Podcast di storia

US Grant II ScStr - Storia

US Grant II ScStr - Storia

Sovvenzione USA II

(ScStr: dp. lh,010 1.508'2"; b. 55'3"; dr. 27'6"; dph. 31'8"; s. 16 k.; cpl. 211; trp. 1.244; a. 4 6", 2 1 par., 2 mg.)

Il Konig Wilhelm II, ribattezzato Madawaska nel 1917 e U. S. Grant nel 1922, era un piroscafo a elica con scafo in acciaio varato il 20 luglio 1907 a Stettino, in Germania, da Vulcan Aktiengesellechaft. Costruito per il traffico passeggeri transatlantico, Konig Wilhelm 11 ha operato tra Amburgo, Germania e Buenos Aires, Argentina, sotto la bandiera della casa della linea Amburgo-Amerika, fino all'inizio della prima guerra mondiale nel 1914. Internato volontariamente a Hokoben, NJ, per evitare di essere catturato dalla Royal Navy, la nave passeggeri fu sequestrata dopo l'entrata in guerra degli Stati Uniti il ​​6 aprile 1917, come tutte le altre navi tedesche nei porti americani. Prima che gli agenti del governo federale prendessero possesso della nave, il suo equipaggio tedesco tentò senza successo di renderla inutilizzabile rompendo i suoi cilindri principali a vapore con martinetti idraulici.

A seguito delle riparazioni ai macchinari danneggiati, a Konig Wilhelm 1I fu assegnato il numero di identificazione 3011 e commissionato il 27 agosto 1917, il tenente Charles McCauley al comando temporaneo in attesa dell'arrivo del Comdr. Edward H. Watson. Ribattezzata Madawaska il 1 settembre, la nave fu assegnata alla Cruiser and Transport Force della flotta atlantica. Durante la prima guerra mondiale, ha condotto 10 viaggi transatlantici in cui ha trasportato quasi 12.000 uomini in Europa.

Dopo l'armistizio dell'11 novembre 1918, Madawaska fece altri sette viaggi, portando a casa 17.000 uomini dal teatro europeo. Compie l'ultima di queste corse al suo arrivo a New York il 23 agosto 1919. Fu dismessa il 2 settembre e contemporaneamente trasferita al Dipartimento della Guerra.

Poco dopo, salpando per il Pacifico, Madawaska imbarcò elementi della Legione ceca a Vladivostok, in Russia, all'inizio del 1920, come parte dell'evacuazione di quella forza sulla scia della guerra civile russa in Siberia. La nave salpò per Fiume, in Jugoslavia, e sbarcò i suoi passeggeri cechi per tornare in patria. Successivamente, salpata per New York, la Madawaska è stata disattivata e consegnata alla Shipping Board per il disarmo.

L'anno successivo, tuttavia, il Dipartimento della Guerra riacquistò la nave e ne autorizzò un'importante ristrutturazione prima che potesse riprendere il servizio attivo. Durante questa revisione, che sarebbe durata fino alla primavera del 1922, la nave fu dotata di moderne caldaie marine a tubi d'acqua per una maggiore sicurezza di funzionamento e per consentire alla nave di aumentare la velocità. Il 3 giugno 1922, a Brooklyn, New York, il trasporto fu ribattezzato U. Grant, la principessa Cantacuzene, moglie del maggior generale principe Cantacuzene, conte Sheransky di Russia, e nipote del generale Ulysses S. Grant, battezzarono la nave.

Per quasi due decenni, U. Grant ha prestato servizio nel servizio di trasporto dell'esercito, mantenendo un programma regolare di viaggi che trasportavano truppe, passeggeri e rifornimenti lungo una rotta che includeva scali a San Francisco, in California; Honolulu, Territorio delle Hawaii

Guam; Manila, Isole Filippine; Chinwangtao e Shanghai, Cina; la zona del canale di Panama e New York. Per molti di questi anni di servizio nel Pacifico, la U. Grant è stata l'unica fonte di negozi refrigerati dagli Stati Uniti. I suoi arrivi periodici ad Apra Harbour producevano invariabilmente un miglioramento temporaneo nella dieta degli americani che vivevano a Guam.

Durante un viaggio a Guam, il trasporto fu quasi perso. Nel tardo pomeriggio del 19 maggio 1939, U. Grant si incagliò sulla pericolosa barriera corallina interna nel porto ancora incompiuto. Fortunatamente, l'incidente non si è verificato durante la stagione dei tifoni. Gli sforzi combinati di Penguin (AM-33) e Robert L. Barnes (AG-27) non sono riusciti a spostare la nave fuori dal corallo, guidando il governatore ad interim di Guam, Comdr. George W. Johnson, per imbattersi in un uomo d'azione in collaborazione (via radio) con il capitano Richmond K. Turner, ad Astoria (CA-34), che era poi in rotta verso l'isola.

Per 21 ore, i membri della US Naval Insular Force e gli stivatori locali hanno scaricato 300 tonnellate di carico dall'U. Grant a terra, mentre gran parte del suo carburante è stato trasferito a Robert L. Barnes e all'ammiraglio Halstead. Astoria, in viaggio per gli Stati Uniti dopo aver riportato in patria le ceneri dell'ambasciatore giapponese Hiroshi Saito, arrivò alle 06:30 del 21 maggio. Prese il posto assegnato, così come il pinguino Robert L. Barnes e l'ammiraglio Halstead, alle 08:09 U. Grant si liberò barcollando dalla barriera corallina, con l'accompagnamento degli applausi dell'equipaggio del trasporto. Il giornale dell'isola, The Guam Recorder, riportò successivamente nell'edizione del giugno 1939: "Il breve tempo in cui fu eseguita la difficile operazione fu dovuto all'efficiente cooperazione di tutte le parti coinvolte, l'esercito, la marina e la marina mercantile". Tutto il carico fu presto ricaricato e la U. Grant riprese il suo viaggio.

