Podcast di storia

Androscoggin - Storia

Androscoggin - Storia

Androscoggin

(RC: dp. 1.605; lbp. 210'0"; b. 35'2"; dr. 17'6" (media); s. 13.2
K.; cpl. 44; un. 4 6 persone; cl. Androscoggin)

Androscoggin, un cutter con scafo in legno progettato appositamente per le attività di rompighiaccio, è stato costruito per l'United States Revenue Cutter Service (USRCS) a Tompkins Cove e, New York, da Rodermond Brothers; varato il 16 gennaio 1907; sponsorizzato da Miss Emma Frye White; e commissionato l'8 luglio 1908.

Quell'estate, Androscoggin iniziò le operazioni da Portland, nel Maine, il suo porto di origine per i successivi sette anni. Ha svolto il lavoro della USRCS, navigando in acque di crociera al largo della costa nord-orientale da Eastport, Maine, a Cape Ann, Mass. Ogni inverno, in virtù della sua costruzione speciale e della sua prua rinforzata, assisteva le navi e le imbarcazioni quando necessario e distruggere le minacce alla navigazione nelle sue acque assegnate, oltre a svolgere lavori rompighiaccio nei porti della sua zona di crociera.

L'11 agosto 1909, Androscoggin ricevette l'ordine di cercare sei uomini su una zattera di salvataggio, i sopravvissuti del rimorchiatore della Marina Nezinscot che si era capovolto e affondato al largo di Cape Ann quella mattina mentre era in rotta verso Boston. Fortunatamente, tutte le mani sono state raccolte da un'altra nave che per prima ha raggiunto la scena del disastro. Nello stesso anno, Androscoggin ha pattugliato le regate internazionali di yacht a Marblehead, ass., e ha preso parte alle celebrazioni Hudson-Fulton a New York a settembre.

L'11 gennaio 1910, mentre si trovava a Portland, Androscoggin ricevette un messaggio senza fili per cercare l'accendino a vapore Columbia che era partito da New York il giorno prima di Natale del 1909, diretto a Port-au-Prince, Haiti, con un equipaggio di 11 uomini a bordo. Il cutter è partito il giorno seguente e ha percorso 2.399 miglia durante un'infruttuosa ricerca di due settimane in cui non ha trovato traccia dell'accendino scomparso o del suo equipaggio di 11 uomini. Androscoggin riprese quindi le sue funzioni fuori Portland che durò fino all'estate, quando si trasferì temporaneamente a Washington, D.C. Tornando a nord a novembre per le riparazioni al Boston Navy Yard, vi rimase fino a gennaio 1911 e poi riprese le operazioni fuori Portland.

In estate, si diresse a sud per le riparazioni al deposito, Arundel Cove, South Baltimore, Md., che durò fino a novembre. Partendo il 12 di quel mese, si diresse a nord per i suoi terreni di crociera, ma all'inizio di dicembre si fermò brevemente nel Boston Navy Yard per le riparazioni al suo rivestimento di prua che fu danneggiato quando una piastra di ferro si staccò dal
mattina del 9 dicembre.

Riprendendo le operazioni da Portland poco dopo, la nave si impegnò nella sua consueta "crociera invernale", che includeva il rompighiaccio. Mentre lavorava attraverso il ghiaccio pesante della baia di Penobscot all'inizio di febbraio 1912, l'azione del ghiaccio e della nave allentarono le piastre di prua. Effettuò le riparazioni e riprese i suoi lavori. Il suo capitano in seguito riferì che le temperature sotto le quali operava erano in media di 5-10 gradi. zero basso.

Durante l'inverno del 1912 e del 1913, Androscoggin partecipò alle ricerche di due golette, Future e Winslow, al largo della Virginia nel gennaio 1913. I documenti non indicano il destino di quest'ultimo, ma il primo era naufragato il 3 gennaio 1913 con la perdita di tre le otto persone a bordo.

Il 10 aprile 1913, l'USRCS ha limitato le operazioni delle sue navi poiché i suoi fondi per il carbone per il resto dell'anno fiscale erano così bassi che le sue navi potevano navigare "solo nei momenti assolutamente necessari per aiutare le navi in ​​difficoltà". I capitani furono esortati a esercitare "l'economia più rigida" ma a mantenere "carbone sufficiente ... in ogni momento a disposizione per assicurare la pronta risposta della nave a qualsiasi richiesta di assistenza durante questo periodo". ridotto anche il complemento di livello, Androscoggin rimase inattivo per tutta la primavera prima che l'anno fiscale terminasse il 30 giugno 1913 e nuovi stanziamenti le permisero di riprendere un regime più attivo.

Più tardi quell'estate, Androscoggin intrattenne numerosi visitatori importanti, a cominciare dall'Onorevole William Gibbs McAdoo, il Segretario del Tesoro, che viaggiò sulla nave da Rye, NY, a New York City tra il 15 e il 21 agosto 1913. Durante quel periodo , ha anche imbarcato il colonnello Edward M.

House, un influente consigliere del presidente Woodrow Wilson, Salem, Mass., il 17 agosto, durante la crociera del segretario McAdoo. Più tardi, il 1 settembre 1913, Androscoggin imbarcò il dottor Constantin Theodor Dumba, l'ambasciatore austro-ungarico negli Stati Uniti, per assistere alle regate internazionali di yacht tenute quell'anno a Marblehead, Massachusetts.

Successivamente mandato al deposito di Arundel Cove, per le riparazioni, Androscoggin vi arrivò il 13 dicembre 1913 e subì riparazioni e modifiche per il resto del mese. In corso il giorno di Capodanno del 1914, si incagliò a Cove Point, Md., tre giorni dopo. Rimesso a galla e apparentemente poco danneggiato, Androscoggin proseguì per Boston.

Il 28 gennaio 1914, il rimorchiatore della Marina Potomac era partito da Newport, R.I., per salvare le navi legate al ghiaccio al largo della costa di Terranova, ma ha subito una glassa. Androscoggin lasciò la sua stazione di Portland per fare rapporto ad Halifax o Sydney, Nuova Scozia, "come indicato" e per partecipare agli sforzi per liberare il rimorchiatore della Marina. Alla fine il tentativo fu abbandonato il 14 febbraio, Potomac abbandonato al ghiaccio per l'inter invernale ma recuperato la primavera successiva e tornato in servizio dopo le riparazioni. Androscoggin lasciò successivamente Halifax il 16 febbraio.

