Podcast di storia

12 novembre 2012 - Razzi nel sud e mortai nel nord - Storia

12 novembre 2012 - Razzi nel sud e mortai nel nord - Storia


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

12 novembre 2012 - Razzi nel sud e mortai nel nord

L'impatto della primavera araba (inverno islamico) si fa sentire su tutti i confini di Israele. In primo luogo, abbiamo il continuo bombardamento del sud. Oggi è stato il terzo giorno consecutivo di continui lanci di missili sul sud di Israele. Nelle aree dove è presente una batteria Iron Dome non si sono verificati danni. In altri luoghi ci sono stati danni, ma per fortuna nessuna vittima. Israele si sta vantando di attaccare per rappresaglia. Tuttavia, nel frattempo Israele ha limitato la sua risposta e ha contrattaccato ben poco. L'inazione di Israele ha lo scopo di indurre i membri di Hamas a commettere errori? o il relativo silenzio di Israele è dovuto alla sensazione che senza un attacco massiccio c'è poco che possiamo fare? Sembra che il comportamento di Israele abbia dato ad Hamas la sensazione di poter fare quello che vogliono. Hamas consente e partecipa agli attacchi contro Israele poiché crede che Israele non oserebbe attaccare Gaza con Mohammed Morsi al potere in Egitto. Questo può essere corretto o meno. Chiaramente, al momento, attaccare Gaza è politicamente più difficile di prima. Tuttavia, per citare ciò che l'intelligence egiziana sta dicendo ad Hamas: "Attenzione! Israele può essere spinto solo fino a questo punto, specialmente in un anno elettorale". Le nostre scelte sono limitate. Dal momento che abbiamo provato la maggior parte delle cose in passato, e non hanno funzionato. Si parla di riprendere l'assassinio mirato del passato. Sebbene molti militari abbiano sottolineato che i precedenti attacchi sono serviti solo a portare al potere persone ancora peggiori. Possiamo invadere di nuovo Gaza, ma poi cosa?

La situazione al confine siriano è migliore, ma non di molto. Oggi, per il secondo giorno consecutivo, i proiettili siriani sono atterrati all'interno di Israele. Ieri Israele ha sparato un colpo di avvertimento. Oggi hanno sparato alla batteria di mortaio incriminata. Sembra probabile che i proiettili caduti su Israele siano stati incidenti. Tuttavia, sono un sintomo di ciò che potrebbe accadere dopo la caduta di Assad. Non è chiaro chi andrà al potere. Tuttavia, due delle possibili opzioni - un governo islamista o il caos - non sono di buon auspicio per un confine che è rimasto tranquillo dallo Yom Kippur 1973.

Infine, la situazione in Giordania si sta deteriorando. Ci sono grandi proteste settimanali da parte di islamisti in Giordania. Queste manifestazioni stanno crescendo. Mentre la maggior parte chiede solo riforme, molti stanno iniziando a chiedere il rovesciamento della monarchia hashemita. Non sembra buono.

Intanto in Egitto ogni gruppo cerca di dimostrare di essere il più religioso. I salafiti in Egitto chiedono la distruzione delle Piramidi e della Sfinge, riferendosi a loro come "simboli dell'idolatria".


12 novembre 2012 - Razzi nel sud e mortai nel nord - Storia

Una lettera aperta al ministro sudafricano per le relazioni internazionali e la cooperazione Maite Nkoana-Mashabane:

Sig.ra Maite Nkoana-Mashabane, Ministro delle Relazioni Internazionali e della Cooperazione

Pretoria, Repubblica del Sud Africa

Martedì 20 novembre 2012 ho partecipato alla tua conferenza stampa in Parlamento nella mia veste di emittente e giornalista dove, tra le altre cose, hai tirato fuori il logoro e perenne cliché accusando Israele di "uso sproporzionato della forza".

Posso essere così audace da chiederti esattamente cosa definisci "uso sproporzionato della forza"? È importante che i sudafricani abbiano una definizione chiara di cosa si intende con l'uso di questo termine, in modo che possiamo applicare correttamente le nostre menti e capire esattamente cosa stai dicendo e dove si trova il nostro governo.

Nel solo 2011, 630 razzi da Gaza hanno colpito città israeliane. Si tratta di un numero ancora più alto rispetto al 2010, quando 231 razzi hanno colpito Israele. Dal 2001, in Israele sono atterrati più di 12.800 razzi e mortai, una media di 3 attacchi al giorno. Solo quest'anno sono stati lanciati 1577 razzi contro Israele con 809 lanciati dal 14 novembre al momento in cui scriviamo. Permettetemi di sottolineare che tutti questi razzi e mortai sono stati puntati contro i civili israeliani.

Ministro, sarebbe quindi proporzionato se Israele lanciasse 12.800 razzi contro Gaza e li puntasse indiscriminatamente contro la sua popolazione civile nello stesso modo in cui Hamas punta i suoi razzi contro Israele? Gli attacchi chirurgici di Israele contro obiettivi militari di Hamas, depositi di munizioni, lanciarazzi, ecc., cercando di evitare i civili, non sarebbero quindi appropriati, presumo? Un razzo per una partita di tennis a razzo sarebbe proporzionale?

Attualmente più di due milioni di israeliani hanno meno di 15 secondi per trovare rifugio dopo che un razzo è stato lanciato da Gaza in Israele. I razzi lanciati da Gaza in Israele stanno raggiungendo le più grandi città del centro e del sud di Israele, Tel Aviv e Gerusalemme. Per questa discussione, abbiamo vinto in considerazione la minaccia di Hezbollah nel nord.

Mercoledì 21 novembre, nel centro di Tel Aviv, un autobus è stato fatto esplodere in un attacco terroristico con 21 feriti, tre dei quali in condizioni critiche. Torte dolci sono state distribuite in festa all'ospedale principale di Gaza in risposta alla notizia dell'attentato, Reuters segnalato. Secondo altri rapporti da Gaza, si sono sentiti spari celebrativi mentre l'attentato è stato riportato alla radio. Quando mai hai visto un solo israeliano celebrare la morte di uno dei suoi nemici?

Attacchi palestinesi con razzi e mortai contro Israele dalla Striscia di Gaza si sono verificati dal 2001. Tra il 2001 e il gennaio 2009, sono stati lanciati oltre 8.600 razzi, causando 28 morti e diverse centinaia di feriti, oltre a traumi psicologici diffusi e interruzioni della vita quotidiana. Secondo una ricerca condotta dal dipartimento di assistenza sociale presso il Sapir Academic College, circa 15.000 persone di Sderot soffrono di PTSD (disturbo da stress post-traumatico) e circa 1.000 sono in cura.

Ministro, ha preso nota delle date di cui sopra e ha anche notato che questi attacchi sono avvenuti molto prima che l'uomo che ne era responsabile, Ahmad al-Jaabari, fosse assassinato? Parli come se nulla fosse accaduto prima della sua morte e mostri, né riconosci alcun contesto, causa o motivo.

Hai usato un altro logoro termine propagandistico dei nemici di Israele, "esecuzioni extragiudiziali". Cosa fareste voi o il governo sudafricano nelle stesse circostanze? Richiedere l'estradizione e ci riusciresti mentre i tuoi stessi cittadini continuano a essere assassinati a causa delle attività di quest'uomo, questo terrorista?

Accusi Israele di "violazione del diritto internazionale". Indaghiamo cosa pensano alcuni degli organismi mondiali che il Sudafrica rispetta e riconosce:

Questi attacchi, ampiamente condannati per aver preso di mira i civili, sono stati descritti come terrorismo, tra gli altri, dalle Nazioni Unite e dall'Unione Europea. Sono definiti crimini di guerra dai gruppi per i diritti umani Amnesty International e Human Rights Watch.

Tenendo presente questi fatti, il comportamento del governo sudafricano nei confronti del conflitto tra Israele e i palestinesi di Gaza è un misto di ingenuità e ignoranza della situazione, del contesto e della storia dell'area e alla fine non fa onore alla posizione del Sudafrica nel mondo.

Senza nemmeno una parola arrabbiata, né una pietra attraverso il fiume Caledon, e sicuramente non un razzo né un colpo di mortaio sparato in Sud Africa, nel 1998 il Sud Africa invase massicciamente il Lesotho. È stato un uso proporzionato della forza?

Cosa farebbe il governo sudafricano dell'ANC nelle stesse circostanze e provocazioni che Israele ha dovuto sopportare? L'opinione pubblica sudafricana non pretenderebbe dal suo governo che reagisca immediatamente e protegga i suoi cittadini?

Quindi ministro Maite Nkoana-Mashabane, quale sarebbe esattamente un uso proporzionato della forza? Una dichiarazione pubblica e un chiarimento da parte tua sarebbero i benvenuti e attendiamo la tua risposta con interesse.


Coraggio crudo: impiegati, cuochi e meccanici hanno combattuto contro i genieri Viet Cong

I commando comunisti conosciuti come genieri in Vietnam giacciono morti in una base a Kham Duc nel Vietnam del Sud l'8 agosto 1970, una scena che riflette l'attacco a Dong Ba Thin il 30 novembre 1969.

Ho ricordi distintivi di quella notte, 30 novembre 1969. Primo, il tempo sembrava rallentare. Questo accade spesso alle persone in situazioni di vita o di morte. I riflessi di una persona diventano straordinariamente acuti. Dopo che l'esperienza di vita e di morte è finita, a volte la mente della persona entra in una sorta di nebbia mentale, che nel mio caso è durata circa una settimana.

Non avrei dovuto trovarmi in quella situazione. Sono stato addestrato per essere un impiegato e di stanza "dietro le linee" al campo base di Dong Ba Thin vicino a Cam Ranh Bay, a circa 200 miglia a nord di Saigon. Gli uomini della fanteria, dell'artiglieria e delle unità corazzate in prima linea hanno sopportato l'urto del combattimento e hanno subito la maggior parte delle perdite. Tuttavia, non hanno fatto tutti i combattimenti. Sette mesi dopo essere entrato nell'esercito, mi sono ritrovato dietro una mitragliatrice M60 quando il nemico è penetrato nel nostro perimetro mentre ero in servizio in una torre di guardia come privato di prima classe con la 18a brigata del genio (Combattimento).

Siamo stati attaccati dai genieri, i più addestrati di tutti i soldati dell'esercito del Vietnam del Nord e dei Viet Cong, simili per robustezza alle nostre forze speciali. I genieri (in vietnamita "dac cong", che significa "compito speciale") hanno riferito solo a un comando di genieri, che a sua volta ha riferito al corpo dirigente del Politburo del Vietnam del Nord.

Le loro specialità erano gli esplosivi e le tattiche di infiltrazione furtiva. I genieri hanno costruito modelli di ogni base che hanno preso di mira e hanno provato ogni missione nei minimi dettagli. Ogni geniere sapeva esattamente cosa doveva fare nella missione e aveva sempre un obiettivo specifico. I genieri non erano lì per essere uccisi. Erano lì per compiere la loro missione e fuggire rapidamente. Nel nostro caso, volevano piazzare una bomba devastante nella base.

Le unità principali a Dong Ba Thin erano il quartier generale della 18a brigata dell'ingegnere di combattimento, il quartier generale del 35o gruppo di ingegneri, il quartier generale del decimo battaglione dell'aviazione da combattimento, la 183a compagnia di aviazione, la 243a compagnia di aerei d'assalto, la 92a compagnia di elicotteri d'assalto e la 608a compagnia di trasporti. Il 18th Combat Engineers contava circa 225 soldati e 53 ufficiali. Le altre unità avevano da 50 a 70 uomini.

Randy Bullock, un impiegato del personale della 18a brigata dell'ingegnere militare, normalmente lavorava dietro una scrivania, ma il servizio di guardia lo metteva in prima linea in una battaglia.

I genieri che si sono intrufolati nella nostra base trasportava un siluro Bangalore (un tubo con esplosivo) lungo circa 5-6 piedi con 75 pezzi di potenti esplosivi al plastico C-4 fissati con la vite. Il C-4, un bene prezioso per i nostri oppositori comunisti, veniva solitamente rubato dalle forze statunitensi.

Molti di noi credono che l'intenzione dei genieri del 30 novembre fosse quella di posizionare questo potente esplosivo sotto il rimorchio di Briga. Il generale John W. Morris, comandante della 18a brigata dell'ingegnere militare, dorme a 100 metri dietro la mia torre di guardia. Questa bomba era abbastanza potente da radere al suolo mezzo isolato. Tre esperti, tra cui l'ingegnere di combattimento Master Sgt. Tony Lawson, che era ben addestrato in C-4, mi ha detto che la bomba avrebbe avuto un raggio d'azione laterale effettivo di circa 100 iarde, specialmente dallo spazio previsto sotto un rimorchio.

Jerry Laws, un capitano della sezione aeronautica della 18th Combat Engineer Brigade (e futuro generale di brigata), mi ha detto: "Quella bomba avrebbe distrutto l'intera area dei nostri ufficiali". L'esplosione avrebbe ucciso Morris e la maggior parte, se non tutti, dei 53 ufficiali che dormivano nella nostra zona e molti dei 225 soldati che dormivano nelle vicinanze.

Quella notte fu una notte importante in tutte le nostre vite. Lo ricordiamo come se fosse successo ieri. I genieri hanno colpito Dong Ba Thin alle 23:30. La luna era a due terzi di piena luminosità. Normalmente, quelle non erano le condizioni adatte per un attacco di genio riuscito. La luna sembrava troppo luminosa. Potevamo vedere chiaramente il filo perimetrale. E l'ora era troppo presto. Molti dei nostri uomini erano ancora svegli, vigili e probabilmente avrebbero individuato gli intrusi prima che potessero piazzare i loro esplosivi.

Ero nella torre di guardia giocare con il cannocchiale notturno Starlight del mio fucile, che mi ha affascinato. La miravo costantemente nell'area intorno alla mia torre. I genieri sono stati addestrati a infilarsi tra le torri di guardia e muoversi quando entrambe le guardie guardavano lontano da loro. Se una guardia si fosse voltata, si sarebbero bloccati. Un geniere disteso e immobile non poteva essere visto da una guardia a un centinaio di metri, a meno che la guardia non stesse usando il suo mirino Starlight.

La mattina dopo seppi che l'intera squadra di genieri aveva schiacciato l'erba degli elefanti un centinaio di metri alla mia destra e aveva intenzione di entrare in un punto arido e buio senza alloggi per le truppe. Invece, decisero di spostarsi di 300 metri alla mia destra. Forse mi hanno visto usare il cannocchiale e si sono allontanati dal mio raggio d'azione.

Si è rivelata una mossa sbagliata. I genieri arrivarono direttamente dietro i dormitori e le docce della 183a aviazione. Spc. 5 Jim Benoit si stava facendo una doccia tardi mentre i genieri si dirigevano dritti verso la roulotte di Morris. Benoit emise un rumore che spaventò uno dei genieri invisibili a camerare un colpo nel suo fucile d'assalto AK-47. Spc. 4 Butch Graef, un meccanico della compagnia di aviazione, che presidiava la torre di guardia alla mia destra, riconobbe immediatamente il caratteristico suono del "doppio clic" quando l'otturatore dell'arma si aprì e si richiuse. Ha immediatamente puntato i riflettori sul rumore.


Il cannocchiale Starlight, comunemente montato sui fucili, ingrandiva la luce delle stelle e della luna per illuminare oggetti a diverse centinaia di metri di distanza. Sono stati introdotti in Vietnam nel 1965. / HistoryNet Archives

I genieri sapevano che la loro missione era stata fatalmente compromessa, ma avevano un piano per una rapida fuga. Hanno lanciato una bomba a mano a Graef, hanno sparato una granata con propulsione a razzo contro la latrina vicino alla doccia di Benoit e immediatamente hanno fatto esplodere le cariche della cartella (diverse libbre di esplosivo ad alto potenziale trasportate in una borsa di tela) in diverse buche e sotto il generatore della 183a Aviation Company. Hanno ferito entrambe le guardie in servizio con Graef-Spc. 4 James Dorough e SPC. 4 Frank Robertson, così come il capitano Allen Hodgson della 183rd Aviation Company e altri due.

All'inizio, io e i miei compagni pensavamo di essere bombardati dai mortai. Un'esplosione di carica a cartella suona come un colpo di mortaio. I genieri hanno usato cariche a cartella la notte dell'attacco non solo per uccidere e ferire, ma anche per ingannarci facendoci credere che fossimo proprio sotto un altro attacco di mortaio. Siamo stati colpiti da così tanti colpi di mortaio che siamo diventati insensibili al suono di quelle esplosioni. Eravamo bersagli frequenti perché la nostra base era vicina alle colline, il che significava che il nemico poteva sparare rapidamente colpi di mortaio nella base e poi scomparire.

Dong Ba Thin era un bersaglio particolarmente attraente perché era pieno di elicotteri, che il nemico odiava a causa della loro potenza di fuoco. A volte i comunisti sparavano fino a 50 mortai e sei razzi contemporaneamente. In almeno un'occasione siamo stati colpiti due volte nella stessa notte.

Abbiamo temuto di più i razzi. Una notte un razzo distrusse la mensa della 92a compagnia di elicotteri d'assalto. Questo colpo avrebbe ucciso e ferito molti uomini se il disordine fosse stato occupato. Altre volte non siamo stati così fortunati. Spesso perdevamo uomini a causa di razzi e mortai, e molti erano feriti.

Morris, nelle sue memorie, ha ricordato che i Viet Cong ci sparavano un paio di colpi ogni due notti e scrivevano: "Abbiamo subito più vittime di qualsiasi unità in Vietnam tre dei 12 mesi in cui sono stato lì".

