Podcast storici

Elezioni generali GB v USA

Elezioni generali GB v USA

1) Un Primo Ministro britannico può convocare un'elezione in qualsiasi momento nel suo mandato di 5 anni. In teoria, può usare buone notizie economiche, ad esempio, per rafforzare la rappresentanza del suo partito in Parlamento, convocando uno schiocco delle elezioni generali nella speranza che gli elettori vengano spazzati via da tali buone notizie. Si dice che Harold Wilson, primo ministro laburista negli anni '60 -'70, abbia usato questo fattore positivo dopo che l'Inghilterra ha vinto la Coppa del Mondo nel 1966. Il presidente degli Stati Uniti non ha tale flessibilità. La data di ogni elezione nazionale degli Stati Uniti è fissata sulla pietra e il Presidente la prende in considerazione a qualunque notizia ci sia in quel momento, sia essa positiva o negativa. Non può convocare un'elezione, poiché deve aver luogo nella prima settimana di novembre. Le prossime elezioni nazionali statunitensi si terranno il primo martedì di novembre 2008 e non c'è nulla che i repubblicani o G W Bush possano fare al riguardo.

2) Gli Stati Uniti hanno un'elezione ogni 4 anni - il Regno Unito ogni 5 anni al massimo.

3) Il Primo Ministro del Regno Unito può servire un numero qualsiasi di anni. Il Presidente degli Stati Uniti è limitato dalla Costituzione a due mandati di quattro anni - un massimo di 8 anni. Sebbene la Costituzione possa essere modificata, negli ultimi anni non ci sono prove che ci saranno cambiamenti di questo tipo nella Costituzione.

4) Anche se le popolazioni dei due paesi sono divise in proporzioni comparabili, la quantità di denaro speso durante un'elezione nazionale americana sminuisce il denaro speso durante un'elezione generale del Regno Unito. Per le elezioni generali del Regno Unito del 2001, gli esperti politici hanno parlato in termini di decine di milioni spesi in totale da tutte le parti. Nelle elezioni americane del 2004, gli esperti hanno parlato in termini di centinaia di milioni di dollari spesi - forse anche un miliardo di dollari.

5) Uno dei motivi principali di quanto sopra è la differenza di durata delle due campagne. Nel Regno Unito, Tony Blair ha annunciato il 5 aprile la data delle elezioni generali del 2005 - 5 maggio - lasciando solo un mese per la campagna elettorale. In America, la campagna elettorale inizia a gennaio dell'anno delle elezioni con primarie e caucus, lasciando 10 mesi fino alle elezioni effettive.

6) In America, le elezioni nazionali si svolgono tra due candidati: uno repubblicano e uno democratico. (Altri candidati sono validi ma non hanno possibilità di essere eletti) Gli elettori votano per un candidato alla presidenza. Nel Regno Unito esiste un approccio totalmente diverso. C'è un voto per tutti i 646 collegi elettorali (cifra del 2005) e gli elettori probabilmente voteranno per un partito piuttosto che per un candidato.

7) In America, l'opportunità per un voto di protesta esiste a malapena - a meno che tu non ti astenga deliberatamente e lo consideri come un voto di protesta. Il Partito riformista e il Partito verde esistono ma il sistema del collegio elettorale significa che non hanno alcuna possibilità di ottenere alcuna forma di potere. Nel Regno Unito, ci sono molte opportunità di avere un voto di protesta contro il partito permanente / Primo Ministro. L'elezione di Michael Bell come deputato indipendente anticorruzione nel 1997 lo ha dimostrato. Nel 2001 un candidato indipendente vinse la foresta di Wyre come parlamentare dell'ospedale di Kidderminster e parlamentare di preoccupazione per la salute - il suo manifesto si basava principalmente sull'apertura dell'ospedale locale a qualunque costo. Ha ricevuto il sostegno della popolazione locale e divenne deputato di quel collegio elettorale. Il sistema in America non lo consente a livello presidenziale, sebbene ciò avvenga a livello congressuale, soprattutto nelle elezioni di medio termine.

8) Il turnover alle elezioni nazionali (USA) / generali (Regno Unito) è scarso. Sia nel 2001 (Regno Unito) che nel 2004 (Stati Uniti), 1/3 di coloro che avrebbero potuto votare non lo hanno fatto. L'annuncio di un'elezione nel Regno Unito il 5 aprile 2005 è stato descritto in un foglio di lavoro come "la pausa prima della pausa".

9) Il sistema elettorale del Regno Unito si basa sul sistema del primo passato. Tutto ciò di cui ha bisogno il partito vincitore è la maggioranza dei deputati eletti a Westminster per vincere le elezioni generali. Per il 2005, tutto il partito vincitore avrà bisogno di 324 deputati per avere una maggioranza complessiva in Parlamento.

In America, alcuni dicono che ci sono 50 elezioni invece di una sola. Chi vince uno stato, ottiene tutti i voti del collegio elettorale di quello stato e il perdente non ne ottiene nessuno. Una volta che un candidato alla presidenza ottiene la maggioranza dei voti del collegio elettorale, viene dichiarato vincitore anche se alcuni stati devono ancora dichiarare. Nel 2000 Bush vinse con meno voti pubblici ma con la maggioranza dei voti del Collegio elettorale. La stessa stranezza è accaduta nel Regno Unito. Nel 1951, i conservatori vinsero le elezioni generali con 11,62 milioni di voti (compresi i parlamentari liberali e conservatori nazionali) mentre il Partito laburista ottenne 11,63 milioni di voti. Tuttavia, i conservatori hanno vinto 259 seggi a Westminster per i 233 di Labour.

10). Nel Regno Unito un manifesto elettorale è tradizionalmente considerato vincolante. Non è insolito durante il Tempo delle interrogazioni dei Comuni che i deputati dell'opposizione dichiarino: "Nel tuo manifesto hai detto ... perché non è successo?" In America, una piattaforma elettorale (l'equivalente di un manifesto) non è considerata vincolante. È ciò che sarebbe stato dato la perfetta opportunità per farlo.

Post correlati

  • Elezioni americane contro britanniche

    Ci sono molte differenze evidenti tra le elezioni nazionali / generali tenute in America e in Gran Bretagna, ma ci sono anche alcune importanti somiglianze. 1) Un britannico ...

  • Voti per il Partito comunista dal 1922 al 1979

    Il numero di voti vinti dal Partito Comunista tra le elezioni del 1922 e del 1979 dimostrò effettivamente che il Regno Unito non era un fertile ...

  • Il Partito comunista e la politica britannica

    Il Partito Comunista costituì il suo primo candidato alla Camera dei Comuni nel 1922 e fece una campagna per ogni elezione successiva. Paura del comunismo ...


Guarda il video: Johnson vs Corbyn: si chiamano elezioni, ma è il referendum-bis sulla Brexit (Novembre 2021).