Il cutter trascorse poco più della prima metà dell'anno 1914 in operazioni di routine evidenziate da una visita cerimoniale a Gresham. Androscoggin visitò Boston a metà marzo per prendere Fart durante le festività annuali del giorno dell'evacuazione e tornò lì più tardi quella primavera per onorare i veterani della guerra ispano-americana a Boston il 24 maggio. Il Memorial Day ha visto la nave a Rockland, nel Maine.

Il 21 luglio, Androscoggin ricevette gli ordini di partecipare alle cerimonie, che si sarebbero tenute dalla Maine Historic Society, a Monhegan Bay, nel Maine, il 5 agosto. Tuttavia, prima che potesse sopportare le lunghe tensioni nei Balcani per prendere parte a quell'evento, ho dato il via alla conflagrazione che è sfociata nella prima guerra mondiale. Quegli eventi lontani hanno influenzato l'immediato futuro di Androscoggin.

Il giorno prima dell'inizio dei festeggiamenti programmati all'isola di Monhegan, il piroscafo della North German Lloyd Line SS Kronprinzessin Cecilie, pilotato in porto da un banchiere, il cui padre possedeva una residenza estiva nelle vicinanze poiché nessuno degli ufficiali della nave aveva familiarità con il locale acque-stava nel porto marittimo del Maine di Bar Harbor e ha causato molto scalpore tra la popolazione locale. La ragione di questo scalo non ortodosso divenne presto evidente. La maestosa nave, il suo comandante preoccupato per la possibilità di essere catturata in alto mare da incrociatori britannici o francesi, si stava avvicinando a Liverpool, in Inghilterra, quando ricevette l'ordine telegrafico di tornare negli Stati Uniti neutrali, dirigendosi verso il più vicino porto, che, in considerazione della diminuzione dell'offerta di carbone del transatlantico, sembrava Bar Harbor. Una ragione per l'ansia del capitano divenne presto evidente. Oltre ai suoi 1.216 passeggeri (alcuni dei quali erano riservisti dell'esercito britannico), la nave trasportava $ 10.679.000 in oro e circa $ 3.000.000 in argento. Questo carico ha spinto i giornalisti a soprannominarla "La nave del tesoro".

In risposta alla richiesta avanzata dall'ufficio di New York della North German Lloyd Line, rappresentanti dello Stato, del Tesoro e del Commercio, e dell'USRCS, si sono incontrati a Washington per discutere della situazione. Il segretario McAdoo, di conseguenza, ordinò ad Androscoggin di recarsi a Bar Harbor il 5 agosto 1914, "di non permettere a nessuna nave straniera di lasciare le vicinanze senza autorizzazione". Ordini simili sono andati a USRC Woodbury (a Portland) e USRC Gresham (a Boston). Lo scopo della visita dell'Androscoggin a Bar Harbor sarebbe stato principalmente quello di sorvegliare il trasferimento dell'oro e dell'argento dal transatlantico alle gare d'appalto in cui sarebbero stati portati a terra, caricati su un treno e restituiti a New York City.

Di conseguenza, Androscoggin, Capt. W. E. Hall, USRCS, al comando, partì da Portland il 5 agosto e raggiunse la sua destinazione il giorno successivo, essendo stato raggiunto in rotta da War ring ton (Destroyer No. 30), Lt. Comdr. Daniel Pratt Mannix al comando. Quest'ultima nave da guerra era stata spedita dall'isola di Monhegan con un preavviso così breve che i circa 30 uomini a terra per la libertà erano stati rastrellati in gran fretta.

L'arrivo del cacciatorpediniere e del cutter ha alimentato speculazioni selvagge sulla stampa. Il New York Times riferì il 7 agosto che erano venuti "per custodire e forse per riportare a New York l'oro... che trasporta il transatlantico dei profughi. A questo proposito", concluse il membro del 4° Stato, "i capitani di entrambe le navi non comunicavano". Alla fine, con la situazione a Bar Harbor risolta - oro, argento, passeggeri e posta trasferiti a terra e Kron prinze a Cecilie internato - Androscoggin salpò e partì da Bar Harbor il 16 agosto, sollevato in stazione dall'USRC Mohawk. Dopo aver toccato brevemente a Portland, Androscoggin ha ottenuto
in corso il 18, diretto al deposito di South Baltimora. Raggiunse Arundel Cove il 22 e in seguito si trasferì a Baltimora, dove fu attraccata in carenaggio per le riparazioni dello scafo che durarono
per il resto dell'estate. Mentre era a Baltimora, il cutter contribuì con una squadra di sbarco per marciare nelle celebrazioni dello Star-Spangled Banner in quella città l'11 settembre. Tornando a
il 22 di quel mese, Androscoggin rimase ad Arundel Cove durante l'inverno prima di partire per Boston tre giorni prima di Natale. È arrivata lì per il dovere
con la Divisione Orientale l'ultimo giorno del 1914.

Le operazioni di Androscoggin quell'inverno riflettevano la nuova enfasi nel fornire servizi medici altrimenti irraggiungibili per gli uomini delle flotte da pesca americane. Una legge del 24 giugno 1914 aveva autorizzato il comandante dell'Agenzia delle Entrate a "dettagliare i dazi sui tagliatori di rendite tali chirurghi e altre persone del Servizio Sanitario Pubblico, se necessario". Come risultato di questo atto, Androscoggin fu allestita come nave ospedale e "sollevata dai normali compiti normalmente svolti dai cutter" per navigare sulle sponde da pesca al largo della Nuova Scozia e della Nuova E e.

Poco dopo che Androscoggin partì da Boston il 15 gennaio 1915 per Gloucester, Mass., per conferire con i rappresentanti dell'industria della pesca, il Revenue Cutter Service e il Lifesaving Service furono fusi dalla legge del 28 gennaio 1915 che istituisce la United States Coast Guard. Con sede a Boston, il cutter ha toccato i porti di Halifax, Liverpool e Shelburne, in Nuova Scozia, e ha frequentato le Brown e Lahave Banks. Le catture per la stagione regolare si erano rivelate deludenti piccole quando il servizio previsto della nave con la flotta da pesca era terminato, i pescatori erano rimasti nelle acque al largo della Nuova Scozia nella speranza di raccogliere più generosità dal mare. Questo sviluppo spinse il capitano Hall di Androscoggin a riferire la necessità di rimanere "in stazione" all'inizio della primavera. Concessa questa estensione, Androscoggin operò al largo delle Grand Banks, fermandosi brevemente per imbarcare carbone e acqua ad Halifax, fino alla fine di maggio 1915. Il medico di Androscoggin trattò più di 100 casi medici durante i primi cinque mesi che la nave trascorse in due a- periodi di mare tra le imbarcazioni al largo delle Rive. Durante quel periodo, non trascurò le sue altre funzioni tradizionali: assistere tre navi in ​​difficoltà.

