonio suggeriscono che fu occupata per un tempo relativamente breve, tra il 2580 e il 2470 a.C.

    5. Viale
    La carreggiata, o viale, era larga 30 metri e correva tra il Circolo Meridionale e l'ingresso orientale della successiva henge. La sua superficie di selce calpestata era fiancheggiata da gole poco profonde all'interno di sponde basse. Il viale, come il Circolo Meridionale, era allineato all'alba del solstizio d'inverno.

    Al fiume, la carreggiata ha portato a un dislivello quasi verticale di 4 metri. Mike Parker Pearson ha suggerito che le persone avrebbero potuto depositare cose nel fiume da questo punto. Chiaramente il corso d'acqua era importante e potrebbe aver fornito un collegamento reale o metaforico a Stonehenge.

    <p>Sul crinale a sud di Woodhenge si trovano tre interessanti strutture in legno. Questi avevano un'impostazione quadrata di quattro grandi pali, e di solito due fosse o fori di palo accoppiati che definivano l'ingresso.</p>

    <p>Il monumento in legno di Woodhenge era circondato da un argine circolare e da un fossato, o henge, con una strada rialzata d'ingresso. È probabile che questo henge sia stato costruito dopo il monumento in legno.</p>

    <p>C'erano sei anelli ovali concentrici di pali, di diverse dimensioni. Dalle buche scavate, i pali erano di forma uniformemente rotonda, anche se possiamo solo immaginare come apparissero fuori terra.</p>

    <p>Singoli ossa umane e cremazioni sono state trovate nelle buche dei pali, nella sponda e nel fossato dell'henge. Le ossa erano solitamente singole ossa sparse piuttosto che intere sepolture.</p>

    <p>Quando Woodhenge è stato scavato, c'erano centinaia di reperti preistorici. La maggior parte è stata trovata nelle buche di palo, anche se alcuni erano sotto la sponda circostante e altri nel fossato.</p>

    Woodhenge, circa 2500 aC

    Woodhenge era un monumento in legno circondato da un argine e un fossato, costruito a circa due miglia da Stonehenge. Si trova vicino al complesso di monumenti di Durrington Walls. Dopo che i segni di taglio di sei anelli ovali concentrici di buche di palo furono visti nelle prime fotografie aeree, fu scavata nel 1926&ndash8 da Ben e Maud Cunnington.

    1. Strutture in legno
    Sulla cresta a sud di Woodhenge ci sono tre intriganti strutture in legno. Questi avevano un'impostazione quadrata di quattro grandi pali e di solito due fosse o fori di palo accoppiati che definivano l'ingresso.

    Questi "quattro posti in ambienti circolari" sono noti anche altrove all'interno del complesso delle mura di Durrington e da altri siti del tardo neolitico in Gran Bretagna. Non conosciamo il loro scopo e forse erano edifici speciali o piattaforme per stendere i morti per la disincarnazione (il processo che consente ai cadaveri di essere sventrati con mezzi naturali).

    2. Henge
    Il monumento in legno di Woodhenge era circondato da una sponda circolare di terrapieno e da un fossato, o henge, con una strada rialzata d'ingresso. Sulla base delle poche date al radiocarbonio di Woodhenge e delle prove di altri siti in cui i cerchi di legno sono precedenti ai lavori di sterro di Henge, è probabile che questo henge sia stato costruito dopo il monumento in legno, motivo per cui non lo abbiamo mostrato in questa immagine. Allo stesso modo, l'enorme henge a Durrington Walls fu costruito dopo che l'insediamento era andato in disuso.

    3. Pali di legno
    C'erano sei anelli ovali concentrici di pali, di diverse dimensioni. Il terzo anello (chiamato Anello C dagli scavatori) conteneva il più grande, che si stima fosse alto circa 9 metri.

    Dalle buche scavate, i pali erano di forma uniformemente rotonda, anche se possiamo solo immaginare come apparissero fuori terra. Potrebbero essere stati dipinti, decorati o scolpiti. Forse ai pali erano appesi oggetti o offerte. Potrebbero aver sostenuto architravi, in modo simile al cerchio esterno in sarsen di Stonehenge.