Ero stato in Vietnam solo una settimana quando ho subito un attacco di mortaio durante la mia prima notte di guardia. Pochi minuti prima delle 18:00 Stavo osservando la mia compagnia quando ho visto esplodere il primo mortaio, circa mezzo secondo prima di sentirlo. La granata ha colpito vicino alla mensa, vicino a dove stavano camminando diversi soldati.

Un'altra sera un tenente generale in visita stava mangiando nella mensa degli ufficiali con Morris quando i Viet Cong hanno sparato sei razzi contro la mensa. Ero in piedi nelle vicinanze. I razzi sono volati direttamente sopra la mia testa ed sono esplosi a circa 250 piedi di distanza. Per fortuna hanno perso il generale. Se hai mai sentito il fischio di un razzo, è un suono che non potrai mai dimenticare. Ancora oggi, ogni volta che sento un'auto ritorcersi contro il fuoco o il primo fulmine, il mio cuore batte forte e spesso mi abbasso.


Il danno causato dai genieri a Dong Ba Thin includeva la distruzione degli alloggi che ospitavano due capitani della 183a compagnia aerea. / Per gentile concessione di Jim McHaney

I genieri che hanno attaccato Dong Ba Thin il 30 novembre sapevano che quando fossimo stati colpiti dal fuoco dei mortai ci saremmo tuffati a terra e ci saremmo abbracciati al cemento fino a quando il segnale di "tutto via" delle nostre sirene ci avrebbe segnalato di correre verso le posizioni lungo il perimetro. Quella notte i genieri volevano che abbracciassimo il cemento per un paio di minuti per permettergli di scappare attraverso i fori nel filo che avevano tagliato in precedenza.

Ho sentito sparare alcuni colpi di fucile, ma pensavo fossero petardi. Laws, il nostro capitano dell'aviazione, ha riconosciuto immediatamente il rumore dei colpi sparati da un AK-47. Sebbene le sirene stessero ancora squillando affinché tutti i soldati abbracciassero il cemento durante uno sbarramento di mortaio, sapeva che eravamo sotto un assalto diretto da parte dei fanti nemici. Laws indossò il giubbotto antiproiettile, afferrò fucile ed elmetto e corse alla torre di guardia alla mia sinistra. Ha iniziato a sparare con la mitragliatrice della torre, indicando chiaramente che eravamo sotto un attacco di genieri, non di mortaio. Grazie all'azione rapida di Laws, i nostri elicotteri d'attacco hanno preso il volo rapidamente.

Graef, nella sua torre, sparava anche con una mitragliatrice. Quando si è inceppato, si è alzato in piedi nella torre con un fucile M14 (non abbiamo ottenuto i nuovi M16 fino a due mesi dopo) e ha affrontato 10 genieri. Chiunque sia stato in combattimento sa quanto coraggio ci vuole. La decisione straordinariamente coraggiosa di Graef di resistere e combattere i genieri ha salvato la vita a molti soldati americani.

I genieri che si sono infiltrati nella base sono fuggiti attraverso il filo perimetrale e sono corsi indietro verso l'erba degli elefanti. Graef ha sparato a uno di loro al ginocchio prima che i genieri arrivassero al filo. Scie di sangue sembrano indicare che altri sono stati colpiti prima di arrivare all'erba dell'elefante.

L'uomo ferito al ginocchio era il capo dei genieri. Era anche un capitano dell'esercito sudvietnamita. Presumibilmente uno dei nostri alleati! Gli abbiamo insegnato a fare il pilota. Ha visitato la base molte volte e conosceva bene il layout. Ora aveva rivelato le sue intenzioni traditrici.

Gli altri genieri hanno cercato di trascinarlo su delle moto nascoste a poca distanza dalla base per una rapida fuga lungo un ruscello vicino. Gli sforzi dei genieri per salvare il loro capo e le ferite degli altri hanno rallentato la loro fuga. Solo due minuti in più avrebbero dato loro il tempo di svanire tra le colline.

Ma il tentativo di salvataggio era costato loro troppo tempo. Leggi, Graef, Spc. 6 Leo Farrell, Spc. 4 Mike Buttolph, Spc. 4 Mark Mitchell, Spc. 5 Terry Hackney, Spc. 4 Wesley Smith e molti altri hanno sparato con fucili e mitragliatrici nell'erba degli elefanti.

Un altro ricordo distintivo di quella notte è il momento in cui due dei nostri elicotteri d'attacco hanno trovato il nemico e hanno sparato con i loro minigun nella piccola area per circa cinque minuti.

Seppi allora che la lotta era finita e ne fui molto contento. Ma sapevo anche che avevamo appena ucciso uomini che non sarebbero mai tornati a casa. Nove genieri morirono quella notte. Il loro capo ferito è stato trovato la mattina dopo. Tre dei nostri uomini l'hanno ucciso.

I genieri portavano con sé armi come blocchi di esplosivo avvolti insieme per il trasporto in una cartella e siluri Bangalore a forma di tubo, mostrati qui in un sito diverso. / Archivi HistoryNet

Diversi soldati della 183rd Compagnia dell'Aviazione, tra cui Benoit, Mitchell e Hackney, si offrirono volontari per una perlustrazione perimetrale. Durante la perlustrazione, Mitchell si imbatté nell'enorme siluro Bangalore, nascosto sotto l'erba arruffata dell'elefante. I genieri avevano cercato di portarlo con sé dopo la missione fallita alla nostra base. Se Graef non avesse fatto saltare il ginocchio del loro capo e non avesse rallentato la loro corsa verso le colline, gli assalitori sarebbero fuggiti con tutto quel C-4 da usare contro i soldati americani da qualche altra parte.

Se i genieri avessero avuto successo, avrebbero potuto uccidere il nostro generale e uccidere o ferire forse 53 ufficiali, oltre a 100 o più soldati, rendendo la battaglia di Dong Ba Thin il peggior attacco a una base statunitense durante il 1969. Le famiglie a casa avrebbero sono stati devastati. Si pensava che quelli di noi in posizioni di supporto piuttosto che in unità di combattimento fossero dietro le linee. Le nostre famiglie credevano che fossimo relativamente al sicuro.

Poiché abbiamo sventato i piani dei genieri, la lotta a Dong Ba Thin non è ben nota oggi, anche tra gli storici. Tuttavia, credo che sia un evento importante nella guerra basato sulla ricerca che ho fatto per rispondere alle domande che mi hanno turbato.

Perché i genieri hanno attaccato? alle 23:30 e non le 2 del mattino, quando la luna sarebbe calante e gran parte della base avrebbe dormito? Soprattutto quando erano in inferiorità numerica 100 a 1. Erano chiaramente in svantaggio tattico. E perché loro, o meglio i loro leader nordvietnamiti, hanno scelto il 30 novembre 1969 per organizzare un attacco così rischioso?


L'occhio di questo geniere di un perimetro di base simile al perimetro di Don Ba Thin, protetto da barriere di filo metallico e torri di guardia, mostra le sfide che gli invasori hanno affrontato e superato per entrare. / Per gentile concessione di Daryl Foutz

Ho analizzato 25 attacchi di genieri durante la guerra del Vietnam e li ho confrontati utilizzando un sito Web astronomico che fornisce dati sulle fasi lunari passate. Solo uno di quegli attacchi di genieri si è verificato durante una luna luminosa. Inoltre, nessuno dei 25 attacchi è avvenuto contemporaneamente al nostro.

Molti di noi a Dong Ba Thin quella notte credono che la data e l'ora siano state scelte in coincidenza con un evento che si svolge dall'altra parte del mondo. Il 1° dicembre 1969, il Sistema di servizio selettivo degli Stati Uniti condusse la prima lotteria alla leva del Vietnam nella sua sede a Washington, un evento epocale nella storia della guerra. La lotteria era lo sforzo del presidente Richard Nixon per rendere il progetto più equo e calmare le manifestazioni contro la guerra. Le proteste contro la guerra raggiunsero il culmine nel novembre 1969 ei nordvietnamiti non volevano che diminuissero.

Sembra chiaro che il Vietnam del Nord intendeva lanciare un attacco ad alto numero di vittime che avrebbe attirato più attenzione sulla stampa rispetto all'introduzione di una procedura di leva più equa e quindi alimenterebbe più proteste contro la guerra. I genieri probabilmente hanno colpito prima del solito perché ci vorrebbero circa 14 ore prima che la notizia raggiunga gli Stati Uniti, venga stampata e consegnata alle porte principali. Nonostante la reputazione della guerra del Vietnam come la "prima guerra televisiva", i quotidiani erano ancora la fonte di notizie dominante per il pubblico americano.

In due lunghe conversazioni telefoniche, Laws ha discusso di ciò che crede sia un'altra ragione per l'attacco del 30 novembre. I nordvietnamiti volevano usarlo come leva nei colloqui di pace di Parigi. Il Vietnam del Nord potrebbe aver creduto che un feroce attacco contro una base americana avrebbe costretto Nixon ad ammorbidire la sua posizione intransigente per raggiungere un accordo che avrebbe portato tutte le forze americane fuori dal Vietnam. Sapevano anche che Nixon avrebbe potuto fare esattamente l'opposto: rispondere con una forza schiacciante, intensificando la guerra. Tuttavia, i leader del Vietnam del Nord avevano deciso di sopportare qualunque forza Nixon potesse lanciare contro di loro.

Siamo stati fortunati quella notte. Ho passato 65 notti, per un totale di 780 ore, su una torre di guardia in Vietnam, e so quanto siamo stati fortunati. Buoni soldati e buona fortuna hanno evitato un'enorme tragedia nel novembre 1969.

Il capitano Paul Walker, l'ufficiale delle informazioni della 183a compagnia aerea, ha concluso il suo rapporto dopo l'azione in questo modo: "Charlie [i genieri] era stato respinto, ma non da una forza di fanteria da combattimento. Era stato fermato da cuochi, personale di rifornimento, meccanici, impiegati e coraggio. Sì, per puro coraggio, perché c'era un magnifico coraggio mostrato di fronte al nemico”.

Il commento di Walker mi ricorda quello che ci è stato detto durante l'addestramento di base. I sergenti hanno detto che quando siamo entrati in combattimento ognuno di noi avrebbe fatto una delle "tre F": congelare, fuggire o combattere. Hanno aggiunto che era loro compito insegnarci a combattere. I nostri sergenti avevano svolto bene il loro lavoro.

Graef è stato insignito della Bronze Star per il valore. Si diceva che meritasse una stella d'argento. Sono pienamente d'accordo. Sebbene siano passati più di 50 anni, potrebbe ancora essere raccomandato per una Silver Star.

Buttolph ha anche ricevuto una Bronze Star. È stato onorato per essersi esposto al fuoco nemico mentre portava una mitragliatrice alla torre di Graef dopo che la mitragliatrice della guardia si era inceppata.

La valutazione di Walker era corretta. Laws, Graef, Benoit, Mitchell, Buttolph e molti altri uomini hanno mostrato molto coraggio crudo quella notte illuminata dalla luna. Sebbene all'epoca a noi sconosciuti, potremmo anche aver avuto un ruolo importante nell'impedire che quella terribile guerra degenerasse. V

Randy Bullock ha prestato servizio in Vietnam dal 15 novembre 1969 al novembre. 4, 1970, come privato di prima classe, poi specialista 4. Per i primi tre mesi, è stato impiegato del personale con la 18a Brigata del genio militare, quindi è stato trasferito alla sezione aeronautica delle brigate dove le sue funzioni includevano le radio e occasionalmente volando come mitragliere su elicotteri Huey. Dopo la guerra, era un imprenditore residenziale, costruendo case e garage. Vive a Killen, in Alabama.

Questo articolo è apparso nel numero di giugno 2021 di Vietnam rivista. Per altre storie da Vietnam magazine, iscriviti qui e vieni a trovarci su Facebook:


12 novembre 2012 - Razzi nel sud e mortai nel nord - Storia

Battaglie perdute della guerra del Vietnam

_____________________________________________________

Un tema presentato dai sostenitori dell'impero americano è che l'esercito americano è invincibile e non può mai perdere a meno che non venga pugnalato alle spalle da politici impazienti. Affermano che l'esercito americano non ha mai perso una battaglia durante l'intera guerra del Vietnam. Il 30 agosto 2011, il presidente Barack Obama ha proclamato a un raduno di veterani: " Ma ricorda che hai vinto tutte le principali battaglie di quella guerra. Ognuno ." Il senatore John McCain, veterano del Vietnam, ha ripetuto questa bugia in un articolo del 2013 sul "Wall Street Journal". Questo mito è stato contestato dall'ufficiale più decorato d'America di quella guerra, il colonnello David Hackworth, nel suo libro "About Face". i militari avevano tutti i vantaggi, ma sono stati commessi errori e le battaglie perse. La ricerca su Internet rivela queste 112 battaglie perse della guerra del Vietnam:

1. Battaglia di Ap Bac - Nel gennaio 1963, i consiglieri americani lanciarono una battaglia dopo aver fatto pressioni su ufficiali riluttanti del Vietnam del Sud affinché utilizzassero mezzi di mobilità aerea americani per distruggere i Viet Cong. L'attacco è stato un disastro in cui il VC ha sbranato una forza molto più grande abbattendo cinque elicotteri americani (nella foto) e danneggiandone otto, uccidendo tre americani e ferendone otto.

2. L'affondamento della USNS Card - Questa portaerei della seconda guerra mondiale fu in seguito utilizzata come trasporto per il carico militare americano. Il 2 maggio 1964 fu ormeggiata in un porto fortemente difeso nel fiume Saigon. Due commando VC sono strisciati lungo un tubo di fognatura e hanno attaccato esplosivi alla nave. L'esplosione ha aperto un enorme buco nello scafo e ha ucciso cinque membri dell'equipaggio americani, facendo affondare la nave a 45 piedi dal letto del fiume.

3. Attacco alla base aerea di Bien Hoa - Il 1 novembre 1964, le squadre Viet Cong bombardarono l'aeroporto di Bien Hoa con i mortai. L'attacco è iniziato poco dopo la mezzanotte ed è durato 20 minuti. È stato stimato che ci fossero tre mortai da 81 mm. L'attacco è stato devastante quando sono stati colpiti 27 aerei, tra cui 20 B-57 (5 distrutti), 4 elicotteri e 3 Skyraider A-1H. Un quarto Skyraider si è schiantato cercando di decollare. Cinque americani e due vietnamiti sono stati uccisi e 43 feriti.

4. Attacco alla caserma di Qui Nhon - L'esercito americano ha affittato un hotel per ospitare un'unità di supporto sul campo per elicotteri. Il 10 febbraio 1965, i genieri vietcong uccisero le sue due guardie, caricarono due grandi cariche e fecero esplodere l'hotel, uccidendo 23 americani e ferendone gravemente altri 21.

5. Attacco a Camp Holloway - Nel 1962, l'esercito degli Stati Uniti stabilì un aeroporto vicino a Pleiku nel Vietnam del sud centrale, che crebbe fino a includere elementi logistici e un grande gruppo consultivo. All'inizio del 1965, circa 300 Viet Cong passarono davanti alle guardie dell'ARVN e invasero il campo uccidendo 8 americani, ferendone 126, distruggendo 10 aerei e danneggiandone altri 15. I Viet Cong si ritirarono per evitare di combattere i rinforzi, con poche perdite.

6. Attacco a Xom Bong - La campagna di bombardamenti "Rolling Thunder" iniziò il 2 marzo 1965 quando dozzine di jet americani attaccarono un deposito di munizioni 35 miglia a nord della DMZ. Diversi edifici sono stati distrutti, ma due aerei da combattimento F-100D e tre F-105D sono stati abbattuti da un fuoco a terra.

7. La mascella del drago - Il 3 aprile 1965, l'esercito americano condusse il primo di centinaia di bombardamenti per distruggere il ponte di Thanh Hoa nel Vietnam del Nord. Migliaia di bombe furono sganciate e undici aerei americani abbattuti con molti altri danneggiati irreparabilmente fino alla caduta del ponte di ferro nel 1972.

8. Battaglia di Dong Xoai - Subito dopo l'arrivo delle brigate da combattimento americane nel Vietnam del Sud, la NVA attaccò questa grande base strategica difesa da unità ARVN supportate dalle forze speciali americane e dalla forza aerea. La base è stata invasa da centinaia di vittime mentre due dozzine di americani sono morti in combattimenti e incidenti in elicottero, con ancora più feriti o dispersi.

9 . Attacco dei genieri alla base aerea di Da Nang - I genieri dell'esercito del Vietnam del Nord (NVA) si infiltrarono in questa base aerea il 1 luglio 1965. Distrussero tre grandi aerei da trasporto C-130, tre caccia F-102 e danneggiarono altri tre F-102. I genieri fuggirono lasciando dietro di sé un morto.

10. Operazione Spring High - Il presidente Johnson ha autorizzato un attacco punitivo su due nuovi siti SAM nel Vietnam del Nord, considerati i probabili colpevoli dell'abbattimento di un F-4 USAF. Il 27 luglio 1965, l'operazione Spring High fu lanciata quando 46 cacciabombardieri USAF F-105 attaccarono i siti missilistici SAM 6 e 7. Sei F-105 furono persi a causa del fuoco a terra durante la missione, mentre in seguito le foto di valutazione dei danni delle bombe mostrarono che nessuno dei due siti aveva installato sistemi missilistici.

11 . Iron Hand Air Strikes - Gli aerei americani avevano subito perdite dai sistemi missilistici terra-aria (SAM) del Vietnam del Nord. Il 13 agosto 1965, le portaerei della Marina USS Coral Sea e USS Midway lanciarono 76 missioni a basso livello "Mano di ferro" per cercare e distruggere i siti SAM. Cinque aerei e tre piloti sono stati persi a causa dei cannoni nemici e altri sette aerei sono stati danneggiati, ma non sono stati scoperti SAM.