A seguito di questo arduo compito, Androscoggin salpò verso sud per il deposito della guardia costiera a South Baltimora, arrivando la mattina del 7 giugno. Rimase lì fino alla partenza per Boston quella mattina del 12 ottobre. Riprendendo le sue operazioni con le flotte da pesca quel novembre, la nave operò nuovamente da Halifax e Shelburne, nel maggio 1916. La presenza di una nave ospedale nelle loro vicinanze nei mesi successivi fu fonte di grande conforto e sicurezza per i pescatori , e il suo dovere mi rimase "globale" quando gli Stati Uniti entrarono nel 1917. Il giorno seguente, Androscoggin ricevette l'ordine di riconoscere il "Piano Uno".

Quando la Guardia Costiera passò sotto il controllo della Marina per la durata di "La guerra per porre fine a tutte le guerre", Androscoggin si preparò rapidamente per il servizio in tempo di guerra. Entro 10 giorni dall'inizio delle ostilità dell'America, il comandante, Squadron 1, Patrol Force, Atlantic Fleet, a cui Androscoggin era stato inizialmente assegnato, raccomandò che fosse riarmata con una batteria di quattro cannoni da 3 pollici contro i suoi 6 libbre. Tuttavia, la scarsità di tali armi rese possibile la loro assegnazione ad Androscoggin entro l'estate e invece le sue armi "consumate" furono sostituite da armi di calibro simile prese dall'USCGC Tampa quando quest'ultima fu riarmata per il servizio di guerra.

Con sede a Provincetown, Mass., Androscoggin era "pronta in ogni momento a prendere il via con un preavviso di due ore per la pattuglia o altri compiti" della Patrol Force, nell'autunno del 1917. Al di fuori dei suoi nuovi compiti di pattuglia in tempo di guerra, Androscoggin continuò a svolgere il suo consueto compito in tempo di pace di andare in aiuto della spedizione in difficoltà. Un esempio di ciò si è verificato quando, il 9 novembre 1917, ha ricevuto un rapporto che la SS Santa Rita era in panne; Androscoggin si separò da Boston alle 10:30 di quel giorno e apprese alle 1135 del 12 che Santa Rita non aveva più bisogno di assistenza poiché un'altra nave era arrivata e le aveva fornito abbastanza carburante per fare porto. Androscoggin rientrò in porto la mattina del 15. Poco tempo dopo, il suo timone e la timoneria furono danneggiati da una tempesta e le impedirono di assistere le navi in ​​difficoltà al largo del New Brunswick e delle Isole Prince Edward all'inizio di dicembre.

Nel corso delle sue successive riparazioni, fu necessario installare la fresa sulla ferrovia marittima presso il Boston Navy Yard. Le condizioni di ghiaccio invernale, tuttavia, hanno ritardato l'uscita della nave dalla ferrovia.

Androscoggin è stato sganciato il 15 febbraio e ha ripreso le operazioni poco dopo. All'inizio di marzo, la nave ha preso il mercantile disabile, SS Turret Crown, al seguito, portandola a Boston dove un rimorchiatore ha assunto il rimorchio e ha portato la nave per le riparazioni. A marzo, la compagnia Androscoggin-in con USCGC Tuscarora ha scortato una formazione di subchaser di 110 piedi alle Bermuda. Dopo quel giro di servizio convoglio, ha rimorchiato chiatte da Guantanamo Bay a Hampton Roads in aprile.

Al termine delle riparazioni a Boston, Androscoggin ha navigato su Ice Patrol, segnalando le condizioni del ghiaccio al largo di St. John's, Terranova, a metà maggio. Nel corso della sua prima perlustrazione in quelle acque, avvistò cinque grandi iceberg, due piccoli e sette "growler" il 29 maggio e un piccolo berg il 1° giugno. Il suo rapporto finale ha ricapitolato ciò che aveva visto: nessun iceberg al largo dei Grand Banks, ma alcuni a sud ea est, concludendo che le navi in ​​quell'area dovrebbero procedere con cautela con "il maltempo".

Dopo essersi fermato brevemente a Boston per manutenzione, Androscoggin è tornato nelle acque settentrionali una seconda volta a giugno, per il servizio di pattugliamento sul ghiaccio prima di riprendere le sue attività per controllare la flotta da pesca al largo di Georges e Grand Banks quell'agosto. Durante le successive riparazioni a Boston, gli sforzi per aggiornare l'armamento di Androscoggin diedero finalmente i loro frutti, quando la nave ricevette cannoni da 3 pollici che erano stati inizialmente destinati ai dragamine di nuova costruzione.

Androscoggin operò brevemente nelle acque al largo della Nuova Scozia all'inizio di ottobre 1918 e toccò il Quebec verso la fine del mese. L'11 novembre, l'armistizio è stato firmato endin
ostilità. Tra il 5 e il 9 dicembre 1918, il cutter convoglia una flottiglia di nove pescherecci da Halifax a Boston.

Staccata dal 1° Distretto Navale per servizio temporaneo agli ordini del "Commodore Comandante della Guardia Costiera" il 7 marzo 1919, la batteria di Androscoggin-suo rimosso
prima della partenza, riprendevano le funzioni di Ice Patrol subito dopo. Questa nave e il cutter Tallapoosa ricevettero l'ordine di pattugliare le rotte dei piroscafi per determinare i limiti delle aree ghiacciate e per trasmettere le informazioni alle navi nelle loro vicinanze. Soccorrendo Tallapoosa alla stazione il 1° maggio ea sua volta sostituito il 16, Androscoggin condusse un'altra pattuglia prima di tornare a Boston nel giugno.

Sollevata dal servizio con l'Ice Patrol il 5 luglio, la Androscoggin ha ripreso le sue operazioni annessa al 1° Distretto Navale. Il 20 luglio 1919, la nave partì da Boston e si diresse verso Halifax, convogliando quattro pescherecci canadesi e due pescherecci canadesi per essere restituiti a quel governo dopo il loro breve servizio con la Marina. Poco dopo la mezzanotte, uno dei pescherecci (n. 55) scomparve nell'oscurità.