    4. Resti umani
    Singole ossa umane e cremazioni sono state trovate nelle buche dei pali, nella banca e nel fossato dell'henge. Le ossa erano solitamente singole ossa sparse piuttosto che intere sepolture. Sembra che siano stati depositati in modo simile ad altri oggetti e forse erano considerati un altro tipo di oggetto speciale.

    Sono state trovate anche due sepolture complete. Un bambino di due o tre anni fu sepolto al centro del monumento in data sconosciuta, il sito ora segnato da un tumulo di selce. Nel fosso henge c'era la sepoltura di un giovane uomo di 18 anni e 25 anni, risalente alla prima età del bronzo.

    5. Deposizione
    Quando Woodhenge è stato scavato, c'erano centinaia di reperti preistorici. La maggior parte è stata trovata nelle buche di palo, anche se alcuni erano sotto la sponda circostante e altri nel fossato. Questi includevano ceramiche Grooved Ware, picconi di corno, strumenti di selce, oggetti in osso lavorato, oggetti in gesso e una varietà di ossa di animali.

    L'analisi della distribuzione degli oggetti ha mostrato che sono stati depositati secondo determinati schemi, forse riflettendo il modo in cui le persone si muovevano. Ad esempio, quasi tutti i picconi di corno provenivano dalla metà orientale del monumento.

    <p>Sappiamo poco delle attività svolte a Stonehenge una volta erette le pietre, ma possiamo immaginare che le persone si radunassero in piena estate e in pieno inverno, per scandire il passare delle stagioni.</p>

    <p>Sappiamo poco degli abiti indossati durante il tardo periodo neolitico in Gran Bretagna, dal momento che non sono sopravvissuti indumenti reali. Sono state certamente utilizzate pelli di animali, pellicce e pelli, che forniscono il calore necessario durante i mesi invernali.</p>

    <p>Il fatto che il centro di Stonehenge sia uno spazio visivamente e fisicamente limitato implica l'esistenza di un piccolo gruppo di persone privilegiate che rappresentavano la comunità in questo spazio, forse specialisti rituali come sciamani, leader laici o una famiglia d'élite.</p>

    <p>Le pietre di sarsen su questo lato nord-est di Stonehenge sono più regolari e visivamente imponenti delle altre pietre del cerchio esterno. Ciò dimostra che l'accesso da quel lato, dove in seguito fu costruito il viale, era molto importante.</p>

    <p>Stonehenge è famosa per l'allineamento delle sue pietre e del viale in direzione dell'alba del solstizio d'estate. Ma in epoca preistorica il tramonto in pieno inverno potrebbe essere stato altrettanto importante.</p>

    Celebrazione del solstizio di metà inverno a Stonehenge, circa 2300 aC

    Stonehenge è un tempio preistorico, le cui pietre sono allineate con i movimenti del sole.

    Le pietre si allineano con il sorgere e il tramonto del sole nei solstizi di mezza estate e di mezzo inverno. Ciò suggerisce che le persone si riunissero per le cerimonie in questi periodi dell'anno.

    1. Persone
    Sappiamo poco delle attività svolte a Stonehenge una volta erette le pietre. Sebbene nei primi secoli il recinto fosse utilizzato come cimitero crematorio, sembra che una volta erette le pietre Stonehenge fosse tenuto pulito e forse separato dalla vita quotidiana.

    Possiamo immaginare persone che si radunano in piena estate e in pieno inverno, per scandire il passare delle stagioni. L'analisi delle ossa di animali dalle vicine Durrington Walls ha dimostrato che le persone potrebbero aver viaggiato da lunghe distanze per radunarsi lì.

    2. Abbigliamento
    Sappiamo poco degli abiti indossati durante il tardo Neolitico in Gran Bretagna, dal momento che non sono sopravvissuti indumenti reali. Si usavano certamente pelli di animali, pellicce e pelli, come suggeriscono i ritrovamenti di punteruoli in osso (per praticare buchi) e raschietti (per raschiare il grasso dalle pelli). Avrebbero fornito il calore tanto necessario durante i mesi invernali.

    Probabilmente venivano utilizzati anche materiali vegetali come lino, fibre di tiglio e lino. Frammenti di indumenti realizzati in lino e calce sono stati recuperati da insediamenti neolitici sulle sponde dei laghi in Svizzera e Germania.

