Podcast di storia

NAVI DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

NAVI DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Classi

Monitor di classe Abercrombie
Distruttori di classe Acorn/ Distruttori di classe H
Incrociatori da ricognizione di classe attiva
Incrociatori esploratori di classe avventura
Portaerei, britannici, prima guerra mondiale
Incrociatori di seconda classe classe Apollo
Incrociatori leggeri classe Arethusa
Incrociatori di seconda classe di classe arroganti
Incrociatori leggeri classe Astraea
Cacciatorpediniere classe Bainbridge
Incrociatore da battaglia
Classi di corazzate, inglesi, prima guerra mondiale
Classi di corazzate, tedesco, prima guerra mondiale
Corazzate classe Bayern
Cacciatorpediniere classe Beagle/ Cacciatorpediniere classe G (1909)
Corazzate classe Bellerofonte
Incrociatori leggeri classe Birkenhead
Incrociatori leggeri classe Birmingham
Incrociatori da ricognizione classe bionda
Incrociatori da ricognizione classe Boadicea
Corazzate classe Brandeburgo
Classe Braunschweig
Incrociatori leggeri classe Breman
Incrociatori leggeri classe Bristol
Distruttori di classe C (1912)
Distruttori di classe Caldwell
Incrociatori leggeri classe Caledon
Incrociatori leggeri classe Calliope
Incrociatori leggeri classe Cambrian
Corazzate di classe Canopus
Incrociatori leggeri classe Caroline
Distruttori di classe Cassin
Incrociatori leggeri classe Centaur
Incrociatori di seconda classe classe Challenger
Incrociatori leggeri classe Chatham
Corazzate di classe Colosso
Incrociatori corazzati di prima classe Cressy Class
Classi incrociatori, inglesi, prima guerra mondiale
Classi incrociatori, tedesco, prima guerra mondiale
Distruttori di classe D (1912)
Corazzate di classe Delaware
Incrociatori da battaglia classe Derfflinger
Corazzate classe Deutschland
Incrociatori corazzati di prima classe della classe Devonshire
Diadem Class incrociatori protetti di prima classe
Incrociatori corazzati di prima classe della classe Drake
Incrociatori leggeri classe Dresda
Incrociatori di prima classe della classe Duke of Edinburgh
Classe Duncan di corazzate
Cacciatorpediniere classe E (1912)/Distruttori classe River
Incrociatori di seconda classe classe Eclipse
Incrociatori protetti di prima classe della classe Edgar
corazzate classe Florida
Formidabili corazzate pre-dreadnought di classe
Incrociatori da ricognizione di classe avanzata
Distruttore di classe G (1909) / Distruttore di classe Beagle
Incrociatori leggeri classe Gazelle
Incrociatori di terza classe di classe gemma
Monitor di classe Gorgon
Incrociatori leggeri classe Graudenz
Distruttori di classe H/ Distruttori di classe Acorn
Corazzate classe Helgoland
Incrociatori di seconda classe di classe Highflyer
Distruttori di classe Hopkins
Monitor di classe Humber
Infaticabili incrociatori da battaglia di classe
Invincibili incrociatori da battaglia di classe
Corazzate classe Iron Duke
Corazzate pre-dreadnought classe Kaiser
Corazzate dreadnought classe Kaiser
Incrociatori leggeri classe Karlsruhe
Corazzate della classe King Edward VII
Corazzate classe King George V
Incrociatori leggeri classe Kolberg
Corazzate classe König
Incrociatori leggeri classe Königsberg (1905-1907)
Incrociatori leggeri classe Königsberg (1915-1916)
Distruttori di classe Lawrence
Incrociatori da battaglia classe Lion
Corazzate pre-dreadnought classe Londra
Osservatori di classe di Lord Clive
Corazzate classe Lord Nelson
Incrociatori da battaglia classe Mackensen
Classe Magdeburgo di incrociatori leggeri
Maestose corazzate pre-dreadnought di classe
Monitor di classe Marshal Soult
Incrociatori corazzati di prima classe della classe Minotauro
Incrociatori da battaglia classe Moltke
Distruttori di classe Monaghan
Classi di monitoraggio, inglese, prima guerra mondiale
Incrociatori corazzati di prima classe della classe Monmouth
Corazzate classe Nassau
Corazzate classe Nevada
Corazzate classe New York
Distruttori di classe O'Brien
Corazzate classe Orion
Incrociatori esploratori classe Pathfinder
Distruttori di classe Paul Jones
Distruttori di classe Paulding
Incrociatori di terza classe classe Pelorus
Incrociatori leggeri classe Pillau
Potenti incrociatori protetti di prima classe di classe
Incrociatori pesanti classe Prinz Adalbert
Corpo infermieristico dell'esercito reale della regina Alessandra (QARANC)
Corazzate classe Queen Elizabeth
Cacciatorpediniere classe River/Distruttori classe E (1912)
Incrociatori pesanti classe Roon
Corazzate classe St. Vincent
Distruttori di classe Sampson
Incrociatori pesanti classe Scharnhorst
Incrociatori da ricognizione classe Sentinel
Corazzate della classe South Carolina
Stormtroopers, tedesco (prima guerra mondiale)
Corazzate di classe Swiftsure
Distruttore di classe tribale (1905)
Distruttori di classe Truxtun
Distruttori di classe Tucker
Incrociatori pesanti classe Victoria Louise (Germania)
Incrociatori corazzati di prima classe della classe Warrior
Incrociatori leggeri classe Weymouth
Distruttori di classe Wickes
Incrociatori leggeri classe Wiesbaden
Corazzate di classe Wittelsbach
Corazzate classe Wyoming

Australia

Australia, HMAS
Brisbane, HMAS
Incontrare, HMAS
Melbourne, HMAS
Pioniere, HMAS
Sydney HMAS

Germania

Blücher, SMS
Derfflinger, SMS
Dresda, SMS
Emden, sms
Gneisenau, SMS
Goeben, SMS
Hindenburg, sms
Königsberg, sms
Lipsia, SMS
Lutzow, SMS
Magdeburgo sms
Moltke, SMS
Norimberga, SMS
Prinz Heinrich, SMS
Scharnhorst, SMS
Seydlitz, SMS
Stettino, sms
Stoccarda sms
von der Tann, SMS

