Podcast storici

Joseph Stalin

Joseph Stalin

oseph Stalin guidò la Russia durante la seconda guerra mondiale e fino alla sua morte nel 1953. Joseph Stalin era il leader della Russia quando Hitler lanciò l'Operazione Barbarossa nel giugno 1941 e vide la sua nazione sopravvivere alle battaglie combattute a Mosca e Leningrado e perseguire una vittoria vitale nella battaglia di Stalingrado nel 1942/43. Fu l'esercito russo a lanciare la vittoria finale sulla Germania nella battaglia di Berlino nella primavera del 1945.

Stalin nel 1936

Cosa sappiamo di Stalin?

• è nato nel 1879• proveniva da un contesto povero; suo padre era un calzolaio e sua madre era una contadina

• il suo vero cognome era Djugashvili

• ha fatto bene a scuola e ha vinto una borsa di studio per andare in un seminario in cui i sacerdoti venivano formati

• fu in questo seminario che Stalin si rivolse al marxismo

• divenne seguace di Lenin e partecipò a riunioni segrete e distribuì volantini

• tra il 1902 e il 1913 fu arrestato 8 volte ed esiliato in Siberia. È fuggito 7 volte!

• in prigione, ha adottato il nome Stalin che tradotto come "Man of Steel". Sentiva che sarebbe stato un bene per la sua immagine

• era un ottimo organizzatore e il ruolo che ebbe nella Rivoluzione del novembre 1917 fu probabilmente piccolo. Ma le abilità che ha acquisito aiutando ad organizzare il Partito bolscevico si sono rivelate preziose

• dopo il 1917, fu premiato con una serie di posizioni di partito apparentemente non importanti che nessun altro voleva. Ma hanno dato a Stalin una visione perfetta di chi poteva fidarsi di lui e chi no

• Stalin era considerato noioso dall'élite intellettuale del Partito bolscevico. Tutti hanno commesso un errore fatale nel ritenere che fosse stupido.

Quando Stalin divenne il leader indiscusso della Russia nel 1929, si rese conto che la Russia era molto indietro rispetto all'ovest e che avrebbe dovuto modernizzare la sua economia molto rapidamente se voleva sopravvivere. Anche un'economia forte porterebbe a un forte esercito se la Russia dovesse sopravvivere alle minacce di forze esterne. Una Russia modernizzata fornirebbe inoltre agli agricoltori i macchinari di cui avevano bisogno per modernizzare le loro fattorie, come i trattori.

Stalin sapeva che la Russia aveva bisogno di un forte esercito. Tuttavia, tale era la sua paura dei "nemici all'interno", che spurgò l'Armata Rossa della maggior parte dei suoi alti comandanti. Solo un maresciallo su cinque fu lasciato in vita e l'Armata Rossa divenne quasi priva di leader. Era un esercito enorme, ma era come un corpo enorme senza cervello. Quindi, quando Hitler lanciò "Operazione Barbarossa" nel giugno 1941, l'Armata Rossa fu quasi spazzata via dalla Wehrmacht.

Nonostante i tedeschi arrivassero alla periferia di Mosca, Stalin non lasciò la sua capitale e fece la sua parte nella difesa del suo paese contro la Wehrmacht. Come commissario alla Difesa, Stalin ordinò a coloro che combatterono nella battaglia di Stalingrado di non dare un centimetro ai tedeschi e fu il capo della sua nazione durante la guerra. Recenti dischi pubblicati dalla Russia mostrano l'altro lato di Stalin. L'eroismo del popolo di Leningrado - assediato dai tedeschi tra settembre 1941 e gennaio 1944 - fu riconosciuto da molte persone come un'impresa di enorme eroismo. Per tutta la durata dell'assedio, i leader della città dovettero prendere le proprie decisioni poiché venivano spesso esclusi da Mosca e non potevano seguire gli ordini di Mosca. Uno spirito così indipendente non fu tollerato da Stalin e dopo la guerra, quei capi di città di Leningrado durante la guerra furono trattati da Stalin in quella che fu effettivamente una seconda purga di quelli di cui non si fidava.

Durante la guerra, Stalin incontrò gli altri "Big Two": Winston Churchill e F D Roosevelt. Fu a queste conferenze che vennero seminate le origini della Guerra Fredda, specialmente perché Stalin non era stato invitato alla riunione di Casablanca, il che fece molto per destare i sospetti di Stalin su ciò che gli altri stavano pianificando. Il generale George Patton era così sfiduciato di Stalin che voleva che gli alleati nell'Europa occidentale assumessero i russi quando fu chiaro che i tedeschi erano stati picchiati.

Stalin era particolarmente arrabbiato quando la bomba atomica fu usata su Hiroshima. Il presidente Truman gli aveva detto che l'America aveva un'arma nuova e potente, ma non aveva detto altro. L'enorme potenza di "Little Boy" e "Fat Man" ha completamente alterato la corsa agli armamenti che la Russia di Stalin aveva vinto per quanto riguarda le armi convenzionali: pochi carri armati potevano eguagliare il T-34 mentre la forza lavoro non era un oggetto. Lo Stormavik era anche un aereo da combattimento molto rispettato. Ma tutto ciò ha contato poco dopo la devastazione di Hiroshima e Nagasaki. Con le basi dei bombardieri facili da costruire nell'Europa occidentale, Stalin sapeva che Mosca poteva essere un potenziale obiettivo e doveva adattare di conseguenza la sua politica estera.

Dopo la fine della guerra, la posizione di Stalin in Russia era stata elevata dalla sua leadership della nazione nel momento del bisogno. Mantenne una stretta di ferro sulla Russia e sui satelliti dell'Europa orientale controllati dalla Russia, fino alla sua morte nel marzo del 1953.

Post correlati

  • Cause della guerra

    La guerra invernale del 1939 La guerra tra Russia e Finlandia, generalmente definita guerra invernale, durò dal 30 novembre 1939 al 13 marzo, ...

  • The Show Trials in the USSR

    Le prove dello spettacolo in URSS Le prove dello spettacolo che si svolsero nell'URSS di Stalin avevano uno scopo molto specifico per Stalin. Le prove dello spettacolo ...

Guarda il video: Stalin Dead 1953 (Settembre 2020).