Ha continuato sotto l'egida del servizio di trasporto dell'esercito fino al 1940. Poi, quando le nuvole di guerra si sono raccolte nel Pacifico e nell'Atlantico, {T. Grant è stato successivamente riacquistato dalla Marina. Armata con sette cannoni da 3 pollici (era stata disarmata mentre prestava servizio come trasporto dell'esercito), la nave fu riparata al Mare Island Navy Yard, Vallejo, California, e fu commissionata il 16 giugno 1941, Capt. Herbert R. Hein al comando. Continuando il suo servizio di trasporto, la nave ricevette la classificazione di AP-29.

U. Grant operò tra i porti della costa occidentale e nelle isole Aleutine durante lo scoppio della guerra nel Pacifico il 7 dicembre 1941. Trasportava passeggeri e merci nei porti dell'Alaska mentre gli Stati Uniti costruivano le proprie difese in quell'area contro possibili spinte dal Giappone. Nel febbraio e marzo 1942 U. Grant condusse viaggi nelle isole Hawaii. Durante il mese precedente, ha restituito circa 1.000 alieni nemici (per lo più giapponesi con una spolverata di tedeschi) per il collocamento nei campi di internamento nel sud-ovest degli Stati Uniti. Tra questi passeggeri c'era il prigioniero di guerra numero uno, il tenente Kazuo Sakamaki, il cui sottomarino nano si era arenato al largo di Barber's Point, Oahu, il 7 dicembre 1941. In aprile, U. Grant riprese i viaggi verso i porti dell'Alaska trasportando truppe da Seattle alle basi americane sulla terraferma dell'Alaska e nelle Aleutine e continuò questa routine vitale fino alla primavera del 1942.

La battaglia del Mar dei Coralli nel maggio 1942 convinse i giapponesi che una spinta a Midway Island era imperativa, nel tentativo di attirare la flotta americana, in particolare il numero in diminuzione di vettori vitali. Di conseguenza, una potente flotta giapponese salpò per Midway, mentre una task force più piccola si diresse a nord verso le Aleutine per lanciare un raid diversivo. Gli aerei della portaerei R^g~bio colpirono Dutch Harbor, in Alaska, il 3 giugno, e le truppe giapponesi occuparono le isole Attu e Kiska il 7 giugno.

Durante questo periodo, U. Grant portò le truppe a Kodiak, in Alaska e a Cold Bay durante l'estate. È sfuggita per un pelo all'essere silurata mentre procedeva da Seattle a Dutch Harbor in convoglio il 20 luglio. Le sentinelle allertate individuarono le tracce di due siluri e l'azione evasiva permise alla nave di evitare il micidiale "pesce" che passava vicino a bordo, da tribordo a babordo.

Il venerabile trasporto sbarcò le truppe dell'esercito a Massacre Bay il 14 giugno, tre giorni dopo gli sbarchi iniziali. Il mese successivo, mentre le truppe americane e canadesi si preparavano ad assalire Kiska, il contrammiraglio Francis W. Rockwell ruppe la sua bandiera a U. Grant come comandante della Task Force 61.

Durante questa operazione, la U. Grant ha servito come nave da trasporto e comunicazione combinata. Gli americani alla fine scoprirono che i giapponesi si erano allontanati come nomadi, lasciando solo pochi cani a "contestare" gli sbarchi, e avevano completato la loro evacuazione, senza essere scoperti dagli Alleati, entro il 28 luglio. Durante gli sbarchi di Kiska, il trasporto non solo trasportava truppe dell'esercito, ma anche un gruppo di collegamento messicano; un distaccamento di truppe canadesi e un gruppo di corrispondenti civili.

Dopo un periodo di riparazioni alla fine del 1943, che durò fino al 1944, U. Grant riprese i viaggi costieri verso l'Alaska. Da aprile a dicembre si è spostata nel Pacifico orientale per operare tra le Hawaii e la costa occidentale. Spesso imbarcava pazienti medici per riportarli sulla costa occidentale dagli ospedali della zona hawaiana. Arrivato a San Francisco dopo uno di questi viaggi il 23 gennaio 1945, U. Grant sbarcò i passeggeri e partì lo stesso pomeriggio senza passeggeri o scorta, diretto ai Caraibi. Transitando nel Canale di Panama, dopo aver imbarcato passeggeri a Balboa, la nave ha operato nei Caraibi per i successivi sei mesi, tra le Indie Occidentali e New Orleans, La., fino alla fine della guerra.

U. Grant tornò in servizio nel Pacifico a settembre, partendo da San Francisco il 18 per Okinawa, via Eniwetok. È arrivata ad Okinawa il 12 ottobre, sulla scia di un tifone distruttivo, e ha imbarcato 1.273 passeggeri per il trasporto verso gli Stati Uniti, partendo dall'isola il 21 ottobre.

Arrivata a San Francisco il 7 novembre, U. Grant sbarcò subito dopo i suoi passeggeri. Una settimana dopo, il 14 novembre, il trasporto fu dismesso e restituito al Dipartimento della Guerra. Il suo nome è stato cancellato dalla lista della Marina il 28 novembre

Consegnato alla Commissione Marittima, l'ex trasporto e veterano di due guerre mondiali fu venduto alla Boston Metals Co. il 24 febbraio 1948 per essere demolito.

U. Grant ha ricevuto una stella di battaglia per il suo servizio nella seconda guerra mondiale.


Ulisse S. Grant

I nostri redattori esamineranno ciò che hai inviato e determineranno se rivedere l'articolo.