12. Morte della colonna 21 dei rifornimenti - L'operazione Starlite è stata la prima grande operazione del Corpo dei Marines in Vietnam e i combattimenti sono stati più duri del previsto. Una nave ha atterrato una colonna di rifornimento corazzata per supportare le forze di combattimento, che si è persa ed è stata attaccata in una risaia il 18 agosto 1965. Cinque dei sette veicoli corazzati sono stati distrutti (inclusi due carri armati) durante uno scontro a fuoco lungo un giorno. Cinque dei 27 marines furono uccisi e 17 feriti mentre tenevano a bada il nemico fino all'alba.

13. La battaglia di An Ninh - Il 101st Airborne appena arrivato ha impiegato la nuova tattica di assalto dell'elicottero per sorprendere la NVA. Il piano era di far volare un intero battaglione in un'area in cui si sospettava una forte presenza nemica. L'intelligence si è rivelata accurata poiché la prima compagnia è atterrata accanto a una grande unità NVA ed è stata bloccata. Quando la seconda ondata ha tentato di atterrare, diversi elicotteri sono stati abbattuti e il resto è fuggito senza far cadere le truppe dopo che tutti hanno subito danni. Gli elicotteri sono stati presi in prestito da altre unità e le truppe alla fine sono sbarcate più lontano e si sono precipitate per salvare la compagnia circondata che era quasi invasa. (nella foto sopra). Mentre la NVA alla fine fuggì, questa battaglia mal pianificata costò 22 vite americane.

14. La battaglia di Ia Drang - Questo è stato uno dei tanti disastrosi assalti aeromobile, quando la fanteria è arrivata in elicottero in una zona remota e ha incontrato una forza nemica più grande con ampie munizioni. Il 14 novembre 1965, 450 soldati del 1° battaglione del 7° Cavalleria sbarcarono a LZ X-ray e si trovarono circondati da poche munizioni e senza potenza di fuoco pesante. Fu quasi invaso mentre subì 79 morti e 121 feriti, e sopravvisse solo deviando tutto il supporto aereo disponibile in Vietnam. Il 7° Cavalleria lasciò l'area dopo aver dichiarato la vittoria, mentre i sopravvissuti riflettevano sulla saggezza di una strategia di logoramento usando la fanteria americana.

15. Battaglia per LZ Albany - Il 1° battaglione del 7° Cavalleria sopravvisse a malapena alla sua ormai famosa battaglia del 1965 nella valle di Ia Drang. Dopo aver salvato il suo 1 ° battaglione, il 2 ° battaglione esausto si diresse verso LZ Albany per un'estrazione aerea. Era in una lunga colonna in terreno aperto quando si imbatté in un battaglione NVA nascosto, che lo attaccò e lo fece a pezzi durante una sanguinosa battaglia che costò la vita a 155 americani, con 124 feriti.

16. Battaglia di Ap Nha Mat - Il 5 dicembre 1965, il 2° battaglione del 2° reggimento di fanteria dell'esercito americano stava cercando un reggimento della NVA e lo trovò, scavato nei bunker tutt'intorno a loro. È scoppiato un intenso scontro a fuoco che ha provocato la morte di 43 americani e il ferimento di 119 mentre alcuni soldati si ritiravano lasciando morti e feriti alle spalle. L'NVA si ritirò e i generali dell'esercito in seguito affermarono che 301 NVA furono uccisi, anche se furono trovati pochi corpi.

17 . Attacco a Marble Mountain - Circa 90 genieri Viet Cong si sono infiltrati in questo enorme aeroporto del Corpo dei Marines e hanno distrutto 19 elicotteri e ne hanno danneggiati 35 (11 dei quali gravemente). Dopo questa furia di 30 minuti, i Viet Cong si ritirarono, lasciando 17 morti e 4 feriti. Le vittime americane furono 3 morti e 91 feriti.

18. Operazione Utah - Il 4 marzo 1966, il 2° battaglione del 7° Marines si è recato in elicottero in un'area vicino a Quang Ngai per indagare sui rapporti di un reggimento NVA nell'area. Lo trovarono scavato nelle fortificazioni intorno alla collina 50. Il loro attacco fallì ei Marines si ritirarono, ma furono sorpresi quando la NVA contrattaccò. Il battaglione era in difficoltà e altre unità di marine furono inviate per unirsi alla battaglia. Il nemico si ritirò, ma solo dopo che i Marines persero 98 morti, 278 feriti, con diversi aerei distrutti.

19. Operazione Indiana - Il 28 marzo 1966, il 1º battaglione del 7º Marines entrò in elicottero nell'area di Quang Ngai per stabilire una posizione di blocco. La sua compagnia C incontrò un battaglione di armi pesanti VC e attaccò, ma fu colpita e immobilizzata. Ha subito pesanti perdite ed è stato costretto a ritirarsi prima del tramonto, lasciando dietro di sé la maggior parte dei suoi morti. I Vietcong si ritirarono quella notte dopo aver ucciso 11 marines e ferendone 55.

20. LZ Hereford Overrun - Durante l'Operazione Cavallo Pazzo, il 1° Battaglione del 12° Cavalleria era alla ricerca del nemico. Un centinaio di NVA è sfuggito e ha rapidamente invaso un plotone di mortai, uccidendo 16 soldati e ferendo cinque soldati mentre fuggivano.

21. Battaglia di Xa Cam My - Un battaglione della 1a divisione di fanteria ha condotto un'altra perlustrazione di "ricerca e distruzione". Le sue tre compagnie erano schierate a miglia di distanza nella speranza che la NVA ne attaccasse una. Hanno circondato e fatto esplodere la compagnia Charlie, uccidendo 38 e ferendone 71 dei suoi 134 soldati prima che le altre due compagnie venissero in soccorso.

22. Assalto a Srok Dong - Nel giugno 1966, unità del 18° reggimento di fanteria furono assegnate a scortare i genieri per riparare un ponte. Incontrarono Viet Cong scavati e attaccarono. Tutti e quattro i carri armati di supporto sono stati disabilitati mentre i soldati hanno combattuto coraggiosamente per tre giorni e hanno subito 34 morti e 84 feriti.

23. Pattuglia circondata - Il 3 luglio 1966, una pattuglia di 22 uomini del 35º reggimento di fanteria dell'esercito si trovò circondata e immobilizzata dal fuoco della NVA. Sono stati salvati la mattina successiva, ma 15 sono morti e 4 feriti mentre molti altri americani sono stati uccisi durante il difficile salvataggio.

24. Operazione Paul Revere IV - Due battaglioni di cavalleria perlustrarono l'area di confine cambogiana alla ricerca del nemico. Nessuno è stato trovato, fino a quando la Compagnia C si è imbattuta in una grande forza vicino a Duc Co. I dettagli sono scarsi, ma due plotoni sono stati invasi e distrutti solo un soldato è sopravvissuto. I morti americani erano così numerosi che furono trasportati via in reti da carico esterne da elicotteri.

25. Battaglia di Cu Nghi - Quando il 7° Cavalleria iniziò l'Operazione Masher, un elicottero CH-47 fu abbattuto. Una compagnia di soldati è volata in soccorso, ma sono stati colpiti e immobilizzati. Altre unità arrivarono frettolosamente e trovarono due battaglioni di combattenti NVA trincerati che sparavano contro i soldati sparsi in un'area che divenne nota come "il cimitero". Diversi elicotteri furono abbattuti durante questa mischia di tre giorni che lasciò 140 americani morti e 220 feriti.

26. Helicopter Valley - Il 15 luglio 1966, l'Operazione Hastings iniziò quando il 3° Battaglione del 4° Marines venne trasportato in elicottero nel piccolo LZ Crow. Il fuoco di terra nemico ha causato lo schianto di cinque grandi elicotteri CH-46A della Marina, uccidendo 13 marine e ferendone gravemente una dozzina.

27. Battaglia di Ho Bo Woods - Il 19 luglio 1966, la Compagnia A, 1st Bn, 27th Rgt, 25th Division è entrata in elicottero in una LZ con 92 soldati in una missione di ricerca e distruzione. Non c'è alcun resoconto di quello che è successo dopo, tranne che 25 sono stati uccisi e 32 feriti mentre la compagnia è fuggita a bordo di elicotteri, lasciando dietro di sé 16 dei loro morti.

28. Battaglia di Bong Trang - Alla fine di agosto 1966, una squadra della 1a divisione di fanteria si avventurò nella fitta giungla vicino a Saigon alla ricerca del nemico. Ha vagato in un grande campo base della NVA ed è stato colpito. I rinforzi si sono riversati in questa confusa, sanguinosa battaglia di due giorni che ha lasciato 45 americani morti, centinaia di feriti, con la perdita di un elicottero e diversi veicoli blindati.

29. Operazione Crimson Tide - Il 18 ottobre 1966 fu lanciata la prima missione per salvare un prigioniero di guerra americano. Finì in un disastro, con 12 morti, 17 dispersi, due elicotteri abbattuti e nessun prigioniero salvato.

30. "Black Friday" - Le perdite di aerei da sciopero erano comuni, ma il 2 dicembre 1966 l'aeronautica americana perse cinque aerei e la Marina ne perse tre a causa di missili terra-aria o fuoco di cannoni antiaerei. Le perdite dell'Air Force includevano tre F-4C, un RF-4C e un F-105. La Marina ha perso un F-4B e due Douglas A-4C Skyhawk.

31. Operazione Tuscaloosa - Nel gennaio 1967, il 2° Battaglione del 5° Marines cercò di distruggere elementi sfuggenti della NVA. Ne inseguirono alcuni fino al fiume poco profondo Song Thu Bon e decisero di attraversarlo. La NVA stava aspettando e ha sparato contro i Marines esposti che lottavano per caricare.I Marines riuscirono ad impiegare aria e artiglieria, ma persero 17 KIA e 52 WIA in un attacco eroico ma folle.

32. Attacco Kon Tum - Durante l'Operazione Sam Houston, elementi della 4a Divisione hanno spazzato via il confine cambogiano. Il primo plotone isolato della compagnia C, 2/8 di fanteria fu attaccato. Solo un soldato è rimasto illeso quando 21 sono stati uccisi e 14 feriti, ma il plotone ha resistito fino a quando non è stato salvato all'alba.

33 . Attacco a Binh Duong - Il 26 febbraio 1967, un battaglione Viet Cong quasi invase la Compagnia Alpha, 4° battaglione, 9° reggimento, della 25a divisione dell'esercito. Il VC è scivolato oltre le difese del campo in un attacco a sorpresa che ha ucciso 19 americani e diversi soldati dell'ARVN.

34. Operazione Beau Charger - Questa era parte di un'operazione più ampia vicino alla ZDC. I Marines hanno lanciato 14 elicotteri da navi offshore per depositare il 1° Battaglione, il 3° Marines in LZ Goose. Sfortunatamente, la NVA era lì e aprì il fuoco sugli elicotteri mentre atterravano il 18 maggio 1967. La metà fu danneggiata e solo poche dozzine di marines sbarcano. Questa è diventata rapidamente una complessa operazione di salvataggio che è costata la vita a 85 marines con centinaia di feriti.

35. Operazione Hickory - Nel maggio 1967, ai marines statunitensi fu ordinato di attraversare la ZDC e distruggere la NVA. Diversi giorni di assalti frontali uccisero molti NVA alloggiati nelle fortificazioni, ma uccisero anche 142 marines e ne ferirono 896 fino a quando i marines si ritirarono dopo dieci giorni di attacchi inutili.

36. Battaglia di Plei Doc - Durante l'operazione Francis Marion, B Co., 8th Inf., 1st Bde., 4th Inf. Div è andato nella fitta giungla vicino al confine cambogiano per entrare in contatto con la NVA. Il 18 maggio 1967, il suo plotone D fece un breve pattugliamento e inseguì un solitario esploratore della NVA, che li guidò in un'imboscata. Il plotone fu circondato e spazzato via con 22 morti e un disperso. Sette sopravvissuti feriti si sono nascosti dalla NVA quella notte fino a quando il loro battaglione è venuto in soccorso, che ha perso un totale di 48 morti e 96 feriti durante questa battaglia.

37 . Battaglia vicino a Vinh Huy - Durante l'Operazione Union II, sei compagnie di fucilieri del 5° Marines hanno spazzato la valle di Que Son alla ricerca del nemico. Hanno localizzato una grande forza nemica 1000 metri più avanti attraverso una risaia aperta. Dopo alcuni attacchi aerei e di artiglieria, a tre compagnie fu ordinato di caricare attraverso il terreno aperto e furono fucilate a pezzi. I Marines insanguinati si ritirarono durante questa battaglia del 2 giugno 1967 con 71 KIA e 139 feriti.

38. Operazione Concordia - La 9a Divisione di Fanteria ha cercato i Vietcong nella regione del Delta. Il 19 giugno 1967, la compagnia A della 4/47a fanteria cadde in un'imboscata a forma di L e fu colpita e immobilizzata. Altre unità si sono precipitate in aiuto mentre i Vietcong si ritiravano dopo aver ucciso 48 americani e ferendone altre dozzine.

39. Distrutta la base navale del gruppo costiero 16 - Il 7 agosto 1967, i Vietcong lanciarono un attacco a sorpresa alla base costiera di cannoniere a Tra Khuc e la presero rapidamente. Tutti gli edifici della base tranne uno furono distrutti quando arrivarono cannoniere amiche che attaccarono gli invasori a bordo della base. I combattimenti hanno ucciso 14 marinai sudvietnamiti insieme a un ufficiale americano e 20 civili, mentre 30 prigionieri vietcong sono stati liberati.

40. Battaglia aerea dell'agosto 1967 - Questa guerra ha prodotto due piloti di caccia americani "Ace" (cioè cinque o più abbattimenti aerei), ma i nordvietnamiti ne hanno avuti 16, incluso Nguyen Van Coc (a destra), il miglior asso della guerra con nove uccisioni. Il 23 agosto 1967, Coc guidò diversi caccia MIG per intercettare un gruppo di 40 aerei americani in missione di bombardamento. Hanno abbattuto tre caccia F-4D americani e un cacciabombardiere F-105D senza perdere un solo MIG. Otto aviatori americani furono uccisi o catturati.

41. Battaglia di Prek Klok - Durante l'Operazione Junction City, la Compagnia B del 1° Battaglione/16° Fanteria è andata alla ricerca della NVA. Non è possibile trovare resoconti indipendenti, tuttavia la storia ufficiale dell'esercito rileva che l'azienda è stata fatta saltare e quasi circondata fino a quando non è stata salvata quando un'altra azienda è venuta in suo aiuto, permettendole di ritirarsi. La compagnia B è stata estratta in elicottero dopo aver subito 25 morti e 28 feriti. I generali dell'esercito dichiararono la vittoria e assegnarono al comandante della compagnia una stella d'argento.

42. Battaglia Kingfisher - Nel 1967, l'"Operazione Kingfisher" fu lanciata per distruggere le forze della NVA appena a sud della ZDC. Il 21 settembre, il 2 ° battaglione, il 4 ° Marines ha iniziato una missione di "ricerca e distruzione" e ha rapidamente incontrato il 90 ° reggimento NVA trincerato. Ai Marines mancava il supporto dei carri armati perché le recenti piogge limitavano la mobilità stradale, mentre la fitta vegetazione e la vicinanza del nemico limitavano il supporto aereo e dell'artiglieria. Dopo una battaglia durata un giorno, i Marines avevano subito almeno 16 morti e 118 feriti mentre cercavano di uscire dalla zona di uccisione del nemico. Il battaglione si ritirò al tramonto, anche se fuggire potrebbe essere un termine migliore poiché 15 marines morti furono lasciati indietro. I dettagli sono approssimativi, ma il battaglione non è tornato a raccogliere i suoi morti fino a tre settimane dopo. I veterani della battaglia dichiarano di aver perso 34 KIA quel giorno.

43. Assalto alla collina 830 - Durante l'Operazione Greeley, il 4° Battaglione del 503° Fanteria (Airborne) marciò attraverso il fitto fogliame alla ricerca del nemico. Il 10 luglio 1967, il battaglione incontrò la NVA scavata nella collina 830 e attaccò . Il battaglione è stato bloccato per ore dal fuoco nemico pesante e ha subito 25 morti e 62 feriti fino a quando la NVA si è ritirata al calar della notte.

44. Attacco missilistico a Da Nang - Il 15 luglio 1967, la NVA condusse un importante bombardamento missilistico sulla base aerea chiave degli Stati Uniti a Da Nang. Un totale di 83 razzi NVA da 122 mm e 140 mm ha colpito la base poco prima dell'alba, provocando 8 morti, 175 feriti, 10 aerei distrutti e 49 danneggiati.

45. La battaglia di Thon Cam Son - Nel luglio 1967, il 2° battaglione del 9° Marines attraversò la ZDC per trovare la NVA. Trovarono campi base e bunker abbandonati perché la NVA si era ritirata e si era spostata dietro di loro. I marines hanno dovuto combattere per tornare a casa e più della metà dell'unità ha perso il sangue perdendo 41 morti e 355 feriti.

46. ​​A MIG Day - Il 30 agosto 1967, l'aeronautica americana lanciò un secondo attacco a una centrale elettrica vicino ad Hanoi. Due MIG sono entrati nella formazione di 28 aerei e hanno abbattuto due cacciabombardieri F-105. L'attacco è stato interrotto e diversi F-105 hanno circondato per supportare lo sforzo di salvataggio. Altri due MIG sono piombati giù e li hanno cacciati via mentre abbattevano un altro F-105 e ne danneggiavano un altro senza che i MIG venissero persi.

