Podcast storici

Finanza

Finanza

Le elezioni per il Presidente e il Congresso dominano la struttura elettorale della politica americana. Ci sono molte elezioni in America ogni anno in quanto vi è un gran numero di uffici da riempire a molti livelli di governo. Il costo totale di queste elezioni è enorme. Nel 1976, il costo totale delle elezioni era di $ 540 milioni. Il costo della campagna presidenziale nel 1996 era di $ 232 milioni. La campagna elettorale nazionale del 2000 potrebbe costare oltre $ 1 miliardo.

Nel corso degli anni il costo dell'elettorato è notevolmente aumentato principalmente a causa dell'ampio uso dei media, in particolare della televisione. La campagna elettorale presidenziale del 1996 ha speso quasi 116 milioni di dollari in eventi relativi ai media. A ciò si è aggiunto il costo della campagna costiera che richiede ai candidati di portare con sé un ampio seguito di consulenti, scrittori di discorso, addetti stampa, ecc. Per queste elezioni presidenziali sono state necessarie notevoli risorse finanziarie. Ciò è stato messo in ombra dalla campagna elettorale del 2000 principalmente perché il risultato del 1996 è stato visto da molti come una conclusione scontata, mentre la campagna del 2000 è stata vista come una competizione molto uniforme. Entrambi i candidati hanno ampiamente utilizzato la televisione per "vendere" le loro convinzioni.

Esistono leggi a cui ciascuna parte aderisce molto per quanto riguarda l'acquisizione di denaro. Tuttavia, si riconosce che sono facili da aggirare e il presidente Johnson lo ha riconosciuto nel 1967, quando ha affermato che le leggi "erano più scappatoie rispetto alla legge". L'uso del "denaro dolce" è molto importante.

Lo sfondo di queste leggi è semplice. L'inchiesta sull'affare Watergate (quando Nixon era presidente) ha scoperto che Nixon aveva spesso guadagnato fondi da fonti che richiedevano favori in cambio. La Milk Producers Association ha donato al fondo per la campagna di Nixon $ 2 milioni in cambio del sostegno del presidente per un aumento del prezzo del latte. Nixon ha anche ricevuto $ 1,7 milioni da persone che sono state successivamente ambasciate. In tutto 60 milioni di dollari sono stati dubbiosamente acquisiti e gran parte di questo è stato speso in attività contro il Partito Democratico.

La reazione a questo è stata la scomparsa del Legge sulla campagna elettorale federale nel 1971, che è stato successivamente modificato nel 1974, 1976 e 1979. Il problema che i legislatori hanno affrontato è stato il problema "vecchio quanto l'America stessa" (Bowles) - organizzazioni o individui che donano ingenti somme a un candidato che potrebbe essere eletto e quindi quel donatore aspettarsi qualcosa in cambio.

FECA ordina di cambiarlo. Stabiliva regole rigide in merito ai contributi e alle spese della campagna. Dichiara che un individuo può contribuire solo $ 1000 a qualsiasi candidato. Un'organizzazione può contribuire solo con $ 5000. La FECA voleva anche imporre un limite all'importo che un candidato poteva spendere per una campagna, ma questo fu dichiarato incostituzionale dalla Corte Suprema. Mentre nessun limite è ufficialmente fissato e mentre la FECA è relativamente semplice da aggirare, i candidati hanno essenzialmente la libertà di spendere come desiderano.

La FECA ha introdotto il finanziamento pubblico delle campagne elettorali presidenziali. Una volta scelti i candidati alla presidenza, possono decidere di finanziare la loro campagna dal Fondo per la campagna elettorale presidenziale. Se decidono di farlo, non possono utilizzare fondi donati privatamente. Nel 1976 sia Carter che Ford hanno ricevuto $ 20 milioni dal fondo. Il governo fornisce anche $ 2 milioni per le convenzioni nazionali di entrambi i principali partiti. Molto chiaramente negli ultimi anni tali importi sono stati troppo piccoli. Sebbene la FECA non sia stata infranta, entrambe le parti hanno gonfiato i fondi della loro campagna usando il "denaro dolce".

L'importo che una parte può contribuire a un candidato è limitato dalla legge, sia essa per la Camera, il Senato o le campagne presidenziali. Ogni candidato alla Camera può ricevere $ 5000 per ciclo mentre un candidato al Senato riceve $ 17.500. Questo si chiama supporto diretto. Ma i comitati statali e dei partiti nazionali possono spendere "soldi duri" per conto di un candidato. Un comitato del partito statale può spendere lo stesso di un comitato nazionale o può trasferire il proprio contributo a un comitato nazionale. I candidati non ricevono questo denaro direttamente. I comitati di partito e i candidati possono decidere come spendere i soldi, ma la responsabilità di come vengono spesi i soldi spetta ai comitati. Entrambe le parti devono comunicare al Comitato elettorale federale (FEC) come vengono versati i contributi e come vengono spesi.