Ulisse S. Grant, Nome originale Hiram Ulisse Grant, (nato il 27 aprile 1822, Point Pleasant, Ohio, USA - morto il 23 luglio 1885, Mount McGregor, New York), generale statunitense, comandante degli eserciti dell'Unione durante gli ultimi anni (1864-1865) della guerra civile americana e 18° presidente degli Stati Uniti (1869-1877).

In che modo Ulysses S. Grant influenzò l'esito della guerra civile americana?

Ulysses S. Grant ottenne due importanti vittorie dell'Unione all'inizio della guerra. In seguito divenne comandante di tutte le forze dell'Unione dopo aver conquistato Vicksburg, Mississippi. Grant ordinò al generale William Tecumseh Sherman di prendere Atlanta nel sud mentre marciava personalmente sull'esercito confederato in Virginia. La strategia di Grant sconfisse la Confederazione nel 1865.

Qual era il rapporto di Ulysses S. Grant con gli indiani Lakota?

Pres. Ulysses S. Grant osservò il Secondo Trattato di Fort Laramie nel 1868, che mantenne la pace con gli indiani Lakota nella Grande Riserva Sioux. Tuttavia, ha violato il trattato dopo che l'oro è stato scoperto nelle Black Hills. Con l'approvazione di Grant, l'esercito conquistò la terra ed espulse i Lakota nel 1877. Ulteriori informazioni.

Qual era la politica di Ulysses S. Grant riguardo alla Ricostruzione?

Dopo la guerra civile americana, gli ex stati confederati hanno ripristinato la loro gerarchia razziale anteguerra attraverso leggi repressive e l'attività terroristica anti-nera del Ku Klux Klan. Pres. Ulysses S. Grant ha spinto per il diritto degli uomini di colore di votare attraverso il quindicesimo emendamento e ha sostenuto la legislazione che puniva coloro che cercavano di limitare quel diritto costituzionale. Scopri di più.


Fondato nel 1917, Camp Grant ha visto i suoi primi "uomini selezionati", o reclutati, arrivare nel settembre di quell'anno. Principalmente un luogo per l'addestramento della fanteria, divenne una delle più grandi strutture di addestramento militare negli Stati Uniti durante la prima guerra mondiale. Lì fu formata l'86a divisione di fanteria (divisione "Black Hawk"). Gli uomini dell'86°, dopo il loro addestramento iniziale, furono inviati ad altre unità. Pur non servendo mai come divisione in combattimento durante la prima guerra mondiale, gli elementi hanno visto il combattimento. La 172nd Brigata di Fanteria fu organizzata a Camp Grant. Nel 1918, la pandemia influenzale spagnola colpì oltre 4.000 uomini nel campo, uccidendo oltre 1.000 tra il 23 settembre e il 1 ottobre. Camp Grant fu chiuso come struttura attiva dell'esercito degli Stati Uniti nel dicembre 1923, ma nel gennaio 1924 fu consegnato alla Guardia nazionale dell'Illinois.

Il periodo tra le due guerre vide anche Camp Grant utilizzato dal Civilian Conservation Corps tra il 1933 e il 1935.

Nel febbraio 1941, Camp Grant fu riattivato come centro di induzione e centro di addestramento individuale dell'Army Medical Service, venendo trasferito dall'Illinois al governo federale. Fornire esami fisici e medici per i nuovi soldati dell'esercito degli Stati Uniti era l'obiettivo principale, anche se un gran numero di personale ha anche attraversato Camp Grant per l'addestramento di base dell'esercito. Si stima che nel campo siano stati formati 100.000 medici. Durante la guerra, Camp Grant servì anche come centro di detenzione per prigionieri di guerra, impiegando oltre 6.000 civili, dando impulso all'economia di Rockford. Si stima che nel campo siano stati detenuti 2.500 prigionieri di guerra. Dopo la guerra, Camp Grant servì anche come centro di separazione per i soldati di ritorno.

Nel 1946, Camp Grant fu definitivamente chiuso. L'aeroporto internazionale di Chicago Rockford occupa gran parte della terra che un tempo era Camp Grant. Per alcuni anni dopo la guerra, gli edifici delle baracche di Camp Grant furono trasformati in appartamenti di fortuna. Queste "case" sono state utilizzate dai soldati di ritorno che avevano famiglie giovani. Alla fine degli anni '40, molti degli edifici di Camp Grant furono demoliti e i residenti si trasferirono. Negli anni '50, gran parte del terreno rimanente del campo era in possesso di Seth B. Atwood, che in seguito avrebbe donato l'ex poligono di tiro di Camp Grant al Rockford Park District, che lo avrebbe chiamato Seth Atwood Park.

Camp Grant funge da ambientazione per il libro, Rubinetti per Charlie di Carl Brown. [1]

È stato menzionato in MISCUGLIO Stagione 5, episodio 17 e episodio 23 del colonnello Potter.

Il campo è stato menzionato anche nella serie Impero del lungomare'' di James "Jimmy" Darmody come base per un giovane Al Capone nell'episodio pilota.

In Roots: The Next Generations viene rivelato che Simon Haley, padre di Alex Haley, era di stanza lì durante la prima guerra mondiale.


AUMENTA le sovvenzioni discrezionali

WASHINGTON - Il Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti (DOT) ha pubblicato oggi un avviso di opportunità di finanziamento (NOFO) per richiedere $ 1 miliardo di finanziamenti discrezionali per l'anno fiscale (FY) 2021 attraverso le sovvenzioni Rebuilding American Infrastructure with Sustainability and Equity (RAISE). RAISE, precedentemente noto come BUILD e TIGER, ha assegnato oltre 8,935 miliardi di dollari in sovvenzioni a progetti in tutti i 50 stati, il Distretto di Columbia e Porto Rico dal 2009.