47. Battaglia per Nui Ho Khe (Collina 88) - I marines erano preoccupati che le unità nemiche vicino alla loro grande base Con Thien minacciassero la loro principale rotta di rifornimento. Il 10 settembre 1967, il 3° battaglione del 26° Marines si avventurò in avanti per proteggere Hill 88. Fu sorpreso di incontrare un intero reggimento NVA, che contrattaccò provocando uno scontro sanguinoso in cui 3/26 subirono 300 vittime (40% di cui 37 KIA ) e ha perso diversi carri armati. Si è ritirato alla collina 48 dove ha fatto un'ultima resistenza di successo. Mentre la NVA ha subito più vittime, scarse informazioni hanno portato a questo maldestro assalto che non è riuscito a raggiungere il suo obiettivo.

48. Operazione Medina - Nell'ottobre 1967, tre battaglioni di marines statunitensi entrarono nella foresta di Hai Lang per trovare e uccidere le truppe della NVA. Hanno trovato il terreno difficile e hanno perso 34 KIA e 143 WIA mentre inciampavano nella fitta giungla combattendo contro un nemico sfuggente.

49. Disastro del Commando Club - Il 18 novembre 1967, l'USAF sperava di impiegare il suo nuovo sistema di bombardamento radar guidato "Commando Club" per attaccare la base da combattimento NVA MIG a Phuc Ye. Ciò è stato ostacolato quando due MIG sono piombati sulla formazione di 20 F-105 USAF attaccanti e hanno abbattuto due aerei mentre uno sciame di 13 SAM lanciato dalla base aerea ha abbattuto altri due F-105 in avvicinamento. La restante forza d'attacco gettò le bombe prima di raggiungere l'area bersaglio e si voltò verso casa.

50. Massacro a LZ Margo - Il 2° battaglione del 26° Marines è entrato in elicottero nella LZ Margo vicino alla DMZ in una missione standard di ricerca e distruzione. Il contatto fu leggero nei tre giorni successivi mentre le unità perlustravano l'area. Il 16 settembre 1968, il battaglione ricevette l'ordine dal quartier generale superiore di ritirarsi nella piccola LZ dove erano arrivati, perché nella zona era previsto un grande attacco aereo di B-52. I marines erano preoccupati perché erano strettamente raggruppati e il terreno era duro come una roccia, quindi non potevano scavare. Sapevano che la NVA li teneva sotto osservazione ed erano un bersaglio perfetto per uno sbarramento di mortaio. Poco tempo dopo, centinaia di colpi di mortaio hanno fatto breccia nei Marines, uccidendo 30 persone e ferendone quasi 200 fino a quando la NVA non ha esaurito le munizioni.

51. Operazione Swift - I marines statunitensi hanno combattuto dure battaglie lungo la ZDC quando le unità della NVA hanno attraversato il confine per infliggere gravi perdite. I generali della marina hanno inviato compagnie di fucili con

140 Marines per cercare e distruggere gli intrusi NVA con artiglieria e potenza aerea. Questo era efficace, ma le unità NVA più grandi a volte li intrappolavano nelle zone di uccisione. Nel settembre 1967, tesero un'imboscata a due compagnie marine nella valle di Que Son. L'operazione Swift è stata lanciata per salvarli dalla distruzione, ma le due compagnie inviate in soccorso sono state sbranate. Il risultato finale fu 127 marines uccisi e 362 feriti. La NVA subì più perdite, ma portò a termine la sua missione e si ritirò verso nord.

52. Imboscata del convoglio vicino ad An Khe - Nel settembre 1967, 39 camion dell'8° gruppo di trasporto dell'esercito degli Stati Uniti stavano tornando a casa dopo aver consegnato rifornimenti a Plekiu. Erano scortati da due jeep mitragliatrici in un'area considerata per lo più sicura dalla presenza della 1a Divisione Calvario. Una compagnia Viet Cong ha teso un'imboscata a questo grande convoglio in pieno giorno. Sette americani sono stati uccisi, 17 feriti e 30 veicoli sono stati danneggiati o distrutti. Il VC scomparve rapidamente e non furono trovate prove di vittime nemiche.

53. Task Force Black Mauled - Metà del 1° Battaglione/501° Reggimento/173° Brigata Aviotrasportata è andata alla ricerca della NVA che aveva recentemente attaccato la loro base. Si sono imbattuti in due battaglioni NVA, che li hanno sparati da tre direzioni. Il resto del battaglione fu inviato a salvarli e si ritirò con 20 morti, 154 feriti e due dispersi.

54. Operazione Essex - All'inizio di novembre 1967, due compagnie del 5th Marines caddero in imboscate ben pianificate vicino ad An Hoa e furono colpite e immobilizzate durante la notte. Altre compagnie sono venute in soccorso quando 37 marines sono morti e 122 sono rimasti feriti.

55. Battaglia nei pressi di Ap Bac - La 9a divisione di fanteria dell'esercito degli Stati Uniti ha operato nella regione paludosa del delta del Vietnam meridionale, spesso con motovedette fluviali della Marina. Durante una normale perlustrazione del battaglione, la compagnia Alpha della 2a Brigata attraversò una risaia aperta e incontrò Viet Cong pronti a combattere da bunker di cemento. La maggior parte della compagnia fu spazzata via nei primi cinque minuti e rimase bloccata nella kill zone per ore fino all'arrivo di altre compagnie. Questa battaglia ha lasciato 40 morti americani e 140 feriti.

56. Battaglia per la collina 861 - Nel 1967, la compagnia Bravo, 1° battaglione, 9° marines andò alla ricerca di grotte sulla collina 861. Dopo una scaramuccia, la compagnia attaccò la collina senza sapere di aver incontrato una grande forza nemica. La maggior parte di Bravo è stata spazzata via e i sopravvissuti sono stati bloccati fino a quando non sono stati salvati dalla compagnia Kilo quella notte.

57. Operazione Badger Tooth - La NVA trascorse un anno a fortificare segretamente il villaggio di Tham Khe. Il giorno dopo il Natale del 1967, il 3° Battaglione, 1° Marines sbarcò via nave per spazzare l'area senza supporto di armatura. I Marines furono sorpresi da un pesante fuoco nemico quando si avvicinarono a Tham Khe, ma continuarono ad attaccare fino a quando il nemico fuggì, lasciando 48 Marines morti e 88 feriti.

58. Massacro in una LZ - Il 10 gennaio 1968, un centinaio di soldati del 60° reggimento di fanteria dell'esercito degli Stati Uniti salirono in elicottero su una risaia e ne seguì il caos mentre i Viet Cong erano pronti per loro. Almeno un elicottero è stato abbattuto e molti altri danneggiati mentre le truppe sono rimaste immobilizzate per 18 ore, subendo 34 morti e 59 feriti fino al ritiro del nemico.

59. Invaso nella Happy Valley - Durante le prime due settimane del 1968, 69 soldati della 196a Brigata di Fanteria morirono in pesanti combattimenti nella Hiep Duc Valley, provincia di Quang Tin. Il 9-10 gennaio, le compagnie Alpha e Delta del suo battaglione di fanteria 3/21 furono invase. Il comandante della compagnia Delta e 27 uomini sono stati uccisi. Decine sono stati feriti e otto americani fatti prigionieri mentre i sopravvissuti hanno resistito in piccoli gruppi durante la notte fino al salvataggio il giorno successivo.

60. Agguato a Hoc Mon - Nel 1968, 92 soldati americani della Compagnia C, 4° Battaglione, 9° Reggimento di Fanteria, 25° Divisione iniziarono una missione di ricerca e distruzione vicino a Saigon. Stavano cercando una forza Viet Cong che aveva lanciato razzi nella loro base aerea di Tan Son Nhut. Mentre si precipitavano lungo una strada senza sicurezza sul fianco per raggiungere il loro battaglione, caddero in un'imboscata. In otto minuti, 49 soldati americani morirono o morirono e 29 furono feriti.

61. Battaglia di Kham Duc - Questo grande campo delle forze speciali fu abbandonato perché invaso, nonostante il rinforzo da parte di un battaglione di fanteria americana della 196a brigata. Centinaia di civili e miliziani amichevoli sono stati lasciati indietro mentre gli americani sono fuggiti a bordo di elicotteri e C-130 con due C-130 abbattuti causando 150 morti.

62. Invasione del villaggio di Khe Sahn - Un grande villaggio a tre chilometri dalla famosa base militare di Khe Sahn è stato difeso da 160 truppe locali, più 15 consiglieri americani e artiglieria pesante dalla base. Nel gennaio 1968, è stato attaccato da a

Battaglione NVA di 300 uomini. I rinforzi sono stati inviati a bordo di nove elicotteri UH-1, ma sono stati spazzati via dopo l'atterraggio vicino alla NVA, insieme a un elicottero. Una piccola forza di salvataggio a terra dalla vicina base è stata respinta, mentre i sopravvissuti all'assalto del villaggio sono fuggiti alla base di Khe Sahn.

63. Campo d'aviazione di Kontum attaccato - Il 10 gennaio 1968, i genieri VC si infiltrarono nel grande aeroporto di Kontum e distrussero sette elicotteri e ne danneggiarono altri undici, distruggendo diversi edifici e uccidendo dieci americani.

64. Attacco di Chu Lai - Nella prima mattinata del 31 gennaio 1968, i Vietcong lanciarono 48 razzi da 122 mm contro la base aerea del Corpo dei Marines a Chu Lai mentre i genieri attaccavano. Hanno fatto esplodere il deposito principale di munizioni che ha fatto esplodere 600 tonnellate di bombe. Questo attacco ha raso al suolo diversi hangar, danneggiato edifici, distrutto cinque caccia F-4 e danneggiato altri 18 velivoli, uccidendo tre ufficiali e ferendone diversi arruolati.

65. Echo Relief Force spazzata via - Nel febbraio 1968, un avamposto dei marine vicino a Da Nang rischiava di essere invaso. Un capitano dei marine guidò 16 marine a piedi per rinforzarli, ma si imbatté in una forza della NVA molto più grande e furono massacrati. Dodici marines sono stati uccisi, tre sono fuggiti, mentre due sono stati fatti prigionieri e sono morti in cattività.

66. Battle of the Slopes - Una compagnia di paracadutisti americani stava cercando la NVA su un terreno accidentato quando fu attaccata da una grande forza. Ha subito 76 KIA mentre era quasi invaso, con due plotoni spazzati via. Gli ufficiali aviotrasportati appena arrivati ​​avevano ignorato gli avvertimenti che avrebbero dovuto manovrare come battaglioni perché le unità NVA in quell'area erano più grandi, aggressive e avrebbero attaccato una compagnia di fucilieri solitaria.

67. Battaglia dell'isola di No Goi - Ai Viet Cong piaceva fortificare i siti di imboscate e aspettare che gli americani li scoprissero. Durante l'operazione Allen Brook, tre battaglioni di marines attraversarono l'isola di No Goi e trovarono molti Viet Cong pronti a combattere dai bunker vicino al villaggio di Le Bac. Durante diversi giorni di sanguinosi assalti, i Marines subirono 138 morti e 686 feriti (576 gravemente) prima che i Viet Cong sopravvissuti fuggissero. Il caldo estremo ha provocato l'evacuazione di altri 283 marines a causa del colpo di calore. Avendo subito il 50% di vittime, Allen Brook è stato fermato fino all'arrivo di nuove unità Marine.

68. Battaglia alla piantagione di gomma Ben Cui - Le unità meccanizzate americane avevano la potenza di fuoco e la mobilità per sbaragliare qualsiasi forza NVA. Un'eccezione si verificò nel 1968 durante una pulizia stradale di routine quando la compagnia C, 1st Bn (Mech), 25th Division si imbatté in un aggressivo reggimento NVA. Perse rapidamente 5 APC (a destra), con 17 uccisi (lasciando solo un ufficiale) e due dozzine di feriti prima di ritirarsi alla sua base, lasciandosi alle spalle la maggior parte dei suoi morti.

69. Battaglia di Dai Do - Un battaglione di fanteria del Corpo dei Marines è stato sbranato e costretto a ritirarsi dopo un tentativo disorganizzato di sloggiare una grande forza nordvietnamita vicino alla ZDC. I marines hanno subito 81 KIA e 397 feriti mentre uccidevano centinaia di NVA.

70. Battaglia di Ong Thanh - Dopo un piccolo contatto con il nemico il giorno precedente, un comandante di battaglione ha condotto 155 soldati americani in fila indiana nella boscaglia per distruggere il nemico. Si imbatterono in un reggimento NVA con circa 1400 uomini. La compagnia Alpha è stata spazzata via in 20 minuti e, al tramonto, 59 soldati americani giacevano morti con 75 feriti. È online un eccellente documentario in cui i sopravvissuti descrivono l'assalto.

71. Operazione Delaware - In questa offensiva dell'aprile 1968, l'esercito degli Stati Uniti apprese che le giungle di montagna consentono alle armi antiaeree nascoste di abbattere facilmente gli aerei a bassa quota. Le unità della 1a divisione di cavalleria entrarono in elicottero su un terreno accidentato e uccisero centinaia di NVA mentre si ritiravano in Laos. Tuttavia, la NVA ha abbattuto un trasporto C-130, due cacciabombardieri, otto grandi elicotteri, quasi due dozzine di elicotteri UH-1 e ha danneggiato gravemente altre tre dozzine di elicotteri, i cui incidenti hanno lasciato 47 americani MIA. La NVA uccise anche 142 americani, ne ferì 731 e tornò nell'area quando il 1° Cav si ritirò dopo tre settimane di combattimenti.

72, Battaglia per Chu Moor Mountain - Nell'aprile 1968 vicino al confine cambogiano, il 1 ° battaglione del 22 ° fanteria ha scoperto NVA ben armato scavato in una montagna. Hanno lanciato diversi attacchi sanguinosi e hanno respinto contrattacchi per giorni, subendo 31 morti e centinaia di feriti. Altri battaglioni furono fatti volare e subirono perdite fino a quando tutte le unità furono ritirate e un attacco B-52 ordinato come il NVA si ritirò.

73. Battaglia dell'FSB Maury I - Nelle prime ore del mattino del 9 maggio 1968, le batterie B e C dell'artiglieria 7/11 furono attaccate dai Vietcong. La base di fuoco fu quasi invasa da 14 KIA americani, 62 WIA e cinque obici da 105 mm distrutti, mentre solo 18 nemici furono uccisi prima di ritirarsi.

74. Operazione Houston II - Nel maggio 1968, quando la compagnia Mike del 3° Battaglione, 5° Marines si mosse su una cresta chiamata Hill 1192, vagarono in un campo base della NVA e furono uccisi a colpi di arma da fuoco con 14 morti e dozzine di feriti. Tre elicotteri sono stati abbattuti nel tentativo di salvare i marines feriti. I marine sopravvissuti sono rimasti immobilizzati e sanguinanti per diversi giorni fino a quando non sono stati salvati da un'altra compagnia.

75. Camp Evans distrutto - Il 19 maggio 1968, il VC attaccò la base principale del 1° Cav con cinque razzi da 122 mm. Ciò ha innescato una reazione a catena che ha fatto esplodere il deposito principale di munizioni con circa 10.800.000 libbre di munizioni, che era mal posizionato vicino all'aeroporto. Questo ha distrutto 40 elicotteri e ha lasciato la maggior parte della base in rovina.

76. Battaglia per LZ Loon - I Marines sbarcarono sulla collina 672 per costruire una base di supporto per il fuoco di artiglieria. L'NVA si oppose e inviò un battaglione per attaccare le due compagnie prive di equipaggio del 4° Marines. Dopo una giornata di pesanti combattimenti che includevano il fuoco dell'artiglieria della NVA, metà dei Marines furono vittime.Fu deciso di abbandonare la collina in elicottero, lasciandosi alle spalle la maggior parte dei morti. Un elicottero è stato abbattuto durante l'estrazione dopo questa battaglia che ha lasciato 41 Marines morti e oltre 100 feriti.

77. Battaglia dei Due Luglio - Il 1° battaglione, 9° Marines salì su una strada per trovare la NVA, e li trovò. Le informazioni sono vaghe, ma la Bravo Company è stata invasa e i resti della Alpha Company si sono ritirati, lasciando un totale di 53 morti noti, 190 feriti e 34 dispersi.

78. Battle for Hill 875 - o l'assedio di Dak To - Il 2° battaglione della 173a Brigata Aviotrasportata con oltre 300 soldati avanzò su questa collina con artiglieria e supporto aereo. Incontrarono una forte resistenza e subirono pesanti perdite, ma rimasero scioccati quando la NVA contrattaccò. Il battaglione formò uno stretto perimetro difensivo e fu circondato mentre il caos seguì dopo che un jet del Corpo dei Marines sganciò una bomba da 500 libbre sulla loro posizione. Il 4° battaglione della brigata arrivò il giorno seguente e ruppe l'assedio, quindi avanzò per mettere in sicurezza la collina dopo il ritiro della NVA. Dei 570 soldati statunitensi coinvolti nell'attacco alla collina, 340 furono vittime.

79. Battle for Firebase Mary Ann - Circa 50 genieri della NVA hanno attaccato di notte, poi sono fuggiti via. L'esercito degli Stati Uniti ha subito 33 morti e 83 feriti tra i 231 soldati alla base. Il loro comandante di brigata fu sollevato dall'incarico e la base di fuoco chiusa.

80. Battaglia di Ngok Tavak - Il 10 maggio 1968, un battaglione della NVA attaccò un vecchio forte francese presidiato da 150 mercenari cinesi guidati da otto soldati delle forze speciali americane e tre consiglieri australiani, oltre a 33 artiglieri del Corpo dei Marines degli Stati Uniti con due obici da 105 mm. Gli elicotteri hanno volato in altri 45 marine come rinforzi e hanno evacuato le vittime durante la battaglia di un giorno. Il forte è stato invaso e tutti sono fuggiti, con alcuni letteralmente aggrappati ai pattini di un elicottero. Almeno 32 americani sono stati uccisi e diversi elicotteri abbattuti. È stato pubblicato un libro su questa battaglia persa e un breve resoconto è qui.