Mentre il convoglio si fermava, Androscoggin iniziò a fischiare a intervalli, e udì una risposta di tre squilli che lei presumeva provenisse dal n. udì chiaramente un fischio nell'oscurità nebbiosa. Dirigendosi verso il suono ma non vedendo luci che lo accompagnassero, il cutter proseguì sulla stessa rotta per cinque miglia ma non vide né udì più nulla. Poi tornò a sdraiarsi ma, mentre il giorno sorgeva sul mare calmo e nebbioso, non c'era traccia del peschereccio perduto. Alle 06:00, il 21, Androscoggin ha proseguito il suo viaggio, convogliando i tre pescherecci rimanenti ei due pescherecci, raggiungendo Halifax il 23. Fortunatamente, la mattina del 23 luglio il peschereccio scomparso si è presentato sano e salvo, segnalando la sua posizione come ancorata all'ingresso protetto dalla nebbia di Dover, in Nuova Scozia, e indicando le sue intenzioni di procedere quando la nebbia si è diradata.

Dopo essere tornato a Boston, Androscoggin scortò un secondo convoglio di vagabondi canadesi ad Halifax (dal 30 agosto al 2 settembre) prima di arrivare a Boston il 5 settembre. Sebbene la Guardia Costiera sia stata trasferita di nuovo alla giurisdizione del Dipartimento del Tesoro il 28 agosto 1919, Androscoggin insieme ai cutter Ossipee, Acushnet, Mackinac e Winnisimmet, non è stato restituito al Dipartimento del Tesoro fino al 22 settembre 1919.

Androscoggin riprese il regolare servizio di crociera la primavera successiva, con sede a Boston e fu assegnato alla Divisione Orientale, tenuto pronto a rispondere alle chiamate per assistere le navi in ​​pericolo "e svolgere tutti gli altri compiti di un normale cutter da crociera". I suoi motivi di crociera dovevano comprendere le acque da Eastport, nel Maine, a Nantucket Shoals. I momenti salienti delle sue operazioni nei mesi successivi sono stati due casi in cui ha risposto alle richieste di assistenza delle navi e al servizio temporaneo sulla stazione di New York con le International Yacht Races.

Quell'autunno, il cutter si recò a Gloucester, Mass., una visita causata da una denuncia, presentata dai pescatori al deputato locale, che un certo numero di reti dei pescatori di Gloucester era stata manomessa da sconosciuti. Hanno chiesto al governo di proteggere le loro reti "contro i predoni" che quotidianamente le distruggevano a circa tre o quattro miglia al largo di Cape Ann. Androscoggin salpò quindi per Gloucester la mattina del 22 ottobre 1920 e indagò sulla vicenda, diffondendo la notizia che la Guardia costiera era "alla ricerca dei colpevoli di taglio delle reti o di qualsiasi altra interferenza con i pescatori nel loro regolare esercizio commerciale". ."

In seguito a quella missione, Androscoggin riprese le operazioni fuori Boston, trascorrendo l'ultima parte dell'anno sotto rr al Boston Navy Yard prima di riprendere lo stato di servizio il 1° 1921. Una volta a gennaio e un'altra a febbraio, Androscoggin cercò senza successo i relitti segnalati passando piroscafi, alla ricerca di possibili minacce alla navigazione che dovevano essere distrutte. Quella primavera, in assenza di Acushnet dalla sua stazione regolare a Woods Hole, Mass., Androscoggin si è stabilita temporaneamente. lì, prendendo il controllo dell'area di crociera di Acushnet fuori da quel porto. Ha continuato a sostituire altre navi quando ha operato da New London in assenza della USCGC Ossipee all'inizio di giugno. Nel corso di tali operazioni, Androscoggin visitò Gloucester, Portland, Rockland, Cutler, Eastport, Lubec, Pleasant Bay Castine, Belfast, Boothbsy, Kittery Point, e fece scalo a Rockport e Gloucester tra il 6 e il 15 giugno 1921. lei per imbarcarsi, far rispettare le leggi doganali, di navigazione e nautiche accertando "se vi sono violazioni note di leggi di competenza della Guardia Costiera e agire di conseguenza. ."

Successivamente, navigando a sud verso Norfolk, Androscoggin sostituì l'USCGC Manning il 1° luglio, liberando quel cutter per sottoporsi a una revisione. Nel corso di quel breve periodo di servizio sostitutivo, Androscoggin visitò l'isola di Chincoteague, alla ricerca delle golette Bertha e Pocomo, i cui proprietari li avrebbero presumibilmente usati per contrabbandare whisky in violazione della legge proibizionista. Quando la sua ricerca si rivelò infruttuosa, la nave tornò a Norfolk il 12 luglio.

Quando Manning tornò alla sua stazione normale, Androscoggin ricevette i suoi ordini finali: procedere al deposito della guardia costiera a South Baltimora per lo smantellamento. in partenza
folk la mattina del 3 agosto, Androscoggin raggiunse il Washington Navy Yard il pomeriggio successivo. Prima di arrivare al deposito della Guardia Costiera il 16 agosto, la nave condusse una breve crociera lungo il Potomac con una delegazione del Congresso, imbarcati membri del Comitato per il commercio interstatale e estero, incluso il suo presidente, l'onorevole Samuel E. Winslow del Massachusetts. "La corsa è stata deliziosa e l'esperienza istruttiva", scrisse in seguito Winslow in segno di apprezzamento al commodoro William E. Reynolds, il comandante della guardia costiera, "Tutto ciò che riguarda la barca [sic] rispetto alla sua pulizia, ordine e buona condotta di l'equipaggio ha indicato un'attenta osservanza del dovere da parte di tutti .... 11

Dopo la rimozione dei depositi e delle attrezzature per essere adeguatamente stoccati presso il deposito, Androscoggin fu messo fuori servizio presso il Deposito della Guardia Costiera, South Baltimora, il 26 agosto 1921,
l'equipaggio è stato assegnato alla USCG Tampa di nuova costruzione. Il 10 maggio 1922 Androscoggin fu venduta, insieme all'ex cutter Itasca (ex Bancroft) al Sig. Charles A. Jording di Baltimora.

Il nome And come inizialmente assegnato all'AOG-24, ma quella nave cisterna di benzina di classe Mettawee progettata fu ribattezzata Sheepscot (q.v.) per evitare confusione con la costa di classe Owasco
Tagliaguardia (WPG--68) con lo stesso nome.


La Storia del Mulino Androscoggin

È una grande fabbrica di cellulosa e carta a Jay, Marine, nel nord-est degli Stati Uniti. La descrizione del Mulino Androscoggin parte da un pubblico obbrobrio e dal conflitto che mostra ogni caso per la gestione ambientale. C'è stato uno sciopero che è stato effettuato nei primi anni '80, uno sciopero di 18 mesi che ha lasciato il mulino nelle tabulazioni. In risposta alle violazioni ambientali della fabbrica, alcuni dei due ex dipendenti a livello aziendale avevano cercato di apportare cambiamenti nel business e rendere le IP le migliori prestazioni ambientali (Peck e Daley, 1994). La ragione principale dello sciopero era il fatto che il Mulino stava intraprendendo alcune pratiche che stavano portando all'inquinamento ambientale. Si è poi evoluto nell'anno 1990 per cui il Mulino ha seguito i principi dell'ecologia industriale.