Regno Unito

Ghianda, HMS (1910)
Attivo, HMS
Afridi, HMS (1907)
Agincourt, HMS
Allarme, HMS (1910)
Albacore, HMS (1906)
albatro, HMS (1898)
Albemarle, HMS
Albione, HMS
Amazon, HMS (1907)
Ametista, HMS
anfione, HMS
Pescatore, HMS (1897)
arabo, HMS (1901)
Aretusa HMS
Arun. HMS (1903)
Audace HMS
Aurora HMS
Avon, HMS (1896)
Balch, USS (DD-50)
Barham, HMS
Basilisco, HMS (1910)
pipistrello, HMS (1896)
Beagle, HMS (1909)
bellona HMS
Birkenhead, HMS
Birmingham, HMS
Tarabuso, HMS (1897)
Principe nero HMS
bianca HMS
bionda HMS
Boadicea HMS
Bonetta, HMS (1907)
Pugile, HMS (1894)
Boyne, HMS (1904)
sfacciato, HMS (1896)
vivace, HMS (1910)
Bristol, HMS
Bulldog, HMS (1909)
Ciuffolotto, HMS (1898)
Murata, HMS
Cesare, HMS
Calliope, HMS
Cameleon, HMS (1910)
Campania, HMS
Canada, HMS
Canopo, HMS
Carolina, HMS
Carysfort, HMS
Cassandra, HMS
Sfidante, HMS
Campione, HMS
Chatham, HMS
Chelmer, HMS (1904)
Allegro, HMS (1897)
Cherwell, HMS (1903)
Chester, HMS
Cleopatra, HMS
Colne, HMS (1905)
Cometa, HMS (1910)
Como, HMS
Conflitto, HMS (1894)
Conquista, HMS
Civetta, HMS (1897)
Cordelia, HMS
Cornovaglia, HMS
cosacco, HMS (1907)
Gru, HMS (1896)
Crociato, HMS (1909)
Cygnet, USS (1898)
Cinzia, USS (1898)
Dartmouth, HMS
Dee, HMS (1903)
Difesa HMS
Derwent, HMS (1903)
Disperato, HMS (1896)
Diamante, HMS
Diana, HMS
Didone, HMS
Doon, HMS (1904)
Doris, HMS
Colomba, HMS (1898)
Dreadnought HMS
Duca di Edimburgo HMS
Duncan, HMS
Serio, HMS (1896)
Eclisse, HMS
Eden, HMS (1903)
Elettra, HMS (1896)
Imperatrice, HMS
Erina, HMS
Ettrick, HMS (1903)
EXE, HMS (1903)
Exmouth, HMS
Esprimere, HMS (1897)
Fata, HMS (1897)
Falco, HMS (1899)
Falmouth, HMS
Fama, HMS (1896)
fulvo, HMS (1897)
Senza paura, HMS
Fervente, HMS (1895)
Flirtare, HMS (1897)
Pesce volante, HMS (1897)
Formidabile, HMS
Foxhound, HMS (1909)
Foyle, HMS (1903)
furioso, HMS
Furia, HMS (1911)
Galatea HMS
Garry, HMS (1905)
Ghurka, HMS (1907)
Gipsy, HMS (1897)
Glasgow, HMS
Gloria, HMS
Gloucester, HMS
Cardellino, HMS (1910)
Golia, HMS
Buona Speranza, HMS
Grampollo, HMS (1912-)/ HMS Nautilus (1910-12)
Cavalletta, HMS (1909)
Levriero, HMS (1900)
Grifone, HMS (1896)
Maneggevole, HMS (1895)
Annibale, HMS
Arpia, HMS (1909)
Ermete, HMS
Highflyer, HMS
Sperare, HMS (1910)
Humber, HMS
Giacinto, HMS
Illustre, HMS
Implacabile, HMS
Incostante HMS
Instancabile, HMS
Indomabile, HMS
Inflessibile, HMS
Invincibile, HMS
Irresistibile, HMS
Iside, HMS
prurito, HMS (1903)
Jed, HMS (1904)
Giunone, HMS
Giove, HMS
cavolo, HMS (1904)
Canguro, HMS (1900)
Kennet, HMS (1903)
Gheppio, HMS (1898)
Larne, HMS (1910)
Leopardo, HMS (1897)
Leven, HMS (1898)
Liffey, HMS (1904)
Fulmine, HMS (1895)
Leone, HMS
Vivace, HMS (1900)
Liverpool, HMS
Locusta, HMS (1896)
Londra, HMS
Lowestoft, HMS
Lyra, HMS (1910)
Magnifico, HMS
Maestoso, HMS
Malesia, HMS
germano reale, HMS (1896)
Manley, USS (DD-74)
Maori, HMS (1909)
Marte, HMS
Martin, HMS (1910)
Sirena, HMS (1898)
Mersey, HMS
Minerva, HMS
Menestrello, HMS (1911)
Mohawk, HMS (1907)
Monmouth, HMS
Zanzara, HMS (1910)
Moy, HMS (1904)
mirmidone, HMS (1900)
Nautilus, HMS (1910-12)/ HMS Grampus (1912-)
nemesi, HMS (1910)
Nettuno, HMS
Nereide, HMS (1910)
Ness, HMS (1905)
Newcastle, HMS
Nuova Zelanda, HMS
Nith, HMS (1905)
Nottingham, HMS
nubiano, HMS (1909)
Ninfe, HMS (1911)
Oceano, HMS
Opossum, HMS (1895)
Orwell, HMS (1898)
Falco pescatore, HMS (1897)
Struzzo, HMS (1900)
lontra, HMS (1896)
Ouse, HMS (1905)
Pantera, HMS (1897)
Pattuglia HMS
Pegaso, HMS
Peloro, HMS
Penelope HMS
Peterel, HMS (1899)
Fetonte HMS
Filomela, HMS
Pincher, HMS (1910)
Porcospino, HMS (1895)
Il principe George, HMS
principe di Galles, HMS
principessa reale, HMS
Proserpina, HMS
Psiche, HMS
Piramo, HMS
Quaglia, HMS (1895)
Regina Elisabetta, HMS
Regina, HMS
regina Maria, HMS
Cavallo da corsa, HMS (1900)
procione, HMS (1910)
Ranger, HMS(1895)
Serpente a sonagli, HMS (1910)
Reclutare, HMS (1896)
palo rosso, HMS (1910)
Renard, HMS (1909)
Ribble, HMS (1904)
Fuciliere, HMS (1910)
Riviera, HMS
capriolo, HMS (1901)
Rother, HMS (1904)
Realista HMS
Royal Oak, HMS
Rubino, HMS (1910)
Russell, HMS
Zaffiro, HMS
Saraceno, HMS (1908)
attaccare, HMS (1910)
Scorpione, HMS (1910)
Flagellare, HMS (1910)
Foca, HMS (1897)
Severn, HMS
Sheldrake, HMS (1911)
Southampton, HMS
dispettoso, HMS (1899)
vivace, HMS (1900)
Stella, HMS (1896)
Stour, HMS (1905)
Successo, HMS (1901)
pesce luna, HMS (1895)
scontroso, HMS (1894)
Swale, HMS (1905)
Swift, HMS (1907)
veloce, HMS
Silvia, HMS (1897)
sirena, HMS (1900)
Taku, HMS (1898)
Talbot, HMS
Tartaro, HMS (1907)
Test, HMS (1905)
Teviot, HMS (1903)
spina, HMS (1900)
Thrasher, HMS (1895)
Tigre, HMS
Topazio, HMS
Trionfo, HMS
imperterrito HMS
Ure, HMS (1904)
Usk, HMS (1903)
Valoroso, HMS
Velox, HMS (1902)
Venerabile, HMS
Vendetta, HMS
Venere, HMS
vittorioso, HMS
Vigilante, HMS (1900)
vichingo, HMS (1909)
Vendicativo, HMS
Viola, HMS (1897)
Virago, HMS (1895)
volpe, HMS (1900)
Avvoltoio. HMS (1898)
Warspite, HMS
Waveney, HMS (1903)
Indossare, HMS (1905)
Bene e, HMS (1904)
Weymouth, HMS
merlano, HMS (1896)
procedura guidata, HMS (1895)
lupo, HMS (1897)
Ghiottone, HMS (1910)
Yarmouth, HMS
Zefiro, HMS (1895)
Zubian, HMS (1917)
Zulu, HMS (1909)

Stati Uniti

Allen, USS (DD-66)
Ammen, USS (DD-35)
Arkansas, USS (BB 33)
Aylwin, USS (DD-47)
Bainbridge, USS (DD-1)
Barry, USS (DD-2)
Beale, USS (DD-40)
campana, USS (DD-95)
Benham, USS (DD-49)
Breese, USS (DD-122/DM-18)
tane, USS (DD-29)
Caldwell, USS (DD-69)
Cassin, USS (DD-43)
Chauncey, USS (DD-3)
Conner, USS (DD-72)/ HMS Leeds
Conyngham, USS (DD-58)
Cummings, USS (DD-44)
Cushing, USS (DD-55)
Dale, USS (DD-4)
Davis, USS (DD-65)
Decatur, USS (DD-5)
ammaccatura, USS (DD-116/APD-9)
Dorsey, USS (DD-117/ DMS-1)
Downes, USS (DD-45)
Drayton, USS (DD-23)
Duncan, USS (DD-46)
Ericsson, USS (DD-56)
Fairfax, USS (DD-93)/ HMS Richmond
ventaglio, USS (DD-37)
Flusser, USS (DD-20)
Gregorio, USS (DD-82/APD-3)
Henley, USS (DD-39)
Hopkins, USS, (DD-6)
Scafo, USS (DD-7)
Israele, USS (DD-98/DM-3)
Jarvis, USS (DD-38)
Jenkins, USS (DD-42)
Jouett, USS (DD-41)
Kimberly, USS (DD-80)
Lamberton, USS (DD-119/ AG-21/ DMS-2)
Lamson, USS (DD-18)
Lansdale, USS (DD-101/DM-6)
Lawrence, USS (DD-8)
Lea, USS (DD-118)
Poco, USS (DD-79/APD-2)
Luce, USS (DD-99/DM-4)
MacDonough, USS (DD-9)
Mahan, USS (DD-102/DM-7)
Maury, USS (DD-100/ DM-5)
Mayrant, USS (DD-31)
McCall, USS (DD-28)
McDougal, USS (DD-54)
McKee, USS (DD-87)
Monaghan, USS (DD-32)
Montgomery, USS (DD-121/DM-17)
Murray, USS (DD-97/DM-2)
Nevada, USS (BB 36)
New York, USS (BB 34)
Nicholson, USS (DD-52)
O'Brien, USS (DD-51)
Oklahoma, USS (BB 37)
Parker, USS (DD-48)
Patterson, USS (DD-36)
Paul Jones, USS (DD-10)
Paulding, USS (DD-22)
Perkins, USS (DD-26)
Perry, USS (DD-11)
Filippo, USS (DD-76)/ HMS Lancaster
facchino, USS (DD-59)
Preble, USS (DD-12)
Preston, USS (DD-19)
Radford, USS (DD-120/ AG-22)
Reid, USS (DD-21)
Robinson, USS (DD-88)/ HMS Nuovo mercato
capriolo, USS (DD-24)
Rowan, USS (DD-64)
Sansone, USS (DD-63)
Shaw, USS (DD-68)
Sigourney, USS (DD-81)/ HMS Newport
fabbro, USS (DD-17)
Sterett, USS (DD-27)
Stevens, USS (DD-86)
Steward, USS (DD-13)
Stockton, USS (DD-73)/ HMS Ludlow
Stribling, USS (DD-96/DM-1)
Taylor, USS (DD-94)
Terry, USS (DD-25)
Texas, USS (BB 35)
trippa, USS (DD-33)
Truxtun, USS (DD-14)
Tucker, USS (DD-57)
Wainwright, USS (DD-62)
cammina, USS (DD-34)
Warrington, USS (DD-30)
acque, USS (DD-115/APD-8)
Whipple, USS (DD-15)
Wickes, USS (DD-75)/ HMS Montgomery
Wilkes, USS (DD-67)
Winslow, USS (DD-53)
Woolsey, USS (DD-77)
Wyoming, USS (BB 32)