L'emendamento del FECA del 1979 ha permesso ai partiti a livello statale e locale di spendere somme illimitate in sostegno politico "di base" sia per i candidati presidenziali che per quelli congressuali. Le parti possono anche spendere somme illimitate per la registrazione e le unità elettorali. Tuttavia, non devono sostenere gli elettori che votano per un determinato candidato alle elezioni federali. Le parti non sono autorizzate a produrre annunci con "voto per ..." di "supporto ...", ma possono produrre annunci che supportano o si oppongono alle opinioni dichiarate di un candidato che risolve efficacemente questo problema. Questo si chiama advocacy del problema. Ha ricevuto la benedizione della Corte Suprema nel 1996 nel Colorado Republican Party v FEC (424 US 261) caso in cui è stato deciso che il governo non poteva imporre limiti a ciò che le parti spesero dei propri fondi quando tale spesa non veniva discussa con un candidato o i suoi agenti.

L'uso del "denaro dolce" ha notevolmente gonfiato ciò che i candidati devono spendere. Si tratta di denaro trasferito agli Stati parti in quanto soggetti a controlli FEC più ampi rispetto ai comitati nazionali. Nel 1996, il Partito Nazionale Democratico ha trasferito il 56% del proprio denaro a commissioni statali e locali. Il Partito Nazionale Repubblicano ha trasferito il 43%. Tali azioni sono legali e consentono ai candidati di avere accesso a ingenti somme di denaro. I contributi diretti ai candidati alle elezioni federali da parte di sindacati, imprese ecc. Sono illegali. Le donazioni dirette ai partiti politici sono illimitate. Entrambe le parti hanno raccolto un totale di $ 263 milioni per le elezioni presidenziali del 1996, tre volte più grandi del totale raccolto per le elezioni del 1992. La cifra per le elezioni del 2000 supera ampiamente quella del 1996.

Un fattore complicante è la spesa da parte di individui - noti come "indipendenti" - che possono costituzionalmente esprimere le loro opinioni come stabilito nel Primo Emendamento. Questi "indipendenti" possono avere un impatto elettorale significativo soprattutto a livello locale. Se qualcuno non affiliato a nessuna delle parti desidera produrre manifesti che affermano la propria scelta politica - e finanzia legalmente la produzione di questi manifesti - la loro interruzione violerebbe i loro diritti costituzionali.

Per quanto riguarda le elezioni presidenziali e congressuali, le donazioni straniere sono illegali. Le donazioni fatte in cambio di favori sono illegali. Nella campagna presidenziale del 1996, sia Clinton che Gore sembra aver superato il segno con alcuni incidenti. Nel gennaio 1996, Clinton fu informato che il partito avrebbe dovuto raccogliere $ 180 milioni per consentirgli di fare una campagna di successo. Ai donatori potenziali ed effettivi è stato permesso di rimanere nella camera da letto Lincoln alla Casa Bianca. Gore ha ammesso di aver usato il telefono dell'ufficio per raccogliere fondi / donazioni per la campagna - cosa illegale ai sensi della Sezione 607 del Codice penale federale, e il partito ha ricevuto fondi da una fonte fortemente legata alla Cina, una nazione severamente condannata dalle Nazioni Unite per la sua violazione dei diritti umani. Nel settembre 1996, solo Clinton ha intrapreso diciassette impegni di raccolta fondi. La sua macchina per la campagna del partito aveva stimato che ogni mattina del caffè avrebbe raccolto $ 400.000.

Nel 1997, il Congresso annunciò un'indagine sul ruolo della Casa Bianca in merito alla raccolta di fondi per la campagna. La questione è chiaramente di grande importanza all'interno del concetto di democrazia poiché la FEC ha fornito prove sufficienti del fatto che quei candidati che sono scarsamente finanziati subiranno quasi sicuramente la sconfitta in un'elezione e la FEC ha dimostrato che nelle recenti elezioni alla Camera il vincitore di concorsi individuali è stato espulso il perdente di 10 volte.

Se il denaro è la chiave del successo elettorale, è democratico che alcuni sono destinati a perdere non a causa delle loro politiche dichiarate ma perché non possono finanziare la copertura televisiva in prima serata e i costi pubblicitari? È democratico che quelli con un'apparente fonte di denaro abbiano quello che sembrerebbe essere un vantaggio automatico rispetto ai loro rivali? Uno dei settori chiave per la raccolta di fondi sono i Comitati di azione politica.


Guarda il video: Cosa sono le obbligazioni? Finanza Semplice (Gennaio 2022).