    3. Sacerdote
    Gli archeologi hanno trovato pochissimi reperti dal monumento in pietra. Senza di loro, abbiamo solo la disposizione delle pietre per aiutarci a capire come è stato utilizzato il monumento. Il centro di Stonehenge è uno spazio visivamente e fisicamente limitato ed è difficile vedere cosa sta succedendo lì dall'esterno, e solo un certo numero di persone può stare lì.

    Ciò implica l'esistenza di un piccolo gruppo di persone privilegiate che rappresentavano la comunità in questo spazio centrale, forse specialisti rituali come sciamani, leader laici o una famiglia d'élite.

    4. Pietre
    Le pietre di sarsen sul lato nord-est di Stonehenge sono più regolari e visivamente imponenti rispetto alle pietre altrove nel cerchio esterno. Gli architravi sono anche più consistenti. L'analisi di una scansione laser delle pietre ha mostrato che erano anche vestite più accuratamente di altre pietre, la crosta marrone o grigia rimossa per rivelare una superficie grigio-bianca brillante.

    Ciò dimostra che l'accesso da nord-est, dove in seguito fu costruito il viale, era molto importante. I costruttori stavano creando uno spettacolo visivo drammatico per coloro che si avvicinavano da questa direzione.

    5. Inverno
    Stonehenge è famosa per l'allineamento delle sue pietre e del viale in direzione dell'alba del solstizio di mezza estate.

    In epoca preistorica il tramonto in pieno inverno potrebbe essere stato altrettanto importante. Nella direzione opposta al solstizio d'estate, il sole di pieno inverno sarebbe tramontato tra le due pietre verticali del trilitone più alto, scendendo dietro la Pietra dell'Altare. Questo sarebbe stato visibile alle persone che si avvicinavano al viale.

    <p>Sappiamo che il viale è stato costruito ed esisteva all'interno di un pascolo aperto ben consolidato. Probabilmente era utilizzato per il pascolo estensivo di bovini e ovini.</p>

    <p>Stonehenge era ancora in uso attivo al momento della creazione del viale tra il 2345 e il 2200 a.C. circa. Fu più o meno in questo periodo che le posizioni delle pietre blu furono riorganizzate all'interno del monumento e che un uomo, l' &lsquoStonehenge Archer&rsquo, fu sepolto nel fossato di Stonehenge.</p>

    <p>Durante il periodo in cui fu costruito il viale, alcune persone venivano sepolte in tombe individuali piuttosto che comunali. Queste tombe erano spesso coperte da cumuli di terra o tumuli rotondi. I tumuli più grandi intorno a Stonehenge erano datati più tardi.</p>

    <p>Abbiamo mostrato un piccolo gruppo di persone che camminano lungo il viale, seguendo l'ipotesi di vecchia data che si trattasse di un avvicinamento processionale tra il fiume e Stonehenge. Tuttavia, non ci sono prove dirette di come sia stato utilizzato l'Avenue.</p>

    <p>Il viale era definito da sponde di terrapieno più o meno parallele, ciascuna con un fossato esterno a forma di V profondo circa 2 metri.</p>

    La Stonehenge Avenue a King Barrow Ridge, circa 2200 aC

    Il viale si estende per 2,8 km tra Stonehenge e il fiume Avon. Potrebbe essere stato un percorso processionale. Le sponde ei fossati paralleli formano un corridoio largo circa 12 metri.

    1. Paesaggio
    Le nostre informazioni sull'aspetto del paesaggio preistorico provengono da tre fonti: polline conservato, carbone di legna e gusci di lumaca di terra (diverse specie preferiscono vivere in diversi tipi di ambiente).

    Sappiamo che il viale è stato creato all'interno di un pascolo aperto ben consolidato. Probabilmente era utilizzato per il pascolo estensivo di bovini e ovini. Alcuni dei tumuli su King Barrow Ridge, vicino al luogo di questa ricostruzione, sono stati costruiti con blocchi di erba accatastati. La loro realizzazione avrebbe richiesto lo sfrondamento di ampie aree erbose.

    2. Stonehenge
    Quattro picconi di corno dai fossati del viale sono stati datati al radiocarbonio per dare una stima della costruzione al 2345 e 2200 aC, tra 200 e 300 anni dopo che le pietre di sarsen furono erette a Stonehenge.