Una Marina ben attrezzata e personale ben addestrato assicurato Neutralità della Danimarca

Quando scoppiò la prima guerra mondiale nel 1914, la marina danese comprendeva un numero considerevole di navi.

Inoltre, era una marina abbastanza moderna adatta alle acque danesi e lo stato dell'addestramento del personale era molto buono dopo diversi anni di esaurienti esercitazioni di squadriglia.

Pertanto, la Danimarca aveva una marina ben attrezzata pronta a difendere la sua neutralità.

Mentre analizziamo oggi la situazione della Danimarca quando scoppiò la guerra nel 1914, è importante tenere a mente che era un paese molto diverso e più piccolo rispetto al paese che conosciamo oggi.

Lo Jutland meridionale, il ducato Slesvig e i ducati Holsten e Lauenborg facevano tutti parte dell'Impero tedesco dalla guerra del 1864. Ciò significava che la Danimarca e la Germania confinavano l'una con l'altra sullo specchio d'acqua noto come Little Belt.

Migliaia di giovani danesi che vivevano a sud del confine nello Jutland meridionale furono costretti a partecipare alla guerra combattendo per i tedeschi.

La forza di sicurezza è istituita

Dopo la dichiarazione di guerra alla Serbia del 28 luglio 1914 da parte dell'Austria-Ungheria, le cose si sono sviluppate molto rapidamente nell'arena geopolitica.

In Danimarca, lo squadrone di addestramento era stato allestito durante l'estate, come negli anni precedenti. Pertanto, la maggior parte delle unità pronte per la battaglia erano già allestite quando scoppiò la guerra.

Al Training Squadron fu ordinato di salpare per The Sound subito dopo l'inizio delle ostilità.

Il 31 luglio 1914 alle 21:30 il governo danese emanò una direttiva scritta ordinando alla marina di istituire una forza di sicurezza.

In seguito, l'ammiraglio in comando, il vice ammiraglio O. J. Kofoed-Hansen, assunse il comando supremo delle navi da guerra allestite, mentre la responsabilità della difesa marittima di Copenaghen fu affidata al comandante della difesa galleggiante, il contrammiraglio A. F. Mazanti Evers.

La mattina dopo, dopo aver rifornito Holmen, la maggior parte delle navi era pronta per unirsi al nuovo Waterways Squadron 23 ore dopo l'emissione dell'ordine di istituire la forza di sicurezza.

Il Waterways Squadron si riunì nello stretto appena a sud di Drogden durante la sera del 1 agosto. Le navi in ​​attesa di 24 ore a Holmen erano pronte a partire il 2 agosto.

L'intero Waterways Squadron era di stanza a The Sound il 5 agosto 1914.

La Danimarca rimane neutrale

Mentre la forza di sicurezza della marina veniva preparata il 1° agosto, fu inviata una dichiarazione a tutte le nazioni in cui si avvisava che la Danimarca sarebbe rimasta totalmente neutrale durante la guerra tra Austria-Ungheria e Serbia.

Il 4 agosto la Danimarca ha emesso un messaggio simile in relazione alle dichiarazioni di guerra tra Germania e Russia, nonché Germania e Francia.

Più tardi lo stesso giorno, la Germania ha risposto a un ultimatum inglese relativo alla violazione della neutralità del Belgio, a seguito della quale l'Inghilterra ha dichiarato guerra alla Germania.

La prima guerra mondiale era ormai una realtà.

Il governo danese era determinato a far rispettare la neutralità della Danimarca.

La mattina presto del 5 agosto 1914, fu riferito che navi tedesche erano impegnate nella posa di mine nella parte meridionale della cintura di Langelands.

La mattina presto del 5 agosto 1914, fu riferito che navi tedesche erano impegnate nella posa di mine nella parte meridionale della cintura di Langelands.
(Mappa da: archivi del Museo Navale Reale Danese)

Quella stessa mattina i tedeschi chiesero verbalmente che la Danimarca iniziasse l'estrazione mineraria del Grande Belt.

Piuttosto che limitarsi a soddisfare la richiesta tedesca, un consiglio di governo chiamato frettolosamente, al quale partecipava anche il comandante dell'ammiraglio, il vice ammiraglio OJ Kofoed-Hansen, decise quello stesso giorno di schierare mine sia nel Sound, nel Great Belt che nella parte danese di Little Cintura.

Il ministro della difesa ordinò di conseguenza l'estrazione dello stretto danese e il ministro degli esteri informò personalmente gli inviati tedesco e inglese che:

"Al fine di imporre la neutralità e mantenere le operazioni militari lontane dai corsi d'acqua e dalle coste danesi e per garantire il collegamento continuo tra le varie parti del paese, il governo danese ha deciso di chiudere le vie d'acqua territoriali danesi nel Sound così come la Grande e la Piccola Cintura da minerario."

In seguito alla decisione di minare lo stretto danese, la marina si trovò di fronte a un compito impegnativo. Oltre a salvaguardare la neutralità danese e ad affrontare gli attacchi sul territorio danese, i campi minati dovevano essere difesi.

Ogni squadrone era normalmente composto da almeno una nave da difesa costiera come nave ammiraglia, uno o due incrociatori e un certo numero di torpediniere e sottomarini, nonché alcune navi di supporto. La nave da difesa costiera OLFERT FISCHER con l'incrociatore HEJMDAL sullo sfondo si vede qui.
(Foto: Archivio del Museo Navale Reale Danese)

Strategicamente, i compiti assegnati erano conflittuali, poiché la salvaguardia della neutralità richiedeva la dispersione delle forze, mentre la difesa dei campi minati e la risposta a un possibile attacco richiedevano una concentrazione delle forze.

Il dilemma fu risolto dividendo il Waterways Squadron in un 1. Squadron, di stanza nel Sound, e un 2. Squadron, di stanza nel Great Belt, mentre un numero minore di navi era di stanza a Little Belt e Smaalandsfarvandet.

Ogni squadrone era normalmente composto da almeno una nave da difesa costiera come nave ammiraglia, uno o due incrociatori, da sei a nove torpediniere e da tre a quattro sottomarini, nonché da alcune navi di supporto. Inoltre, la difesa galleggiante nelle strade di Copenaghen comprendeva quattro cannoniere o motovedette e da dodici a quindici siluri e motovedette più vecchie con alcune navi di supporto.

Inoltre, durante l'intera guerra mondiale, le navi di pattuglia erano di stanza nello Skaw, nella costa occidentale dello Jutland (Esbjerg), nelle Isole Faroe, in Islanda e nelle Indie occidentali danesi.

Tuttavia, i lunghi tratti di costa erano presidiati solo sporadicamente.

