Inoltre

Michel Foucault

Michel Foucault

Michel Foucault è nato a Poitiers, in Francia, il 15 ottobre 1926. Dagli anni '70, Foucault è stato molto attivo politicamente. Era un fondatore del 'Groupe d'information sur les prisons ' e spesso ha protestato per conto di omosessuali e altri gruppi emarginati. Vittima dell'AIDS, Foucault morì a Parigi il 25 giugno 1984. Oltre alle opere pubblicate durante la sua vita, le sue lezioni al Collège de France, pubblicate postume, contengono importanti spiegazioni ed estensioni delle sue idee.

Il primo grande lavoro di Foucault fu: 'La storia della follia nell'età classica (1961). Questo libro è nato dallo studio accademico di psicologia di Foucault e dal suo lavoro in un ospedale psichiatrico parigino. Uno studio sull'emergere del moderno concetto di "malattia mentale" in Europa "La storia della follia è formato sia dal vasto lavoro archivistico di Foucault sia dalla sua intensa rabbia per quella che vedeva come l'ipocrisia morale della psichiatria moderna.

Secondo Foucault, la nuova idea che i matti fossero semplicemente malati ("mentalmente" malati) e bisognosi di cure mediche non rappresentava affatto un chiaro miglioramento delle concezioni precedenti (ad esempio, l'idea rinascimentale secondo cui i matti erano in contatto con il misterioso forze della tragedia cosmica o C17esimo-C18esimo vista della follia come una rinuncia alla ragione).

Inoltre, ha sostenuto che la presunta neutralità scientifica dei moderni trattamenti medici della follia è in realtà una copertura per il controllo delle sfide a una moralità borghese convenzionale. In breve, Foucault sosteneva che quella che era stata presentata come una scoperta scientifica obiettiva, incontrovertibile (che la follia è una malattia mentale) era in realtà il prodotto di eminentemente discutibili impegni sociali ed etici.

"Disciplina e punisci" (1975) Foucault studiò lo sviluppo del modo più "moderno" di imprigionare i criminali piuttosto che torturarli o ucciderli.

Pur riconoscendo l'elemento della riforma autenticamente illuminata, Foucault sottolinea in particolare come tale riforma diventi anche un veicolo di controllo più efficace: “punire meno, forse; ma certamente per punire meglio ”.

Sostiene inoltre che la nuova modalità di punizione diventa il modello per il controllo di un'intera società, con fabbriche, ospedali e scuole modellate sulla prigione moderna.

In larga misura, il controllo sulle persone (potere) può essere ottenuto semplicemente osservandole. Quindi, ad esempio, la fila di sedili a più livelli in uno stadio non solo consente agli spettatori di vedere facilmente ma anche alle guardie o alle telecamere di sicurezza di scansionare il pubblico.

L'esame (ad esempio, degli studenti nelle scuole, dei pazienti negli ospedali) è un metodo di controllo che combina l'osservazione gerarchica con il giudizio normalizzante.

È un primo esempio di ciò che Foucault chiama potere / conoscenza, poiché si combina in un tutto unificato "lo spiegamento della forza e la creazione della verità".

Richiama entrambi la verità su coloro che si sottopongono all'esame (racconta ciò che sanno o qual è lo stato della loro salute) e controlla il loro comportamento (costringendoli a studiare o indirizzandoli a un corso di trattamento).

Il Panopticon di Bentham è, per Foucault, un modello architettonico ideale di moderno potere disciplinare. È un progetto per una prigione, costruito in modo tale che ogni detenuto sia separato e invisibile a tutti gli altri (in “celle” separate) e ogni detenuto sia sempre visibile a un monitor situato in una torre centrale.

I monitor infatti non vedranno sempre ogni detenuto; il punto è che loro poteva in ogni momento. Poiché i detenuti non sanno mai se vengono osservati, devono agire come se fossero sempre oggetti di osservazione.

Di conseguenza, il controllo è ottenuto più dal monitoraggio interno di quelli controllati che da forti vincoli fisici.

Per gentile concessione di Lee Bryant, direttore della sesta forma, scuola anglo-europea, Ingatestone, Essex


Guarda il video: PHILOSOPHY - Michel Foucault (Gennaio 2022).