81. Battaglia di Lang Vei - Nel 1968, la NVA sorprese tutti usando carri armati leggeri per invadere il ben difeso campo delle forze speciali statunitensi a Lang Vei, nonostante l'artiglieria pesante americana e il supporto aereo. La maggior parte dei 500 Montagnard in difesa furono uccisi. Le perdite tra i 24 americani furono 7 KIA, 3 prigionieri di guerra e 11 feriti.

82. Agguato vicino a Khe Sahn - Il 25 febbraio 1968, un plotone di 41 uomini del 26° Marines fu inviato in una breve pattuglia "fuori dal filo" per testare la forza delle unità della NVA vicino al villaggio di Khe Sahn. Hanno inseguito tre esploratori VC che li hanno portati in un'imboscata. Il plotone è stato spazzato via durante una battaglia di tre ore che ha lasciato 31 Marines KIA, uno fatto prigioniero, mentre nove Marines sono fuggiti alla loro base.

83. Battaglia di Thon La Chu - L'offensiva del Tet del 1968 colse di sorpresa l'esercito americano e la NVA catturò la città di Hue. Durante questo caos, la cavalleria fu inviata per salvare i Marines mentre il 2° battaglione/12° Cavalleria dell'esercito, leggermente armato, volò in soccorso in elicottero. Dopo l'atterraggio, caricò attraverso una risaia aperta senza la consueta artiglieria o supporto aereo e subì notevoli perdite. Il nemico aveva numeri superiori, posizioni superiori e potenza di fuoco sufficiente per circondare il battaglione. Con il 60% di vittime, senza rifornimenti e poco supporto aereo, il battaglione è stato fortunato a fuggire di notte ea fuggire dalla distruzione totale.

84. Caduta di A Shau - La NVA ha inviato cinque battaglioni per invadere questo grande campo delle forze speciali vicino al confine con il Vietnam. Era difeso da 380 truppe locali guidate da 17 americani. Dopo una giornata di duri combattimenti, i difensori affrontarono la sconfitta. Cinque degli americani sono fuggiti in elicottero lasciando dietro di sé 8 americani morti e 5 dispersi. La maggior parte delle truppe locali è rimasta indietro. Altri sette americani sono morti fornendo supporto aereo.

85. Battaglia vicino a Hill 689 - Il 16 aprile 1968 una compagnia del Corpo dei Marines iniziò una pattuglia vicino alla sua base di Khe Sahn. Vagava nell'alta vegetazione ed è stato decimato dai soldati NVA nascosti nei bunker. Altre due compagnie del 1 ° Battaglione, 9 ° Marines sono state inviate per salvarli, ma sono rimaste invischiate in questa battaglia confusa in cui Marines morti e feriti sono stati lasciati indietro mentre il battaglione si ritirava di nuovo a Khe Sahn in disordine. Ciò ha provocato 41 KIA, 32 feriti, con 2 dei 15 MIA successivamente salvati dagli elicotteri. Il comandante del battaglione è stato sollevato dall'incarico.

86. Attacco a Nui Ba Den - Un centinaio di NVA ha lanciato un assalto a sorpresa su una stazione di intelligence del segnale americana mal difesa in cima alla montagna di Nui Ba Den. La base è stata rapidamente invasa e rasa al suolo. La NVA uccise 24 americani, ne ferì 35 e 2 furono fatti prigionieri quando la NVA si ritirò. La maggior parte degli americani è sopravvissuta in un bunker o fuggendo dalla base e nascondendosi tra i massi. Alcuni definiscono la battaglia un massacro perché l'attacco è stato così improvviso che molti soldati non avevano fucili per difendersi.

87. Invaso ad Ap Trang Dau - La notte del 5 settembre 1968, nove compagnie della 101a divisione aviotrasportata convergono nel villaggio di Ap Trang Dau, intrappolando una grande forza nemica. I Vietcong caricarono dietro uno scudo di civili e invasero rapidamente la Compagnia A del 3° Battaglione e fuggirono uccidendo 33 americani e ferendone 41.

88. Agguato ad Ap Nhi - Il 25 agosto 1968, un convoglio di rifornimento di 81 camion del 48th Transportation Group partì da Long Binh. Sette conducenti hanno perso la vita in un'imboscata, 10 sono rimasti feriti e due sono stati fatti prigionieri poiché la maggior parte dei camion sono stati distrutti. I conducenti hanno resistito con il supporto aereo fino a quando una forza di soccorso è arrivata nove ore dopo dopo aver subito 23 morti e 35 feriti.

89. Attacco alla USS Westchester County - Questa nave anfibia fungeva da base mobile per supportare le forze fluviali in Vietnam. Il 1 novembre 1968, i commando VC attaccarono due grandi bombe allo scafo e nuotarono via. L'esplosione ha aperto due enormi buchi nella nave, uccidendo 25 uomini a bordo e ferendone 27. L'equipaggio è riuscito a arenare la nave per evitare l'affondamento.

90. Massacro ad Ap Bu Nho - Un arrogante ufficiale americano appena arrivato ha appreso la posizione di un reggimento della NVA e ha inviato il 2° battaglione dal 7° Calvario per distruggerlo. Il 3 dicembre 1968, quando la compagnia D è atterrata in elicottero, è stata colpita dalla perdita di diversi elicotteri. La compagnia D è stata successivamente salvata con solo 12 uomini sani rimasti poiché 52 erano stati uccisi e 70 feriti.

91. Sito 85 della Battaglia di Lima - L'USAF ha stabilito un sito di navigazione segreto in cima a una montagna remota in Laos per consentire i bombardamenti con tutte le condizioni atmosferiche verso nord. La NVA lo ha saputo e ha sorpreso gli americani con le loro abilità di scalatore. Il sito è stato invaso quando sette americani sono fuggiti a bordo di un elicottero di soccorso, lasciando dietro di sé 12 aviatori morti mentre i loro 42 soldati mercenari asiatici finanziati dalla CIA sono morti.

92. Attacco a Cu Chi - Nel febbraio 1969, i commando nemici attaccarono il grande aeroporto dell'esercito americano a Cu Chi. Distrussero nove grandi elicotteri CH-47, ne danneggiarono pesantemente altri tre e causarono lievi danni ad altri due. (le foto sono qui) 14 americani sono stati uccisi e 29 feriti durante la battaglia di tre ore.

93. Battaglia di Hamburger Hill - Un battaglione del 101° Airborne (3/187) ha incontrato una forte resistenza sull'aspra collina 937. Non è stato in grado di catturare la vetta a causa del terreno ripido e denso, dei bunker nemici ben costruiti, di un mortale fuoco amico incidente e feroci difensori della NVA. Un secondo battaglione (1/506) fu inviato ad attaccare da sud, ma subì la stessa sorte. Piccoli contrattacchi NVA hanno causato confusione e molti altri incidenti mortali di fuoco amico. I comandanti americani aggressivi ordinarono ripetuti attacchi per tre giorni fino a quando il 3/187 ebbe perso il 60% dei suoi uomini e si ritirò, mentre 1/506 rimase bloccato.

Altri battaglioni arrivarono per unirsi all'attacco. Gli scout dell'ARVN riferirono che la NVA aveva lasciato la montagna, tuttavia, un bombardamento aereo di due ore iniziò prima che i battaglioni americani salissero sulla collina 937 per proclamare la vittoria, e poi si ritirassero pochi giorni dopo. Questi assalti frontali provocarono 84 morti americani con 480 feriti e la perdita di diversi elicotteri, portando al soprannome di "Hamburger Hill" dove i soldati furono fatti a pezzi. Date le pesanti perdite subite per nulla guadagnato a causa di una manovra "trappola collinare" della NVA, questa è stata una sconfitta.

94. La battaglia di Nui Yon Hill - Il 5 maggio 1969, alle unità del 1st Squadron, 1st Cavalry fu ordinato di eliminare i Viet Cong dalla Nui Yon Hill, che avevano recentemente catturato dall'ARVN. (nella foto) Dopo che l'assalto iniziale fallì, il 3° Battaglione, 21° Reggimento di Fanteria è stato attaccato dall'aria per rinforzare il 1° Cavalleria. La collina è stata presa, ma le unità hanno subito il 40% di perdite con 28 soldati uccisi e centinaia di feriti.

95. LZ East Overrun - L'11 giugno 1969, la NVA invase una piccola base chiamata LZ East, uccidendo 17 soldati della 169th Infantry Brigade e ferendone 34 fino all'arrivo dei rinforzi per riprendere la base.

96. Firebase Tomahawk distrutto - Nel giugno 1969, la NVA attaccò e distrusse questa base di fuoco. Quattro obici e tutte le munizioni furono distrutti con 13 soldati americani uccisi e 50 feriti.

97. Assalto alla collina 996 - L'11 luglio 1969, il 1º battaglione del 506º reggimento di fanteria dell'esercito salì in elicottero per prendere la collina 996. Trovarono molti combattenti della NVA che respinsero il loro assalto, poi contrattaccarono, uccidendo 20 soldati e ferendone 26.

98. Battaglia di Plei Trap - Durante l'Operazione Wayne Grey, 115 soldati della Compagnia Alpha della 4a Divisione di Fanteria sono entrati in elicottero in un'area remota alla ricerca della NVA. Ne trovarono molti e subirono 35 KIA, 51 WIA e 7 MIA mentre venivano invasi. Un tenente che guidò eroicamente la ritirata dei sopravvissuti fu quasi sottoposto alla corte marziale da alti ufficiali che cercavano di insabbiare questo disastro.

99. Cattura la base di fuoco Kate - Nel settembre 1969, 30 soldati americani con 150 Montagnard locali stabilirono la base di fuoco Kate vicino al confine con la Cambogia. La base non aveva accesso stradale ed era al di fuori della portata del supporto dell'artiglieria da altre basi. Gli ufficiali americani alla base sapevano che era molto vulnerabile e nel giro di un mese migliaia di NVA circondarono la base e iniziarono un assedio. Dopo cinque giorni di artiglieria e attacchi di mortaio, il rifornimento di elicotteri terminò e gli americani distrussero l'artiglieria e le munizioni e fuggirono.

100. Invasione aerea della base di fuoco - Ci sono diversi resoconti brevi e vaghi su come questa base di fuoco dell'artiglieria è stata invasa il 13 maggio 1969. Un veterano crede che fosse un'esca per attirare l'NVA in combattimento. I genieri VC sono scivolati all'interno delle sue deboli difese ed hanno fatto esplodere il deposito di munizioni dell'artiglieria, uccidendo una dozzina e causando confusione. L'NVA ha invaso la base di notte uccidendo e ferendo la maggior parte dei difensori e distruggendo i suoi grossi cannoni. Molti americani riuscirono a nascondersi fino a quando la NVA se ne andò prima dell'alba, quindi la base non fu mai ufficialmente catturata. Tuttavia, è stato distrutto e poi abbandonato.

101. FSB Rifle Overrun - Durante le prime ore del mattino dell'11 febbraio 1970, Fire Support Base Rifle fu invaso dalla NVA. Undici americani furono uccisi e la base rasa al suolo.

102. Escursione in Cambogia - Nel maggio 1970, il 1° Cav invase la Cambogia in cerca di campi base nemici. La compagnia Bravo del 5° battaglione 12° Cav era alla ricerca di una mitragliatrice pesante che ha sparato agli aerei vicino alla sua base di fuoco appena costituita. È stato assistito da un aereo spotter leggero, che ha localizzato la mitragliatrice quando è stata abbattuta da essa, uccidendo due americani. Un elicottero ha lasciato i giornalisti per coprire l'azione, ma è stato abbattuto mentre partiva, uccidendo quattro persone. La fanteria ha presto appreso che la NVA era tutt'intorno e ha trascorso il giorno e la notte a farsi sparare fino a quando non è stata salvata da un'unità corazzata, con 14 KIA e dozzine di feriti.

103. Operazione Lam Son 719 - All'inizio del 1971, una grande offensiva fu lanciata in Laos per recidere la linea di rifornimento di Ho Chi Minh Trail. Gli Stati Uniti hanno fornito supporto logistico, aereo e di artiglieria all'operazione. Le forze di terra americane furono proibite dal Congresso dall'entrare nel territorio laotiano, ma sostennero l'offensiva ricostruendo l'aeroporto di Khe Sanh. Il Vietnam del Sud ha fornito le sue migliori unità per questa lunga offensiva del mese e il Pentagono era fiducioso che la potenza di fuoco americana avrebbe garantito la vittoria. Dopo una serie di battaglie perse, i sudvietnamiti si ritirarono a casa dopo aver perso quasi 1.600 uomini. L'esercito degli Stati Uniti ha perso 215 uomini uccisi, 1.149 feriti, 38 dispersi e ha perso 108 elicotteri mentre 7 cacciabombardieri americani sono stati abbattuti.

104. Rangers intrappolati sulla collina 809 - Nell'aprile 1971, i ranger dell'esercito americano lanciarono un piccolo raid per far saltare in aria un canale sotterraneo. I Rangers sono stati colpiti mentre atterravano e immobilizzati con la perdita di due elicotteri. Una forza di soccorso è arrivata il giorno successivo per estrarre i sopravvissuti da questa operazione fallita che ha provocato la morte di 12 soldati, 20 feriti e uno catturato.

105. Battaglia vicino all'FSB Professional - La NVA ha abbattuto un grosso elicottero CH-47 mentre trasportava rifornimenti a questa base di supporto antincendio. La compagnia A della fanteria 1/46 dell'esercito con 91 soldati era nelle vicinanze e andò ad eliminare la minaccia. Fu sbranato durante una battaglia di 35 ore e i suoi 47 soldati sopravvissuti fuggirono alla base di fuoco lasciandosi alle spalle i loro morti.

106. Attacco all'FSB Henderson - Mentre le truppe americane si ritiravano dal Vietnam, i genieri della NVA attaccarono questa base di artiglieria. Hanno caricato attraverso la collina uccidendo 27 soldati della 101a divisione e ferendone 40. La maggior parte degli obici e delle munizioni dell'artiglieria sono stati distrutti da cariche prima che la NVA scomparisse nella notte.

107. Agguato aereo sopra la ZDC - Prima dell'Offensiva di Pasqua della NVA del 1972, la NVA spostò segretamente diversi grandi sistemi missilistici terra-aria SA-2 fino alla ZDC. Il 17 febbraio, 81 missili SA-2 sono stati lanciati contro i cacciabombardieri americani F-4, abbattendone tre e danneggiandone molti altri.

108. Salvataggio di Bat 21 - Il 2 aprile 1972, un aereo da guerra elettronica EB-66 dell'Air Force è stato abbattuto vicino alla ZDC. Cinque aviatori sono stati uccisi mentre un ufficiale si è paracadutato in un'area dove la NVA stava attaccando. L'Air Force ha imposto una zona di divieto di fuoco standard con un raggio di 17 miglia e gli aerei deviati per aiutare il salvataggio. Centinaia di soldati sudvietnamiti sono morti nei giorni successivi a causa della loro incapacità di ottenere supporto di fuoco. Cinque aerei aggiuntivi sono stati abbattuti durante i tentativi di salvataggio, provocando la morte di 12 aviatori e la cattura di altri due.

109. Battle for Firebase Ripcord - I generali americani fecero un ultimo tentativo di bloccare la pista di Ho Chi Minh e trovarono più truppe NVA del previsto. Mentre la NVA assaltava la remota Base di supporto antincendio Ripcord, i generali decisero di evacuare la base. Quattro battaglioni americani della 3a brigata, 101a divisione hanno condotto un'evacuazione aerea di combattimento che è durata 23 giorni, con la perdita di almeno 75 KIA americani e 463 feriti. Decine di elicotteri sono stati abbattuti o danneggiati, mentre diversi soldati e tutte le principali attrezzature sono rimaste indietro.

110. Giugno 1972 Battaglie aeree - Mentre gli aerei superiori degli Stati Uniti hanno vinto la maggior parte delle battaglie aeree, i MIG più piccoli pilotati dai piloti nordvietnamiti hanno vinto molte battaglie, che rimangono per lo più nascoste alla storia. Un sito web interessante che documenta le perdite di combattimento fa luce. Rileva che i MIG hanno abbattuto cinque caccia F-4 americani il 27 giugno 1972 e che il riferimento incrociato alla data delle vittorie aeree americane non mostra uccisioni MIG.

Data Unità Aerei Pilota Arma Vittima
27giu72 921 MiG-21 Nguyen Duc Nhu R-3S F-4E USAF (Sullivan/Francesco)
27giu72 927 MiG-21MF Ngo Duy gio R-3S F-4E USAF (diga)
27giu72 927 MiG-21MF Nguyen Doc Soat R-3S F-4E (67-0248) 308TFS/USAF (Cerak/Dingee)
27giu72 927 MiG-21MF Pham Phu Thai R-3S F-4E (69-7271) 366TFW/USAF (Aikman/Hanton)
27giu72 927 MiG-21MF Bui Thanh Liem R-3S F-4E (69-7296)) 366TFW/USAF (Miller/McDow

Sarebbe interessante sapere cosa accadde quel giorno, ma l'USAF scelse di non documentare questa battaglia aerea. I piloti vietnamiti erano più esperti, più familiari con lo spazio aereo, effettuavano missioni più brevi e potevano scegliere i loro combattimenti, quindi a volte sorprendevano i piloti americani.