Violazioni della neutralità

Durante l'intera guerra mondiale le parti belligeranti tentarono di rispettare la neutralità della Danimarca, ma furono comunque segnalate 164 violazioni.

La violazione più grave e sanguinosa avvenne il 19 agosto 1915, quando il sottomarino britannico E.13 - incagliata la sera prima sulla punta meridionale di Saltholm nel Sound - è stata attaccata da una torpediniera tedesca nelle acque territoriali danesi.

Il sottomarino britannico abbandonato e distrutto E.13 arenatasi a Saltholm dopo l'attacco tedesco il 19 agosto 1915.
(Foto: Archivio del Museo Navale Reale Danese)

Nonostante la presenza di navi danesi nell'area, la torpediniera tedesca attaccò e distrusse il sottomarino britannico a terra.

L'attacco ha provocato la perdita di 15 sottomarini britannici.

Una delle violazioni più pacifiche ebbe luogo nel novembre 1916, quando un sottomarino tedesco si arenò a causa di un problema al motore fuori Vrist, appena a sud di Harbooere, sulla costa occidentale dello Jutland.

A una nave da guerra danese fu ordinato di raggiungere l'area per proteggere il sottomarino e imporre la neutralità danese. Questo si è rivelato un compito facile. Quando il comandante del sottomarino tedesco scoprì che non era possibile riportare a galla il sottomarino, decise di affondare la barca.

Più tardi si è scoperto che il sottomarino tedesco a terra e ora affondato era il U20, che nel maggio 1915 aveva affondato la nave passeggeri britannica LUSITANIA.

Un naufragio che contribuì notevolmente alla decisione degli Stati Uniti di entrare in guerra.

La perdita del sottomarino Dykkeren

Il 9 ottobre 1916 la Marina subì un incidente quando il sottomarino DYKKEREN si scontrò con un mercantile norvegese durante le immersioni di routine nel Sound al largo di Taarbaek e affondò.

L'equipaggio è stato salvato, ma il comandante - il tenente Svend Aage Christiansen - è morto nella torre del sottomarino mentre supervisionava il salvataggio dei primi tre membri dell'equipaggio.

Circa sei ore dopo i restanti cinque membri dell'equipaggio sono stati salvati quando una delle imbarcazioni di salvataggio Svitzer è riuscita a portare in superficie la prua del sottomarino.

Il DYKKEREN fu recuperato un paio di giorni dopo e portato al cantiere navale. Tuttavia, il sottomarino è stato ritirato dal servizio poiché è stato stimato che il costo della riparazione avrebbe superato il valore della barca.

Le Indie Occidentali Danesi

Nell'autunno del 1915, l'incrociatore VALKYRIEN, comandata dal commodoro Henri Konow, fu inviata nelle Indie occidentali danesi come nave stazione.

Negli ultimi cinquant'anni si erano svolte diverse trattative con gli Stati Uniti per la vendita delle isole. Durante la guerra mondiale gli americani erano profondamente preoccupati per la possibilità che i tedeschi tentassero di conquistare le isole danesi, dove le aziende tedesche avevano interessi economici significativi.

Un voto in Danimarca aveva prodotto la maggioranza per la vendita delle isole agli Stati Uniti. Le continue trattative ora hanno avuto successo e si è deciso che il VALKYRIEN doveva rimanere nelle Indie Occidentali fino al passaggio di consegne. Allo stesso tempo, il comandante, il capitano Henri Konow, fu nominato governatore ad interim.

L'incrociatore VALKYRIEN come nave stazione nelle Indie Occidentali
durante la prima guerra mondiale.
(Foto: Archivio del Museo Navale Reale Danese)

Il 1 marzo 1917 Dannebrog (la bandiera danese) fu ammainata presso la caserma militare di Charlotte Amalie a St. Thomas e le Indie occidentali danesi, St. Thomas, St. Croix e St. John furono consegnate agli Stati Uniti dopo che il danese possesso dal 1666.

Il giorno dopo, come l'incrociatore VALKYRIEN iniziato il viaggio di ritorno a Copenaghen, una bandiera straniera sventolava sull'area che per 245 anni era stata il limite occidentale delle pattuglie della marina danese.

Subito dopo l'attuazione dell'armistizio dell'11 novembre 1918, il governo prese provvedimenti per ristabilire le normali condizioni di traffico nei corsi d'acqua danesi.

Lo stesso giorno in cui l'armistizio è stato una realtà, è stato avviato il recupero dei campi minati, sono state riaperte le parti chiuse dei corsi d'acqua e sono stati rimessi in funzione i fari.

La forza di sicurezza fu gradualmente ridotta e alla fine del 1918 solo la nave da difesa costiera CARRELLO HERLUF, l'incrociatore HEJMDAL e alcune torpediniere erano state allestite per formare lo squadrone invernale. Inoltre, un certo numero di imbarcazioni più piccole erano di stanza nei corsi d'acqua danesi.

Ma la guerra ha causato ancora vittime

Lo spazzamento delle mine e le barche di stanza nei campi minati tedeschi richiedevano ancora una grande quantità di attrezzature.

Il 14 dicembre 1918, più di un mese dopo l'armistizio, tre marines danesi furono uccisi e otto furono feriti, quando la torpediniera SVAERDFISKEN si imbatté in una miniera tedesca da Albuen nel Great Belt.

La torpediniera SVAERDFISKEN è qui visto con la poppa mancante su Holmen in seguito all'incidente in miniera nel Great Belt il 14 dicembre 1918.

La situazione richiedeva anche che la navigazione delle navi straniere nelle acque danesi fosse attentamente monitorata.

Erano principalmente le navi appartenenti alla nuova repubblica russa che richiedevano una sorveglianza speciale, ma anche i disordini in Germania e un'invasione su larga scala di prigionieri di guerra russi che fuggivano dallo Jutland meridionale ad Aero e la costa sudoccidentale di Funen richiedevano un numero considerevole di siluri barche e sottomarini per compiti di pattuglia in Little Belt.

Questo dovere di pattuglia doveva essere mantenuto per molto tempo dopo lo stop ufficiale delle forze di sicurezza del 31 marzo 1919 alle ore 1200.

Gli abitanti dello Jutland del sud vengono rimpatriati

Per alcune parti della marina la guerra non era ancora finita quando le forze di sicurezza furono sospese.

L'incrociatore VALKYRIEN, che nell'estate del 1919 fu allestita come nave scuola cadetti, fu inviata in Egitto ea Malta a luglio per raccogliere gli abitanti dello Jutland meridionale liberati come prigionieri di guerra.

Questi danesi dello Jutland meridionale erano stati costretti a prestare servizio nell'esercito tedesco durante la guerra mondiale.

L'incrociatore, che tra i suoi giovani cadetti annoverava il principe ereditario Federico - il successivo ammiraglio, re Federico IX - riuscì a tornare in Danimarca a settembre con un totale di 160 abitanti dello Jutland meridionale a bordo.

Già nell'ottobre 1920, il VALKYRIEN è stato nuovamente spedito. Questa volta in Olanda, Belgio e Francia ancora una volta per rimpatriare prigionieri di guerra rilasciati nello Jutland meridionale, in totale sono stati imbarcati 135 Jutlander meridionale.


Enciclopedia - Q-Ships

Introdotte verso la fine del 1914 dai britannici e dai francesi - e in seguito schierate dalle marine italiana e russa - le Q-Ships furono impiegate come arma antisommergibile inizialmente anche se con scarso successo. In alternativa denominate navi di servizio speciale o navi misteriose, lo scopo delle Q-Ships era semplice: intrappolare i sottomarini nemici (di solito tedeschi).

Costituiti invariabilmente da piccoli mercantili o vecchi pescherecci da traino, venivano caricati con cannoni nascosti in una struttura di coperta pieghevole. In pratica gli U-Boot acclamavano le Q-Ships che volavano (nel caso della Royal Navy) con l'insegna rossa mercantile e, nel periodo precedente all'attuazione della politica tedesca di guerra sottomarina senza restrizioni nel 1917, un cosiddetto "partito del panico" avrebbe apparentemente abbandonare la Q-Ship prima della consueta politica tedesca di avvicinamento alla nave nemica in modo da affondarla con il minimo esaurimento delle munizioni.

In questa fase l'uso dei siluri per affondare navi relativamente piccole era ufficialmente disapprovato.