"Nelle comunità di tutto il paese, c'è un enorme bisogno di progetti di trasporto che creino posti di lavoro di alta qualità, migliorino la sicurezza, proteggano il nostro ambiente e generino opportunità economiche eque per tutti gli americani", ha affermato il segretario ai trasporti degli Stati Uniti Pete Buttigieg. "Con le sovvenzioni RAISE, stiamo facendo gli investimenti necessari nel futuro delle nostre comunità".

I progetti per il finanziamento RAISE saranno valutati in base a criteri di merito che includono sicurezza, sostenibilità ambientale, qualità della vita, competitività economica, stato di manutenzione, innovazione e partenariato. All'interno di questi criteri, il Dipartimento darà la priorità ai progetti che possono dimostrare miglioramenti all'equità razziale, ridurre gli impatti dei cambiamenti climatici e creare posti di lavoro ben retribuiti.

Per questa tornata di sovvenzioni RAISE, la sovvenzione massima assegnata è di 25 milioni di dollari e non possono essere assegnati più di 100 milioni di dollari a un singolo Stato, come specificato nella legge sugli stanziamenti. Verranno assegnati fino a 30 milioni di dollari per le sovvenzioni per la pianificazione, inclusi almeno 10 milioni di dollari per le aree di povertà persistente.

Per garantire che i benefici degli investimenti infrastrutturali vadano a beneficio delle comunità grandi e piccole, il Dipartimento assegnerà un importo equo, non superiore alla metà del finanziamento, a progetti situati rispettivamente in aree urbane e rurali.

Il programma è altamente competitivo con 680 progetti finanziati su oltre 9700 domande. È uno dei pochi programmi discrezionali DOT per i quali i governi regionali e locali possono competere direttamente per il finanziamento del trasporto multimodale.


Sovvenzione del clan

Una teoria è che gli antenati dei capi del Clan Grant vennero in Scozia con i Normanni in Inghilterra dove il nome si ritrova subito dopo la conquista di quel paese, [5] anche se alcuni storici hanno affermato che i Grant facevano parte dei Siol Alpin gruppo di famiglie che discendono da Alpin, padre di Kenneth MacAlpin, primo re di Scozia. [5] I primi Grant ad apparire in Scozia sono registrati nel XIII secolo quando acquisirono le terre di Stratherrick. [5] Uno della famiglia, forse un Gregory Grant, sposò Mary, figlia di Sir John Bisset, e da questo matrimonio nacquero almeno due figli. [5] Uno di questi figli era Sir Laurence le Grand che divenne sceriffo di Inverness. [5] Sposò la figlia di Alexander Comyn, conte di Buchan. [6] Discendeva da Donald III, re di Scozia. [7]

Guerre di indipendenza scozzese Modifica

Durante le guerre di indipendenza scozzese, il clan Grant era sostenitore di William Wallace e John e Randolph Grant furono catturati nella battaglia di Dunbar (1296). [5] Il clan Grant in seguito sostenne Robert the Bruce in competizione per la corona scozzese. [5] La vittoria di Robert the Bruce confermò i Grant nelle loro terre di Strathspey, dove divennero capi delle Highlands. [5]

La presa di Castle Grant, XIV secolo Originariamente una roccaforte del Clan Comyn, le tradizioni del Clan ci dicono che il castello fu preso dai Comyn da una forza combinata dei Grant e dei MacGregor.

XV e XVI secolo Modifica

Il successivo riferimento disponibile è di Duncan le Grant nel 1434, e più tardi, Sir Duncan Grant di Freuchie (Castle Grant), che ereditò la terra nella valle di Dulnain nell'alto Speyside da sua madre, Matilda di Glencarnie. La sua famiglia lo possedeva in parte dal 1180, quando Riccardo I d'Inghilterra [ citazione necessaria ] diede Kinveachy (circa dieci miglia a sud-ovest di Castle Grant) a Gille Brigte, conte di Strathearn.

Nel XVI secolo il clan e il suo capo erano diventati abbastanza potenti da svolgere un ruolo nella politica nazionale. [8] I loro principali alleati erano il Clan Gordon, il cui capo era il potente Conte di Huntly. [8]

Nel 1535 James Grant, 3° Laird di Freuchie fu nominato responsabile della polizia di Strathspey. [9]

Nel 1580 un Robert Grant sconfisse un campione inglese in un torneo di giostre mentre si trovava in un'ambasciata nel sud. [9] Verso la fine del XVI secolo i Grant iniziarono a litigare con i loro vecchi alleati, i Gordon, sulla religione. [10] I Grant erano protestanti e i Gordon cattolici. [10]

Nel 1586 il Conte di Huntly si alleò con il Clan MacDonald e il Clan Cameron che avevano entrambi una storia di razzie nelle terre dei Grant. [10] I Grant risposero facendo entrare il Clan Gregor, ma se la cavarono peggio in uno scontro a Ballindalloch. [10] Entro la fine del XVI secolo, il clan Grant divenne un importante clan nelle Highlands scozzesi. Durante questo periodo, le azioni del clan portarono all'omicidio del conte di Moray e alla sconfitta del conte di Argyll nella battaglia di Glenlivet nel 1594. Il capo del clan Grant ordinò ai suoi uomini di ritirarsi non appena l'azione fosse iniziata. Questa mossa infida portò alla sconfitta del Clan Campbell di Argyll.