    Stonehenge era ancora in uso attivo. Fu all'incirca in questo periodo che le posizioni delle pietre blu furono riorganizzate all'interno del monumento e che un uomo, l'"Arciere di Stonehenge", fu sepolto nel fossato di Stonehenge. Questo era il momento del primo uso dei metalli in Gran Bretagna e l'uomo in primo piano in questa ricostruzione porta un'ascia di rame.

    3. Carriole
    Il periodo in cui fu costruito il viale fu un periodo di grandi cambiamenti, quando nuove idee, oggetti e persone cominciarono ad arrivare dall'Europa continentale. Alcune persone sono state sepolte in tombe individuali con ceramiche Beaker e i primi oggetti di metallo. Queste tombe erano spesso coperte da cumuli di terra o tumuli rotondi, sebbene i tumuli più grandi intorno a Stonehenge fossero di data successiva.

    Alcuni dei tumuli rotondi vicino a Stonehenge sono mostrati qui come di recente costruzione, anche se è improbabile che questi tumuli specifici siano stati i primi ad essere costruiti.

    4. Uso del viale
    C'è un presupposto di lunga data che il viale fosse un approccio processionale tra il fiume e Stonehenge. Tuttavia, non ci sono prove dirette su come è stato utilizzato.

    Se fosse usato regolarmente come via, ci aspetteremmo che la parte centrale fosse consumata e scavata, in particolare dove sale su per la collina nella salita verso Stonehenge, ma non lo è. Se le processioni hanno avuto luogo o non sono avvenute molto spesso o non hanno coinvolto molte persone. Forse era un percorso simbolico, più che pratico.

    5. Rive e fossati
    Il viale era definito da sponde di terrapieno approssimativamente parallele, ciascuna con un fossato esterno a forma di V profondo circa 2 metri. Nel punto in cui il viale attraversa King Barrow Ridge, la distanza tra i punti medi dei fossati è di circa 30 metri.

    Oggi, la maggior parte dei lavori di sterro di Avenue sono stati livellati dall'aratura, ma la posizione del monumento è stata mappata da fotografie aeree e rilievi geofisici. Sono stati effettuati diversi scavi, tra cui un'ampia sezione al di sotto dell'attuale A303 nel 1967.

    <p>In questo periodo si erano sviluppate pecore con mantelli di lana, quindi probabilmente venivano prodotti tessuti di lana e frammenti di stoffa di lino sono stati recuperati da diversi tumuli nel Wiltshire.</p>

    <p>Poiché gli antiquari generalmente non conservavano resti umani da carriole rotonde, non abbiamo alcuna informazione sul sesso o sull'età della persona morta. Tuttavia, si presume che questa tomba fosse quella di una donna perché fu sepolta con perline, probabilmente formando una collana.</p>

    <p>Nella prima età del bronzo e in particolare al tempo della &lsquocultura del Wessex&rsquo le sepolture, il potere e lo status venivano mostrati attraverso gioielli e accessori di abbigliamento. Questa donna è stata sepolta con ciondoli e perline di ambra, scisto, giaietto, oro e fossili.</p>

    <p>Il cimitero di tumuli di Normanton Down comprende circa 40 tumuli rotondi della prima età del bronzo e due piccoli tumuli lunghi del Neolitico.</p>

    <p>Questo tumulo rotondo è oggi classificato come tumulo a ciotola, con un tumulo centrale di 30 m di diametro circondato da un fossato largo 8 m. Quando è stato scavato, lo scheletro giaceva in una fossa poco profonda scavata nel gesso, presumibilmente vicino al centro.</p>

    Seppellire una donna nel cimitero di Normanton Down, 1900 a.C. circa

    Il gruppo di carriole rotonde della prima età del bronzo di Normanton Down domina l'approccio a Stonehenge da sud. Gli scavi degli antiquari hanno portato alla luce diverse ricche tombe qui. Uno di questi tumuli (chiamato Wilsford G7 dagli archeologi) fu probabilmente costruito tra il 2000 e il 1800 aC e copriva la tomba di una persona, probabilmente una donna. È mostrata qui mentre viene sepolta prima che il tumulo venga costruito sulla sua tomba.