Pertanto, con l'U-Boot effettivamente attirato verso la nave apparentemente abbandonata, la Q-Ship avrebbe raggiunto l'insegna bianca e la struttura del ponte sarebbe crollata dall'equipaggio della nave rimanente, rivelando una serie di un massimo di quattro cannoni con equipaggio, che avrebbero immediatamente aperto il fuoco .

Inizialmente riuscito, lo stratagemma della Q-Ship portò all'affondamento di circa 11 U-Boot nemici da parte di inglesi e francesi. Con il progredire della guerra, la produzione di Q-Ships aumentò notevolmente, tanto che alla fine della guerra i soli britannici ne schierarono 366. Tuttavia i tedeschi svilupparono rapidamente una certa cautela nell'avvicinarsi alle piccole navi nemiche, diffidenti nei confronti dei richiami.

I siluri sono stati sempre più utilizzati per affondare le Q-Ships a lungo raggio e con l'introduzione della guerra sottomarina senza restrizioni gli equipaggi delle Q-Ships non hanno avuto il tempo di abbandonare la nave prima di essere colpiti. Gli inglesi hanno perso 61 Q-Ships in totale. Nel 1917 l'efficacia dello spiegamento di Q-Ship era minima e lo sforzo complessivo non poteva essere definito un successo.

sabato 22 agosto 2009 Michael Duffy

Un "berretto rosso" era un poliziotto militare britannico.

- Lo sapevate?


La strategia del camuffamento "Dazzle" della prima guerra mondiale era così ridicola che era geniale

Una delle armi più temute ed efficaci della Germania durante la prima guerra mondiale era la sua flotta di sottomarini, noti come U-Boot, che vagavano per l'Atlantico, intrufolandosi sott'acqua sulle navi mercantili britanniche e distruggendole con i siluri. Durante il corso della guerra, affondarono più di 5.700 navi, uccidendo più di 12.700 non combattenti nel processo.

Gli inglesi non erano sicuri di cosa fare. Il camuffamento funzionava nella guerra terrestre, ma era un'altra cosa per un oggetto grande come una nave da carico fondersi nell'oceano, specialmente quando il fumo si levava dalle sue pile.

Ma un tenente di riserva volontario della Royal Navy di nome Norman Wilkinson, pittore, grafico e illustratore di giornali nella sua vita civile, ha trovato una soluzione radicale ma geniale: invece di cercare di nascondere le navi, renderle visibili.

Coprendo gli scafi delle navi con strisce sorprendenti, vortici e forme astratte irregolari che hanno ricordato i dipinti cubisti di Pablo Picasso o Georges Braque, si potrebbe momentaneamente confondere un ufficiale di U-boat tedesco che scruta attraverso un periscopio. I modelli renderebbero più difficile capire le dimensioni, la velocità, la distanza e la direzione della nave.

L'idea di Wilkinson era in sorprendente contrasto con quelle di altri teorici del camuffamento. L'artista americano Abbott Thayer, ad esempio, sosteneva di dipingere le navi di bianco e di nascondere le loro ciminiere con la tela nel tentativo di farle fondere nell'oceano, secondo Smithsonian.

Dazzle camouflage, come è stato chiamato il concetto di Wilkinson, "sembrava essere controintuitivo", spiega Roy R. Behrens, professore di arte e Distinguished Scholar presso la University of Northern Iowa, che scrive �moupedia ,” un blog che è un compendio di ricerca sull'arte del camouflage. “Per Wilkinson avere l'idea di ridefinire il camuffamento come alta visibilità rispetto a bassa visibilità è stato piuttosto sorprendente.”

Come scrive Peter Forbes nel suo libro del 2009 Abbagliato e ingannato: mimetismo e mimetizzazione, Wilkinson, che comandava un motoscafo di 80 piedi utilizzato per il dragaggio al largo della costa britannica, pare sia stato ispirato durante un fine settimana di pesca nella primavera del 1917. Quando tornò al cantiere navale di Devonport della Royal Navy, andò direttamente dal suo ufficiale superiore con la sua idea.

“ Sapevo che era assolutamente impossibile rendere invisibile una nave,” Wilkinson ricordò in seguito, secondo il libro di Forbes. Ma gli era venuto in mente che se una nave nera fosse stata spezzata con strisce bianche avrebbe confuso visivamente il nemico.

“L'idea aveva un precedente in natura, con l'interruzione del modello nella colorazione degli animali,” Behrens. Come rivelerebbe uno studio condotto da ricercatori britannici e australiani quasi un secolo dopo, le strisce delle zebre sembrano servire a questo scopo, trasformando una mandria in quello che sembra essere un caos caotico di linee a distanza e rendendolo più difficile per i leoni e altri predatori per intercettarli.

Come spiega Behrens, in immersione, l'unico modo per i tedeschi di avvistare un bersaglio era attraverso il periscopio, che potevano ficcare nell'acqua solo per un fugace momento a causa del rischio di essere scoperti. Dovevano usare quel minuscolo pezzo di dati visivi per calcolare dove nell'acqua puntare il siluro, in modo che arrivasse in quel punto nello stesso momento in cui la nave stavano cercando di affondare.

Lo schema di mimetizzazione di Wilkinson è stato progettato per interferire con quei calcoli, rendendo difficile stabilire quale fosse l'estremità della nave e dove fosse diretta. Con i siluri, non c'era molto margine di errore, quindi se il mimetismo abbagliante avesse annullato i calcoli solo di pochi gradi, ciò avrebbe potuto essere sufficiente per causare un errore e salvare una nave britannica.

“ Stava sfruttando la vista limitata del periscopio,” Behrens.

Un amante dell'arte oggi potrebbe presumere che il mimetismo abbagliante sia stato il frutto dell'ingegno di un pittore cubista, non di qualcuno come Wilkinson, un artista figurativo a cui piaceva dipingere navi e paesaggi marini. Claudia Covert, bibliotecaria di collezioni speciali presso la Rhode Island School of Design e autrice di un articolo del 2007 su Dazzle camouflage in Documentazione artistica: Journal of the Art Libraries Society of North America, afferma che Wilkinson era probabilmente a conoscenza di questi movimenti contemporanei: cubismo, futurismo e vorticismo. In effetti, uno dei pittori vorticisti, Edward Wadsworth, ha supervisionato le navi che venivano abbagliate a Liverpool durante la guerra.”

Inoltre, bisogna ricordare che Wilkinson non era solo un pittore di paesaggi marini, ma anche un disegnatore di poster, dice Behrens. “Quindi ha dovuto lavorare con forme, colori e forme astratte.”

Sebbene l'Ammiragliato britannico probabilmente non includesse troppi appassionati di arte moderna, le perdite causate dagli attacchi degli U-Boot furono così devastanti che presto autorizzarono Wilkinson a istituire un'unità di mimetizzazione presso la Royal Academy di Londra. Ha reclutato altri artisti, a cui sono state date commissioni di Naval Reserve, e si sono messi al lavoro.

Norman Wilkinson, 1943 circa. 

Wilkinson ha realizzato modelli di navi su un tavolo girevole e poi li ha visti attraverso un periscopio, usando schermi, luci e sfondi per vedere come sarebbero apparsi gli schemi di verniciatura abbaglianti in varie ore del giorno e della notte. Ha usato uno di quei modelli per impressionare un visitatore, il re Giorgio V, che ha guardato attraverso il periscopio e ha indovinato che la nave modello si stava muovendo da sud a ovest, solo per essere sorpreso di scoprire che si stava muovendo da est a sud-est.

Nell'ottobre 1917, i funzionari britannici erano sufficientemente convinti dell'efficacia dell'abbagliamento da ordinare che tutte le navi mercantili dovessero ottenere i lavori di verniciatura speciali, secondo questo articolo del 1999 di Behrens.

Su richiesta del governo degli Stati Uniti, Wilkinson navigò attraverso l'Atlantico nel marzo 1918 e incontrò il Segretario della Marina Franklin D. Roosevelt, e poi aiutò a creare un'unità di camuffamento guidata dal pittore impressionista americano Everett Warner.

Alla fine della guerra, più di 2.300 navi britanniche erano state decorate con mimetiche abbaglianti. Non è chiaro quanto abbagliamento abbia avuto successo nel contrastare gli attacchi degli U-Boot. Come spiega Forbes, una commissione del dopoguerra concluse che probabilmente forniva solo un leggero vantaggio.