XVII secolo e guerra civile Modifica

Nel 1613 il re Giacomo VI di Scozia scrisse a John Grant di Freuchie capo del clan Grant lamentandosi che stava proteggendo i fuorilegge dal clan MacGregor. [11] Il capo rispose inviando il famigerato Alistair MacAllister MacGregor a Edimburgo. [11] Tuttavia, il re non era soddisfatto e nel 1615 multò Grant di 16.000 merk per aver protetto i MacGregor. [11]

Durante le Guerre dei Tre Regni del 1639–1651, il capitano David Grant guidò le sue forze a sostegno delle forze Covenanter contro le forze realiste nella battaglia di Tippermuir nel 1644. Nell'ottobre 1645, il Clan Cameron fece irruzione nelle terre del Clan Grant. [12] I Grant diedero la caccia ai Cameron nella battaglia dei Braes di Strathdearn, dove gli uomini di Cameron furono sconfitti e molti membri del clan furono uccisi. [12]

Nel 1651, Sir James Grant di Grant, 16° capo, guidò il clan a combattere per Carlo I e i realisti nella battaglia di Worcester nel 1651. Inoltre, un'alleanza tra Sir James Grant e il conte di Huntly portò all'annientamento del Clan Farquharson.

Come molti altri, i Grant parteciparono da entrambe le parti dopo la deposizione di Giacomo II e VII nel novembre 1688 da parte di Guglielmo d'Orange. I Grants di Glenmoriston combatterono con i giacobiti nella battaglia di Killiecrankie nel luglio 1689, [13] mentre altri facevano parte della forza gugliemita guidata da Sir Thomas Livingstone, che sconfisse i giacobiti nella battaglia di Cromdale nel maggio 1690. [13]

Il XVIII secolo e le rivolte giacobite Modifica

1715 – 1716 ascendente Modifica

Durante l'insurrezione giacobita del 1715, la parte principale del Clan Grant sostenne il governo britannico. Nel 1715 il Laird di Grant ritirò le sue forze che portarono alla sconfitta delle forze governative nella Schermaglia di Alness. Tuttavia poco dopo il clan Grant aiutò a riconquistare Inverness dai giacobiti durante l'assedio di Inverness (1715). [14] Nel 1715 la forza combattente del Clan Grant fu assegnata a 850 uomini dal generale George Wade. [15] Nella battaglia di Sheriffmuir nel 1715, Grants combatté da entrambe le parti. Le forze governative britanniche vinsero la battaglia con molti dei giacobiti che si arresero al generale Grant.

Modifica dell'orologio nero

Il rapporto del generale Wade sulle Highlands nel 1724 stimava la forza del clan in 800 uomini. [16] Nel 1725 furono costituite sei Compagnie Indipendenti delle Highlands (Black Watch) per sostenere il governo. Uno dal Clan Grant, uno dal Clan Fraser di Lovat, uno dal Clan Munro e tre dal Clan Campbell. Nel 1739 dieci Compagnie Indipendenti delle Highland furono costituite nel 43° reggimento di Highlanders (Black Watch). [17]

1745 – 1746 nascente Modifica

Durante l'insurrezione giacobita del 1745, il capo del clan Grant sostenne nuovamente il governo britannico. Tuttavia, ancora una volta ritirò le sue truppe che portarono di nuovo alla sconfitta delle forze governative, questa volta nella battaglia di Inverurie (1745).

Un ramo del clan Grant, i Grant di Glenmoriston si schierarono con i giacobiti e combatterono nella battaglia di Prestonpans nel 1745 e sono accreditati di aver vinto la giornata grazie al loro tempestivo rinforzo. Il ramo Grants of Glenmoriston combatté anche come giacobiti nella battaglia di Culloden nel 1746. Ottantaquattro Grants of Glenmoriston furono catturati a Culloden e furono trasportati alle Barbados, in violazione dei loro termini di resa, dove furono venduti come schiavi. [15]

All'assedio di Inverness (1746) il comandante delle forze del governo britannico-hannoveriano era il maggiore George Grant, mentre tra i comandanti giacobiti c'era il colonnello James Grant. [18]

Autorizzazioni delle Highlands Modifica

Clan Grant è stato uno dei pochi clan a non essere influenzato dalle Highland Clearances. Il "Buon Sir James" Grant (Capo Clan dal 1773 al 1811) costruì la città di Grantown-on-Spey con l'esplicito scopo di provvedere ai suoi membri del clan per evitare che dovessero emigrare. Mentre altri abitanti delle Highland emigravano di fronte ai cambiamenti che stavano spazzando via il vecchio stile di vita delle Highlands, Sir James Grant era impegnato a costruire un'intera città, a costruire scuole, mulini, fabbriche, un ospedale, un orfanotrofio, ecc. il suo clan. Grantown-on-Spey è un monumento alla lealtà di Sir James verso i suoi membri del clan.

Reggimenti dell'esercito britannico Modifica

Durante l'ultima parte del XVIII secolo due reggimenti furono sollevati dal Clan Grant. In primo luogo il "Grant o Strathspey Fencibles" nel 1793 e il "97th" o "Strathspey Regiment" nel 1794. Il primo fu sciolto nel 1799 e il secondo, fu utilizzato come marines a bordo della flotta di Lord Howe e successivamente arruolato in altri reggimenti nel 1795 [15]

Presidente Grant Modifica

Durante il suo tour mondiale nel 1877, Ulysses S. Grant venne in Scozia e fu accettato come membro di ritorno del Clan Grant. [19] Tuttavia, non ci sono prove che i suoi antenati Grant fossero scozzesi.

21° secolo Modifica

Duthil Old Parish Church and Churchyard, che si trova appena fuori dal villaggio di Duthil, Inverness-shire, ora serve come un Centro sovvenzioni del clan. Il sito comprende molti memoriali ai membri del clan, come il feldmaresciallo Sir Patrick Grant, GCB GCMG (1804-1895), nonché un mausoleo dei Conti di Seafield.

