Popoli, Nazioni, Eventi

L'inverno nucleare

L'inverno nucleare


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Una delle vere paure degli ultimi anni della Guerra Fredda fu l'impatto di un "Inverno nucleare" sull'umanità. L'intero concetto di "inverno nucleare" divenne evidente solo negli anni '80 e ebbe i suoi sostenitori e i suoi detrattori. Tuttavia, per un breve periodo l'intera idea di un inverno nucleare ha catturato l'immaginazione pubblica a tal punto che la BBC ha prodotto un programma televisivo basato su un attacco nucleare sulla città di Sheffield e su ciò che è accaduto nell'area intorno alla città una volta l'inverno era iniziato.

Nel 1985, la potenza esplosiva totale di tutte le armi nucleari detenute dai paesi era stimata tra 12.000 e 20.000 megatoni. I superpoteri degli Stati Uniti e dell'URSS hanno tenuto segreta la loro effettiva forza nucleare, ma vari organismi come l'Istituto internazionale di studi strategici hanno concluso che la scorta mondiale di bombe nucleari era compresa tra 12k e 20k megatoni. Per dare un'idea di ciò che queste figure rappresentano, il potere esplosivo di "Little Boy" - che devastò la città di Hiroshima nell'agosto del 1945 - fu sminuito dalle armi nucleari. Una bomba da un megatone avrebbe prodotto il potere esplosivo di 80 bombe "Little Boy". Pertanto 12 mila megatoni sarebbero stati l'equivalente di 960.000 bombe "Little Boy" e 20 mila megatoni sarebbero stati 1.600.000. Alcuni scienziati credevano che solo una frazione di queste bombe avrebbe sollevato abbastanza polvere e detriti dopo un'esplosione che avrebbe bloccato la luce del sole. La cifra stimata era che a 10 miglia sopra la superficie terrestre, il 74% della luce del Sole sarebbe stato bloccato.

Nel 1983, una conferenza sulla questione di una guerra nucleare fu organizzata da scienziati americani. La conferenza era intitolata "Le conseguenze mondiali a lungo termine della guerra nucleare". Concluse che una guerra nucleare avrebbe comportato l'uso di 5.000 megatoni di bombe nucleari. Queste bombe produrrebbero 225 milioni di tonnellate di fumo da sole. L'oscurità creata da queste esplosioni sarebbe durata per settimane e persino mesi. Senza i raggi del Sole che penetrano attraverso la superficie terrestre, le temperature giornaliere lontano dalla costa scenderebbero da -15 a -25 gradi Celsius. Questo è stato l '"inverno nucleare"; le colture non crescono; gli animali da allevamento sarebbero morti per avvelenamento da radiazioni come le persone. Le aree in tutto il mondo non colpite dalle effettive esplosioni di bombe sarebbero influenzate dall '"inverno nucleare" poiché i venti porterebbero radiazioni in tutto il mondo. Una volta che la polvere si fosse stabilizzata, i raggi del Sole sarebbero tornati a livello del suolo. Tuttavia, lo strato di ozono sarebbe stato così indebolito che radiazioni ultraviolette molto più elevate avrebbero causato gravi danni al sistema immunitario a quegli umani sopravvissuti.

Gli scienziati della conferenza hanno stimato che solo 8 giorni dopo un attacco nucleare, le temperature del mondo sarebbero crollate anche con l'Africa sub-sahariana e il bacino amazzonico, con temperature diurne che si aggiravano intorno al segno di 0 gradi Celsius. La conferenza si è conclusa con la seguente conclusione:

“All'indomani di uno scambio nucleare di 5.000 tonnellate, i sopravvissuti avrebbero dovuto affrontare freddo estremo, scarsità d'acqua, mancanza di cibo e carburante, pesanti carichi di radiazioni e inquinanti, malattie e grave stress psicologico, tutto nel crepuscolo o nell'oscurità. È chiaro che i soli effetti dell'ecosistema derivanti da una guerra termo-nucleare su larga scala sarebbero sufficienti a distruggere la civiltà come la conosciamo almeno nell'emisfero settentrionale. Questi effetti a lungo termine, se combinati con le vittime dirette dell'esplosione, suggeriscono che alla fine potrebbero non esserci sopravvissuti umani nell'emisfero settentrionale. Anche gli esseri umani, altri animali e piante nell'emisfero australe subirebbero profonde conseguenze ".



Commenti:

  1. More

    Penso che ti sbagli. Discutiamone. Scrivimi in PM.

  2. Takree

    Congratulazioni, quali sono le parole giuste ... pensiero meraviglioso

  3. Bearnard

    Tui hai torto. Posso dimostrarlo. Scrivimi in PM, lo gestiremo.

  4. Dulmaran

    la risposta molto preziosa

  5. Frans

    Questo meraviglioso pensiero sarà utile.

  6. Dudley

    Secondo me, questo è pertinente, prenderò parte alla discussione. Insieme possiamo arrivare alla risposta giusta. Sono sicuro.

  7. Kagakree

    Come parafrasare questo?



Scrivi un messaggio