“Quando la Marina degli Stati Uniti ha adottato lo schema Wilkinson&aposs sia per le navi mercantili che per quelle da combattimento, ci sono prove statistiche a sostegno della tecnica Wilkinson&aposs,” Forbes. Un totale di 1.256 navi mercantili e da combattimento, sono state mimetizzate tra il 1 marzo e l'11 novembre 1918. Sono state affondate novantasei navi di oltre 2.500 tonnellate di cui solo 18 erano mimetizzate e tutte erano navi mercantili. "Nessuna delle navi da combattimento mimetizzate fu affondata,”, dice

“È importante ricordare che le navi non si affidavano solo alla mimetizzazione abbagliante per proteggersi dagli U-Boot,” Behrens. È stato utilizzato in combinazione con tattiche come lo zig-zag e il viaggio in convogli, in cui le navi più vulnerabili erano tenute al centro della formazione, circondate da navi più veloci e pericolose in grado di distruggere i sottomarini. la sinergia di queste misure è stata "meravigliosamente efficace", afferma.


Barriere antisommergibile

Gli Alleati usarono barriere note come sbarramenti per impedire ai sottomarini tedeschi di raggiungere i loro porti. The three largest barrages were in the English Channel between Norway and the Orkney Islands in the North Sea, and in the Strait of Otranto.

The barrages consisted of mines, nets, and surface boats. The nets were designed to be dragged along by any submarine that got caught in them. A submarine would either have to surface to get rid of the net or drag it around identifying its presence. Either way, it made a U-boat visible and so vulnerable to attack.

The barrages helped to limit German activity, at one point denying access to U-boats in the English Channel for 12 months. Ultimately, it was the convoy system that took a real toll on the German submariners, although U-boats remained the most powerful submarine force right up to the war’s end.


Civilian days

The ships were owned by the Union Steam Ship Company of New Zealand Ltd, the country’s biggest private business. Run from Dunedin since 1875, it was also the southern hemisphere’s largest shipping line, able to draw on a mixture of New Zealand, Australian and British capital.

The Union Company had a history of innovation. In the early 1900s, its founder, James Mills, took a shine to the new-fangled marine steam turbine, a fuel- and labour-saving engine that also made life easier for passengers by running more smoothly and quietly than reciprocating engines. In 1904 Union commissioned the Bass Strait ferry Loongana, the world’s first seagoing turbine merchant ship.

Even before that ship proved its worth, Mills ordered his next trans-Tasman liner as a turbine. He gave the job to Scottish shipbuilder William Denny & Bros, a founding shareholder that had built every new Union Company ship since 1875. This became the Maheno of 1905. It was no North Atlantic liner, even smaller than a modern Cook Strait ferry, but the company’s first (and only) two-funnel Tasman liner shaved a full day off the usual five-day crossing.

The stylish Maheno captured public attention, but was not perfect. The ship chewed through coal, had clumsily designed furnace doors and ‘rolled on wet grass’ as seafarers used to say. Canny firemen and trimmers took jobs on other ships if they could get them. In 1914 the company spent a fortune on completely re-engining the ship at Port Chalmers.

Il Maheno’s shortcomings were the last straw for the company, which had complained about several recent Denny ships. In 1906 it gave the contract for its next passenger liner to another Scottish builder, Caird & Co of Greenock.

Il Marama of 1907 reverted to conventional reciprocating steam engines and a single funnel.

Technical details: TSS Maheno
Builder: Wm Denny & Bros, Dumbarton, Scotland
Tonnage: 5323 gross
Dimensions: 121.9 m long, 15.2 m wide, 6.95 m draft
Top speed: 17 knots
Passengers: 231 first class, 120 second class and 67 third class
Crew: 113

Technical details: SS Marama
Builder: Caird & Co, Greenock, Scotland
Tonnage: 6437 gross
Dimensions: 128 m long, 16.1 m beam and 6.9 m draft
Top speed: 16 knots
Passengers: 270 first class, 120 saloon and 100 (200 max) fore-cabin passengers
Crew: 140


Troopships in the First World War

Alaunia : In 1914 the Alaunia e il Andania , were used as troop ships carrying Canadian troops across the Atlantic. In the summer of 1915 both the ships were involved in the Gallipoli campaign. Later that year the Alaunia carried troops to Bombay. In 1916 the Alaunia struck a mine and sank two miles off the Royal Sovereign Lightship.

Andania : Il Andania was used to transport the Royal Inniskilling Fusiliers and Royal Dublin Fusiliers to Cape Helles for the landings at Suvla. In 1918 she was hit by a torpedo a few miles from Altacarry Light (County Antrim).

Aurania : Il Aurania was completed in 1917. She was employed in the North Atlantic, but after having made only seven trips she was hit by a torpedo 15 miles off Inishtrahull.

Ascania : When the war broke out the Ascania worked on the North Atlantic. On the eastward journeys, the third class areas were occupied by Canadian troops. In 1918 Ascania ran aground off Cape Ray.

Aquitania : Commissioned by the Royal Navy in 1914 the Aquitania first patrolled the Western Approaches but after colliding with a cargo ship it was decided that she was too big to be an armoured merchant cruiser. However she was used in the Gallipoli landings. In the latter part of the war she was employed as a hospital ship.

Campania : Built in 1893, the Campania was originally a record-breaking transatlantic liner. Campania was saved from being scrapped by the outbreak of the war. As most of the other Cunarders were being used by the Admiralty, the Campania was used for passenger trips. Eventually Cunard decided that she was no longer needed and put her up for sale. The Admiralty came to the rescue as they were looking for a ship which could be converted to carry seaplanes. Purpose built planes called Fairy Campanias were built and the ship had room for ten on her decks. Il Campania was now the world's largest aircraft carrier. She was a great success, but unfortunately in November 1918, she sank after dragging her anchors and colliding with first Royal Oak poi Glorioso in the Firth of Forth.

Carmania : Three days after war was declared, Carmania was converted into a armoured merchant cruiser. Both her and her sister ship, the Caronia were armed with 4.7 inch guns. In mid-September 1914 she sunk the German liner Cap Trafalgar . Il Carmania was going to help at Gallipoli but she ran aground on the way and ended up just picking up survivors from three battleships torpedoed in the Dardanelles. Il Carmania was the first Cunard liner to have turbines.

Caronia : Il Caronia was the Carmania's sister-ship and was the first to be turned into an armoured merchant cruiser. On the 19th August 1914 she captured the German ship Odessa carrying a cargo of nitrate. In August 1916 she was repaired and given back to the Cunard Line. Both ships survived the war and in June 1919 the Caronia was returned to Cunard.

Franconia : At the start of the war Franconia continued her regular service from Liverpool to New York. Then in February 1915 she was turned into a troopship and was sent straight to Gallipoli where she took casualties to the safety of the Egyptian port. On the 4th of October 1916, bound for Salonika, she was torpedoed and sank. There were no troops on board and only 12 of the crew were killed.

Laconia : Il Laconia was turned into an armed merchant cruiser in 1914. She was based at Simonstown in the South Atlantic which she patrolled until April 1915. Laconia was then used as a headquarters ship for the operations to capture Tanga and the colony of German East Africa (Tanzania). Four months later she returned to the patrolling of the South Atlantic. Il Laconia was handed back to Cunard in July 1916.

Invernia : Il Invernia was taken over by the Royal Navy and used for troop transport to Canada and the Mediterranean. She was sunk by a torpedo about 60 miles SE of Cape Matapan in Greece while carrying troops. Most of the crew were saved by the Rifleman or trawlers who were accompanying her.

Llandovery Castle : The sinking of this Llandovery Castle is considered one of the worst atrocities of the war. She was employed as a hospital ship and had her cross lights on when she was torpedoed without warning by a German submarine. Only 24 people survived out of the 258 people on board.

Omrah : With the outbreak of war Omrah was requisitioned by the government for troop transport. Work on her was completed in mid-September 1914. She carried troops to Colombo and then 40 prisoners to Egypt before being discharged from service in February 1915. Two years later she was again used for troop transport bringing troops from Australia to England. Then 40 miles SW of Cape Spartivento in Sardinia, she was hit by a torpedo and sank.

Ormonde : Il Ormonde was being built when the First World War started and her completion was delayed because the ship builders were needed by the British Navy. In early 1917 there was a great need for troop ships and work started again on the Ormonde . She was completed in November and taken over by the Navy. After a short service she was returned to P&O in 1919.