Durante una visita a Winnipeg, in Canada, nel luglio 2012, il capo del clan Grant ha dichiarato che il leader dei Métis Cuthbert Grant era un membro del clan. Questo ha creato una nuova setta di Clan Grant in Canada. [20] I visitatori provenivano dalla Scozia così come dallo Yukon, dal Montana e dal Manitoba, dove i discendenti di Grant si stabilirono per prendere parte a eventi organizzati per il tempo di Lord Strathspey in Canada. Anita Grant Steele arrivò con altri discendenti di William Grant di Trois-Rivières, Quebec, che era uno dei fondatori della North West Company e il socio anziano di Grant, Campion and Company. Steele organizzò un tè di riunione con Lord Strathspey al Winnipeg's Fort Garry Hotel e fu nominato primo amministratore del ramo ora noto come MacRobbie Grants di Trois-Rivières. La riunione includeva Donald L Grant, Emerald Grant e Roy Grant, responsabili dei risultati del test Y-DNA che hanno determinato positivamente che i MacRobbie Grant di Trois-Rivières provengono dalla stessa linea genetica dei capi di Grant. GrantReunion


Concedere la genealogia della famiglia

Ecco alcuni link per aiutarti a determinare le informazioni genealogiche su Ulysses S. Grant. Si prega di notare che l'autore di questo sito Web non sa esattamente come Grant potrebbe essere correlato a tutta la sua famiglia collaterale. Non posso aiutare i lettori a determinare se sono in qualche modo collegati a Grant. La ricerca genealogica richiede tempo, ma è gratificante. Inizia con questi link suggeriti e controlla anche con la tua biblioteca pubblica locale o la società storica per assistenza nel fare ulteriori ricerche.

Puoi anche inviare un'e-mail a Diane Meives, [email protected], una persona con un interesse di lunga data nella genealogia di Grant e una volontà di aiutare gli altri con lo stesso interesse.

Informazioni genealogiche dalla Grant Presidential Library.

Libro digitalizzato: Gli antenati di General Grant e dei loro contemporanei, di Edward Chauncey Marshall. Da Hathitrust.

Resoconto della prima riunione della Grant Family Association, 1899, a cura di Arthur Hastings Grant. Ci sono volumi successivi per le riunioni della Grant Family Association, ma non riesco a trovarne nessuno digitalizzato.

Breve elenco di figli e nipoti di U. S. e Julia Grant.

I discendenti dei presidenti degli Stati Uniti, di Walter Lewis Zorn. Autopubblicato dall'autore, 1954.

Genealogie delle famiglie dei presidenti, di Henry Buchanan.

Estratti sulla madre di Grant, Hannah Simpson Grant, come registrato in I primi registri delle famiglie Simpson, di Helen A. Simpson. Anche la genealogia della famiglia Simpson. Da Hathitrust.

Servizio funebre per Hannah Simpson Grant. Prendete nota che suo figlio ha incaricato il ministro che presiede che in nessun modo doveva essere menzionato in alcun modo elogiativo. L'attenzione doveva essere su sua madre. Rivista digitalizzata di Hathitrust dal titolo The Pulpit Treasury: un mensile evangelico.

Prenotare: La genealogia di Galena: diciannovesimo secolo americana, di Lorraine X. Page, Self-Published, 1993. Ha 23 pagine su Grant. Questo è disponibile in 6 biblioteche negli Stati Uniti. Vedi il WorldCat.


Presidenza

Durante la riorganizzazione del dopoguerra, Grant fu promosso a pieno titolo generale e supervisionò la parte militare della Ricostruzione. Fu poi messo in una posizione scomoda durante la lotta del presidente Andrew Johnson con i repubblicani radicali e l'impeachment di Johnson. Successivamente, nel 1868, Grant fu eletto diciottesimo presidente degli Stati Uniti. Quando è entrato alla Casa Bianca l'anno successivo, Grant non era solo politicamente inesperto, era - all'età di 46 anni - 2014 il presidente più giovane fino ad allora.

Sebbene scrupolosamente onesto, Grant divenne noto per aver nominato persone che non erano di buon carattere. Anche se ha avuto un certo successo durante il suo mandato, tra cui spingere per la ratifica del XV emendamento e istituire il National Parks Service, gli scandali della sua amministrazione hanno scosso entrambi i suoi mandati presidenziali e non ha avuto l'opportunità di servire un terzo.


US Grant II ScStr - Storia

Insegna agli studenti la vita e i tempi del 18° presidente degli Stati Uniti d'America

Porta la tua classe a vedere il Museo

Accedi a centinaia di fonti primarie online

Ricercatori

Prendi un appuntamento per fare ricerche in Biblioteca

Scopri le nostre collezioni

Tutti

Scopri il nostro museo interattivo

Ottieni indicazioni stradali e informazioni su parcheggi e trasporti

Vedi hotel, ristoranti e opzioni ricreative a MSU e a Starkville

Collezioni correlate

La collezione Frank e Virginia Williams di Lincolniana

Ospitata all'interno della Biblioteca presidenziale di Ulysses S. Grant, la Frank and Virginia Williams Collection of Lincolniana documenta la vita e i tempi di Abraham Lincoln.

Centro di ricerca congressuale e politica

Il Centro di ricerca congressuale e politica fornisce accesso a materiali di legislatori, politici, attivisti e ricercatori nazionali, statali e locali.