111. Terzo giorno dell'operazione Linebacker II - Dei 99 enormi bombardieri B-52 in questo bombardamento del 20 dicembre 1972 su obiettivi intorno ad Hanoi, otto furono persi a causa del fuoco nemico, con 34 aviatori uccisi o catturati. Lo Strategic Air Command (SAC) ha incolpato le tattiche utilizzate (traiettorie di volo, altitudini, formazioni, tempistiche, ecc.), che non erano diverse dai raid dei due giorni precedenti. Lo storico dell'aeronautica Earl Tilford ha osservato: "Anni di sganciamento di bombe su una giungla indifesa e la routine di pianificazione della guerra nucleare hanno favorito una mentalità all'interno del comando SAC che ha quasi portato al disastro".

112. Battaglia di Koh Tang - Nel 1975, le motovedette dei Khmer Rossi sequestrarono la nave portacontainer, la USS Mayaquez, che fu l'ultima nave americana a lasciare Saigon. La sorveglianza ha indicato che la nave era ancorata all'isola di Koh Tang, quindi il Corpo dei Marines degli Stati Uniti ha radunato una forza di soccorso. La maggior parte degli elicotteri sono stati sparati durante l'atterraggio dei Marines sull'isola e sono stati disabilitati o si sono schiantati. I marines hanno affrontato una dura resistenza nemica e sono stati bloccati. Si è poi scoperto che l'equipaggio di Mayaquez era già stato liberato su una piccola imbarcazione, quindi la forza di sbarco è stata richiamata. Un totale di 18 soldati sono stati uccisi, 41 feriti e tre lasciati indietro nel tentativo di salvataggio, mentre 23 aviatori sono morti in un incidente in elicottero durante la fase di preparazione.

Ciò dimostra che molte battaglie furono perse durante la guerra del Vietnam. Ce n'erano di più, ma nascondere perdite imbarazzanti è una procedura standard in qualsiasi organizzazione militare. Questo è mostrato in quel documentario sulla battaglia di Ong Thanh, dove i sopravvissuti raccontano come i comandanti hanno cercato di trasformare quella perdita come una vittoria, mentre la perdita di FSB Ripcord è stata nascosta al pubblico fino al 1985, e il massacro a Ho Bo Woods non è stato t riconosciuto fino al 2011. Questo elenco non include la maggior parte delle battaglie perse dall'esercito del Vietnam del Sud, le cui forze erano supportate dalla potenza di fuoco americana.

Alcuni veterani potrebbero essere sconvolti da questi resoconti perché l'esercito americano ha vinto quasi tutte le altre battaglie. Tuttavia, questo distrugge il mito che nessuna battaglia è stata persa. Alcuni potrebbero affermare che questi erano troppo piccoli per essere considerati battaglie, tuttavia l'esercito e gli storici statunitensi notano la maggior parte di questi come battaglie. Tutte queste sono battaglie secondo qualsiasi dizionario inglese, che definisce una battaglia come: "un incontro ostile o uno scontro tra forze militari opposte" "lotta violenta in cui le persone usano le armi" "lotta militare tra gruppi di soldati, navi, aeroplani, ecc." Dopo la guerra, i generali americani coprirono le battaglie perse affermando che erano solo "ingaggi" che facevano parte di operazioni più grandi.

Altri sostengono che alcuni erano situazioni di stallo o incidenti, e insistono sul fatto che un "conteggio" di un nemico più grande significasse vittoria, sebbene fosse comune aumentare notevolmente le perdite nemiche. Dato il nostro enorme vantaggio in artiglieria e potenza aerea, le battaglie con grandi vittime americane furono perdite, che portarono alla decisione di ritirarsi dal Vietnam.I generali della NVA dichiararono che il loro obiettivo era quello di infliggere vittime alle forze americane, non di prendere terreno o evitare le vittime stesse. Alla fine degli anni '90, gli spinmaster politici americani hanno creato una leggenda metropolitana secondo cui l'ex generale nordvietnamita Vo Nguyen Giap ha ammesso di aver perso la guerra sul campo di battaglia. Non c'è alcuna base fattuale per questa affermazione, ma questo mito rimane.

Se le perdite per logoramento sono importanti, gli Stati Uniti hanno perso oltre 3600 aerei ad ala fissa in Vietnam, mentre i nordvietnamiti ne hanno persi solo circa 200, quindi chi ha vinto la guerra aerea? I dibattiti storici sono comuni, ma nessuna persona sana di mente sosterrà che nessuna delle 112 battaglie sopra elencate sia stata una sconfitta. Al contrario, la pubblicazione di questo articolo ha generato più nomination da veterani di guerra. Molti ex ufficiali militari americani concordano con i nordvietnamiti sul fatto che Khe Sahn sia stata una sconfitta da quando l'esercito americano si è ritirato dalla base sotto il fuoco. La maggior parte dei veterinari del Vietnam mi ha ringraziato per questa informazione perché pochi americani si rendono conto del pericolo che hanno dovuto affrontare. Wikipedia è spesso collegata per i dettagli perché fornisce resoconti concisi con note alle fonti. Si possono cercare in Internet ulteriori informazioni se dubitano di ciò che leggono lì.

Gli americani sanno poco della guerra del Vietnam poiché tutti sono fuorviati dalla propaganda americana. Ecco un brillante, breve riassunto che include fatti chiave: Perché gli Stati Uniti hanno perso la guerra del Vietnam. Quell'articolo spiega come gli Stati Uniti fossero "fuori di pensiero" ma a volte furono anche "combattuti". Il mito che l'esercito americano non abbia mai perso una battaglia in Vietnam iniziò durante quel conflitto quando i generali iniziarono a chiamare le battaglie "impegni". Ignorare queste perdite rende un grande disservizio a tutti quegli uomini coraggiosi che hanno combattuto e sono morti in queste battaglie, così come a quelli che ora muoiono in Afghanistan.

Ironia della sorte, gli Stati Uniti hanno avuto successo in Vietnam solo dopo che i loro militari se ne sono andati. Miliardi di dollari in aiuti annuali non erano più necessari, mentre i soldati americani non venivano più uccisi o mutilati. Non c'è stata alcuna acquisizione comunista cinese della regione. Al contrario, le rivalità tradizionali sono riemerse portando a una breve, ma sanguinosa, guerra tra Cina e Vietnam nel 1979. Senza la distrazione di combattere una guerra, il governo vietnamita fu costretto ad affrontare i problemi economici. Ha riconosciuto la necessità del commercio estero e il valore della libera impresa ed è diventata una potenza economica capitalistica. Le società americane ora gestiscono fabbriche in Vietnam mentre United Airlines ha voli giornalieri. Allo stesso modo, gli Stati Uniti non vinceranno mai in Afghanistan finché le sue truppe non torneranno a casa.


Benvenuti negli archivi dei giornali a stelle e strisce

Le edizioni del Nord Africa e del Mediterraneo (1942-1945) della seconda guerra mondiale sono ora disponibili!

Questo database contiene oltre 1 milione di pagine di giornali storici di Stelle e strisce, il quotidiano indipendente delle forze armate statunitensi.

Attualmente questo archivio comprende giornali pubblicati dal 1948 al 1999 ed edizioni pubblicate nel Regno Unito e nel Mediterraneo (incluso il Nord Africa) durante la seconda guerra mondiale. Per notizie e informazioni attuali, visitare il sito stripes.com.

Le pagine dei giornali a piena pagina sono rese sia in formato PDF che JPG e sono ricercabili per parola chiave e data, rendendo facile l'esplorazione di questo contenuto unico. Perché la storia della pubblicazione di Stelle e strisce abbraccia diverse guerre, i suoi luoghi di stampa e le regioni geografiche coperte sono cambiate con il movimento delle truppe americane. E 'stato anche pubblicato in più edizioni, ben 35 durante la seconda guerra mondiale. Per comprendere meglio questa complessità, consultare la sezione Cronologia delle pubblicazioni.

Stelle e strisce è probabilmente l'unico media indipendente al mondo ad operare all'interno del dipartimento della difesa di una nazione. Sebbene l'organizzazione sia autorizzata dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, il contenuto e la copertura di Stars and Stripes sono completamente indipendenti da controlli o interferenze esterne. La sua singolare copertura delle forze armate statunitensi offre resoconti di prima mano della vita in pace e durante i periodi di guerra dal punto di vista dei membri del servizio.

Usa l'archivio per avere una nuova prospettiva sui conflitti e le notizie militari, per ricercare il servizio militare di un amico o un familiare, o semplicemente per leggere una persona o un evento che ti interessa.


Articoli Correlati

Israele eviterà la guerra di Gaza ma potrebbe rimuginare sugli omicidi di Hamas

L'Egitto media la tregua Israele-Hamas mentre più di 100 razzi colpiscono il sud

Gruppi militanti palestinesi si incontrano a Gaza nel mezzo dell'escalation con Israele

Allarme rosso: cartolina da Sderot

Lunedì a mezzogiorno i militanti hanno lanciato 10 razzi contro Israele. Il sistema di difesa missilistico Iron Dome ha intercettato due razzi diretti ad Ashkelon. Un altro razzo ha colpito il cortile di una casa nella città israeliana meridionale di Netivot.

Il colpo su Netivot non ha lasciato vittime, ma 20 persone sono state curate per lo shock dopo l'incidente. Tre case sono state danneggiate da schegge.

Le lezioni sono state cancellate in tutte le scuole di Netivot che non sono fortificate contro i razzi.

Altri tre razzi hanno colpito durante la notte il sud di Israele. Le forze di difesa israeliane hanno bombardato un tunnel di contrabbando e un deposito di armi nella parte settentrionale della Striscia di Gaza "in risposta".

Nessuna scadenza è stata ancora fissata per l'inizio del cessate il fuoco mediato dagli egiziani, ma Haaretz ha appreso che entrambe le parti hanno affermato che alla quiete si risponderà con la quiete.

Più di 100 razzi hanno colpito il sud di Israele da quando sabato è scoppiata la violenza al confine. Gli attacchi aerei dell'IDF in risposta hanno ucciso cinque palestinesi. Tre persone sono state lievemente ferite nel sud di Israele nel lancio di razzi di domenica, a Sderot e nel consiglio regionale di Sha'ar Hanegev.

Il sistema di difesa missilistico Iron Dome ha intercettato due razzi durante l'ultima escalation, uno puntato su Be'er Sheva domenica e uno sparato verso l'area di Ashdod il giorno precedente.

Il ministro della Difesa Ehud Barak ha dichiarato domenica che Israele agirà qualora fosse necessaria un'operazione più ampia in risposta all'attacco.

Il primo ministro Benjamin Netanyahu domenica scorsa ha affermato che l'IDF risponderà in modo aggressivo a qualsiasi attacco effettuato da militanti palestinesi nella Striscia di Gaza.


Razzi di Gaza: più di un ‘inconveniente’

Immagina se vivessi a New York City e ogni poche settimane, proiettili esplosivi venissero sparati indiscriminatamente sul fiume Hudson dal New Jersey. Come affronteresti di essere scoperto allo scoperto durante un attacco del genere? E i tuoi figli? Dormiresti profondamente sapendo che potresti essere svegliato nel cuore della notte da una sirena che ti dà 15 secondi per raggiungere una stanza rinforzata o un rifugio antiaereo?

Dal 2001, i palestinesi hanno lanciato migliaia di razzi e mortai da Gaza verso le comunità israeliane nel sud del Paese, e talvolta anche oltre. Sebbene le vittime israeliane siano state basse in proporzione al numero di razzi lanciati, ciò non è dovuto alla mancanza di incentivi da parte dei terroristi palestinesi che stanno tentando di causare il maggior numero possibile di morti e feriti.

Ma l'impatto di tali attacchi va oltre il potenziale danno fisico. Lo sconvolgimento delle vite degli israeliani sotto costante minaccia è tangibile per non parlare degli effetti psicologici, in particolare sui bambini.

Unisciti alla lotta per l'equa copertura di Israele nei notiziari

‘Razzi fatti in casa’?

I media spesso minimizzano la minaccia in virtù della fuorviante descrizione dei razzi di Gaza come "fatti in casa". I più noti, i razzi Qassam sono fatti in casa, ma solo nel senso che sono prodotti localmente utilizzando materiali grezzi e esplosivi impacchettati nelle testate. Ciò non significa, tuttavia, che siano meno letali. I qassam, imprecisi e privi di qualsiasi sistema di guida, possono essere sparati solo indiscriminatamente verso i centri abitati. Con un raggio limitato, i Qassam sono stati e vengono sparati contro le città e le comunità della zona di confine di Gaza come Sderot.

I terroristi della Jihad islamica trasportano un razzo Qassam, Gaza, 31 maggio 2006 (Foto: SAID KHATIB/AFP via Getty Images)

Nel corso degli anni, tuttavia, le organizzazioni terroristiche palestinesi hanno potenziato il loro arsenale con razzi più sofisticati tra cui Katyusha, WS-1B, Grads, “M-75” di fabbricazione locale e razzi iraniani Fajr-5, mettendo a dura prova la maggior parte della popolazione israeliana. nel raggio d'azione.

L'Iran ha svolto un ruolo importante nel sostenere finanziariamente sia Hamas che la Jihad islamica e con i tentativi di contrabbandare armi, compresi i razzi potenziati, a Gaza. Il blocco israeliano ed egiziano di Gaza è in atto principalmente per prevenire tale contrabbando.

Impatto economico e interruzione della vita

Il sud di Israele è considerato parte della sua periferia economica. Gran parte della popolazione, in particolare in città come Sderot, appartiene ai settori della società a reddito medio e basso. Anche se i residenti volessero lasciare l'area, la loro capacità di farlo è ostacolata dai prezzi degli immobili molto più alti in altre parti del paese. La situazione della sicurezza rende considerevolmente più difficile vendere a un prezzo sufficientemente alto da permettersi di acquistare altrove.

Per i kibbutzim e i moshavim della zona, la comunità è fondamentale. Ma la capacità di queste comunità di crescere o almeno mantenersi dipende dall'attrarre nuovi membri o dall'impedire alla generazione successiva di trasferirsi in altre parti del paese. Mentre il senso di comunità e l'incredibile capacità di recupero dei residenti hanno generalmente resistito, la situazione della sicurezza mette loro a dura prova.

Vivere sotto la minaccia missilistica ha avuto un grave impatto sull'economia locale. Mentre le industrie possono essere attratte dalla terra più economica, molti considereranno il rischio troppo alto. Senza l'industria locale, ci sono meno datori di lavoro locali. Se la popolazione locale vive con salari bassi o addirittura è disoccupata, i comuni locali non sono in grado di riscuotere tasse sufficienti per fornire servizi di qualità ai residenti. Allo stesso modo, i comuni fanno affidamento sulle imposte sulle imprese per i loro bilanci.

Nel novembre 2019, durante uno sbarramento di razzi particolarmente intenso, un razzo ha colpito un magazzino di materassi nella fabbrica di Hollandia a Sderot, innescando un grande incendio. Diversi camion dei pompieri sono stati chiamati per affrontare l'incendio, anche se i loro sforzi sono stati ostacolati da frequenti allarmi missilistici che li hanno costretti a interrompere le loro attività e a cercare riparo.

I camion dei vigili del fuoco israeliani spengono una fabbrica in fiamme a Sderot, dopo che è stata colpita da razzi il 12 novembre 2019 (foto di AHMAD GHARABLI/AFP via Getty Images)

Il CEO Avi Barssessat ha dichiarato ai media israeliani che l'edificio di 4.000 metri quadrati, che rischiava il crollo, era pieno di prodotti in attesa di essere consegnati ai clienti.

"Sono seriamente ferito da questa situazione", ha detto Barssessat. “È vero che non sto sanguinando da nessuna parte, ma il danno è enorme. Sono completamente distrutto vedendo il lavoro della mia vita andare in fiamme".

Mentre misure come l'Iron Dome, le sirene d'allarme, le stanze rinforzate e i rifugi antiaerei hanno ridotto al minimo i danni e le perdite di vite umane, anche un razzo lanciato da Gaza ha il potenziale per causare un'interruzione estrema della routine quotidiana. Solo la sirena stessa è il segnale per i residenti di abbandonare qualsiasi cosa stiano facendo e mettersi al riparo a volte in appena 15 secondi. Scolari che abbandonano le lezioni impiegati d'ufficio che corrono verso la stanza sicura acquirenti sdraiati a terra sperando per il meglio.

Qualsiasi esplosione di violenza causata da raffiche di razzi può causare disagi ancora maggiori. Nel febbraio 2020, ad esempio, quasi 100 razzi lanciati in due giorni da Gaza hanno indotto l'IDF Home Front Command a emanare una serie di direttive precauzionali per il sud di Israele, chiusura delle scuole, divieto di grandi raduni all'aperto, restrizioni allo svolgimento di lavori agricoli vicino al Confine di Gaza, blocco delle strade e arresto dei servizi ferroviari. A causa della chiusura precauzionale delle scuole, 55.000 studenti sono rimasti a casa.

Trauma psicologico

I residenti del sud hanno vissuto sotto la minaccia dei razzi di Gaza per quasi due decenni. Mentre il numero di morti durante quel periodo è stato relativamente basso (grazie soprattutto alle misure israeliane per proteggere i suoi cittadini), l'impatto sulla salute mentale di coloro che vivono lì è stato tangibile.

Lo specialista post-trauma Yehudit Spanglet, ha parlato alla Jewish Press nel giugno 2019 della situazione a Sderot:

Senza dubbio ci sono centinaia di persone a Sderot e nel sud di Israele che vivono in uno stato di continui traumi. Non solo dai razzi che cadono, ma anche dai boom del sistema di difesa Iron Dome che, baruch Hashem, intercetta la maggior parte dei razzi in arrivo. Le esplosioni che risuonano nel cielo possono continuare a echeggiare nelle orecchie di una persona anche molto tempo dopo l'attacco.

Molte vittime di traumi vivono nella paura, anche durante lunghi periodi di cessate il fuoco. Quando hanno annunciato che nessuno era rimasto ferito nell'attacco missilistico di giovedì scorso, ho riso. Ogni volta che la sirena geme e le persone devono correre ai ripari, il danno traumatico degli attacchi precedenti viene rafforzato.