Orontes : Il Orontes was taken over by the government in 1916 as a troop ship and held this job until the end of the war. In the year after the war she was used to take Australian and South African troops home from England.

Orsova : Requisitioned as a troop ship in April 1915, Orsova carried Australian reinforcements to Egypt and Europe. In March she was hit by a torpedo in the English channel, luckily her captain was able to beach her at Plymouth. After a long wait she was repaired and was used to carry troops over from America. Il Orsova was transferred to the Australian route for the last three months of the war.

Otranto : On the 1st August 1914 the Otranto was requested to become hospital ship but in the end became an armed merchant cruiser. On the 31st October 1914 she confronted Admiral von Spee's powerful fleet of German cruisers and two of the three ships with her, Good Hope e il Monmouth , sank but luckily she and the Glasgow escaped. She was then used for troop transport between Liverpool to New York. In October 1918 the Otranto was heading for Scotland with her convoy when she collided with the Kashmir . Some of the people on board were rescued by the Mounsey but she then ran aground and broke in half. Only a hand full of men survived out of the 400 which were still onboard. This was one of the worst misfortunes in the last few weeks of the war.


FIRST WORLD WAR SHIPS - History


This page is part of my web pages concerning the picture postcards of WW I troopships. This page describes the troopships themselves and a bit about their history.

I have a copy of a book entitled A History of the Transport Service by Vice Admiral Albert Gleaves, U.S.N. It was published in 1921 and describes the incredible effort needed to transport millions of American troops both over to France and back home again. Several tables and illustrations from the book are available from my web account, by following the links on this page. This information may help if you are looking for a particular ship or wish to see the statistics behind this major war effort.

Note that this book's contents are available online: Online copy of A History of the Transport Service by Vice Admiral Albert Gleaves, U.S.N. You can download your own copy and learn more about this fascinating history, and the ships and men that were part of it.

Passenger Lists

Ancestry.com offers a search engine that may help connect a particular service person with a troopship.

Listings of Ships

The following images were scanned from the book mentioned above. These pages list the ships used to take troops over to France. These ships also took part in the return of the troops. Any of the German ships listed here were seized by the U.S. after it's entrance into the War in 1917. (Note that other German ships were used to return troops, but those ships were given to the U.S. as part of the post-War reparations.) Each line is formatted thus: NAME of SHIP [tonnage], Ship Origin, 'Turns:', Number of Turnarounds, 'Px:', Total Passengers Carried to Europe, Date this ship started to carry troops (Month, Day-Year as '17' or '18' for 1917 or 1918).

Aeolus [22000], Ex-German, Turns: 8, Px: 24770, Aug. 4-17

Agamemnon [30000], Ex-German, Turns: 10, Px: 36097, Aug. 21-17

America [41500], Ex-German, Turns: 9, Px: 39768, Aug. 6-17

Antigone [15000], Ex-German, Turns: 8, Px: 16526, Sep. 5-17

Calamares [10000], Am-Passenger, Turns: 5, Px: 7657, Apr. 9-18

Covington [41500], Ex-German, Turns: 6, Px: 21628, Jul. 28-17

De Kalb (Aux. Cruiser) [14280], Ex-German, Turns: 11, Px: 11334, May 12-17

Finland [22000], Am-Passenger, Turns: 5, Px: 12654, Apr. 26-18

Geo. Washington [George Washington] [39435], Ex-German, Turns: 9, Px: 48373, Sep. 6-17

Great Northern [14000], Am-Passenger, Turns: 10, Px: 28248, Nov. 1-17

Hancock [10000], Marine Transport, Turns: 2, Px: 1438, ---

Harrisburg [15000], Am-Passenger, Turns: 4, Px: 9855, May 29-18

Henderson [10000], Marine Transport, Turns: 10, Px: 16352, May 24-17

Huron [15000], Ex-German, Turns: 8, Px: 20871, Jul. 25-17

K. der Nederlanden [Koningin der Nederlanden] [13600], Dutch Chartered, Turns: 3, Px: 6283, Apr. 4-18

Kroonland [22000], Am-Passenger, Turns: 5, Px: 14125, Apr. 25-18

Lenape [7000], Am-Passenger, Turns: 6, Px: 8975, Apr. 24-17

Leviathan [69000], Ex-German, Turns: 10, Px: 96804, Jul. 25-17

Louisville [14000], Am-Passenger, Turns: 4, Px: 9247, Apr. 27-18

Madawaska [15000], Ex-German, Turns: 9, Px: 17931, Aug. 27-17

H. R. Mallory [11000], Am-Passenger, Turns: 6, Px: 9756, Apr. 17-18

Manchuria [26500], Am-Passenger, Turns: 4, Px: 14491, Apr. 25-18

Martha Washington [14500], Ex-German, Turns: 8, Px: 22311, Jan. 2-18

Matsonia [17000], Am-Passenger, Turns: 6, Px: 13329, Mar. 1-18

Maui [17500], Am-Passenger, Turns: 4, Px: 11042, Mar. 6-18

Mercury [16000], Ex-German, Turns: 7, Px: 18542, Aug. 3-17

Mongolia [26695], Am-Passenger, Turns: 5, Px: 19013, May 8-18

Mount Vernon [32130], Ex-German, Turns: 9, Px: 33692, Jul. 28-17

Northern Pacific [12500], Am-Passenger, Turns: 9, Px: 20711, Nov. 1-17

Orizaba [13000], Am-Passenger, Turns: 6, Px: 15712, May 27-18

Pastores [13000], Am-Passenger, Turns: 6, Px: 9928, May 6-18

Plattsburg [10000], Am-Passenger, Turns: 4, Px: 8776, May 25-18

Pocahontas [14500], Ex-German, Turns: 9, Px: 20503, Jul. 25-17

Powhatan [17000], Ex-German, Turns: 7, Px: 14613, Aug. 16-17

Pres. Grant [President Grant] [33000], Ex-German, Turns: 8, Px: 39974, Aug. 2-17

Pres. Lincoln [President Lincoln] [29000], Ex-German, Turns: 5, Px: 20143, Jul. 25-17

Princess Matoika [17500], Ex-German, Turns: 6, Px: 21216, May 27-18

Rijndam [22070], Dutch Chartered, Turns: 6, Px: 17913, May 1-18

Siboney [11250], Am-Passenger, Turns: 7, Px: 20219, Apr. 8-18

Sierra [10000], Am-Passenger, Turns: 1, Px: 1712, Jul. 1-18

Susquehanna [16950], Ex-German, Turns: 8, Px: 18345, Sep. 5-17

Tenadores [10000], Am-Passenger, Turns: 13, Px: 15698, Apr. 17-18

Von Steuben [22000], Ex-German, Turns: 9, Px: 14347, Jun. 9-17

Wilhelmina [13500], Am-Passenger, Turns: 6, Px: 11053, Jan. 26-18

Zeelandia [12950], Dutch Chartered, Turns: 5, Px: 8349, Apr. 3-18

The same table as above, but sorted by the number of troops handled. This information may be of use to collectors, since there may be a relationship between the number of troops, and the number of possible postcards and letters purchased and/or mailed from these ships. Some of these ships carried very, very few passengers during the War.

Leviathan [69000], Ex-German, Turns: 10, Px: 96804, Jul. 25-17

Geo. Washington [George Washington] [39435], Ex-German, Turns: 9, Px: 48373, Sep. 6-17

Pres. Grant [President Grant] [33000], Ex-German, Turns: 8, Px: 39974, Aug. 2-17

America [41500], Ex-German, Turns: 9, Px: 39768, Aug. 6-17

Agamemnon [30000], Ex-German, Turns: 10, Px: 36097, Aug. 21-17

Mount Vernon [32130], Ex-German, Turns: 9, Px: 33692, Jul. 28-17

Great Northern [14000], Am-Passenger, Turns: 10, Px: 28248, Nov. 1-17

Aeolus [22000], Ex-German, Turns: 8, Px: 24770, Aug. 4-17

Martha Washington [14500], Ex-German, Turns: 8, Px: 22311, Jan. 2-18

Covington [41500], Ex-German, Turns: 6, Px: 21628, Jul. 28-17

Princess Matoika [17500], Ex-German, Turns: 6, Px: 21216, May 27-18

Huron [15000], Ex-German, Turns: 8, Px: 20871, Jul. 25-17

Northern Pacific [12500], Am-Passenger, Turns: 9, Px: 20711, Nov. 1-17

Pocahontas [14500], Ex-German, Turns: 9, Px: 20503, Jul. 25-17

Siboney [11250], Am-Passenger, Turns: 7, Px: 20219, Apr. 8-18

Pres. Lincoln [President Lincoln] [29000], Ex-German, Turns: 5, Px: 20143, Jul. 25-17