Nuovi approcci incentrati sull'ottenimento dei benefici dei rifiuti delle discariche e sulla sostituzione delle sostanze chimiche più pericolose e sulla riduzione delle sostanze chimiche attive e dannose. È stato introdotto uno stabilimento per cui un comitato consultivo pubblico nel 1992 per integrare le cartiere e la pasta di cellulosa. È considerato il più grande mulino nella produzione forestale che ammonta a 117.000 dipendenti in tutto il mondo (Peck & Daley, 1994). Alla fine del 2001, l'Androscoggin Mill impiegava circa 1.200 persone di cui 150 erano in grado di acquisire uno stipendio. È stata utilizzata la tecnologia di spappolamento Kraft, che ha assicurato la produzione di 1600 tonnellate di carta per lo più patinata al giorno.

Era l'invito del presidente George H. Bush a unirsi alla Commissione sulla qualità ambientale in modo che potessero chiedere consiglio al settore privato sulle questioni ambientali. Il consiglio della Casa Bianca è stato incaricato di implorare l'azienda di trovare modi e strategie che applichino i principi di prevenzione dell'inquinamento, nonché di mettere alla prova nuove strategie e condividere i risultati. La trasformazione è avvenuta negli anni '90 e 2000 per cui l'obiettivo principale era perseguire progetti di prevenzione dell'inquinamento, per formare progetti di partecipazione che funzionassero e diventassero più aperti alla comunità coinvolta insieme all'input (Peck & Daley, 1994). L'obiettivo era anche quello di sviluppare un modello ambientale da cui altre strutture potessero trarre insegnamento.

Quando il Mulino è entrato a far parte della società, era un modo per indicare che avrebbero seguito le regole e i regolamenti per ottenere un ambiente libero da qualsiasi inquinamento e si sarebbero adoperati per ridurre al minimo gli impatti dell'ambiente. Quando David Critchfield e Thomas Saviello si sono uniti alla cooperazione, si sono concentrati sulla definizione di standard elevati insieme ai regolatori di fiducia e alle comunità locali. Hanno lavorato insieme per assicurarsi che il mulino fosse libero dalle violazioni e dalle incriminazioni criminali e hanno reso l'azienda eccellente nella conservazione dell'ambiente (Hill, 2002). L'azienda è stata poi in grado di ricevere un premio per l'Ambiente Eccellente grazie ai suoi sforzi nella prevenzione dell'inquinamento. È stato questo premio che è stato in grado di motivare i dipendenti ed è diventato un rinforzo per loro a lavorare di più per raggiungere l'ambiente

L'articolo permette al lettore di individuare che in un primo momento il Mulino svolgeva alcune attività che portavano all'inquinamento dell'ambiente. Con il ritmo di produzione di 1600 tonnellate di carta, era chiaro che qualcosa doveva essere fatto. Sebbene l'azienda stesse facendo un ottimo lavoro nel fornire un ambiente per la creazione di posti di lavoro, era necessario compiere un passo in più. Dopo l'invito ad entrare a far parte della società che ha mantenuto i principi ambientali, il Mulino è stato in grado di impegnarsi maggiormente e ha anche creato un ambiente che all'epoca era privo di inquinamento (Hill, 2002). Significa, quindi, che fu proprio l'appello a fermare la corruzione che fece fare uno sforzo e un passo avanti al mulino.

Nel 1992, sono state stabilite opportunità di prevenzione dell'inquinamento in base alle quali il team ha formato un processo di sbiancamento della polpa sulle emissioni. Ci sono stati due metodi introdotti dal personale Mill a seguito delle raccomandazioni del team che i processi di sbiancamento potrebbero essere utilizzati per ridurre al minimo il rivestimento della polpa. Il mulino combinava una delignificazione estesa che trattava la pasta con ossigeno ad alta pressione per ridurre il contenuto di lignina e il candeggio richiesto. I progetti di prevenzione dell'inquinamento hanno portato a un processo che è cambiato nel 2002 quando il Mulino ha aderito a due progetti USA EPA XL (Hill, 2002). I numerosi sforzi dei progetti di prevenzione sono stati l'estensione dell'estensione dell'ossigeno della delignificazione, tra gli altri.

Il mulino è stato in grado di includere la sostituzione di due prodotti pericolosi che producevano azoto e fosforo che fornivano la crescita di microrganismi che degradavano i materiali organici nelle acque reflue delle fabbriche. I suoi sforzi per ridurre l'accumulo e la produzione dei materiali pericolosi hanno generato l'attenzione per prevenire le fuoriuscite di liquori caustici, la sostituzione del bario, lo screening dei prodotti vernicianti prima dell'acquisto in modo che possano evitare i componenti pericolosi e l'acquisto di prodotti a basso contenuto di mercurio. lampadine fluorescenti per ridurre al minimo la generazione di relamping.

Alcune delle misure prese includevano il riciclaggio del legno, dei metalli e anche della carta, compattando le operazioni migliorative della fornace da calce, carta non riciclabile in pellet bruciabili, per consentire la cottura del fango di calce prodotto. Verrebbe anche effettuata la vendita della sabbia del canale a un appaltatore che la trasformerebbe nel paesaggio, bruciando la corteccia e il fango e incorporando alcune ceneri nella creta di cenere e incorporando la feccia verde del liquore in AshCrete.

L'industria della pasta e della carta ha una storia di inquinamento ambientale. Ci sono state molte critiche su come gestiscono le loro attività e i loro processi insieme alle loro operazioni. È stato sostenuto che il modo in cui raccolgono il loro legname e per l'operazione di lavorazione. Le normative ambientali sono considerate salvatrici dell'ambiente stabilendo diverse prospettive che indirizzano aziende come le industrie della cellulosa e della carta verso le giuste procedure e approcci di azioni ambientali sostenibili (Hill, 2002). Pulp utilizza una varietà di metodi per convertire il legno alla carta, e la separazione può essere effettuata meccanicamente o mediante l'utilizzo di prodotti chimici. L'uso del processo Kraft identifica ciò che porta al riciclaggio dei liquidi in modo che possano essere riutilizzati o utilizzati per un altro scopo. Pertanto, fornisce un'ampia gamma di opportunità P2 dove ci sono lavaggio e vagliatura e la polpa può essere sbiancata in carta.