Le memorie personali di Ulysses S. Grant

Le memorie personali di Ulysses S. Grant è la prima edizione completamente annotata delle memorie di Grant, che rappresenta pienamente i pensieri del grande capo militare sulla sua vita e sui tempi fino alla fine della Guerra Civile e la sua inestimabile prospettiva sul processo decisionale sul campo di battaglia. Un'introduzione contestualizza la vita e il significato di Grant, e il lucido commento editoriale fa risaltare la voce e la narrativa del presidente. Con annotazioni compilate dagli editori della Biblioteca presidenziale dell'Ulysses S. Grant Association, questa edizione definitiva arricchisce la nostra comprensione dell'era anteguerra, della guerra messicana e della guerra civile. Grant fornisce informazioni su come questi eventi abbiano testato rigorosamente le istituzioni democratiche americane e la coesione del suo ordine sociale.


Spazio per miglioramenti in America

Uno dei difetti fondamentali della segnalazione della virtù contemporanea è che non riconosce che l'effettivo raggiungimento della virtù fa parte di un processo di tentativo intenzionale di diventare migliore. L'America, sia nella sua storia che negli ideali su cui è stata fondata, si è costantemente impegnata in quel processo di auto-miglioramento consapevole.

Gli Stati Uniti hanno ancora margini di miglioramento? Certo. Grant avrebbe potuto riconoscere prima l'immoralità della schiavitù umana? Sì. Tuttavia, sia la nazione che l'individuo hanno lavorato per fare ammenda per i loro errori, inclusa l'esistenza della schiavitù e la breve proprietà di Grant di uno schiavo che ha liberato prima della guerra.

Il caos delle ultime settimane ha reso spesso difficile distinguere tra coloro che stanno marciando per realizzare una società migliore e coloro che stanno sfruttando una tragedia come scusa per commettere violenze e distruzioni casuali. Una lezione appresa dai peccati del passato americano è che la giustizia per alcuni è compromessa se non c'è giustizia per tutti. Credere in una tale visione del bene e del male include la difesa della reputazione di eroi nazionali come Grant.

Brett M. Decker, membro del Board of Contributors di USA Today, è un ex redattore del Wall Street Journal e autore di bestseller di "The Conservative Case for Trump". Il suo bis-bis-bisnonno ha combattuto nella cavalleria dell'Unione sotto il generale William T. Sherman. Seguilo su Twitter: @BrettMDecker.


Contenuti

Note di grandi dimensioni Modifica

(circa 7,4218 × 3,125 pollici 189 × 79 mm)

  • 1861: Furono emesse banconote fruttifere da $50 a tre anni che pagavano un centesimo di interesse al giorno, e quindi il 7,3% annuo, i cosiddetti sette e trenta. These notes were not primarily designed to circulate and were payable to the original purchaser of the dollar bill. The obverse of the note featured a bald eagle.
  • 1862: The first circulating $50 bill was issued.
  • 1863: Both one and two-year Interest Bearing Notes were issued that paid 5% interest. The one-year Interest Bearing Notes featured a vignette of Alexander Hamilton to the left and an allegorical figure representing loyalty to the right. The two-year notes featured allegorical figures of loyalty and justice.
  • 1864:Compound Interest Treasury Notes were issued, intended to circulate for three years and paying 6% interest compounded semi-annually. The obverse is similar to the Series of 1863 one-year Interest Bearing Note.
  • 1865: Three-year Interest Bearing Notes were issued again with a slightly different bald eagle and border design on the obverse.
  • 1869: A new $50 United States Note was issued with a portrait of Henry Clay on the right and an allegorical figure holding a laurel branch on the left of the obverse.
  • 1870: $50 National Gold Bank Notes were issued specifically for payment in gold coin by 2 national gold banks. The obverse featured vignettes of George Washington crossing the Delaware River and at Valley Forge the reverse featured a vignette of U.S. gold coins.
  • 1874: Another new $50 United States Note was issued with a portrait of Benjamin Franklin on the left and allegorical figure of Lady Liberty on the right of the obverse.
  • 1878: The first $50 silver certificate was issued with a portrait of Edward Everett. The reverse was printed in black ink.
  • 1880: The Series of 1878 Silver Certificate was slightly revised.
  • 1882: The first $50 gold certificate with a portrait of Silas Wright was issued. The reverse was printed in orange ink and featured a bald eagle perched atop an American flag.
  • 1891: The obverse of the $50 Silver Certificate was slightly revised and the reverse was completely changed.
  • 1891: The $50 Treasury or "Coin Note" was issued and given for government purchases of silver bullion from the silver mining industry. The note featured a portrait of William H. Seward.
  • 1913: A new $50 gold certificate with a portrait of Ulysses Grant was issued. The style of the area below Grant's portrait was later used on small-sized notes.
  • 1914: The first $50 Federal Reserve Note was issued with a portrait of Ulysses Grant on the obverse and an allegorical figure of Panama between a merchant and battle ship on the reverse.
  • 1918: Federal Reserve Bank Notes (not to be confused with Federal Reserve Notes) were issued by the Federal Reserve Bank of St. Louis. The obverse was similar to the 1914 Federal Reserve Notes, except for large wording in the middle of the bill and a portrait with no border on the left side of the bill. The note was an obligation of the St. Louis Federal Reserve Bank and could only be redeemed there.
  • 1922: last $50 large size note was issued, which was another Gold Certificate. It's reverse stayed the same as the 1913 one. The only major difference is the text on the left there is text covering the gold number. It featured Grant.