    1. Abbigliamento
    Pecore con cappotti di lana si erano sviluppate in questo periodo, quindi probabilmente sono stati realizzati tessuti di lana e frammenti di tessuto di lino sono stati recuperati da diversi tumuli nel Wiltshire.

    Altri indizi sullo stile di abbigliamento in questo periodo provengono da vari accessori per abiti, come ganci per cintura, spille in osso o bronzo, bottoni e alamari. Un frammento di scarpa della prima età del bronzo con fori per i lacci è stato trovato nello Yorkshire.
    Sono stati trovati anche speciali costumi cerimoniali come indumenti con punte d'osso attaccate e oggetti d'oro decorati, forse i costumi di sciamani o capi.

    2. Identità dei morti
    Poiché gli antiquari generalmente non conservavano resti umani da carriole rotonde, non abbiamo alcuna informazione sul sesso o l'età della persona morta. Tuttavia, in questo periodo sembra esserci una distinzione tra tombe con quelli che sembrano essere oggetti "maschili" (pugnali) e oggetti "femminili" (perline e collane), sebbene non ci siano praticamente studi sul materiale scheletrico a sostegno di ciò.

    Si presume che la tomba all'interno di questo tumulo fosse quella di una donna perché fu sepolta con perline, probabilmente formando una collana.

    3. Beni funerari
    Nella prima età del bronzo e in particolare al tempo delle sepolture della "cultura del Wessex", il potere e lo status venivano mostrati attraverso gioielli e accessori di abbigliamento. Questa donna fu sepolta con ciondoli e perline fatti di ambra, scisto, giaietto, oro e fossili, formando probabilmente una collana. Questo tipo di collana composita potrebbe aver funzionato in modo simile a un moderno braccialetto con ciondoli, con diverse perle che venivano tramandate e scambiate. Alcuni dei materiali scelti, come il giaietto e l'ambra, potrebbero essere stati considerati speciali o magici a causa delle loro proprietà fisiche.

    4. Cimitero di carriole
    Il cimitero di tumuli di Normanton Down comprende circa 40 tumuli rotondi della prima età del bronzo e due piccoli tumuli lunghi del Neolitico. La maggior parte dei tumuli furono scavati dagli antiquari William Cunnington e Richard Colt Hoare all'inizio del XIX secolo. Hanno scoperto la famosa tomba di Bush Barrow, così come molte altre ricche sepolture.

    Una recente indagine sui movimenti di terra, combinata con le informazioni derivate dai corredi funerari, ha fornito alcuni indizi sulla sequenza in cui sono stati costruiti i tumuli, che è stata utilizzata per informare come vengono mostrati i tumuli qui.

    5. Carriola
    Questa carriola rotonda è oggi classificata come una carriola a ciotola, con un tumulo centrale di 30 metri di diametro circondato da un fossato largo 8 metri. Quando è stato scavato, lo scheletro giaceva in una fossa poco profonda scavata nel gesso, presumibilmente vicino al centro. Poiché la donna sarebbe stata sepolta prima della costruzione del tumulo stesso, la posizione del fossato esterno è stata mostrata qui come tracciata e scavata a poca profondità. Dopo la sepoltura, la costruzione del tumulo sarebbe stata completata.


    Henge e tumulo neolitici di 6.000 anni scoperti nel Kent - Storia

    Questa indagine ha comportato l'interpretazione, la trascrizione e la registrazione delle caratteristiche archeologiche s. più Questa indagine ha comportato l'interpretazione, la trascrizione e la registrazione delle caratteristiche archeologiche viste su fotografie aeree nelle immediate vicinanze delle miniere di selce neolitiche di Stoke Down vicino a Chichester, nel West Sussex. Lo stimolo principale è stato la scoperta durante il programma annuale di ricognizione dell'English Heritage di nuovi dettagli di cropmark, tra cui un'estensione dell'area mineraria stessa e il riconoscimento di alcuni fossati ad anello vicini. L'occasione è stata anche colta per esaminare la storia delle indagini nelle miniere di selce. Questo rappresenta un notevole aggiornamento dell'indagine intrapresa per la pubblicazione RCHME del 1999 The Neolytic Flint Mines of England.