È stato a causa del verificarsi di una crisi che ha reso l'industria un campanello d'allarme e ha creato risultati di successo per il mulino e l'ambiente. La decisione di IP di trovare persone responsabili delle riforme è stato un passo significativo che ha portato l'industria a ricevere un premio e quindi a motivare i lavoratori. Dopo il suo successo, il mulino non si è arreso e ha ampliato i suoi territori di cambiamento proponendo diversi progetti e ha invitato anche le parti interessate che avevano il loro stesso interesse e che era quello di supervisionare la crescita della produzione del mulino in un ambiente inquinante ambiente libero.

Hill, S. a. (2002). L'inverdimento di una cartiera e di una pasta di cellulosa. Giornale di ecologia industriale, 120.


Storia

A metà degli anni '80, la potenziale vendita di un vasto appezzamento di terreno lungo il fiume Androscoggin a Turner ha lasciato un prezioso paesaggio locale vulnerabile allo sviluppo. Spinto all'azione, un piccolo gruppo di residenti della zona ha iniziato a pensare a come preservare la terra come spazio aperto e mantenere il suo accesso pubblico di lunga data. Attingendo all'esperienza delle organizzazioni di conservazione in tutto lo stato, sono riusciti a ottenere fondi dal nascente programma Lands for Maine's Future per acquistare la terra, che è stata poi trasferita al Maine Bureau of Parks and Lands per la gestione.

Oggi, l'Androscoggin Riverlands State Park è il quinto più grande del sistema dei parchi statali, una distesa di 2675 acri che offre chilometri di sentieri pubblici, accesso al fiume, opportunità ricreative tutto l'anno e un habitat naturale significativo per la fauna selvatica.

Questo sforzo popolare di successo per la protezione del territorio è stato il catalizzatore per la creazione dell'Androscoggin Land Trust (ALT) nel 1989 come veicolo per i continui sforzi di conservazione nella regione. Durante i 26 anni dalla sua fondazione, ALT ha lavorato a stretto contatto con i proprietari terrieri e le organizzazioni locali per proteggere le terre locali significative che conferiscono alla nostra regione il suo carattere e salvaguardarle per le generazioni future.


Contea di Androscoggin Ufficio dello sceriffo

Benvenuti nel portale informativo dell'ufficio dello sceriffo della contea di Androscoggin.

Lo sapevate?

Autismo : 1 bambino su 68 è affetto da UNutismo Spectrum Disordine

Boys are four times more likely to be affected by Autism

Wandering statistics :

Half the ASD population wanders (31% from school setting)

Recent study showed of those under age 9 that wandered, 41% of the time it was a fatal outcome

Of ASD wandering deaths, 91% are attributed to drowning, so SEARCH WATER FIRST

Also, persons with ASD, due to issues such as sensory dysfunction, processing difficulties and other communication challenges, often experience emotional meltdowns, during which they may be injured.

Due to the above, it is critical that families are proactive and register their loved one with local first responders, so that a rapid response can be achieved. Autism training has been a part of the Maine Criminal Justice Academy training for new officers since 2006, and it is also a mandatory training topic for officers already on the road in 2016-2017. The class is taught by a retired law enforcement officer who has a child with ASD. So it is important for families to know that officers have the knowledge to respond to these incidents, and will be much better able to ensure a safe outcome if they take the time to provide their local police department with some basic information that can be used in the event of an emergency

Here is an excellent resource for families with children who may wander:

The Androscoggin County Sheriff’s Office would like to “Help Us Help You.” We have provided a downloadable form here on the Androscoggin County Sheriff’s Office website that families of people affected by Autism Spectrum Disorder can fill out and return to us for entry into our records management system. This form contains information and a picture of a loved one that can help emergency responders access in a crisis situation so they may respond quickly and appropriately should the need arise.

The form can be downloaded here:

Also, contact the Autism Society of Maine for information on any type of support you need on this journey with a loved one affected by Autism, 1-800-273-5200


The Polluted Water of Androscoggin River

The Androscoggin River in the US produces 3.8 megawatts from power stations which support around 2,500 homes with electricity.

However, the vast amount of pollution present within the river, threatens the thousands of people living nearby.

The river spans 178 miles long and traverses through Maine and New Hampshire. Throughout its course, it descends 1,245 feet and is an effective source of water power encouraging the development of cities and industries.

From the 1940s through the 2000s, the Androscoggin was so polluted that some environmental groups listed it as one of the 20 most polluted rivers in the United States.

Androscoggin River before the Clean Water Act (Maine Audubon)

Once filled with pollutants and chemicals, the Androscoggin River was one of the leading factors to the creation of the Clean Water Act, which benefited many polluted rivers across the US.

However, continued discharge of chemical waste into the Androscoggin river by multiple industries consistently threatens the future of the Androscoggin River.

CONTAMINATED WASTEWATER

Since the late 19th century, industrialization has played a huge part in the pollution present within the Androscoggin River.

The close proximity of the river with that of cities and industries, municipal and wastewater discharges from industries has polluted the ecosystem and environment by creating “20-foot drifts of yellow-brown fumes”, as well as a “rotten egg odor”.

Contaminated water in the Androscoggin River (Rivers for Change)

People say 30 years ago the odor from the water could peel the paint off houses and you could bounce quarters off the foam.

The Clean Water Act has helped to improve the water quality of the river, however, parts of the river, specifically the 160 mile long section in Gulf Island Pond, still do not meet the standards.

The main reasons for the existence of pollution within the river are the discharges from mills and wastewater treatment facilities that taint the river and harm the ecosystem.

SOURCE OF POLLUTION: PULP AND PAPER MILLS

A report stated that 92% of the total pollution within the river were originally discharged from paper mills.

  • Production of the first large pulp and paper mills in the early 20th century, brought extraordinary high amounts of toxic chemicals into the river causing high nutrient levels and lowered dissolved oxygen levels.
  • Approximately 17,000 gallons per ton of paper is used for the paper production process and the mills found it most convenient to dump the wastewater into nearby rivers, thereby contributing to the increasing amounts of pollution
  • Paper mills account for 83% of oxygen depleting chemicals, as well as 77% of phosphorus pollution.

Paper mill in Maine (Forest Machine Magazine)

The excessive discharge of nutrients such as sulfite and phosphorus resulted in enormous algae blooms growth and oxygen levels depletion resulting in the suffocation and ultimately death of countless organisms.

Pipe from a mill dumping wastewater into the Androscoggin River (Maine Audubon)

The Verso mill – formerly named International Paper – is one of the largest polluters of the Androscoggin River. In 2005, the mill was sued for violations to the Clean Water Act with allegations for dumping 40 million gallons of wastewater per day into the Androscoggin River.