Small size notes Edit

(6.14 × 2.61 in ≅ 156 × 66 mm)

  • 1929: Under the Series of 1928, all U.S. currency was changed to its current size. All variations of the $50 bill would carry the same portrait of Ulysses S. Grant, same border design on the obverse, and the same reverse with a vignette of the U.S. Capitol showing the east front. The $50 bill was issued as a Federal Reserve Note with a green seal and serial numbers and as a gold certificate with a golden seal and serial numbers.
  • 1933: As an emergency response to the Great Depression, additional money was pumped into the American economy through Federal Reserve Bank Notes issued under Series of 1929. This was the only small-sized $50 bill that had a different border design on the obverse. The serial numbers and seal on it were brown.
  • 1934: The redeemable in gold clause was removed from Federal Reserve Notes due to the U.S. withdrawing from the gold standard.
  • 1950: Many minor aspects on the obverse of the $50 Federal Reserve Note were changed. Most noticeably, the treasury seal, gray word FIFTY , and the Federal Reserve Seal were made smaller also, the Federal Reserve seal had spikes added around the perimeter, like the Treasury seal.
  • 1966: WILL PAY TO THE BEARER ON DEMAND was removed from the obverse and IN GOD WE TRUST was added to the reverse of the $50 Federal Reserve Note beginning with Series 1963A. Also, the obligation was shortened to its current wording, THIS NOTE IS LEGAL TENDER FOR ALL DEBTS PUBLIC AND PRIVATE .
  • 1969: The $50 bill began using the new treasury seal with wording in English instead of Latin.
  • 1991: The first new-age anti-counterfeiting measures were introduced under Series 1990 with microscopic printing around Grant's portrait and a plastic security strip on the left side of the bill. Even though the bills read Series 1990, the first bills were printed in November 1991. [5]
  • October 27, 1997: The first major redesign of the $50 note since 1929 was implemented as Series 1996 to further deter counterfeiters. Included were an enlarged and off-center portrait, an enlarged and updated view of the U.S. Capitol now showing the west front on the reverse, a security thread which glows yellow under ultraviolet light, a numeric 50 which shifts color from black to green when tilted, and a watermark of Grant. Also, for those with vision limitations, a large dark 50 was added to the bottom left corner of the reverse. The Federal Reserve seal was also changed to a unified Federal Reserve System seal and an additional prefix letter was added to the beginning of the bill's serial number. The first bills were printed in July 1997. [6]
  • September 28, 2004: A revised design was implemented, as Series 2004, with the first use of multiple colors since the 1905 $20 gold certificate. Around the new border-less portrait of Ulysses Grant appears a subtle, stylized blue and red background image of the American Flag. A small silver-blue star was also added to the lower right of Grant's portrait. All previous Series 1996 security features were included, although the color-shifting numeric 50 now shifts from copper to green. The oval border and fine lines surrounding the U.S. Capitol on the reverse have been removed and replaced with sky and clouds. The new design also seems to have the "EURion constellation" on the back to prevent photocopying of the bill. The 2004 bills have the signature combination of Marin-Snow. The first bills were printed in March 2004. [7] This marked the first notes printed at the Western Currency Facility in Fort Worth, Texas all notes have been printed there ever since.

Series dates Edit

Small size Edit

Tipo Serie Registrati Treasurer Foca
National Bank Note Types 1 & 2 1929 Jones Woods Brown
Federal Reserve Bank Note 1928A Jones Woods Brown
Tipo Serie Treasurer Secretary Foca
Gold Certificate 1928 Woods Mellon Oro
Federal Reserve Note 1928 Woods Mellon Verde
Federal Reserve Note 1928A Woods Mellon Verde
Federal Reserve Note 1934 giuliano Morgenthau Verde
Federal Reserve Note 1934A giuliano Morgenthau Verde
Federal Reserve Note 1934B giuliano Vinson Verde
Federal Reserve Note 1934C giuliano Snyder Verde
Federal Reserve Note 1934D Clark Snyder Verde
Federal Reserve Note 1950 Clark Snyder Verde
Federal Reserve Note 1950A Priest Humphrey Verde
Federal Reserve Note 1950B Priest Anderson Verde
Federal Reserve Note 1950C fabbro Dillon Verde
Federal Reserve Note 1950D Granahan Dillon Verde
Federal Reserve Note 1950E Granahan Fowler Verde
Federal Reserve Note 1963A Granahan Fowler Verde
Federal Reserve Note 1969 Elston Kennedy Verde
Federal Reserve Note 1969A Kabis Connally Verde
Federal Reserve Note 1969B Bañuelos Connally Verde
Federal Reserve Note 1969C Bañuelos Shultz Verde
Federal Reserve Note 1974 Neff Simon Verde
Federal Reserve Note 1977 Morton Blumenthal Verde
Federal Reserve Note 1981 Buchanan Regan Verde
Federal Reserve Note 1981A Ortega Regan Verde
Federal Reserve Note 1985 Ortega panettiere Verde
Federal Reserve Note 1988 Ortega Brady Verde
Federal Reserve Note 1990 Villalpando Brady Verde
Federal Reserve Note 1993 Withrow Bentsen Verde
Federal Reserve Note 1996 Withrow Rubin Verde
Federal Reserve Note 2001 Marin O'Neill Verde
Federal Reserve Note 2004 Marin Neve Verde
Federal Reserve Note 2004A Cabral Neve Verde
Federal Reserve Note 2006 Cabral Paulson Verde
Federal Reserve Note 2009 Rios Geithner Verde
Federal Reserve Note 2013 Rios Lew Verde
Federal Reserve Note 2017A Carranza Mnuchin Verde

In 2005, a proposal to put Ronald Reagan's portrait on the $50 bill was put forward, but never went beyond the House Financial Services Committee, even though Republicans controlled the House. In 2010, North Carolina Republican Patrick McHenry introduced another bill to put Reagan's portrait on the $50 bill. [8] [ ha bisogno di aggiornamento ]