Una volta, mentre ero in visita a Sderot, la città è stata attaccata. Fuori per strada, non lontano dalla casa di mia figlia, una donna era paralizzata, fissando il cielo. Il suo collo si era congelato per la paura quando suonò la sirena di avvertimento. Prima che potesse raggiungere un rifugio antiaereo, i missili dell'Iron Dome esplosero, apparentemente sopra la sua testa.

Suo marito non voleva portarla all'ospedale di Ashkelon. Lentamente, l'abbiamo accompagnata a casa con la testa ancora fissata al cielo. Quando tornò a casa sua, dopo aver parlato con lei per mezz'ora, i suoi muscoli del collo si sciolsero e finalmente il suo corpo si rilassò.

L'impatto sui bambini è ancora più pronunciato. Nel 2015, uno studio ha rilevato che il 40% dei bambini a Sderot manifesta sintomi di ansia, paura e disturbo da stress post-traumatico (PTSD), tra cui: ansia da separazione, regressione a comportamenti che si addicono alle età precedenti, disturbi del sonno, sviluppo di nuove paure e rabbia problemi. Il Jerusalem Post ha riportato:

Anche in tempo di guerra, il livello di disturbo da stress post-traumatico tra i bambini a livello nazionale oscilla tra il 7 e il 10%, ha spiegato la prof.ssa Ruth Pat-Horenczyk.

"La situazione in corso a Sderot causa PTSD a un ritmo tre o quattro volte maggiore di quello del resto del paese", ha detto.

Studi simili nel corso degli anni hanno trovato tassi ancora più alti di PTSD nei bambini che vivono nelle comunità di confine che hanno subito i razzi di Gaza e la violenza associata. Il fatto che il tasso sia leggermente diminuito testimonia la resilienza di queste comunità e il fatto che le esplosioni di violenza regolari si sono normalizzate, una situazione che sarebbe considerata inaccettabile per qualsiasi paese del mondo con la responsabilità di proteggere i propri cittadini.

Purtroppo, con poca soluzione all'orizzonte, i residenti del sud di Israele probabilmente dovranno affrontare molti razzi di Gaza in futuro. Quando si tratta della Striscia di Gaza, la prossima esplosione o guerra è una questione di quando, non di se.

Ti è piaciuto leggere questo articolo? Segui la pagina Israel In Focus su Facebook per leggere altri articoli che spiegano la storia, la politica e gli affari internazionali di Israele. Clicca qui per saperne di più!


Mali, basi militari straniere attaccate nel Nord

Presunti militanti hanno attaccato lunedì diverse basi militari maliane e straniere con mortai e razzi nel nord del Paese, hanno riferito fonti militari.

Nessuna vittima è stata immediatamente segnalata negli attacchi a Menaka, Gao e Kidal in quello che sembrava essere un raro tentativo di assalto coordinato alle forze straniere che operavano nel travagliato paese dell'Africa occidentale.

“Non ci sono state vittime, ma ci sono stati alcuni danni materiali,” ha detto un ufficiale militare del Mali AFP.

Il Mali sta lottando con un'insurrezione islamista iniziata nel nord, ma che da allora si è diffusa al centro del paese e si è estesa agli stati vicini Burkina Faso e Niger.

Le forze militari francesi hanno circa 5.000 soldati nel Sahel come parte della loro operazione anti-jihadista Barkane, e migliaia di caschi blu operano anche in Mali.

La task force europea Takuba comprende anche truppe per operazioni speciali di diversi paesi che consigliano e assistono le forze maliane.

“I terroristi hanno tentato senza successo di svolgere un'azione coordinata contro i campi di Barkhane, i caschi blu delle Nazioni Unite, contro la forza europea Takuba e contro l'esercito maliano a Gao, Menaka e Kidal,” ha detto un funzionario militare straniero. “La situazione è sotto controllo.”

Una fonte all'interno della missione ONU a Kidal ha riferito di una dozzina di proiettili “ che non hanno causato vittime, ma il danno è in fase di valutazione.”

Le forze francesi Barkhane sono di stanza nello stesso campo.

I funzionari dell'ufficio del capo di stato maggiore militare francese non hanno risposto immediatamente a una richiesta di informazioni.

L'attacco a Kidal è stato preceduto da un gruppo di uomini in motocicletta che girava intorno al campo prima dell'alba, ha detto un ufficiale di sicurezza del campo.

“Fu dopo il loro passaggio che ci fu il fuoco di razzi e mitragliatrici. Non ci sono stati morti ma ci sono stati danni materiali significativi,” ha detto.

Il nord del Mali è uno degli epicentri di violenze e attacchi jihadisti dal 2012, nonostante la presenza di migliaia di forze ONU, straniere e francesi.

I jihadisti un tempo controllavano il nord del Mali e sono stati sconfitti nell'operazione militare francese, ma da allora si sono raggruppati. Ampi tratti del paese rimangono al di fuori del controllo del governo.

Migliaia di soldati e civili sono stati uccisi e centinaia di migliaia hanno dovuto abbandonare le proprie case a causa dei combattimenti che hanno anche infiammato tensioni e scontri etnici.


Il Muqata

Giorno 7 della guerra di Gaza 21-nov-2012

Aggiorna spesso il tuo browser per vedere gli ultimi aggiornamenti dall'operazione "Pilastro di difesa" dell'IDF contro il terrorismo palestinese di Gaza.Ora puoi ricevi tutti gli aggiornamenti e altro dando un MI PIACE al Muqata e iscrizione su Facebook www.facebook.com/Muqata

Ascolta ogni singolo raid aereo durante la guerra -- su IDF Public Radio, Gal-Galatz 91.8 FM in Israele o qui sul web: http://rr-d.nsacdn.com/radio/glz/glglzradio/300/200

Vedi la parte superiore del blog -- www.muqata.com per gli aggiornamenti sui thread aperti di giovedì.

00:12 (Giovedì) Mentre i razzi continuano a cadere su Israele, il blog ufficiale dell'IDF annuncia la fine dell'Operazione Pillars of Defense.

21:00 Questa foto dice tutto. "Inizia il cessate il fuoco. Sirene antiaeree a Beer Sheva"

20:59 Manca un minuto al cessate il fuoco. vedi su facebook in ebraico: Solo in Israele troverai un Primo Ministro che parli come Churchill ma si comporti come Chamberlain.

20:59 Sirene antiaeree a Beer Sheva.

20:53 Il sindaco della regione di Eshkol afferma che domani non aprirà le scuole nonostante il "cessate il fuoco".

20:47 Sondaggio TV di Canale 2 sul cessate il fuoco:

70% contro
24% a favore
6% indeciso

20:45 Sirene antiaeree a Lachish, Ashdod, Ashkelon e Gan Yavneh, Kiryat Melachi.

20:33 Ynet riferisce che un razzo è stato sparato contro Israele dal Sinai ed è atterrato vicino a una comunità vicino al confine tra Israele e Sinai.

20:31 Sirene antiaeree nella regione di Eshkol.

20:27 Lachis e Ashkelon - Sirene antiaeree.

20:26 Attacco con sparatoria in auto a Bus a Gush Etzion vicino a Migdal Oz - nessun ferito

20:19 Sirene antiaeree ad Ashdod, Netivot, Beer Sheva.

20:12 Il presidente Barack Obama ha parlato con il primo ministro Benjamin Netanyahu e lo ha elogiato per aver accettato la proposta di cessate il fuoco egiziana, ha detto la Casa Bianca.


20:08 Nessun ferito nell'attentato a Metullah.

20:06 Il comando dell'IDF Homefront ordina a tutti nella regione di Eshkol di entrare in rifugi antiaerei immediatamente fino a nuovo avviso.

20:06 Granata di mortaio sparata contro Israele dal Libano atterra a Metullah.

20:03 Nel precedente attacco missilistico a Beer Sheva pochi minuti fa, un razzo ha colpito direttamente una casa a Beer Sheva. Nessun infortunio.

20:01 Sirene antiaeree ad Ashkelon

19:53 Sirena antiaerea nell'area di Tifrach.

19:52 Sirena antiaerea a Beer Sheva!


19:43 Ci sarà una conferenza stampa congiunta alle 20:30 da PM Netanyahu, DM Barak e FM Leiberman.

19:28 Segretario di Stato USA Hillary Clinton -- Annuncio del cessate il fuoco che inizia ora al Cairo.

19:00 Sto andando a fare la spesa gente. e non aggiornerà il blog per almeno 2,5 ore. Dovrebbe riprendere entro le 22:00 al più tardi. a meno che non accada qualcosa di grosso. Ricorda: se ci sarà un cessate il fuoco, l'ora che verrà è la più pericolosa.

18:59 Cinque veicoli israeliani danneggiati da lanciatori di sassi palestinesi sulla Highway 55 nei pressi di Azzun. Nessun ferito.

18:57 Amnon Abramovitz di Channel 1: Stasera alle 20:00, il Segretario di Stato americano Hillary Clinton annuncerà il cessate il fuoco.

18:12 Rapporti di momenti fa secondo cui un terrorista è stato catturato nell'area di Modiin.

18:09 Continua la caccia ai terroristi nell'area di Modiin. Ingorghi stradali in tutto il centro di Israele mentre i posti di blocco della polizia sono istituiti ovunque.

17:44 Dal blog dell'anziano di Ziyon - Come è morto il piccolo Omar Mishrawi?


17:38 Sirene antiaeree nell'area di Shaar HaNegev.

17:27 Roni Daniel - Corrispondente militare di Channel 1 TV: Hamas è alla disperata ricerca di un cessate il fuoco. Ora è il momento di colpirli più forte!

17:08 Ambasciata USA al personale: RESTARE A CASA! Penso che abbiano esagerato un po'.

Messaggio di sicurezza per i cittadini degli Stati Uniti
Ambasciata degli Stati Uniti Tel Aviv
21 novembre 2012 @ 14:40

A causa della ricerca in corso da parte della polizia di un sospetto nell'attentato a un autobus di Tel Aviv, l'Ambasciata ha consigliato al proprio personale di rimanere a casa fino a quando l'INP (Polizia nazionale israeliana) non darà il via libera. I cittadini americani dovrebbero monitorare i notiziari locali per le ultime informazioni. (Sito web dell'ambasciata degli Stati Uniti)

17:05 Segnalazioni di 3 feriti in un attacco missilistico nell'area della comunità vicino a Gaza. nessuna sirena del raid aereo suonava prima dell'attacco missilistico.

16:51 5 minuti fa un razzo è atterrato nella regione di Eshkol. Nessun danno o ferito segnalato.

16:50 L'IDF usa l'artiglieria pesante contro obiettivi a Beit Lahiyeh e Nusrayat nel nord della striscia di Gaza.

16:37 Nell'ultima ora, l'IDF ha distrutto altri 2 lanciarazzi a lungo raggio a Gaza (Nir Dvori, Channel 2 TV) 16:37 Nell'ultima ora, l'IDF ha distrutto altri 2 lanciarazzi a lungo raggio a Gaza (Nir Dvori, Channel 2 TV)

16:08 Israele dice al mondo: l'attacco di questa mattina a Tel Aviv complicherà il cessate il fuoco.

16:04 Secondo i rapporti palestinesi, l'IDF continua i bombardamenti di artiglieria su Gaza. Anche gli israeliani nelle aree adiacenti alla striscia di Gaza stanno sentendo le esplosioni provenienti da Gaza.

15:24 Sirene antiaeree ad Ashkelon

15:14 Sirena antiaerea nella regione di Eshkol

15:00 Arutz Sheva riferisce di un lieve miglioramento per la donna gravemente ferita ieri a Gush Etzion sulla tangenziale di Hussan vicino a Beitar Illit.

14:55 Giubilo a Gaza per l'attentato di oggi a Tel-Aviv. Musica e Corano a tutto volume dalle moschee e dai residenti sparano in aria di gioia.

14:12 IDF: Le nostre forze hanno appena attaccato 3 terroristi di Hamas mentre cercavano di lanciare razzi verso lo Stato di Israele. Questo attacco fa parte degli oltre 100 attacchi mirati dell'IDF da questa mattina.

13:58 Per quanto riguarda il precedente aggiornamento sulla riunione dei 9 ministri del gabinetto, l'incontro si terrà alle 23:00 al Kiriya di Tel Aviv ed è stato pianificato prima dell'attacco di oggi a Tel Aviv. Pertanto, l'intenzione originale era probabilmente quella di discutere il cessate il fuoco. anche se ora si concentrerà maggiormente sull'attacco di Tel Aviv.

13:53 Attacco con lancio di pietre sull'autostrada 443 di Modiin - Gerusalemme vicino a Beit Horon. Grosso ingorgo stradale.

13:51 Sirene antiaeree nella regione di Eshkol

13:50 Sirene antiaeree nella regione di Beer Sheva / Negev

13:46 Hamas riferisce che la fazione di Fatah (Abu Mazen/Mahmoud Abbas, presidente palestinese) è stata responsabile dell'attacco di oggi a Tel Aviv (Canale 2 TV)

13:40 Nell'ultima ora, le sirene dei raid aerei continuano a essere ascoltate nel sud di Israele.

13:27 Il governo israeliano di alto livello (9 ministri) si riunisce ora. Non è chiaro se lo scopo dell'incontro sia dare il via libera a un'incursione di terra o accettare/negoziare il cessate il fuoco.

13:22 Cerco di fare un po' di ordine nei notiziari.

- Nell'attacco a un autobus alle 12:02 di oggi, 21 persone sono rimaste ferite. 2 sono in condizioni da moderate a gravi e gli altri sono in condizioni di luce.

- Un sospetto è stato arrestato vicino all'edificio TASE a Ramat Gan. [aggiornamento: nessuna connessione con l'attacco terroristico di oggi]

- La polizia sospetta che una terrorista sia ancora in libertà. [aggiornamento: 2 sospetti sono in custodia.]

- Segnalazioni di ulteriori esplosioni intorno a Tel Aviv, nessuna notizia di feriti. [aggiornato: non si sono verificate ulteriori esplosioni]

13:06 Rapporti estremamente contrastanti in corso ora. Ultime notizie: la polizia israeliana sta chiudendo le Torri Azrielli. Riferisce che una donna terrorista è stata arrestata. Ci vorrà del tempo prima che l'immagine diventi più chiara. Segnalazioni su Channel Bet Radio di un'ulteriore esplosione a Tel Aviv che non è stata confermata.

12:25 Primi rapporti: il terrorista ha lasciato la bomba sull'autobus e poi se ne è andato.

12:18 Canale 22 riporta 10 feriti lievi sul posto. Le segnalazioni di ulteriori feriti sono già giunte agli ospedali locali.

12:16 Tutte le forze si stanno allontanando dall'area, indossando giubbotti antiproiettile e caschi a causa della grave minaccia di un ordigno esplosivo secondario sull'autobus.

12:14 Apparentemente l'autobus era vuoto o aveva pochi passeggeri. Solo un piccolo numero di feriti in cura.

12:13 TUTTE LE FORZE IN USCITA DALL'AREA BUS - GRAVE PREOCCUPAZIONE PER IL DISPOSITIVO ESPLOSIVO SECONDARIO SUL BUS.

12:12 Preoccupazioni per un dispositivo secondario nell'area di Tel Aviv -- I medici di emergenza si mettono al riparo, aiutando i feriti a evacuare rapidamente l'area.


00:32 Ok gente, è ora che io vada a dormire. Il blog riprenderà in mattinata. ci vediamo. Auguro una notte tranquilla a Israele e una preghiera per i nostri soldati.

00:29 Rapporti dell'IDF di 25 attacchi aerei riusciti su obiettivi di qualità negli ultimi 30 minuti.

00:05Riepilogo del giorno 7: 181 razzi lanciati contro Israele

00:04 Aggiornamenti in arrivo a breve. impostazione del post sul blog di oggi.


Visitare Israele?
Impara a sparare a Calibre-3 con i migliori esperti antiterrorismo israeliani!

Ovunque io sia, il mio blog si rivolge a Eretz Yisrael טובה הארץ מאד מאד


I talebani rivendicano l'attacco alla base NATO in Afghanistan

KABUL, Afghanistan - I talebani hanno rivendicato domenica la responsabilità di un assalto notturno alla più grande base della NATO nel sud dell'Afghanistan. Gli insorti che hanno sparato razzi, mortai e armi automatiche hanno cercato di assaltare il Kandahar Air Field, il secondo attacco di questo tipo contro una grande installazione militare questa settimana.

Diverse truppe della coalizione e dipendenti civili sono stati feriti nell'assalto sabato notte, ma non ci sono notizie di morti, hanno detto i funzionari.

Un rapporto dell'agenzia di stampa Canadian Press da Kandahar ha detto che il fuoco di artiglieria e mitragliatrice si è riverberato attraverso la base, a circa 300 miglia a sud-ovest di Kabul, diverse ore dopo l'inizio dell'attacco. I militanti hanno lanciato razzi e mortai verso le 20.00. e poi ha tentato senza successo di prendere d'assalto il perimetro settentrionale, hanno detto i funzionari.

Il portavoce dei talebani Qari Yousef Ahmadi ha dichiarato all'Associated Press che i suoi combattenti hanno attaccato la base da due lati e hanno sparato più di 15 razzi.

È stato il terzo grande attacco alle forze della NATO in Afghanistan in sei giorni.

Gli attacchi seguono un annuncio dei talebani di un'offensiva di primavera contro le forze della NATO e le truppe del governo afghano, la loro risposta alla promessa dell'amministrazione Obama di espellere i talebani dalle loro roccaforti nella provincia meridionale di Kandahar.