Mongolia [26695], Am-Passenger, Turns: 5, Px: 19013, May 8-18

Mercury [16000], Ex-German, Turns: 7, Px: 18542, Aug. 3-17

Susquehanna [16950], Ex-German, Turns: 8, Px: 18345, Sep. 5-17

Madawaska [15000], Ex-German, Turns: 9, Px: 17931, Aug. 27-17

Rijndam [22070], Dutch Chartered, Turns: 6, Px: 17913, May 1-18

Antigone [15000], Ex-German, Turns: 8, Px: 16526, Sep. 5-17

Henderson [10000], Marine Transport, Turns: 10, Px: 16352, May 24-17

Orizaba [13000], Am-Passenger, Turns: 6, Px: 15712, May 27-18

Tenadores [10000], Am-Passenger, Turns: 13, Px: 15698, Apr. 17-18

Powhatan [17000], Ex-German, Turns: 7, Px: 14613, Aug. 16-17

Manchuria [26500], Am-Passenger, Turns: 4, Px: 14491, Apr. 25-18

Von Steuben [22000], Ex-German, Turns: 9, Px: 14347, Jun. 9-17

Kroonland [22000], Am-Passenger, Turns: 5, Px: 14125, Apr. 25-18

Matsonia [17000], Am-Passenger, Turns: 6, Px: 13329, Mar. 1-18

Finland [22000], Am-Passenger, Turns: 5, Px: 12654, Apr. 26-18

De Kalb (Aux. Cruiser) [14280], Ex-German, Turns: 11, Px: 11334, May 12-17

Wilhelmina [13500], Am-Passenger, Turns: 6, Px: 11053, Jan. 26-18

Maui [17500], Am-Passenger, Turns: 4, Px: 11042, Mar. 6-18

Pastores [13000], Am-Passenger, Turns: 6, Px: 9928, May 6-18

Harrisburg [15000], Am-Passenger, Turns: 4, Px: 9855, May 29-18

H. R. Mallory [11000], Am-Passenger, Turns: 6, Px: 9756, Apr. 17-18

Louisville [14000], Am-Passenger, Turns: 4, Px: 9247, Apr. 27-18

Lenape [7000], Am-Passenger, Turns: 6, Px: 8975, Apr. 24-17

Plattsburg [10000], Am-Passenger, Turns: 4, Px: 8776, May 25-18

Zeelandia [12950], Dutch Chartered, Turns: 5, Px: 8349, Apr. 3-18

Calamares [10000], Am-Passenger, Turns: 5, Px: 7657, Apr. 9-18

K. der Nederlanden [Koningin der Nederlanden] [13600], Dutch Chartered, Turns: 3, Px: 6283, Apr. 4-18

Sierra [10000], Am-Passenger, Turns: 1, Px: 1712, Jul. 1-18

Hancock [10000], Marine Transport, Turns: 2, Px: 1438, ---

Seized German Liners

A number of German ocean liners were interned by the U.S. at the start of the European war (1914). They were seized when the U.S. entered the war (1917) and converted to troopships as quickly as possible, since the U.S. did not have sufficient capacity to carry troops. The ships were renamed from their German names, when appropriate. The listings are headed by the city in which they were interned. Each line lists the ship name, with the [original German ship name] and the (tonnage) of the ship.

Aeolus [Grosser Kurfurst] (13102)

Agamemnon [Kaiser Wilhelm II] (19361)

Geo. Washington [George Washington] (19361)

Huron [Frederich der Grosse] (10771)

Leviathan [Vaterland] (52820)

Madawaska [Koenig Wilhelm] (9410)

Pocahontas [Prinzess Irene] (10893)

President Grant [President Grant] (33000 (book in error gives 18172))

President Lincoln [President Lincoln] (29000 (book in error gives 18172))

Covington [Cincinnati] (16339)

Mount Vernon [Kronprinzessin Cecile] (19503)

Von Steuben [Kronprinz Wilhelm ] (14008)

The following tables show the names of the ships, both the original German and U. S. renaming. NOTE that this table does not show German ships taken as post-War reparations.

Ex-German (Early) Troopship Names

George Washington (George Washington)

Frederich der Grosse (Huron)

Kaiser Wilhelm II (Agamemnon)

Kronprinz Wilhelm (Von Steuben)

Kronprinzessin Cecile (Mount Vernon)

President Grant (President Grant)

President Lincoln (President Lincoln)

Prinzess Irene (Pocahontas)

The same table, but sorted by the U.S. ship name:

Kaiser Wilhelm II (Agamemnon)

George Washington (George Washington)

Frederich der Grosse (Huron)

Kronprinzessin Cecile (Mount Vernon)

Prinzess Irene (Pocahontas)

President Grant (President Grant)

President Lincoln (President Lincoln)

Kronprinz Wilhelm (Von Steuben)

Foreign Ships

A number of foreign ships were also used to move U.S. troops and personnel to and from France.

Duca Degli Abruzzi (Italian)

Ships Used for Troop Returning Only

These lists are long, so they have been moved to their own web page. See: ships used to return American troops after the First World War.

Some images are available of these ships. The Naval Historical Center maintains information on all known ships used by, or part of, the U. S. Navy. Follow the above link, and use their "search" feature to find images of such ships as: Santa Olivia, Pannonia , e Kentuckian.


Oars and sails

The earliest historical evidence of boats is found in Egypt during the 4th millennium bce . A culture nearly completely riparian, Egypt was narrowly aligned along the Nile, totally supported by it, and served by transport on its uninterruptedly navigable surface below the First Cataract (at modern-day Aswān). There are representations of Egyptian boats used to carry obelisks on the Nile from Upper Egypt that were as long as 300 feet (100 metres), longer than any warship constructed in the era of wooden ships.

The Egyptian boats commonly featured sails as well as oars. Because they were confined to the Nile and depended on winds in a narrow channel, recourse to rowing was essential. This became true of most navigation when the Egyptians began to venture out onto the shallow waters of the Mediterranean and Red seas. Most early Nile boats had a single square sail as well as one level, or row, of oarsmen. Quickly, several levels came into use, as it was difficult to maneuver very elongated boats in the open sea. The later Roman two-level bireme and three-level trireme were most common, but sometimes more than a dozen banks of oars were used to propel the largest boats.

Navigation on the sea began among Egyptians as early as the 3rd millennium bce . Voyages to Crete were among the earliest, followed by voyages guided by landmark navigation to Phoenicia and, later, using the early canal that tied the Nile to the Red Sea, by trading journeys sailing down the eastern coast of Africa. According to the 5th-century- bce Greek historian Herodotus, the king of Egypt about 600 bce dispatched a fleet from a Red Sea port that returned to Egypt via the Mediterranean after a journey of more than two years. Cretan and Phoenician voyagers gave greater attention to the specialization of ships for trade.

The basic functions of the warship and cargo ship determined their design. Because fighting ships required speed, adequate space for substantial numbers of fighting men, and the ability to maneuver at any time in any direction, long, narrow rowed ships became the standard for naval warfare. In contrast, because trading ships sought to carry as much tonnage of goods as possible with as small a crew as practicable, the trading vessel became as round a ship as might navigate with facility. The trading vessel required increased freeboard (height between the waterline and upper deck level), as the swell in the larger seas could fairly easily swamp the low-sided galleys propelled by oarsmen. As rowed galleys became higher-sided and featured additional banks of oarsmen, it was discovered that the height of ships caused new problems. Long oars were awkward and quickly lost the force of their sweep. Thus, once kings and traders began to perceive the need for specialized ships, ship design became an important undertaking.


Conseguenze

Each of the defeated nations signed a treaty with the Allies, most significantly the Treaty of Versailles which was signed with Germany, and which has been blamed for causing further disruption ever since. There was devastation across Europe: 59 million troops had been mobilized, over 8 million died and over 29 million were injured. Huge quantities of capital had been passed to the now emergent United States and the culture of every European nation was deeply affected and the struggle became known as The Great War or The War to End All Wars.


Guarda il video: МнацаканянTime: Азербайджан в Нюрнберг никто не поведет (Potrebbe 2022).