COMBINED SEWER OVERFLOWS (CSO)

The Androscoggin River received a total of 14.2% of Maine’s Combined Sewer Overflow (CSO) discharge which is more than 62 million gallons of waste.

Due to the toxic chemicals, untreated waste, and plastic debris that combined sewer overflows introduced into the river, it has contributed significantly to the death of marine life present within the Androscoggin River.

The Department of Environmental Protection has taken action towards banning 10 of the CSO flows, however, more action by the administration and community is needed to create a safe and clean environment in and by the Androscoggin River.

Pollution in the Androscoggin River (Maine Audubon)

DETERIORATING WATER QUALITY PARAMETER

Aside from combined sewer overflows and paper mills, other parameters that also contribute to the pollution present within the Androscoggin River include dissolved oxygen levels, dioxin, toxic sediment, as well as lenient policies from authorities.

1. DISSOLVED OXYGEN

Dissolved oxygen levels are essential for aquatic life. Unfortunately, the level in the Androscoggin River is not adequate.

  • In 1957 the level of dissolved oxygen levels were under 2 ppm (parts per million) which is below the level of 3ppm needed to sustain fish life. As a result, millions of fish died due to the insufficient oxygen. of sulfite pulp per week that were often dumped into the river by paper mills promotes the growth of algal blooms thus causing the level of dissolved oxygen to significantly decrease.
  • In 2002, the Gulf Island Pond within the Androscoggin River exceeded the algal bloom threshold of 8 parts per billion (ppb) by around 7 ppb.

Dioxin, a highly toxic organic pollutant discharged from the paper mills, also poses a threat to marine life within the river.

  • In 2005, white suckers in the Androscoggin River were found to contain a mean dioxin concentration of around 4. Dioxin consumed from fish can cause serious problems for the safety of humans.

2005 dioxin concentrations in white sucker fish (Casco Bay Estuary)

  • Dioxin in fish can accumulate to 25 thousand to 50 thousand times the concentration present within the river. The general public is warned heavily against the intake of fish caught from the Androscoggin River, due to the high concentrations of dioxin.
  • In addition, known as persistent environmental pollutants (POPs), dioxins can remain in the environment for many years.

3.TOXIC SEDIMENT

By 1970, the Androscoggin was considered one of the most polluted rivers in the United States and the largest body of water with toxic sediments in Maine.

  • Legacy pollutants such as mercury within the sediment of the Androscoggin River have historically come from mill activities near the river banks.
  • In a study done by the United States Geological Survey, results depicted that mercury concentrations in sediment near stream reaches was approximately 200 nanogram/g which was higher than the guidelines.
  • Methylmercury is formed when inorganic mercury present within the sediment. Even in small quantities it can accumulate into large amounts within fish and pose a threat to human health when consumed.
HESITATION FROM THE AUTHORITIES

With the mill’s claim for providing work to the majority of people in Lewiston by the Androscoggin River, authorities have been cautious in establishing limits for mill pollution, which only contribute to the declining state of the river.

  • In 2003, the Commissioner of the Department of Environmental Protection developed a plan for a new license that would clean the Androscoggin River, however, for no reason at all, the Commissioner halted the task force meeting for implementing this plan.
  • Rising pressure from paper industries, such as International Paper, was believed to be the main cause of hesitation and inactivity from the authorities.
  • Recent Supreme Court cases and confusing guidance from the Environmental Protection Agency have jeopardized Clean Water Act protections for “more than 20 million wetland acres and an estimated 59% of the stream miles that sustain our communities.”
COMMUNITY INITIATIVES: ANDROSCOGGIN LAND TRUST

The Androscoggin Land Trust is a membership-supported nonprofit organization dedicated to conserving areas of ecological importance within the Androscoggin River Watershed.

  • Over 30 years, the Androscoggin Land Trust has succeeded in bringing over 5000 acres of land to the conservation for protection of natural ecosystems and public recreation.
  • On August 3rd. 2019, the Androscoggin Land Trust hosted its 8th annual Androscoggin River cleanup along with local volunteers and succeeded in spreading awareness of the need to eliminate pollution within the Androscoggin River to many local residents.

Volunteers at the 8th Annual Androscoggin River Cleanup (Androscoggin Land Trust)

THE CLEAN WATER ACT

In 1972, U.S. Senator Edmund Muskie, who grew up by the Androscoggin River, was inspired to take action to stop pollution and improve water qualities for rivers and lakes all across the US.

As a result, Muskie proposed the Clean Water Act and led the successful effort towards establishing the federal law, which prevented billions of pounds of waste from entering our beloved rivers.

The Clean Water Act closed loopholes that had left more than 55% of Maine’s stream miles and thousands of acres of wetlands at risk for pollution, thus threatening the drinking water of Mainers across the state.

Tourists paddling in the “relatively clean” Androscoggin River (Natural Resources Council of Maine)

Although the Androscoggin River is “relatively clean now,” several sections of the river still do not abide by Class C standards mainly due to the accumulated discharge of pollution from mills.

CIRCULAR ECONOMY SOLUTIONS BY INDUSTRY

The main problems that continue to endanger the Androscoggin River are the continued discharge of pollution from paper and pulp mills, as well as the accumulated pollutants within the ecosystem.

  • Stricter regulations from the administration, along with the adoption of the circular economy by the local paper and pulp mills must be taken in order to reduce the amount of pollution discharged into the Androscoggin River.
  • A circular economy solution that local mills can adapt to a larger degree is reusing wastewater, sludge, and organic nutrients generated from mills as a fertilizer for agriculture.

This solution would not only reduce waste in the Androscoggin River but would also create an efficient energy source for the agriculture industry.

CIRCULAR ECONOMY SOLUTIONS BY COMMUNITY

Additionally, the community can adopt circular economy by:

  • Leading protests with intentions of establishing stricter regulations on the discharge of pollution from paper mills
  • Hosting cleanup events within the Androscoggin River to reduce the amount of algae within the river and possibly reusing it as a potential source of food for animal feeds.
  • Hosting festivals, and field trips to teach local residents and students about water quality parameters.
  • Creating a volunteer or service system to encourage local residents, especially students, to measure the water quality of the Androscoggin River and reach out if qualities are low or acidic.

Community initiatives hosted by Earth5R, such as the Recycle Training at Palghar in India and the Powai Lake Cleanup in India, have already proven useful towards spreading awareness of the issue of pollution and inspiring action for the benefit of our rivers.

Recycle Training at Palghar, India (Earth5R)

Reach out to Earth5R to know more about solving environmental issues by creating circular economy based sustainability projects.