Martedì, un attentatore suicida talebano ha attaccato un convoglio della Nato nella capitale, uccidendo 18 persone, tra cui sei membri del servizio Nato, tra cui cinque americani e un canadese. Il giorno successivo, dozzine di militanti talebani hanno attaccato la principale base militare degli Stati Uniti - Bagram Air Field - uccidendo un appaltatore americano in combattimenti durati più di otto ore.

Sabato notte, almeno cinque razzi hanno colpito la base di Kandahar nell'attacco iniziale, ha detto il comandante della Marina. Amanda Peterseim, portavoce delle forze Nato alla base. Testimoni hanno detto che le esplosioni sono continuate per gran parte della notte. Non c'erano notizie di morti e Peterseim non aveva il numero preciso dei feriti.

"L'allarme suona da diverse ore, ma nessun insorto è penetrato nel perimetro della base", ha affermato la Nato in una nota. Ha detto che "un certo numero" di militari e civili sono rimasti feriti "e stanno ricevendo cure mediche. Non ci sono vittime confermate".
La NATO ha detto che a truppe e civili è stato detto di rimanere nei bunker per precauzione.

Peterseim non sapeva quanti insorti hanno lanciato l'attacco, ma ha detto che non sembravano indossare giubbotti da suicidio, come molti di coloro che hanno preso d'assalto il campo aereo di Bagram a nord di Kabul mercoledì. Oltre alla morte dell'appaltatore statunitense, durante l'assalto di Bagram sono stati uccisi 16 militanti e cinque aggressori sono stati catturati.

Gli attacchi missilistici contro la base di Kandahar, situata a circa 10 miglia a sud della città di Kandahar, non sono rari. Ma gli assalti di terra contro strutture così grandi come Kandahar e Bagram sono rari. Due attacchi nella stessa settimana mostrano che i militanti sono capaci di operazioni complesse nonostante la pressione militare della NATO.

Il Kandahar Air Field è il trampolino di lancio per migliaia di ulteriori forze statunitensi che si riversano nel paese per un'ondata estiva contro i talebani.

Gli attacchi nel sud di sabato scorso hanno ucciso tre membri del servizio NATO - un americano, un francese e un olandese - e un interprete afghano. Ciò ha portato a 997 il numero di membri del servizio degli Stati Uniti morti dall'inizio della guerra nell'ottobre 2001, secondo un conteggio dell'Associated Press. Il bilancio delle vittime olandesi in Afghanistan è ora di 24 e quello francese è di 42.

Un annuncio tramite altoparlante alla base di Kandahar ha detto che l'attacco al suolo stava arrivando da nord, ha detto Maura Axelrod, una giornalista di HDNet che si trovava all'interno della base. Ha detto che poteva sentire un forte fuoco in uscita e che i comandanti erano entrati nel bunker dove si era riparata per ordinare a tutti i marines armati di aiutare a stabilire un perimetro di sicurezza.

Un afghano di nome Najibullah che lavora con una società di sicurezza privata della base ha detto di aver sentito dei razzi colpire per circa mezz'ora. Ha dato un solo nome.

L'attuale spinta della NATO è volta a conquistare la popolazione nelle aree amiche dei talebani, stabilendo la sicurezza e rafforzando il governo locale. Tuttavia, ogni attacco militare ha creato un potenziale contraccolpo tra le discussioni su chi sia veramente un insorto.

Nell'ultimo incidente del genere, almeno una dozzina di persone sono state uccise a sud della capitale sabato dopo che le truppe statunitensi hanno avvistato due insorti che cercavano di piazzare bombe, ha detto un funzionario afghano.

I due sono stati uccisi nella provincia di Paktia, ha detto il capo del distretto Gulab Shah. Le truppe hanno visto i compagni trascinare via i due corpi e hanno chiamato un elicottero da combattimento che ha ucciso altre 10 persone, che secondo i funzionari degli Stati Uniti erano tutti militanti, ha detto Shah.

Shah ha detto che le autorità afghane indagheranno per assicurarsi che i morti fossero tutti ribelli.

Le morti di civili sono un problema cruciale in Afghanistan, dove il presidente Hamid Karzai ha esortato la NATO a prendere tutte le misure necessarie per proteggere le vite dei civili.

A più di otto anni dall'inizio della guerra in Afghanistan, anche il sostegno internazionale si sta indebolendo.

Il ministro della Difesa del nuovo governo di coalizione conservatore-liberale democratico ha incontrato sabato a Kabul Karzai e ha detto che spera di accelerare il ritiro delle truppe britanniche.

Il segretario alla Difesa Liam Fox è citato nell'edizione di sabato del quotidiano The Times che "vorrebbe che le forze tornassero il prima possibile" e vuole vedere se è possibile accelerare l'addestramento delle truppe afgane.


Wikinotizie: refrigeratore d'acqua/politiche/archivi/2012/novembre

Vorrei commentare la copertura delle notizie da wikinews. Capisco che sia il contributo dell'utente e questo potrebbe portare a una rappresentazione insufficiente o eccessiva a seconda di chi sta scrivendo gli articoli. Ad esempio, se i membri delle FARC riferissero continuamente su articoli di notizie, ciò porterebbe a una visione unilaterale del conflitto in Colombia. È mia opinione che i post di wikinews siano continuamente pro palestinesi. Mi asterrò dall'esprimere le mie convinzioni e non ho statistiche, ma sembra che molti o la maggior parte degli articoli scritti condividano solo un lato della storia. Attualmente nella scorsa settimana ci sono state 3 ultime notizie sull'assassinio di un membro di Hamas, Hamas che ha abbattuto un f 16 e Israele che ha colpito un edificio di notizie. Non ce n'è stata una su un israeliano morto a causa di attacchi missilistici, o uno sull'inizio di attacchi missilistici che hanno preceduto l'assassinio e l'operazione "Pilastro di ferro". Non sto esprimendo pensieri sulla validità degli argomenti di entrambe le parti, ma notando la consistente mancanza di rapporti equilibrati. So che gli articoli sono inviati dagli utenti, ma gli articoli che rappresentano notizie all'interno di Israele non sono presenti e danno a Wikinews l'apparenza di parzialità. Non voglio discutere e non risponderò a nulla su chi ha ragione o di chi è la colpa perché hai perso il senso di questo post. È mia opinione che le storie siano riportate in modo molto unilaterale. Eframgoldberg (discussione) 02:39, 18 novembre 2012 (UTC)

Ci sono due questioni separate qui: scelta della storia e copertura di una data storia. Per quanto riguarda la copertura delle singole storie. Hai menzionato questa preoccupazione nella pagina dei commenti di un recente articolo. Ti sei sbagliato su quell'articolo. Non presentiamo "un lato" di una storia un articolo di Wikinews non presenta un "lato" - siamo neutrali. Chi è abituato a un certo clima propagandistico spesso dimentica (o forse non si è mai reso conto) che esiste una cosa come la neutralità. Quando sono esposti a un'assenza del loro pregiudizio preferito, scambiano quell'assenza per un pregiudizio "contro" il loro POV preferito. Per quanto riguarda la scelta della storia, beh, pubblichiamo articoli inviati che soddisfano i nostri standard, ma non possiamo recensire molto bene un articolo che non è stato inviato. --Pi zero (talk) 03:02, 18 novembre 2012 (UTC) Sebbene non sia possibile recensire un articolo che non è stato inviato, dovrebbe essere responsabilità di qualcuno assicurarsi che vengano pubblicati articoli che coprono entrambe le parti. Per l'attuale conflitto ci sono 4 articoli sulle operazioni israeliane a Gaza e 0 su come Israele è stato colpito. Potrei tornare indietro e guardare i conflitti precedenti e vedere qual è il conteggio, ma non sarei sorpreso di contare ancora una volta 0 per gli articoli che rappresentano notizie in Israele. Quindi, anche se potresti pensare che Wikinews sia neutrale perché chiunque può inviare articoli di notizie, il track record mostra una mancanza di neutralità. Se l'unica ragione di ciò è perché nessuno sta inviando articoli che trattano notizie in Israele, allora dovrebbe spettare a qualcuno di wikinews assicurarsi che tutte le parti siano coperte.70.119.233.170 (discussione) 01:09, 20 novembre 2012 (UTC ) Evidentemente ti sei perso quello che ho detto sui lati, anche come il concetto di wiki. --Pi zero (talk) 01:29, 20 novembre 2012 (UTC) Inoltre l'articolo di oggi "La forza di difesa israeliana ammette di aver preso di mira il centro media nell'attacco aereo di Gaza City" copre la stessa storia pubblicata il giorno precedente "Giornalisti a Gaza City feriti in Israele attacco aereo" 70.119.233.170 (discussione) 01:12, 20 novembre 2012 (UTC) Al momento della pubblicazione del primo articolo, l'IDF non aveva rilasciato una dichiarazione ufficiale sull'attacco aereo. Dato che l'articolo ha più di 24 ore, non è stato possibile aggiungere nuove informazioni. DragonFire1024 (Parla con il drago) 01:22, 20 novembre 2012 (UTC) Si può dire che i due articoli riguardano eventi diversi dal fatto che i rispettivi eventi di notizie focali sono identificati nei titoli. --Pi zero (talk) 01:29, 20 novembre 2012 (UTC) Bene, ora sono stati pubblicati 6 articoli che descrivono la situazione a Gaza e 0 pubblicati su ciò che sta accadendo in Israele. Non sembra che entrambe le parti siano rappresentate. Anche se 1400 razzi sono caduti su Israele e civili uccisi, a quanto pare questo non è abbastanza degno di nota da meritare l'attenzione degli scrittori qui.Eframgoldberg (discussione) 22:11, 21 novembre 2012 (UTC)

┌──────┘
Alzi uno dei irritante problemi con qualsiasi progetto di notizie basato su contributori volontari, Eframgoldberg (presumo che i commenti firmati dall'IP siano anche i tuoi, per favore prova ad accedere e mantieni chi ha detto cosa identificabile).

però, stai chiedendo "equilibrio" per un periodo di tempo, il che è impossibile se quelli con particolari simpatie sono squilibrati nella loro rappresentazione-contribuente. NPoV attivo Wikinotizie non è affatto come NPoV su Wikipedia non stiamo scrivendo un resoconto continuamente aggiornato, enciclopedico e perennemente modificabile della storia passata. Invece, ogni articolo è una storia, una "istantanea" che funziona con le informazioni allora disponibili. NPoV attivo Wikinotizie si sforza di spingere i contributori a "Scrivere per il 'nemico'", ma questo non può essere motivo per ritardare indebitamente la pubblicazione mentre si aspetta un comunicato stampa o una dichiarazione da una parte o dall'altra.

Sento che, nel caso di qualcosa come difficile per gestire il conflitto israelo-palestinese, potremmo scendere fin troppo facilmente nell'accusarci a vicenda di mantenere posizioni irragionevolmente prevenute. Ciò non contribuisce a promuovere il progetto né a migliorare la qualità dei rapporti. Cito da questo articolo, un'opinione del giudice Brandeis, "Se c'è tempo per esporre attraverso la discussione la menzogna e le fallacie, per scongiurare il male attraverso i processi educativi, il rimedio da applicare è più la parola, non il silenzio forzato. ." Questo vale qui, su Wikinotizie, e con le notizie spesso ci manca quel tempo, ma questo non è affatto un motivo per chiedere "meno discorsi", "meno notizie".

Ho sperimentato lo stesso tipo di critica che coloro che dedicano del tempo a contribuire potrebbero facilmente interpretare le tue osservazioni per rappresentare.E penso che guardare un reportage su questioni completamente non correlate in cui sono sorte lamentele simili sia meglio dell'escalation su questo problema. Mi sono occupato di una disputa salariale e di una minaccia di sciopero che ha una discussione molto interessante sulla neutralità nelle notizie un altro mio articolo mi ha visto dover lottare abbastanza vigorosamente per evitare un buon pezzo di giornalismo investigativo annacquato all'inutilità. Cosa hanno in comune entrambi questi pezzi? E, cosa forse più importante, come si collegano alle lamentele sollevate sul conflitto israelo-palestinese?

Bene, entrambi mostrano un Wikinotizie rispetto all'approccio di Wikipedia ad a storia. Rimanere degno di nota impone vincoli di tempo se aspettiamo che una parte risponda correttamente, possono scegliere di non farlo e rendere la storia <>. In secondo luogo, siamo giornalisti e dovremmo considerare le fonti in modo critico.

Tutto si riduce a: "La risposta al discorso che non ti piace non è cercare di sopprimerlo, ma è più discorso".

Quindi, non vedo alcuna violazione di NPoV in cosa Wikinotizie ha pubblicato invece, vedo una parte che cerca di dire alla stampa cosa scrivere, cosa dire, e di ignorare le dichiarazioni date in fretta. Per cogliere un dettaglio dagli articoli che ho visto sulla recente escalation del conflitto, l'IDF ha rilasciato la dichiarazione più ridicola che abbia mai visto che stavano prendendo di mira il tetto di un edificio che ospitava giornalisti perché alcune apparecchiature di comunicazione possedute e gestite da Hamas erano lì. Non puoi farlo con missili, mortai e quant'altro stai prendendo di mira l'edificio, punto. È come se l'industria musicale canadese mi dicesse di andare a parlare con il loro lobbista pagato perché "mi dirà il `vero`fatti" e non notare che è impiegato per far girare positivamente il loro punto di vista.

Lunga, sconclusionata, risposta. Ma spero che metta le difficoltà di questo progetto nel realizzare un report di qualità un po' più in prospettiva. --Brian McNeil / parlare 23:02, 21 novembre 2012 (UTC)

  • Quando l'IDF arriva al punto di dire che la maggior parte dei "feriti" dai razzi di Hamas sono stati portati in ospedale a causa dello "stress", quel lato della storia non è paragonabile a quello che sembra essere l'obiettivo intenzionale di civili e giornalisti . Ora. Forse mi sto allontanando un po' qui, ma correggimi se sbaglio: cos'è più importante la morte e il massacro dei giornalisti, o la storia di quanto siano stressati gli israeliani? Non sono affatto POV qui, questo è un fatto al 100%, e puoi guardare tutti i feed ufficiali dell'IDF su Twitter. DragonFire1024 (Parla con il drago) 23:15, 21 novembre 2012 (UTC)
  • È lì che riporti la "propaganda" da entrambe le parti. Come dici tu, le persone che vanno in ospedale per lo stress suonano "ridicole". Se è quello che dice l'IDF, lo riferisci il più possibile sotto forma di citazioni dirette. Con Al-J che è una fonte pro-palestinese, stai cercando di dire: giornalista di Al-J chiunque rapporti da Gaza vedendo "qualunque cosa". Sì, generalmente tendiamo a evitare di citare altre fonti in questo modo, ma questo è un caso in cui abbiamo a che fare con una propaganda seria da entrambe le parti. Finisci per dover usare quella tecnica per "bilanciare" la guerra di parole Per coloro che sono particolarmente filo-israeliani non possono criticarci senza poi essere irragionevoli in qualsiasi accusa.
  • Sono uno scienziato non un giornalista e indipendentemente da come si voglia giustificare o razionalizzare la distribuzione degli articoli pubblicati non cambia il fatto che la segnalazione da questo sito sia stata del tutto unilaterale (non in termini di contenuto dell'articolo, in termini di articoli pubblicato). Potresti non essere parziale da una parte o dall'altra, ma sembra che questa sia diventata una scatola di sapone per la causa palestinese. Inoltre, credo che dovresti astenerti dal recensire articoli che riguardano questo conflitto poiché hai chiaramente un POV sull'argomento e non credo che darai una recensione imparziale. Ho supportato wikipedia per molto tempo sia con contributi ad articoli per lo più scientifici, sia a livello monetario. L'affermazione di DF che in qualche modo l'unico effetto negativo su Israele è lo "stress" mostra solo quanto sia integrato nel meccanismo di questo sito Web il pregiudizio verso Israele. Non ho tempo da dedicare ad assicurarmi che le notizie israeliane siano coperte. Se credi che gli attacchi missilistici non meritino una notizia, che gli attacchi dinamitardi a Tel Aviv non meritino una storia, che Hamas giustiziare "spie" senza processo non meriti una notizia, allora non hai alcun diritto di essere una posizione in cui dovrebbero essere imparziali. Se ti prendi la responsabilità di scrivere storie su ciò che sta accadendo a Gaza, e altri come me che potrebbero non avere le capacità o l'esperienza per scrivere un "buon articolo" non possono farlo, dovresti prenderti la responsabilità di scrivere su entrambe le parti. Mi dispiace se mi sto sfogando o emotivamente, ma ho notato il pregiudizio statistico nei conflitti passati negli ultimi anni e so solo dire qualcosa. Come posso aspettarmi una recensione equa quando i revisori esprimono il loro punto di vista ed è chiaramente pro-palestinese. Eframgoldberg (discussione) 01:16, 22 novembre 2012 (UTC)
  • Ti riferisci a me che mi escludo di recensire? Non prendo di buon occhio l'accusa di non poter rivedere contributi che potrebbero non essere storie che sceglierei di scrivere.

Wikinotizie contributori, potresti essere interessato a contribuire con le tue opinioni a questa discussione: meta: Proposte per la chiusura di progetti/Chiusura di Wikinews in inglese. Grazie per il tuo tempo, -- Cirt (discussione) 14:43, 19 novembre 2012 (UTC)


Guarda il video: Seberapa Canggih Sistem Rudal Pertahanan Udara Iron Dome Israel (Luglio 2022).


Commenti:

  1. Bakkir

    Assolutamente con te d'accordo. È una buona idea. Ti supporto.

  2. Wynn

    Certamente non è giusto

  3. Fegore

    Non è piacevole per me.

  4. Nikokasa

    Variante ideale

  5. Tokinos

    Pensiero molto divertente



Scrivi un messaggio