    Tra il 1917 e il 1921, Stonehenge aveva un aeroporto come vicino di casa. Inizialmente un volo reale. più Tra il 1917 e il 1921, Stonehenge aveva un aeroporto come vicino di casa. Inizialmente un istituto di addestramento del Royal Flying Corps, dal gennaio 1918 divenne la Scuola n. 1 di navigazione aerea e lancio di bombe, sede di un contingente di bombardieri RNAS Handley Page.L'aeroporto comprendeva due campi ai lati di un terreno di decollo e atterraggio, il primo situato vicino alla piantagione di Fargo, e un successivo e più consistente sito tecnico e domestico situato ai lati dell'attuale A303, poche centinaia di metri a ovest di Stonehenge.

    Dopo la guerra, gli edifici dell'aeroporto divennero il fulcro del dibattito su ciò che costituiva un'inaccettabile intrusione moderna nel paesaggio di Stonehenge. Convertiti ad uso sia agricolo che domestico, gli hangar e i blocchi di alloggio hanno spinto le prime richieste a "restaurare" il paesaggio di Stonehenge, non a quello che era stato prima della guerra, ma a qualcosa ritenuto più appropriato come ambientazione per il monumento. A seguito di un appello pubblico, l'aeroporto e i terreni agricoli limitrofi sono stati acquistati, gli edifici sono stati smantellati e rimossi e il terreno è stato consegnato al National Trust. Il risultato voleva essere un paesaggio liberato dalla “corrente inquieta e banale della quotidianità”.

    Stonehenge è stata notevolmente trasformata nel corso del XX secolo, essendo il monumento stesso soggetto. più Stonehenge è stata notevolmente trasformata nel corso del XX secolo, il monumento stesso è stato sottoposto a più interventi e modifiche dal 1901 che in qualsiasi momento dall'età del bronzo. Alcuni dei più importanti episodi di scavo a Stonehenge durante il XX secolo sono stati guidati dal desiderio di interferire con l'aspetto fisico del monumento, spesso, ma non sempre, a causa di preoccupazioni sulla stabilità. La romantica rovina delle generazioni precedenti - monoliti inclinati, trilitoni contorti e sarsen sdraiati - è stata razionalizzata in un design più eretto e ordinato e assicurato ai posteri con il cemento. Allo stesso tempo, è stata migliorata la visibilità dello sterro di recinzione per il visitatore pagante, il fossato di recinzione è stato riempito solo parzialmente e il materiale in eccesso si è diffuso in tutto il sito per nascondere i vecchi binari. Il 1901 fu anche l'anno in cui il monumento fu chiuso per la prima volta e fu introdotto un biglietto d'ingresso, entrambi intesi come mezzo per controllare il numero e le tipologie di visitatori. Da quando Stonehenge è passata nelle mani dello Stato nel 1918, anche la ristorazione per il numero crescente di visitatori ha continuato a svolgere un ruolo importante nella presentazione e nell'aspetto del monumento e dei suoi immediati dintorni.

    Osservare la storia recente di Stonehenge attraverso una narrazione che vede una rovina del XIX secolo di proprietà privata e trascurata trasformata, attraverso la manutenzione e la riparazione essenziali, in un'espressione unica e monumentale delle credenze e delle conquiste neolitiche, piuttosto trascura le complessità di quella trasformazione del XX secolo. Guardando più da vicino le circostanze che circondano tre episodi chiave - l'apparizione nel 1881 di alcuni legnami che supportano il raddrizzamento e la cementificazione della massiccia Pietra 56 nel 1901 e le "riparazioni" incomplete del 1919-20 - aiuta a mostrare non solo perché abbiamo un monumento più stabile e sicuro oggi, ma anche che la Stonehenge del 21° secolo non è più vicina al suo stato preistorico di quanto non fosse nel 1901.


    Scheletro di bambino di 6.000 anni trovato nella grotta degli orrori di Israele insieme ad antichi rotoli del Mar Morto e al cestino più antico del mondo

    Gli archeologi hanno scoperto lo scheletro di un bambino di 6.000 anni nella "Grotta degli orrori" nel deserto della Giudea in Israele insieme ad antichi rotoli del Mar Morto e quello che potrebbe essere il cesto più antico del mondo.