ABOUT EARTH5R

Earth5R is an environmental organization from India with its head office at Mumbai. It works with the NGO sector, Companies and helps them conduct environmental corporate social responsibility (CSR) programs across India. Earth5R specializes in circular economy based projects. Earth5R also offers short term and long term environmental courses.

Earth5R’s Global Sustainability Hub is a cross-sector and cross-country collaboration in pursuit of UN Sustainable Development Goals. It is an excellent opportunity for governments and the private sector to engage with communities, use Sustainability-based models to drive economic changes, and create social and environmental impact.


Androscoggin Home Healthcare + Hospice

Androscoggin Home Healthcare and Hospice is an organization about living, dedicated to enhancing quality of life by providing innovative and compassionate medical care for all.

An organization with heart

As Maine’s largest independent non-profit home healthcare organization providing health, hospice and care management services since 1966, we know the focus should be on health – not illness. We help people – from infancy to end of life – thrive and maximize their independence by providing the skilled medical attention and state-of-the-art solutions needed to achieve personal health goals.

We’re about living, compassionately bringing high-quality, innovative health care that enhances a person’s here and now to be the best it can possibly be.

We offer a culture of compassion that goes beyond traditional health care. Our remarkable staff treats not only the physical, but emotional and spiritual well-being of individuals and their loved ones with dignity, humanity, and respect.

Our Values

At our core are five guiding values that remain consistent in everything we do, every day.

We would be honored to serve you

In the highly competitive world of home healthcare and hospice where for-profit businesses are in the norm, our organization remains true to its independent, non-profit roots. As a patient, you get to choose the organization that provides your care.


Brief timeline of Jay’s Androscoggin Mill

• International Paper, then the largest paper company in the world, builds the Androscoggin Mill in 1965. At peak under IP, 1,500 people worked there.

• Roughly 1,200 workers leave their jobs in 1987, part of a historic 16-month strike.

• IP sells the mill in 2006 to CMP Holdings LLC, a subsidiary of Verso Paper Holdings LLC. At the time, the Androscoggin Mill employed 1,000 people.

Jay Town Manager Ruth Marden noted, “it’s the only paper mill in the state that’s never changed hands. This is a big deal.”

• Verso lays off 300 people in 2015 and files for bankruptcy the next year.

• Verso lays off 190 employees in 2017 and idles the No. 3 machine.

• New investments of $17 million upgrade and restart the No. 3 machine in 2018, creating 120 new jobs. At the time of the announcement, the company employed 400 people.

• In February 2020, Pixelle Specialty Solutions, based in Pennsylvania, buys the Jay mill from Verso. Pixelle becomes the largest specialty paper producer in North America. At the time of purchase, the mill had roughly 500 employees.


Perfect Size.

What They’re Saying

“ The Andro spirit is something special and unique…it’s helping, caring, giving, sharing, learning, teaching, having fun…something wonderful to experience but hard to describe. ”

Rich E. Camper, Counselor, Camp Parent

“ What a summer! We couldn’t be happier with our son's first camping experience. And neither could he. See you next summer. ”

Jason W. Camp Parent

“ Thank you so much for providing me with the most memorable seven summers of my life. The bonds and memories will last a lifetime. ”

Ben M. Lodge 2016

“ I want to start by telling you both what an immense impact Andro has had on our three boys. Over the years, they have made lasting friendships and as a bonus, so have we. You have taken such wonderful care of each of them, and we are thrilled that they have all gone up the ranks to the Lodge. Thank you, thank you, thank you for giving them the positive and meaningful experience of camp. We will miss you. ”

Ellen H. Camp Parent

Usage and Trails

Allowable Uses: nature observation, swimming, camping, and cross-country skiing and snowshoeing in season. No motorized vehicles on the island. Dogs are allowed on a leash or under voice command. Please clean up after your pets.

Trails: The property contains no marked trails except around the campsites.

Campeggio: Reservations are required for overnight use of the campsites and the cabin. Go to the Norris Island camping page for more information. Reservations are not necessary for day use of the beach, picnic table, fire ring, and the outhouse.

Nota: The interior of the island has a dense stand of poison ivy, use caution.


Androscoggin - History

“There are many persons who have watched with interest the steady increase in summer activities on and about Androscoggin and Pocasset Lakes, and who are of the opinion that it would of great advantage to all concerned to afford these activities adequate protection and encouragement.

Believing that a yacht club would be of assistance in accomplishing these ends, as well as enhancing the attractiveness of Wayne as a summer resort, a small meeting was arranged for Thursday, August 5, 1909, at 3 p.m. to discuss the organization of such a yacht club.”

This first organizational meeting to discuss the formation of the Androscoggin Yacht Club was held on August 5, 1909 at J. H. Millett’s boat house on the shore of Androscoggin Lake. Present were J.H. Millett, A. H. Davis, C. H. Millett, A. H. Davis Jr., F. F. Burr, H. T. Burr and G. E. Brumbaugh. The chairmanship of the meeting was unanimously awarded to A. H. Davis and G. E. Brumbaugh was made temporary secretary. It is to these men that the founding and organization of this club is due. A committee was formed to take up the question of rules and regulations, with the committee invited by Joshua Millett to accompany him to Lake Cobbosseecontee to visit the yacht club there and obtain as much information as possible.

On August 12, 1909, a second meeting was held at J. H. Millett’s boat house. On this date a petition was drawn up for the incorporation of the yacht club. Chosen was a name for the club, Androscoggin Yacht Club, and drawn up was a broadly inclusive list of purposes of the new club –“ promotion of the yachting and boating on the waters of Lakes Androscoggin and Pocasset, protection and preservation of the fishes and game on the waters thereof and care and improvement of the shores of said lakes.”

Widget Area

There are no active widgets to be displayed. Please go to Appearance -> Widgets to setup your sidebar.


Auburn Genealogy (in Androscoggin County, ME)

NOTE: Additional records that apply to Auburn are also found through the Androscoggin County and Maine pages.

Auburn Birth Records

Maine, Birth Records, 1892-present Maine Department of Health and Human Services

Auburn Cemetery Records

Beth Abraham Cemetery Billion Graves

Evergreen Cemetery Billion Graves

Gracelawn Memorial Park Billion Graves

Mount Hope Cemetery Billion Graves

Oak Hill Cemetery Billion Graves

Pine Street Cemetery Billion Graves

Pine Street Cemetery Billion Graves

Auburn Census Records

Censimento federale degli Stati Uniti, 1790-1940 Family Search

Auburn Church Records

Auburn City Directories

Auburn Death Records

Maine, Death Records, 1892-present Maine Department of Health and Human Services