    La Grotta degli Orrori prende il nome dai 40 scheletri trovati lì durante gli scavi negli anni '60. I ricercatori hanno scoperto che i resti del bambino sono mummificati naturalmente nell'atmosfera secca della grotta, a cui si può accedere solo arrampicandosi sulle corde.

    Una TAC ha rivelato che il bambino, che aveva pelle, tendini e persino capelli parzialmente preservati, aveva tra i 6 ei 12 anni, secondo Smithsonian Magazine. Si pensa che il bambino fosse una ragazza.

    "Era ovvio che chiunque avesse seppellito il bambino lo avesse avvolto e spinto i lembi del panno sotto di lui, proprio come un genitore copre suo figlio in una coperta", ha detto in una dichiarazione Ronit Lupu, un preistorico dell'Autorità per le antichità israeliane. . "Un piccolo fagotto di stoffa era stretto nelle mani del bambino."

    Lo scheletro è stato trovato insieme ad antichi rotoli del Mar Morto, che sono tra i primi testi scritti in ebraico.

    I frammenti appena scoperti dei rotoli di 2000 anni sono traduzioni greche dei libri biblici di Nahum e Zaccaria, trovati nel Libro dei 12 Profeti Minori nel Tanakh ebraico.

    L'unico ebraico incluso nel testo, tuttavia, è il nome di Dio, ha detto The Independent, e si pensa che i rotoli siano stati nascosti durante una rivolta ebraica contro Roma, ha aggiunto NBC News.

    È stato ritrovato anche quello che sembra essere il cesto più antico del mondo, risalente a 10.000 anni fa, così come punte di freccia e monete che si ritiene provengano dal periodo della rivolta di Bar Kochba in altre grotte, secondo quanto riportato dal Guardian.

    L'autorità ha commissionato lo scavo nel 2017 dopo le segnalazioni di saccheggi da parte di saccheggiatori, ha detto The Guardian.


    Sepoltura dell'età del bronzo vicino a Stonehenge scoperta da badger

    Gli oggetti trovati in un tumulo funerario a Netheravon, nel Wiltshire, includono una sega di bronzo, una guardia del polso di un arciere, uno scalpello di rame e resti umani cremati.

    Gli esperti ritengono che la sepoltura potrebbe essere stata quella di un arciere o di una persona che fabbricava attrezzature per il tiro con l'arco.

    I reperti risalgono al 2.200-2.000 a.C., ha affermato l'archeologo senior Richard Osgood, del MOD.

    Il tumulo, a circa cinque miglia a nord di Stonehenge, si trova su un terreno MOD.

    Il signor Osgood, dell'Organizzazione per le infrastrutture di difesa del MOD, ha affermato che è stata "una scoperta entusiasmante".

    "Era del tutto inaspettato. Questi sono meravigliosi manufatti della prima età del bronzo, circa 2.200-2.000 aC", ha detto.

    Altri reperti archeologici nel Wiltshire:

    1. Sepoltura dell'età del bronzo scoperta da un tasso

    2. I soldati scoprono 27 corpi antichi a Barrow Clump nella pianura di Salisbury

    Tra i ritrovamenti c'erano anche raddrizzatori per aste per raddrizzare le frecce e pezzi di ceramica.

    Il signor Osgood ha detto che il tasso aveva scavato l'urna di cremazione e che cocci di ceramica giacevano sulla superficie quando sono stati avvistati.

    Sul sito è stato quindi effettuato uno scavo archeologico completo.

    Osgood ha detto: "Ci sono set di tassi in parecchi monumenti programmati - le azioni di scavare animali sono uno dei maggiori rischi per l'archeologia in Gran Bretagna - ma tirare fuori oggetti di questa qualità da una buca è insolito.

    "Non avremmo mai saputo che questi oggetti erano lì dentro, quindi una piccola parte di me è piuttosto contenta che sia stato il tasso a farlo. ma probabilmente sarebbe stato meglio che queste cose fossero rimaste all'interno del monumento dove hanno risieduto per 4.000 anni."

    Personale militare ferito e veterani hanno aiutato a scavare il sito.

    Gli oggetti dovrebbero essere esposti al Wiltshire Museum di Devizes entro la fine dell'anno.


    Guarda il video: sCOOL - Storia - Il Neolitico - VIDEO LEZIONI (Gennaio 2022).